REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Panoramica quantitativa di un decennio di casi di intossicazione alimentare nel nord del Brasile

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/biologia-it/intossicazione-alimentare
5/5 - (4 votes)

CONTEÚDO

SILVA, Pâmela do Espírito Santo [1], FECURY, Amanda Alves [2], OLIVEIRA, Euzébio [3], DENDASCK, Carla Viana [4] DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [5]

SILVA, Pâmela do Espírito Santo. Et al. Panoramica quantitativa di un decennio di casi di intossicazione alimentare nel nord del Brasile. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 03, Ed. 09, Vol. 07, pp. 121-128 settembre 2018. Sistema iSSN:2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/biologia-it/intossicazione-alimentare, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/biologia-it/intossicazione-alimentare

RIEPILOGO

Le malattie di origine alimentare (ADS) possono essere definite come quelle causate da agenti esterni che penetrano nell’essere vivente, attraverso acqua o cibo contaminato. Gli alimenti e l’acqua possono essere contaminati da tossine sia nella lavorazione industriale che durante la manipolazione umana. L’obiettivo di questo lavoro era quello di confrontare i dati quattordicenni sull’intossicazione alimentare nella regione settentrionale del paese con i dati nazionali. La ricerca è stata condotta nel database FIOCRUZ Sinitox System, tra il 2000 e il 2013. L’intossicazione alimentare umana si verifica in quantità maggiore nell’area urbana e la fascia d’età con il maggior numero di casi di intossicazione alimentare è stata compresa tra 20 e 29 anni e 30 e 39 anni. Contrariamente a quanto accade in Brasile, nella regione settentrionale il numero di casi collettivi è stato superiore a quelli individuali e la maggior parte dei casi di intossicazione umana si verifica con il genere femminile. Forse se ci fosse un tasso più elevato di servizi igienico-sanitari di base nel paese e se ci fosse uno stimolo maggiore all’insegnamento delle buone pratiche ai produttori e ai gestori di alimenti pronti da mangiare, forse si potrebbe osservare un cambiamento positivo in questo scenario.

Parole chiave: Intossicazione alimentare, Epidemiologia, Servizi igienico-sanitari di base.

INTRODUZIONE

Le malattie di origine alimentare (ADS) possono essere definite come quelle causate da agenti esterni che penetrano nell’essere vivente, attraverso acqua o cibo contaminato. La contaminazione può essere riscontrata da agenti chimici o biologici. Di solito la maggior parte dei casi si verifica con l’ingresso di microrganismi patogeni (patogeni) nel corpo (Epifânio et al., 2015).

La trasmissione di malattie attraverso il cibo può avvenire in tre modi: intossicazione alimentare, che consiste nell’assorbimento di tossine microbiologiche lasciate da batteri e altri agenti patogeni negli alimenti; infezione alimentare, che deriva dall’ingestione dell’agente patogeno insieme al cibo; e la tossina alimentare, dove l’individuo ingerisce il microrganismo e la sua tossina allo stesso tempo (Silva et al., 2013; Mossel; Moreno; Stuijk, 2006).

Gli alimenti e l’acqua possono essere contaminati da tossine sia nella lavorazione industriale che durante la manipolazione umana. Le tossine che causano contaminazione possono essere prodotte da esseri viventi (come batteri, virus e protozoi) o essere agenti chimici. Le particelle virali contenute nelle feci possono causare avvelenamento quando ingerite. La trasmissione fecale-orale si verifica in caso di mancanza di igiene personale o cattiva gestione del cibo. L’intossicazione alimentare da batteri si verifica quando questi microrganismi depositano le loro tossine negli alimenti. L’ingestione di queste tossine, se dannosa, può causare malattie all’ospite attraverso il cibo. I protozoi, così come i batteri, possono produrre sostanze tossiche per l’uomo. La lavorazione sbagliata del cibo può far sì che contenga queste tossine e l’ingestione causa intossicazione (Barreto e Silva, 2006).

L’avvelenamento attraverso agenti chimici può verificarsi attraverso alimenti che hanno tossine, come la manioca (Manihot esculenta) che ha un alto tasso di cianuro nelle foglie. Se viene ingerito nel suo stato naturale, può causare intossicazione grave e letale (Trombini e Leonel, 2014). Il risciacquo sbagliato per la rimozione dei detergenti utilizzati nelle apparecchiature di pulizia che elaborano il cibo può essere una causa di contaminazione di questo alimento, causando intossicazione (Wolf, 2017). Le popolazioni lungo il fiume che hanno un elevato consumo di carne di pesce sono a rischio di intossicazione alimentare da metalli pesanti. Metalli come il mercurio, che può essere presente nei pesci a causa dell’inquinamento ambientale, possono causare disturbi neurologici all’uomo (Junior et al., 2017).

Gli agricoltori e le persone che hanno un contatto diretto con i pesticidi possono subire avvelenamenti. Tali occorrenze sono suddivise in tre categorie: intossicazione acuta, che si verifica quando l’individuo è esposto a questi prodotti per un breve periodo; intossicazione subacuta o sovraacuta, che consiste nell’esporre la persona ad agenti più forti per un breve periodo di tempo; e intossicazione cronica, che è l’esposizione dell’individuo per lungo tempo a un certo tipo di pesticida. In intossicazione acuta può verificarsi la comparsa di mal di testa, nausea, vomito, difficoltà respiratorie, debolezza, crampi addominali, tremori, confusione mentale e convulsioni. L’intossicazione subacuta o sovraacuta può causare mal di testa, debolezza, malessere, mal di stomaco e sonnolenza. L’intossicazione cronica può causare all’individuo la perdita di peso, la debolezza muscolare, la depressione, l’irritabilità, l’insonnia, l’anemia, la dermatite, i cambiamenti ormonali, i problemi immunitari, l’infertilità, le malformazioni congenite, gli aborti, le malattie del fegato e dei reni e le malattie respiratorie (Silva, 2017).

Gli avvelenamenti da additivi alimentari aggiunti intenzionalmente agli alimenti dall’industria si verificano quando l’individuo che ha consumato un particolare prodotto è intollerante alla quantità di additivi aggiunti. Ad esempio, possiamo menzionare il colorante tartranzina usato per dare colore giallo limone a caramelle e caramelle. Se consumato ad alti tassi può causare reazioni allergiche in alcune persone (Barbosa, 2016).

Vi sono diversi modi in cui si può impedire che gli alimenti siano contaminati da microrganismi e quindi che abbia la possibilità di contaminare il consumatore. Le misure di prevenzione più importanti sono la sanificazione delle mani prima e dopo il consumo alimentare; acquistare alimenti naturali solo da un’origine affidabile; cuocere il cibo ben prima del consumo. Per le intossicazioni virali, le misure di prevenzione sono specificamente vaccini e cure per la manipolazione degli alimenti (Ministero della Salute, 2010).

In Brasile, tra il 2000 e il 2015, sono stati registrati 209.240 casi di persone malate di intossicazione alimentare. Nella regione sud-orientale del paese, il 40,2% dei casi si è verificato; nella regione meridionale erano del 34,8%; nella regione nord-orientale 14,8%; e nel Midwest il 6,0%. La regione settentrionale del Brasile ha registrato il 4,3% dei casi, per un totale di circa 8.997 persone con DTA (Brasile, 2015).

gol

Confronta i dati quattordicenni sull’intossicazione alimentare nella regione settentrionale del paese con i dati nazionali.

MATERIALE E METODI

Ricerca svolta nel database fiocruz Sinitox System. I dati regionali (http://sinitox.icict.fiocruz.br/dados-regionais) sono stati raccolti secondo i seguenti passaggi: In Dati intossicazione, è stata scelta la scheda “Dati regionali”. Nel campo “Tutti” anni, nel campo area “Nord” e nel campo “Casi” sono stati selezionati i seguenti. È stato selezionato il pulsante “Applica” e i dati sono stati raccolti all’interno degli articoli “Casi registrati di intossicazione umana da agente tossico”, “Casi registrati di intossicazione umana da agente tossico e centro”, casi registrati di intossicazione umana da agente tossico e circostanza”, “Casi registrati di intossicazione umana da agente tossico e fascia d’età”, “Casi registrati di intossicazione umana da agente tossico e sesso” e “Evolution Cases Toxic Agent and Sex”. I dati nazionali (http://sinitox.icict.fiocruz.br/dados-nacionais) sono stati raccolti secondo le seguenti fasi: In Dati di intossicazione, è stata scelta la scheda “Dati nazionali”. Nel campo “Tutti” anni, nel campo area “Nord” e nel campo “Casi” sono stati selezionati i seguenti. Dopo aver selezionato il pulsante “Applica”, i dati sono stati raccolti all’interno degli stessi elementi descritti nei dati regionali. Il periodo dal 2000 al 2013 è stato utilizzato per compilare i dati. Questa cosa è stata eseguita all’interno dell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office. La ricerca bibliografica è stata condotta in libri e articoli scientifici, nella biblioteca dell’Istituto Federale di Educazione, Scienza e Tecnologia di Amapá, Campus Macapá, situata a: Rodovia BR 210 KM 3, s/n – Bairro Brasil Novo. CAP: 68.909-398, Macapá, Amapá, Brasile.

Risultati

Il grafico 1 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana per luogo di occorrenza. Sia in Brasile che nella regione settentrionale del paese, l’intossicazione alimentare umana si verifica in numero maggiore nell’area urbana.

Grafico 1: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana per luogo di insorgenza.

Il grafico 2 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana nelle due principali capitali del Brasile settentrionale all’anno. A Manaus il maggior numero di casi si è verificato nel 2007. A Belém do Pará, il maggior numero di casi si è verificato nel 2011. In confronto, i tassi di intossicazione alimentare umana nel periodo sono equivalenti tra le due città.

Figura 2: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana in due capitali settentrionali all’anno.

Il grafico 3 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana per classi di età. Sia in Brasile che nella regione settentrionale del paese, la fascia d’età con il maggior numero di casi di intossicazione alimentare umana era compresa tra 20 e 29 anni e 30 e 39 anni.

Figura 3: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana per fascia d’età.

Il grafico 4 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana per circostanza. In Brasile, il numero di singoli casi di intossicazione è superiore al numero di casi collettivi. Nella regione settentrionale si verifica il contrario, con il numero di casi collettivi superiore a quelli individuali.

Figura 4: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana per circostanza.

Il grafico 5 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana per genere. Sia in Brasile che nella regione settentrionale, il maggior numero di casi di intossicazione umana si verifica con il genere femminile.

Figura 5: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana per genere.

Il grafico 6 mostra il numero medio di casi registrati di intossicazione umana per evoluzione. Sia in Brasile che nella regione settentrionale, i dati mostrano un numero maggiore di casi di cura.

Grafico 6: Numero medio di casi registrati di intossicazione alimentare umana per evoluzione.

Discussione

Il più alto tasso di intossicazione alimentare si verifica nelle aree urbane (figura 1). Ciò è probabilmente dovuto al cambiamento delle abitudini alimentari della popolazione e delle migrazioni intraregionali. Ciò è avvenuto con persone che vivono in zone rurali in cerca di lavoro e di una migliore qualità della vita. Un indice di popolazione urbana più elevato può influenzare il tasso di persone con intossicazione alimentare (Magnoni et al, 2016).

I tassi di intossicazione alimentare umana, nel periodo, sono equivalenti tra le due principali città del nord del paese: Belém do Pará e Manaus (figura 2). L’Amazzonia, e in particolare le sue due città più grandi, ha le stesse abitudini alimentari. Forse questa parità si esprime sia nella scelta del cibo che nel tasso di intossicazione (Brasil, 2015a).

Sia in Brasile che nella regione settentrionale del paese, la fascia d’età con il maggior numero di casi di intossicazione alimentare umana era compresa tra 20 e 29 anni e tra i 30 e i 39 anni (figura 3). Questo è probabilmente il caso di queste fasce d’età perché rappresentano la popolazione economicamente attiva del Brasile. I lavoratori tendono a mangiare in luoghi con cibo già pronto, aumentando il rischio e l’intossicazione (Cavalcante et al., 2017; Silva et al., 2017).

In Brasile, il numero di singoli casi di intossicazione è superiore al numero di casi collettivi. Nella regione settentrionale si verifica il contrario, con il numero di casi collettivi superiore a quelli individuali (figura 4). Il maggior numero di casi collettivi nel nord del paese è probabilmente dovuto all’abitudine della popolazione di mangiare fuori casa, aumentando le possibilità di intossicazione (Bezerra et al., 2017). La regione settentrionale ha anche un basso indice igienico-sanitario di base, che sembra influenzare i tassi di intossicazione alimentare nelle popolazioni con queste abitudini (Bezerra et al., 2017a).

Secondo i dati, sia in Brasile che nel nord, il maggior numero di casi di intossicazione umana si verifica con il genere femminile (figura 5). Le donne che sostengono le loro famiglie corrispondono al 37,7% della popolazione brasiliana e hanno una vita media più lunga degli uomini. Essendo economicamente più attivi, probabilmente hanno maggiori possibilità di avvelenamento a causa del mangiare fuori (Magnoni et al.; 2016).

Secondo il grafico, sia in Brasile che nella regione settentrionale, i dati mostrano un maggior numero di casi di cura (figura 6). L’intossicazione alimentare comune è considerata una patologia di basso grado e che molte delle persone colpite da essa non cercano un’unità sanitaria. L’intossicazione di basso grado è probabilmente autotrattata senza un aiuto specializzato ottenendo una cura. Coloro che cercano servizi sanitari hanno lo stesso o più grande successo (Goulart et al., 2016).

CONCLUSIONE

La migrazione delle persone dalle aree rurali alle aree urbane sembra aumentare il numero di casi di intossicazione alimentare in quest’ultima.

Nelle grandi città del nord del Brasile, la popolazione ha l’abitudine di mangiare fuori casa, consumando cibo già pronto. Il basso indice di salute associato alle abitudini alimentari della popolazione economicamente attiva, in particolare delle donne, rende il numero di intossicazioni collettive in questa regione superiore alla quantità di intossicazione nel paese.

Nonostante i tassi di intossicazione, il basso grado di virulenza della maggior parte di loro promuove un alto grado di cura. Forse, se nel paese vi fosse un tasso più elevato di servizi igienico-sanitari di base e se vi fosse un maggiore stimolo all’insegnamento delle buone pratiche ai produttori e ai gestori di alimenti pronti da mangiare, si potrebbe osservare un cambiamento positivo in questo scenario.

RIFERIMENTI

BARRETO, J. R.; SILVA, L. R. Intoxicações alimentares. In: Luciana Rodrigues; Dilton Rodrigues Mendonça; Dulce Emília Queiroz Moreira. (Org). Pronto-atendimento em pediatria. 2ed. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan Ltda, 2006, v. 1, p. 709-726.

BEZERRA, I.N.; MOREIRA, T.M.V.; CAVALCANTE, J.B.; SOUZA, A.M.; SICHIER, R. Consumo de alimentos fora do lar no Brasil segundo locais de aquisição. Rev Saúde Pública, v.51, n.15, 2017.

BEZERRA, T.A.; OLINDA, R.A.; PEDRAZA, D.F. Insegurança alimentar no Brasil segundo diferentes cenários sociodemográficos Ciência & Saúde Coletiva, v.22, n. 2, p. 637-651, 2017a.

BRASIL. Ministério da Saúde. Secretaria de vigilância em saúde. Doenças transmitidas por alimentos. 2015 Disponível em < http://portalarquivos.saude.gov.br/images/pdf/2015/novembro/09/Apresenta—-o-dados-gerais-DTA-2015.pdf>. Acesso em 29 de setembro de 2017.

BRASIL. Ministério da Saúde. Secretaria de vigilância em saúde. A Amazônia e a comida de verdade. 2015a Disponível em < http://www4.planalto.gov.br/consea/comunicacao/artigos/2015/a-amazonia-e-a-comida-de-verdade>. Acesso em 29 de setembro de 2017.

CAVALCANTE, J.B.; MOREIRA; T.M.V.; MOTA,C.C.; PONTES, C.R.; BEZERRA, I.N. Ingestão de energia e nutrientes segundo consumo de alimentos fora do lar na Região Nordeste: uma análise do Inquérito Nacional de Alimentação 2008-2009. Rev Bras Epidemiol 20(1): 115-123, 2017.

EPIFÂNIO, I.S., SANTOS, C.V.B.B., LIMA, M.L.S., VICENTE, M.J.M., BRANDESPIM, D.F. Diagnóstico de risco relacionado a doenças transmitidas por alimentos no programa de saúde da família (PSF). Ciênc. vet. tróp., v.18, n 3, 2015.

GOULART, A. E. R.; LACERDA, I. C. A.; DIAS, R. S. Potencial risco de intoxicação alimentar por Staphylococcus spp. enterotoxigênicos isolados de bolos com cobertura e recheio. Periódico Cientifico do Núcleo de Biociências. Centro Universitário Metodista Izabela Hendrix., v.06, n.11, 2016.

JUNIOR, J.M.F.C.; LIMA, A.A.S. JUNIOR, D.R.; KHOURY, E.D.T.; Givago da Silva SOUZA, G.S.; Luiz Carlos de Lima SILVEIRA, L.C.L.S.; PINHEIRO, M.C.N. Manifestações emocionais e motoras de ribeirinhos expostos ao mercúrio na Amazônia. Rev bras Epidemiol. 20(2): 212-224, 2017.

MINISTÉRIO DA SAÚDE. Manual Integrado de Vigilância, Prevenção e Controle de Doenças Transmitidas por alimentos. Série A. Normas e Manuais Técnicos. Brasília – DF: MS, 2010. 160 p.

MAGNONI, D.; TARDIOLI, M.; ZAGATO, M.; MIYAGI, M.; TAKAYAMA, P.; MOURA, S.; KOVACS, C.; CAMELO, V.; BARBOSA, M.; CUKIER, C. Segurança alimentar e informação nutricional podem reduzir a intoxicação alimentar na alimentação fora do lar. Rev Bras Nutr Clin 2016; 31 (2): 91-6.

MOSSEL, D. A. A.; MORENO, B; STUIJK, C. B. Microbiologia de los Alimentos, 2 ed. Acríbia, 703p., 2006.

SILVA, E.P.; SILVA, G.M.; NORBERG, A.N., OLIVEIRA, J,T.M., SANTA HELENA, A.A. , SANCHES, F.G., SERRA-FREIRE, M.M. Análise Qualitativa e Quantitativa de Produtos de Confeitarias Comercializados na Região da Baixada Fluminense, Estado Do Rio de Janeiro, Brasil, Quanto à Poluição Por Staphylococcus aureus. Revista Saúde Física & Mental- UNIABEU v.3 n.2 , 2013.

SILVA, J.H., GIANSANTE, S., SILVA, R.C.R., SILVA, G.B., SILVA, L.B., PINHEIRO, L.C.B. Perfil epidemiológico dos acidentes com animais peçonhentos em Tangará da Serra-MT, Brasil (2007-2016). Journal Health NPEPS. , n.2, p.5-15, 2017.

TROMBINI, F. R. M.; LEONEL, M.; Composição físico-química e propriedades tecnológicas da farinha de folhas de mandioca. Energ. Agric., Botucatu, vol. 29, n.1, p.76-81, 2014.

WOLF, C. Estudo de caso da higiene (limpeza e desinfecção) em matadouro-frigorífico de bovinos, suínos e ovinos, 2017. 30f. Monografia (Especialização em Produção, Tecnologia e Higiene em Alimentos de Origem Animal) – Faculdade de Veterinária/UFRGS, Porto Alegre, Rio Grande do Sul.

[1] Studente delle superiori. Corso tecnico in food Federal Institute of Basic Education, Technical and Technological Amapa (IFAP).

[2] Biomedica. Dottorato di ricerca in Malattie Tropicali. Ricercatore presso l’Università Statale di Amapa (UNIFAP).

[3] Biologo. Dottore in malattie tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA).

[4] Theologian. Dottorato di ricerca in Psicanalise Clinica. Ricercatore presso il Centro di Ricerca e Studi Avanzati, Sào Paulo, SP.

[5] Biologo. Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento. Ricercatore presso l’Istituto Federale di Insegnamento Di Base, Tecnico e Tecnologico dell’Amapa (IFAP).

5/5 - (4 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 65680
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?