Un approccio di contingenza come una strategia di business per il modello di open innovation

0
444
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

FONTÃO, Henio [1], LOPES, Eloisa de Moura [2]

FONTÃO, Henio; LOPES, Eloisa de Moura. Un approccio di contingenza come una strategia di business per il modello di open innovation. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. Vol 05, 01, pp. 68-76, maggio 2018. ISSN:2448-0959

Riepilogo

L'obiettivo di questa ricerca era di analizzare l'influenza di correlazione di determinati fattori riguardanti il profilo tecnologico delle aziende innovative sul ritorno del capitale investito nell'innovazione. Il metodo statistico inferenziale, mediante tecniche di disegno degli esperimenti, da una struttura fattoriale dei dati sbilanciati. Il campione di indagine era 70 aziende innovative. In generale, i risultati hanno mostrato che alcuni vincoli portano le aziende a massimizzare i tuoi risultati con l'innovazione. Ad esempio, quando le aziende studiate adottano sistemi di innovazione aperta allo stesso tempo, deve mantenere un rigido controllo delle scadenze e dei bilanci di nuovi progetti di innovazione. Tuttavia, d'altra parte, se le aziende non si adottano sistemi di innovazione aperta, quindi almeno dovrebbe fare una ricerca sistematica per sviluppo di nuovi prodotti.

Parole chiave: Profilo tecnologico, ritorno sul capitale investito in innovazione, disegno degli esperimenti, l'innovazione aperta.

1. Introduzione

Come condizione per la formulazione della strategia, Mintzberg, Ahlstrand e Lampel (2000) descrivono l'approccio contingenza per che l'amministrazione si riferisce alla necessità di compatibilizarem la società loro risorse, esperienza, capacità e competenze opportunità e le minacce dell'ambiente esterno. Nello scenario esterno, tra altri fattori, ha influenza sulle organizzazioni, tecnologia. In questo senso, è importante che le aziende incontrano e godono del tuo profilo tecnologico, e dal punto di vista della tecnologia, profilo tecnologico è relativo alle competenze che l'azienda acquisisce per gestire strategicamente l'innovazione tecnologica ( Santi; DOZ; WILLIAMSON, 2004; TIDD, 107 AZIENDE FAMILIARI CINESE, PAVITT, 2008; LEE, 2011).

L'essenza dell'innovazione è nella tua compatibilità tecnologica, tecnica, norme sociali ed economiche di accettazione del mercato e viceversa. Le organizzazioni che possono gestire queste condizioni, tendono a dominare i modelli di business che influenzano il comportamento del mercato (ANDERSON; TUSHMAN, 1990).

Per la vostra natura, i processi di innovazione sono contingenti, con alto livello di imprevedibilità e incertezza circa le prestazioni, accettazione e ritorno. D'altra parte, la capitalizzazione della conoscenza ed esperienza dà un cumulativo innovazione ed evoluzione. Queste disomogeneità nel comportamento dell'innovazione causano importanti domande circa la velocità e i costi della vostra generazione, ma anche incoraggiare la sistematizzazione e la gestione dei propri processi come mezzo di dominio tecnologico. Per Dosi (1991), queste strategie di innovazione conferiscono capacità di aziende di espandere il tasso di innovazione e, di conseguenza, il dominio tecnologico (DOSI, 1991).

Nonostante la complessità e la difficoltà nella gestione dell'innovazione tecnologica, l'approccio di emergenza sul profilo tecnologico dell'impresa dovrebbe essere adottata come una strategia aziendale per la compatibilità dell'innovazione desiderata (LEE, 2011).

In questa ricerca, è considerato come un requisito primario per un'azienda di valutare il tuo profilo di tecnologia, trasformandolo in una forza interna per l'accesso alle fonti esterne di conoscenza e innovazione, uno strumento sviluppato dalla compilazione del 80 variabili indipendenti, che sono state adattate dall'elenco-audit dell'innovazione-da Tidd, 107 cinese imprese familiari e Pavitt (2008).

Variabili di esempio di questa ricerca sono stati:

  • il clima di sostegno a nuove idee;
  • ricerca sistematica di idee per nuovi prodotti;
  • Aprire l'innovazione;
  • controllo delle scadenze e dei budget di nuovi progetti di innovazione;
  • intelligenza competitiva.

Al fine di istituire un sistema inferenziale per la ricerca, si presenta come la variabile dipendente – il ritorno del capitale investito nell'innovazione – come suggeriscono Davila, Esptein e Shelton (2006). In questo caso, l'ipotesi è che alcuni profilo tecnologico relative variabili influenzano in modo significativo circa il ritorno del capitale investito nell'innovazione. Pertanto, l'obiettivo di questa ricerca era di analizzare l'influenza di correlazione di determinati fattori riguardanti il profilo tecnologico delle aziende innovative sul ritorno del capitale investito nell'innovazione.

Il metodo di statistico inferenziale, mediante tecniche di disegno degli esperimenti, dove le "osservazioni" programmate rappresentato gli "esperimenti". Montgomery (2004) dichiara che la progettazione di esperimenti è efficace per le imprese di ricerca. Altri autori, come: Lee (2011); Starkey, Aughton e Brewin (1997); Fontao e Lee (2010); Olanda e Cravens (1973); FERRINI e Scarpa (2007); Fontão (2008) già utilizzare il disegno di esperimenti sulla ricerca dei settori sistematicamente della gestione aziendale.

2. Basi teoriche:

2.1 profilo tecnologico, come una strategia per l'accesso all'innovazione

Una delle maggiori sfide per i gestori nella formulazione di strategie volte a consolidare il dominio tecnologico è a sistematizzare i processi di valutazione, selezione, accesso, incorporazione o mobilizzazione dell'innovazione. Questi processi possono attivare innovazione aperta, che è un modello, che, con la tua essenza, già consente alle organizzazioni di gestire l'innovazione dalle divisioni dell'ambiente interno ed esterno (LEE, 2011).

Di conseguenza, la probabilità di successo dei processi di incorporazione ed espansione del dominio tecnologico sono dotate di rapporto direttamente proporzionale all'esterna tecnologia di corrispondenza con il profilo tecnologico dell'azienda (TIDD; 107 AZIENDE FAMILIARI CINESE; PAVITT, 2008; Santi; DOZ; WILLIAMSON, 2004; LEE, 2011).

Per Santos, Doz e Williamson (2006) la definizione del profilo tecnologico delle aziende include alcuni presupposti, quali:

  • identificazione delle esigenze tecnologiche dell'impresa;
  • la necessità di profilo tecnologico, come aumenta la forza di un'azienda come la radicalità dell'innovazione;
  • inflencia profilo tecnologico in strategie competitive;
  • non solo il generico esperienza accumulata da una società, ma, soprattutto, focus sulla tua essenza (core business di) sono importanti nel determinare il profilo tecnologico;
  • il migliore profilo tecnologico adatto per un'innovazione o un altro, è definito come le esperienze accumulate con i processi di innovazione desiderata.

L'organizzazione che gestisce l'accesso alle fonti di conoscenza può aumentare le vostre probabilità di innovazione, a prodotti, processi, servizi, ecc… Tuttavia, d'altra parte, questo può comportare aumento dei costi del processo di innovazione intera. In teoria, la decisione del profilo tecnologico deve essere assertiva e le aziende devono persistere nella prospezione e accedere alle tasche della conoscenza, fino a quando i benefici superano i costi di integrazione (Santi; DOZ; WILLIAMSON, 2006).

Con così tanti elementi coinvolti nel processo di innovazione, accesso diventa necessario che presenta nuovi modelli e strategie per l'accesso e la generazione di innovazioni. Von Hippel (1986), Prahalad e Hamel (1990), Hamel (2000), Bovet e Martha (2001) dichiarano che è emergente la necessità di processi semplificati e modi per cercare l'innovazione, compresa la necessità di riconfigurazione del business.

Chesbrough (2003; 2007) con il modello di innovazione aperta per creare meccanismi gestibile nel processo di esplorazione e innovazione capitazione. Di Chesbrough (2003), le imprese devono cercare innovazione in origini esterne, perché, così, aumentare la loro percentuale di innovazioni, ma può anche fare nuovi set di tecnologie, al fine di incoraggiare lo sviluppo di nuovi prodotti o sviluppare nuovi segmenti di mercato.

Santos, Doz e Williamson sostengono (2004) che i manager devono comprendere i fattori che coinvolgono l'innovazione nel mondo cercano pertanto le innovazioni che sono ovunque nel mondo è una regola piuttosto che l'eccezione. Aziende devono accedere e incorporare l'innovazione, secondo la propria competenza.

Un modo per accedere l'innovazione è l'azienda incontra i suoi poteri specifici ed essenze, vale a dire, la tua identità tecnologica. Come ogni azienda ha la propria tecnologia di identità, che, per il vostro tempo, dipende dalla loro rispettive esperienze, risorse, capacità, tra gli altri (LEE, 2011).

Si prevede che la capacità tecnologica dell'azienda cambia come lei diventa più maturo ed esperto. Accesso tecnologico, pertanto, è un processo dinamico che cerca un equilibrio tra profilo tecnologico, o meglio, le risorse, le capacità e le competenze dell'azienda e le caratteristiche dell'innovazione in questione. Un altro elemento significativo è la capacità dell'azienda di mostrare il valore di unendo l'innovazione desiderata, evitando così il rifiuto del gruppo e, di conseguenza, riducendo al minimo i rischi di incorporazione (LEE, 2011).

In una sentenza che la cronologia delle innovazioni tecnologiche che capacità amministrativa è essenziale per superare le barriere tecniche e progetti strutturali. L'innovazione è direttamente la competenza organizzativa e alle fonti di informazioni tecniche. Di conseguenza, la compatibilità del profilo tecnologico alle fonti esterne di innovazione può definire il successo dell'intero processo di innovazione dell'organizzazione (Tidd, 107 aziende familiari cinesi e Pavitt, 2008).

3. Metodo e tecniche di ricerca

Il metodo statistico inferenziale, mediante tecniche di disegno degli esperimenti. I dati, nella struttura sbilanciata, sono stati osservati, dopo l'analisi quantitativa del fattore. Sono stati stabiliti due livelli di controllo al fine di osservare se il cambiamento tra livelli causato differenze significative della variabile dipendente.

3.1 popolazione e campione

La popolazione era di 500 EBT ´ s-tecnologia-ha basato le aziende-operanti in Brasile. Tuttavia, i campioni sono stati limitati alla quantità di intervistati 70 aziende, dove ogni uno degli intervistati ha rappresentato una nota (esperimento).

3.2 ricerca soggetti e il profilo degli informatori

La scelta dei soggetti sociali di ricerca è stata effettuata sulla base della rilevanza dell'esperienza di persone con funzioni legate all'innovazione in imprese tecnologiche, una volta, che, per la gestione efficace dell'innovazione, questi elementi vengono considerati indispensabili. Dopo tutto, questi professionisti a diversi livelli, hanno conoscenza intrinseca di innovazioni tecnologiche nella loro organizzazione, pertanto, hanno le conoscenze fondamentali circa il comportamento probabilistico delle variabili coinvolte nella ricerca e può rispondere con maggiore precisione le questioni evidenziate nello strumento di raccolta dati.

variabile dipendente 3,3

In questa ricerca, la variabile dipendente è rappresentata dal ritorno del capitale investito in innovazione e valutazione rispettivi avvenuto via questionario strutturato e chiuso, da indicatori sugli obiettivi aziendali elencati da Davila, Epstein e Shelton (2006). I valori assegnati per ciascuno degli intervistati ha rappresentato un'osservazione (studio clinico).

La logica adottata per la valutazione di variabili dipendenti si basa sulla proposizione che organizzazioni innovative presentano risposte affermative e crescita per soddisfare gli obiettivi di business presentati da Davila, Epstein e Shelton (2006).

3,4 variabili indipendenti

Al fine di selezionare le variabili indipendenti, che hanno contribuiti a identificare il profilo tecnologico delle aziende ha studiato, categorizzato, dall'elenco di Tidd, 107 aziende di famiglia cinese e Pavitt (2008), gli elementi importanti per l'identificazione dei profilo tecnologico delle aziende.

Le variabili indipendenti utilizzati per essere strumentale nell'identificazione dell'identità tecnologica società oggetto dell'inchiesta, elementare e critica sono stati nel processo decisionale in particolare per quanto riguarda il ritorno del capitale investito in innovazione tecnologica. In questo modo gli informatori sono stati in grado di misurare ognuno di loro attraverso una scala elaborata nell'approccio qualitativo e quantitativo.

80 fattori sono stati selezionati per essere coperto nel gruppo delle variabili indipendenti che influenzano il ritorno del capitale investito nell'innovazione tecnologica. Questi fattori fanno parte del modello di Tidd, 107 cinese imprese familiari e il controllo denominato Pavitt (2008) di innovazione. Di conseguenza, la selezione di questi fattori che ha definito l'identità tecnologica.

L'universo di variabili indipendenti è composta da 80, fattori che sono stati sottoposti alla statistica test (test f) e dai risultati, abbiamo identificato i quattro fattori più significativi per l'elevazione variabile dipendente, IE: clima di sostegno a nuove idee; ricerca sistematica delle idee per nuovi prodotti; Open innovation e controllo delle scadenze e dei bilanci di nuovi progetti di innovazione. Successivamente è stato selezionato un quinto variabile-competitivo basato su intelligenza concettuale presupposto che questo fattore è importante per il ritorno sul capitale investito nell'innovazione tecnologica.

Per ogni variabile sono stati imposti due livelli di controllo distinti, e basso livello rappresenta che organizzazioni non adottare tali pratiche e l'alto livello rappresenta che organizzazioni adottano tali pratiche. In questo caso, l'applicazione di modelli di pratiche e processi descritti in ciascuno delle variabili indipendenti.

4. Risposte e analisi: ritorno del capitale investito nell'innovazione tecnologica

Da soli erano come significative derivanti dai calcoli statistici e in risposta al test di fattore significativo (clima di sostegno per la nuova idea) e (ricerche sistematiche idee per nuovi prodotti) e i fattori (clima di sostegno a nuove idee) e  (innovazione aperta);  (clima di supporto per le nuove idee) e controllo delle scadenze e dei bilanci di nuovi progetti di innovazione ha mostrato il significato nelle interazioni di secondo ordine. Come illustrato nella Figura 01-significato dei fattori che influenzano il ritorno del capitale investito in innovazione.

Sono le variabili (clima di supporto per ricerche sistematiche idee per nuovi prodotti e nuove idee) come il più significativo in isolamento per restituire del capitale investito in innovazione, conferma le idee di autori vari, tra cui, Chesbrough (2003) ; Tushman e o ' Reilly (1996), Tidd, 107 aziende familiari cinesi e Pavitt (2008), sì, questi autori affermano che i dirigenti devono incoraggiare cambiamenti e fornire ambienti che danno supporto alle nuove idee e così fanno ricerche regolari di idee per nuovi prodotti.

Per Birkinshaw e Gibson (2004) aziende che enfatizzano le prestazioni gestione e sostegno sociale creano un clima favorevole ai dipendenti non esitate a raggiungere obiettivi organizzativi. Ratifica questa idea, perché l'innovazione aperta variabile, in questo modello, indicato che interagiscono con il clima di sostegno per nuove idee e il clima di supporto per le nuove idee, per il vostro tempo, interagisce con il controllo delle scadenze e dei bilanci del nuovo progetto di innovazione.

Figura 01-significato dei fattori che influenzano il ritorno del capitale investito in innovazione.
Figura 01-significato dei fattori che influenzano il ritorno del capitale investito in innovazione.

Le seguenti analisi superficiale risposta come un modo per ottimizzare i risultati ottenuti con il test di significatività.

Le interazioni dei fattori (clima di sostegno per nuove idee e open innovation) sono illustrate nell'analisi di superficie figura 02-risposta per le interazioni delle variabili: clima di sostegno per nuove idee e open innovation.

Nelle figure 02 e 03, il numero 1 (livello basso) equivale alla declinazione delle pratiche per quanto riguarda le variabili indipendenti, mentre il numero 2 (livello basso) è vittima di pratiche relazionati a variabili indipendenti al centro dell'attenzione. In questo senso, modulo illustrativo, l'intensità o la comodità di colore rosso scuro rappresenta maggiore o minore importanza dei fattori ad ogni livello di controllo, rispettivamente.

Figura 02-risposta analisi di superficie per le interazioni delle variabili: clima di sostegno per nuove idee e open innovation.
Figura 02-risposta analisi di superficie per le interazioni delle variabili: clima di sostegno per nuove idee e open innovation.

Figura 02 ha rivelato che l'interazione delle variabili (clima di sostegno per nuove idee e open innovation) è significativo per la variabile dipendente e la migliore regolazione dei livelli per il processo è: mantenere il controllo in alto livello, per la variabile aperto innovazione e controllo livello basso, per il clima variabile di supporto per le nuove idee.

Quindi, sembra che questa interazione, rivela che l'azienda deve utilizzare i concetti di innovazione aperta per, in modo ottimale, il ritorno del capitale investito nell'innovazione. Questa risposta collabora con studi di Chesbrough (2008), che gli Stati che le aziende che cercano di ricerca in modo "aperto", cercare la conoscenza esternamente per aumentare e accelerare il conseguimento di risultati che aggiungono valore a loro business e massimizzare il ritorno sul capitale investito nell'innovazione.

Per Gibson e Skarzynski (2008) la più grande opportunità di business possono provenire da una società di risorse e know-how con altre organizzazioni per generare nuove soluzioni. L'autore sottolinea che cerca le strategie nel mondo di idee e tecnologie che possono essere integrati con competenze e risorse organizzative, principalmente a migliorare il ritorno sul capitale investito nell'innovazione.

I risultati ottenuti per l'interazione tra i fattori (clima di supporto per le nuove idee) e controllo delle scadenze e i budget per i progetti di innovazione sono mostrati in analisi di superficie Figura 03-risposta per le interazioni delle variabili: clima di sostegno per i nuovi idee e controllo delle scadenze e i budget per i progetti di innovazione.

Figura 03-risposta analisi di superficie per le interazioni delle variabili: clima di supporto per nuove idee e il controllo delle scadenze e i budget per i progetti di innovazione.
Figura 03-risposta analisi di superficie per le interazioni delle variabili: clima di supporto per nuove idee e il controllo delle scadenze e i budget per i progetti di innovazione.

Prestando attenzione al 03 figura si rende conto che la misura migliore di suggerisce il processo, dall'interazione delle due variabili in questione che le aziende devono diretto controllo delle scadenze e i budget per i nuovi progetti di innovazione, collegata inversamente proporzionale supporto per nuove idee.

In un certo senso, questi risultati confermano l'opinione degli autori come: Christensen, Anthony e Roth (2007); Tidd, 107 cinese imprese familiari e Pavitt (2008); Chesbrough (2008) e Davila, Esptein e Shelton (2006), poiché queste garantiscono che le organizzazioni con un interesse per l'innovazione devono valutare e gestire i progetti e le scadenze per le loro innovazioni evitare spreco di tempo e capitale.

Considerazioni finali

Concentrandosi sulle proposte metodologiche e scientifiche, si può affermare che gli obiettivi di questa ricerca sono state soddisfatte e, ancora, l'ipotesi che alcuni profilo tecnologico relative variabili influenzano in modo significativo sul ritorno della capitale investito in innovazione è stata confermata.

Una volta che i modelli di innovazione aperta sono complessi e richiedono elevati investimenti finanziari, un inaspettato contributo in attrazioni, oltre pre ricerca testuale, cioè identificato opportunità per le imprese, come la micro e piccola aziende, che comunemente presentano limitazioni agli investimenti e costi sui processi di innovazione. Sì, i risultati hanno indicato l'importanza dei processi come il più basso livello di complessità di implementazione e manutenzione, ad esempio il supporto per nuove idee.

In questo constexto, alcune interazioni di secondo ordine (tra due variabili) suggeriscono il ritorno sul capitale investito nell'innovazione, questo è:

  • Se le aziende hanno processi coerenti per il controllo delle scadenze e i budget per i nuovi progetti di innovazione, non c'è nessuna necessità di investire in processi per sostenere nuove idee.
  • d'altra parte, l'adozione di modelli coerenti dell'open innovation, escludere la necessità per gli investimenti nei processi di sostenere nuove idee. In questi casi, rivelando che i modelli di innovazione aperta, di per sé, che copre la ricerca, i processi di sviluppo e supportano a nuove idee.

Di conseguenza, il profilo tecnologico, che porta alla massimizzazione del ritorno sul capitale investito in innovazione tecnologica per le aziende del campione, include innovazione aperta sistemi allo stesso tempo, combinato le scadenze dure e controllo del budget di nuovo progetti di innovazione. Tuttavia, un generico profilo tecnologico, per le aziende che non possono adottare sistemi di innovazione aperta, include intensificazione dei processi per una ricerca sistematica e sviluppo di nuovi prodotti, così come il supporto per nuove idee.

RIFERIMENTI

ANDERSON, P.; TUSHMAN, discontinuità di l. m. in disegni dominante e tecnologica: il modello ciclico della progettazione tecnologica. Scienza amministrativa trimestrale, v. 35, n. 4, pag. 33, 1990. 604 p.

BIRKINSHAW, j. GIBSON, ambidestrismo edificio c. in un'organizzazione. MITSloan Management Review, v. 45, n. 4, 2004.

BOVET, D.; MARTHA, rete di j. di valore: aumentare i profitti utilizzando informazioni tecnoloiga nella catena del valore, v. 45, n. 4, 2001.

CHESBROUGH, W. H. L'era dell'open innovation. MITSloan Management Review. Cambridge, v. 44, n. 3, p. 35-41, 2003.

____________________. Perché le aziende dovrebbero avere modelli di business open. MITSloan Management Review. Cambridge, v. 48, n. 2, p. 22-28, 2007.

____________________. Le nuove regole della serie D. & P: gestione orientata ai risultati: implementazione dell'innovazione. Rio de Janeiro: Editora Campus, p. 57-62, 2007.

____________________. Il ruolo dell'Università nel modello di innovazione aperta. Jornal da Unicamp, Università statale di Campinas, p. giugno 2008 23-29.

CHRISTENSEN, C. M.; ANTHONY, S. D.; Roth e il futuro dell'innovazione: utilizzando la teoria dell'innovazione per predire i cambiamenti nel mercato. 1 ed. Rio de Janeiro: Elsevier editore, 2007. 322 p.

DAVILA, T.; ESPTEIN, J. M.; SHELTON, r. innovazione che funziona: come Gestionarla, Medirla y Obtener reale beneficio di Ella. Deusto editore, 2006. DOSI di p. 324, g. Una reconsideración de las condiciones y los del desarrollo modelli. Punto di vista UNA volucionista de la innovación, el comercio e la crescita di el. Il pensiero latino-americano, n. 20, p. 167-191, 1991.

DOSI, g. Una reconsideración de las condiciones y los del desarrollo modelli. UNA prospettiva evoluzionistica de la innovación, el comercio e la crescita di el. Il pensiero latino-americano, n. 20, p. 167-191, 1991.

FERRINI, S.; SCARPA, r. disegni con un'informazione Priori per valutazione Nonmarket con scelta esperimenti: uno studio di Monte Carlo. Giornale di economia ambientale e gestione 53 (2007): 342-363.

FONTAO, disegno di h. di esperimenti: applicazione di uno strumento di Lean Six Sigma per la gestione aziendale in piccoli supermercati, rivenditori (MsC. Diss., Università di Taubaté, 2008), http://www.ppga.com.br/mestrado/2008/fontao-henio.pdf

FONTAO, H.; LEE, m. e. applicazione di strumento di progettazione di esperimenti nel rapporto Marketing: uno studio nella vendita al dettaglio. Brazilian Journal of Marketing, osservazione v. 9, n. 3 (settembre-dicembre 2010): 137-160.

GIBSON, R.; SKARZYNSKI, priorità di innovazione pag. n ° 1: percorso di trasformazione nelle organizzazioni. Rio de Janeiro: Editora Campus, 2008. 300, p.

HAMEL, g. guidando la rivoluzione. Boston, Harvard Business School Press, 2000.

HOLLAND, C.; CRAVENS, d. fattoriali sperimentali frazionati in Marketing Research, Journal of Marketing Research 6 (agosto 1973): 270.

LEE, m. e. gestione dell'open innovation: modello di accesso all'innovazione tecnologica. Tesi di dottorato, di master e dottorato di ricerca presso l'Università Nove de Julho, 2011. http://www.Uninove.br. 2011.

Mintzberg, H.; Ahlstrand, B.; Lampel, j. strategia Safari: una tabella di marcia attraverso la giungla della pianificazione strategica, Porto Alegre, Bookman, 2000.

MONTGOMERY, d. progettazione e analisi degli esperimenti. Wiley: Hardover, 2004.

PRAHALAD, C.; HAMEL, G. La competenza di base della società. Harvard Business Review, maggio-giugno, 1990.

SANTOS, J.; DOZ, Y.; WILLIAMSON, PAG. È il tuo processo di innovazione globale?, MITSloan Management Review, Cambridge, v. 45, n. 4, p. 31-37, 2004.

____________________________________. La sfida di Metanacional: come le aziende possono vincere nell'economia della conoscenza.  Dordrecht, Lisbona: Monitor editore, 2006. 256 p.

STARKEY, M.; AUGHTON, J.; BREWIN, r. Direct Marketing, pubblicità televisiva, controlli di processo, disegno degli esperimenti, la rivista TQM 6 (1997) 434.

TIDD, J.; 107 AZIENDE FAMILIARI CINESE, J.; PAVITT, gestione h. dell'innovazione. Porto Alegre, Bookman Publishing, 2008. 600 p.

TUSHMAN, M.; O ' Reilly c. a. evoluzione e rivoluzione: padroneggiare le dinamiche di innovazione e cambiamento, California Management Review, v. 38 p. 8-30, 1996.

VON HIPPEL, gli utenti di piombo e.: un'importante fonte di concetti di prodotto novello. Management Science, 32, n. 7, p. 791-805, 1986.

_______________.  Democratizzare l'innovazione. Cambridge, MA: MIT Press, 2005.

[1] Facoltà di tecnologia di Pindamonhangaba; Centro di ricerca in economia e sociologia delle organizzazioni, Lisbona, Portogallo

[2] Facoltà di tecnologia di Pindamonhangaba

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here