REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Analisi della qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con VDRL positivo a Itamaracá-Pernambuco

RC: 121011
57
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SANTANA, Marly Maria de [1], CABRAL, Ewelyn Rafaela Santos [2]

SANTANA, Marly Maria de. CABRAL, Ewelyn Rafaela Santos. Analisi della qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con VDRL positivo a Itamaracá-Pernambuco. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, ed. 02, vol. 04, pag. 164-175. Febbraio 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/analisi-della-qualita ‎

REPILOGO

Le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) costituiscono un problema di salute pubblica, che causa danni sociali, economici e sanitari. Detto questo, poiché la sifilide è una malattia infettiva, trasmessa sessualmente, è necessario sviluppare proposte che cerchino di sistematizzare un’adeguata assistenza prenatale per le donne in gravidanza, prestando particolare attenzione alle registrazioni nella cartella e nella scheda del paziente, mirando a un migliore monitoraggio sistematico su. In questo contesto, è stata sollevata la seguente domanda guida: qual è la qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con esami VDRL reagenti a Itamaracá-PE attraverso le notifiche registrate nelle cartelle cliniche, da gennaio 2016 a gennaio 2019? Pertanto, l’obiettivo di questa ricerca è valutare gli esami VDRL del reagente in donne in gravidanza nel comune di Ilha de Itamaracá – Pernambuco attraverso le notifiche registrate nelle cartelle cliniche, da gennaio/2016 a gennaio/2019. Si tratta di uno studio trasversale e descrittivo con un approccio quali-quantitativo. L’analisi della qualità della cartella clinica delle donne in gravidanza con un test VDRL reattivo da gennaio/2016 a gennaio/2019 ha rivelato disturbo e sottosegnalazione, dimostrando uno scenario preoccupante. Il comune dispone di 09 UBS, dove oltre all’assistenza prenatale si svolgono anche l’assistenza ad altri pazienti con bisogni sanitari di base e la prevenzione in generale. Per quanto riguarda l’assistenza prenatale, medici e infermieri forniscono assistenza e follow-up. È stato possibile percepire che molti casi di sifilide congenita potrebbero essere evitati con programmi tempestivi ideati e diretti dal Ministero della Salute (MS). Si raccomanda maggiore attenzione durante la compilazione delle cartelle cliniche, poiché sono estremamente importanti indipendentemente dal problema o dal caso del paziente. Si conclude, quindi, la necessità di completare la cartella clinica delle donne in gravidanza per un migliore follow-up medico per lei e per il suo partner. La valutazione della qualità delle cartelle cliniche permette di riflettere sugli impatti generati da questo fatto e su come questa situazione possa essere invertita o migliorata.

Parole chiave: Salute materna e infantile, Sifilide congenita, Sottostima.

INTRODUZIONE

Le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) costituiscono un grave problema di salute pubblica, poiché causano danni sociali, economici e sanitari (SILVA et al., 2020; FELICIO et al., 2019; BERTONCELI, 2018). Provocando danni sociali, economici e sanitari di grande ripercussione sulle popolazioni, soprattutto tra donne e bambini. Tra le malattie sessualmente trasmissibili, merita di essere evidenziata la sifilide, in quanto malattia infettiva e sistemica, di portata mondiale ed evoluzione cronica causata da Treponema pallidum, con l’uomo come unico ospite, trasmettitore e serbatoio (MAGALHES et al., 2013). Circa 2 milioni di donne in gravidanza nel mondo vengono infettate dalla sifilide ogni anno (BECK; SOUZA, 2018; NONATO et al., 2015).

Le politiche pubbliche volte alla salute materna e infantile hanno contribuito a un aumento della diagnosi precoce e delle notifiche nelle donne in gravidanza, come l’uso del test rapido per la sifilide. Tuttavia, la qualità delle registrazioni nelle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con test VDRL reattivi è spesso incipiente o mal eseguita, il che porta a una sottostima della diagnosi e del trattamento o all’interruzione del trattamento. Mettere in allerta i comuni, dove spesso non è proprio così. Il comune di Itamaracá ha registrato 183 casi di sifilide congenita negli ultimi 10 anni. Con 30 casi registrati tra gennaio 2016 e gennaio 2019 (BOLETIM SÍFILIS, 2019).

Alla luce di quanto sopra, qual è la qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con esami VDRL reagenti a Itamaracá – PE attraverso le notifiche registrate nelle cartelle cliniche, da gennaio 2016 a gennaio 2019?

Il presente lavoro mira a valutare gli esami VDRL di reagente in donne in gravidanza nel comune di Ilha de Itamaracá – Pernambuco attraverso le notifiche registrate nelle cartelle cliniche, da gennaio 2016 a gennaio 2019.

METODI

In primo luogo, è stata richiesta una lettera di consenso al capo dell’istituzione. Trattandosi di una raccolta di dati, è stato rinunciato all’uso del Termine di Consenso Libero e Informato (TCLE)[3]. I dati sono stati raccolti dalle cartelle cliniche e ne è stata analizzata la qualità sulla base dei dati contenuti nelle cartelle cliniche dei Centri sanitari nel Comune di Ilha de Itamaracá – Pernambuco nel marzo 2021. Dove è stata effettuata un’analisi sulla qualità delle cartelle nelle cartelle di donne in gravidanza con esami Reagente VDRL in Itamaracá-PE da gennaio 2016 a gennaio 2019.

I dati sono stati raccolti attraverso l’analisi delle cartelle cliniche e della loro qualità, che ha identificato dati socioeconomici come: razza/colore, età, istruzione, tra gli altri, e domande guida come: trattamento eseguito, partner trattato e dati principali mancanti o incompleti.

RISULTATI E DISCUSSIONE

L’analisi della qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con test VDLR positivo da gennaio/2016 a gennaio/2019 ha rivelato disordine e sotto-segnalazione e uno scenario estremamente preoccupante.

Secondo i dati IBGE (2010), l’economia del comune di Ilha de Itamaracá si basa sul settore dei servizi (commercio e turismo) che è il più rappresentativo nell’economia di Itamaracá, seguito dall’agricoltura.

Il comune dispone di 09 UBS, dove oltre all’assistenza prenatale si svolgono anche l’assistenza ad altri pazienti con bisogni sanitari di base e la prevenzione in generale. Per quanto riguarda l’assistenza prenatale, medici e infermieri forniscono assistenza e follow-up.

Come descritto dal Ministero della Salute (MS), dal 2005 in poi, la sifilide nelle donne in gravidanza è diventata condizione di notifica obbligatoria con la pubblicazione dell’Ordinanza MS/SVS n. 33 del 14 luglio 2005, con l’obiettivo di identificare i casi esistenti di sovvenzione azioni di prevenzione e controllo; oltre a conoscere il profilo epidemiologico e le tendenze (SARACENI et al., 2007).

Secondo i dati, resta inteso che diversi casi di sifilide congenita possono essere evitati attraverso piani adeguati creati e diretti dal Ministero della Salute (MS). Se ogni regione è consapevole delle proprie restrizioni, i piani del governo possono diventare più efficienti, il che garantirà una salute migliore per tutti. Senza l’esatta conoscenza di dove siano i difetti, le azioni sanitarie possono perdere l’obiettivo principale e finire per passare inosservate (CABRAL et al., 2017).

L’analisi delle cartelle cliniche delle Unità sanitarie di base (UBS) nel comune di Ilha de Itamaracá nel periodo da gennaio/2016 a gennaio/2019, ha rivelato che 30 pazienti sono stati trattati con un esame VDRL con reagente, tuttavia è stato possibile raccogliere dati di sole 25 (venticinque) donne in gravidanza. Gli UBS del comune si trovano nei seguenti quartieri: Alto da Felicidade, Forte Orange, Rio Ambar, Baixa Verde/Pilar, Biquinha, Salinas/Chié, Jaguaribe, Vila Velha e Sossego. Tuttavia, sono state trovate solo 17 notifiche secondo i record UBS. Dove, è stato possibile osservare che delle 09 (nove) unità di cure primarie, 6 (sei) hanno ricevuto donne in gravidanza con risultati VDRL positivi per la sifilide nel periodo studiato, come si può vedere nella Tabella 1.

Tabella 1. Tutti i casi confermati di sifilide in donne in gravidanza registrati nelle cartelle cliniche analizzate delle Unità sanitarie di base del Comune di Ilha de Itamaracá, dal 2016 al 2019.

Unità di base Totale casi confermati
Alto da Felicidade 5
Biquinha 3
Chié /Salinas 3
Baixa Verde / Pilar 2
Rio Âmbar 3
Forte Orange /Bela Vista 1
Vila Velha 0
Jaguaribe 0
Sossego 0
Totale 17

Fonte: Informazioni secondo la ricerca sul campo svolta dall’Autore.

Il maggior numero di donne incinte VDRL a cui hanno partecipato era legato a UBS Alto da Felicidade, un’area urbana del comune. Di questi, il 50% inizia l’assistenza prenatale nel 2° trimestre di gravidanza, il 50% ha avuto un’istruzione elementare. Tuttavia, solo il 60% di loro ha eseguito correttamente il trattamento solo di coloro che hanno iniziato l’assistenza prenatale e il restante 40% ha iniziato il trattamento senza eseguire il follow-up. Inoltre, il 100% dei partner ha rifiutato di sottoporsi a cure, sia in maternità che in cure primarie.

Altissimo è stato il mancato completamento della cartella clinica osservata, dove si sono contati solo dati come nome, data di nascita, indirizzo e numero di telefono, rendendo impossibile la raccolta di qualsiasi altro dato socio demografico, come: istruzione, stato civile, colore/ razza e occupazione. Inoltre, delle 30 donne in gravidanza riportate con VDRL positivo, solo 25 avevano effettivamente completato i suddetti dati. Dove è stato possibile osservare la predominanza delle donne incinte di origine urbana rispetto a quella rurale, con solo il 4% delle donne incinte provenienti dalla popolazione rurale, come si può vedere nella tabella 2 sottostante.

Tabella 2- Distribuzione delle donne in gravidanza reattive al VDRL secondo il quartiere di origine delle Unità sanitarie di base per il Comune di Ilha de Itamaracá, dal 2016 al 2019.

Quartiere n %
Alto da felicidade 6 24%
Baixa verde 2 8%
Bela Vista 1 4%
Biquinha 5 20%
Forte Orange 1 4%
Pilar 4 16%
Salinas 3 12%
Sítio Bom Jesus 1 4%
Ignorato/non compilato 2 8%
Donne in gravidanza totali 25 100%

Fonte: Informazioni secondo la ricerca sul campo svolta dall’Autore.

La qualità della compilazione delle schede istruttorie di notifica obbligatoria è fondamentale per la pianificazione degli interventi. Per le donne in gravidanza affette da sifilide, il processo investigativo si svolge nelle cure primarie, così come accade con la diagnosi della malattia e le cure prenatali. Pertanto, le cure primarie sono il momento in cui si verifica la notifica e l’indagine del caso (BRASIL, 2006). Allo stesso modo, è il momento in cui le cure prenatali devono agire ed evitare il caso della sifilide congenita. L’assistenza primaria è ampliata dall’USF, raccomandato dal Ministero della Salute. Hanno segnalato la presenza dell’USF nel 94% delle città brasiliane nel 2008, che rappresentano circa il 48% della popolazione (GIOVANELLA et al., 2009). La strategia include l’assistenza prenatale, che include lo screening delle donne in gravidanza per la sifilide e il successivo trattamento delle donne in gravidanza e dei loro partner se positivi (BRASIL, 2006).

La stessa situazione si verifica negli anni successivi, secondo i casi confermati di sifilide in donne in gravidanza nel comune di Ilha de Itamaracá per gli anni dal 2017 al 2019, secondo il Ministero della Salute/SVS – Sistema Informativo sulle Malattie Notificabili, come presentato nella Tabella 3 sotto.

Tabella 3. Tutti i casi confermati di Sifilide in donne in gravidanza registrate nel Sistema Informativo sulle Malattie Notificabili – Brasile, nello Stato del Pernambuco, per il Comune di Ilha de Itamaracá, tramite notifiche, nel periodo dal 2017 al 2019, per fascia di età .

Anni Fascia di età Totale casi confermati Casi totali
2017 15 a 19 2 7
20 a 39 5
2018 15 a 19 7 20
20 a 39 13
2019 nulla di contenuto nulla di contenuto 0

Fonte: Ministero della Salute/SVS – Sistema Informativo sulle Malattie Notificabili – Sinan Net, esclusi i casi non residenti in Brasile.

  1. Periodi o periodi disponibili – Corrisponde agli anni di notifica dei casi.
  2. Per tabulare i dati epidemiologici per un determinato anno, selezionare la variabile di interesse nella colonna Anno di diagnosi nella riga; in Periodi disponibili, barrare l’anno iniziale della serie e tutti gli anni successivi fino all’anno in corso (per includere i casi notificati in ritardo) e in Selezioni disponibili, barrare gli anni di diagnosi (es: numero di casi 2007: selezionare nella riga UF[4] di residenza, nella Colonna Anno di diagnosi, in Periodi Disponibili dal 2007 all’anno in corso e in Selezioni, spuntare Anno di diagnosi 2007).
  3. Dati 2009 aggiornati il ​​08/01/2011.
  4. Dati 2010 aggiornati il ​​20/11/2013.
  5. Dati 2011 aggiornati il ​​20/11/2013.
  6. Dati 2012 e 2013 aggiornati il ​​05/07/2018.
  7. Dati 2014 aggiornati al 30/01/2019.
  8. Dati dal 2015 al 2018 aggiornati al 30/01/2019, dati soggetti a revisione.

La qualità della compilazione delle schede istruttorie di notifica obbligatoria è fondamentale per la pianificazione degli interventi. Per le donne in gravidanza affette da sifilide, il processo di indagine si svolge nelle cure primarie, poiché questo è lo scenario in cui si svolgono la diagnosi della malattia e le cure prenatali. Pertanto, le cure primarie sono il periodo degli eventi della notifica e dell’indagine del caso. Allo stesso modo, è il momento in cui le cure prenatali devono agire ed evitare il caso della sifilide congenita.

Tale evenienza impedisce il controllo epidemiologico della malattia, andando contro le attuali politiche pubbliche, in particolare la Rede Cegonha, che oltre alla qualificazione della salute ostetrico-neonatale, contribuisce al miglioramento del sistema di sorveglianza epidemiologica, attraverso l’ampliamento della distribuzione di test rapidi per la sifilide, uno strumento che consente lo screening della malattia (SOARES et al., 2017).

Oltre ai problemi sopra esposti, questa ricerca mostra anche che il numero di consultazioni che le donne in gravidanza ricevono durante l’assistenza prenatale non è sufficiente a garantire il controllo di questa infezione, poiché la qualità delle cure deve essere valutata, oltre all’intenzione e gesti per ampliare l’accesso e il numero minimo consigliato di consultazioni. Il suo contenuto, soprattutto nell’assistenza sanitaria di base, richiede il monitoraggio e un trattamento adeguato delle donne in gravidanza e dei partner. Espone inoltre la precarietà dei servizi di assistenza di base e di emergenza in cui la donna incinta utilizza la benzatina durante il trattamento (FIGUEIREDO et al., 2015). Secondo l’autore, ci sono difficoltà che il team di Family Health Strategy deve affrontare, è stato menzionato il rinvio e il trattamento delle donne in gravidanza e dei partner perché, sebbene potesse essere ricercato attraverso le unità sanitarie della comunità, i professionisti hanno mostrato una mancanza di atteggiamenti positivi nei confronti del partner partecipazione ai servizi e indecisione nel riferire le donne in gravidanza. Le donne sono curate in servizi specializzati. Né hanno menzionato la notifica obbligatoria dei casi di sifilide e sifilide congenita nelle donne in gravidanza (FIGUEIREDO et al., 2015).

Vale a dire, l’approccio inadeguato ai bisogni, alle soggettività e alle vulnerabilità sociali di ciascuna gestante al momento dell’assistenza prenatale rende difficile sia per la gestante la comprensione dell’importanza del trattamento SG[5] sia della sua adesione ad esso. Oltre alla mancanza di trattamento dei partner sessuali. Combinati, questi fattori determinano alti tassi di reinfezione della sifilide nei pazienti (VIANA FILHO et al., 2020).

In questo modo è evidente l’importanza di svolgere un’assistenza prenatale di qualità, di effettuare trattamenti precoci durante la gravidanza, di educazione sanitaria attraverso azioni che mirino a chiarire alla popolazione l’importanza dell’uso del preservativo, il trattamento appropriato per la donna incinta e il suo partner, evitando la trasmissione al feto in modo che non si raggiunga il compromesso fetale.

CONCLUSIONE

Tornando alla domanda guida: qual è la qualità delle cartelle cliniche delle donne in gravidanza con esami VDRL reagenti in Itamaracá-PE attraverso le notifiche registrate nelle cartelle cliniche, da gennaio 2016 a gennaio 2019? Si è concluso che il mancato completamento della cartella clinica osservata è stato estremamente elevato, dove si è contato solo su dati come nome, data di nascita, indirizzo e numero di telefono, rendendo impossibile la raccolta di altri dati socio demografici, quali: scolarità , stato civile, colore/razza e occupazione. Inoltre, delle 30 donne in gravidanza segnalate con un VDRL reattivo, solo 25 avevano effettivamente compilato i dati di cui sopra, rendendo la cartella clinica delle donne in gravidanza reattive di bassa qualità.

Con l’analisi della cartella clinica si osserva una grande resistenza all’aderenza al trattamento, sia da parte delle gestanti che da parte del partner. Ci sono segnalazioni di donne in gravidanza che hanno subito un trattamento precedente e in una nuova gravidanza e sono risultate nuovamente positive alla sifilide, soprattutto se rimangono con lo stesso partner e non sono state sottoposte a cure.

Delle cartelle cliniche analizzate in tutta la città, solo due donne in gravidanza hanno avuto il trattamento svolto correttamente, con ritorno in unità per il follow-up e il rinvio dopo il completamento del trattamento per una nuova valutazione e che hanno fatto curare anche il proprio partner.

C’è molta resistenza riguardo all’accettazione e all’inizio del trattamento da parte delle donne in gravidanza, ma principalmente dai loro partner. A volte la condizione economica per il loro spostamento nell’unità dove si effettua il trattamento rende difficile tale accettazione.

La maggior parte dei professionisti ha riferito di sapere che la sifilide nelle donne in gravidanza è una malattia di notifica obbligatoria, tuttavia, pochi effettuano la notifica, un fattore che corrobora con studi precedenti che segnalano la sottostima e, principalmente, l’aumento del numero di notifiche di sifilide congenita e riduzione dei casi nelle donne in gravidanza.

L’infermiere dell’unità sanitaria è il professionista impegnato e impegnato nell’accoglienza e nella cura prenatale delle donne in gravidanza in qualsiasi fase. È responsabile di ordinare l’esame VDRL per tutte le madri in gravidanza, nei tre trimestri di gravidanza; e inoltre, eseguire Test Rapidi (TR) per rilevare l’HIV e la sifilide alle donne in gravidanza durante la prima consultazione. È importante e indispensabile uno sguardo attento e umanizzato in tutte le fasi, per la salute delle donne in gravidanza. Anche l’attuazione di pratiche precauzionali e di promozione della salute, oltre all’analisi e alla opportuna procedura delle difficoltà che si verificano in questa fase.

Il controllo della sifilide nelle donne in gravidanza richiede un maggiore impegno da parte dei professionisti coinvolti, in particolare di coloro che sono nelle cure primarie, poiché comprendono che è a questo livello di complessità che esistono le cure prenatali e le prime cure per la prevenzione della trasmissione verticale della patologia.

Pertanto, è urgente e continuamente necessario aggiornare e guidare gli operatori sanitari coinvolti negli UBS e nella cura, cura e gestione delle donne in gravidanza, legate o meno alla sifilide, per questo il Ministero della Salute insieme al governo statale e ai comuni , necessità di avviare programmi di aggiornamento, oltre a periodici, libretti e/o manuali, in modo che ci sia una migliore pratica e possa quindi ridurre notevolmente le infezioni da sifilide, essendo fondamentale compilare correttamente la cartella clinica per contribuire a una migliore cura della gravidanza donne e il loro partner.

RIFERIMENTI

BECK, Elisiane.; SOUZA, Martha. Práticas de enfermagem acerca do controle da sífilis congênita. Revista de Pesquisa: Cuidado é Fundamental Online, v. 10, n. Especial, p. 19-24, 2018.

BERTONCELI, Mariza. Assistência de enfermagem à gestante com diagnóstico de sífilis: uma revisão integrativa da literatura. Trabalho de Conclusão de curso Faculdade Guairacá, Guarapuava-PR, 50 p. 2018.

BRASIL. Ministério da Saúde. Área técnica de Saúde da Mulher. Pré-natal e Puerpério: atenção qualificada e humanizada, manual técnico; Brasília. 2006.

CABRAL, Beatriz. et al. Sífilis em gestante e sífilis congênita: um estudo retrospectivo. Revista Ciência Plural. Rio Grande do Norte, v. 3, n. 3, p 32-44, 2017.

FELICIO, Felipe de Castro. et al. Percepção da fragilidade da Sistematização da Assistência em Enfermagem: obstáculo no controle da sífilis na gestação. Rev Norte Mineira de enferm.; v. 8, n. 2, p. 40-47, 2019.

FIGUEIREDO, Mayanne Santana Nóbrega.;et al. Percepção de enfermeiros sobre a adesão ao tratamento dos parceiros de gestantes com sífilis. Rev. Rene. maio-jun; v. 16, n. 3,  p. 345-54, 2015.

GIOVANELLA, Lígia, et al. Family health: limits and possibilities for an integral primary care approach to health care in Brazil. Ciênc Saúde Coletiva 2009; 14:783-94.

INSTITUTO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA E ESTATÍSTICA – IBGE. Censo brasileiro de 2010. Disponível em: https://cidades.ibge.gov.br/brasil/pe/ilha-de-itamaraca/panorama, acesso em 19/01/2022.

MAGALHÃES, Daniela.;et al. Sífilis materna e congênita: ainda um desafio. Cad. Saúde Pública, Rio de Janeiro, v. 29, n. 6, p. 1109-1120, jun, 2013. http://dx.doi.org/10.1590/S0102-311X2013001000008

SARACENI, Valéria; et al. Vigilância da sífilis na gravidez. Epidemiologia e serviços de saúde. v. 16, n. 2, p. 103-11, 2007.

SILVA, Anna Karolina. et al. O difícil controle da sífilis e suas consequências materno-fetais: revisão integrativa. Brazilian Journal of Health Review, v. 3, n. 6, p. 16639-16653, 2020.

SOARES, Larissa.; et al. Sífilis gestacional e congênita: características maternas, neonatais e desfecho dos casos. Revista Brasileira de Saúde Materno Infantil. Recife, v. 17, n. 4, p. 791-799 out. / dez., 2017. http://dx.doi.org/10.1590/1806-93042017000400010

VIANA FILHO, Laerte. et al Dificuldades na abordagem e manejo da sífilis na gestação. Brazilian Journal of Health Review, v. 3, n. 4, p. 11163-11179, 2020.

APPENDICE – NOTA A PIÈ

3. I Termini del Consenso Libero e Informato – Termo de Consentimento Livre e Esclarecido (TCLE) hanno lo scopo di fornire ai soggetti di ricerca il più ampio chiarimento possibile sull’indagine da svolgere, sui suoi rischi e benefici, affinché la loro disponibilità a partecipare (o meno), sia effettivamente gratuita e cosciente.

4. Unità federativa.

5. Sacco gestazionale.

[1] Master in Sanità Pubblica; Specializzato in Emergenza ICU PSF e Laureato in Infermieristica. ORCID: 0000-0002-5606-2636.

[2] Consulente. ORCID: 0000-0002-5250-2876.

Inviato: Dicembre 2021.

Approvato: Febbraio 2022.

Rate this post
Marly Maria de Santana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita