REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Madri narcisiste: maternità tossica e possibili danni psico-comportamentali ai figli

RC: 140101
1.639
5/5 - (10 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

REVISIONE ARTICOLO

ABREU, Liliane Alcântara de [1], MELO, Natalia Sayuri [2]

ABREU, Liliane Alcântara de. MELO, Natalia Sayuri. Madri narcisiste: maternità tossica e possibili danni psico-comportamentali ai figli. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, Ed. 08, vol. 04, pagg. 15-47. Agosto 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/maternita-tossica

RIEPILOGO

Questo articolo mirava a generare una riflessione teorica sulle madri narcisiste. Il tema è un tabù sociale basato sulla figura immaginaria della madre santificata e, quindi, che presumibilmente non ferisce i suoi figli fisicamente, psicologicamente, emotivamente e/o moralmente con uno scopo continuo. Alla luce delle segnalazioni raccolte – da interviste che generano libri e articoli scientifici – negli ultimi anni da parte di professionisti della salute mentale, è stato possibile fornire dati che queste donne malate stanno producendo in massa altri individui psichicamente malati. In questo modo le autrici si sono poste come domanda guida: come e perché i comportamenti materno-narcisistici possono generare figli con malattie psico-comportamentali? Pertanto, l’obiettivo generale era basato sull’individuazione di come sono costruite e si comportano le madri narcisiste e quali sono le implicazioni psicologiche e comportamentali sui loro figli come vittime dirette di questa relazione materna. L’ipotesi si basava sul presupposto che una madre con disturbo narcisistico di personalità possa avere il suo comportamento potenziato e/o rafforzato di fronte al non riconoscimento socio-familiare della sua richiesta. Pertanto, come metodologia, la ricerca si è basata su diversi autori di supporto, con maggiore enfasi su Silvia Zornig (2010) e Ana Paula Marson (2008), Sigmund Freud (1980; 2004) Melanie Klein (1966; 1991), Donald Winnicott ( 1983), Andrea Ferrari, Cesar Picinini e Rita Lopes (2006), Prado (2004), Karyl McBride (2009; 2011), Fernando González (2015), Liliane Abreu (2021). Inoltre, l’analisi di due interviste può aiutare nella comprensione pratica di questi studi teorici. Di conseguenza e conclusioni, si è capito che le madri narcisiste ei loro figli hanno bisogno di attenzione psicologica per rompere e interrompere i paradigmi di distruzione e manipolazione. È infatti necessario riflettere e discutere su come proteggere queste persone colpite e trattare allo stesso modo queste donne malate, oltre alla necessità di rompere i tabù sull’argomento, generando educazione e discussione sociale. Inoltre, che le autorità pubbliche creino e incoraggino nuove politiche, così come riflettano sul processo della maternità per le donne contemporanee, decostruendo l’ipotetica santità di questo status; inclusa la revisione dei dogmi religiosi costruiti insieme all’emergere del patriarcato.

Parole chiave: Comportamento, Maternità, Narcisismo, Psicologia, Relazione tossica.

1. INTRODUZIONE

Questo articolo si propone di riflettere sul tema delle madri narcisiste. Per questo, era necessario produrre non solo un’immersione nella ricerca teorizzata, ma l’incrocio con resoconti reali derivati ​​da questa esigenza, perché le società nel loro insieme mantengono il tabù della madre immacolata e in uno stato di quasi santità, presumibilmente incapaci di distruggendo i propri figli, e quindi ogni azione più rigida è standardizzata e vista solo come educativa, basata anche su argomenti come “una madre è una madre e va tutto bene”.

Infatti, grazie agli studi che sono emersi sulla base di segnalazioni di individui che si sono ammalati di queste madri, e attraverso l’osservazione e i lavori pubblicati di professionisti della psicologia di fronte a madri con il profilo narcisistico patologico, stanno diventando più visibili e probabile che i loro comportamenti siano mappati.

In questo modo, la domanda guida è stata: come e perché i comportamenti materno-narcisistici possono generare figli con malattie psico-comportamentali? Pertanto, l’obiettivo generale era basato sull’individuazione di come sono costruite e si comportano le madri narcisiste e quali sono le implicazioni psicologiche e comportamentali sui loro figli come vittime dirette di questa relazione materna. Di conseguenza, gli obiettivi specifici sono stati sviluppati nella comprensione della differenziazione di un comportamento materno comune (inteso come normale) da quello psicopatologico; distinguere come si presentano queste madri narcisiste; riflettere su come proteggere le persone colpite e trattare allo stesso modo queste donne malate.

L’ipotesi si basava sul presupposto che una madre con disturbo narcisistico di personalità possa avere il suo comportamento potenziato e/o rafforzato di fronte al non riconoscimento socio-familiare della sua richiesta.

Pertanto, come metodologia, la ricerca si è basata sull’intersezione di sondaggi bibliografici per la discussione teorica. Le autrici hanno cercato il fondamento in Silvia Zornig (2010) e Ana Paula Marson (2008), che presentano la costruzione della comprensione della maternità. Liliane Abreu (2021), Abreu e Natalia Melo (2022) citano la presunta santità materna condotta nel tempo, mentre Bosco Oliveira e Ingrid Oliveira (2009) collaborano alla descrizione del mito di Narciso. Sigmund Freud (1980; 2004) spiega come e quando il disturbo narcisistico compare nell’individuo. Ciò è ugualmente supportato e visto dalla prospettiva di Melanie Klein (1966; 1991) e Hanna Segal (1975), Donald Winnicott (1983) e Alexander Newman (2003), Jacques Lacan di Vladimir Safatle (2007) e Paulo Dalgalarrondo (2019).

Andrea Ferrari, Cesar Picinini e Rita Lopes (2006) hanno dettagliato il processo di investimento libidico di alcune madri durante la gravidanza, e Maria do Carmo Prado (2004) ha parlato dell’evoluzione della condizione che è associata in gravità alla perversità morale. David Zimerman (2004) ha rafforzato il processo psicopatologico con le due disposizioni del narcisista in pelle sottile e pelle spessa. Così, Karyl McBride (2009; 2011) ha contribuito fortemente spiegando i tipi di madri narcisiste, mentre Fernando González (2015) ha attraversato la triade oscura, composta da soggetti psicopatici, machiavellici e narcisistici, e come ognuno si comporta per attrarre partner che fungono da vittime. Nel caso dei narcisisti, i partner scelti danno loro i frutti per soddisfare i loro bisogni in corso: i bambini. Inoltre, Zygmunt Bauman (2008a; 2008b; 2009), Mary Douglas e Baron Isherwood (2009) sono stati citati a sostegno della spiegazione di González (2015), per comprendere brevemente da una prospettiva antropologica come i soggetti narcisistici verrebbero assorbiti e moltiplicati nelle società contemporanei di fronte al rafforzamento della cultura del pronto smaltimento.

Inoltre, verranno portati due resoconti reali di vittime figlie di madri narcisiste per brevi analisi di casi per aiutare nella comprensione pratica di studi teorici e autori di riferimento. Tali casi sono il contenuto di un lavoro di ricerca di due anni di uno degli autori di questo articolo e fanno parte di rapporti completi che sono stati pubblicati in un libro (ABREU, 2021). La brevissima presentazione e discussione di entrambe le interviste sarà fatta qui in un modo senza precedenti e, in questo modo, porterà alla potenziale comprensione di come il narcisismo materno può presentarsi e dei risultati in danno per i bambini.

L’ICD-10 (1993/2011) è stato utilizzato anche come supporto nella teorizzazione. L’incrocio di tutte le informazioni disponibili nel corpo di questo articolo ha permesso di condurre alla riflessione e, infine, alle considerazioni finali.

2. MADRI NARCISISTE: EMERGENZA, TIPOLOGIE E AGGRAVANTI

Per alcuni autori, come Zornig (2010), l’amore tra genitori e figli è stato possibile solo grazie al discorso romantico e all’Illuminismo settecentesco. Attraverso l’ascesa del sentimentalismo, gli accordi coniugali vennero portati avanti da scelte individuali. Ciò ha permesso alla coppia di scegliere il modo migliore per crescere i propri figli, assumendosi così la responsabilità del loro stato emotivo, intellettuale e sociale. L’autore spiega anche che la responsabilità è andata ben oltre la garanzia della sopravvivenza del bambino, iniziando a portare avanti ai figli gli elementi della costituzione psichica dei genitori.

Per lo scrittore la famiglia contemporanea costituisce uno spazio di trasmissione affettiva e simbolica e non può limitarsi alla nascita di un figlio. Valorizzando affettivamente il bambino, i genitori ravvivano i problemi del proprio narcisismo primario, e questo bambino sarebbe un modo per soddisfare i desideri e riparare le ferite narcisistiche dei loro caregiver. Pertanto, la genitorialità è un esercizio svolto molto prima della nascita di un bambino. Attraverso il desiderio e l’immaginazione, molti genitori si scoprono nel processo della gravidanza (che è considerato un processo transitorio). Zornig (2010) indica che il desiderio di avere un figlio è legato ai processi biologici per il mantenimento della specie e all’inconscio, principalmente da parte delle donne, per svolgere il ruolo di madre ed elaborare la propria femminilità.

Cita Golse (2002; apud ZORNIG, 2010) per spiegare che ci sono quattro tipi di fantasie genitoriali sul bambino. Il primo sarebbe il fantasmatico, che riaccende la storia infantile dei genitori. Il secondo si chiama immaginario ed è connesso al fisico immaginato per il bambino. Il terzo è narcisista, legato agli ideali dei genitori. L’ultimo si chiama mitico e ha a che fare con le rappresentazioni sociali che il bambino dovrà fornire in quell’epoca culturale.

Pertanto, non appena nasce un bambino, porta con sé desideri e prospettive creati per riparare i difetti nella vita infantile dei suoi genitori. Zornig (2010) sottolinea che i fantasmi edipici riappaiono anche con lo scopo della riparazione, favorendo la creazione di legami parentali e lo sviluppo affettivo del bambino. Inoltre, il comportamento dei genitori non è linearmente connesso con la storia passata dei genitori, ma con le loro fantasie narrative. Ciò che viene raccontato non sempre è accaduto, poiché la realtà è macchiata dall’immaginazione del soggetto. Questo fa sì che i genitori riconoscano il bambino non solo attraverso la loro esperienza, ma anche attraverso la loro immaginazione.

Quanto al lavoro psichico materno, è necessario che la madre non attraversi una riattivazione del suo passato, ma svolga un’attività di alterità con il bambino. In altre parole, guarda dentro e alla tua infanzia, ma non dimenticare che il bambino è un essere esterno che va oltre le tue rappresentazioni interne. Zornig (2010) spiega che senza questo esercizio di guardare all’alterità, molte madri si perdono, cercano a tutti i costi di conservare l’oggetto perduto e non riescono a guardare il bambino come un essere individuale che merita di avere una propria traiettoria.

Questa mancanza materna potrebbe spiegare la maternità narcisistica. Quando la madre non può condividere le sue fantasie interiori con questo bambino esteriore, reagisce come se il bambino fosse un’estensione del suo essere e dei difetti della sua infanzia.

Il processo gestazionale evoca una serie di processi in una donna, siano essi fisici, emotivi o psicologici. Marson (2008) spiega che alcuni sentimenti persecutori possono essere attivati ​​durante la gravidanza in alcune donne. La madre può immaginare che, quando rimane incinta, sta attaccando la propria madre. Ciò è aggravato dall’immaginazione che qualcuno possa rubare tuo figlio per punirlo. Di fronte a una sequenza immaginaria come questa, la gestante si sente in colpa per la gravidanza e, allo stesso tempo, si sente aggredita. La maternità è, quindi, qualcosa che le donne costruiscono psichicamente e socialmente attraverso i cambiamenti corporei che sperimentano.

Questo autore descrive anche che solo dopo il parto questo bambino, concepito come oggetto di fantasia durante la gravidanza, diventa effettivamente reale. In questo modo, l’incontro con il nuovo e l’ignoto può provocare angosce che generano il sentimento di castrazione e di svuotamento. Un altro aspetto è che quando si verifica un parto prematuro o rischioso, la madre può essere frustrata per non vivere questo momento come previsto. Pertanto, sentimenti di fallimento, incapacità e inferiorità possono sorgere in questa madre che sta affrontando un dolore fantasticato per non essere in grado di generare correttamente il bambino. Tuttavia, affinché questo bambino sopravviva alla risonanza materna, è necessario che la frustrazione ceda il posto al desiderio. Quando il bambino reale differisce dal bambino fantastico, c’è una ferita narcisistica nei genitori che può compromettere lo sviluppo emotivo tra genitori e figli. A seconda della costituzione psichica dei genitori, incolpare il bambino può essere visto erroneamente come una soluzione, innescando però il rifiuto. Di conseguenza, la madre ha difficoltà a trovare la sua identità materna nel bambino, determinando una relazione che necessita di essere risignificata. (MARSON, 2008)

La maternità è una condizione femminile che ancora oggi porta con sé l’immaginario collettivo secondo cui ogni madre è dotata del sentimento di altruismo e amore incondizionato. Sì, molti possono essere arrabbiati e litigiosi, ma di solito saranno vigili e difenderanno i loro piccoli come leonesse. Proprio per questo il periodo gestazionale è contornato da cure e attenzioni rivolte proprio a questa madre e che salva dalla propria ascendenza umana valori che evocano la mitica costruzione del divino. Si dice che le dee, le regine e le eroine siano cariche di questo potere divino quando partoriscono, e nella cultura occidentale questo potenziale è visto in modo più forte nella grande madre Maria, che concepì Gesù. (ABREU, 2021)

Questa comprensione culturale che ha attraversato i secoli e le culture è così presente che ancora oggi si sente comunemente dire nella vita di tutti i giorni: “non importa quello che fa; Lei è tua madre!” Oppure, “una madre è una madre e vuole solo il tuo meglio”. Altra cosa che si può osservare anche – dalla popolazione comune e anche da professionisti del territorio – nei casi giudiziari del tribunale di famiglia in cui la madre viene concretamente denunciata per violenze e maltrattamenti effettivi e forzati nei confronti del figlio, e il padre o altri denuncianti cercano di preservare l’integrità del minore, spesso è la comparsa della frase: “il bambino deve stare con la madre e non con il padre”. Vedi che nonostante il danno fisico e psicologico che questa donna provoca al bambino, socialmente continua ad essere posta come intoccabile (anche se non lo è), e questo causa altri gravi problemi di ampio spettro. (ABREU, 2021)

Abreu e Melo (2022) rafforzano questa comprensione di un aspetto specifico come parte di un costrutto sociale costruito nel patriarcato e rafforzato nel V secolo da sant’Agostino che ogni madre – il presunto livello più alto della figura femminile intesa come dignitosa – dovrebbe essere visto come un simbolismo della Vergine Maria stessa, in quanto è la formattazione della donna immacolata, (quasi) perfetta e presumibilmente priva di qualsiasi intenzione o distorsione parallela del male che potrebbe ferire o distruggere i bambini. Tali concezioni furono unificate con le leggi del diritto romano – Corpus Juris Civilis o codice di Giustiniano I -, imposte da Giustiniano I nel V secolo, in cui la condotta sociale prevista dal diritto era quella dell’obbedienza e della riproduzione da parte di donne, intese come mere procreatrici. Questa e altre condotte aggiunte rafforzarono questa concezione di una madre intoccabile.

Ma, per comprendere tutto questo processo sul narcisismo, è prima necessario approfondire la leggenda di Narciso stesso per finire nel disturbo psicologico.

Narciso era filho do deus do rio Cefiso e da ninfa Liríope. Rege a lenda que era um jovem belíssimo, mas, extremamente orgulhoso, arrogante, vaidoso e insensível, e que desprezava todos que tentavam aproximar-se dele, inclusive as ninfas (e especificamente Eco, que na época foi castigada e só conseguia repetir as últimas palavras que ouvia de alguém). Assim, elas pediram que os deuses dessem uma lição ao rapaz. Afrodite lançou-lhe o castigo de apaixonar-se por seu próprio reflexo nas águas do lago da ninfa Eco. Narciso passava todo tempo contemplando sua autoimagem e dizia “Você é lindo”, sem perceber a presença de Eco, que repetia “Lindo…lindo…lindo”. Narciso achava que a pessoa nas águas (ele mesmo) estava respondendo. Ele definhou diante de seu amor e acabou cometendo suicídio se jogando no lago e se afogando. Depois de sua morte, Afrodite o transformou na flor narciso. (OLIVEIRA e OLIVEIRA, 2010)

Per Freud (1980), la relazione fisica e psichica del neonato con i suoi caregiver può produrre comprensioni di impotenza che si riverberano in profonde angosce psichiche e hanno un impatto sulle pulsioni. Comprendeva e chiamava questo processo di impotenza primaria, ed era anche direttamente collegato al narcisismo primario dell’individuo. L’impotenza secondaria verrebbe come conseguenza di questa angoscia, facendogli rivivere quella sensazione, innescando il narcisismo secondario. Freud (2004, p. 98) affermava che non si tratta “di una nuova condizione, ma, come sappiamo, dell’amplificazione e della spiegazione di uno stato che già esisteva prima”.

Questo autore distingue anche la libido narcisistica e oggettuale. Conosciuta come amor proprio, la libido narcisistica è inversamente proporzionale alla libido oggettuale. Mentre l’uno aumenta, l’altro diminuisce, quindi, quanto più amore oggettuale (l’amore dell’altro), tanto meno amore in sé. Più amore per se stessi, meno amore per l’oggetto. Pertanto, lo stato autoerotico consuma la libido dell’oggetto, e quindi non rimane abbastanza libido da investire nell’oggetto amato. Si verifica anche il contrario, poiché l’amore oggettuale consuma la libido, facendo sì che l’atteggiamento narcisistico del grande amore stesso venga ignorato.

Dalgalarrondo (2019) afferma che il narcisismo come patologia è inteso come l’amore dell’individuo per se stesso. Ciò è supportato da diversi teorici come Freud (1980; 2004), Lacan (SAFATLE, 2007), Klein (1991; 1966; SEGAL, 1975), Winnicott (1983), Zimerman (2004) e Prado (2004). Tutti questi autori spiegano che, di fronte all’aggravamento, lo sviluppo del disturbo narcisistico di personalità è un tipo di struttura psichica – come la pedofilia, il sadismo, la psicopatia, l’autismo, la schizofrenia e altri –, e ha letture di profilo molto specifiche livelli di gravità ancora presenti. Altri, come M. Mahler (1975; apud ZIMERMAN, 2004), concordano con gli studiosi già citati che il disturbo si manifesterebbe nell’individuo ancora neonato, nella fase di separazione e individuazione, che equivale all’emergenza del sé psichico. (ABREU, 2021)

Klein (1966; 1991; SEGAL, 1975) è stato uno di quei ricercatori che hanno rafforzato questa comprensione dell’individuazione, ed è stato lo psicoanalista pioniere a lavorare specificamente con l’infanzia, sviluppando così l’idea che la psiche abbia origine dal legame della madre con il bambino. Ha anche individuato che tutti i punti del secondo tema (Es, Io e Super-Io) di Freud (1980; 2004) sarebbero presenti nell’individuo fin dalla tenera età, e sarebbero responsabili del primo sviluppo psichico.

Per l’autore, il Super-Io si formerebbe fin dall’inizio della vita, e, quindi, prima del Complesso di Edipo freudiano. Inoltre, il Superego non sarebbe solo un censore, ma potenzialmente sadico e crudele. Pertanto, secondo l’autore, la posizione schizo-paranoide regolarizza i primi tre mesi di vita e sarebbe il demarcatore durante questo periodo.

In questo modo, e secondo la Klein (1966; 1991; SEGAL, 1975), in un primo momento il bambino ha un’angoscia persecutoria nei confronti della madre, ha cioè paura di essere aggredito dal suo primo oggetto d’amore e come forma di rappresaglia per aver tentato ipoteticamente di distruggere il corpo di questa madre. Il bambino deve fare i conti con il rapporto tra il seno buono e il seno cattivo. Questo sarebbe legato a sistemi di ricompensa: quando si nutre bene, ha il seno per allattarla; quello sarebbe il seno buono. Il seno cattivo è tutto ciò che provoca angoscia e sentimento di persecuzione. Ciò si verificherebbe, ad esempio, quando la madre allatta rapidamente a causa di un impegno o di qualsiasi altro fattore. (ABREU, 2021; ABREU e MELO, 2022)

Questo tema dell’allattamento al seno è estremamente importante bilateralmente, ma per il bambino sarà fondamentale creare il legame affettivo, allo stesso modo in cui questo legame verrebbe interpretato. E quando si tratta di allattare, non è necessariamente il seno fisico della madre, ma anche il biberon. Qui può essere inteso come quel momento di scambio affettivo in cui la badante può dedicare minuti di attenzioni al bambino, e di solito ricambia guardando e passando la mano sul viso e/o sulla schiena di chi lo sta allattando (con seno o biberon). Un altro punto importante nella formazione della psiche del bambino sarebbe legato all’io (ego) che si protegge dall’angoscia con il meccanismo di difesa.

Quindi, per Klein (1991; 1966; SEGAL, 1975), in un primo momento, sarebbe l’angoscia depressiva in cui l’io si sentirebbe in colpa per la pulsione aggressiva, cioè quel frammento in cui il bambino prova rabbia contro l’oggetto amato (la madre) cercando di distruggerlo, il che porta al momento successivo di rimpianto e di provare angoscia. Come secondo fattore, ci sarebbe un aumento dell’integrazione con la madre negli aspetti buoni e cattivi, rafforzando la questione del seno buono e cattivo. Questo porterebbe al terzo pensiero che, attraverso il meccanismo di difesa, ci sarebbe una riparazione del dolore delle fantasie aggressive con oggetti amati. Ci sarebbe qui un’integrazione affettiva, in cui il bambino accetterebbe la madre e lei diventerebbe veramente reale.

Winnicott (1983; NEWMAN, 2003) è un altro autore che solleva la questione del narcisismo, ma sia dal punto di vista della madre che del bambino. Nelle sue riflessioni attraverso la prospettiva dei bambini, afferma che c’è una rottura traumatica dell’individuo con se stesso a causa della rottura della sua fiducia durante la cura della madre, cosa che concorda con Klein (1966; 1991; SEGAL, 1975 ). Il bambino avrebbe paura dell’annichilimento, e per questo creerebbe un meccanismo di difesa rivolto a se stesso, quindi valorizzando il proprio Sé senza riconoscere l’altro e se stesso come individui indipendenti, il che innescherebbe in questo bambino il narcisismo.

Quando il narcisismo viene presentato attraverso il pregiudizio materno, vediamo quella madre che ha ricevuto un’attenzione molto più forte durante il periodo gestazionale e si è differenziata dagli altri momenti della sua vita. Ciò farebbe sì che alcune di queste madri trasferissero questo sguardo su se stesse, direttamente sul bambino, costruendo la percezione che sarebbero un unico individuo, pur sapendo di essere due esseri. (WINNICOTT, 1983; NEWMAN, 2003)

Pertanto, i disturbi della personalità sono disturbi che incidono gravemente sul comportamento, ma suddivisi in tre blocchi di differenziazione dall’Organizzazione Mondiale della Sanità attraverso la descrizione dei Disturbi della Personalità e del Comportamento (ICD-10, 1993/2011). Si presentano, ad esempio, nel Disturbo Narcisistico (o Disturbo Narcisistico di Personalità) e nel Disturbo Antisociale di Personalità (o psicopatia e sociopatia, come vengono più comunemente chiamate).

Estes tipos de condição (Transtornos de Personalidade) abrangem padrões de comportamento profundamente arraigados e permanentes, manifestando-se como respostas inflexíveis a uma ampla série de situações pessoais e sociais. Eles representam desvios extremos ou significativos do modo como o indivíduo médio, em uma dada cultura, percebe, pensa, sente e, particularmente, se relaciona com os outros. Tais padrões de comportamento e funcionamento psicológico. Eles estão freqüentemente, mas não sempre, associados a graus variados de angústia subjetiva e a problemas no funcionamento e desempenho sociais. (CID-10, 1993/2011, p. 196. Títulos de F60 a F69)

Essendo un gesto necessario e comune per lo sviluppo, il narcisismo è necessario affinché avvenga l’amore oggettuale; il problema è proprio quando diventa un disturbo. Ferrari, Lopes e Picinini (2006) affermano che quando il bambino è amato dai genitori e questi assolvono alla funzione affettivo-emotiva dell’accoglienza, è in grado di compiere lo smembramento autoerotico. Pertanto, per trasformare l’altro in un oggetto amato, uno deve essere stato un oggetto amato.

Un soggetto che non è stato preso da investimenti amorosi durante tutto il suo sviluppo infantile non è in grado di effettuare lo smembramento autoerotico, e quindi può non essere in grado di investire obiettivamente la propria libido. Con ciò, è solo capace di amare narcisisticamente. L’io diventa schiavo di se stesso come oggetto sessuale.

Ferrari, Lopes e Picinini (2006) spiegano che durante la gravidanza c’è un sovrastimato investimento narcisistico della gestante da parte del feto. Essendo legato a una creazione del proprio corpo, questo movimento porta la donna incinta a proiettare il suo amore su un frutto che può poi diventare un’estensione di se stessa.

Dopo la gravidanza, nel primo momento della genitorialità, la libido è vista come oggettuale e narcisistica allo stesso tempo. Entrambi i meccanismi sono presenti perché è un oggetto visto come un’estensione dei genitori e allo stesso tempo autonomo. A poco a poco, man mano che il bambino si sviluppa, l’investimento oggettuale diventa evidente ed è privilegiato a scapito del narcisista genitoriale. (FERRARI, PICININI, LOPES, 2006)

Qui possiamo recuperare le spiegazioni di Zornig (2010) e Marson (2008), poiché sono analoghe alla comprensione di Ferrari, Lopes e Picinini (2006). Questi ultimi autori affermano che mentre la donna incinta ha il bambino nel suo corpo, esso è narcisisticamente investito. Ma, dopo il parto, alcune madri possono sentirsi come se fossero state castrate, poiché l’attenzione che prima era loro dedicata ora è rivolta solo ai bambini. Quando le madri non sono accudite con dedizione, il bambino può non ricevere la necessaria cura dell’oggetto perché non è investito a livello libidico. Ciò può avvenire a causa della frustrazione materna, che non vede più il bambino come fonte di soddisfazione narcisistica e oggettuale. Se questa madre ha già il marcatore del Disturbo Narcisistico di Personalità prima, tutto peggiora.

Pertanto, il narcisismo materno appare come una condizione patologica quando il bambino viene utilizzato come strumento oggetto per soddisfare frustrazioni personali. Inoltre, al momento stesso della nascita del bambino, le attenzioni che la madre riceveva in precedenza esclusivamente sarebbero passate al bambino. Pertanto, questa donna che sviluppa il narcisismo materno troverebbe un’altra motivazione per richiamare l’attenzione su di sé attraverso il bambino, proiettando la propria immagine sul bambino mentre cresce. Ciò può ancora essere rafforzato nel testo di Prado (2004), che spiega l’evoluzione della situazione ed è associato per severità alla perversità morale.

A perversão narcísica se apresenta então como um modo particular de se proteger dos conflitos internos, à custa do meio. Consiste na evitação do impacto promovido por sentimentos de luto, angústia, desilusão e separação, tratando de colocar ativamente sobre alguém as dores, as dificuldades e os conflitos vinculados àqueles sentimentos. O referido autor propõe que as tarefas psíquicas repelidas pelo sujeito e que seu ego não tem condições de assumir, vão cair inevitavelmente sobre os ombros de um outro. Assim, a perversão narcísica é um modo particular de se proteger dos conflitos internos, fazendo-se valer à custa desse outro – ou de muitos outros, como pode ser o caso nas patologias sociais. Racamier (op. Cit.) vai dizer que, para o perverso narcísico, não é que o outro não exista, ele existe, mas lhe é negado qualquer valor. (RACAMIER, 1988; apud PRADO, 2004, p. 16)

Questa proiezione di se stessi sul bambino può essere parzialmente visibile nelle madri che vestono le loro figlie con gli stessi abiti che indossano, come se fossero due prototipi in scala: uno grande e l’altro piccolo. Un altro esempio, molto più aggravante, sono i concorsi di Miss Mirim, molto popolari negli Stati Uniti d’America, in cui i bambini dai 4 anni vengono vestiti, truccati, adornati e insegnati a posare e comportarsi come donne adulte, sessualizzando le ragazze chi dovrebbe preoccuparsi solo di giocare. Ragazze che all’età di 8 anni stanno ricevendo un trattamento antirughe e sono già fissate per sottoporsi a chirurgia plastica. Il comportamento di queste madri mostra un’enorme frustrazione di fronte a ciò che non sono mai state, ma che vedono nelle loro figlie la loro immagine applaudita, lodata e acclamata, soddisfacendo i loro desideri e desideri repressi durante la loro vita, anche a spese di questi bambini. C’è anche il caso di madri che si pongono come donne uniche nelle relazioni dei loro figli (giovani o adulti), instillando in questi uomini l’ampia percezione che la scelta per la madre a scapito delle loro relazioni amorose sia una loro decisione.

Questo comportamento dei narcisisti – donna o uomo, sì, anche quest’ultimo può comportarsi allo stesso modo di un padre, ma in misura minore – usare gli altri come specchi per soddisfare le proprie angosce e frustrazioni è molto presente, in quanto hanno molti paure radicate, tra cui l’invecchiamento e/o l’abbandono: la percezione della maestà è essere (sempre) giovani e avere qualcuno che ti serve. Nella divisione del grado patologico, Zimerman (2004) li definisce diversamente come “pelle spessa” e “pelle sottile”. Tuttavia, ogni narcisista “dalla pelle spessa” era precedentemente “dalla pelle sottile”, il che mostra un’evoluzione del quadro in assenza di cure psicoterapeutiche. Va inoltre sottolineato che il narcisismo raggiunge le tre strutture di personalità (nevrosi, psicosi o perversione) e livelli diversi, ma quando si potenzia specificamente come disturbo, è perché il soggetto è specificamente all’interno delle perversioni.

Narciso pele fina e de pele grossa. Rosenfeld (1987) propôs uma classificação das pessoas narcisistas em dois tipos, que ele denomina como sendo os de “pele fina” – que são supersensíveis, altamente melindráveis e com uma extrema vulnerabilidade da sua autoestima, embora seja evidente que o papel de vítima lhes assegure a manutenção do poder por meio do recurso da fraqueza – e os narcisistas de “pele grossa” – que, pelo contrário, são arrogantes, em uma constante atitude defensivo-agressiva, permitindo pouca acessibilidade psicanalítica. Na verdade, a experiência clínica ensina-nos que a pele grossa sempre está encobrindo, dissimulando e protegendo uma, subjacente, pele fina, enquanto, ao mesmo tempo, é justamente a pele fina que, para evitar as dores das velhas feridas narcisistas, constrói uma espessa cicatriz pele grossa. (ZIMERMAN, 2004, p. 256-257)

Questa percezione utopica di se stessi attraverso l’altro è portata anche da Bion (1962; apud ZIMERMAN, 2004; apud ABREU, 2021) riferendosi al fatto che il narcisista fugge dalla verità, e quindi si proietta sul suo oggetto bersaglio, per proteggersi da rifiuto. Pertanto, è anche il profilo aggravato che più costantemente rifiuta di sottoporsi a un trattamento psicologico e, se lo fa, semplicemente lo interrompe e smette di andare alle sedute non appena inizia a confrontarsi con se stesso.

Un autore che pone molto puntualmente il tema della madre narcisista è McBride (2009; 2011). Ha diviso le madri narcisiste in sei profili molto caratteristici, che, come tutta la morbilità, possono essere unici o unificati con altri profili psicopatologici esistenti nell’ICD-10 (1993/2011):

  • Stravagante-estroverso (The Flamboyant-Extrovert): è caratterizzato da una madre e una facciata teatrali. Quella donna sempre allegra e di buon umore, capace di organizzare e/o partecipare a feste ed eventi, e che attualmente posta foto dei suoi figli sui social network dicendo che ama intensamente i suoi figli, creando una facciata di premurosa e presente. Ma non è così, perché non le importa dei suoi figli. È molto simile nel comportamento al profilo del male segreto.
  • Orientata alla realizzazione (The Accomplishment-Oriented): questa è la madre inquadrata nell’esempio che è stato dato in precedenza sulle bambine statunitensi. Vogliono risultati pubblici dai loro figli, che possano dimostrare il loro merito come madre. Titoli e medaglie in settori come gli studi, lo sport o qualsiasi altra pratica del genere sarebbero il riflesso del suo sforzo materno, poiché il fallimento del bambino è inaccettabile e impatta sulla reattività basata sulla rabbia per il bambino.
  • Psicosomatica (The Psychosomatic): è la madre che cerca commozione e attenzione simulando malattia e dolore tutto il tempo, e anche se ha qualcosa, si presenterà in costante e maggiore sofferenza di quanto non sia in realtà. Se un’altra persona appare effettivamente malata nelle vicinanze, quella madre presenterà qualche lamentela che genera qualcosa di peggio per distogliere l’attenzione su se stessa.
  • Dipendente (The Addicted): Sarà cucita con sostanze che creano dipendenza e alcol per richiedere un’attenzione costante da suo figlio (più comunemente adolescente o adulto). E indipendentemente dall’età del bambino (anche un bambino), il suo comportamento è considerato narcisistico, anche quando è sobria, poiché la sua priorità è focalizzata sulla droga.
  • malvagia segreto (The Secretly Mean): il suo profilo è molto simile a quello stravagante-estroverso. Ha una facciata di madre e moglie affettuose e pro-bambino, ed è generalmente allegra e di buon carattere con gli estranei. Tuttavia, dalla porta di casa all’interno, impreca, urla e/o picchia continuamente i bambini, le sue punizioni vanno oltre la razionalità e fa pulire la casa ai bambini – anche se di 4 anni – al suo posto come se fossero adulti, imputando aggressioni fisiche e psicologiche di ogni tipo. Si presenta esattamente come una persona equilibrata fuori casa, ma è sbilanciata dentro casa (una tantum o consecutiva, può variare), diluendo questa percezione a terzi nella giustificazione comportamentale di “educatrice rigorosa”. I bambini la temono, ma il suo comportamento antagonista lascia i bambini molto confusi, inclusa una percezione errata di cosa sia l’amore.
  • (The Emotionally Needy): qui è il bambino (bambino o adulto) che si prende cura della madre. È una donna che va oltre il bisogno in relazione ad altri profili narcisistici. È la presunta malata che si mette nella posizione di non poter mai essere lasciata sola, chiedendo molta attenzione e lavorando come la sua parola è legge, ma può presentare un discorso contrario affermando che alleva i suoi figli per il mondo. Può essere visto più comunemente nelle madri che interferiscono con una costanza irragionevole e/o rovinano tutte le relazioni dei loro figli adolescenti e adulti, indipendentemente dal sesso, ma molto più evidente con quelli del genere maschile. (MCBRIDE, 2009; 2011)

Si può anche indicare una tipologia non presentata da McBride (2099; 2011), ma che può diventare una miscela e un dispiegamento di queste, poiché è probabile che si verifichi questo tipo di aggregazione, vedi altre tipologie come il disturbo antisociale di personalità. C’è nel narcisismo, ad esempio, quelle madri che usano la malattia, le disabilità o le disgrazie dei loro figli – in quest’ultimo caso, come vittime di violenza sessuale – per ricevere elogi da madri devote e forti, e rendendo l’esposizione di questi bambini un centro dell’attenzione per te. Tuttavia, lontano dalla vista di terzi, questo amore apparentemente incondizionato e preoccupato è in realtà solo una facciata, e talvolta utilizza pratiche di abuso nella vita di tutti i giorni. Ancora una volta, viene rafforzato il fatto che non ci stiamo riferendo qui a madri che sono veramente interessate e attive nella cura dei propri figli, e che possono anche alla fine sentirsi stanche o arrabbiate, ma stiamo citando un comportamento costantemente distorto che precipita come indicatore di disturbo narcisistico.

Va notato che, in quanto madri, le persone con disturbo narcisistico che presentano questa condizione dannosa per i propri figli vengono rilevate solo a fronte di un breve contatto con una persona esterna che in qualche modo ha accesso all’intimità della famiglia, o attraverso la convivenza di qualcuno chi può assistere a tali azioni e dissimulazioni comportamentali. Questa situazione caotica può durare anni senza che nessuno fuori casa sappia cosa sta succedendo; anche perché, generalmente, il partner del narcisista viene ugualmente costretto (anche subdolamente) e manipolato al silenzio, che pure, a seconda dei casi, può configurarsi come mera connivenza di quel partner.

C’è un’aggravante nell’estensione temporale. Queste madri narcisiste possono un giorno diventare nonne e il processo tende a ripetersi con i nipoti. Nella contemporaneità di Internet, è tangibile l’osservazione e l’analisi comportamentale, accompagnare alcune di queste donne in questi due tempi generazionali, ad esempio, commercializzando l’immagine volutamente sensualizzata di figlie o nipoti, ragazze sotto gli 11 anni, alla ricerca di commenti di supporto e lodi da parte delle persone inserite nei loro profili personali sui social network. In questo caso, qui non si punta alla pubblicazione di comuni immagini quotidiane, ma alla famigerata commercializzazione di minori come oggetto sessuale, come se fossero una donna adulta in pose ed espressioni facciali in seduzione e invitante sesso. La condotta è estremamente preoccupante e scomoda, in quanto potenziale esca per predatori sessuali di minori, e non lontana dagli abusatori e stupratori sessuali intrafamiliari fortemente segnalati da Abreu (2021). Se, in quanto madri, queste donne non avevano la possibilità di agire in tal modo, esponendo i minori alle loro cure come Lolita, poiché la tecnologia dell’epoca non supportava un’espansione del sé con tali ripercussioni spaziali, oggi e nel posizione dei nonni, questo comportamento potrebbe essere potenziato.

I bambini stessi a volte comprendono la manipolazione di questa madre quando raggiungono l’adolescenza, ma a seconda di come si comporta questa matriarca, rende impraticabile la reazione di distacco del bambino attraverso manovre, ricatti e/o vittimizzazione (che, tra l’altro, sono costanti), ma che passano inosservato come tale dal gruppo familiare. Inoltre, se il narcisista ha altre comorbidità – come la psicopatia e/o il machiavellismo, per esempio –, l’effetto è catastrofico. Le sue smentite difensive di fronte al confronto in caso di denuncia per maltrattamento di minori a carico in cause legali, sono presentate in materiali precedentemente assemblati (foto, video e audio) che la sua condotta è presumibilmente perfetta, piena di amore e dedizione.

González (2015) porta una riflessione sugli individui portatori della triade di narcisismo, machiavellismo (o personalità manipolativa) e psicopatia (insieme o isolata), da lui anche chiamata “personalità oscure”, e che qui si inserisce, anche come parallelo di migliori comprensione. Il tuo articolo è un’analisi generale e prende le distanze dalle condizioni patologiche (a livello primario e secondario, che sarebbero più gravi), rimanendo nell’ambito subclinico. Secondo l’autore, queste immagini più accentuate aiutano a comprendere quelle più miti e le personalità da sole a livello comparativo. Usa la psicopatia stessa come esempio di questi livelli di gravità: “Il primario rappresenta gli aspetti insensibili degli atteggiamenti degli psicopatici, mentre il secondario costituisce gli aspetti criminali e antisociali della psicopatia”. (JONASON, LYONS e BETHEL, 2014; apud GONZÁLEZ, 2015, p. 255)

Il suo articolo, quindi, esamina la psicologia evolutiva con fondamenti in Darwin e in diversi autori nella comprensione che alcuni individui possiedono queste “personalità oscure che possono prosperare come parassiti sociali e che la teoria evolutiva può prevedere questi sottogruppi di predatori” (FURNHAM; RICHARDS e PAULHUS, 2013; apud GONZÁLEZ, 2015, p.255-256). Questa percezione è piuttosto spaventosa, ma guardando attraverso il prisma delle persone che diventano bersagli di questi soggetti, il confronto può calzare perfettamente.

L’autore torna all’informazione che gli individui che compongono specificamente questa triade, sviluppano uno stile di vita caratterizzato da una mancanza di autocontrollo, tendente ad avere brevi relazioni affettive – anche i loro rapporti sessuali sono estremamente veloci -, e il loro egoismo è latente. Inoltre, González (2015) informa anche che le persone portatrici di machiavellismo e narcisismo finirebbero per essere assorbite e accettate più inosservate dalle società attuali, proprio a causa della cultura del rapido smaltimento dal punto di vista sociale e antropologico di fronte alla società dei consumi descritta di autori come Zygmunt Bauman (2008a, 2008b, 2009), Mary Douglas e Baron Isherwood (2009) e altri, che riflettono sul mondo contemporaneo.

Questo insieme di comportamenti guidati dal consumismo estrapolato servirebbe da scudo protettivo per queste due personalità primordiali (narcisismo e machiavellismo). Tuttavia, i tratti della personalità psicopatica sarebbero più evidenti in un caso isolato e avrebbero più difficoltà a passare inosservati, il che potrebbe escludere determinate conquiste e partner come possibili bersagli. Tuttavia, ciascuna di queste tre personalità – anche indipendentemente, e, quindi, si possono immaginare i risultati della raccolta di tutte in un unico soggetto – svilupperebbe modi di avvicinarsi e sfruttare i loro potenziali obiettivi, il che rende ugualmente queste personalità altamente adattabili a ambienti.

González (2015) porta anche la demistificazione che solo individui molto intelligenti tenderebbero o presenterebbero comportamenti di manipolazione e sfruttamento sociale come in questa triade. Evoca la ricerca di O’Boyle et al. (2013; apud GONZÁLEZ, 2015) che ha attestato che ci sarebbe un comportamento compensativo in alcuni soggetti con svantaggi cognitivi, e proprio incoraggiando queste pratiche di manipolazione. Secondo González (2015, p. 257), “(…) ci sarebbe un’associazione positiva tra la manipolazione emotiva, ma non correlata all’intelligenza emotiva”.

L’autore sostiene che le persone con un’intelligenza emotiva veramente elevata tendono a presentare più comunemente un carattere positivo, affettuoso, gentile e altruista di alta gentilezza (GONZÁLEZ, 2015). D’altra parte, quei soggetti che hanno effettivamente le cosiddette personalità oscure – che aggiungono la triade di psicopatia, narcisismo e machiavellismo – possono usare le loro capacità di intelligenza emotiva nella simulazione per manipolare altre persone e usarla per scopi malevoli e dispregiativi diffusi danno, compreso l’inganno e lo sfruttamento degli altri.

L’autore riferisce che la bassa empatia è una caratteristica centrale nella psicopatia negli uomini (PAULHUS e WILLIAMS, 2002; apud GONZÁLEZ, 2015) e nel narcisismo nelle donne (JONASON et al. 2013; apud GONZÁLEZ, 2015), e quindi queste richieste sono presentate diversamente negli uomini e nelle donne. Questa informazione è di fondamentale importanza quando si interseca con il fenomeno basato sulle madri narcisiste. Ciò significa che quando uomini e donne narcisisti vengono livellati, queste donne hanno livelli empatici inferiori rispetto agli uomini con lo stesso disturbo.

Giammarco e Vernon (2014) argumentam que o maquiavelismo e a psicopatia são caracterizados pela vingança emocional. O maquiavelismo e a psicopatia também apresentavam baixa compaixão, baixa aceitação de perspectivas e baixa preocupação empática. Ao relacionar a Tríade com a empatia e a alexitimia (Jonason & Krause, 2013) descobriram que a psicopatia estava associada a empatia limitada geral, dificuldade em descrever sentimentos e pensamento voltado para o exterior. O narcisismo foi associado a empatia limitada e dificuldade em identificar sentimentos afetivos, enquanto o maquiavelismo foi associado ao pensamento voltado para o exterior. Em outro estudo (Cairncross, Veselka, Schermer & Vernon, 2013), os resultados revelaram que a alexitimia estava associada positivamente com psicopatia e maquiavelismo, e negativamente associada com narcisismo. Uma análise genética comportamental mostrou que as correlações fenotípicas foram atribuídas principalmente a fatores genéticos comuns e fatores ambientais comuns não compartilhados. (GONZÁLEZ, 2015, p. 258. Tradução nossa) [3]

Oltre alla limitazione empatica, al narcisismo si associa anche l’impulsività funzionale che porta l’individuo a correre maggiori rischi sociali, al contrario della psicopatia, che si presenta come impulsività disfunzionale per scarsa regolazione, cioè il soggetto diventa più riservato. Il machiavellismo, invece, non è legato ad alcun tipo di impulsività (JONES e PAULHUS, 2011, 2009; apud GONZÁLEZ, 2015).

Proprio a causa di questa impulsività narcisistica di mostrarsi socialmente, c’è una tendenza delle donne con questo disturbo a non rifiutare la maternità – e il narcisismo si intensifica durante la gravidanza, come riportato in precedenza in questo articolo –, anche perché è direttamente congruente con i loro desideri di avere un soggetto perpetuo: i mariti non sono sempre per sempre; I bambini sono. Per l’autrice, nel caso di donne narcisiste che diventano madri, il genitore prescelto e la procreazione racchiudono uno specifico livello di calcolo della distinzione sociale, in quanto un determinato figlio può anche essere inteso come un trofeo di attenzione rivolto a questa donna. C’è una sottile dicotomia percettiva, perché se alcuni vogliono questo bambino come oggetto di ricompensa, altri in realtà non vogliono alcun figlio, ma anche così accetteranno questa posizione di ostentazione filiale per qualche motivo per loro sensato oltre a quelli che sono già stati descritti in questo articolo. La piccola sottigliezza delle motivazioni del desiderio può, in ipotesi, generare anche la differenza di postura nel potenziamento di comportamenti distruttivi nei confronti del bambino.

Black, Woodworth & Porter (2014) afirmam que personalidades sombrias têm maior probabilidade de perceber suas vítimas como desagradáveis, com baixa autoestima, muito neuróticas, deprimidas e ansiosas. Os psicopatas geralmente percebem seus alvos como menos pessoais, altamente neuróticos, deprimidos e ansiosos. Os maquiavélicos percebem seus alvos mais neuróticos, ansiosos e deprimidos. Finalmente, os narcisistas percebem seus objetivos como baixa abertura para novas experiências, conscientes, extrovertidos e altos em depressão. (GONZÁLEZ, 2015, p. 259. Tradução nossa) [4]

D’accordo con gli altri autori già citati in questo articolo, González (2015) afferma che a fronte di vari studi e ricerche, è noto che gli individui che ospitano una di queste tre personalità sono dotati di inibizione morale, cioè minimizzano o non si cura di alcun senso morale. Inoltre, il loro senso di giustizia è distorto.

I tratti del machiavellismo, insieme alla psicopatia, porterebbero al soggetto la probabilità di un comportamento violento. Queste due personalità e il narcisista (anche se separati) si presentano socialmente come individui seducenti e attraenti, ed è proprio questo che attrae i loro target sessuali. Secondo i ricercatori, dei tre, quello con il maggior potere di attrazione è il narcisista, e per presentare il profilo psicologico del bisogno di un soggetto più a lungo del machiavellico e dello psicopatico (che scartano più facilmente le loro conquiste sessuali). Inoltre, la triade utilizza la costante eliminazione di concorrenti e rivali (soprattutto sessuali), sia con mezzi scortesi (machiavellici e psicopatici) sia mettendo in ombra la superiorità (narcisisti), e sono comunemente circondati dall’abitudine di mentire. Sono soggetti che succhieranno quanto possono da terzi (privati ​​o anche aziende), ma daranno poco o nessun ritorno.

Para Baughman, Jonason, Lyons e Vernon (2014), psicopatas e maquiavélicos estão ligados à propensão a mentir em diferentes contextos, incluindo relações sexuais e desonestidade acadêmica. Esses autores argumentam que os psicopatas experimentam mais emoções positivas relacionadas à mentira, e os maquiavélicos têm uma quantidade maior de esforço cognitivo associado ao engano. Jonason, Lyons, Baughman & Vernon (2014) descobriram que psicopatas e maquiavélicos estavam ligados a contar mais mentiras; a psicopatia estava associada a contar mentiras sem motivo, e o maquiavelismo estava associado a contar mentiras inocentes. O narcisismo, por outro lado, estava ligado à mentira para ganho pessoal e à capacidade declarada de mentir. Jonason, Wee, Li & Jackson (2014) estudaram interesses vocacionais em relacionados com as características da Tríade, e encontrou psicopatas estão mais interessados em carreiras realistas e práticas, narcisistas, carreiras artistas, empresários e socialistas, e maquiavélicos estão mais interessados em evitar carreiras do que envolvem cuidar dos outros. (GONZÁLEZ, 2015, p. 260. Tradução nossa) [5]

Queste personalità sono ancora costantemente promosse, specialmente nei nostri tempi contemporanei di Internet, e ancora una volta può essere rafforzato da Bauman (2008a, 2008b, 2009). Lui e González (2015) sostengono che anche gli psicopatici e i machiavellici che prima si mantenevano più riservati, ora si riconoscono al sicuro usando lo schermo come scudo di sicurezza. Proprio per questo motivo, le tre personalità si sentono motivate ad interagire con altre persone attraverso i social network per monitorare i propri target, creando rapporti di interazione rapidi e nuovi, e dichiarando ogni tipo di pensiero o ipotetica opinione che possa anche favorire l’aggressività, ed inoltre, mostrando bassa autocontrollo. Il tutto però è camuffato da comportamenti spesso non filtrati e senza limiti su ciò che si può fare su internet. González (2015) conclude categoricamente che la triade ha guadagnato spazio per migliorare le proprie pratiche e intensificare le proprie personalità oscure: si stanno evolvendo, ma non da una prospettiva positiva, ma da una prospettiva socialmente negativa e inquietante.

Per tutti questi fattori, González (2015) porta la sua preoccupazione per la formazione della personalità fin dall’infanzia, e che sì, ricade inevitabilmente su questa figura femminile con disturbo narcisistico come genitore a cui si concentra questo articolo. Spiega specificamente alcuni punti sollevati nella ricerca sull’origine di queste personalità:

Em relação ao cuidado à infância e à Tríade (Jonason, Lyons & Bethell, 2014), verificou-se que a baixa qualidade dos cuidados maternos leva ao maquiavelismo e aos aspectos do narcisismo, como pretensão / exploração e liderança / autoridade quando do apego seguro não ocorre. O cuidado paterno de baixa qualidade leva à psicopatia secundária, e o cuidado paterno de alta qualidade tem sido associado à dimensão de pretensão / exploração do narcisismo. Por outro lado, na relação entre a teoria da mente e o apego (Riquelme, Henríquez & Álvarez, 2003), descobriu-se que o cuidado da infância tem um impacto importante no processo de mentalização. A teoria da mente aparece como conceito na obra de Premack & Woodruff (1978), definida como a capacidade de compreender, prever e explicar o comportamento humano em termos de estados mentais internos. Em estudos que relacionam a teoria da mente à Tríade (Stellwagen & Kerig, 2013), observou-se que nas crianças de sexta e sétima série o narcisismo está positivamente associado à teoria da mente, e que traços de insensibilidade, sem emoção, são negativos associado à teoria da mente. Por outro lado, impulsividade e maquiavelismo não estariam relacionados à teoria da mente. (GONZÁLEZ, 2015, p. 257. Tradução nossa) [6]

E concludo con una riflessione:

(…) ao revisar estudos que investigam o cuidado da infância e a Tríade (Jonason, Lyons & Bethell, 2014), foi sugerido que a qualidade do cuidado parental leva a padrões de apego que podem levar aos diferentes aspectos da Tríade, o que é um indicador importante que no início, o cuidado da infância por figuras significativas influencia o desenvolvimento dos traços da Tríade. As evidências apresentadas, de uma perspectiva evolutiva, fornecem dados que permitem questionar a hipótese evolutiva de que os traços da Tríade seriam expressos ou transmitidos exclusivamente para fins reprodutivos. (GONZÁLEZ, 2015, p. 262. Tradução nossa) [7]

La rilevanza dell’articolo di González (2015) riflette sulla comprensione di come la personalità narcisistica, oggetto di questo articolo, si comporti per raggiungere i suoi obiettivi in ​​vista di una presunta relazione sessuale e successivamente familiare, creando i propri meccanismi di rafforzamento e sopravvivenza.

Alla luce di tutti i contenuti brevemente esposti, vale la pena presentare anche due casi di studio che portano madri narcisiste e risultati potenzialmente traumatici nei loro figli come conseguenza delle loro posture.

3. DUE BREVE CASO DI RIFLESSIONE

I casi che seguono si basano su resoconti integrali di interviste che Abreu (2021) – dunque, è il contenuto di un lavoro di ricerca (biennale) di una delle autrici di questo articolo – riporta nel suo libro sull’universo dei rapporti sessuali intrafamiliari violenza , consentendo di fare un tuffo molto puntuale nel narcisismo materno e nel danno ai bambini – o uno specifico – sotto la loro cura. Gli intervistati sono stati informati attraverso il Modulo di Consenso Libero e Informato (TCLE)[8] che il materiale acquisito sarebbe stato riprodotto in un libro e successivamente utilizzato nell’analisi per un articolo scientifico (che sta accadendo qui), nonché presentato in congressi scientifici, se quello era il caso. Va sottolineato che la brevissima trattazione che ci attende sui due casi si svolge qui in modo inedito, poiché l’autrice stessa riferisce nel libro di non avere alcuna intenzione di farlo in quel momento, ma lasciando riflettere i lettori in seguito per se stessi e dopo tutto il contenuto dell’opera.

Eu decidi, como autora, finalizar esta obra nesta sessão, apenas com uma breve consideração ao final e como fechamento (o que explica minha maior contextualização na sessão anterior). As histórias pessoais que seguem devem falar por si mesmas, para que você, leitor, reflita, pondere, chore, indigne-se e revolte-se, trace possíveis estratégias de combate e socorro, e sinta a dor desses silêncios que só querem ser quebrados e por um grande motivo: não permitir que outras crianças e adolescentes continuem passando por isso. (ABREU, 2021, p. 187)

Il ricercatore ha cercato di capire come agirebbero in generale gli aggressori sessuali intrafamiliari con vari disturbi per camuffare le loro azioni. Inoltre, ha cercato di capire, a parità di potenziale, perché molte madri si sarebbero comportate in modo connivente con la violenza sessuale nei confronti dei propri figli e se esse – in quanto madri – si sarebbero configurate all’interno del profilo narcisistico. In questo modo, il suo lavoro è stato suddiviso in una parte teorizzata in modo che i profani e le vittime (e non solo i professionisti) potessero comprendere alcune delle molte condizioni socioculturali e spettri psicopatologici che circondano il tema. In un’altra metà, sono stati presentati sette resoconti completi delle vittime attraverso interviste approfondite, che hanno richiesto due anni per essere completate, e ciò era dovuto alla difficoltà nel far parlare gli intervistati delle loro richieste e dei loro traumi. In questo modo, lo scrittore si augura che il lettore riesca a fare correlazioni tra i fatti, gli attori coinvolti e la stessa teorizzazione sottesa.

Alla luce della narrazione esposta in questo articolo, vale la pena portare due di queste forti relazioni a una comprensione più concreta degli impatti devastanti che una madre narcisista può causare nella vita del proprio figlio, e in casi più dannosi come la pratica di violenza sessuale.

Abreu (2021) riporta una sua opera, la storia di una donna (che qui verrà identificata come intervistata A) che aveva 31 anni e cinque figli. Sua madre (oltre 71 anni) proviene da una famiglia di quattordici fratelli, lei è la maggiore. Suo padre ha undici anni meno di sua madre. L’intervistata A ha quattro fratelli in nascita sequenziale molto ravvicinata, due dei quali sono gemelli, e anche lei e un altro fratello sono gemelli. Lei è l’unica donna.

Sua madre era vista con grande timore dai bambini a casa, ma per strada la vedevano come una donna rispettata, professionalmente attiva e premurosa. Il padre era visto come un uomo molto “gentile” dentro e fuori casa, responsabile delle faccende domestiche, inclusa la cura dei bambini. (ABREU, 2021)

L’intervistata A ha un blocco della memoria prima dei 9 anni, ma ricorda di aver fatto molti bagni con i suoi fratelli in quel periodo e fatti da suo padre. Suo padre ha iniziato a violentarla efficacemente durante questo periodo (con l’inserimento del pene) ed è stata costretta a non lamentarsi a scuola o con sua madre che provava dolore per l’ipotetico affetto di suo padre, poiché il promemoria era che sua madre l’avrebbe picchiata … nella ragazza perché “non amava i bambini con freschezza” (ABREU, 2021). All’età di 10 anni, è stata portata dal medico dopo una stitichezza molto grave, e lì la sua gravidanza è stata scoperta e confermata.

L’intervistato A non capiva cosa stesse accadendo e, d’altra parte, il padre convinse la moglie che la gravidanza sarebbe dovuta essere frutto di un cugino della ragazza. La madre condivide lo scandalo con tutta la famiglia e caccia la bambina di casa, andando a vivere con gli zii che la accolgono. Pochi mesi dopo si scoprì che il genitore biologico del feto era il nonno stesso (il padre biologico di “A”). Il caso ha richiesto l’interferenza del Consiglio di tutela, il test del DNA e ha raggiunto sfere di gravità molto maggiori perché si trattava di incesto e stupro di una persona vulnerabile. (ABREU, 2021)

Abreu (2021) descrive che anche con tutte le prove dello stupro del minore in quel momento e gli abusi erano diretti anche ai fratelli della vittima, la madre dell’intervistato A l’ha costretta a partorire e prendersi cura del bambino derivante dall’incesto , e ponendo -a a vivere di nuovo nella sua residenza. Si è però unita in coro alla sua famiglia per affermare che la figlia le aveva rubato il marito, e questo si ripete anche dopo più di vent’anni dall’evento. Parallelamente, la madre ha pagato l’intero processo legale del marito, pagando gli avvocati della difesa per dimostrare che era innocente e che il bambina sarebbe stato un bugiardo seducente. Anche l’istruzione scolastica dell’intervistato A è stata completamente negata.

Dopo otto anni di processo – e ci è voluto molto tempo, proprio per l’ingerenza della madre dell’intervistato A –, il genitore è stato arrestato, ma ha risposto solo sette anni di carcere. Alla partenza, è stato ricevuto incondizionatamente dalla moglie. (ABREU, 2021)

Durante il racconto raccolto dall’autore, il figlio dell’intervistato A aveva 21 anni ed era affetto da spina bifida e paraplegia spastica, esiti dell’incesto. Secondo l’approccio, il ragazzo ha l’età mentale di un bambino di 8 anni. La madre di questa vittima di abusi sessuali e la sua famiglia sostengono ancora che sia una “ladra di mariti”. (ABREU, 2021)

Nel rapporto due, l’autore racconta la storia di una donna di 32 anni che verrà chiamata intervistata B. Sua madre aveva 53 anni al momento dell’intervista e suo padre ne aveva 55, avendo ancora un fratello di sei anni più giovane. La famiglia possedeva una casa su un grande appezzamento di terreno condiviso con il resto della famiglia. Cugini, zii e nonni vivevano, dunque, in più case indipendenti, ma nello stesso luogo. (ABREU, 2021)

Secondo l’intervistata B, sua madre si è sempre presentata socialmente come una donna religiosa, preoccupata per i membri della congregazione e per i membri della famiglia. Il suo atteggiamento è sempre stato propositivo e premuroso per tutti fuori casa, costantemente molto premuroso. Pertanto, è un obiettivo permanente dell’attenzione familiare e sociale come una grande matriarca.

All’età di 5 anni, l’intervistato B stava giocando con un cugino della stessa età, ed entrambi i bambini erano curiosi di guardarsi gli organi sessuali l’uno dell’altro. La zia – sorella della madre dell’intervistato B e madre del cugino – ha assistito alla scena e invece di stuzzicare la curiosità dei bambini e porre fine all’episodio, se n’è andata senza dire nulla ed è andata subito a dirlo alla sorella. Quello che è successo è che questa madre è stata diretta con l’imposizione di una punizione alla ragazza. Questo è venuto in mente solo a lei, in quanto il ragazzo non ha ricevuto alcun tipo di sanzione – e non è stato per nessuno dei bambini – o conversazione. (ABREU, 2021)

Secondo il resoconto dell’intervistato B, la famiglia stava facendo i preparativi per le festività di giugno, e c’era un calderone che bolliva con il mais bollito. La zia suggerì e la madre acconsentì: prese una di quelle punte bollenti da venti centimetri e la infilò a forza nella vagina del bambina. Nessun rimpianto di sorta da parte dei due adulti, né in quel momento, né a distanza di anni. (ABREU, 2021)

Il colossale trauma inflitto alla ragazza non è finito qui. Meno di un anno dopo – aveva già 6 anni – ha iniziato a essere violentata con la forza da un altro cugino di 15 anni il giorno di Natale, che è durato fino all’età di 8 anni. È rimasta in silenzio e non ha chiesto aiuto per paura di ciò che sua madre avrebbe potuto farle, cosa rafforzata anche da questo cugino minaccioso, oltre all’affermazione che non avrebbero creduto alla sua storia. (ABREU, 2021)

La madre si è comportata con disprezzo per il comportamento assolutamente spaventato e depresso di sua figlia durante la sua crescita. Da adulto, l’intervistato B ha iniziato a scatenare gravi esplosioni emotive e ha cercato aiuto psicologico. In quello stesso periodo, di fronte all’ennesima riunione familiare natalizia e vedendo sua madre circondare di affetto e attenzione la cugina violenta, e rafforzata dall’iniziale percorso psicoterapeutico, decide di raccontare quanto accaduto ventuno anni prima. (ABREU, 2021)

Venuta a conoscenza del fatto, la reazione della madre è stata inizialmente quella di mostrare disperazione di fronte al confronto, piangendo, urlando, lottando e presentandosi come la peggior madre del mondo, e come se fosse lei la grande vittima. Ciò ha generato nell’intervistato B il comportamento immediato di smettere di parlare e confrontarsi con la madre, accogliendola dicotomicamente. Tuttavia, nella sequenza, la madre ha raccontato l’episodio a tutta la famiglia, anche con l’appello della giovane che era solo tra loro due. Tuttavia, la madre non ha rivelato chi fosse lo stupratore e ha rafforzato gli affetti per il nipote, anche se era pienamente consapevole di ciò che aveva fatto a sua figlia. (ABREU, 2021)

Insieme alla famiglia, la madre ha iniziato a ribadire che tutto ciò che accadeva all’intervistata B, così come il suo stato psicologico depressivo, era il risultato di una mancanza di Dio (anche con la giovane donna che seguiva i comportamenti religiosi che le erano stati insegnati da sempre ). Allo stesso tempo, la madre ha continuato il suo comportamento di essere disponibile, premurosa e propositiva nei confronti dell’intera famiglia e della congregazione, e con lo stupratore della figlia. (ABREU, 2021)

Abreu (2021) registra che l’intervistata A ha compreso negli anni la violenza che ha subito e cerca di stare lontana dalla madre e dalla famiglia che ancora la attacca e la accusa. L’intervistata B rimane vicina a sua madre, poiché soffre ancora di manipolazione emotiva materna con il supporto di precetti e dogmi religiosi, nonostante abbia già fatto progressi nella terapia. Purtroppo entrambi portano con sé traumi di ogni tipo irreparabili da questa relazione materna altamente tossica, nonché processi depressivi, ansia elevata e altri fattori aggravanti, ma credono in un futuro di poter rielaborare tutte le questioni coinvolte e, dopo molta comprensione, costruire la conoscenza di sé decisionale.

4. BREVE DISCUSSIONE TEORICA

Questi due casi più drammatici, succintamente tratti dal libro di Abreu (2021), riflettono brevemente il profilo di questa madre narcisista e maternità tossica, che non è niente di insolito, ed è ben lungi dall’essere un mito. Va notato che il danno psicologico ai bambini è grave, ma vario e si manifesta in livelli, anche se le azioni della madre narcisista non vanno oltre la tortura fisica. L’indifferenza sociale verso il tema è così sfacciata che ci sono pochissimi materiali incentrati sulla questione. Il proverbio popolare “Dio in cielo e madre in terra” definisce molto bene il luogo della madre santificata, insuperabile e irreprensibile, ma che esiste realmente solo come credenza.

Non basta che i professionisti tendano all’eccellenza se la popolazione non ha accesso a strumenti che possano favorire l’indirizzamento all’accoglienza e alla rieducazione. Anche le politiche pubbliche devono essere ristrutturate, applicate e incoraggiate in modo che più persone possano essere assistite e questo ciclo continuo di malattie psichiche possa essere interrotto, e anche monitorato più da vicino.

C’è infatti un enorme bisogno di promuovere l’approfondimento di questa domanda tra studenti e professionisti di Psicologia, nonché di includere altri professionisti in un ambito multidisciplinare, come gli assistenti sociali che si occupano più direttamente delle questioni familiari. Non solo: il governo dovrebbe investire di più nel sostenere un confronto ad ampio spettro sul tema con i gruppi della comunità, aiutando a comprendere l’esistenza della domanda e nella rieducazione delle famiglie a tutti i livelli sociali, poiché le malattie mentali colpiscono tutti ma la popolazione più povera è la più colpita dalla mancanza di sostegno. Questo processo attenzionale può generare l’intensificazione della conoscenza di sé e una maggiore individuazione dei conflitti psichici. Ciò porterebbe a una comprensione sociale della gravità di alcuni comportamenti materni – e più in generale genitoriali – che portano i bambini e gli adolescenti a uno sviluppo traumatico e dannoso. Inoltre, per rendere praticabile la consapevolezza che il disturbo narcisistico materno a livello patologico è qualcosa di serio e che non può più essere ignorato, naturalizzato o romanticizzato.

Il narcisismo, pur essendo un processo naturale che ogni essere umano attraversa nel proprio sviluppo, può essere estremamente dannoso per il soggetto senza adeguate cure e diventare patologico, e, di conseguenza, generare sofferenza a chi gli è vicino e al soggetto stesso. Questo è diventato molto tangibile nella teorizzazione portata principalmente attraverso gli studi classici di Freud (1980; 2004), Klein (1966; 1991) e Winnicott (1983), e attraverso il più aggiornato prisma di riletture attraverso Zimerman (2004) , Zornig (2010), Marson (2008) e Ferrari, Picinini e Lopes (2006).

La figura della madre come qualcuno idolatrato dal simbolismo dell’amore incondizionato finisce per nascondere la matriarca narcisista, che, nella sua struttura più potente, può essere estremamente aggressiva, manipolatrice e/o effettivamente distruttiva. Questo dettaglio sulle varie sfaccettature di questo genitore narcisista portato da McBride (2009; 2011), rivela quanto possa essere complesso il suo comportamento. Indosserà la facciata di qualcuno che è molto proattivo esteriormente e si presenta come una madre fantastica e amorevole – e in un certo senso, alcuni lo credono persino -, ma nascondendo abbandono, imposizione di paura e/o violenza a livello fisico, emotivo, livello psicologico e/o fisico, o morale, come giustificazione dello zelo, o anche sotto l’argomento dell’educazione dei figli. Questi, a loro volta, possono diventare individui insicuri, angosciati, ansiosi, confusi, privi di espressione di sé e/o inclini a scatenare una serie di malattie psichiche, tra cui la difficoltà di comprensione della realtà e l’estrema sottomissione. Possono scatenarsi anche altri danni, anche di natura psicofisica, come, ad esempio, la balbuzie. Altri individui, invece, possono sviluppare aggressività, impazienza, avere grosse difficoltà a mantenere relazioni stabili e/o addirittura essere nuovi soggetti con il disturbo narcisistico (o altri disturbi), in quanto, come visto, sono il risultato della percezione di sé della mancanza di amore del caregiver anche nei primi anni di vita.

Vale la pena ricordare anche il contributo di González (2015), poiché i suoi studi sul confronto tra la triade oscura, come la chiama lui, hanno permesso di comprendere più a fondo come agiscono gli individui psicopatici, machiavellici e narcisisti. Ognuna ha una particolarità a sé stante, ma che può anche essere unificata in comorbilità e diventare più complessa. Inoltre, c’è tutta una spinta nella ricerca di un partner sessuale in modo che il narcisista, nello specifico, possa continuare a mantenere il suo status di regno personale. Proprio per questo ogni individuo manifesterà una soggettività molto peculiare e diversa dall’altro. Lo si poteva vedere anche nei due casi reali portati da Abreu (2021), e come il narcisismo di ciascuna madre fosse diverso.

Nel rapporto dell’intervistata A, la madre ha promosso ogni tipo di umiliazione familiare e pubblica nei confronti della figlia, creando un personaggio di donna tradita e offesa nel corso degli anni, ma in seguito scusandosi dal senso di colpa nel ruolo socialmente edificato di una buona madre e permettendo agli altri di intraprendere il corso della distruzione morale e psicologica della giovane donna. La narrazione permette anche di identificare la matriarca, adattandosi inizialmente alle tipologie di McBride (2009; 2011) in termini di stravagante-estroverso e segretamente malvagio, ma nel corso degli anni fino ai giorni nostri, questa madre ha intensificato il comportamento della madre narcisista psicosomatica nel tentativo di esigere la presenza della figlia quando si rendeva conto che in qualche modo si stava rafforzando e si allontanava più puntualmente. Il comportamento di un narcisista psicosomatico si era già presentato anni prima a terzi, additando però la figlia come colpevole dei suoi mali.

L’intervistata ha potuto verbalizzare apertamente alla madre i suoi conflitti, ma lei ha reagito aggredendo o non lasciandola esprimere, comportamento riprodotto da tutta la famiglia nei confronti della vittima. Al momento delle interviste, “A” non era sottoposta ad alcun tipo di terapia (questa è stata effettuata solo durante il suo processo gestazionale come stupro di una persona vulnerabile e pochi mesi dopo la nascita del bambino). La madre ha anche minato ogni tipo di supporto a cui la figlia potesse accedere e aiutarla minimamente. Ad ogni modo, di fronte all’opportunità di esprimersi liberamente e senza giudicare per la prima volta con l’autore per la generazione del libro, “A” stava pensando di pianificare di cercare un aiuto psicologico e rafforzare il proprio Sé.

Nel rapporto dell’intervistata B, in un primo momento, sua madre era responsabile di aver inflitto torture fisiche. Tuttavia, in seguito ha generato strumenti per terze parti per aiutarla nel processo di distruzione morale e psicologica di “B”, e anche così, rimanendo pubblicamente come una madre stimata e bisognosa di attenzione familiare e congregazionale per avere una figlia in uno squilibrio emotivo e presumibilmente senza Dio.

Qui, la matriarca potrebbe essere inserita nelle tipologie di McBride (2009; 2011) con il profilo di una donna malvagia segreta e psicosomatica. Anche in quest’ultima tipologia, mantenendo la figlia in un costante processo di sensi di colpa per non confrontarsi con lei, perché, se ciò accade, l’intervistata B capisce che può essere responsabile di un malore improvviso della madre che la porta alla morte. L’intervistata al momento dell’interlocuzione, pur essendo in terapia, affermava anche di non capire perché la matriarca agisse ancora in modo così ambiguo, ma dichiarava di voler bene alla madre e per non farla ammalare avrebbe preferisco non cercare di capire. Tale atteggiamento potrebbe portare l’intervistata a non risolvere le sue profonde ferite con la madre, e portarla ad altre sofferenze per non aver chiuso tali questioni, pur avendo la possibilità di farlo.

Entrambe le madri, infine, mantennero il comportamento di sofferenti, capovolgendo per sé la condizione di vittime, e mantenendo l’intenzione di perpetuare la condanna delle vere vittime. Pertanto, non è sufficiente che i malati abbiano subito per anni un processo di torture e umiliazioni, continuano ad essere condotti alla stessa catena di deterioramento psicologico, emotivo e morale, ma costantemente relegati alla priorità di non opporsi alla madre figura.

Dunque, e lungi da questi due esempi di casi reali, le situazioni sono diverse per quanto riguarda il comportamento delle madri narcisiste, ma con un danno effettivo altrettanto eterogeneo e sfaccettato per i propri figli. Madri e figli rimangono in una catena di malattia continua, poiché sono legami affettivi molto forti che li uniscono. Tuttavia, anche se i figli cercano il giusto aiuto psicologico, queste madri evitano tale sostegno, e non solo a causa della loro resistenza preesistente che fa parte del loro disturbo di personalità, ma anche a causa del rinforzo e dell’ignoranza sociale fomentati nell’errato tabù della madre immacolata e chi presumibilmente non commette errori, tanto meno può essere biasimato per questo. Tuttavia, anche le madri si ammalano e si feriscono e hanno bisogno di cure e cure.

Sempre più spesso è possibile venire a conoscenza di segnalazioni di individui, già nella loro vita adulta, che descrivono la loro educazione traumatica con madri narcisiste, e persino che consentono un danno alla figlia attraverso terzi, come nel caso di abusi e stupri intrafamiliari nei due rapporti specifici portati da Abreu (2021), che si estendono anche a consentire a terzi di umiliare le vittime. Anche altre madri con profilo di disturbo narcisistico si presentano in relazioni non così traumatiche e un po’ distanti dai casi delle intervistate A e B, ma non meno dannose.

È possibile distinguere queste madri narcisiste da madri senza questo disturbo. Questo è evidenziato negli aspetti elencati da McBride (2009; 2011) e altri autori che sottolineano la struttura di come queste madri si presentano e il danno generalizzato ai loro figli. Le aggravanti saranno solo una questione situazionale per tutti gli attori coinvolti. Le madri narcisiste esistono e così anche i loro figli, ed entrambe hanno bisogno di attenzione psicologica per abbattere e interrompere i paradigmi di distruzione e manipolazione.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

La domanda guida di questo articolo: come e perché i comportamenti materno-narcisistici possono generare bambini con malattie psico-comportamentali? – è stata data risposta unitamente all’ipotesi e si è basata sul presupposto che una madre con disturbo narcisistico di personalità possa veder potenziato e/o rinforzato il proprio comportamento di fronte al non riconoscimento socio-familiare della sua domanda. A causa della mancanza di conoscenza della situazione, e considerando che si tratta solo di uno stereotipo basato su “questa è tua madre”, i membri della famiglia e i bambini trascorrono anni sottomettendosi al comportamento generato da questa madre e alimentando un ingranaggio che può scatenare gravi malattie nei soggetti come minori, ed evolvendo in ampiezza negli adulti.

Inoltre, l’obiettivo generale dell’articolo si è basato sulla rilevazione di come sono costruite e si comportano le madri narcisiste e quali sono le implicazioni psicologiche e comportamentali per i loro figli in quanto vittime dirette di questa relazione materna, ha portato anche la riflessione che il ruolo della donna come generatore di la vita è bella, ed è la prima e più forte espressione dell’amore per l’essere umano che genera e/o crea – pensando qui anche alle madri adottive, e che trova anche donne narcisiste –, e dell’iniziale connessione di una persona con il mondo. Tuttavia, non tutte le donne sviluppano questo processo materno originariamente altruistico di amare l’altro da bambino, anche perché, nel proprio sviluppo, potrebbe esserci stato un fallimento in questo aspetto, quindi non sono consapevoli di cosa sia e riconoscono l’amore solo per stessi stessi.

In questo percorso di studio, gli obiettivi specifici sono stati sviluppati nel comprendere la differenziazione di un comportamento materno comune (inteso come normale) da quello psicopatologico; distinguere come si presentano queste madri narcisiste; riflettere su come proteggere le persone colpite e trattare allo stesso modo queste donne malate. A questo proposito, rafforzare il lavoro congiunto di istituzioni/professionisti/società, basato su forti politiche pubbliche, è ciò che può effettivamente raggiungere queste donne malate e le loro famiglie, e rompere il quadro distruttivo continuo del narcisismo materno. Ciò ha portato alla comprensione che sarebbe stato interessante ristrutturare la comprensione sociale sulla rottura di certi miti, come la madre santificata nella sua interezza.

C’è un’enorme differenziazione comportamentale della maternità intesa come normale – cioè senza la demarcazione del disturbo narcisistico –, che sì, a volte può essere esagerata ed esaltata nel senso di mostrare con orgoglio la propria prole e i propri successi, e anche con occasionale maleducazione per perdita di pazienza e momentanea mancanza di controllo, ma questo di fatto non danneggia questi bambini. D’altra parte, il comportamento materno psicopatologico basato su disturbi narcisistici porta a numerose perdite.

È infatti necessario riflettere e discutere su come proteggere queste persone colpite e trattare allo stesso modo queste donne malate. Se le segnalazioni sono presenti e queste madri narcisiste sono anche più rilevabili nel loro comportamento – e, quindi, sono sempre esistite, ma le loro azioni sono più evidenti nella contemporaneità –, questo porta una riflessione non solo sui traumi stessi di molti individui.

Vale anche la pena considerare il comportamento sociale e storico di costringere le donne che non vogliono essere madri a essere madri, generando madri che non hanno alcuna intimità con la costruzione del processo materno – e di fatto non possono o hanno grandi difficoltà a svilupparlo, anche se non soffrono di disturbo narcisistico – e quindi, capiscono che potenzialmente possono anche generare narcisisti, o qualsiasi altro tipo di malattia così dannosa per il soggetto e per i terzi.

Pertanto, è necessario riflettere su questo processo di maternità per le donne contemporanee, decostruendo l’ipotetica santità di questo status; inclusa la revisione dei dogmi religiosi costruiti insieme all’emergere del patriarcato; capire che la comprensione della maternità è qualcosa che si costruisce durante la gravidanza (e dopo il parto), e anche da qualcuno che prima vorrebbe essere madre, ma che dovrà affrontare conflitti su se stessa e su quest’altro essere che nasce da lì. Essere madre in effetti non è facile, da qui la grande responsabilità di questa donna, ma, soprattutto, della società che la circonda e che spesso la ignora, valorizzando malattie che semplicemente vengono ignorate. A questa donna reale, ma configurata nella simbologia della dea madre, viene attribuita l’ipotesi romanzata che possa sopportare tutto e non abbia bisogno di essere aiutata, perché non fallisce e genera solo vita, quindi, è incapace di distruggere Esso. Pertanto, se qualcuno che ha una predisposizione psichica alla maternità (o la sviluppa positivamente) già fa fatica ad affrontare certi confronti, figuriamoci chi non lo desidera.

Il sostegno è necessario, poiché queste relazioni madre-figlio sono così potenti che, anche con la comprensione del danno, i figli di queste donne tendono a mantenere la vicinanza e i legami con le loro madri tossiche, non importa quanto grave possa essere stata la situazione. La richiesta sociale è incommensurabile affinché tali bambini continuino a sostenere e sostenere queste madri, indipendentemente da ciò che accade loro, mantenendole in un costante processo di manipolazione e malattia da parte di questa matriarca non curata.

È necessario che il governo crei e incoraggi politiche con una portata psicologica per le famiglie e gli individui e la società nel suo insieme, oltre all’attenzione dei professionisti della salute mentale nella ricerca di una comprensione di questa domanda. Quante più persone potranno essere riconosciute, accolte e curate affinché raggiungano la conoscenza di sé e dei propri processi, conducendole soprattutto alla rieducazione psico-comportamentale, tanto minore sarà l’impatto della devastazione sociale di fronte alla frantumazione del soggetto sotto la tutela della madre narcisista, e lei stessa riesce a trovare qualcosa di più vicino alla felicità e al vero amore che desidera, ma non conosce.

RIFERIMENTI

ABREU, Liliane Alcântara de. Silenciadas: o universo da violência sexual intrafamiliar. Lisboa: Sagarana, 2021. ISBN: 978-989-9117-10-2

____.; MELO, Natalia Sayuri. Complexo de Cassandra: o adoecimento do saber diante de uma sociedade alienada e negacionista. Lisboa: Sagarana, 2022. ISBN: 978-989-53173-6-3

BAUMAN, Zygmunt. A arte da vida. Tradução Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2009. Versão digital. Disponível em: <https://docs.google.com/file/d/0B5XDNx3Dzzs8ZnVmSFgwYU5sYUk/view. Acesso em: 19 nov. 2020

____. Medo Líquido. Tradução de Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2008a.

____. Vida para consumo: a transformação das pessoas em mercadoria. Tradução de Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2008b.

CID-10. Classificação de Transtornos Mentais e de Comportamento da CID-10:  Descrições Clínicas e Diretrizes Diagnósticas – Coord, Organização Mundial da Saúde. Tradução de Dorgival Caetano. 2011. Reimpressão. Porto Alegre: Artmed, (ano de publicação do livro original; 1993).

DALGALARRONDO, Paulo. Psicopatologia e semiologia dos transtornos mentais. ed. 3. Porto Alegre: Artmed, 2019.

DOUGLAS, Mary; ISHERWOOD, Baron. O mundo dos bens. Tradução Plínio Dentzien. 1. ed. 2. reimpr. Rio de Janeiro: Editora UFRJ, 2009.

FERRARI, Andrea Gabriela; PICININI, Cesar Augusto; LOPES, Rita Sobreira. O narcisismo no contexto da maternidade: algumas evidências empíricas. Revista Psico, v. 37, n. 3, pp. 271-278, set./dez. 2006. Disponível em: <https://revistaseletronicas.pucrs.br/ojs/index.php/revistapsico/article/view/1448>. Acesso em: 30 jun. 2021

FREUD, Sigmund. Projeto para uma psicologia científica. In: Edição standard brasileira das obras psicológicas completas de Sigmund Freud. (J. Salomão, Trans.) (Vol. 1, pp. 381-520). Rio de Janeiro: Imago, 1980. (Trabalho original publicado em 1950)

____. À Guisa de Introdução ao Narcisismo. In: Obras psicológicas de Sigmund Freud: escritos sobre a Psicologia do Inconsciente. (L. A. Hanns, Trans.) (Vol. 1, pp. 95-132). Rio de Janeiro: Imago, 2004.

GONZÁLEZ, Fernando Renee. La tríada oscura de la personalidad: maquiavelismo, narcisismo y psicopatía. Una mirada evolutiva. Revista Criminalidad, 57 (2): 253-265. Bogotá May/Aug. 2015. Disponível em: <http://www.scielo.org.co/pdf/crim/v57n2/v57n2a06.pdf>. Acesso em: 30 jun. 2021

KLEIN, Melanie. Amor, Culpa e Reparação e Outros Trabalhos. (1921-1945). Rio de Janeiro: Imago, 1966.

____. Inveja e gratidão: e outros trabalhos (1946-1963). ed. 4. v. 3. Obras Completas de Melanie Klein. Rio de Janeiro: Imago, 1991.

MARSON, Ana Paula. Narcisismo Materno: quando meu bebê não vai para casa. Rev. SBPH, v.11, n.1, Rio de Janeiro. jun. 2008. Disponível em: <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1516-08582008000100012>. Acesso em: 30 jun. 2021

MCBRIDE, Karyl. Will I Ever Be Good Enough?: Healing the Daughters of Narcissistic Mothers. USA: Free Press, 2009.

____. The six faces of maternal narcissism. Psychology Today, 2011. Disponível em: <https://www.psychologytoday.com/intl/blog/the-legacy-distorted-love/201103/the-six-faces-maternal-narcissism>. Acesso em: 09 jun. 2019.

NEWMAN, Alexander. As ideias de A. W. Winnicott: um guia. Tradução de Davy Bogomoletz. Rio de Janeiro: Imago, 2003.

OLIVEIRA, Bosco; OLIVEIRA, Ingrid Constant. Mitologia e vivências humanas. Rio de Janeiro: Wak Ed., 2009.

PRADO, Maria do Carmo Cintra de Almeida. O mosaico da violência: a perversão na vida cotidiana. In: PRADO, Maria do Carmo Cintra de Almeida. (org.) O mosaico da violência. São Paulo: Vetor, 2004. p. 11-46

SAFATLE, Vladimir Pinheiro. Lacan. São Paulo: Publifolha, 2007.

SEGAL, Hanna. Introdução à obra de Melanie Klein. Rio de Janeiro, Imago, 1975.

WINNICOTT, Donald Woods. O ambiente e os processos de maturação. Porto Alegre: Artes Médicas, 1983.

ZIMERMAN, David E. Manual de técnica psicanalítica: uma re-visão. Porto Alegre: Artmed, 2004.

ZORNIG, Silvia Maria Abu-Jamra. Tornar-se pai, tornar-se mãe: o processo de construção da parentalidade. Tempo Psicanalítico, Rio de Janeiro, v.42.2, p.453-470, 2010. Disponível em: <http://pepsic.bvsalud.org/pdf/tpsi/v42n2/v42n2a10.pdf>. Acesso em: 30 jun. 2021

APPENDICE – NOTA DI RIFERIMENTO

3.  Giammarco & Vernon (2014) plantean que el maquiavelismo y la psicopatía se caracterizan por presentar venganza emocional. El maquiavelismo y la psicopatía también presentaron baja compasión, baja toma de perspectiva y baja preocupación empática. Al relacionar la Tríada con empatía y alexitimia (Jonason & Krause, 2013) se encontró que la psicopatía se asoció con la empatía limitada general, dificultad para describir los sentimientos y el pensamiento orientado hacia el exterior. El narcisismo se relacionó con la empatía limitada y la dificultad para identificar los sentimientos afectivos, mientras que el maquiavelismo se asoció con el pensamiento orientado hacia el exterior. En otro estudio (Cairncross, Veselka, Schermer & Vernon, 2013) los resultados revelaron que la alexitimia se asoció en forma positiva con la psicopatía y el maquiavelismo, y de manera negativa con el narcisismo. Un análisis genético del comportamiento demostró que las correlaciones fenotípicas fueron principalmente atribuibles a factores genéticos comunes y a factores ambientales comunes no compartidos. (GONZÁLEZ, 2015, p. 258)

4. Black, Woodworth & Porter (2014) plantean que las personalidades oscuras son más propensas a percibir a sus víctimas como desagradables, con baja autoestima, muy neuróticas, deprimidas y ansiosas. Los psicópatas generalmente perciben sus objetivos como menos afables, muy neuróticos, deprimidos y ansiosos. Los maquiavélicos perciben sus objetivos más neuróticos, ansiosos y deprimidos. Por último, los narcisistas perciben sus objetivos como bajos en la apertura a nuevas experiencias, conscientes, extrovertidos y altos en depresión. (GONZÁLEZ, 2015, p. 259)

5. Para Baughman, Jonason, Lyons & Vernon (2014), los psicópatas y maquiavélicos se vinculan a la propensión a mentir en diferentes contextos, incluyendo el coito y la deshonestidad académica. Estos autores plantean que los psicópatas experimentan más emociones positivas relacionadas con la mentira, y los maquiavélicos presentan una mayor cantidad de esfuerzo cognitivo asociado al engaño. Jonason, Lyons, Baughman & Vernon (2014) encontraron que los psicópatas y los maquiavélicos estaban vinculados a decir más mentiras; la psicopatía se asoció a decir mentiras sin razón, y el maquiavelismo estaba relacionado con decir mentiras blancas. El narcisismo, en cambio, estaba vinculado a la mentira para beneficio propio y la habilidad de autorreporte para mentir. Jonason, Wee, Li & Jackson (2014) estudiaron los intereses vocacionales en relación con los rasgos de la Tríada, y encontraron que los psicópatas están más interesados en carreras realistas y prácticas, los narcisistas, en las carreras artísticas, emprendedoras y sociales, y los maquiavélicos tienen más interés en evitar las carreras que involucran cuidar a los demás. (GONZÁLEZ, 2015, p. 260)

6. En relación con los cuidados en la infancia y la Tríada (Jonason, Lyons & Bethell, 2014), se ha encontrado que la baja calidad de los cuidados maternales lleva al maquiavelismo y aspectos del narcisismo, como pretensión/exploración y liderazgo/autoridad cuando el apego seguro no se produce. El cuidado paternal de baja calidad lleva a la psicopatía secundaria, y el cuidado paterno de alta calidad se ha asociado con la dimensión de pretensión/explotación del narcisismo. Por otra parte, en la relación entre la teoría de la mente y el apego (Riquelme, Henríquez & Álvarez, 2003), se ha descubierto que los cuidados en la infancia tienen un importante impacto en el proceso de mentalización. La teoría de la mente aparece como concepto en el trabajo de Premack & Woodruff (1978), definida como la capacidad de comprender, predecir y explicar el comportamiento humano en términos de estados mentales internos. En estudios que relacionan la teoría de la mente con la Tríada (Stellwagen & Kerig, 2013) se ha observado que en niños de sexto y séptimo grado el narcisismo está asociado de manera positiva con la teoría de la mente, y que los rasgos insensibles, sin emoción, se asocian negativamente con la teoría de la mente. Por otra parte, la impulsividad y el maquiavelismo no estarían relacionados con la teoría de la mente. (GONZÁLEZ, 2015, p. 257)

7.  (…) al revisar estudios que investigan los cuidados en la infancia y la Tríada (Jonason, Lyons & Bethell, 2014), se ha sugerido que la calidad del cuidado parental lleva a patrones de apego que pueden conducir a diferentes aspectos de la Tríada, lo cual es un importante indicador de que los cuidados tempranos en la infancia por parte de figuras significativas influyen en el desarrollo de los rasgos de la Tríada. La evidencia presentada, a partir de la mirada evolutiva, provee datos que permiten cuestionar la hipótesis evolucionista referida a que los rasgos de la Tríada se expresarían o se transmitirían exclusivamente con un fin reproductivo. (GONZÁLEZ, 2015, p. 262)

8. Termo de Consentimento Livre e Esclarecido (TCLE).

[1] Specialista in Neuroscienze Pedagogiche presso AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in Arteterapia in Educazione e Salute da AVM Educacional/UCAM/RJ; specialista in ricerca di comportamento e consumo da Faculdade SENAI CETIQT RJ; specialista in arti visive da UNESA/RJ; Laurea in Design presso Faculdade SENAI CETIQT RJ. Laureato in Psicologia presso UNIP/SP e specializzando in Terapia Cognitivo Comportamentale presso PUC/PR.

[2] Laurea in Comunicazione Sociale presso la Faculdade Casper Libero/SP. Laurea triennale in Psicologia presso UNIP/SP.

Inviato: Marzo 2022.

Approvato: Agosto 2022.

5/5 - (10 votes)
Liliane Alcântara de Abreu

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita