L’influenza di nuoto sullo sviluppo di psicomotorio nei bambini di educazione della prima infanzia

0
1822
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

BORGES, Raphaella Khareniny Fernandes de Melo [1]

MACIEL, Rosana Mende [2]

BORGES, Raphaella Khareniny Fernandes de Melo; MACIEL, Rosana Mendes. L'influenza di nuoto sullo sviluppo di psicomotorio nei bambini di educazione della prima infanzia. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 9. pp. 292-313, ottobre/novembre 2016. ISSN. 2448-0959

RIEPILOGO

Nuoto, applicato in modo giocoso si applica diverse possibilità affinché i suoi praticanti a sviluppare le capacità motorie. Questo è perché in acqua è possibile sperimentare situazioni difficili che si sviluppano meglio le capacità fisiche e motorie. Il nuoto è importante per lo sviluppo di motore aiutando il miglioramento delle capacità fisiche e abilità dei praticanti, contribuendo anche allo sviluppo del coordinamento degli arti superiori e inferiori, agilità, equilibrio e la lateralità consentendo il miglioramento nel processo di apprendimento. Per l'istruzione professionisti nuoto sono l'attività più completa avendo una minore quantità di restrizioni e per essere uno sport di grande valore per lo sviluppo fisico e la maturazione. Lo scopo di questo studio era di presentare i benefici del nuoto, lavorando in combinazione con la psicomotricità, psicomotori elementi in aiuto di nuoto sui risultati dell'apprendimento. Si è svolto nella ricerca bibliografica che lo scopo di presentare la realtà della pratica del nuoto e il suo contributo allo sviluppo di psicomotorio.

Parole chiave: Nuoto-psicomotricità-sviluppo.

INTRODUZIONE

Il nuoto è un tor di stimolo e l'adattamento al mezzo liquido favorisce psicomotori stimoli importanti. Attraverso l'acqua attività può ottenere una proroga del repertorio motorio, nonché assistere nella maturazione e condurre al praticante di sport di persona per sviluppare le capacità motorie, cognitive e affettive e allargare le possibilità di socialità e fiducia in se stessi (CORREA; MASSAUD, 1999).

È innegabile Axe; Ruffeil (y/d) che il nuoto ha importanza fondamentale per la formazione di personalità e intelligenza. Le emozioni sono anche legate all'andamento delle attività sull'ambiente acquatico e questi possono influenzare positivamente e negativamente sulle prestazioni del vostro professionista, è in questo senso, l'istruttore di nuoto per esplorare le abilità di ricreazione che coinvolge le emozioni di gioia e di altruismo.

Un'altra caratteristica del nuoto è l'importante ruolo che ha nella psicomotricità. Nuoto, in questo contesto, è uno strumento che favorisce lo sviluppo apprendimento contribuisce all'evoluzione dello sviluppo motore, fisico e sociale quanto è un'attività fisica che migliorare le capacità motorie multiple attraverso esercizi e giochi.

Questo studio si propone di presentare i benefici del nuoto ha lavorato in collaborazione con la psicomotricità, psicomotorio nuoto dove gli elementi guida sui risultati dell'apprendimento.

In questo contesto, l'importanza del nuoto dello sviluppo psicomotorio, è in grado di migliorare la capacità fisica e capacità dei bambini durante gli anni iniziali, aiuta a sviluppare il coordinamento degli arti superiori e inferiori, agilità, equilibrio e la lateralità consentendo lo sviluppo di motore migliorato e il processo di apprendimento.

Per l'istruzione professionisti nuoto sono più completi, perché ha una minore quantità di restrizioni ed è un grande valore per lo sviluppo fisico del bambino, con la costruzione dello schema del corpo e il motore di sviluppo ha grande partecipazione della costruzione dello schema del corpo e lo sviluppo di maturazione del corpo.

Alla società non è più solo una ricreazione per il bambino ad imparare a nuotare, i bambini nella fase di pre-scuola sviluppano meglio e più velocemente, hanno risultati soddisfacenti nell'istruzione, salute e tempo libero. La pratica del nuoto aiuta a prevenzione dei bambini obesi, essenziali per una vita sana attraverso semplici abilità, che sono fatti solo in acqua.

METODOLOGIA

Come abbiamo deciso di utilizzare la metodologia una revisione di letteratura e servito come strumento libri, articoli e monografie. Servì anche come siti internet strumento di ricerca come SCIELO e LILLÀ. Il materiale selezionato finalizzato, in particolare, presentare la realtà attuale del nuoto e il contributo di questa attività per la psicomotricità, questo materiale ha avuto pubblicazioni tra il 1995 al 2014. Sono state le parole chiave che ha guidato la selezione del materiale: bambino, fasi di sviluppo, maturazione, psicomotricità, nuoto, giocosità e dello sviluppo motorio.

Il periodo di raccolta è successo tra febbraio e settembre 2016 e il materiale raccolto è stato analizzato, studiato e recensione fino a quando è venuto a considerazioni finali di come nuoto, fondamenti psicomotori che includono, proposte e strategie pedagogiche sviluppato quando la pratica di attività acquatiche, nonché il suo contributo allo sviluppo psicomotorio nell'intervento educativo nell'ambiente acquatico.

Di conseguenza, è possibile garantire che il nuoto è un'ottima attività fisica per tutti gli spettatori perché è un'attività che promuove la capacità cardiorespiratoria, migliora il tonus, coordinazione, equilibrio, agilità, forza, velocità, sviluppa abilità psicomotorie come manualità, percezione tattile, uditive e visiva, spaziale e temporale nozioni di ritmo, socialità e fiducia in se stessi. E viene insegnato in un modo così giocoso, stimolando le attività, nuoto più di ricerca la tecnica stessa, in modo che questa attività diventa piacevole e ricerca per lo sviluppo integrale del bambino e fornire una vasta gamma di esperienze corporee.

  1. NUOTO 

Con la pratica per l'ambiente acquatico e con una storia che va di nuovo alla Grecia antica, il nuoto è considerato un'attività fisica benefica per il corpo umano per lavorare diversi gruppi muscolari e articolazioni del corpo e sviluppare il cuore e l'apparato respiratorio. Come qualsiasi attività sportiva, prima dell'allenamento, l'individuo dovrebbe cercare una guida da un professionista e sottoposti a test di valutazione medica. In un primo momento la storia ricorda che la pratica del nuoto in mare aperto o nei fiumi e la principale preoccupazione in quel momento era la sopravvivenza (GOMES, 2014).

Il nuoto è molto diffuso come attività ricreativa in cui i nuotatori entrare in acqua solo per divertimento e come uno sport competitivo. Fiumi, mari, laghi e piscine artificiali sono il palcoscenico per questa attività. È noto che il nuoto anche aiuta a migliorare la coordinazione motoria, oltre a essere raccomandato per le persone con problemi respiratori ed è l'attività fisica solo adatto ai bambini inferiore a 3 anni (CATTEAU; GAROFF, 1990).

  • Adattamento al terreno liquido

Per l'attività di nuoto è necessario incoraggiare una stretta relazione tra l'acqua e il nuotatore futuro. Per essere un nuotatore, è importante che i desideri individuali per acqua, acqua di vedere e sentire l'acqua in primo luogo, quindi eliminare la rigidità che è comune alla sensazione di paura dell'acqua (ROHLFS, 1999).

Dopo la rigidità muscolare, la prossima fase di adattamento al mezzo liquido sarà galleggiante. La fluttuazione è relative al rilassamento muscolare che è associata solitamente con buono stato mentale, assente, di conseguenza, in situazioni di paura e di ansia (BONACHELA.1992.

Respirazione è contenuto essenziale per il comfort nel liquido di coltura e dipende da un adattamento, come avviene in modo diverso rispetto al solito. Sia la bocca come il naso sono l'ambiente acquatico come un ostacolo. La pratica di esercizi specifici dovrebbe rendere la respirazione normale, la respirazione è considerata il "anima di apprendimento" da nuoto, perché, quando l'apprendista può dominarlo, diventa in grado di concretizzare la fase di inizio di stili e quindi si evolve nell'apprendimento di queste (GALDI, 2004).

C'è anche, per l'adattamento all'ambiente acquatico, propulsione, che è la capacità di locomozione del corpo nell'ambiente idrico attraverso lo sfruttamento delle loro risorse e dall'azione congiunta degli arti superiori e inferiori. La propulsione è essenziale per l'esecuzione del tratto (ROHLFS, 1999).

In considerazione quando si posiziona il petto e il movimento di gambe e braccia, sono definiti quattro tipi di ictus: ricerca per indicizzazione (freestyle), farfalla, petto e schiena. Gare di nuoto del Medley, i nuotatori devono nuotare i quattro stili nel seguente ordine: farfalla, dorso, rana e strisciare. Le tecniche di ciascuno riguardano argomenti che osservano la posizione del corpo in acqua, il movimento delle braccia e gambe, respirazione e coordinamento/sincronizzazione di ogni stile (GALDI, 2004).

  • Stile di crawl

In questo stile, il nuotatore in decubito ventrale assume una postura orizzontale piana sulla superficie dell'acqua, con il corpo. La caratteristica principale dello stile Crawl è quello di essere composto di alternando movimenti degli arti superiori e inferiori estesi. Testa, spalle, tronco e gambe sono situate più vicino possibile alla superficie, che impedisce l'aumento delle forze di attrito, che ostacolano la progressione (GALDI, 2004).

Il movimento degli arti superiori, noto come ictus, un circundação antero-posteriore, essendo caratterizzato in due momenti importanti: la fase di recupero, che comprende il tempo tra l'uscita e l'ingresso degli arti superiori in acqua; e la propulsione, fase subacquea, responsabile della progressione di un nuotatore (GALDI, 2004).

All'inizio della ripresa, il gomito è la prima parte del corpo per rompere la superficie dell'acqua. Questo movimento, se eseguita correttamente, assicura ingresso efficiente degli arti superiori in acqua. In questa stringa, le dita sono il primo a toccare la superficie dell'acqua, seguita da mano, avambraccio, braccio e spalla. Quando tali thread entra l'acqua, la fase propulsiva del tratto, che è diviso in due parti: trazione, che mira a tirare la massa netta e il push o quantità di moto, tenuto dalla progressiva estensione dell'arto superiore, che congiuntamente responsabili per lo spostamento del nuotatore di fronte (GALDI, 2004).

L'azione di base degli arti inferiori, noto come kick, è composto da alternando ascendente e discendente di movimenti, nel piano verticale. Destinato essenzialmente a stabilizzazione e il mantenimento dell'equilibrio, non la manifestazione della forza propulsiva (COUNSILMAN, 1984).

Posizione ventrale, con immersione della testa e azione alternata delle membra superiori, respirazione si verifica lateralmente. Come indica il nome, in questo stile il nuotatore rimane supina, in una postura orizzontale piana alla superficie dell'acqua è in fase di recupero e può essere avviato anche alla fine della fase propulsiva. Come questo sarà tornare in acqua, la testa prende posizione iniziale, quando sarà la scadenza (GALDI, 2004).

  • Stile retro

In questo stile l'individuo posizionato in posizione supina, in una postura orizzontale piana alla superficie dell'acqua, con il corpo esteso. La testa viene mantenuta nella loro posizione naturale, o leggermente in pendenza, con il mento verso il petto, che cosa impedisce il volto è coperto da acqua. Come la ricerca per indicizzazione, i tratti sono alterne, tuttavia con circundação anteriore e posteriore-sono le due fasi: propulsione e recupero. Questo problema si verifica come segue: il movimento inizia con l'uscita dell'arto superiore dell'acqua, estesa dal momento della coscia, che è alto dal percorso semicircolare. La velocità di esecuzione deve abilitare la compatibilità tra la fase propulsiva di un membro e il recuperativa da altra, ed è importante che sono fatti con minima turbolenza (GALDI, 2004).

L'estrazione viene effettuata in uno degli arti superiori in immersione, la flessione del gomito lieve e moderata profondità. È caratterizzata da sommersione del braccio e mano, questo flessi "tirando" e poi spingendo acqua verso i piedi del nuotatore. Questo percorso segue fino alla fine della fase subacquea, quando il braccio e le mani che si estende per circa la linea dei fianchi (GALDI, 2004).

Il dorso è molto simile a ricerca per indicizzazione; Alcuni autori vengono a caratterizzare come strisciare sulla schiena. Come per la passeggiata del crawl, l'azione degli arti inferiori anche è responsabile del mantenimento della stabilità del corpo nell'acqua, perché riequilibra le oscillazioni e le deviazioni derivanti da imprecisioni del tratto, partecipano anche la propulsione della nuotata. Questo movimento viene eseguito in modo alternato con un movimento altalenante nel piano verticale. Perché il nuotatore di soggiorno permanente, con il volto indietro fuori dall'acqua, non sono osservate le difficoltà nella respirazione (GALDI, 2004).

Il ritmo di un'ispirazione ogni ciclo del colpo è il più ampiamente utilizzato, cioè basato su un recupero degli arti superiori e scade sullo stesso palco da altro. Considerando che il coordinamento generale dei movimenti si ottiene con la pratica costante, abbiamo bisogno di imparare ogni mossa in isolamento, anche se non molto migliorata, successivamente cercare di unire gli elementi a ritmo costante e correggere. Il ritmo dello stile posteriore è molto simile alla ricerca per indicizzazione, che provoca alcuni autori descrivono come la ricerca per indicizzazione all'indietro (GALDI, 2004).

  • Petto di stile

La rana è caratterizzata come il nuoto simmetrico e simultaneo, cioè movimenti eseguiti dal lato destro del corpo sono entrambi accompagnati da movimenti identici sul lato sinistro. Da posizione prona ed estesa, con la testa tra gli arti superiori; Questi sono guidati indietro e fuori, piegando il gomito, cercando il supporto per il petto e la testa può emergere e quindi fornire l'ispirazione. Al momento, l'inflessione continua fino a quando la mano passa sotto la linea di spalla e sotto il seno, quando armi chiude verso il tronco e si sono estese sopra la testa (GALDI, 2004).

Così come il superiore, estremità inferiori anche in partenza da posizione estesa successivamente essere piegate e i piedi sono sottoposti a flessione plantare e rotazione esterna. Quindi, le gambe sono estese e United way e i piedi seguono lo stesso movimento, spingendo la massa netta e che consente lo spostamento (GALDI, 2004).

Il torace è simmetrico e simultaneo di nuoto dove i movimenti del lato destro del corpo vengono accompagnati da movimenti del lato sinistro. Il petto di respirazione tenuto è la parte anteriore e con l'aiuto del tronco, per salire, a causa del sostegno dal movimento delle braccia disegnata, rende la testa fuori dall'acqua (GALDI, 2004).

  • Stile della farfalla

Lo stile farfalla, come pure il petto, risultati dall'esecuzione di movimenti simmetrici tra membri e anche eseguita in decubito ventrale. Inizialmente il corpo si trova esteso con gli arti superiori in avanti, allineato al resto del corpo, sulla superficie dell'acqua. La testa rimane nella sua posizione naturale in modo che la parte superiore della testa del nuotatore può essere visto (GALDI, 2004).

Dovuto il circundação simultanea antero-posteriore degli arti superiori, assegna loro una gran parte della responsabilità propulsiva. Proprio come in altri stili, la forma e la traiettoria di questo movimento permettono la vostra azione è descritto in due fasi: () recupero e propulsione (sott'acqua), differenziati anche in due altre fasi (GALDI, 2004).

Recupero inizia con la partenza dei principali membri dell'acqua in posizione estesa e posizione le mani su altezza della coscia. Il gomito è il primo a rompere questa superficie in seguito leggermente flesso, trascinando con sé l'avambraccio e mani, che sono ancora rilassate. Come i membri sono gettati in avanti, gomiti e spalle sono estesi. Una volta sommerso, arti superiori inizierà la trazione; essendo diretto il movimento su e giù per la linea di spalla, quando la traiettoria (GALDI, 2004).

A causa dell'azione propulsiva degli arti superiori, li assegna una grande parte della propulsione della nuotata. Quando gli arti superiori si avvicinano all'asse sagittale del corpo del nuotatore, estensione progressiva, con la fase di Spinta subacquea (GALDI, 2004).

In questo stile, i rami sono anche sul piano verticale e allo stesso tempo, ma a differenza di altri stili, agire in modo pertinente a nuoto propulsione (GALDI, 2004).

Il battito delle zampe è simile al movimento della coda del delfino: estese piedi e gambe unite si muovono come se fossero uno, in un movimento altalenante. L'ultima fase è più potente, essendo accompagnato dall'altezza dei fianchi, mentre l'ascendente è meno vigorosa. Questa variazione di forza quel monitor il movimento delle gambe è responsabile dell'effetto di increspatura che esegue il corpo durante l'azione di nuoto (GALDI, 2004).

Due calci alle gambe vengono eseguite per ogni ciclo di armi. La prima viene eseguita non appena la fase di propulsione del braccio è in fase di completamento; Questo contribuisce ad un effetto di spinta in grado di progettare il nuotatore nella parte anteriore. Il secondo si verifica dopo la nuova voce delle braccia in acqua. Ecco perché afferma che l'ispirazione è fatto durante la fine della trazione delle braccia, sollevando il movimento della testa: è molto veloce, eseguita attraverso la bocca, che indica che può verificarsi con una frequenza di uno o due giri, essendo questo corrispondente al livello di sviluppo del nuotatore. La scadenza si manifesta in tutta la fase di nuoto in cui è immersa la testa (GALDI, 2004).

2 PSICOMOTRICITÀ su EDUCAZIONE della PRIMA INFANZIA

La psicomotricità nell'educazione dei figli è un mezzo per contribuire allo sviluppo dei bambini, per mezzo di motore, cognitiva e socioafetivas esperienze essenziali alla formazione. Così, la psicomotricità, coinvolge tutte le azioni intraprese dall'individuo e integra la psiche e la motricità, mirando a uno sviluppo globale con un focus sugli aspetti emotivi e cognitivi che portano l'individuo a essere consapevoli del vostro corpo attraverso il movimento (AGUILAR; SILVA, 2013).

La psicomotricità si basa su una concezione unitaria della persona, che include il cognitivo, sensoriomotoras e interazioni mentale nella comprensione e nella capacità di esprimere se stessi, dal movimento in un contesto psicosociale. È costituito da un insieme di conoscenze psicologiche, fisiologiche, antropologici e relazionali che consentono di utilizzare il corpo come mediatore, affrontando l'atto motorio umano con l'intento di incoraggiare l'integrazione di questo argomento con voi e con il mondo e di altri soggetti (COSTA, p. 26, 2002).

È noto che ci sono fasi chiave all'interno del processo di sviluppo psicomotorio dei bambini che è di grande rilevanza e di comprendere i concetti di psicomotricità nell'educazione dei figli è fondamentale per soddisfare il processo di apprendimento dei bambini. È importante che il professore della prima infanzia educazione è consapevole che il bambino agisce nel mondo attraverso il movimento e che è fino a questo incontro professionale e fase dello sviluppo motorio, di essere in grado di proporre attività basate sui concetti di psicomotricità, la creazione di curricula e progetti in cui i bambini utilizzano il corpo come un mezzo per esplorare, creare , gioco, immaginare, sentire e imparare (AGUILAR; SILVA, 2013).

L'insegnante assume il ruolo di facilitatore, consentendo al bambino di situazioni e sempre più varia di stimoli, con esperienze concrete e vissuto con tutto il corpo, portando la psicomotricità sotto un aspetto pedagogico e preventivo. A tal fine, gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli del fatto che nell'insegnamento apprendimento il processo di formazione è un elemento fondamentale nell'area educativa (AGUILAR; SILVA, 2013).

Il bambino deve vivere il suo corpo tramite un funzionamento del motore, non nei gruppi muscolari principali per partecipare e ottenere i muscoli piccoli, responsabili per le attività più precise e regolati. Prima di prendere una matita, il bambino deve avere, in termini storici, un grande uso della mano a contatto con numerosi oggetti. (FONSECA, p. 89, 1993)

E infine, Gonçalves (2011) afferma che,

Come si può notare, la psicomotricità mira a vedere l'essere umano nella sua interezza, mai che separa il corpo (sinestésico), il soggetto (relazionale) e affettività; Di conseguenza, essa cerca, mediante azione motoria, stabilendo che essere equilibrio, dandogli la possibilità di trovare il tuo spazio e a identificarsi con i mezzi di cui fa parte. (GONÇALVES, pag. 21, 2011).

2.1 fase dello sviluppo psicomotorio secondo Piaget e Wallon

È importante notare che in psicologia dello sviluppo e apprendimento, ogni opera di Henri Wallon e Jean Piaget ha evidenziato il ruolo dell'attività del corpo nello sviluppo delle funzioni cognitive. Wallon sostiene che il pensiero è nato per tornare lui e Piaget che al momento l'attività di body bambino pensare, imparare, creare e affrontare i problemi (DOS SANTOS; COSTA, 2015).

Piaget (1896-1980) dedicò all'epistemologia genetica (sviluppo e conoscenza dell'essere umano) ed è riconosciuto per il suo lavoro organizzare lo sviluppo cognitivo in fasi e condotto dall'osservazione dei bambini. In questa linea, Piaget ha cercato di individuare come l'uomo costruisce la sua conoscenza, sostenendo che le persone passano attraverso stadi di sviluppo (CARRARA, 2004).

Fonseca (2008) assicura che per Piaget l'intelligenza è che il risultato di aggiustamenti in questo senso sarebbe attraverso l'esperienza come azione che persone sarebbe cambiare il mondo e incorporarlo, quindi possiamo dire che attraverso la funzione motoria individuale si integra con il mondo esterno e le modifiche, così come se stesso.

L'adattamento per Piaget non era un processo passivo, ma piuttosto un processo dinamico e continuo in cui la struttura ereditata dell'organismo interagisce con l'ambiente esterno al fine di ricostituire se stessi, al fine di migliore sopravvivenza.

Nell'opera di Piaget, motricità ha un ruolo di fondamentale importanza per la costruzione dell'immagine mentale, vale a dire, sulla questione della rappresentazione. Per la formazione di questa rappresentazione, Piaget ha osservato che che era successo l'esperienza con la manipolazione dell'oggetto, cioè il movimento che sta trasformando questo oggetto mediante processo sensitivo-motorie. È un periodo che Piaget è denominato come "intelligenza pratica", in cui il bambino trascorre per imitare e rappresentare situazioni che esperienza e che sono assorbiti come immagini mentali (FRANCIS, 2008).

Studiando le strutture cognitive, Piaget descrive l'importanza del motore periodo sensorimotorio e le capacità motorie, soprattutto prima dell'acquisizione del linguaggio, lo sviluppo dell'intelligenza. Lo sviluppo mentale è costruito attraverso una graduale bilanciamento, un passaggio continuo di un equilibrio di stato più piccolo ad esso, significa compensazione, un'attività, una risposta al soggetto, a fronte delle perturbazioni esterne o interne (DOS SANTOS; COSTA, 2015).

Henri Wallon (1879-1962) noto per il suo lavoro sulla psicologia dello sviluppo, hanno fatto sì che l'uomo sarebbe formata non solo da influenza fisiologica, ma anche per l'influenza sociale e ha sostenuto che, tra l'individuo e il suo ambiente, c'è un'unità indivisibile, la società sarebbe una necessità biologica che determina il loro sviluppo e conseguenza la loro intelligenza (FRANCIS, 2008).

Per Wallon cognizione si basa quando ha dato il nome di campi funzionali: movimento, di affetto, di intelligenza e di persona. Il motore aspetto come quello che si sviluppa in primo luogo serve sia come un'attività di ricerca obiettiva in funzione di esprimere qualcosa in relazione a un altro individuo. L'affetto agisce come una forma di mediazione delle relazioni sociali espresse dalle emozioni, intelligenza esamina i problemi di lingua e ragionamento simbolico e la persona come il campo che coordina l'altro è responsabile per lo sviluppo della coscienza e dell'identità del sé (FRASER, 2008).

La questione dei movimenti è molto forte in teoria walloniana ed è inteso come strumento privilegiato di comunicazione della vita psichica. Il bambino che non ha il linguaggio verbale, espresso attraverso i loro diversi bisogni cinetica degli aspetti non verbali e affettivi di espressione di pozzo o di malessere (FRANCIS, 2008).

Chiarire,

La motricità contiene, pertanto, una dimensione psichica ed è un offset all'interno di un motore intero, cognitivo, affettivo e presentato in termini evolutivi secondo Wallon in tre modi fondamentali: turni passivi o esogeni, spostamenti e pratici spostamenti autogeni o beni. (FONSECA, p. 15, 2008).

Passivi o esogeni turni è caratterizzata dalla dipendenza assoluta. Dipendenza da fattori esterni. Simbiosi fisiologica sono compensata da una simbiosi affettiva sicura. Lo sviluppo del motore è importante per il raggiungimento di sia il mondo esterno e il mondo interiore. Gli offset sono attive o autogeno reazione del corpo al mondo esterno. Integrazione e produzione di posture e movimenti del corpo nello spazio, compresa l'interazione con il mondo di altro e degli oggetti. La motricità è incoerente e scarsamente integrata emerge ad una motricità più coerente, più fluente e adeguati sistemi di produzione. L'attrezzo pratico compensa le abitudini sociali delle prime acquisizioni e che consentono le funzioni costruttive e creative e apprendimento psicomotorio. Integrazione sensoriale ora sporge in azienda e nella conoscenza del mondo esterno e non nel mondo interiore dell'io. Il movimento di interazione affettiva e di relazione con il mondo esterno, progettare il bambino nel contesto sociale (CARRARA, 2004).

Lo sviluppo per Wallon è un processo dove una persona va da uno stato di profondo coinvolgimento con il mezzo in cui non si conosce e riconoscere vario esso, questo sviluppo si verifica con la successione di fasi, che vanno dall'affetto, costruzione di I e di ragionare come un modo di comprendere la realtà (FRANCIS, 2008).

Teoria di Wallon reso possibile l'inizio del pensiero psicomotorio e apprezzamento di individuo completamente, dando suggerimenti per molti altri studiosi che hanno stanziato alla loro conoscenza e contribuito allo sviluppo del pensava (FRANCIS, 2008).

Sintetizzando, per Wallon attività figlio inizia con elementare ed è caratterizzata essenzialmente da una serie di gesti con significati di sopravvivenza filogenetica. Tra l'individuo e l'ambiente c'è un'unità indivisibile. La società è all'uomo una necessità"biologica" che determina il loro sviluppo e quindi la vostra intelligenza. Prima dell'acquisizione del linguaggio, le capacità motorie, è quindi esistenziale ed essenziale caratteristica del bambino (CARRARA, 2004).

La motricità occupa un posto speciale nella teoria di Wallon. È la risposta di comodo e priorità ai loro bisogni di base e ai loro Stati e base e i suoi stati emotivi e relazionali. Le abilità motorie nei bambini è quindi già in questa fase così presto, l'espressione della tua psiche prospettico. La motricità è contemporaneamente e in sequenza, la prima struttura della relazione e correlazione con l'ambiente, con l'altro come una questione di priorità e con gli oggetti più tardi. È la prima forma di espressione emotiva del comportamento di motricità, il bambino esprime loro esigenze somatoforme autonome o benessere malessere, che contiene in se una dimensione affettiva e interattiva che si traduce in somatico comunicazione non-verbale. I movimenti contiene una dimensione psichica ed è un offset all'interno di un motore intero, cognitivo e affettivo (CARRARA, 2004).

Wallon propone una serie di fasi dello sviluppo cognitivo. Ma non crede che le fasi di sviluppo formano una sequenza lineare e fissato, o che uno stage Elimina l'altro. Per Wallon, successivamente si espande e la riforma precedente. Lo sviluppo non sarebbe un fenomeno continuo liscio, al contrario, lo sviluppo sarebbe essere permeato da conflitti interni ed esterni. È naturale che nella sviluppo che si verificano rotture, battute d'arresto e rimonte. Anche i conflitti che sorgono intorno le fasi precedenti, stanno generando fenomeni di evoluzione. Il cambiamento di ogni tappa è caratterizzato da un tipo distintivo di comportamento, un'attività predominante che verrà sostituita nella prossima tappa, oltre che l'essere umano di dare nuove forme di pensiero, di interazione sociale e di emozioni che dirigeranno, ora per la costruzione del soggetto stesso, prega per la costruzione della realtà esterna (CARRARA, 2004).

Lavoro di Wallon dimostra l'importanza del movimento nello sviluppo psicologico dei bambini e contribuisce allo studio di sviluppo motorio dei bambini, in particolare quando analizza le strategie e i problemi dello sviluppo psicomotorio e mentale del bambino (NEGRINE, 1995).

Influenze di Piaget sono più recenti e sono in psicologia dell'educazione, poiché la psicomotricità nelle sue origini si erge e avanza all'interno di una concezione legata in bambino Neuropsichiatria neurofisiologici (NEGRINE, 1995).

  1. NUOTO E PSICOMOTRICITÀ

La mossa permette il bambino comprende le relazioni necessarie per il loro sviluppo motore e rapporto con l'ambiente in cui vive. Nella prima età del bambino è essenziale per fornire un ambiente adeguato e con materiali diversi come facilitatori delle azioni consentendo la diversificazione del movimento esperienze durante l'esplorazione degli spazi intorno a loro (Golden, 2013).

In questo senso, la psicomotricità deve essere incluso in qualsiasi attività acquatica, a causa di sensazioni importanti nella ricerca della consapevolezza del proprio corpo, organizzando sensazioni ricevute attraverso il mezzo liquido in cui è immerso e recepimento organizzato di quel movimento in questo spazio e questa volta (PENHA; Rock, 2010)

Per imparare i movimenti attraverso attività giocose e diversificata sono offerti una migliore possibilità di ottimizzare l'apprendimento motorio del bambino. Nuoto sviluppato da giocoso in forma rende l'acquisizione delle abilità motorie quando si verificano situazioni impegnative. L'individuo che subisce un adattamento nel liquido di coltura può presentare uno sviluppo migliore con maggiore reddito nel loro comportamento e capacità fisiche motorie. Perché attraverso il nuoto, l'apprendimento richiede adattamenti delle basi e strutture delle differenze fondamentali di acqua e terra (Golden, 2013).

Come il nuoto è considerato uno degli sport più completo e che ha meno restrizioni, il nuoto è uno strumento di grande valore per lo sviluppo fisico del bambino. Si può anche dire che quando si tratta di sviluppo motorio, la loro partecipazione è chiara riguardante la costruzione di schema corporeo e nello sviluppo di maturazione del corpo (Golden, 2013).

L'attività acquatica può essere praticato senza restrizioni fin dalla nascita, poiché l'individuo, con l'obiettivo di promuovere la maturazione del sistema nervoso attraverso la stimolazione. Psicomotricità, in pratica libertà di espressione e di sperimentazione di esperienze, facilita la scoperta del corpo e le relazioni che egli può offrire. (PENHA; Rock, p. 36, 2010).

Il psicomotorio può essere inteso come un mezzo per strutturare gli elementi psicomotori e permette all'individuo di conoscere voi stessi, il proprio corpo e l'ambiente in cui è inserito. Per il bambino raggiungere un buon grado di sviluppo psicomotorio, ha bisogno di avere un buon dominio, un'audizione e percezione visiva una lateralizzazione impostata, orientamento spazio-temporale, buon coordinamento tra altri comandi psicomotori bene. Più ha lavorato per il suo sviluppo psicomotorio, il suo adattamento al mezzo in cui la vita sarà molto meglio e significativo (Golden, 2013).

Pratica psicomotoria dà un acquatico libertà di espressione e la sperimentazione di esperienze per il bambino, favorendo la scoperta del corpo e le relazioni con il prossimo. Nuoto attraverso l'educazione psicomotoria motiva il raggiungimento di libero e piacevole si muove nell'ambiente idrico, e questo stimola il bambino a conoscere l'altro migliore, più semplice modo di esercitare le sue funzioni di intelligenza. E in questo senso, la teoria di funzionamento e la pratica così indissolubile è possibile raggiungere obiettivi che consentano il miglioramento delle condizioni per lo sviluppo del bambino. Presto il ruolo dell'insegnante è di non essere solo un allevatore di conoscenza e apprendimento, ma piuttosto un facilitatore che dà la possibilità allo studente che ancora fa da solo a causa delle sue limitazioni, rispettando la loro individualità (PENHA; Rock, p. 08, 2010).

Gli studi dimostrano che nuoto contribuisce non solo all'individuo imparare a nuotare, ma anche per il loro sviluppo integrale. In questo contesto, nuoto contribuisce allo sviluppo di abilità psicomotorie con divertenti attività che promuovono lo sviluppo fisici, mentali, aspetti e socio-affettivo (Golden, 2013).

Ci sono diversi passaggi nello sviluppo psicomotorio come adattamento, stimolazione e apprendimento, rispettando il tuo gruppo di età, sono anche coperti, stimoli tattili e visive, sinestésicos dello schema corporeo e stimolazione. Tali elementi psicomotori hanno classificazioni multiple, molti possono essere ben sviluppati nel nuoto come il coordinamento generale o ampia motricità (Golden, 2013).

La psicomotricità in piscina, quando ben realizzata, assiste nello sviluppo della lateralità consistente nel campo su un lato del corpo, dove i movimenti utilizzati per lavorare entrambi i lati del corpo, lato destro, lato sinistro, così che l'individuo scoprire loro predominanza. Per mezzo di questo è determinato quindi il dominio funzionale del corpo, sapendo loro lateralità dominante, che può essere il destro o sinistro, conosciuto come sinistra- e mano destra (DALGLEISH, 1997).

Il psicomotorio visto da angolo pedagogico che lo rende facile da risolvere le difficoltà che si presentano nella vita quotidiana dei bambini, in un rapporto tra pensiero e azione, tra cui funzioni neurofisiologiche e psicologiche (PENHA; Rock, 2010).

Un'altra abilità che possa essere sfruttata nel nuoto è l'equilibrio di competenza mantenere supporto usando il corpo come la base, in una combinazione armonica delle funzioni muscolari, se in piedi o ancora in movimento. Con il corretto sviluppo dell'equilibrio, l'individuo avrà un migliore adattamento con tutte le cose che fanno parte della vostra esperienza quotidiana (DALGLEISH, 1997).

In questo senso la zona di sviluppo del motore si propone di studiare i cambiamenti del comportamento del motore in tutta la vita o processi che sono graduali, secondo l'età e anche le basi importanti di questo cambiamento per lo sviluppo nel suo complesso (Golden, 2013).

La conclusione che si ottiene, è che la psicomotricità, sviluppato da nuoto, ha un piacere dinamico attraverso la giocosità, attività spontanee, come divertimento e giochi, che facilitano e motivano i bambini nell'apprendimento e lo sviluppo (PENHA: Rock, 2010).

Il lavoro professionale, in questo contesto, è di fondamentale importanza e questo dovrebbe migliorare lo sfruttamento delle capacità motorie strutturazione dell'ambiente e adattando le attività a cui l'individuo può acquisire competenze in modo naturale e la maturazione di sviluppo motorio progressivamente mentre sono soggetti a specifiche fasi. Così l'apprendimento significativo è una delle sfide per l'insegnante, che cercano il significato e il senso per le esperienze di apprendimento. Di conseguenza, il professionista competente e innovativo dovrebbe essere informato dell'intervento metodologia adottata soddisfare ogni azione, contenuti, strategie per raggiungere gli obiettivi (Golden, 2013).

Il ruolo dell'insegnante è di fornire situazioni impegnative e di intervenire solo quando necessario, lasciare che l'individuo agire e comprendere l'organizzazione delle attività sviluppate. Uno dei fattori più importanti per lo sviluppo dell'individuo è l'intervento, sapere quando, perché e come intervenire. E in questo senso, l'insegnante deve avere sensibilità per le esigenze di ogni bambino rispettando la sua realtà e così mostrare l'importanza della qualità influenzano le relazioni corporee per una migliore comunicazione (FIGLIO, 2003).

Capacità di un altro insegnante in relazione di psicomotorio nell'ambiente acquatico è di lasciar agire l'acqua e rendono ricca la motivazione dei bambini nell'acqua, che richiederà mobilità, curiosità e sperimentazione per maneggevolezza e lasciando entrambi incontrano in reciprocità, tuning, consentendo la scoperta di se stesso con e nell'acqua e con il contesto che lo circonda. Lasciate che l'atto di acqua è quello di fornire il suo sviluppo globale, la sua progressione nell'ambiente acquatico coinvolgere i genitori in questo processo attraverso il corpo, vicinanza emotiva e percettiva. Lasciate che l'atto di acqua è per consentire lo sviluppo del bambino nella sua interezza, seguendo il suo ritmo e il suo modo e non solo ridurre le azioni di nuoto (Golden, 2013).

Così, dovrebbe fornire forme e strumenti adatti a facilitare e consentire lo sviluppo e ottimizzare il potenziale all'interno dell'acqua. Le attività sviluppate nell'ambiente acquatico con i bambini dovrebbero essere divertente, giocoso, dinamico, con musica, materiali diversi per il bambino espandere le informazioni naturalmente (LEE, 2011).

Piscina offre una serie di vantaggi su fattori esterni che sono un male per la vostra salute e le malattie respiratorie come asma, bronchite e infanzia obesità. E tutti questi obiettivi possono essere raggiunti attraverso il lavoro efficace ed efficiente, sviluppato da professionista e solo applicano le tecniche, ma rendono il soggiorno piacevole in questo ambiente. I bambini che hanno contatto con l'ambiente acquatico dalla più tenera età hanno una maggiore probabilità di sviluppare l'apprendimento più facile e più veloce, in questo contesto, il nuoto infantile è essenziale per avviare un apprendimento organizzato e strumentale per avviare educazione fisica nei bambini. Che contribuiranno allo sviluppo psicomotorio e alla costruzione di schema corporeo, l'integrazione e la maturazione (PENHA; Rock, 2010).

Neonati in piscina contribuisce in modo significativo al processo evolutivo del bambino psicomorfológico, essere così fondamentale e indispensabile strumento per loro psicomotorio e avviare la personalità. Piscina insieme alla psicomotricità e giocoso lavoro sono elementi fondamentali per lo sviluppo del bambino più facile e naturale (Golden, 2013).

Così, si può realizzare l'importanza di lavorare lo sviluppo del motore e la psicomotricità in lezioni di nuoto, poiché questi contribuire direttamente allo sviluppo della lateralità, equilibrio, coordinamento generale, tra molti altri. Un altro grande contributo di psicomotricità è relativo al suo sviluppo nel nuoto, che fornisce situazioni di svago, ricreazione e salute, contribuendo alla crescita e all'evoluzione di percezioni, emozioni e affetto (Golden, 2013).

CONSIDERAZIONI FINALI

Il nuoto è una pratica molto importante per il motore fisico e lo sviluppo sociale dei bambini, come è uno sport che cerca lavoro non solo tecnico, ma anche le capacità motorie attraverso esercizi e giochi, nuoto, il bambino diventa in grado di conoscere il vostro corpo e cercare di sviluppare al massimo le loro capacità motorie, cognitive e affettive, esplorare e conoscere la sua possibilità Oltre a migliorare il sistema di cardiorrespiratório e il corpo, anche come allargare le possibilità di socialità e fiducia in se stessi.

Questo studio ha permesso di riconoscere che il nuoto è una risorsa preziosa nello sviluppo psicomotori stimoli una volta praticati (nuoto), tecniche e creatività che rispettano la maturità e la capacità di ogni bambino.

È riconosciuto che ci sono differenze significative tra le attività svolte in mezzo alla terra e in mezzi liquidi, lasciando da parte dell'ambiente e fattori emotivi che interferiscono in performance motoria degli individui, punto tuttavia la necessità di ulteriori studi c'è bisogno di essere eseguita al fine di indagare i fattori che influenzano o sono limitanti quando si valuta il livello di prestazioni in abilità motorie in acqua.

A fronte di contributo di nuoto allo sviluppo psicomotorio, questa ricerca studiare punto, crede che sia importante includere in lezioni di educazione fisica delle scuole regolari questa modalità, poiché ci sono molti benefici mirati dalla pratica.

RIFERIMENTI

AHMAD, A.S.; SILVA, R. E. I contributi di psicomotricità nell'educazione dei figli. Betlemme: FABEL, 2013.

BONACHELA, V. Le leggi che governano corpi nell'acqua. In: Rivista brasiliana di sport acquatici. Anno II, n. 57, 1992.

CARRARA, introduzione di k. (ed.) alla psicologia educazione: sei approcci. São Paulo: Avercamp, 2004.

COUNSILMAN, J. E. Nuoto: Scienza e tecnologia per la preparazione dei campioni. Rio de Janeiro: latino-americana, 1984.

CORREA, C. R. F.; MASSAUD, scuola di nuoto di g. m.: Assembly e amministrazione, organizzazione pedagogica, il concorso di bebè. Rio de Janeiro: Sprint, 1999.

COSTA, a. c. Psicopedagogia e psicomotricità: punti di intersezione in difficoltà di apprendimento. Petrópolis: Vozes, 2002.

Costa, e. Pensiero complesso e psicomotorio. Rio de Janeiro: CONGIP, 2014.

DALY, L. G. Swimming, psicomotorio e sviluppo: New York: autori Associates, 1997.

DOS SANTOS, A.; COSTA, G. M. T. La psicomotricità nella formazione dei bambini: un approccio basato sulla psicologia dell'educazione. Getúlio Vargas: RE, 2015.

DORATO, F. L. M. Contributo di nuoto alla polvere lo sviluppo psicomotorio dei bambini. Luziânia: ROB, 2013.

FIGLIO, G. P. La psicomotricità relazionale in ambiente acquatico. Barueri: Manole, 2003.

FONSECA, v. psicomotricità, psicologia e pedagogia. São Paulo: Martins Fontes, 1993.

FONSECA, v. apprendimento e sviluppo motorio. Porto Alegre: New Haven, 2008.

GALDI, e. h. g. (a cura di) imparare a nuotare con l'estensione di università. Campinas: Ipes editrice, 2004.

GALLET, r. nuoto alle Olimpiadi estive 2008. São Paulo: GAZETA, 2008.

GONÇALVES, F. La passeggiata di scrivere: una strada a motore. São Paulo: Culturale RBL, 2011.

LEE, V.C. psicomotricità e nuoto nell'infanzia. 2011. Disponibili: http://edue, uem.br/ojs/index.php/RevEducFis/article/viewFile/3855/2649. Accesso: 21 agosto 2016.

MACHADO, B. R.; RUFFEIL, r. nuoto e lo sviluppo nei bambini da due a sei anni di età. Betlemme: UEPA, S/D.

NEGRINE, m. a. apprendimento e sviluppo del bambino – psicomotorio: pedagogiche alternative. Porto Alegre: Piodie, 1995.

PANDEY, J. B.; ROCCIA, M. D. L. C. L'influenza di psicomotricità nell'educazione dei figli. Rio de Janeiro: Universidade Candido Mendes, 2010.

ROHLFS, pressione intracranica m. apprendimento del nuoto. Belo Horizonte: FAM, 1999.

[1] Studente del corso di educazione fisica di laureato College Patos de Minas (FPM) durante l'anno 2016

[2] Docente presso il corso di educazione fisica della facoltà di Patos de Minas. Laurea Magistrale in educazione presso la Universidade Federal de Uberlândia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here