REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Effetti della gestione della fertilizzazione potassica, con e senza aggiunta di fonte di calcio, sulla resa in granella e sui suoi componenti nella coltura di soia

RC: 119170
85
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SILVA, Jean Augusto Bueno da [1], JEZIORSKI, Cleiton Luís [2], KLARMANN, Paulo André [3]

SILVA, Jean Augusto Bueno da. JEZIORSKI, Cleiton Luís. KLARMANN, Paulo André. Effetti della gestione della fertilizzazione potassica, con e senza aggiunta di fonte di calcio, sulla resa in granella e sui suoi componenti nella coltura di soia. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, ed. 02, vol. 02, pag. 35-53. Febbraio 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/agronomia-it/fertilizzazione-potassica

RIEPILOGO

La corretta concimazione è uno dei fattori più importanti ed essenziali per un buon sviluppo, in termini di produttività, nella coltura di soia. In questo contesto il problema di ricerca sollevato è stato: le componenti di resa e la resa in granella di soia sono significativamente influenzate dalla gestione della concimazione potassica più l’aggiunta annuale di calcio nelle condizioni edafo climatiche di Três de Maio – Rio Grande do Sul (RS), nei due raccolti in studio ? Il presente studio mirava a valutare l’effetto di diverse gestioni della fertilizzazione potassica, con e senza l’aggiunta di una fonte di calcio, sulla resa dei cereali e dei loro componenti nella coltura di soia nelle condizioni climatiche e pedologiche del comune di Três de Maio – RS, nelle campagne 2019/20 e 2020/21. Per la raccolta dei dati numerici è stato utilizzato il metodo di approccio quantitativo, i metodi di procedura utilizzati sono stati i metodi di procedura statistica e sperimentale. È stata utilizzata un’osservazione diretta intensiva per osservazione, per la raccolta e l’analisi dei dati sono state utilizzate statistiche descrittive e inferenziali. Per quanto riguarda la densità delle piante, non sono emerse differenze significative tra i trattamenti. Per quanto riguarda la componente di densità verdure, la media rilevata è stata di 992 verdure/m2, non differendo statisticamente tra i trattamenti. Anche il numero di cereali per legume non ha mostrato differenze significative tra i trattamenti. Per quanto riguarda la componente massa mille grani, non sono state riscontrate differenze significative tra i trattamenti nei due anni di coltivazione. Per quanto riguarda la resa in granella, nella vendemmia 2019/20 la resa media è stata di 2465 kg ha-1 mentre nella vendemmia 2020/21 la resa media è stata di 4214 kg ha-1, e in entrambi i raccolti non si sono riscontrate differenze significative di resa tra i trattamenti. Sulla base dei risultati ottenuti nel presente studio, si può concludere che le componenti della resa e della resa in granella non sono state influenzate dalla gestione dell’applicazione di potassio e dall’aggiunta di una fonte di calcio nella coltura di soia, negli ossisol con livelli elevati. di fertilità.

Parole chiave: Glycine max, Produzione di grano, Gestione della fertilizzazione.

1. INTRODUZIONE

La soia (Glycine max) ha grande risalto nell’economia mondiale nel raccolto 2009/2010, la produzione è stata di 259,7 milioni di tonnellate, dove sono stati coltivati ​​circa 102 milioni di ettari (USDA, 2011). In Brasile, l’elevata produttività rende il Paese il secondo produttore mondiale di semi oleosi, essendo così una delle principali materie prime nel mercato agroalimentare brasiliano (USDA, 2011).

Questo continuo miglioramento della produttività della soia è dovuto alle nuove tecnologie sviluppate per aumentare la resa per area, poiché la sfida è produrre di più nelle stesse aree, quindi è importante conoscere la migliore gestione della fertilizzazione da adottare per ottenere rese più elevate.

La grande domanda sorge al momento della pre-piantagione, dove si sta definendo la forma di applicazione dei nutrienti, in quanto ci sono due modi per farlo, per colata o in linea di impianto. Secondo Tomé (2019), la modalità di applicazione può modificare la velocità e la capacità dei fertilizzanti nel terreno, con una differenza se applicati per sbarco o in linea di semina.

La conoscenza di queste gestioni è fondamentale per aumentare la produzione, in quanto la produttività dipende dalla forma di concimazione e dalla sua applicazione. Tomé (2019) stabilisce che la concimazione in linea avviene quando viene effettuata insieme alla semina e l’applicazione per sbarramento viene effettuata sulla superficie del suolo dove può essere prima o dopo la semina.

Il potassio è uno degli elementi fondamentali per lo sviluppo della coltura di soia, in quanto aiuta nella formazione della parete cellulare e nel trasporto dei nutrienti al riempimento del grano, generando così una maggiore produttività e stabilità per la coltura (MALAVOLTA, 2006) .

I nutrienti Calcio e Magnesio hanno comportamenti simili essendo assorbiti come componenti della materia organica e poco assorbiti quando il pH è molto alto secondo Raij (2011).

Secondo Melém Júnior et al. (2015) la coltura di soia ha mostrato un aumento di produttività con l’aumento della fertilizzazione potassica, cioè senza l’aggiunta di questo nutriente la produttività era di 1943 kg ha-1 e con 90 kg ha-1 di K2O la produttività era di 2.572 kg ha-1 , nonché il numero di verdure per pianta. Anche secondo Marcos Filho (2005), un’alimentazione adeguata influenza direttamente le dimensioni e il peso dei cereali.

Pertanto, conoscendo l’importanza dei nutrienti per lo sviluppo della coltura di soia, Reetz (2017) afferma l’importanza dei fertilizzanti per il recupero della fertilità del suolo e anche per aumentare la produttività delle colture. Pertanto, è importante che vengano effettuati studi per confrontare l’efficacia delle diverse gestioni di applicazione della fertilizzazione di potassio con l’uso del calcio per aumentare la produzione.

La corretta gestione della fertilità del suolo è condizione essenziale per il successo di qualsiasi coltura, così come per la coltura di soia. Identificare la capacità del suolo di fornire nutrienti alle piante e pianificare strategie di gestione della fertilizzazione appropriate sono decisioni importanti per ottenere rese elevate. Per questo, è essenziale eseguire un’analisi del suolo.

In questo contesto il problema di ricerca sollevato è stato: le componenti di resa e la resa in granella di soia sono significativamente influenzate dalla gestione della concimazione potassica più l’aggiunta annuale di calcio nelle condizioni edafo climatiche di Três de Maio – RS, nei due raccolti in studio ? Il presente studio mirava a valutare l’effetto di diverse gestioni della fertilizzazione potassica, con e senza l’aggiunta di una fonte di calcio, sulla resa dei cereali e dei loro componenti nella coltura di soia nelle condizioni climatiche e pedologiche del comune di Três de Maio – RS, nelle campagne 2019/20 e 2020/21.

2. ASPETTI METODOLOGICI

Attraverso lo sviluppo di questo lavoro di ricerca, si è cercato di valutare gli effetti della gestione della fertilizzazione potassica, con e senza l’aggiunta di una fonte di calcio, sulla resa dei cereali e dei loro componenti nella coltura di soia.

Pertanto, è stato formulato il seguente problema: le componenti della resa e la resa in granella di soia sono significativamente influenzate dalla gestione della fertilizzazione di potassio più l’aggiunta annuale di calcio nelle condizioni pedoclimatiche del comune di Três de Maio-RS, raccolti 2019/20 e 2020/21?

Le ipotesi formulate per aiutare a risolvere il problema sono state:

La concimazione potassica, quando effettuata in superficie, per spargolo, favorirà incrementi della resa in granella significativamente maggiori, in relazione all’applicazione nel solco di semina, in entrambi gli anni di coltivazione; Le componenti della resa della soia nella seconda coltura sono significativamente influenzate dai trattamenti nutrizionali studiati; Quando ai trattamenti effettuati si aggiunge una fonte di calcio, si ha un aumento significativo della massa di mille chicchi di soia in entrambe le colture, indipendentemente dalla gestione della concimazione potassica; L’utilizzo di una fonte di calcio nel terreno favorisce una minore estrazione di potassio da parte delle piante di soia a 30, 60, 90 giorni e dai grani, allo stato della seconda coltura, indipendentemente dalla sua forma di applicazione; L’uso di una fonte di calcio per due anni consecutivi influisce in modo significativo sulla resa in granella di soia nella seconda coltura, a causa dell’effetto residuo di questo elemento nel terreno.

Sono stati utilizzati metodi di approccio quantitativo per raccogliere e analizzare i dati riguardanti le componenti della resa (densità della pianta, densità delle verdure, numero di grani per legumino e massa di mille grani), resa in granella e concentrazione di nutrienti nella fitomassa della coltura.

I metodi procedurali utilizzati erano statistici e sperimentali. Per l’analisi numerica dei dati è stata utilizzata la procedura statistica (densità della pianta, densità delle leguminose, numero di grani per legumino, peso di mille grani, concentrazioni di nutrienti nella fitomassa della coltura e resa in granella). la procedura sperimentale è stata utilizzata nella progettazione e conduzione della prova in campo, avendo come controllo un trattamento

Pertanto, è stato formulato il seguente problema: le componenti della resa e la resa in granella di soia sono significativamente influenzate dalla gestione della fertilizzazione di potassio più l’aggiunta annuale di calcio nelle condizioni pedoclimatiche del comune di Três de Maio-RS, raccolti 2019/20 e 2020/21?

Le ipotesi formulate per aiutare a risolvere il problema sono state:

La concimazione potassica, quando effettuata in superficie, per spargolo, favorirà incrementi della resa in granella significativamente maggiori, in relazione all’applicazione nel solco di semina, in entrambi gli anni di coltivazione; Le componenti della resa della soia nella seconda coltura sono significativamente influenzate dai trattamenti nutrizionali studiati; Quando ai trattamenti effettuati si aggiunge una fonte di calcio, si ha un aumento significativo della massa di mille chicchi di soia in entrambe le colture, indipendentemente dalla gestione della concimazione potassica; L’utilizzo di una fonte di calcio nel terreno favorisce una minore estrazione di potassio da parte delle piante di soia a 30, 60, 90 giorni e dai grani, allo stato della seconda coltura, indipendentemente dalla sua forma di applicazione; L’uso di una fonte di calcio per due anni consecutivi influisce in modo significativo sulla resa in granella di soia nella seconda coltura, a causa dell’effetto residuo di questo elemento nel terreno.

Sono stati utilizzati metodi di approccio quantitativo per raccogliere e analizzare i dati riguardanti le componenti della resa (densità della pianta, densità delle leguminose, numero di grani per legumino e massa di mille grani), resa in granella e concentrazione di nutrienti nella fitomassa della coltura.

I metodi procedurali utilizzati erano statistici e sperimentali. Per l’analisi numerica dei dati è stata utilizzata la procedura statistica (densità della pianta, densità delle leguminose, numero di grani per verdure, peso di mille grani, concentrazioni di nutrienti nella fitomassa della coltura e resa in granella). la procedura sperimentale è stata utilizzata nella progettazione e conduzione della prova in campo, avendo come controllo un trattamento

La raccolta dei dati è avvenuta attraverso un’intensa osservazione diretta mediante osservazione, utilizzata per raccogliere dati numerici relativi alla resa in granella, nonché alle componenti della resa. Per l’analisi dei dati sono state utilizzate statistiche descrittive e inferenziali, attraverso l’analisi della varianza (ANOVA) e i valori sono stati confrontati utilizzando il test di Tukey al 5% di probabilità di errore.

La popolazione oggetto di studio è l’insieme di piante di soia della cultivar M 6410 IPRO, che ha un portamento di crescita indeterminato di gruppo di maturazione 6.4, comprendente i vari appezzamenti che componevano la sperimentazione in campo.

Per valutare la resa in granella e il peso di mille grani sono stati utilizzati i grani che si raccoglievano nell’area utile degli appezzamenti, che era composta da quattro metri delle 3 linee centrali. Per la valutazione delle componenti di resa e la determinazione dei nutrienti presenti nella fitomassa sono state utilizzate le piante dell’area distruttiva, composta da 1,5 metri da ciascuna estremità degli appezzamenti.

Lo studio sullo schermo ha realizzato un esperimento sul campo a Vila Manchinha, comune di Três de Maio, alle coordinate 27°42’13” S e 54°13’53” a un’altitudine di 308 metri rispetto al livello del mare e al Il suolo è classificato come Typical Dystroferric Red Latosol (EMBRAPA, 2013), l’esperimento è stato implementato con un sistema di non lavorazione, con il grano come coltura antecedente.

Il disegno sperimentale era in blocchi completamente randomizzati distribuiti in 6 trattamenti e 4 repliche, per un totale di 24 appezzamenti di 2,5 metri di larghezza per 7 metri di lunghezza.

Per quanto riguarda la quantità di fertilizzanti utilizzati, nella coltura 2019/20, nella prima condizione colturale, i trattamenti T1 e T2 hanno ricevuto 234 kg ha-1 del concime formulato NPK (23.02.23), applicato in linea di semina, i trattamenti T3 e T4 ha ricevuto 118 kg ha-1 di SF + 25 kg ha-1 di KCl, applicato nella linea di semina, e i trattamenti T5 e T6 hanno ricevuto 118 kg ha-1 di SFT nella linea di semina + 25 kg ha-1 di KCl, applicato in superficie.

Nella coltura 2020/21, in condizione di seconda coltura, i trattamenti T1 e T2 hanno ricevuto 390 kg ha-1 del concime formulato NPK (23.02.23), applicato in linea di semina, i trattamenti T3 e T4 hanno ricevuto 120 kg ha-1 di SFT + 150 kg ha-1 di KCl, applicato in linea di semina, e i trattamenti T5 e T6 hanno ricevuto 120 kg ha-1 di SFT in linea di semina + 150 kg ha-1 di KCl applicato in superficie.

Il fertilizzante a base di calcio Fort Cal (38% Ca + 0,5% Mg) è stato applicato solo nei trattamenti T2, T4 e T6, in superficie, ad una dose fissa di 200 kg ha-1.

I lotti erano composti da 5 linee, distanziate tra le linee di 50 cm e di sette metri di lunghezza, costituendo un’area di 17,5 m², che era suddivisa in area utile e area distruttiva. Nell’area utile sono stati raccolti quattro metri delle 3 linee centrali per misurare la resa del grano. Sono stati prelevati campioni da questi grani raccolti per determinare il peso di mille grani e la concentrazione di Ca, Mg e K nei grani.

3. RIFERIMENTO TEORICO

Le prime piante di soia, più di 5mila anni fa, avevano le caratteristiche di una pianta strisciante, e dopo incroci naturali tra due specie di soia selvatica, furono addomesticate e migliorate dagli scienziati dell’antica Cina (DALL’AGNOL et al., 2007) ., dando origine ad una soia molto simile a quella che attualmente si coltiva.

Secondo i dati CONAB (2020), la produzione di grano in Brasile per il raccolto 2019/20 ha raggiunto i 120,3 milioni di tonnellate, un record nella serie storica, con un aumento del 4,6% rispetto allo scorso anno. Nel Rio Grande do Sul, la produzione è stata di circa 25.970 mila tonnellate, posizionando lo stato tra i 5 maggiori produttori di soia del paese.

La fertilità del suolo è la capacità del suolo di fornire elementi essenziali alle piante e, secondo Lopes e Guilherme (2007, p. 1) è una delle componenti più importanti per lo sviluppo dell’agricoltura, soprattutto per quanto riguarda l’aumento della produttività agricola. Tuttavia, per ottenere un’elevata produttività, le piante hanno bisogno di più nutrienti di quelli forniti dal suolo, richiedendo così l’uso di input contenenti nutrienti per mantenere i suoli fertili.

La gestione della concimazione interferisce con l’efficienza dei fertilizzanti e l’adozione di diverse modalità applicative deve tener conto degli aspetti operativi, agronomici ed economici (FIORIN, VOGEL; BORTOLOTTO, 2016). Pertanto, la modalità di applicazione può modificare la velocità e la capacità dei fertilizzanti di reagire nel terreno, essendo quindi diversa quando il fertilizzante viene applicato per dilatazione o insieme alla semina (TOMÉ, 2019).

Tomé (2019) definisce la concimazione in linea come l’applicazione simultanea di fertilizzanti e semi nella linea di semina, mentre la concimazione a spacco come l’applicazione di fertilizzanti superficialmente nel terreno, solitamente prima della semina.

In molti casi, secondo Fiorin, Vogel e Bortolotto (2016, p. 95) “…le applicazioni broadcast possono non fornire le quantità di nutrienti necessarie allo sviluppo iniziale delle piante, mentre le applicazioni in linea, in dosi elevate , può causare danni al sistema di root”.

Il potassio è il secondo nutriente più assorbito dalle piante coltivate e il mantenimento di livelli adeguati di questo nutriente nei suoli agricoli richiede un’attenzione particolare (BENITES et al., 2010; PRADO, 2008).

Nel caso del calcio e del magnesio si trovano entrambi, nel terreno, nelle forme cationiche (Ca2+ e Mg2+). Il calcio viene adsorbito nei colloidi del suolo (Exchangeable Ca) o come componente della materia organica e può precipitare sotto forma di carbonati, fosfati o solfati scarsamente solubili quando il pH è elevato (RAIJ, 2011; PRADO, 2008; TROEH; THOMPSON, 2007). A causa della bassa concentrazione di calcio nei terreni acidi, si consiglia di utilizzare correttivi come il calcare (carbonati di calcio) che, oltre a neutralizzare l’acidità, fungono da importante fonte di calcio.

L’assimilazione del potassio da parte delle piante avviene in forma ionica (K+), avviene attraverso diversi sistemi (trasportatori e in canali) (PRADO, 2008) e dipende principalmente dalla diffusione dell’elemento attraverso la soluzione del suolo, che può avvenire anche per massa flusso (RAIJ, 2011). Tra i fattori che possono influenzare l’assorbimento del potassio da parte delle piante vi sono l’umidità, la concentrazione del nutriente nel suolo e l’età della pianta, dove le radici più giovani presentano un maggiore assorbimento rispetto alle radici vecchie (PRADO, 2008). Dopo l’assorbimento, il potassio viene rapidamente trasportato attraverso lo xilema al germoglio (MALAVOLTA, 2006).

Nel caso del calcio, le modalità con cui può essere assorbito dalle piante sono lo ione Ca2+ e il calcio chelato (MALAVOLTA, 2006). Il suo assorbimento non avviene solo per flusso di massa, ma anche per intercettazione delle radici (PRADO, 2008) e il suo trasporto dopo aver raggiunto lo xilema avviene in modo passivo e acropetale, cioè unidirezionale (MALAVOLTA, 2006).

Nel caso di interazioni tra K, Ca e Mg, un aumento della dose di K provoca una diminuzione del contenuto di Ca e Mg, così come l’interazione tra Ca e Mg nella soluzione del suolo è antagonista, cioè il l’eccesso di uno pregiudica l’assorbimento dell’altro (PRADO, 2008; MOORE, OVERSTREET; JACOBSON, 1961).

4. PRESENTAZIONE E DISCUSSIONE DEI RISULTATI

Per quanto riguarda la concentrazione dei nutrienti nella fitomassa della coltura, è stata eseguita un’analisi di laboratorio per determinare la concentrazione di K, Ca e Mg a 30, 60 e 90 giorni dopo l’emergenza (D.A.E) al fine di identificare l’assorbimento di questi nutrienti da parte delle piante a diverse fasi di sviluppo della cultura, come mostrato nella figura 1.

Figura 1 – Concentrazione di K, Ca e Mg nella fitomassa della coltura a 30, 60 e 90 A.A.E

Concentração de K, Ca e Mg na fitomassa da cultura aos 30, 60 e 90 D.A.E
T1 – Controllo (fertilizzante N-P-K 23.02.23), T2 – N-P-K 23.02.23 + Calcio, T3 – SFT + KCl (fila), T4 – SFT + KCl (fila) + Calcio, T5 – SFT + KCl (rotta), T6 – SFT + KCl (rotta) + Calcio. I mezzi seguiti dalla stessa lettera, nella colonna, non differiscono l’uno dall’altro nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

A 30 D.A.E, si è verificato un maggiore assorbimento di Ca, Mg e K da parte delle piante nei trattamenti in cui è stato applicato il fertilizzante a base di calcio, ma non è stata rilevata alcuna differenza statistica rispetto agli altri trattamenti, questo aumento dell’assorbimento dei nutrienti può essere correlato all’elevata piovosità di dicembre e gennaio, con precipitazioni mensili superiori a 220 millimetri, facilitando così lo scioglimento dei fertilizzanti e rendendo disponibili i nutrienti nella soluzione del suolo.

A 60 D.A.E, è stato osservato un piccolo aumento della concentrazione di Ca, Mg e K nel trattamento 6 (SFT + KCl (haul) + Calcio), ma anche questa differenza non era significativa rispetto agli altri trattamenti.

I valori rilevati a 90 A.A.E mostrano concentrazioni più elevate di Ca e K nel trattamento 4 (SFT+KCl (linea) + Calcio), ma le concentrazioni più elevate di Mg sono state trovate nel trattamento 1 (N-P-K 02.23.23), ma come in le stagioni precedenti non presentavano differenze significative rispetto agli altri trattamenti.

La figura 2 mostra i livelli di potassio, calcio e magnesio presenti nei chicchi di soia nei raccolti 2019/20 e 2020/21.

Figura 2 – Contenuto di K, Ca e Mg nei chicchi di soia nei raccolti 2019/20 e 2020/21

Teores K, Ca e Mg nos grãos da soja nas safras 201920 e 202021
*T1 – Control (fertilizzante N-P-K 23.02.23), T2 – N-P-K 23.02.23 + Calcio, T3 – SFT + KCl (fila), T4 – SFT + KCl (fila) + Calcio, T5 – SFT + KCl (rotta), T6 – SFT + KCl (rotta) + Calcio. I mezzi seguiti dalla stessa lettera, nella colonna, non differiscono l’uno dall’altro nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

Per quanto riguarda l’analisi della concentrazione dei nutrienti presenti nei chicchi della coltura di soia, possiamo osservare che nella coltura 2019/20 si è registrato un piccolo aumento della concentrazione di Potassio e Magnesio nei trattamenti dove è stata effettuata l’applicazione del calcio , ma questi valori non differivano statisticamente in relazione ai trattamenti in cui non veniva applicato questo fertilizzante.

Per quanto riguarda il calcio, non ha mostrato alcuna differenza in relazione alla sua concentrazione in chicchi di soia nel raccolto 2019/20.

Nella coltura 2020/21 sono state riscontrate concentrazioni più elevate di potassio nel trattamento 4, dove è stata eseguita la concimazione con SFT + KCl (fila), ma tale differenza non è risultata significativa in relazione alla concentrazione di potassio nei chicchi degli altri trattamenti.

Per quanto riguarda il calcio, si osserva che nella coltura 2020/21 la concentrazione più alta è stata riscontrata nel trattamento 6, dove la concimazione è stata eseguita con SFT + KCl (retata) + Calcio, ma non ha mostrato differenze significative rispetto agli altri trattamenti.

Lo stesso è avvenuto in relazione alla concentrazione di Magnesio nei chicchi, dove non sono state riscontrate differenze in relazione alle diverse forme di applicazione del potassio nella concimazione della coltura e all’aggiunta o meno di concime a base di calcio.

La Figura 3 presenta i dati relativi alla Densità dei verdure (Densidade Legumes) di ciascuno dei trattamenti in studio, nella raccolta 2020/21.

Figura 3 – Densità degli verdure nel raccolto 2020/21.

Densidade de legumes na safra 202021.
I mezzi seguiti dalla stessa lettera, nella colonna, non differiscono l’uno dall’altro nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

Per quanto riguarda la densità degli verdure, è stato riscontrato che non vi era alcuna differenza significativa tra i trattamenti, e la media rilevata è stata di 992 m² di verdure, dove è stata osservata la densità più alta (1155 m² di verdure) dove è stato utilizzato SFT+KCl (retata). + Calcio (T6), mentre la densità più bassa (874 m² di verdure) è stata trovata in T3 (SFT+KCl (riga)).

Per quanto riguarda la forma di applicazione del potassio, Mantovani et al. (2017), in uno studio effettuato, affermano che il metodo di applicazione del potassio non ha influito significativamente sul numero di ortaggi per pianta, sia nell’applicazione del potassio lungo tutta la linea di semina che di tutto il potassio applicato in superficie, nonché non vi era alcuna differenza statistica rispetto al controllo, senza applicazione di potassio, in terreni con livelli elevati di questo nutriente.

Per quanto riguarda il numero di grani per ortaggio nella raccolta 2020/21, i risultati ottenuti sono visibili in figura 4.

Figura 4 – Numero di grani per ortaggio nel raccolto 2020/21.

Número de grãos por legume na safra 202021.
I mezzi seguiti dalla stessa lettera, nella colonna, non differiscono l’uno dall’altro nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

Come mostrato in Figura 4, si può osservare che è stata ottenuta una media di 2,49 grani per legume, senza differenze significative tra i trattamenti in studio, questo risultato può essere spiegato come conseguenza dei livelli di nutrienti presenti nel suolo che sono elevati per il fosforo è troppo alto per il potassio.

In uno studio condotto da Peter et al (2016), affermano di non aver riscontrato differenze significative nel numero di grani per ortaggio per quanto riguarda le diverse forme di applicazione dei fertilizzanti, corroborando lo studio in questione.

Secondo i dati presentati in Figura 06, in relazione alla massa di mille grani (MMG), la media ottenuta nei trattamenti in esame è stata di 128,71 g nella vendemmia 2018/20 e di 130,2 nella vendemmia 2020/21.

Figura 5 – Massa di mille grani nei raccolti 2019/20 e 2020/21.

Massa de mil grãos nas safras 201920 e 202021.
Le medie seguite dalla stessa lettera nella colonna non differiscono l’una dall’altra nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

Quando citiamo la componente prestazionale (MMG), possiamo osservare in figura 06 che nei due anni di studio, in cui questa componente è stata analizzata, non sono state riscontrate differenze significative nei suoi valori quando sottoposti all’analisi del test Tukey a 5 % di probabilità.

Per quanto riguarda la MMG si osserva che sia nella vendemmia 2019/20 che nella vendemmia 2020/2021 i valori medi di MMG erano inferiori a quelli presentati dall’azienda proprietaria della cultivar utilizzata, che sarebbe di 145 gr.

Si può notare dalla figura 5 che nella coltura 2019/20 il valore più alto (128,75 gr) è stato riscontrato nel trattamento di controllo (T1), dove è stato applicato solo il concime 23.02.23, ma non si è rilevata alcuna differenza statistica in relazione al valori degli altri trattamenti.

Nella Coltura 2020/21 i valori più alti (132,75 g) sono stati riscontrati nel trattamento 4, dove è stato applicato SFT + KCl (linea) + calcio, ma non è stata rilevata alcuna differenza statistica rispetto agli altri trattamenti, così come in relazione al controllo.

Secondo Vogel (2016) in un esperimento nel comune di Cerro Largo con diverse forme di applicazione di potassio e fosfato per colata e in linea, non c’era nemmeno una relazione significativa nei loro trattamenti per quanto riguarda la massa di mille grani.

Per Navarro Junior e Costa (2002) la massa media del grano è una caratteristica fortemente legata alla genetica, essendo una caratteristica di ogni cultivar, essendo modificabile dalle condizioni ambientali.

In relazione alla resa in granella, i risultati ottenuti nei due anni di coltivazione sono visibili in figura 6.

Figura 6 – Resa in granella nei raccolti 2019/20 e 2020/21

Rendimento de grãos nas safras 201920 e 202021
Le medie seguite dalla stessa lettera nella colonna non differiscono l’una dall’altra nel test tukey con una significatività del 5%. Fonte: Klarmann; Silva; Jeziorski (2021)

Per quanto riguarda la resa in granella della vendemmia 2019/2020, si osserva che la resa più alta si è verificata nel trattamento in cui è stato utilizzato NPK 23.02.23 + calcio, con 2695 kg ha-1, ma non si è rilevata alcuna differenza statistica in relazione alla altri trattamenti.

Si può inoltre osservare che la resa media dei trattamenti nella coltura 2019/2020 è risultata inferiore alla resa attesa, fissata in 3600 kg ha-1, risentendo del basso volume di precipitazioni durante il ciclo colturale.

Malavolta (1980) afferma che i periodi di carenza idrica nella fase di sviluppo vegetativo riducono la crescita delle piante, diminuiscono l’area fogliare e la resa del grano.

Citando la resa in granella nella coltura 2020/2021, si osserva che la resa più alta si è verificata nel trattamento 5, dove è stato applicato SFT + KCl (taglia), con una produttività di 4341 kg ha-1, mentre la resa più bassa si è verificata in il trattamento 3, in cui è stato applicato SFT + KCl (riga), con una resa di 3967 Kg ha-1, ma questi valori non differivano statisticamente dagli altri trattamenti.

I risultati ottenuti sono simili a quelli trovati da Bernardi et al. (2009), dove affermano di non aver riscontrato differenze significative nella resa in granella in relazione alla forma di applicazione del potassio nella soia in terreno argilloso rosso con livello di potassio classificato come elevato.

Pettigrew (2008) afferma che le risposte alla fertilizzazione con potassio possono essere ottenute con gestioni diverse, purché il suolo abbia una bassa disponibilità di nutriente.

5. CONCLUSIONE

Attraverso il presente studio è stato possibile valutare l’influenza degli effetti della gestione della fertilizzazione potassica, con o senza aggiunta di calcio, sulle componenti di resa e sulle rese in granella della soia in latosol rosso nelle campagne 2019/20 e 2020/ 21.

Nell’ambito degli obiettivi proposti in questo studio, è possibile analizzare le ipotesi formulate secondo quanto segue.

Non trova conferma la prima ipotesi che “la concimazione potassica, quando effettuata in superficie, per sbarramento, favorirà incrementi della resa in granella significativamente maggiori, in relazione all’applicazione nel solco di semina, in entrambi gli anni di coltivazione”, per mancanza di esiste una differenza statistica tra le rese degli altri trattamenti in studio, che può essere spiegata dal fatto che i livelli di potassio originariamente trovati nel suolo sono classificati come molto elevati dalla Commissione di chimica del suolo e fertilità RS/SC, 2016, essendo sufficiente a soddisfare il fabbisogno nutritivo della coltura.

Per quanto riguarda l’ipotesi che “le componenti di resa in soia nella seconda coltura siano significativamente influenzate dai trattamenti nutritivi studiati” non è stata confermata nemmeno per nessuna delle componenti di resa analizzate, poiché, effettuando il test Tukey al 5% di significatività nei risultati ottenuti in per la coltura 2020/2021, è stato possibile verificare che non vi era alcun effetto significativo sulle componenti di resa tra i trattamenti in studio, così come non vi era alcuna differenza statistica di queste stesse componenti di resa nel primo anno di coltivazione.

Non trova conferma, invece, l’ipotesi che “quando si aggiunge una fonte di calcio ai trattamenti effettuati, si ha un aumento significativo della massa di mille chicchi di soia in entrambe le colture, indipendentemente dalla gestione della concimazione potassica”. , poiché non vi erano differenze significative tra i due per questi trattamenti.

L’ipotesi che “l’utilizzo di una fonte di calcio nel terreno favorisca una minore estrazione di potassio da parte delle piante di soia a 30, 60, 90 giorni e dai cereali, allo stato di seconda coltura, indipendentemente dalla sua forma di applicazione” non era confermato. , in quanto non vi erano differenze significative in relazione alla concentrazione di potassio nella fitomasa della coltura a 30, 60 e 90 D.A.E, nonché nei grani raccolti.

Riguardo all’ultima ipotesi, non è stato inoltre confermato che “l’uso di una fonte di calcio per due anni consecutivi influisca in modo significativo sulla resa in granella di soia nella seconda coltura, a causa dell’effetto residuo di questo elemento nel suolo”, poiché in nessuno dei trattamenti che hanno ricevuto l’applicazione di calcio erano differenze significative nella resa in granella nella coltura 2020/2021 rispetto ai trattamenti che non hanno ricevuto l’applicazione di calcio.

In risposta al problema della ricerca, si può affermare che non ci sono state differenze significative sulle componenti della resa e sulla resa in granella delle diverse gestioni della concimazione potassica più l’aggiunta annuale di calcio nelle condizioni pedoclimatiche di Três de Maio, RS, 2019/ Raccolto 2019/2020 e 2020/2021, senza differenze significative rispetto al controllo.

Dopo la conclusione dello studio su schermo, si può affermare che il potassio, quando applicato in superficie, non porta ad aumenti della produttività della soia nei suoli classificati come Typical Dystroferric Red Latosol con alti tassi di fertilità, tuttavia, il presente lavoro si apre opportunità di svolgere altri studi con l’obiettivo di valutare l’influenza delle forme di applicazione del potassio nella coltura di soia.

RIFERIMENTI

BENITES, Vinicius de Melo; CARVALHO, Maria da Conceição; RESENDE, Álvaro Vilela; POLIDORO, José Carlos; BERNARDI, Alberto Carlos De Campos; OLIVEIRA, Fabio Alvares de. O potássio, o cálcio e o magnésio na agricultura brasileira. In: PROCHNOW, Luís Ignácio; CASARIN, Valter; STIPP, Silvia Regina. Boas práticas para uso eficiente de fertilizante. Piracicaba: IPNI. 2010.  pp. 133-204.

BERNARDI, Alberto Carlos de Campos; OLIVEIRA JÚNIOR, Juarez Patrício de; LEANDRO, Wilson Mozena; MESQUITA, Tiago Gomes da Silva; FREITAS,  Pedro Luiz de; CARVALHO, Maria da Conceição Santana. Doses e formas de aplicação da adubação potássica na rotação soja, milheto e algodão em sistema de plantio direto. Pesquisa Agropecuária Tropical. V. 39. n. 2. Goiânia: Universidade Federal de Goiânia. Abr./Jun. 2009.  pp. 158-167.

CONAB. Acompanhamento da safra brasileira de grãos, safra 2019/2020. Brasília: Companhia Nacional de Abastecimento. 2020.

DALL’AGNOL, Amélio; ROESSING, Antonio Carlos; LAZZAROTTO, Joelsio José; HIRAKURI, Marcelo Hiroshi; OLIVEIRA, Arnold B. de. O complexo agroindustrial da soja brasileira. Circular Técnica 43. Londrina: EMBRAPA.  2007. ISSN 1516-7860.

EMBRAPA. Sistema brasileiro de classificação de solos. 3 ed. Brasília, DF. Embrapa informação tecnológica. 2013.  ISBN 978-85-7035-198-2.

FIORIN, Jackson Ernani; VOGEL, Pedro Toigo; BORTOLOTTO, Rafael Pivotto. Métodos de aplicação e fontes de fertilizantes para a cultura da soja.  Revista Brasileira de Ciências Agrárias. V. 11. n. 2. Recife: Universidade Federal Rural de Pernambuco. Jun. 2016. pp. 92-97.

LOPES, Alfredo Scheid; GUILHERME, Luiz Roberto Guimarães. Fertilidade do solo e produtividade agrícola. In: NOVAIS, Roberto Ferreira de; ALVAREZ, Victor Hugo V; BARROS, Nairam Félix De; FONTES, Renildes Lúcio; CANTARUTTI, Reinaldo Bertola; NEVES, Júlio César Lima. Fertilidade do Solo. Viçosa: SBCS. 2007.

MALAVOLTA, Eurípedes. Manual de nutrição mineral de plantas. 1 ed. São Paulo: Editora Ceres. 2006. ISBN: 8531800471

____ . Nutrição mineral e adubação da soja. Piracicaba: Escola Superior de Agricultura Luiz de Queiroz. 1980.

MANTOVANI, Analu; RIBEIRO, Fernando José; VEIGA, Milton; ZILIO, Marcio; FELICIO, Tamara Pereira. Método de aplicação de potássio na soja em nitossolo vermelho. Unoesc & Ciência.  V. 8. n. 2.  Joaçaba: Universidade do Oeste de Santa Catarina. Jul./dez. 2017.  pp. 169 – 176.

MARCOS-FILHO, J. Fisiologia de sementes de plantas cultivadas. Piracicaba: FEALQ, 2005.

MELÉM JÚNIOR, Nagib Jorge; FABER, Jean; GALLO, Juliano; OLIVEIRA JUNIOR, Raimundo Cosme de; SILVA, Alessandra Damasceno da; OLIVEIRA, Daniel Rocha de. Avaliação da produtividade da soja em diferentes doses de potássio na região de Belterra/PA. Congresso Brasileiro de Ciência do Solo, 35. Natal. 2015.

MOORE, David. P; OVERSTREET, Roy; JACOBSON, Louis. Aplicação de magnésio e sua interação em raízes de cevada. Plant physiology. V. 36. n. 3. Mai. 1961. pp. 290 – 295.

NAVARRO JÚNIOR, Hugo. Motta; COSTA, José Antonio.  Contribuição relativa dos componentes do rendimento para produção de grãos de soja. Revista Pesquisa Agropecuária Brasileira. V. 37. n. 3. Brasília. Jan. 2002.  pp. 269 – 274.

PETER, Dieter Gustavo; VILAR, Cesar Crispim; USHIWATA, Silvio Yoshiharu; RODRIGUES, Orismário Lúcio. Modos de aplicação de fertilizantes formulado NPK na cultura da soja em sistema de plantio direto. Global Science Technology. V. 9. n.1. Rio Verde: Universidade do Estado de Mato Grosso. Jan./abr. 2016. pp. 48 – 55.

PETTIGREW, William. Influências do potássio no rendimento e qualidade da produção de milho, trigo, soja e algodão. Physiologia Plantarum. V. 133. n. 4. Compenhagen. Jul. 2008. pp. 670 – 680.

PRADO, Renato De Mello. Nutrição de Plantas. São Paulo: UNESP. 2008. ISBN: 9788571396760.

RAIJ, Bernardo Van. Fertilidade do solo e manejo de nutrientes. Piracicaba: IPNI. 2011. ISBN: 9788598519074.

REETZ, Harold. Fertilizantes e seu uso eficiente. São Paulo: Associação Nacional para Difusão de Adubos. 2017. ISBN: 9791092366044.

TOMÉ, Paulo Capistrano Dias. Adubação a lanço versus na linha. 2019. [Online]. [Acessado em 07/11/2020] Disponível em: <www.pioneersementes.com.br/blog//adubacao-a-lanco-versus-na-linha>.

TROEH, Frederick; THOMPSON, Louise. Fertilidade do Solo. Tradução de DOURADO NETO, Durval; DOURADO, Manuella Nóbrega. São Paulo: Andrei. 2007. pp. 718

USDA. Produção, Fornecimento e Distribuição. United States Department of Agriculture. 2011.

VOGEL, Luander Silmar Bourscheidt. Avaliação da produtividade de soja em função da forma de aplicação de cloreto de potássio e super fosfato triplo. Trabalho de conclusão de curso em agronomia. Universidade Federal da Fronteira Sul, Curso de Agronomia. 2016.

[1] Laurea in Agraria. ORCID: 0000-0002-6849-2174.

[2] Laurea in Agraria. ORCID: 0000-0002-2493-0208.

[3] Consulente.

Inviato: Novembre 2021.

Approvato: Febbraio 2022.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita