Estrazione dell’amianto: un approccio ai rischi tecnologici ambientali e alla salute sul lavoro

0
36
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ORIGINALER ARTIKEL

NUNES, Antônio José Ribeiro [1]

NUNES, Antônio José Ribeiro. Estrazione dell’amianto: un approccio ai rischi tecnologici ambientali e alla salute sul lavoro. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 06, Vol. 04, pp. 53-63. Giugno 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/ingegneria-ambientale-it/tecnologici-ambientali

Il Brasile è uno dei maggiori produttori mondiali di amianto o amianto, questo costituisce un minerale, il cui fibrillio naturale ha sedosità e proprietà fisiche e chimiche di grande valore per l’industria automobilistica e delle costruzioni, grazie alla sua resistenza meccanica e capacità di resistere alle alte temperature. L’amianto ha un alto rischio per la salute umana, con effetti devastanti. L’attività mineraria nello Stato di San Paolo e Rio de Janeiro è stata vietata, tenuto conto dei problemi dei lavoratori colpiti dall’asbestosi, ma data la sua vasta portata di utilizzo nell’industria nazionale, la maggior parte delle regioni brasiliane continua con attività minerarie. Lo scopo di questo articolo è dimostrare i rischi tecnologici e ambientali nelle attività produttive contemporanee dell’estrazione dell’amianto. Esso ha lo scopo di dimostrare i rischi imminenti delle operazioni, gli effetti sul corpo umano nei lavoratori con esposizioni prolungate; malattie professionali derivanti da un’esposizione continua al minerale. I risultati mostrano che l’uso su larga scala nei grandi settori produttivi ne determina l’uso applicando misure restrittive e limiti di esposizione dei lavoratori. Ciopria, la questione è ancora controversa, considerando che San Paolo e Rio de Janeiro hanno abolito l’uso dell’amianto di fronte agli effetti negativi sulla salute dei lavoratori. La Confederazione nazionale dei lavoratori dell’industria – CNTI ha cercato alternative in considerazione dell’importanza dell’amianto nell’economia nazionale le cui tendenze sono l’estrazione e l’ispezione controllate con metodi di test dell’inquinamento ambientale e l’uso obbligatorio degli EPI.

Parole chiave: Miniere, Amianto, Asbestosi, Rischi tecnologici ambientali, Salute sul lavoro.

1. INTRODUZIONE

L’uso del carico in scala di amianto nell’industria brasiliana ha generato molte controversie e il tentativo di mascherare problemi ambientali e professionali legati all’estrazione del minerale che presenta “diverse fibre di amianto, sia del gruppo degli anfebólios (amosite, crocidolite, antofilite, actinolite e tremolite) che serpentine (crisotilo)” (WUNSCH FILHO; NEVES; MONCAU, 2001, p. 1).

Attualmente c’è lo sforzo di adattare ed espandere i sistemi di sorveglianza e informazione nella salute occupazionale e ambientale degli stati brasiliani per la protezione dei lavoratori che lavorano con l’estrazione dell’amianto. La sorveglianza è complessa in quanto tale azione viene spesso condotta clandestinamente. Sebbene gli stati di São Paulo e Rio de Janeiro abbiano determinato la fine dello sfruttamento dell’amianto, molti comuni brasiliani continuano a mantenere lo sfruttamento del minerale e i risultati nella salute dei lavoratori sono visibilmente malattie e disabilità fisiche, decessi per neoplasie polmonari a causa della silicosi e di altre malattie (BARCELLOS; QUITÉRIO, 2006).

Il problema della ricerca indica la seguente analisi: Come effettuare l’azione di sorveglianza ambientale nel campo delle politiche di sanità pubblica nelle esigenze relative al lavoro dei minatori di amianto?

Le ipotesi dello studio indicano che le alternative più efficaci possono essere il regolare aumento della supervisione nelle regioni minerarie, un maggiore accesso all’assistenza sanitaria sul lavoro, l’espansione delle procedure negli esami per il completamento delle diagnosi e la regolazione dell’attività al fine di determinare misure che eliminino i ricchi attraverso l’uso di dispositivi di protezione individuale – EPI (CONFEDERAÇÃO NACIONAL DOS TRABALHADORES NAS INDÚSTRIAS – CNTI, 2013).

Lo scopo di questo articolo è dimostrare i rischi tecnologici e ambientali che sorgono nelle attività produttive contemporanee dell’estrazione dell’amianto. Esso è inteso a dimostrare i rischi imminenti delle operazioni, gli effetti sul corpo umano sui lavoratori che sono stati esposti prolungati; malattie professionali derivanti da un’esposizione continua al minerale.

La scelta del tema in considerazione della preoccupazione per la sicurezza e la salute sul lavoro è giustificata, considerando che la diagnosi delle malattie causate dal minerale è complessa, oltre ad avere rare notifiche di malattie professionali in questo campo di produzione.

Lo studio ha lo studio per dimostrare l’importanza della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro per l’efficacia dei processi di standardizzazione delle strutture d’intervento nell’ambiente di lavoro dei minatori, in considerazione degli interessi economici sul mercato dovuti al valore dell’amianto e al suo vasto impiego nell’industria.

Nell’attività lavorativa vi è una grande diversità di rischi professionali che richiedono da parte della salute pubblica e delle aziende responsabilità diverse nel campo della sicurezza e salute sul lavoro e dell’igiene del lavoro come scienze che agiscono direttamente nella ricerca e nell’orientamento delle situazioni di rischio di fronte alle sfide poste dal sistema produttivo.

2. SVILUPPO

2.1 ESTRAZIONE DELL’AMIANTO: UN APPROCCIO AI RISCHI TECNOLOGICI AMBIENTALI E ALLA SALUTE SUL LAVORO

Partendo dall’estrazione dell’amianto e dai rischi tecnologici ambientali, la società sta attualmente vivendo una costante vulnerabilità espressa dall’aggravamento di incidenti e malattie di natura professionale che anche le linee guida sulla sicurezza a volte non sono sufficienti alla luce dei problemi tecnologici ambientali generati dalla produzione.

Nell’ambito di questo approccio alla vulnerabilità, le linee guida per la sicurezza e la salute sul lavoro hanno cercato di presentare proposte integrative con l’obiettivo di soppiantare procedure frammentarie, basate su basi teoriche e metodologiche nelle tecniche di analisi dei rischi in un approccio interdisciplinare e sistemico, che presentano risultati efficaci solo attraverso la piena partecipazione dei lavoratori alle attività di controllo dei rischi tecnologici ambientali (CONFEDERAÇÃO NACIONAL DOS TRABALHADORES NAS INDÚSTRIAS – CNTI, 2013).

In questo contesto di sicurezza e salute sul lavoro, viene stabilita la definizione dei rischi tecnologici ambientali legati agli effetti chimico-radioattivi che producono grandi rischi nelle attività produttive, concentrandosi sull’analisi completa dei “pericoli della tecnologia e delle sue dimensioni tecniche, cognitive, sociali, culturali e filosofiche” (PORTO; FREITAS, 1997, p. 60).

La responsabilità delle agenzie di tutela della salute dei lavoratori di dare il dovuto sostegno alla Politica Nazionale per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro che viene efficacemente soddisfatta, dal punto di vista dei rischi tecnologici ambientali che causano malattie professionali in tutti i sistemi produttivi con l’obiettivo di determinare un’interfaccia tra sicurezza/igiene/salute e dimensione ambientale sul lavoro attraverso procedure standardizzate (MARANO, 2007).

Nell’estrazione dell’amianto, gli studi epidemiologici dimostrano che il grande rischio potenziale è la malattia pleurica ottenuta dall’esposizione, la cui alta prevalenza raggiunge il 30% delle popolazioni minerarie in tagli di studio fino a 10 anni che hanno dimostrato la prevalenza di malattie come “il cancro laringeo e alcuni tumori gastrointestinali erano anche correlati all’amianto in alcuni studi” (WUNSCH FILHO; NEVES; MONCAU, 2001, p. 1).

Da questo punto di vista, le attività lavorative vengono studiate e analizzate in cinque aree con approcci tecnologici ambientali.

L’amianto è un minerale facilmente riscontrabile in natura e che per le sue caratteristiche peculiari come la flessibilità e la resistenza alla trazione alle proprietà chimiche, termiche ed elettriche sono utilizzate commercialmente in vari prodotti, come il cemento le cui proprietà rendono l’amianto un minerale utilizzato come materia prima per la costituzione di altri elementi, da quelli legati ai componenti della costruzione civile , come cemento, piastrelle, scatola dell’acqua, nonché nell’industria automobilistica come tele, freni e rivestimenti per dischi frizione.

Secondo Martines e Grando (2008, p. 01) a causa delle proprietà dell’amianto e tra queste principalmente la sua resistenza, questo minerale viene utilizzato in Brasile e nel mondo nella produzione di diversi prodotti commerciali. L’autore afferma inoltre che circa l’85% è utilizzato dall’industria del cemento amianto o del cemento in fibra, il 10% nell’industrializzazione delle parti di auto, il 3% nei prodotti tessili e il 2% nella produzione di prodotti chimici / plastiche.

Tuttavia, nonostante questi benefici chimici e fisici, l’amianto è formato da elementi che possono essere dimostrati produrre problemi di salute, come malattie polmonari e cancro.

Per Medina (2008, p. 02) alcuni studi hanno già dimostrato che l’amianto è un minerale, i cui elementi chimici che lo compongono hanno un potenziale cancerogeno. Questi elementi di potenziale cancerogeno possono essere rilevati in qualsiasi momento della produzione, trasformazione o persino uso del minerale.

L’autore menziona anche che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il crisotilo, un elemento associato all’amianto, può essere un fattore scatenante di numerose patologie polmonari, tra cui asbestosi, cancro ai polmoni e mesotelioma pleurico e peritone. Inoltre, la ricerca rivela che non esiste un limite sicuro di esposizione al rischio cancerogeno fornito da questo componente chimico.

Per quanto riguarda Asbestosis, secondo Martines e Grando (2008, pag. 02) si ritiene che:

è una malattia polmonare correlata all’inalazione prolungata di polvere contenente un’alta concentrazione di fibre di amianto. Le fibre si depositano negli alveolo polmonari e, per difendersi, il corpo deposita su di loro una proteina simile a un “cemento” che guarisce l’alveolo, impedendogli di essere riempito d’aria. Questo processo, ripetendosi nel corso degli anni, può rendere il polmone fibroso e senza elasticità, con difficoltà respiratorie.

Per quanto riguarda altre patologie causate dal contatto con l’amianto, abbiamo che nei casi di comparsa di cancro ai polmoni, gli stessi sono più comuni quando c’è un’associazione tra fumo e cancerogeno. Inoltre, secondo Martines e Grando (2008, p. 02) si ritiene che tra l’inizio dell’esposizione agli elementi di amianto fino all’inizio del quadro clinico del cancro ai polmoni, vi sia un periodo di tempo di circa 20 anni.

2.2 GESTIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI MINERARI

La gestione del rischio è un’azione sistematica nelle organizzazioni che sviluppano nuovi modelli di analisi dei rischi cercando di identificare, nella complessità degli eventi tecnologici ambientali sul lavoro, i fattori che li innescano contemporaneamente, le potenziali condizioni di rischio preesiste sul lavoro (SOUZA; FONTES, 2008).

Veloso Neto (2013) è un devoto dell’applicazione del sistema di gestione della sicurezza nei minatori di amianto. La gestione del rischio comprende la necessità di un’ispezione periodica dei luoghi di lavoro volta a valutare l’uso degli EPI da parte dei lavoratori, nonché il tempo di esposizione basato sulla riduzione dei tempi di servizio.

In questo contesto, spetta alla società mineraria assumere uno specialista per gestire la corretta rimozione dell’amianto in modo che le norme di sicurezza siano rispettate in conformità con NR – 15 (allegato 12) che regola l’uso sotto forma di fabbricazione del prodotto, essendo vietato l’uso di alcuni tipi di amianto.

Standardizzazione tecnica, NBR 5643 (MB1090) regola la produzione di piastrelle di amianto, NBR13956-1 che regola il processo di esposizione del lavoratore ad ambienti in cui vi sono rischi di silice determinando le linee guida di analisi mediante test a livello di silice nell’ambiente minerario.

Le altre norme tecniche della tabella che segue si riferiscono alle analisi ambientali relative ai metodi di prova dell’inquinamento ambientale e alla concentrazione di sostanze chimiche:

Tabella 1: Norme tecniche ambientali che possono rientrare nell’uso dell’amianto da parte delle società minerarie.

Fonte: Veloso Neto (2013)

Tavares (2004) analizza che processi produttivi potenzialmente pericolosi, come le azioni svolte dai lavoratori in ambienti minerari dell’amianto, in atmosfere potenzialmente pericolose dovute alla silice favoriscono le reali probabilità di rischi di fronte alle forze produttive che mettono a rischio gli esseri umani.

Tabella 2: Gestione dei rischi

Fonte: Marano (2007)

Come evidenziato, l’applicazione delle linee guida degli standard normativi favorisce le istruzioni sul lavoro in termini di sicurezza e salute, nonché misure di prevenzione nei vari ambienti di lavoro e attività produttive che comportano la movimentazione dell’amianto.

Eventi pericolosi derivanti dall’esposizione all’amianto possono causare una reazione negativa del lavoratore. La gravità dell’evento è vista come una conseguenza dell’anno generato che può lesioni, traumi, morte, ridotta capacità lavorativa, etc.

La gestione del rischio nell’estrazione dell’amianto implica la definizione di rischio che coinvolge due elementi importanti: la probabilità di un evento di rischio e la pericolosa conseguenza di questo evento caratterizzato dalla prevalenza di malattie professionali a medio e lungo termine.

Per quanto riguarda questo contesto giuridico e operativo dell’uso dell’amianto, è d’accordo con Martines e Brando (2008, pag. 03) che esiste il cosiddetto criterio di salute ambientale 15 lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità. Attraverso questo criterio, si è orientati affinché in relazione alle fibre biopersistenti di amianto debba essere sottoposto a un processo di controllo rigido e permanente al fine di ridurre al minimo gli effetti tossici e cancerogeni.

Nel caso di eventi a rischio, questi derivano da attività prodotte mettendo a rischio la salute e l’integrità fisica del lavoratore. Questi eventi derivano dall’elevato grado di rischio di estrazione minerale dell’amianto, associato a situazioni di disinformazione e mancanza di supervisione.

Nonostante tutti i danni causati dall’uso dell’amianto da parte delle industrie, non esistono ancora leggi specifiche che vietino l’estrazione, ad eccezione di alcuni Stati brasiliani come San Paolo e Rio de Janeiro, in altre situazioni di utilizzo, la maggior parte degli Stati stabilisce criteri per controllare lo sfruttamento dell’amianto, determinando l’uso degli EPIs.

È noto che diverse patologie sono causate dagli elementi che formano l’amianto e che queste patologie non colpiscono solo i lavoratori minerari, ma anche coloro che lavorano nelle industrie e nelle fabbriche, ma anche l’intera popolazione che risiede vicino all’ambiente di produzione.

Si ritiene pertanto che la lotta per l’uso dell’assicurazione contro l’amianto da parte delle industrie debba essere di tutti, lavoratori e società, che hanno il diritto di vivere in un ambiente sano e il rischio di danni.

3. CONSIDERAZIONI FINALI

Lo studio ha mostrato le difficoltà di vietare l’uso dell’amianto nell’industria brasiliana. Il suo uso su larga scala nei grandi settori produttivi ne determina l’uso applicando misure restrittive e limiti di esposizione dei lavoratori. Ciopria, la questione è ancora controversa, considerando che San Paolo e Rio de Janeiro hanno abolito l’uso dell’amianto di fronte agli effetti negativi sulla salute dei lavoratori.

La Confederazione nazionale dei lavoratori dell’industria – CNTI ha cercato alternative in considerazione dell’importanza dell’amianto nell’economia nazionale le cui tendenze sono controllate dall’estrazione e dall’ispezione attraverso metodi di test dell’inquinamento ambientale e l’uso obbligatorio degli EPI.

Attualmente, la prevenzione dei rischi tecnologici ambientali induce la società a cercare alternative per evitare la vulnerabilità dei lavoratori durante il processo produttivo, dalla gestione del rischio che può ridurre il più possibile il potenziale dannoso dei rischi di estrazione e amianto.

Il mantenimento delle attività estrattiive senza le dovute precauzioni delle norme tecniche comportano una grande vulnerabilità del lavoratore con le malattie professionali che per quanto riguarda il numero di casi patologici che hanno vittimizzato i lavoratori, sebbene attualmente non vi siano dati accurati, la ricerca che fa riferimento a quelli del 1980 e del 2001 dimostra i risultati epidemiologici sulle malattie professionali e sui loro gravi rischi.

La Costituzione brasiliana ha stabilito il pieno diritto dei lavoratori di vivere in un ambiente di lavoro sano e privo di rischi per la salute, senza la proiezione di alcun tipo di problema tecnologico ambientale generato dalla produzione.

Nell’ambito di questo approccio di vulnerabilità, è stata dimostrata la necessità di gestione dei rischi, ispezione periodica e creazione di un team di professionisti per informare adeguatamente i lavoratori dei rischi.

RIFERIMENTI

BARCELOS, Christovam; QUITÉRIO, Luiz Antônio Dias. Vigilância ambiental em saúde e sua implantação no Sistema único de Saúde. Revista de Saúde Pública, v. São Paulo, n. 01, ed. 40, jun./fev. 2006.

CONFEDERAÇÃO Nacional dos Trabalhadores nas Indústrias – CNTI. Acordo nacional para extração, beneficiamento e utilização segura e responsável do amianto crisotila 2013 a 2015. Disponível em: <http://www.sinticomex.org.br/ckfinder/userfiles/files/ACT%20CNTA%202015.pdf>. Acesso em: 5 mar. 2021.

MARANO, Vicente Pedro. Doenças ocupacionais. 2. ed. São Paulo: LTr, 2007.

MARTINES, Marco Utrera; BRANDO, Daniela. Amianto: proibição, uso controlado ou imobilização? 2008. Disponível em: <http://ambientes.ambientebrasil.com.br/residuos/artigos/amianto%3A_proibicao,_uso_controlado_ou_imobilizacao%3F.html> Acesso em: 6 mar. 2021.

MEDINA, Damares. O Amianto e as Restrições ao seu uso na Jurisprudência do Supremo Tribunal Federal. Revista Prática Jurídica, São Paulo, v. VII, n. 72, mar. de 2008.

SOUZA, Luis Cláudio Paiva de; FONTES, Carlos Eduardo Mazzuco. Qualidade de vida no trabalho: saúde emocional e gestão estratégica. São Paulo: EDICON, 2008.

TAVARES, José da Cunha. Noções de prevenção e controle de perdas em segurança do trabalho. São Paulo: SENAC, 2004.

VELOSO NETO, Hernani. Construção social do risco e da segurança do trabalho em contexto organizacional. Rio de Janeiro: Civeri Publishing, 2013.

WUNSCH FILHO; V. NEVES, H.; MONCAU, J. E. Amianto no Brasil: conflitos científicos e econômicos. Revista Associação Médica Brasileira, São Paulo, v. 47, n. 3, jul./set. 2001.

[1] Post Laureato – Audit, Management e Competenza Ambientale/Ingegneria della Sicurezza sul Lavoro; Laureato – Ingegneria mineraria.

Inviato: Aprile 2021.

Approvato: Giugno 2021.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here