REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Esternalità positive e negative grazie all’avanzata della sojicultura

RC: 48155
152
5/5 - (2 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

MOREIRA, Samya de Freitas [1], SANTOS, Sara Dorea de Oliveira [2], SILVA, Raiane Ferreira [3], LOBO, Ronilson Rosário [4], JESUS, Edmir dos Santos [5], JÚNIOR, Antônio Pereira [6]

MOREIRA, Samya de Freitas. Et al. Esternalità positive e negative a causa dell’avanzata della sojicultura. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 12, Vol. 03, pp. 91-113. dicembre 2019. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/ingegneria-ambientale-it/esternalita-positive

RIEPILOGO

Le esternalità hanno effetti positivi o negativi perché generano costi o benefici per la società. Lo scopo di questo studio era quello di condurre una ricerca quantitativa-qualitativa, per prove in relazione alle esternalità e al progresso della sojicultura, nel comune di Paragominas, e, con questo, generare dati che consentano un adeguato equilibrio. Il metodo applicato è stato l’approccio qualitativo quantitativo, associato all’indagine sui dati documentari con tempi compresi tra il 2008 e il 2016, grazie all’attuazione del Progetto Municipalità Verde nel 2008. L’analisi dei dati ottenuti ha indicato che vi è stata un’evoluzione nell’area soia piantata (da 52.520 ha a 239.163 ha) nei tre periodi triennali analizzati (2008-2010; 2011-2013; 2014-2016), ha anche indicato che c’è stato un progresso del PIL agricolo (101.605.000,00 USD a 278.493.000,00) e, di conseguenza, un aumento del PIL comunale (4.290.238.000,00 a 6.684.730.690,00), qualificato come esternalità positiva. Tuttavia, ha provocato esternalità negative, come la deforestazione, che è passata da 2.555.710 ha in (2008-2010) a 2.619.570 ha in (2014-2016). Pertanto, questa situazione di esternalità negativa può essere aggirata con l’applicazione di tecniche sostenibili (ad esempio, tecnica di non-tillage; inoculazione di semi per Biological Nitrogen Fixation (BNF) nel terreno, così come l’uso di aree di disbosciato.

Parole chiave: deforestazione, no-tillage, reddito, settore agricolo, soia.

1. INTRODUZIONE

L’esternalità è un fallimento del mercato e può essere intesa come un costo o un beneficio, derivante dalla produzione di un bene economico, o dal consumo di beni e servizi, che si concentra su terzi, ad eccezione dei produttori. Essa ha origine, in questo caso, dalla produzione o dal consumo, e può essere positiva, quando genera un beneficio, e negativa, quando comporta un costo (ALMEIDA, 2013; ANTUNES, 2009; MIRANDA, 2014). La monocoltura soia, ad esempio, manca di ulteriori analisi, in quanto è un’attività potenzialmente produttrice di esternalità positive e negative (BALBINOT JUNIOR et al., 2017).

Il processo evolutivo brasiliano di sojicultura è iniziato nel 1941, quando questa cultura ha acquisito il primo riferimento nazionale della produzione commerciale in Brasile, con la coltivazione di 450 tonnellate. Otto anni dopo, il Brasile ha portato la produzione a 5.651.33%, con 25.881 tonnellate nel 1949, quando ha acquisito il suo primo disco internazionale come produttore. Dieci anni dopo, la soia si gonfiava da 151.574 tonnellate, e nel decennio successivo, a 1.056.607 tonnellate, con un aumento del 597,09%. Da questo, i semi di soia si sono definitivamente affermati come una coltura economicamente importante per il paese (EMBRAPA, 2015).

Tuttavia, nel 1970, meno del 2% della produzione nazionale è stata raccolta nel Brasile centrale. Tuttavia, nel 1980, questa percentuale è aumentata al 20%, nel 1990 era già superiore al 40% e, nel 2011, il contributo era del 60%, e con le tendenze a occupare più spazio con ogni nuova coltura. Come riflesso di questo progresso della produttività nel paese, il Brasile è al secondo posto per il più grande produttore di semi oleosi, con poche differenze di produzione, e con questo accade solo gli Stati Uniti (DALL’AGNOL, 2011).

In altre parole, la coltivazione della soia è l’esponente dell’agroalimentare brasiliano, e la continua espansione inizia ad attirare l’attenzione sugli effetti che derivano da questa produzione. Le esternalità generate dalla monocoltura della soia non sono limitate a quelle direttamente correlate alle aree destinate a tali colture (FIRMINO; FONSECA, 2008).

Inoltre, se si considera che esistono sottoprodotti (beni di interesse pubblico generati dall’attività agricola), derivanti dall’attività agricola, con particolare attenzione alla monocoltura della soia, questi sottoprodotti dovrebbero essere intesi come esternalità. È essenziale giungere a un modello di remunerazione delle esternalità, sia mediante sovvenzioni da parte del governo, sia mediante l’aumento dei prezzi di tali articoli (GRAN-IERA; SAES, 2014).

Per quanto riguarda le esternalità positive, sojicultura si distingue per il suo peso politico, quindi promuove l’attuazione di opere infrastrutturali nella regione dal cosiddetto “effetto trascinamento”, che consiste nell’attirare altre attività e/o investimenti nella regione (BRUM; DALFOVO, D.A. BENFICA, 2011).

Certamente, la crescita dei settori coinvolti nella soia, dall’espansione delle aree agricole, delle tecnologie e degli investimenti nelle industrie di trasformazione, fornisce risultati positivi alla popolazione delle città, come la generazione di più posti di lavoro, più di conseguenza, vi sono migliori fonti di reddito e servizi (DERANI; SCHOLZ, 2017).

Per quanto riguarda le esternalità negative, i biomi e la biodiversità sono direttamente interessati dall’espansione della monocoltura della soia. L’agricoltura intensiva, in particolare quella legata all’agroalimentare di questo semi oleoso, aumenta la partecipazione alla conversione della copertura vegetale autoctona. Con l’aumento della produzione di soia, causato dal maggiore incentivo del governo, è aumentata anche l’area piantata (33 milioni di tonnellate nel 2000 a 95 milioni di tonnellate nel 2016, un aumento del 187,88%), che causa l’aumento della deforestazione e, con esso, , danni all’ambiente (SOUZA; ROCHA; RIBEIRO, 2013).

Di conseguenza, la perdita di biodiversità è la principale risposta ambientale alla deforestazione ed è anche totalmente irreversibile quando c’è la co-evoluzione, cioè un’evoluzione interdipendente delle specie. La deforestazione distrugge gli habitat di varie specie animali e vegetali e mette a rischio la loro esistenza (ARAÚJO, 2014).

Inoltre, gli studi (NOBRE et al., 2009; SANTOS et al., 2011), rafforzano la tesi, che l’avanzata dei semi di soia e la conversione della copertura vegetale possono causare gravi cambiamenti climatici idrologici e regionali, come l’aumento della temperatura, i cambiamenti nei modelli di precipitazioni e i cambiamenti disponibilità di acqua. La monocoltura soia può anche causare impoverimento e contaminazione del suolo, a causa dell’uso indiscriminato di fertilizzanti e pesticidi (DEUS; BAKONYI, 2012).

Pertanto, l’avanzata della sojiculture provoca esternalità positive e negative che devono essere studiate, il che giustifica questa ricerca, la cui rilevanza è aumentata dall’elaborazione delle informazioni necessarie per stimolare esternalità positive e ridurre al minimo il negativo e, infine, raggiungere l’obiettivo, che è quello di condurre una ricerca qualitativa quantitativa, in relazione alle esternalità nel comune di Paragominas, e il progresso della sojicultura, oltre a generare dati che consentano un adeguato equilibrio.

2.  REVISIONE DELLA LETTERATURA

In Brasile, i semi di soia sono stati la coltura in più rapida crescita nella zona coltivata, e la straordinaria espansione della produzione negli ultimi 20 anni si spiega con l’aumento della superficie e della produttività piantate (KUPLICH, CAPONE; COSTA, 2018). Questa superficie coltivata è aumentata del 378,5% e la produttività è aumentata del 64,2% nei decenni 1970-2000 (PAMPLANA, 2017). Di conseguenza, i semi oleosi offrono grande capacità al settore agricolo brasiliano, grazie all’importanza territoriale (27,7 milioni di ettari piantati nel 2012/2013, pari al 52% delle colture temporanee), anche se non è sempre stato così (ARAÚJO; PONTE, 2015).

Ciò è dovuto alla graduale migrazione a Paranì, ampliato a metà ovest, inizialmente attraverso il Mato Grosso do Sul, e più tardi ad altri stati (GA-ONI, 2013; MR. SILVA; RODRIGUES, 2016). Secondo i dati della National Supply Company – CONAB (OLIVEIRA NETO, 2017), attualmente, cinque stati situati nella regione centro-meridionale del Brasile (Goiàs, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Paranà e Rio Grande do Sul) concentrano il 75% dell’area coltivata con (25,8 milioni di ettari) e il 77% della produzione nazionale (79,25 milioni di tonnellate).

La conseguenza di questa migrazione è diventata il ruolo importante per lo sviluppo dei comuni, come avviene in Sorriso – MT, che presenta buoni indici socioeconomici, come il passaggio del reddito pro capite da circa 7.846,00 Euro nel 1999 a 25.935,00 nel 2005. Questa crescita economica può essere notata anche in relazione al prodotto interno lordo – PIL e, secondo il Dipartimento delle Finanze del Mato Grosso, nel 1998 è stata di 207 milioni di r, raggiungendo i 706 milioni di dollari nel 2003, il che significa una crescita del 342% in cinque anni. Di questo totale, i semi di soia partecipano con il 40% e, considerando l’intero settore primario del comune, questa partecipazione cresce al 60% (FREDERICO, 2011; GIARETTA, 2017).

Ciò è dovuto all’espansione dell’area della soia, che è cresciuta, rispetto all’area totale del comune, dal 40,7% nel 2000 al 63,7% nel 2006. Tuttavia, parte della deforestazione a Sorriso è direttamente dovuta alla semina di semi oleosi, che occupa il secondo posto tra i comuni di Mato Grosso con la più alta percentuale di deforestazione, pari al 68,3%. La superficie disboscata a Sorriso tra il 2000 e il 2006 corrispondeva al 12,17% dell’area totale del comune (BRUM, DALFOVO; AZUAGA, 2009).

Nel comune di Sinop – MT, i semi di soia hanno contribuito positivamente anche ad altri settori a presentare progressi, come il settore industriale e dei servizi, che aveva, rispettivamente, una quota del Pil del comune, in R$ 95.535,00 e R$ 347.529,00 (BRUM; DALFOVO, D.A. BENFICA, 2011).

Un altro comune, Cristalina – GO, è uno dei più grandi produttori di soia (1o nella classifica statale e sesto nel livello nazionale) e l’aumento del PIL, oltre al conseguente inserimento nel mercato nazionale e internazionale, ha dato status alla città. L’attuazione di strutture di stoccaggio fisico che mirano ad accogliere il prodotto finale delle piantagioni, hanno generato l’inserimento e la trasformazione sociale, poiché queste misure creano posti di lavoro in grado di assorbire parte del proletario marginale, al fine di intensificare il settore economica locale (FERNANDES; PESSÔA, 2011).

Spinto dal superharvest di soia, l’agricoltura a Rio Grande do Sul – RS si è evoluta nel 2013, e lo Stato ha registrato il secondo PIL agricolo più alto in Brasile (12% del totale brasiliano), ed è stato solo dietro Paranà (12,5%). È stato un progresso significativo rispetto al 2012, quando Rio Grande do Sul ha contribuito con l’8,1% nella generazione di ricchezza nel primo settore. Il miglioramento delle prestazioni ha garantito anche il superamento (nella classifica annuale della produzione) di altri stati, tradizionalmente in anticipo rispetto a i re, come Mato Grosso, Minas Gerais e San Paolo (BORGES; SIMÕES; TRINDADE, 2016).

Tuttavia, la rapida crescita della produzione di soia è accompagnata da diversi problemi nell’area sociale e, soprattutto, nell’area ambientale, poiché l’espansione della domanda di sojàcola raggiunge il bioma amazzonico, uno dei più ricchi di biodiversità del pianeta, e genera preoccupazione non solo per la società brasiliana, ma anche per i paesi che consumano questa produzione (MANGATTO JUNIOR; ULIVO; SILVA, 2017; RIVERO et al., 2009).

Nel contesto amazonle, soprattutto nel caso di Santarém – PA, il terreno che dà origine all’espansione produttiva dei semi di soia su larga scala, può essere la terra degradata dai pascoli precedentemente stabiliti, la terra speculata dai grandi produttori del l’agricoltura meccanizzata, o può anche essere le foreste autoctone che, sebbene intatte dall’uomo, sono state le più utilizzate di recente, a causa della scarsità di terreni adatti alla produzione più vicina ai centri di flusso (ARAOJO; BRIDGE, 2015). Di conseguenza, i semi di soia, combinati con l’allevamento e il disboscamento del bestiame, sono i maggiori vettori di deforestazione (MAGNO et al., 2013).

In questo comune, gli impatti sulle acque sono visti ogni giorno, le braccia di importanti fiumi e torrenti sono già scomparse o sono in procinto di essere ensoreamento, anche gli animali selvatici stanno scomparendo o invadendo le aree urbane. L’impianto illegale di soia nelle sorgenti distrugge le fonti d’acqua e provoca la riduzione del volume dei semi di soia, e porta quindi a vari crimini ambientali (BROCHADO, 2017; ULIVO; SANTANA, 2012).

Di conseguenza, i semi di soia rappresentano una potente minaccia per la biodiversità amazzonica, in quanto giustifica grandi progetti infrastrutturali di trasporto, che a loro volta avviano una catena di eventi che portano alla distruzione degli habitat naturali in oltre alle aree piantate direttamente con i semi di soia. Tali fatti rendono la soia molto più dannosa per l’ambiente rispetto ad altre colture (DOMINGUES; BERMANN, 2012)

Pertanto, la migrazione della coltivazione della soia dal Mato Grosso settentrionale al sud della regione amazzonica ha causato numerosi cambiamenti climatici. Studi (ARTAXO et al., 2014; GONZALES et al., 2013; NOBRE et al., 2009; SANTOS et al., 2011) rivelano che ciò è dovuto alla deforestazione dilagante delle foreste di Biome, e molto è dovuto all’avanzata dei semi di soia. Pertanto, si rafforza il rafforzamento del fatto che, con l’avanzata dei semi di soia e la deforestazione di immense aree, il clima nella regione è direttamente influenzato e altera bruscamente i periodi di pioggia e altre variabili associate a questo (SANTOS, C; SATYAMURTY; SANTOS, E. 2012).

Tali cambiamenti si sono verificati anche nel bioma del Cerrado e hanno alterato le strutture dell’ecosistema della regione, dove la vegetazione autoctona è sostituita da colture di soia o suolo secco e acido, oltre a subire trasformazioni per adattarsi alla piantagione di ricezione, il che danneggia il problema lo sfruttamento della sussistenza delle famiglie che vivono le risorse naturali offerte dal Bioma del Cerrado, come piante ornamentali e medicinali, frutti di cerrado, ecc. (QUEIROZ, 2009).

Inoltre, uno studio (IRIGARAY et al., 2011) condotto nel bacino del Paraguay Superiore, che ospita il bioma Pantanal, ha dichiarato che la pianura alluvionale di questo bioma ha una relazione di interdipendenza con gli ecosistemi situati intorno ad esso. Pertanto, qualsiasi cambiamento può diventare una minaccia per la biodiversità del sistema Pantanal, come l’uso e l’occupazione del suolo in questo bioma, che ha una grande produzione di soia. Tuttavia, anche con l’importanza ecologica del Pantanal, fino al 2004, il 44% dell’area di copertura nativa del Bacino dell’Alto Paraguay è stato cambiato.

Un altro problema si è verificato a Goiàs, dove l’impoverimento genetico del suolo è il più critico nelle pratiche agricole in vigore in questa regione del Cerrado, che generalmente si concentrano sulla monocoltura della soia, che rende gradualmente il suolo infertile e inadatto anche per la soia produzione agricola. L’introduzione di specie invasive nella regione, in modo negativo, altera l’attuale sistema naturale, che promuove la comparsa di parassiti e malattie, che colpiscono non solo le risorse naturali, ma anche la produzione agricola (MATOS; PESSÔA, 2012).

Inoltre, nel comune di Cristalina, nello stesso stato, le colture petrolifere generano danni irrimediabilmente alla ricchezza idrica della regione, perché, oltre a utilizzare indiscriminatamente le riserve idriche, danneggiano ancora l’inquinamento causato l’applicazione di fattori di produzione agricoli e pesticidi, che vengono scaricati dalle attrezzature di irrigazione nelle colture, al fine di intensificare la produzione. Questi stessi prodotti che correggono la carenza nutrizionale del suolo e combattono anche i parassiti, quando cadono nel terreno vengono assorbiti e raggiungono le acque sotterranee e, in alcuni casi, le sorgenti delle sorgenti d’acqua (ABDALA; RIBEIRO; FERREIRA, 2016)

Solo per illustrare: le questioni terrestri si aggiungono agli effetti della specializzazione produttiva nei semi di soia. Tra il 1990 e il 2013 la crescita media annua del numero di conflitti nel settore è stata del 7,64%. Infatti, l’occupazione dei territori per la coltivazione della soia mette sotto pressione le riserve forestali, così come le aree destinate alla piccola agricoltura e all’estrazione di piante, occupate da agricoltori familiari, popolazioni indigene e altri popoli tradizionali (CPT, 2016).

Anche se i semi di soia sono stati inizialmente piantati in aree degradate nella regione di Baixo Amazonas, i casi di piantagioni trasformate sono osservati in cima alle aree di foreste abbattute o bruciate. Infatti, in questa regione la soia ha raggiunto anche aree tradizionalmente occupate dagli agricoltori familiari, in cui si sono verificate acquisizioni ed espulsioni dalla terra, in un processo di sostituzione delle colture originali, come mais, fagioli, macaxeira, frutta e verdure (SILVA, 2008).

Con l’aiuto di Greenpeace, le comunità locali sono state in grado di identificare l’impatto dei semi di soia nello stato occidentale di Paa. Le autorità locali mettono in discussione lo sviluppo della regione con l’arrivo della soia, tenuto conto dei numerosi impatti negativi individuati, come il degrado urbano, la mancanza di un ospedale che copra l’intera città e l’istruzione di scarsa qualità (OLIVEIRA; SANTANA, 2012).

A Cristalina – GO, l’operaio rurale che è stato espulso dal campo a causa dell’uso di macchinari, provoca l’esodo rurale e il gonfiore in città, che non ha la struttura fisica o sociale per accogliere questa forza lavoro squalificata. Pertanto, sono considerati proletari marginali, che hanno bisogno e creano nuovi modi di sopravvivere, influenzano il commercio informale, il numero di disoccupati, senzatetto e, di conseguenza, l’aumento della violenza urbana (FERNANDES; PESSÔA, 2011).

Questi scenari facilitano la comprensione delle esternalità positive e negative causate dall’espansione dell’agroalimentare di soia, che negativamente ai buoni risultati ottenuti finanziariamente, impone notevoli costi ambientali in un processo continuo di degradazione (DELAZERI, 2016).

3. METODOLOGIA

3.1 METODO

Per l’elaborazione di questo studio, sono stati applicati i riepiloghi scritti da cinque ricercatori sulle esposizioni sui metodi di ricerca (grafico 1).

Tabella 1 – I metodi di ricerca utilizzati.

Ricercatore ANNO DI PUBBLICAZIONE Metodi Caratteristiche
Silveira, ne ho uno. Cordoba 2009 Induttivo Si parte dall’osservazione di fatti o fenomeni le cui cause si desidera conoscere. In particolare, nel comune di Paragominas, l’espansione della soia è stata studiata come un aumento della deforestazione locale.
Prodanov, Capodanno;10; Francese 2013 Approccio quantitativo-qualitativo L’uso congiunto della ricerca quantitativa e qualitativa consente di raccogliere più informazioni di quelle che potrebbero essere ottenute in modo isolato, generando una copertura dei dati e una maggiore comprensione dei problemi studiati.
Sakamoto, Sakamoto; Scott 2014 Natura applicata Essa cerca di generare conoscenze per applicazioni pratiche, orientate alla soluzione di problemi specifici coinvolgendo verità e interessi locali.
Severino 2017 Procedura esplorativa Si propone di fornire una maggiore familiarità con il problema della ricerca, al fine di renderlo più esplicito, può comportare indagini bibliografiche, interviste con persone sperimentate nel problema ricercato e l’analisi di esempi che stimolano la comprensione.

Fonte: Autori (2019).

Sono state consultate le seguenti basi informative: (1) Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), dove sono state raccolte informazioni sulla produzione agricola di colture di soia in Paragomina, che ha coinvolto il valore della produzione, il produzione in tonnellate (t.) e piantata (ha), calcolato dal Municipal Agricultural Survey, (2) Istituto Nazionale di Ricerca Spaziale (INPE), sulla base del Programma digitale di deforestazione Amazon (PRODES), per l’indagine delle informazioni deforestazione nel comune e (3) Agenzia Nazionale per l’Acqua (ANA), basata sul portale elettronico HidroWeb, per raccogliere dati sulle precipitazioni annuali totali.

Come base per la revisione della letteratura, sono state utilizzate riviste scientifiche disponibili nelle seguenti basi informative: (4) portale del coordinamento per il miglioramento del personale di istruzione superiore (CAPES); (5) database bibliografico di Scientifc Electronic Library Online (SciELO) e (6) Google Scholar.

Per l’analisi del rapporto “area disboscata e l’aumento della superficie piantata di coltura di soia”, è stata applicata la metodologia utilizzata da Rivero et al. (2009). Questa analisi è stata effettuata negli anni 2008-2016 e i tassi di deforestazione osservati per lo stesso periodo. Le analisi hanno coinvolto studi di correlazione tra queste variabili, con l’obiettivo di confermare o meno l’esistenza di tali variabili tra queste variabili.

I dati ottenuti sono stati organizzati in modo tabulare e trattati statisticamente con l’uso di fogli di calcolo contenuti nel software Microsoft Excel (2016) e nella correlazione di pearson, con valori per r, ottenuti con l’uso di fogli di calcolo elaborati per dal Software BioEstat – versione 5.3 (AYRES et al., 2007) e l‘uso della scala (tabella 01) utilizzata da Porto; Gesù, Gesù, Gesù, Gesù; Pereira Junior (2017). Dall’organizzazione dei dati, i grafici sono stati elaborati con il software originpro 9. 64 (2012), per dimostrare l’interazione tra le variabili studiate. E, per quanto riguarda l’elaborazione delle tabelle, sono stati elaborati in fogli di calcolo contenuti nel software Microsoft Word (2016).

Tabella 1 – Scala utilizzata per caratterizzare il tipo di correlazione tra le variabili.

Correlazione di Pearson (r) Relazione
0 Inesistente
0,10 – 0,30 Debole
0,40 – 0,60 Moderata
0,70 – 1,00 Forte

Fonte: Porto; Jesus; Pereira Júnior (2017).

3.2 AREA DI STUDIO

La ricerca è stata condotta nel comune di Paragominas (Figura 01), situato nella regione sud-orientale dello Stato di Pao e situato a 02o59’08” S e 47o19’57” W. L’area del comune è equivalente a circa 19.342.254 km2 e la popolazione è stimata a 110.026 abitanti, con una densità di popolazione di 5,69 abitanti/km2 (IBGE, 2017a).

Figura 1 – Mappa della posizione del comune di Paragominas – PA.

Fonte: autori (2019).

Per quanto riguarda la caratterizzazione geofisica del comune, il clima è classificato come Aw (pioggia tropicale con stagione secca ben definita), con precipitazione media annuale, umidità relativa e temperatura di 1.743 mm, 81% e 26,3 gradi centigradi, rispettivamente, in vista della da luglio a novembre bassa disponibilità di acqua; la vegetazione è classificata in foresta equatoriale subperenifoliana submontana, fitta foresta equatoriale delle pianure e fitta foresta equatoriale perenifolia; ha un’altitudine media di 89 m; il suolo è prevalentemente (95%) tipo di latosol giallo, e la rete idrografica è composta da due bacini principali: il fiume Capim e il fiume Gurupi (PINTO et al., 2009).

Una delle principali attività economiche in vigore è incentrata sull’agricoltura, dove le colture predominanti sono la soia (Glycine spp.), il mais (ea mays L.), la manioca (Manihot esculenta Crantz) e il girasole (Helianthus annuus L.).  Il comune differisce notevolmente dagli altri membri della regione per quanto riguarda la pratica dell’agricoltura e nel ripiano degli immobili, poiché è normale trovare produttori che utilizzano un alto livello tecnologico (ALVES; CARVALHO; SILVA, 2014).

Tuttavia, simile alle aree coltivate con grani in Amazzonia, in questo comune, viene praticato il sistema di coltivazione convenzionale o tradizionale. Ciò è caratterizzato dall’uso intensivo della meccanizzazione e della monocoltura, lasciando, nella maggior parte dei casi, il suolo esposto, avendo come conseguenza la perdita di materia organica e l’erosione (SOUZA et al., 2017).

4. RISULTATI E DISCUSSIONE

4.1 AS FAR AS SOYBEAN PRODUCTION (COME AD SOYBEAN PRODUCTION)

I dati ottenuti sulla produzione di soia hanno indicato che c’è stata una tendenza alla crescita della produzione di soia in Paragominas durante il periodo analizzato, cioè dal 2008 al 2016 (Figura 02).

Figura 2 – Evoluzione della soia piantata nel comune di Paragominas – PA.

Fonte: IBGE (2017b).

Dall’analisi dei dati è stato notato che nel primo triennio (2008-2010) l’area di soia piantata corrispondeva a 52.520 ha; nel secondo triennio (2011-2013), l’area destinata alla coltivazione della soia era pari a 114.720 ha (118,43%). Infine, nel terzo triennio (2014-2016) l’area piantata corrispondeva a 239.163 ha (108,47%), con un trend invevolevole (-9,96%).

Studi effettuati nei comuni di Aceguà, Bagé e Dom Pedrito (RS), effettuati da Kuplich; Capone, Capone; Costa (2018) ha confermato lo studio condotto nel comune di Paragominas (PA), perché hanno concluso che l’area di soia piantata nel 2015 era, rispettivamente, 250, 52 e 38 volte superiore rispetto al primo anno di analisi (2000). Secondo lo studio, in Acegue l’area piantata di soia nel 2015 è aumentata del 1.150% rispetto al 2005; nel comune di Bagé, l’area piantata tra il 2005 e il 2015 è cresciuta di circa il 191,7%. E nel comune di Dom Pedrito, nel 2015, l’area piantata è aumentata del 204% ed è stata distribuita in tutto il comune. Nella ricerca condotta in Paragominas, si è scoperto che c’era una crescita parallela tra il 2008 e il 2016.

Un altro studio condotto da Brochado (2017), nel comune di Santana do Araguaia (PA), la maggior parte delle aree precedentemente destinate al pascolo, si concentra sulla coltivazione della soia. La produzione di semi oleosi è concentrata principalmente nei comuni della regione meridionale e ha anche una produzione significativa nel comune di Santarém, nella regione dell’Amazzonia bassa. Nei comuni di Paragominas, Dom Eliseu, Ulian-polis e Rondon do Paro, il raccolto del 2016 ha raggiunto circa 180.000 ha di soia piantata. Pertanto, era evidente che la crescita della sojicultura nel comune analizzato non è il lavoro del caso.

4.2 PER QUANTO RIGUARDA L’AREA NON FORWEED

Per quanto riguarda l’area disboscate nel comune di Paragominas, si è osservato, attraverso i dati, che c’era una tendenza alla crescita dell’area totale nei periodi di tre anni analizzati (Figura 3).

Figura 3 – Evoluzione dell’area disbosata nel comune di Paragominas – PA.

Fonte: PRODES Digital (2017).

Dall’analisi dei dati si è constatato che nel primo triennio (2008-2010) l’area disboscata corrispondeva a 2.555.710 ettari; nel secondo triennio (2011-2013) ha raggiunto i 2.598.920 ha (1,69%). Infine, nel terzo triennio (2014-2016) la deforestazione corrispondeva a 2.619.570 ha (0,79%), con un trend invevovole (- 0,9%). I dati hanno inoltre indicato che, nonostante l’andamento di crescita della zona disboscata, vi è stata una tendenza al ribasso tra il secondo e il terzo triennio, che denota la presenza dell’andamento delle misure di regolamentazione comunali, che ha contribuito alla riduzione dei tassi di deforestazione.

Nella ricerca condotta da Delazeri (2016), nei comuni di Parà che compongono l’Arco della Deforestazione (Altamira, Brasil Novo, Cumaru do Norte, Dom Eliseu, Itupiranga, Marabì, Novo Progresso, Novo Repartimento, Pacajà, Paragominas, Rondon do Paro, Santa Maria da Barreiras, Santana do Araguaia, San Félix do Xingu, Thailandia e Ulian-polis), è stato indicato che il calo dei tassi di deforestazione può essere attribuito alle politiche ambientali (Piano d’azione per la prevenzione e il controllo della deforestazione nell’Amazzonia legale (PCDAm), introdotto nella seconda metà degli anni 2000. In Paragominas, questo processo si è verificato nel 2008, dall’attuazione del “Progetto Municipalità Verde”, con l’elaborazione di un patto contro la deforestazione tra il governo e la società locale.

Nell’analisi annuale dei dati ottenuti, si è constatato che tra il 2008 e il 2016 si è evoluta a 875.350 ha nel 2016, ossia un aumento di 4.01% in questo periodo.

Lo studio condotto da Pamplona (2017), nel comune di Barreiras – BA, ha concluso che l’evoluzione della deforestazione nel periodo 1990-2016 ha mostrato una tendenza evolutiva del 24% e, in un’analisi più dettagliata, l’autore ha aggiunto che, nel 1990, il tasso è stato equivalente al 13% , tuttavia, 26 anni dopo, c’è stata un’evoluzione al 37%, con una variazione equivalente al 24%. Questo studio ha inoltre concluso che, tra il 2010 e il 2016, il tasso di aumento della deforestazione corrispondeva al 7% ed è stato il periodo con la crescita più elevata rispetto agli anni precedenti. Infine, l’autore ha concluso che, nell’intervallo analizzato, 59.507.2 ha di aree di vegetazione autoctone sono state disboscate, il che ha indicato una tendenza di continuità di espansione agricola nell’area di studio.

In un sondaggio condotto da Mengatto Junior; Ulivo; Silva (2017) nel comune di Marab – PA, la valutazione dei dati da PRODES Digital per il comune ha indicato che c’è stato un aumento delle aree disboscate, mappato in 15 anni analizzati (2000-2015), in quanto si è evoluto da 5.818,9 km2 nel 2010 a un totale di 8.533,5 km2 nel 2015. Per quanto riguarda il tasso di aumento della deforestazione, in Marabà c’è stato un aumento del 46,6%, già nel comune di Paragominas – PA, questo aumento è stato del 4,01%.

4.3 COME PER ESTERNI POSITIVI e NEGATIVI NEL MUNICIPALITY DI PARAGOMINAS – PA

4.3.1 CRESCITA DEL PIL PRO CAPITE

Per quanto riguarda il rapporto tra il valore anticipato della produzione di soia, vi è stata anche una propensione ad evolversi nel PIL del comune di Paragominas (tabella 2).

Tabella 2 – Produzione di soia e dati sul PIL nel comune di Paragominas – PA.

Anno Produzione di soia (t.) PIB (R$)
2008 35.160 4.290.238.000
2009 42.600 3.467.596.000
2010 71.820 6.453.706.230
2011 119.515 7.322.330.400
2012 123.740 4.598.608.690
2013 121.800 3.095.759.160
2014 121.800 5.605.753.640
2015 275.500 6.684.730.690

Fonte: Preparato dagli autori (2018) dai dati contenuti in IBGE (2017b).

I dati indicavano un’evoluzione del PIL locale, da 4.290.238.000,00, con una produzione di soia pari a 35.160 tonnellate nel 2008, a un PIL di 6.684.730.690,00, con una produzione di soia pari a 275.500 tonnellate nel 2015. Per quanto riguarda l’analisi di dati specifici sul PIL di Paragominas, ciò indica che, dal 2008 al 2015, si è verificato un aumento del 55,81%. In questo caso, la crescita del PIL nel comune può essere direttamente correlata all’avanzamento della produzione di soia, dal momento che questa attività ha mostrato anche un tasso di crescita (52.520 ha a 239.163 ha) nei tre tre anni analizzati (2008-2010; 2011-2013; 2014-2016).

La ricerca condotta in Dom Pedrito (RS), da Borges; Simoni; Trindade (2016), ha indicato che il comune ha presentato buoni indici socioeconomici, con un passaggio del pilsise di 605.054.586,00 e una produzione di soia pari a 39.600 tonnellate nel 2008, a 977.858.471,00 e produzione di soia pari a 180.900 tonnellate nel 2013. Come in Dom Pedrito – RS, i benefici della produzione di semi oleosi a Paragominas – PA, si riflettono nell’economia locale, quindi il buon rendimento del PIL è un’esternalità positiva, proveniente dalla produzione di cereali su larga scala nel comune.

4.3.2 EVOLUTION OF SCHOOL ENROLMENTS, NUMERO DI SCHOOLS E TEACHERS HIRED

Per quanto riguarda l’evoluzione delle iscrizioni scolastiche, il numero di scuole e insegnanti assunti nella città di Paragominas, i dati analizzati hanno indicato una tendenza al ribasso in questi requisiti (Figura 4).

Figura 4 – Evoluzione del numero di iscrizioni effettuate, numero di scuole e contratti di insegnanti in Paragominas – PA.

Fonte: IBGE (2017b).

Per quanto riguarda l’analisi dei dati relativi al numero di iscrizioni, scuole e insegnanti, è degno di nota che:

(1) C’è stata una variazione nel numero di iscrizioni negli anni osservati, con 61.786.000 iscrizioni nel 2009, 63.414 mila nel 2012 e 59.596.000 nel 2015;

(2) si è indiminuzione del numero di scuole, poiché nel 2009 nel 2012 erano 372, che sono scesi a 332, mentre nel 2015 contavano solo 318 scuole e, nel 2015,

(3) in relazione al numero di insegnanti assunti, nel 2009 c’erano un totale di 1.824, 1.868 nel 2012 e, nel 2015, c’erano 1.490 insegnanti assunti.

Per quanto riguarda il numero di iscrizioni effettuate e gli insegnanti assunti nel comune, è stato percepito un rendimento più elevato di questi requisiti nel 2012. Nello stesso anno, il valore della produzione di soia è cresciuto di oltre il 56% rispetto all’anno precedente, quindi si è verificato un aumento del PIL dell’agricoltura; tuttavia, l’aumento della resa della soia rappresentava solo il 3% del PIL del comune di Paragominas. Pertanto, non ha rappresentato un aumento significativo per il PIL comunale, e quindi, non è stato un fattore determinante per l’aumento del numero di iscrizioni e l’assunzione di insegnanti. Questo aumento di quest’anno può essere collegato a fattori quali il migliore sviluppo di altri settori economici (ad esempio, il disboscamento, la produzione di carbone, il rimboschimento, l’estrazione della bauxite, l’industria e i servizi), che non erano oggetto di questo Studiare.

Uno studio condotto nel comune di Porto Nacional (TO), condotto da Silva e Rodrigues (2016), ha analizzato i principali impatti sociali generati nel comune a causa della coltivazione della soia per la produzione di biodiesel e ha collegato le maggiori entrate ai Istruzione. Lo studio ha concluso che maggiore è il reddito del comune, maggiore è la disponibilità di servizi pubblici e, di conseguenza, maggiore è l’infrastruttura urbana. In tal modo, ci sarebbe un aumento delle infrastrutture educative e una diminuzione dell’abbandono scolastico. Nel comune di Paragominas, questo effetto a catena non era evidente, perché, negli anni con un migliore sviluppo economico, nel periodo analizzato, c’è stata una diminuzione dei fattori importanti per l’istruzione, cioè gli investimenti in questo settore non fanno un esternalità positiva derivante dall’evoluzione della sojicultura nel comune.

4.3.3 CORRELATION BETWEEN SOYBEAN PLANTED AREA E UNFORWEED AREA

La correlazione di Pearson ci ha permesso di verificare il rapporto di significato tra l’area piantata con la coltivazione della soia e l’area disboscanda nel comune di Paragominas (Figura 05).

Figura 5 – Correlazione tra la soia piantata e l’area disboscate nel comune di Paragominas – PA.

Fonti: PRODES (2017) e IBGE (2017b).

Per l’analisi dell’area piantata soia e dell’area disboscata, i dati hanno indicato una correlazione positiva qualificata come forte (r . Questi dati ci permettono di dedurre che esiste una relazione diretta tra i totali della superficie soia piantata e l’aumento della deforestazione negli ettari, cioè quanto è stato disboscato ogni anno, per quanto riguarda il processo di sviluppo agricolo a Pargominas.

Gli studi condotti nei comuni sottostanti (tabella 3) presentano una correlazione Dieone (r) stabilita nell’intervallo da 0,81 a 0,99.

Tabella 3 – Valori Coefficient di Pearson (r) nei comuni degli stati di: Mato Grosso – MT e Pa.

Comuni r
Sinop – MT 0,85
Sorriso – MT 0,99
São Félix do Xingu – PA 0,81

Fonti: Brum; Dalfovo, Dalfovo; Benfica (2011), Giaretta (2017) e Magno et al. (2013).

I valori di (r) trovati da Brum; Dalfovo, Dalfovo; Benfica (2011) nel comune di Sinop. in Mato Grosso, (r – 0,85); Giaretta (2017) in Sorriso, nello stesso stato (r 0,99), e Magno et al. (2013) a San Félix do Xingu, Paro (r – 0,81), erano consonanti a quella di Paragominas (r 0,81), in quanto vi era una forte correlazione tra le tendenze di aumento dell’area occupata dalla piantagione di soia e l’area disboscata (stabilita nel da 0,81 a 0,99). In Paragominas, l’area disboscata e l’area per la coltivazione di semi oleosi aumentano praticamente nella stessa proporzione, quindi la deforestazione è un’esternalità negativa derivata dall’avanzata della sojicultura nel comune.

4.3.4 CORRELATION BETWEEN DEFORESTATION E TOTAL RAINFALL

I dati ottenuti e analizzati per la deforestazione e le precipitazioni totali in Paragominas hanno mostrato tendenze di crescita per la deforestazione e la diminuzione delle precipitazioni nei periodi di tre anni analizzati (Figura 06).

Figura 6 – Relazione tra deforestazione e precipitazioni totali in Paragominas – PA.

Fonti: PRODES (2017) e HidroWeb (2018).

La variazione delle precipitazioni ha raggiunto livelli estremi, con un massimo di 5.621,4 mm nel primo triennio (2008-2010) e un minimo di 4.234,6 mm nel terzo triennio (2014-2016). Tuttavia, la variazione delle precipitazioni può essere correlata a diversi fattori oltre alla deforestazione, come la presenza di La Niàa e le attività antropiche.

Per quanto riguarda l’analisi della correlazione di Pearson (r) tra le variabili deforestazione e precipitazioni, i dati hanno indicato che esiste una relazione inversamente proporzionale (r – – 0,37), quindi, aggettivo come una relazione debole, cioè hanno una certa indipendenza tra di loro. Pertanto, la deforestazione non influenza in modo significativo il livello di precipitazione nel comune di Paragominas (PA).

Lo studio di Santos, C; Satyamurty, Satyamurty; Santos, E. (2012), condotta a Manaus (AM), ha concluso che, nel contesto amazzonico, il cambiamento climatico può essere correlato sia ad attività legate all’uso del suolo e all’occupazione, sia a fenomeni naturali come El Niào e La Niàa. Nel comune di Paragominas, le condizioni atmosferiche, in particolare le precipitazioni, possono essere correlate alle variazioni climatiche globali derivanti da cause naturali. Pertanto, la deforestazione non è il principale agente causale della variazione delle precipitazioni locali, pertanto non è considerata un’esternalità negativa a causa dell’avanzata della monocoltura della soia.

Pertanto, uno dei modi per mitigare la principale esternalità causata dalla monocoltura della soia, la deforestazione, è quello di applicare tecniche di coltivazione considerate più sostenibili, che promuovono l’equilibrio nell’uso del suolo per l’attività economica, come , No-tillage, seguito da Inoculazione delle seme per la fissazione biologica dell’azoto (BNF). Pertanto, con l’aumento della produttività dei cereali, non sarà necessario aprire nuove aree di coltivazione al fine di soddisfare la domanda di produzione (BULEGON et al., 2016; LOSS et al., 2011).

Un altro è l’uso di aree già disboscate è uno dei fattori che possono aumentare l’aumento di questo tipo di azione e, quindi, contribuire alla conservazione della biomassa vegetale autoctona, evitare la perdita di nuovi habitat, nonché determinare la conservazione della diversità biologica di questo comune, oltre a contribuire alla conservazione delle aree di conservazione permanente (PPA), in particolare i due corpi idrici comunali (Uraim River e Paragominas/Prainha River).

5. CONCLUSIONE

Sojicultura generato esternalità alla società in cui è stato inserito. Tra questi, l’aumento del PIL comunale, dall’aumento dell’economia locale causato da sojicultura nel periodo 2008-2016.

Per quanto riguarda le esternalità negative, è stata dimostrata la correlazione tra l’avanzamento dell’area soia piantata e la deforestazione in Paragominas. Tuttavia, va sottolineato che ci possono essere altre variabili come il bestiame, il disboscamento e la produzione di altre colture nel comune, che hanno influenzato l’aumento della superficie disboscate, ma che non sono state analizzate in questo Ricerca.

I dati generati da questo studio, riferendosi all’aumento della superficie piantata della soia, all’aumento della superficie disboscosa e del PIL comunale, al cambiamento del numero di iscrizioni effettuate e assunte, alla diminuzione del numero di scuole e alla variazione precipitazioni, sono reali e consentiranno la continuazione di studi futuri che coinvolgono le dinamiche della sojicultura.

RIFERIMENTI

ABDALA, K. O.; RIBEIRO, F. L.; FERREIRA M. E. Risco de impactos ambientais gerados pela dinâmica de uso do solo. Revista Brasileira de Cartografia, Monte Carmelo, v. 68, n. 2, p. 235-252, 2016.

AGÊNCIA NACIONAL DE ÁGUAS. PORTAL – ANA. Portal HidroWeb. Disponível em: <http://www.snirh.gov.br/hidroweb/publico/apresentacao.jsf>. Acesso em: 22/95/2018.

ALMEIDA, L. C. B. Teoria economia ecológica. In: Pereira, R. S. (Org.). Gestão para o desenvolvimento econômico sustentável. São Paulo: Globus, 2013.

ALVES, L. W. R.; CARVALHO, E. J. M.; SILVA, L. G. T. Diagnóstico agrícola do município de Paragominas, PA. Belém: Embrapa- Amazônia Oriental, 2014.

ANTUNES, D. Externalidades negativas sobre o meio ambiente: processos econômicos de custeio. Revista de Ciências Gerenciais, São Paulo, v.13, n. 18, p.57-73, 2009.

ARAÚJO, R. C. Análise sobre a monocultura de soja e o desenvolvimento sustentável na Amazônia com base na teoria do desenvolvimento endógeno. Revista Economia e Desenvolvimento, Santa Maria v. 26, n. 1, p.106-118, 2014.

ARAÚJO, R. C.; PONTE, M. X. Agronegócios na Amazônia: ameaças e oportunidades para o desenvolvimento sustentável da região. Revista de Ciências Agroambientais, Alta Floresta, v. 13, n. 2, p.101-114, 2015.

ARTAXO, P. et al. Perspectiva de pesquisas na relação entre clima e o funcionamento da floresta amazônica. Ciência e Cultura, Campinas, v. 66, n. 3, p. 41-46, 2014.

AYRES, M. et al. BioEstat 5.0: aplicações estatísticas nas áreas das ciências biológicas e médicas. Belém: MCT; IDSM; CNPq, 2007. 364 p. il. Acompanha CD-ROM.

BALBINOT JUNIOR, A. A. et al. Análise da área, produção e produtividade da soja no Brasil em duas décadas (1997-2016). Londrina – PR: Embrapa Soja, 2017.

BORGES, S. C.; SIMÕES, F. S. B.; TRINDADE S. L. A Relação entre a Produção de Soja e o PIB no município de Dom Pedrito/Rs. Revista Agropampa, Dom Pedrito, v.1, n. 2, p. 169-180, 2016.

BROCHADO, M. L. C. Avaliação de cenários de desmatamento para o estado do Pará. 2017, 44 p.  Dissertação (Mestrado em geografia) – Universidade de Brasília – UNB, Brasília – DF, 2017.

BRUM, A. L.; DALFOVO, W. C. T.; AZUAGA, F. L. Alguns impactos da expansão da produção de soja no município de Sorriso-MT. Revista Desenvolvimento em Questão, Ijuí,v. 7, n. 14, p. 173-200, 2009.

BRUM, A. L.; DALFOVO, W. C. T.; BENFICA, V. C. A relação entre o desenvolvimento e o crescimento das culturas de grãos no município de Sinop-MT: uma análise para o período de 1984 a 2009. Revista Desenvolvimento em Questão, Ijuí, v. 9, n. 17, p.159-190, 2011.

BULEGON, L. G. et al. Componente de produção e produtividade da cultura de soja submetida à inoculação de Bradyrhizobium e Azospirillum. Revista Terra Latinoamericana, Chapingo – Estado do México, v. 34, n. 2, p. 169-176, 2016.

CPT. Comissão Pastoral da Terra Relatório. “Conflitos no campo 2016”. 2016. Disponível em:<https://www.cptnacional.org.br/component/jdownloads/summary/41-conflitos-no-campo-brasil-publicacao/14061-conflitos-no-campo-brasil-2016>. Acesso em: 08/06/2018.

DALL’AGNOL, A. A soja no brasil: evolução, causas, impactos e perspectivas. Congresso de la soja del Mercosur, 5.; FORO DE LA SOJA ASIA, 1, Rosario. Un grano: Un universo. [Rosário: Asociación de la cadena de la soja Argetina], 2011.Disponível em: <http://ainfo.cnptia.embrapa.br/digital/bitstream/item/47515/1/amelio.soja.2011.pdf>. Acesso em: 08/06/2018.

DELAZERI, L. M. Determinantes do desmatamento nos municípios do Arco Verde – Amazônia Legal: uma abordagem econométrica. Revista Economia-Ensaios, Uberlândia, v. 30, n. 2, p. 11-34, 2016.

DERANI, C.; SCHOLZ, M. C. A Injustiça ambiental das externalidades negativas das monoculturas para commodities agrícolas de exportação no Brasil. Revista Direito Agrário e Agroambiental, Maranhão, v. 3, n. 2, p. 1-25, 2017.

DEUS, R. M.; BAKONYI, S. M. C. O. Impacto da agricultura sobre o meio ambiente. Revista Eletrônica em Gestão, Educação e Tecnologia Ambiental, Santa Maria, v. 7, n. 7, p. 1306-1315, 2012.

DOMINGUES, M. S.; BERMANN, C. O Arco do desflorestamento na Amazônia: da pecuária à soja. Ambiente e Sociedade, São Paulo, v. 15, n. 2, p. 1-22, 2012.

EMBRAPA. Empresa Brasileira de Pesquisa Agropecuária. Perspectiva agrícolas no Brasil: desafios da agricultura brasileira 2015-2024. Capítulo 2 – Agricultura Brasileira: perspectivas e desafios. Brasília – DF: OCDE: FAO, 2015. 51p. Disponível em: <http://www.agri-outlook.org/>. Acesso em: 12/11/2017.

FERNANDES, P. A.; PESSÔA, V. L. S. O Cerrado e as suas atividades impactantes: uma leitura sobre o garimpo, a mineração e a agricultura mecanizada. Revista Eletrônica de Geografia, Rio Claro, v. 3, n. 7, p. 19-37, 2011.

FIRMINO, R. G.; FONSECA, M. B. Uma visão econômica dos impactos ambientais causados pela expansão da agricultura. Revista Econômica e Administração, São Paulo, v. 9, n. 18 p. 32-48, 2008.

FREDERICO, S. As cidades do agronegócio na fronteira agrícola moderna brasileira. Caderno Prudentino de Geografia, Presidente Prudente, v. 1, n. 33, p. 5-23,2011.

GAZZONI, D. L. A sustentabilidade da soja no contexto do agronegócio brasileiro e mundial. Londrina – PR: Embrapa, 2013.

GIARETTA, J. Produção agropecuária e suas interações com fatores ambientais, sociais e econômicos no município de Sorriso – Mato Grosso. 2017, 55 p. Dissertação (mestrado em Ambiente e Sistema de Produção Agrícola) – Universidade do Estado de Mato Grosso – UNEMAT, Tangará da Serra, 55 p, 2017.

GONZALEZ, R. A. et al. A influência do evento El Niño-Oscilação Sul e Atlântico Equatorial na precipitação sobre as regiões Norte e Nordeste da América do Sul. Revista Acta Amazônica, Manaus, v. 43, n. 4, p. 469-480, 2013.

GRANZIERA, M. M.; SAES, M. S. M. Um estudo da contribuição da agricultura multifuncional para o desenvolvimento rural sustentável. Revista de Gestão Ambiental e Sustentabilidade, São Paulo, v. 3, n. 1, p. 60-70, 2014.

IBGE. Instituto Brasileiro De Geografia E Estatística. Bases Cartográficas. Brasília, DF. 2017a. Disponível em: <https:// mapas.ibge.gov.br/bases-e-referenciais/basescartograficas/mapas-municipais>. Acesso em: 02 mai. 2018.

IBGE. Instituto Brasileiro De Geografia E Estatística. Cidades@. Brasília, DF. 2017b. Disponível em: < https://cidades.ibge.gov.br/ >. Acesso em: 20/10/2017.

INPE. Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais. PRODES DIGITAL, Desflorestamento nos Municípios da Amazônia Legal para o ano de 2016. 2017. Disponível em: <http://www.dpi.inpe.br/prodesdigital/prodesmunicipal.php>. Acesso em: 18/ 10/2017.

IRIGARAY, C. T. et al. O Pantanal Matogrossense enquanto patrimônio nacional no contexto das mudanças climáticas. In:  SILVA, S. T., CUREAU, S.; LEUZINGER, M. (Orgs.). Mudança do Clima. Desafios jurídicos, econômicos e socioambientais. São Paulo: Fiuza, 2011.

KUPLICH, T. M.; CAPONE, V.; COSTA, L. F. F.  O avanço da soja no Bioma Pampa. Boletim Geográfico do Rio Grande do Sul, Porto Alegre, v. 32, n. 31, p. 83-100, 2018.

LOSS, A. et al. Agregação, carbono e nitrogênio em agregados do solo sob plantio direto com integração lavoura-pecuária. Pesquisa Agropecuária Brasileira, Brasília, v. 46, n. 10, p. 1269-1276, 2011.

MAGNO, R. A. M. et al. Configuração espacial do desflorestamento em fronteira agrícola na Amazônia: um estudo de caso na região de São Félix do Xingu, estado do Pará. Revista Nera, Presidente Prudente, v. 16, n. 22, p. 96-110, 2013.

MATOS, P. F.; PESSÔA V. L. S. O Agronegócio no Cerrado do Sudeste Goiano: uma leitura sobre Campo Alegre de Goiás, Catalão e Ipameri. Sociedade e Natureza, Uberlândia, v. 24, n. 1, p. 37-50, 2012.

MENGATTO JUNIOR, E. A.; OLIVEIRA, R. C.; SILVA, J. O município de Marabá, PA frente ao ZEE na Amazônia Legal: avaliação das taxas de desmatamento. Embrapa Informática Agropecuária-Artigo em anais de congresso (ALICE). SIMPÓSIO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA FÍSICA APLICADA, 17.; CONGRESSO NACIONAL DE GEOGRAFIA FÍSICA, 1., 2017, Campinas. Os desafios da geografia física na fronteira do conhecimento. Campinas: Unicamp, 2017.

MIRANDA, R. S. O Agronegócio da soja no Brasil: do Estado ao capital privado. Revista Novos Rumos Sociológicos, Pelotas, v. 2, n. 2, p. 122-141, 2014.

NOBRE, C.  A. et al. Características do Clima Amazônico: Aspectos Principais. In: Keller, M. et al. (Eds). Amazonia and Global Change.  Washington, DC:  Geophysical Monograph, jan. 2019, p. 149-162.

OLIVEIRA NETO, A. A. Acompanhamento da safra brasileira. Companhia Nacional do Abastecimento (CONAB): Sexto levantamento, março 2017 – safra 2016/2017.: Brasília: Companhia Nacional de Abastecimento, 2017. Disponível em: < http://www.conab.gov.br>. Acesso em: 13/11/2017.

OLIVEIRA, C. M.; SANTANA, A. C. A governança no Arranjo Produtivo de Grãos de Santarém e Belterra, estado do Pará: uma análise a partir do grão soja. Revista de Economia e Sociologia Rural. Brasília, v. 50, n. 4, p. 683-704, 2012.

PAMPLONA, N. L. Mudanças no uso e cobertura da terra no município de Barreiras – BA entre 1990 e 2016. 2017. 44 p. Monografia (Graduação em Engenharia Ambiental) – Faculdade de Tecnologia, Universidade de Brasília. Brasília – DF. 2017.

PINTO, A. et al. Diagnóstico Socioeconômico e Florestal do município de Paragominas. Relatório Técnico. Belém – PA: Imazon, 2009.

PORTO. M. L.; JESUS, E. S.; PEREIRA JÚNIOR, A. Análise das tendências nas relações entre fluxo de veículos, arborização e os níveis de intensidade de ruído. Ecologia e Nutrição Florestal, Santa Maria, v.5, n. 3, p. 87-97, 2017.

PRODANOV, C. C.; FREITAS, E. C. Metodologia do trabalho científico: métodos e técnicas da pesquisa e do trabalho acadêmico. 2 ed. Novo Hamburgo – RS: Universidade Feevale, 2013.

QUEIROZ, F. A. Impactos da sojicultura de exportação sobre a biodiversidade do Cerrado. Sociedade e Natureza, Uberlândia, v. 21, n. 2, p. 193-209, 2009.

RIVERO, S. et al. Pecuária e desmatamento: uma análise das principais causas diretas do desmatamento da Amazônia. Nova Economia, Belo Horizonte, v. 19, n. 1, p. 41-66, 2011.

SAKAMOTO, C. K.; SILVEIRA, I. O. Como fazer projetos e Iniciação Científica. São Paulo : PAULUS, 2014.

SANTOS, C. A. C.; SATYAMURTY, P.; SANTOS E. M. Tendências de índice de extremos climáticos para a região de Manaus-AM. Acta Amazonica, Manaus – AM, v. 42, n. 3, p.329-336, set. 2012.

SANTOS, S. R. Q. et al. Regime térmico e hídrico do solo para área de floresta tropical em anos de El Niño e La Niña, Caxiuanã-PA: estudo de caso. Revista Brasileira de Meteorologia, São Paulo, v. 26, n. 3, p. 367-374, 2011.

SEVERINO, A. J. Metodologia do trabalho científico. 24  ed.  São Paulo: Cortez, 2017.

SILVA, C. A. F. Corporação e Agronegócio da soja na Amazônia. Revista ACTA Geográfica, Boa Vista, v. 2, n. 3, p.29-40, 2008.

SILVA, T. L. A.; RODRIGUES, L. H. Avaliação sistêmica dos impactos sociais da produção de soja para biocombustíveis na região central do estado de Tocantins. 2016. 140 p. Dissertação (mestrado em Engenharia de Produção e Sistemas) – Universidade do Vale do Rio dos Sinos, São Leopoldo – RS, 2016.

SILVEIRA, D. T.; CÓRDOVA, T. E. A pesquisa científica. In: Gerhardt, T. E.; Silveira, D. T. (Org.). Métodos de pesquisa. Porto Alegre: Editora de UFRGS, 2009, p. 31-42.

SOUZA, L. M. et al. Avaliação do uso e cobertura da terra em Paragominas e Ulianópolis – PA, utilizando dados do projeto TERRACLASS. Revista Brasileira de Cartografia, Uberlândia, v. 3, n. 3, p. 421-431, 2017.

SOUZA, P. J. O. P.; ROCHA, E. J. P.; RIBEIRO A. Impactos do avanço da soja no balanço de radiação no leste da Amazônia. Acta Amazônica, Manaus, v. 43, n. 2, p. 169-178, 2013.

[1] Laureato in Ingegneria Ambientale. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

[2] Laureato in Ingegneria Ambientale. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

[3] Laureato in Ingegneria Ambientale. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

[4] Laurea in Ingegneria Ambientale. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

[5] Dottore in Scienze climatiche. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

[6] Master in Scienze Ambientali. Università Statale di Pofa. Centro per le Scienze Naturali e la Tecnologia.

Inviato: Novembre, 2019.

Approvato: Dicembre, 2019.

5/5 - (2 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita