REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Economia della condivisione e i suoi impatti sui consumi moderni

RC: 117046
52
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

MUNARO, Cristina [1], BERTOLDO, Jeferson [2]

MUNARO, Cristina. BERTOLDO, Jeferson. Economia della condivisione e i suoi impatti sui consumi moderni. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, ed. 11, vol. 19, pagg. 115-123. Novembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/di-marketing-it/economia-della-condivisione

RIEPILOGO

Questo lavoro analizza la Sharing Economy e i suoi impatti sui consumi moderni. Tale approccio è dovuto al fatto che la sharing economy è un nuovo vantaggio per i consumatori e un fastidio per le aziende tradizionali, in quanto più economica. L’obiettivo di questo studio è analizzare come la Sharing Economy stia trasformando il modo in cui le aziende innovano e il comportamento delle persone. Questo scopo sarà raggiunto dalla ricerca bibliografica, dove verranno analizzate tutte le informazioni raccolte. La ricerca ha mostrato quanto sia importante questa nuova economia, come stia cambiando il modo di consumare determinati servizi ei loro benefici rispetto a quella tradizionale.

Parole chiave: Sharing Economy, Consumi moderni, Airbnb, Uber, Farmsquare.

1. INTRODUZIONE

Questo lavoro analizza la Sharing Economy e i suoi impatti sui consumi moderni, dove si comprende che la sharing economy è un nuovo vantaggio per i consumatori, ma per alcune aziende tradizionali può essere una seccatura, poiché la sharing economy è più economica per il consumatore tasca di chi lo consuma e il fatto che i comportamenti dei consumatori sono cambiati, che ora cercano opinioni da parte dei privati ​​per scoprire quanto vale, sottolineando che, nell’economia condivisa, la comunicazione è mediata dalla tecnologia, ma il processo di l’acquisto è regolato tra persone fisiche e non più persone giuridiche e fisiche. Questa selettività è arrivata con l’avvento di Internet, dove il consumatore è passato da consumatore passivo a pubblicità, a produttore di contenuti e con una voce per dire su tutto ciò che vede o consuma.

Lo scopo di questo articolo è presentare una breve base teorica sulla sharing economy, con esempi delle principali piattaforme utilizzate e anche dei vantaggi di questa nuova economia per i consumatori.

Questo articolo sarà ricavato dalla ricerca bibliografica in cui verranno citati i benefici dell’economia condivisa e come è nata.

2. EVOLUZIONE DELL’ECONOMIA

Fin dall’inizio, l’economia come attività si è adattata alle situazioni attuali. Secondo Batista (2012), il feudalesimo è stato un modo di organizzazione sociale nel Medioevo e con il suo metodo di produzione comunitaria è stato fondato per diversi secoli. Poi venne l’età moderna, con modelli mercantilistici e fisiocratici, il primo incentrato sull’attività agricola e il secondo sul commercio internazionale.

Secondo Batista (2012), fino all’inizio del XX secolo, la teoria economica classica ha determinato i percorsi del processo produttivo, sottolineando che, per avere successo economico, una nazione doveva avere principi di libera concorrenza. Per Smith, l’economia ideale sarebbe un sistema di mercato autoregolato che soddisferebbe automaticamente i bisogni economici della popolazione.

Per Aguiar, Guimarães, Silva e Pereira (2014), l’economia è una scienza mutevole, all’inizio era incentrata sulle questioni interne, subito dopo con il processo di produzione e distribuzione dei beni. Attualmente, una nuova forma di economia è in aumento.

Sulla base dei principi Marketing 1.0, 2.0 e 3.0 di Kotler, Kartajaya e Setiawan (2010), si possono comprendere le differenze nell’economia insieme all’evoluzione del marketing.

Tabella 1 Marketing di confronto 1.0, 2.0 e 3.0

Marketing 1.0 Marketing 2.0 Marketing 3.0
Marketing incentrato sul prodotto Marketing          orientato al consumatore Marketing orientato al valore
Obbiettivo Vendere prodotti Soddisfare     e    fidelizzare i consumatori Fai del mondo un posto migliore
Forze motrici Rivoluzione industriale Tecnologie dell’informazione Nuova ondata di tecnologia
Come le aziende vedono il mercato Acquirenti di massa con bisogni fisici Consumatore intelligente, dotato di cuore e mente Un essere umano pieno, con cuore, mente e spirito
Concetto di marketing Sviluppo del prodotto Differenziazione I valori
Linee guida per il marketing aziendale Specifiche di prodotto Posizionamento del prodotto e dell’azienda Missione,     Visione aziendale e valori
Proposta di valore Funzionale Funzionale ed emozionale Funzionale, emozionale e spirituale
Interazione con i consumatori Transazione uno a uno Relazione uno a uno Collaborazione uno-a-molti

Fonte: Kotler, Kartajaya e Setiawan (2010. pag. 6)

Si può notare che la sharing economy si inserisce nel Marketing 3.0, in quanto è l’unica con interazione uno-a-molti, dove la base principale della sharing economy è di essere da un individuo a molti.

3. EVOLUZIONE DEI CONSUMI

Quando guardi al passato, puoi capire come il mercato consumer sia cambiato molto in poco tempo. All’inizio del 20° secolo, l’industria era quella che controllava il mercato, non c’era molto sforzo per vendere i prodotti, poiché i consumatori si aspettavano lo stesso. A metà del 20° secolo, con i progressi tecnologici nei trasporti, è diventato possibile per i consumatori recarsi nei negozi e nel commercio al dettaglio fino ad allora novizio. Con l’emergere dei rivenditori, le industrie distribuivano più prodotti in negozi diversi, quindi la concorrenza è emersa e si è fatta più agguerrita, poiché molte aziende offrivano gli stessi prodotti (POMERANZ, 2010). Infine, negli anni ’60, la strategia di marketing era orientata verso i mass media, dove l’enfasi era sul prodotto per raggiungere una base di consumatori. Alla fine degli anni ’70 emerse il sistema di assistenza telefonica alla clientela che, insieme alle carte di credito create negli anni ’50, diede un grande stimolo alle vendite tramite cataloghi e telemarketing (POMERAZ, 2010).

Nei decenni a seguire, le aziende vedono un grande potenziale nella pubblicità mirata alle nicchie. Alla fine del secolo scorso c’è una società consumista ed esigente, che dà così vita a nuove forme di pagamento, facilitando gli acquisti di questi accaniti consumatori. Per Bourdieu (1981), la logica alla base della rivoluzione dei consumi consiste nella combinazione tra la concorrenza dei mezzi di produzione per soddisfare i desideri dei consumatori e la lotta per la distinzione dalla ricerca della novità. Dato questo fatto, il marketing ha dovuto evolversi, poiché a quel tempo e fino ad oggi, il consumatore ha il controllo.

Tra tutte le evoluzioni del marketing, è chiaro che i metodi tradizionali di marketing hanno perso la loro efficienza man mano che le persone diventano più selettive su ciò che viene loro mostrato.

Il marketing ha dovuto cambiare, perché deve stare al passo con le attuali forme di consumo, cioè il modo in cui le persone consumano servizi e prodotti si è evoluto, poiché, in questo nuovo scenario, è cambiata la psicologia del consumatore ed è cambiato anche il processo di acquisto. Secondo Emília Chagas, CEO di Contenttools, “Il processo di acquisto è cambiato. Nessuno vuole più essere il bersaglio di ‘discorsi commerciali’. Offrendo contenuti utili, l’azienda inizia a ricevere attenzione e reputazione online”, quindi più la tecnologia avanza e la quantità di informazioni viene assorbita dalle persone, conquistandole solo con uno spot pubblicitario o su una rivista, diventa più difficile. Quando è necessario acquistare o contrarre qualche tipo di prodotto o servizio, il consumatore dell’era digitale è molto più critico e cauto. Attraverso ricerche su Internet, opinioni lasciate da altri clienti, si fornisce informazioni decisive per l’acquisto o meno di un determinato prodotto. Questa è una tendenza del mercato secondo Pomeranz (2010, p.12):

265 milhões de indivíduos trocaram, no ano passado, 1.5 bilhão de informações nas redes de relacionamento formadas por blogs e comunidades virtuais, muitas vezes falando sobre as empresas e seus produtos. Companhias que não gerenciarem a exposição de suas marcas nesse ambiente correm o risco de perder vendas e destruir suas reputações (POMERANZ, 2010, p.12).

Con così tanti cambiamenti ed evoluzioni, è emersa la sharing economy che ha cambiato la vita di molte persone, cambiando alcune scelte che erano state fatte in precedenza nel vecchio processo in cui esisteva un solo modello di servizio o prodotto, come un hotel o un taxi.

4. ECONOMIA CONDIVISA

L’economia condivisa, detta anche consumo collaborativo, è una pratica commerciale che consente la fruizione collettiva di determinati servizi, il famoso Peer to Peer (person to person) che unisce chi vuole offrire e chi vuole consumare.

La sharing economy è nata negli anni ’90 negli Stati Uniti, spinta dai progressi tecnologici che hanno ridotto i costi delle transazioni online peer-to-peer (SHIRKY, 2012), consentendo la creazione di nuovi modelli di business basati sullo scambio e sulla condivisione di beni e servizi tra sconosciuti (SCHOR, 2014).

Dopo tutto, cos’è un’economia condivisa? Secondo Miller (2016) si può dire che si tratta di “un modello in cui le persone creano e condividono beni, servizi, spazi e denaro tra loro”. Ganshy (2010, apud in SILVEIRA; PETRINI; SANTOS, 2016)

Secondo Souza (2015):

Este movimento veio logo depois de um período de grande consumismo durante o século XX e início do século XXI. Algumas pessoas começaram a refletir sobre esse consumo exacerbado e perceberam que ele estava fazendo mal para as pessoas e para o mundo (BOX 1824, 2015). Perceberam que fazia mais sentido consumir de forma colaborativa. Consumo colaborativo, no entanto, não tem a ver com um compartilhamento forçado e educado. Pelo contrário, ele coloca em vigor um sistema em que as pessoas dividem recursos sem perder liberdades pessoais que apreciam e sem sacrificar seu estilo de vida (BOTSMAN e ROGER, 2011).

Il consumo è sempre stato presente nella vita quotidiana degli esseri umani, poiché il bisogno di consumare era finalizzato alla sopravvivenza, come cibo e alloggio. Nel 20° secolo, questo consumo è aumentato considerevolmente, risultando in un consumo per soddisfare i desideri e portando così soddisfazione a coloro che hanno consumato questi beni o servizi.

Si stima che la crescita dell’economia condivisa favorirà il riutilizzo e possibilmente ridurrà l’inattività dei beni, apportando di conseguenza fattori positivi per la sostenibilità.

4.1 AIRBNB

Airbnb è stata fondata l’11 agosto 2008 da Brian Chesky e Joe Gebbia a San Francisco, California, con l’obiettivo di unire le persone interessate ad affittare la propria casa o parte di essa a un turista in cerca di alloggio in qualsiasi parte del mondo per un breve periodo.

Nel 2017 Airbnb aveva già raggiunto oltre 4 milioni di alloggi, tra stanze, intere case, appartamenti, barche e castelli in più di 65.000 città in tutto il mondo.

Questo numero è cresciuto in modo esponenziale, poiché i prezzi degli alloggi pubblicizzati sono spesso più economici di molti hotel.

4.2 UBER

Nel 2009, Travis Kalanick e Garrett Camp, di fronte a un bisogno riscontrato quando si trovavano a Parigi nel mezzo di una bufera di neve, non sono riusciti a trovare un taxi per tornare al loro hotel. Di fronte a questa situazione è venuta l’idea di creare un’applicazione dove fosse possibile richiedere un autista privato con un semplice tocco dello smartphone.

L’applicazione consente un collegamento agile tra guidatore e passeggero tramite smartphone, facilitando la comunicazione e la ricerca di una corsa (a pagamento). Ancora una volta, l’ennesima piattaforma che beneficia della sharing economy.

Uber ha trasformato il modo in cui le persone consumano questo tipo di servizio, l’app è arrivata a infastidire i tassisti, che fino a quel momento si occupavano di questo settore.

Attualmente, Uber è presente in 65 paesi con oltre 3 milioni di conducenti registrati e oltre 75 milioni di utenti.

4.3 FARMSQUARE

Lanciato nel 2006 dall’attore e presentatore Rodrigo Hilbert, la funzione principale dello strumento è quella di scambiare o donare cibo sano, dove l’agricoltore di una certa regione pubblicizza il suo cibo e il consumatore a lui più vicino può andare a prenderlo.

Con Farmsquare è facile trovare prodotti freschi e sani e anche evitare sprechi, poiché molti cibi invenduti finiscono per essere buttati via.

5. VANTAGGI DI ECONOMIA CONDIVISA

La sharing economy avvantaggia sia chi ha il prodotto o servizio da offrire sia chi lo cerca. Serve anche come reddito extra per molte famiglie, o come reddito principale, nel caso di chi è un autista Uber.

Per Schor (2014), la partecipazione alle attività di sharing economy è motivata da fattori economici, ambientali e sociali e varia a causa della diversità delle piattaforme e delle attività. Alcune persone partecipano per benefici economici, come risparmiare denaro (BOTSMAN; ROGERS, 2011) o guadagnare denaro attraverso piattaforme (SCHOR, 2014); alcuni, con l’obiettivo di fare nuove amicizie (BOTSMAN e ROGERS, 2011); e altri sono attratti dalla moda o dalla novità delle piattaforme (SCHOR, 2014).

Il costo dei servizi o dei prodotti è un altro punto positivo, essendo spesso inferiore al costo dei tradizionali modelli di mercato. L’accesso a questi mezzi è facilitato, poiché è possibile scaricare un’applicazione mobile per compiere le azioni necessarie e queste piattaforme sono intuitive, facilitano la navigazione, rendono questi nuovi servizi disponibili a chiunque.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

In questo articolo è stato possibile affermare che l’economia tradizionale sta cedendo il passo a un’economia condivisa. Significa che siamo nell’era della collaborazione uno-a-molti. L’economia della condivisione sta lentamente cambiando le nostre relazioni sociali e comunitarie.

Il consumatore si è adattato a questa nuova forma di economia e utilizza sempre di più questi mezzi, ciò che attrae il pubblico sono i bassi costi e la facilità di accesso a questi prodotti.

Come realizzato in questo articolo, si è notato che i consumi sono cambiati rispetto alle congetture del consumo tradizionale e che il pubblico ha accolto con favore questa nuova economia, ne è prova il numero di utenti che è andato via via aumentando sulle suddette piattaforme e la tendenza è che questo numero sarà ancora più alto in futuro.

RIFERIMENTI

AIRBNB. Disponível em:  <http://mundodasmarcas.blogspot.com.br/2014/11/airbnb.html>. Acesso em: 28 abr. 2018.

BATISTA, João Marcos. A evolução da economia: uma abordagem histórica sobre os principais modelos, teorias e pensadores. Disponível em: <https://www.fara.edu.br/sipe/index.php/renefara/article/viewFile/68/58>. Acesso em: 27 abr. 2018.

BOCCATO, V. R. C. Metodologia da pesquisa bibliográfica na área odontológica e o artigo científico como forma de comunicação. Rev. Odontol. Univ. Cidade São Paulo, São Paulo, v. 18, n. 3, p. 266, 2006.

BOURDIEU, Pierre. “Distinction: A Social Critique of the Judgement of Taste“, translation: Richard Nice, Cambridge, MA: Harvard University Press, 1981.

BOTSMAN, Rachel and ROGERS, Roo. What’s mine is yours: how Collaborative Consumption is Changing the Way We Live. [s.l.]: HarperCollins, 2011.

BRUE, Stanley. L. História do Pensamento Econômico. 6 ed. São Paulo: Cengage Learning, 2005.

MANICA, E. A Economia do Compartilhamento. Os Impactos da Economia Compartilhada. Disponível em: <http://www.repositorio.jesuita.org.br/bitstream/handle/UNISINOS/6779/Edinei%20Manica_.pdf?sequence=1> Acesso em: 23 jan. 2018.

NADA SERÁ COMO ANTES. Disponível em: < http://www.desenvolvesp.com.br/wp-content/uploads/2017/03/161.pdf>. Acesso em: 13 ago. 2018.

O QUE É ECONOMIA COMPARTILHADA. Disponível em: <https://consumocolaborativo.cc/o-que-e-economia-compartilhada/>. Acesso em: 24 jan. 2018.

POMERANZ, Ricardo. Deixem os Consumidores Falarem. São Paulo: M. Books, 2010.

REVISTA DE ADMINISTRAÇÃO DA FATEA – RAF. A Eficácia das Redes Sociais no Marketing de Relacionamento no Varejo. 2012.

REVISTA HOTÉIS. Airbnb: 4 milhões de anúncios e recorde de hóspedes na mesma noite. 2017. Disponível em: <http://www.revistahoteis.com.br/airbnb-4-milhoes-de-anuncios-e-recorde- de-hospedes-na-mesma-noite/>. Acesso em: 28 abr. 2018.

SHIRKY, C.L.A.Y. Lá vem todo mundo: o poder de organizar sem organizações. Zahar, Rio de Janeiro (2012).

SCHOR, J. Debating the Sharing Economy. Disponível em: <http://greattransition.org/publication/debating-the-sharing-economy>. Acesso em: 26 jan. 2018.

SMITH, Adam. A Riqueza das Nações. Zahar, Rio de Janeiro (2008).

SOUZA, Antônio Fabiano Araújo. UBER: Uma nova Experiência de consumo. 2015. Disponível em: <http://repositorio.uniceub.br/bitstream/235/7638/1/21262517.pdf>. Acesso em: 29 Jan. 2018.

TEORIA DE MERCADO NA VISAO DE ADAM SMITH E JOSEPH A. SCHUMPETER. Disponível em: < http://cac-php.unioeste.br/eventos/conape/anais/iii_conape/Arquivos/Artigos/Resumos/CIENCIASECONOMICAS/8.pdf> . Acesso em: 13 ago. 2018.

UBER. Disponível em: <http://mundodasmarcas.blogspot.com.br/2015/06/uber.html>. Acesso em: 28 abr. 2018.

UBER. Disponível em: <https://www.uber.com/pt-BR/newsroom/fatos-e-dados-sobre-uber/>. Acesso em 28 abr. 2018.

UOL. ECONOMIA COMPARTILHADA. Disponível em: <https://tab.uol.com.br/economia- compartilhada/>. Acesso em: 24 jan. 2018.

WEISE, Fabiana Angélica. Como funciona a Farmsquare, plataforma que conecta agricultores e consumidores. Disponível em: <https://www.eusemfronteiras.com.br/como- funciona-farmsquare-plataforma-que-conecta-agricultores-e-consumidores> Acesso em: 28 abr. 2018.

[1] Laureato in Pubblicità presso il Centro Universitário Anhanguera e post-laurea in Marketing e Consumo Digitale presso Grupo Unis.

[2] Consulente. Laurea in Lettere. Laurea in Medicina Veterinaria. Specializzazione in Didattica nell’Istruzione Superiore.

Inviato: Aprile 2020.

Approvato: Novembre 2020.

Rate this post
Cristina Munaro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita