Le sfide della mediazione familiare nei casi di divorzio e gli effetti della frammentazione della società sui legami coniugali

0
16
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

FILHO, José Alexandrino Saraiva [1]

FILHO, José Alexandrino Saraiva. Le sfide della mediazione familiare nei casi di divorzio e gli effetti della frammentazione della società sui legami coniugali. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 08, Vol. 01, pp. 116-126. nell’agosto 2019. ISSN: 2448-0959

L’obiettivo di questo saggio è quello di discutere i dilemmi dell’articolo 226, 6 della Costituzione federale del 1988, il divorzio e i suoi effetti derivanti dallo scioglimento della società coniugale nel contesto dei conflitti familiari, nelle prospettive della mediazione familiare, affrontando la sua processi in generale, ai metodi e alle prospettive si traduce in processi di separazione coniugale, le difficoltà presenti nella pratica professionale, i loro processi di alienazione dei genitori al giorno d’oggi, i loro impatti e gli effetti sui processi problemi psicologici e la breve analisi della politica di risoluzione dei conflitti.

Parole chiave: mediazione familiare, scioglimento della società coniugale, Costituzione federale/1988, risoluzione dei conflitti, alienazione dei genitori.

1. INTRODUZIONE

Questo saggio mira a valutare il contributo del metodo di mediazione familiare nelle procedure di divorzio della società coniugale alla luce della Costituzione federale del 1988, le sue riflessioni sulle politiche pubbliche della famiglia e della difesa dei diritti. Pertanto, abbiamo cercato di indagare i seguenti aspetti elementari: difficoltà incontrate nella pratica della mediazione nella visione di diverse professioni che hanno contatti diretti o indiretti con le parti e gli operatori dei servizi sociali che aiutano come mediatori che lavorano con la giustizia nei tribunali della famiglia, gli aspetti psicologici fondamentali delle persone coinvolte, valutano i vantaggi della mediazione nella comprensione dei professionisti coinvolti e identificano attraverso documenti statistici i risultati dei casi dissoluzione della società e legame coniugale assistito dagli organismi di risoluzione dei conflitti.

Il metodo utilizzato nella ricerca è stato qualitativo che ha permesso di esplorare e dimensionare la ripercussione dei fatti sui soggetti o gruppi che hanno ancora poche informazioni sull’argomento affrontato.

Secondo Minayo (1994), gli studi qualitativi tendono a mostrare aspetti spesso difficili da quantificare: sentimenti, motivazioni, credenze, atteggiamenti e variazioni nelle percezioni degli individui (le cosiddette visioni del mondo, in particolare le residenza di buon senso).

2. ASPETTI POLITICI IN FAMILY MEDIA PROCESSES NELLA DISSOLUTION DI SOCIETY E MARITAL TIES

È noto che per secoli, nella storia, il matrimonio ha svolto la funzione di promuovere la posizione sociale ed economica davanti alla società stessa. Con l’inizio dell’industrializzazione e l’avvento dell’urbanizzazione, il lavoro cessò di essere centrato nella casa e nella famiglia e divenne un’unità autonoma. Per questo motivo, le coppie hanno cominciato ad aspettarsi dal matrimonio una fonte di soddisfazione personale e intimità che ha soddisfatto le esigenze del rapporto coniugale. E, nella misura in cui il matrimonio serve a soddisfare le esigenze emotive della coppia, nel tempo, il rapporto stesso diventa vulnerabile, manifestando la costante indisposizione e intolleranza a cui non c’è soddisfazione emotiva nel società coniugale.

Ci sono diversi impatti sociali che hanno contribuito negli ultimi anni al significativo aumento dei tassi di riconoscimento e di dissoluzione dell’unione stabile. Inizialmente, se un tempo l’aspettativa di vita insieme, legata al romanticismo dei decenni precedenti, in particolare quelli di 70, 80 e 90 fatto le persone rimangono più a lungo nelle loro relazioni coniugali, cioè il paradigma patriarcale del ventesimo secolo era ancora sottomesso a quella del secolo precedente; solo con miglioramenti nella conquista del femminism[2]o.

Segundo Ahons (1995):

(…) il centro del matrimonio cessa di essere la posizione economica per sottolineare l’amore e l’interesse tra due persone, solo all’inizio del ventesimo secolo, quando il tempo della vita era più breve, poco ha avuto il tempo di vivere l’età adulta con un unico compagno. (…) nella famiglia binucleare i genitori vivono in case diverse, ma cercano di parlare per soddisfare i loro bisogni e i loro figli.

Si percepisce la posizione secondo cui il movimento femminista aveva indirettamente una partecipazione significativa all’aumento dei tassi di divorzio, perché negli anni ’60 e ’70 la maggior parte delle famiglie aveva un solo “fornitore economico”. A causa dell’ingresso delle donne nel mercato del lavoro, questo ha permesso una relativa autonomia finanziariamente, e l’indipendenza dal punto di vista oggettivo, ha permesso al fattore causa che la donna proporre di chiedere “unqui[3]te”, dal momento che non dipendeva più dal marito / partner per sostenere la sua prole. Attraverso questa decisione, entrambe le donne con lo sviluppo di questo fattore esterno, il lavoro e l’uomo hanno avuto la possibilità di cercare di soddisfare i loro bisogni in un’altra società coniugale, dal momento che hanno avuto un lungo periodo di vita. “Le donne lavorano e sono più indipendenti dal punto di vista finanziario. Perché una coppia che non si ama stare insieme quando non ha 30 o 40 anni di vita davanti? “.

Essa accentua Osario (2002), che a causa delle trasformazioni culturali nel corso degli anni, il movimento socioeconomico e il processo di civiltà hanno cambiato nel corso dei secoli le aspettative, i bisogno e i desideri delle coppie. Questa dinamica molto dinamica delle relazioni coniugali oggi è diventata un insieme, in cui ogni elemento tutilive conserva le sue proprietà indipendentemente dalla presenza di un altro. A tal fine, osserviamo la transizione dalla costituzione di ciò che era “insieme”, le trasmissioni di questi passi hanno anche cambiato strutture psichiche e strutture emotive; il fenomeno naturale dell’autonomia diventa parte dell’elenco delle aspettative in cui i diritti.

La dissoluzione della società coniugale comporta sentimenti in mezzo alla sofferenza e all’angoscia da entrambe le parti; il medi[4]atore con la sua formazione tecnica sperimenta le complicazioni dell’ordine emotivo vissuto dalle coppie in crisi e nel processo di separazione. La mediazione serve come aiuto tecnico nella riorganizzazione del sistema familiare, a causa della transizione familiare verso il binucleare. Infatti, la separazione rompe il legame matrimoniale se non ci sono figli, ma se ce ne sono, la custodia condivisa è segmentata in modo che i figli possano beneficiare del modo in cui il rapporto ha anche rotto, diventa collaborazione e sostegno in relazione ai figli, e questi a loro volta cominciano a sperimentare interruzioni coniugali con attenuatori se gli effetti vincolanti non hanno problemi con l’accordo di natura giuridica, cioè i genitori diventano partner nella cura degli obblighi parentali, rafforzando obbligazioni del rapporto familiare. L’affidamento condiviso è essenziale per garantire che il bambino viva con entrambi i genitori.

3. LE ATTUALI SFIDE PER azioni AFFIRMATIVE E I RICHIESTA DI REPARATORY PUBLIC POLICIES IN THE FAMILY ENVIRONMENT

Azioni affermative in ambito familiare sono misure speciali adottate per garantire un adeguato progresso di determinati gruppi, sociali o individui che hanno bisogno di protezione che possono essere necessari e utili per fornire a tali gruppi o individui , pari godimento o esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali, a condizione che tali misure non comportino il mantenimento di diritti separati per gruppi diversi e non continuino dopo che i loro obiettivi sono stati raggiunti. La possibilità di adottare azioni affermative ha il sostegno nelle arti. 3rd e 5th sia costituzione federale/88 e, integrato nel nostro ordine giuridico dal decreto n. 65.810/69.

È interessante notare che l’attuazione delle politiche pubbliche a livello di risoluzione dei conflitti familiari è indispensabile per garantire i pertinenti diritti costituzionali. Essi cercano di riallineare i mezzi di accesso e le forme di competitività al fine di garantire condizioni per i gruppi razziali, sociali o etnici, nonché le persone che hanno bisogno della protezione specifica dello Stato, per esercitare i diritti sanciti dalla Costituzione di Repubblica.

Le modifiche introdotte nella legislazione brasiliana, in particolare attraverso la risoluzione n. 125 del Consiglio nazionale di giustizia, e la legge 13.105/15, i punti principali affrontati, come i concetti e i principi. Il tema acquista importanza, soprattutto in considerazione del contesto attuale, poiché il Nuovo Codice di Procedura Civile sta per entrare in vigore, l[5]a legge 13.105/2015, e ciò crea una grande aspettativa per un migliore funzionamento della magistratura.

Secondo Reinaldo Dias e Fernanda Matos, le[6] politiche pubbliche possono essere intese come “un mezzo per realizzare i diritti che sono codificati nelle leggi di un paese”. È l’istituzione di obiettivi e strategie volte a risolvere i problemi pubblici o a “raggiungere livelli più elevati di benessere sociale”.

Nei centri di pratica legale sia nelle università che nei centri giudiziari, ad esempio, la parte richiedente può richiedere una chiamata di persona o online e alla parte richiesta viene spiegato i vantaggi di costruire una soluzione il consenso, e anche l’allerta per la lentezza e l’usura emotiva che affronteranno in una richiesta giudiziaria, finisce per accettare l’idea di partecipare a sessioni di mediazione e conciliazione. Tuttavia, spesso a causa del risentimento, delle ferite o anche perché non ha fiducia nel metodo applicato al di fuori della magistratura finisce per entrare nel percorso giudiziario.

Con la previsione dell’audizione di mediazione e conciliazione nel Nuovo codice di procedura civile di cui all’arti[7]colo 334, darà alle parti un’altra opportunità di entrare in un consenso. Inoltre, se entrambe le parti non hanno un interesse, l’udienza non si terrà, conformemente al paragrafo 4, voce I della stessa legge giuridica, dimostra che le parti non sono destinate a presentare un accordo. Con questo, sembra che l’obiettivo di istituzionalizzare la mediazione e la conciliazione sia quello di dare alternative alle parti, e di dare loro la conoscenza dell’esistenza dei mezzi positivi, e non di regolare le loro procedure, o di imporre il loro uso.

È chiaro che le politiche affermative nel macro senso, quando si rivolge a contrastare situazioni reali di fatto incompatibili con le fondamenta e i principi dello Stato sociale, o per dare coerenza ed efficacia, non ricordano privilegi, dentro o con loro confondersi; invece di funzionare escludendo i soggetti dei diritti, essi annoiano nei loro obiettivi e metodi il segno dell’apprezzamento dell’inclusione, in particolare quelli a cui vengono negati i benefici più elementari del materiale storico e del patrimonio intellettuale. Spesso, per concentrarsi, è sufficiente mantenere lo status quo, sotto l’argomento dell’autorità del rigoroso rispetto del principio di uguaglianza.

Secondo Laura (2007, p. 86):

(…) Vale la pena sottolineare ancora una volta che queste affermazioni non sono solo proposizionali, ma operative. Non c’è modo di combattere efficacemente la discriminazione se le reti di sicurezza sociale universali non sono intrecciate con un impatto maggiore sui gruppi sociali meno autonomi. (..) L’uscita non avviene in azioni isolate che cercano un sollievo transitorio dai danni irreparabili, ma in politiche stabili che contengono le condizioni necessarie per impedire alle persone di raggiungere la marginalità e l’esclusione. Queste reti dovrebbero lavorare in modo permanente per fornire garanzie dalla nascita a ciascun cittadino.

Come osservato, in questa comprensione, da politiche affermative, non si tratta solo di una serie di proposte e misure volte a riparare le ingiustizie sociali a determinati gruppi storicamente discriminati dall’esclusione; al contrario, uno dichiara l’altro nei risultati; anche se ognuno ha la sua densità, il che significa dire che con una politica affermativa ha inquadramento in un ordine di importanza attiva e reale, per quanto riguarda la politica pubblica riparatoria è di adeguamento sociale, mira al trattamento in difesa della stabilità in considerazione della sottoccupazione, cioè si basa sulla responsabilità sociale, anche quando si tratta degli effetti delle conseguenze dei conflitti dei rapporti familiari.

È importante sottolineare che le politiche pubbliche che sono riparatorie in ambito familiare sono azioni create con determinate scadenze, cioè durano un certo periodo in modo preventivo e ricostruttivo, per creare equilibrio e opportunità per le persone di ottenere la pace almeno in casa.

A tal fine, i mezzi consensuali non dovrebbero essere utilizzati come misure immediate, con l’obiettivo di estinzione di grandi quantità di procedimenti giudiziari, ma come una politica pubblica a lungo termine, che mira al cambiamento culturale, nonché come metodo preventivo di l’emergere di nuovi conflitti.

Ma le azioni affermative non devono essere casuali, a livello istituzionale e burocratico, la loro adesione deve essere assoluta, è cercare la consapevolezza delle responsabilità inerenti alla paternità e alla maternità attraverso azioni che forniscano una maggiore partecipazione di questi gruppi all’educazione dei bambini, e ridurre al minimo le difficoltà dei probabili echi di ordine sentimentale.

4. CONFLITTI FAMILIARI E IL PROBLEMA DELL’ALIENAZIONE DEI GENITORI

La legge n. 12.318-10 prega nei suoi articoli sull’alienazione dei genitori, combinata con la legge 8.069/90 – Statuto di bambini e adolescenti – è la legge giuridica regolamentare che prevede la piena protezione dei bambini e degli adolescenti, con questo obbligo verso le famiglie, l’Unione, gli Stati e i comuni e la società, in conformità con l’art. 227, caput, della Costituzione federale del 1988.

È noto che la rottura di un rapporto coniugale è sempre un momento faticoso per la famiglia; perché richiede la preparazione di nuove schede di vita per genitori e figli, oltre alla divisione dei beni, al pagamento della pensione e ad altre questioni. Tali eventi sono spesso preceduti da divergenze e discussioni, legate a fattori psicologici e sociali.

Tutte le richieste legali tradizionali fino ad oggi, è stato insufficiente per l’adempimento di un intero contingente procedurale fisico installato nei nostri tribunali brasiliani. L’avvento della risoluzione CNJ 125/10 era stato decisivo per l’emergere del Mediatore (un terzo imparziale), che avrebbe proposto alle parti e facilitando la comunicazione per la coppia in conflitto per trovare alternative che fossero i loro interessi e i loro figli, raggiungendo un eventuale accordo. In questa dialettica pacifica, i genitori sono aiutati a comprendere i bisogni dei loro figli e a sviluppare un rapporto di cooperazione nelle questioni genitoriali.

In questo percorso pre-procedurale, comprendiamo “costruire un problema sociale” il processo interno attraverso il quale un particolare gruppo familiare quando si trova la situazione in cui si trovano i suoi membri, è considerato per qualche motivo, socialmente problematico, essendo persone c[8]he minacciano la pace pubblica, o che devono essere appositamente protette, o che non dovrebbero essere discriminate, ecc.

Spetta al mediatore con tecniche di argomentazione nel corso dell’istruzione verificare che dall’altra parte c’è qualcuno che pratica anche un altro tipo di abuso, quello di natura morale. In questo caso, le misure di protezione dei bambini e/o degli adolescenti, che sono a rischio concreto e hanno ripetutamente subito abusi sia per ordine fisico e/o morale da parte dei genitori che, nella tesi, dopo l’ampia difesa, se si osserva l’abuso, possono anche essere privati del potere familiare, in conformità con la legge 8.069/90.

Così, dalla Corte, nello stesso momento in cui osserviamo un processo di rivalutazione del gruppo familiare, nella misura in cui è definito dalla legislazione come lo spazio sociale privilegiato per la socializz[9]azione umana, quando le caratteristiche delle famiglie servivano sono ora visualizzati, dare spazio alla famiglia per essere qualificata come negligente, aggressore, ecc., cioè inadeguato per lo sviluppo di bambini e adolescenti e incapace di garantire loro i diritti definiti dalla Corte, Come avverte Soares, a seconda del criterio utilizzato per misurare, ad esempio” “negligenza”, “(.,.) c’è il rischio di incriminare gran parte della popolazione a basso reddito che non può vestirsi, nutrire e prendersi cura della loro prole” (SOARES, 1997).

CONCLUSIONE

Come analizzato, Family Mediation si sta gradualmente adattando all’era della risoluzione delle controversie. Le prove di questa affermazione possono essere effettuate attraverso l’analisi della natura delle richieste dimostra che l’esperienza negoziale può avere successo immediatamente, se condotta da mediatori esperti.

A tal fine, se il paradigma del pensiero culturale viene modificato, di conseguenza, diminuirà il discredito diretto alla magistratura, e le parti avranno l’opportunità di risolvere le loro controversie in un periodo rapido.

Tuttavia, la cosa giusta è che molto rimane da realizzare. Oltre alla necessità di creare e migliorare diverse altre politiche pubbliche relative all’istruzione sanitaria, al lavoro, ai servizi igienico-sanitari di base e ad altri, si verifica che la stessa cultura giudiziaria presenta diversi ostacoli, che non sono stati analizzato in questo saggio per il taglio epistemologico, ma che sono ugualmente rilevanti al fine di andare avanti in questa materia. Le discussioni e le controversie sull’argomento sono inevitabili. Ecco perché il dibattito è pertinente e dovrebbe essere stimolato.

Riteniamo che le politiche pubbliche per proteggere i diritti possano essere più efficaci in quanto i loro agenti si impegnano a dialogare con la popolazione lamentosa, tenendo conto delle differenze culturali nell’organizzazione familiare e valori dominanti in diverse classi sociali. L’importanza della mediazione nella risoluzione delle controversie inerenti a tale questione dovrebbe essere sottolineata, concludendo accordi, al fine di evitare l’imposizione di ripetuti appelli, i cui risultati sono innocui e disastrosi per la famiglia, oltre a contribuire al coinvolgimento degli ordini del giorno delle sentenze.

La fattibilità di ciò implica comprendere le differenze non come causa di problemi sociali, ma come uno dei risultati di una società segnata dalla disuguaglianza. Anche se la passeggiata è lunga, l’arrivo non diventa mai possibile senza i primi passi.

RIFERIMENTI

AHRONS, Constance. O bom divórcio: como manter a família unida quando o casamento termina. Rio de Janeiro: Objetiva, 1995.

BRASIL. Lein°13105, de 16 de março de 2015. Institui o Código de Processo Civil. Brasília: Senado Federal, 2015. Disponível em: http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/_Ato2015-2018/2015/Lei/L13105.htm. Acesso em: 20. abr.2018.

BRASIL. Resolução n° 125 de 29 de novembro de 2010. Institui a Política Judiciária Nacional de tratamento adequado dos conflitos de interesses no âmbito do Poder Judiciário e dá outras providências. Brasília: Conselho Nacional de Justiça, 2010.

DIAS, Reinaldo; MATOS, Fernanda. Políticas Públicas: Princípios, propósitos e processos. São Paulo: Atlas, 2011.

CÂMARA DOS DEPUTADOS. http://www2.camara.leg.br/legin/fed/decret/1960-1969/decreto-65810-8-dezembro-1969-407323-norma-pe.html. Acesso em 12 abr. 2018.

CONSELHO NCAIONAL DE JUSTIÇA. http://www.cnj.jus.br/images/stories/docs_cnj/resolucao/arquivo_integral_republicacao_resolucao_n_125.pdf. Acesso em: 20.abr.2018.

ESTATUTO da criança e do adolescente: lei 8069/90 (1990). Brasília.

FERNANDES, José Antônio da Costa. Política Pública da Família e de Defesa dos Direitos. Valinhos: 2015. https://www.colaboraread.com.br/aluno/conteudoweb/index/1124989001?atividadeDisciplinaId=5484010 . Acesso02/04/2018.

LEI Nº 12.318, DE 26 DE AGOSTO DE 2010. Disponível em: http://www.alienacaoparental.com.br/lei-sap. Acesso em 12 abr. 2018.

MASOTTI, Viviane. Direitos e Seguridade Social. Valinhos: 2015.

MINAYO, M. C. Ciência, técnica e arte: o desafio da Pesquisa Social. In: ______. (Org.) Pesquisa social: teoria, método e criatividade. Petrópolis: Vozes, 2001, p. 09-30.

______. O desafio do conhecimento. São Paulo/Rio de Janeiro: HUCITEC-ABRASCO, 1994.

OSÓRIO, Luís Carlos; VALLE, Maria Elizabeth do. op. cit., 2002.

PAUTASSI, Laura C. Há igualdade na desigualdade? Abrangência e limites das ações afirmativas. Sur, Rev. int. direitos human. [online]. 2007, vol.4, n.6, pp.70-93. ISSN 1806-6445.  Disponível em: https://sur.conectas.org/wp-content/uploads/2017/11/sur6-port-laura-c-pautassi.pdf. Acesso12 setembro de 2017.

VALLE, Maria Elizabeth do. Terapia de famílias – novas tendências. São Paulo: Artmed, 2002.

WIKIPEDIA. https://pt.wikipedia.org/wiki/Desquite. Acesso em: 14 abr. 2018.

2. “Entre as décadas de 1930 e 1960, muitas manifestações feministas oscilavam mediante as mudanças desenvolvidas no cenário político nacional. Questa rivoluzione delle dogane suscitata negli anni ’60 ha aperto la strada al femminismo per diventare un movimento di maggiore forza e combattività. Anche nel contesto della dittatura, le donne hanno cominciato ad avere una posizione critica e si sono organizzate per mettere in discussione più profondamente il loro ruolo nella società. Il problema dei modelli comportamentali ha cominciato ad andare di pari passo con le idee di sinistra che hanno ispirato diverse personalità che hanno partecipato a questo movimento.

3. Unquiteised è un termine di diritto che è stato utilizzato per designare le divisioni coniugali prima del deposito del divorzio. È equivalente all’attuale separazione, in cui si verifica la separazione dei coniugi e della loro proprietà, ma non vi è alcuna dissoluzione del legame matrimoniale

4. Para atuar como mediador judicial é necessário ser graduado há pelo menos dois anos em qualquer área de formação, nos moldes do art. 11 da Lei n. 13.140, de 26 de junho de 2015 (Lei da Mediação). A Resolução n. 125/2010 do CNJ, a Lei da Mediação e o Novo Código de Processo Civil (NCPC – Lei 13.105/2015) determinam que o mediador e o conciliador judicial devem ter capacitação, por meio de curso realizado por entidade credenciada e reconhecida, em conformidade com os parâmetros curriculares definidos pelo Conselho Nacional de Justiça em conjunto com o Ministério da Justiça.

5. Vale la pena notare che il nuovo codice di procedura civile, di cui all’articolo 167, di cui 5 vieta l’esercizio del diritto da parte di mediatori e conciliatori nella sentenza in cui svolgono le loro funzioni.

6. DIAS, Reinaldo; MATOS, Fernanda. Políticas Públicas: Princípios, propósitos e processos. São Paulo: Atlas, 2011, p. 15.

7. “Art. 334 NCPC. – Se la domanda soddisfa i requisiti essenziali e non è il caso di ingiunzione della domanda, il giudice designa udienza di conciliazione o di mediazione per almeno trenta (30) giorni, e il convenuto deve essere citato almeno 20 (venti) giorni di Anticipo.

N. 1 – Il conciliatore o il mediatore, ove presente, deve agire necessariamente nell’udienza di conciliazione o di mediazione, osservando le disposizioni del presente Codice, nonché le disposizioni della legge dell’organizzazione giudiziaria.

(…)

7 – L’udienza di conciliazione o di mediazione può aver luogo elettronicamente, conformemente alla legge.”

8. “Art. 6o Atti tipici di alienazione dei genitori o di qualsiasi condotta che renda difficile vivere la coesistenza di un bambino o di un adolescente con un genitore, in azioni autonome o incidentali, il giudice può cumulativamente o meno, senza pregiudizio della conseguente responsabilità civile strumenti criminali in grado di inibire o mitigare i suoi effetti, a seconda della gravità del caso:

I – dichiarare il verificarsi di alienazione dei genitori e avvertire l’alienatore;

II – espandere il regime di convivenza familiare a favore del genitore alienato;

III – impostare una multa per l’alienatore;

IV – determinare il follow-up psicologico e/o biopsicosociale;

V – determinare il cambiamento della guardia alla guardia condivisa o la sua inversione;

VI – determinare la fissazione precauzionale del domicilio del bambino o dell’adolescente;

VII – dichiarare la sospensione dell’autorità genitoriale.

Comma unico. Caratterizzato da un cambiamento di indirizzo abusivo, un’impossibilità o un’ostruzione della convivenza familiare, il giudice può anche annullare l’obbligo di prendere il bambino o l’adolescente dalla residenza del genitore, in occasione delle alternanze dei periodi di convivenza familiare. Come notato, l’imposizione sull’arte. 6 della legge 12.318/90 non esclude la verifica della responsabilità civile o penale dell’alienante.”

9. “Art. 19 – Ogni bambino o adolescente ha il diritto di essere allevato ed educato all’interno della sua famiglia e, eccezionalmente, in una famiglia supplente, ha assicurato la convivenza familiare e comunitaria, in un ambiente libero dalla presenza di persone dipendenti da stupefacenti” (STATUS 1990).”

[1] Laureato in Giurisprudenza presso il Moacyr Sreder Bastos University Center (MSB). Laureato in Lavoro Sociale presso l’Università di Pythagoras – RJ / Laurea in Psicologia presso l’UFF-RJ.

Inviato: Aprile, 2018.

Approvato: agosto 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here