Identificazione criminale negli adolescenti

0
32
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SALLES, Claudia Regina de Oliveira [1], BARROS FILHO, Jorge [2]

SALLES, Claudia Regina de Oliveira. BARROS FILHO, Jorge. Identificazione criminale negli adolescenti. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 21, pp. 96-110. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/legge/adolescenti

L’opera attuale ritrarrà l’identificazione penale nei casi che coinvolgono minori, che è un’azione importante per confermare l’identità di un individuo accusato di un atto illecito, valutando quale dovrebbe essere la misura adottata per risolvere questo fatto senza danneggiare i diritti e le garanzie individuali, considerando che queste persone minori ricevono pene più morbide nei confronti di un adulto , poiché sono legalmente basati in modo diverso rispetto a un adulto normale, quindi la condotta di un adulto è vista come un crimine, ma quando commessa da un minore è considerata un’infrazione. In questo senso, lo Statuto del Bambino e dell’Adolescente mira a preservare questi minori da qualsiasi esposizione non necessaria, quindi prevede che l’identificazione penale non si verifichi se i minori presentano la loro identificazione civile, si verificano eccezioni in caso di dubbio sulla veridicità o mancanza di questo tipo di documento. Alla luce di questo tema, l’obiettivo è quello di dimostrare con questo studio le possibilità in cui l’identificazione criminale degli adolescenti può essere effettuata, attraverso una ricerca qualitativa basata sulla bibliografia, utilizzando articoli, libri, legislazioni e altri materiali che ritraggono questo tema e quindi raggiungere finalmente la comprensione delle procedure adottate quando si coinvolge un trasgressore minore. Pertanto, è stato possibile notare la richiesta di un ampliamento delle ipotesi di identificazione penale dei minori, in cui la normativa tratterà questi casi con maggiore specificità, determinando tutte le possibilità e le procedure.

Parole chiave: Identificazione penale, minori, infrazione, veridicità, identificazione civile.

1. INTRODUZIONE

L’identificazione penale dell’imputato è la procedura di base dell’azione penale. Il codice di procedura penale brasiliano elenca questa procedura come una delle misure che le autorità di contrasto devono adottare immediatamente quando rilevano un reato o un reato (articolo 6, punto VIII).

Questa procedura può portare alle autorità competenti azioni probatorie più semplici e importanti per indagare sui casi che coinvolgono minori. È importante studiare questi casi per identificare i reati commessi da bambini e giovani in modo che possano adottare misure appropriate in conformità con lo Statuto del Bambino e dell’Adolescente (BOCATO, 2013).

È necessario tenere conto del fatto che i giovani di età inferiore ai 18 anni sono ancora in formazione e non sono pienamente in grado di capire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Questa età è inclusa nello standard biologico, pertanto, l’articolo 228 della Costituzione federale stabilisce che i minori di diciotto anni sono penalmente responsabili, alla luce delle norme della legislazione speciale.

Alla base di quanto sopra, sulla base della legislazione vigente, si intende rispondere al seguente problema: l’azione di identificazione criminale negli adolescenti di età inferiore all’età è legale? Indagare sulla legalità dell’identificazione penale negli adolescenti minorenni e identificare la procedura più utilizzata secondo il nostro ordinamento giuridico.

È indispensabile che gli operatori della legge, i dipendenti pubblici, in particolare coloro che lavorano con la pubblica sicurezza, comprendano il processo di identificazione penale dinanzi a un individuo minore, che è supportato da diverse leggi che gli danno un sostegno differenziato, comprendere questo processo di identificazione penale può verificarsi o meno con questo. Pertanto, lavorare su questo tema è essenziale sia per gli operatori del diritto che per la società in generale, in modo che possano determinare quale comportamento sarebbe più favorevole al caso, proteggendo i diritti individuali del minore.

2. IDENTIFICAZIONE PENALE

La vita nella società fa sì che gli individui abbiano bisogno di differenziarsi dagli altri, specialmente quelli che compiono crimini. Così, gli individui nel tempo hanno cercato metodologie per identificare quelli considerati antisociali di quelli considerati buoni cittadini, anche come un modo per proteggersi. Diversi tipi di processi sono sorti insieme alla necessità o come uno è diventato insufficiente o non aggiornato i metodi esistenti per l’individualizzazione e l’identificazione delle persone.

Per Robles (2004), il riconoscimento è un processo o un insieme di processi volti a stabilire l’identità di una persona. D’altra parte, Tourinho Filho (1999) lo ha definito come un insieme di dati e segni che caratterizzano una persona. Poiché la scienza forense è lo studio delle autorità responsabili di chiarire i crimini, può identificare i criminali in varie situazioni (VELHO; GEISER; ESPÍNDULA, 2017).

Secondo Araújo (2006) la prima modalità di identificazione utilizzata sia dall’ambiente civile che penale era nominale. Con la preparazione di un modulo con il nome dell’imputato e alcune delle sue caratteristiche, questa metodologia viene ancora utilizzata oggi, e in modo più dettagliato quando l’atto d’accusa dell’individuo si verifica nei posti di polizia, completando la Scansione Antecedente (MIRABETE, 2000). Pertanto, molti criminali fanno uso di soprannomi o nomi falsi per evitare la scoperta dei loro nomi reali e soprattutto della loro pubblicità, e per questo motivo il metodo di identificazione nominale non può essere utilizzato isolatamente, è molto importante che sia associato al dattiloscopico a causa del pericolo di essere di fronte a un contraffattore il cui nome non è vero. Inoltre, c’è anche il pericolo in relazione agli omonimi perché persone diverse hanno nomi identici, causando una possibile confusione in ambito civile.

Il nome è una forma di personalizzazione nella società anche dopo la morte, che appare come uno dei diritti della personalità nel diritto civile. La prima registrazione storica dell’uso di nomi composti risale al 2850 a.C., quando un imperatore cinese ordinò l’uso di nomi o cognome per personalizzare meglio le persone (VENOSA, 2003).

Attualmente, poiché molti criminali usano i soprannomi per evitare di scoprire i loro nomi reali, questo metodo non dovrebbe essere usato in isolamento, principalmente a causa del pericolo di impersonare i loro contraffattori. Il nome visualizzato non è il vero nome ed è ideale per associarlo ai metodi delle impronte digitali.

In un secondo momento, il processo utilizzato è stato quello di Ferrete, un modo di identificazione umana considerato estremamente crudele, ha usato un ferro rosso-caldo per contrassegnare il corpo del criminale o dello schiavo fuggitivo con la lettera indicativa del crimine e del paese (ARAÚJO, 2006).

L’uso del furetto ha due scopi: punizione e identificazione. È un’antica usanza, utilizzata anche durante la prova imperiale, tra cui l’uso di pinze, pinzette, flagelli e altri strumenti per rimuovere parti del corpo come seni, dita, peni, unghie e identificare le persone da parti mancanti, e poiché è considerata disumana, questa pratica è stata anche abbandonata.

Tuttavia, questo può essere meno crudele di quello della mutilazione, usato nel Medioevo, con l’uso dei propri strumenti per strappare pezzi di tessuto dal corpo (SOBRINHO, 2003). Questo metodo è ancora utilizzato in Medio Oriente allo scopo di contrassegnare e punire il trasgressore in base al reato, tuttavia ci sono diversi casi in cui la mutilazione viene eseguita indipendentemente dal tipo di reato (ARAÚJO, 2006).

Il quarto processo utilizzato nel corso della storia è stato con l’uso di tatuaggi, influenzato da un’usanza indigena, nota anche come sistema Chroromium, è stato suggerito da Jeremy Benthan del 1832, che inizialmente ha proposto che il tatuaggio fosse fatto sull’avambraccio destro con lettere in grado di identificare civilmente l’individuo e i numeri per l’identificazione criminale (ARAÚJO, 2006). A quel tempo la modalità di identificazione era organizzata come un progresso, ma gradualmente divenne inefficace a causa delle trasformazioni naturali che l’essere umano subisce, il Brasile attuare questo processo nel 1891.

L’antropometrico è stato uno dei processi che seguirono nella storia, basato su indagini antropologiche furono condotte sotto dettagli antropometrici di un criminale, secondo le teorie dello psichiatra Cesare Lombroso, che determinò che il crimine era dovuto alla natura criminale che l’autore possedeva, cioè nacque con tratti diversi dagli individui onesti. Questi avevano tracce come le dimensioni del cranio, l’fosseta occipitale e altri, fattori che li rendevano inferiori, e poi inadeguati a vivere nella società (SHECAIRA, 2008).

Questa metodologia di Cesare Lombroso generò molteplici critiche perché non poteva essere utilizzata con bambini sotto i 21 anni e oltre i 65 anni in considerazione dei cambiamenti corporei che si verificano a queste età, e aveva ancora casi di gemelli identici. Inoltre, alcune parti del corpo non hanno misure precise e hanno generato imbarazzo, situazioni vessatorie (SOBRINHO, 2003).

Sobrinho (2003) spiega che la fotografia di segnaletica, frontale e profilo, è ancora utilizzata nei casellari giudiziari ed è stata architettota da Alphonse Bertillon, lo stesso autore del metodo antropometrico precedentemente disposto, notevole che questo autore ha assimilato l’immagine dell’individuo al crimine.

Secondo Araújo (2006) il processo dentale di Amoedo emerse nel 1897 come strumento scientifico dal cubano Oscar Amoedo Valdés, tuttavia, alcuni fattori hanno generato la sua inefficacia all’epoca, come la mancanza di trattamenti dentali, i denti sono stati tirati fuori, rendendo difficile l’identificazione e gli studi successivi, in questo senso, il metodo è ancora usato per identificare cadaveri carbonizzati, mummificati e ossadas.

Il nono processo è il Papilloscopico che si basa sulla dermatoglifia, lo studio della configurazione delle linee e delle smagliature delle mani e dei piedi. Poi c’è il processo di identificazione attraverso il DNA, l’esame è complesso, richiede molto tempo e utilizza reagenti costosi, deve ancora essere eseguito da un professionista competente e viene utilizzato nella maggior parte dei casi in cui altri metodi potrebbero non essere sufficienti (SOBRINHO, 2003).

L’identificazione dell’iride è stato un altro processo scoperto, ma è diventato più presente per l’identificazione funzionale, nelle grandi aziende, o anche per l’uso di password o carte magnetiche. Tuttavia, questo è difficile da conservare e confronto, diventa inefficace nel giorno per giorno (SOBRINHO, 2003).

Quando un individuo ordinario viene identificato civilmente, è lui che effettua tale richiesta negli organismi di identificazione e quindi viene generata una registrazione con un numero di registro generale (RG), che viene annotato in un documento popolarmente noto come documento d’identità o carta d’identità.

Esiste una base scientifica sufficiente per utilizzare la titoscopia come principale mezzo di identificazione criminale, perché può essere verificata dai sei mesi di esistenza del feto fino alla morte dell’individuo. Pertanto, ha immutabilità, il che significa che una volta formato, il design digitale non sarà più cambiato; diversità, due dita non possono eguagliare nel suo disegno, e; classificazione, è possibile classificare i disegni in tipi e sottotipi di base (RABELO, 1996).

Attualmente, quando un processo di identificazione avviene attraverso un’indagine della polizia, e se al momento dell’identificazione della persona non presenta un documento d’identità valido, viene generato un documento d’identità penale per il condannato.

Così, nelle agenzie di identificazione viene generato un record con un numero penale per la persona incriminata, legato al fascicolo del suo documento di identità civile, rendendo più facile l’accesso alla sua casellario giudiziario. Va sottolineato che solo gli organismi di identificazione hanno questo accesso.

3. PRINCIPI GIURIDICI DELL’IDENTIFICAZIONE PENALE

L’identificazione penale è stata regolata dall’articolo 5 della legge 12.037/12 e può avvenire attraverso il processo titiloscopico, fotografico e la raccolta di materiale biologico per ottenere il profilo genetico, quest’ultimo è stato incluso dalla legge 12.654/12.

Secondo Sobrinho (2003) l’identificazione penale collabora con il diritto processuale penale consentendo la conoscenza o la conferma dell’identità dell’agente che ha commesso il reato nelle indagini e rende più facile rendere più facile il rispetto delle sanzioni derivanti dal reato commesso. Inoltre, in cui servirà come prova resa disponibile a persone innocenti che possono dimostrare di non essere i veri autori dell’atto illecito, quando c’è un’identità sbagliata.

Vi è la determinazione che chiunque sia civilmente identificato da qualsiasi documento non sarà soggetto a identificazione penale, tuttavia, l’articolo 3 della suddetta legge stabilisce alcune eccezioni quando:

I – il documento ha cancellato o ha prove di falsificazione;

II – il documento presentato non è sufficiente per identificare pienamente l’imputato;

III – l’accusato di avere documenti d’identità separati, con informazioni contrastanti;

IV – l’identificazione penale è essenziale per le indagini di polizia, secondo l’ordine dell’autorità giudiziaria competente, che decide per lettera o per rappresentanza dell’autorità di polizia, della procura o della difesa;

V – l’uso di altri nomi o qualifiche diverse è incluso nei registri di polizia;

VI – lo stato di conservazione o la distanza di tempo o il luogo di spedizione del documento presentato rende impossibile completare l’identificazione dei caratteri essenziali. (BRASIL, 2009)

Secondo Lopes (2007) questa procedura mette in pericolo l’efficacia del diritto di non produrre prove contro se stesso, quando l’imputato si rifiuta di fornire le sue impronte digitali, ad esempio, il giudice determinerà l’estrazione obbligatoria dell’incarico. L’identificazione penale deve essere effettuata al fine di evitare il più possibile i vincoli e deve essere aggiunta agli atti della comunicazione dell’arresto in flagrante, o dell’indagine di polizia, o di altri modi di indagine, ma non può essere menzionata in precedenti atti o informazioni non destinate al giudizio penale, prima del transito finale della condanna della pena.

L’identificazione con mezzi fotografici, se respinta, in caso di assoluzione o mancata offerta della denuncia è fornita all’interessato per chiedere la rimozione dal fascicolo del caso o dell’inchiesta, a condizione che presenti la prova della sua identificazione civile.

Per quanto riguarda i dati relativi al profilo genetico, questi sono conservati in una banca dati riservata, la Banca dati nazionale dei profili genetici, disciplinata dal Decreto 7.950/2013, che mirava a creare una Rete Integrata di Banche di Profili Genetici, in grado di consentire la condivisione e il confronto dei profili genetici contenuti nelle banche dell’Unione, degli Stati e del Distretto Federale.

Lopes (2007) spiega che non è favorevole banalizzare l’intervento corporeo, poiché rappresenta un’ampia violazione della privacy, dell’integrità fisica e della dignità della persona umana, oltre a ferire mortalmente il diritto al silenzio negativo. Diversi problemi derivano da questo problema, in cui molti casi utilizzano la dichiarazione “essenziale per le indagini” senza almeno determinare in quali tipi di reati ciò sarebbe possibile.

Nel corso delle indagini, sia l’essenzialità che l’autorizzazione giudiziaria sono necessarie affinché non si verifichino abusi, inoltre, un terzo requisito è difeso da Nicolitt (2013), il consenso informato dell’imputato, e Queijo (2012) rafforza questo argomento notando che non si può negare il principio che nessuno è obbligato a produrre prove contro di sé, quindi la collaborazione è essenziale.

Pertanto, il rifiuto di cooperare non può costituire un reato di disobbedienza, né può essere accettata l’esecuzione coercitiva alla produzione di prove. La legge sull’identificazione criminale prevede nel suo articolo 5 che la conservazione avrà luogo in una banca dati di profili genetici, gestita da un’unità ufficiale di perizia criminale, questi campioni non possono rivelare tracce somatiche o comportamentali di persone. Inoltre, questo profilo genetico sarà escluso dalla banca dati al termine del periodo stabilito dalla legge per la prescrizione del reato, o ad una data precedente definita in tribunale.

È notevole che non vi sia stata alcuna regolamentazione dell’esclusione del profilo prima dell’eventuale archiviazione dell’indagine di polizia o della sentenza di assoluto, quindi questo progetto deve ricevere alcune critiche, la raccolta di materiale genetico, in queste prospettive, lede la dignità umana. Inoltre, garantisce ampie possibilità per quanto riguarda la raccolta di materiale umano, e l’esclusione di ciò si verifica solo quando c’è la prescrizione del caso, il che non è favorevole, poiché l’archiviazione o l’assoluzione dovrebbe autorizzare questa esclusione.

Pertanto, non esiste una definizione dei reati che sarebbero commessi con gravità nei confronti della persona per autorizzare la raccolta di questo materiale e l’inclusione nelle banche dati. Allo stesso modo, non chiarisce se solo le condanne in tribunale con queste caratteristiche possano richiedere tale azione e, infine, non vi è alcuna possibilità di escludere i dati da coloro che sono stati condannati per tali reati.

Tuttavia, questo progetto non prevede il rifiuto dell’indagato di fornire il materiale genetico, nonché le conseguenze di tale rifiuto. Pertanto, è chiaro che l’identificazione penale ha diverse specificità che non hanno ricevuto una legislazione adeguata, causando dubbi al sistema giudiziario, come nel caso dei minori.

4. IDENTIFICAZIONE PENALE CHE COINVOLGE MINORI

La Convenzione sui diritti del bambino, ratificata dal Brasile il 24 settembre 1990 ed in vigore dal 23 ottobre 1990, stabilisce che il bambino è ogni essere umano di età inferiore ai diciotto anni, tranne nei casi previsti dalla legge in cui viene raggiunta la maggiore età prima.

Il crimine è un fenomeno che affligge la società. In determinate circostanze, in Brasile, la questione causa un pericoloso pregiudizio, perché è noto che la partecipazione dei minori è in aumento, i criminali usano fattori legati alla classe sociale per incoraggiare notevolmente la partecipazione dei minori (MONTEIRO; SANTOS JÚNIOR, 2007).

Saab (2017) ha spiegato che l’aumento delle gravi attività criminali dei minori della classe media e superiore esclude completamente l’opinione secondo cui i minori sono tenuti ad agire in questo ambiente a causa della mancanza di infrastrutture familiari. Pertanto, le ragioni dell’emarginazione degli adolescenti sono molto ampie e sconosciute, non limitate alla mancanza di potere d’acquisto.

La Magna Carta stabilisce che i minori di diciotto anni sono soggetti a responsabilità penale, ma leggi speciali. A sua volta, il diritto penale stabilisce che i minori di 18 anni non sono attribuibili all’articolo 27, in questo modo lo Statuto del bambino e dell’adolescente segue questa regola e impone un’azione disciplinare su sanzioni e altre misure cautelari.

Tutte le azioni criminali come reato o reato, quando commesse da un bambino o da un adolescente, sono chiamate “infrazione”. Si tratta di una regola speciale del diritto dei bambini e degli adolescenti, che con questa designazione differenziata espande il carattere extracriminale della questione, nonché la cura da prestare a questo individuo (DIGIÁCOMO; DIGIÁCOMO, 2010).

L’obiettivo dell’ECA – Statuto del bambino e dell’adolescenza è fornire una protezione completa ai bambini e ai giovani, in considerazione della loro situazione speciale di persona in via di sviluppo e delle loro condizioni di integrazione, si preoccupa di dare un trattamento diverso alla legislazione generale. Dalla descrizione dello Statuto non c’è differenza tra i concetti di reato e infrazione, e va considerato che entrambi appartengono alla categoria degli atti illeciti. La differenza tra questi termini è dovuta solo al fatto che è necessario sottolineare il trattamento speciale delle persone di età inferiore ai 18 anni.

Secondo Trindade (1996) bambini e adolescenti, in un certo senso, accettano con entusiasmo tutte le esperienze che hanno vissuto. Questo è sempre nuovo nella loro vita. Non possono mediare tra l’impulso e il mondo esterno, il che spiega la generale non responsabilità richiesta dalla legge, e la mancanza di sorellanza, un requisito importante per aggiungere fatti alle sue conseguenze. Ecco perché dovrebbe essere loro impedito di essere colpevoli.

Ovviamente, le capacità mentali dei giovani si stanno ancora sviluppando e l’ambiente sociale in cui vivono influisce sulla loro personalità attuale e futura. In questa fase, gli individui non sono ancora pienamente consapevoli delle loro azioni, in particolare quelle illegali, che devono essere condannate dalla società e dal sistema giudiziario. La consapevolezza di infrangere la legge è molto piccola e dipende dall’ambiente, dall’amicizia e dal rapporto di queste persone con l’ambiente familiare in cui vivono.

Lo Statuto del Bambino e dell’Adolescente stabilisce che qualsiasi adolescente arrestato con forza di ordinanza del tribunale o sequestrato in flagrazione sarà deferito all’autorità competente. Così, quando c’è un ufficio di polizia specializzato per assistere questo adolescente e in caso di infrazione eseguita in combinazione con uno più grande, prevarrà l’attribuzione dell’ufficio specializzato, che, dopo le misure necessarie e secondo il caso, trasmetterà l’adulto all’ufficio di polizia stesso.

Si noti che il processo di identificazione criminale gestito da ECA rispetta il fatto che gli adolescenti sono soggetti a un regime giuridico differenziato.

L’identificazione obbligatoria dell’art. Le eccezioni sono presentate in relazione alla sfiducia in merito alla veridicità del documento, si ritiene anche che la sottomissione di un adolescente a vessatorio imbarazzo sia un reato previsto dall’articolo 232 dello Statuto (VERONESE, 2006).

Ma abbiamo che non è sempre possibile individualizzare due o più adolescenti per misurare la paternità dell’infrazione, nonostante l’identificazione civile, se non attraverso l’identificazione penale, basata sul principio del dubbio fondato. Alla luce di ciò, Cury (2010) spiega l’importanza di eseguire questa identificazione, considerando l’indiscutibile necessità di conoscere gli attributi fisici dell’eventuale trasgressore in relazione alla sua identità, cercando di dimostrare la sua partecipazione, quindi non è possibile indagare adeguatamente su un caso a causa della sua età.

Secondo Elias (1994) l’adolescente viene supportato purché abbia un documento che lo identifichi, come il certificato di nascita o la carta d’identità fornito dalla Segreteria di pubblica sicurezza, e, in questo modo, conta solo che sia adeguatamente identificato. Nelle eccezioni consentite, quando si tratta di confronto, si verificano a causa di casi in cui i minori già responsabili di infrazioni utilizzano documentazione falsa, come previsto dall’autore, che si verifica con una certa frequenza.

I casi sono comuni quando gli adolescenti quando vengono sequestrati attribuiscono l’identità di un altro individuo, soprattutto in modo che la pratica delle infrazioni non sia correttamente in contatto. Alcuni presentano anche certificati di nascita di parenti stretti, o addirittura si presentano come adolescenti, cercando di ricevere una responsabilità differenziata (ROSSATO; LÉPORE; CUNHA, 2011).

Elias (1994) afferma che mentre si vuole evitare un atto che potrebbe essere vessatorio per il minore, causando anche danni al diritto del bambino, non si può non prendere le misure necessarie per identificarlo correttamente in caso di dubbio. Inoltre, l’autore sottolinea che un minore non riceverà mai misure punitive, quindi è necessario eseguire un’analisi in ogni caso per esaminare questa necessità di identificazione obbligatoria, e ciò dovrebbe avvenire senza danneggiare i diritti loro dovuti.

È chiaro, quindi, che un adulto sarà identificato penalmente in determinate situazioni, mentre l’adolescente sarà, al massimo, obbligatoriamente identificato nelle ipotesi presentate, e si nota anche che il ECA ha una certa omissione riguardo ai processi per svolgere questo in caso di dubbio. fondato e cosa si dovrebbe realmente fare con il materiale raccolto nell’identificazione (foto, file…).

Pertanto, è necessario ampliare le possibilità di identificazione penale per gli adolescenti, nonché registrare tali informazioni in apposite banche dati, applicando le disposizioni della Legge n. 8.069 / 1990 e della Legge n. sicché il dubbio fondato ricade su una delle possibilità dell’articolo 3 della Legge sull’identificazione penale, tenendo conto di quanto stabilito in ECA.

5. METODOLOGIA

Il presente lavoro segue una linea qualitativa, in cui si occupa di fenomeni che eseguono un’analisi ermeneutica dei dati raccolti. Questo tipo di ricerca rende possibile la comprensione e l’interpretazione del fenomeno, considera il significato che altri danno alle loro pratiche (GONSALVES, 2003).

Pertanto, esegue un ragionato attraverso fonti bibliografiche come libri, articoli scientifici, riviste e testi estratti da Internet, può descrivere o spiegare il tema, utilizzando un approfondimento nell’area desiderata (VERGARA, 2006).

La base per i criteri di ammissibilità ha definito le informazioni provenienti da pubblicazioni scientifiche, riviste scientifiche e siti web universitari forniti dalla banca dati come Scielo. Tuttavia, si è deciso di cercare le informazioni più recenti senza limiti di tempo, in modo da escludere le pubblicazioni che non raggiungono il tema scelto o sono incomplete e pubblicazioni duplicate o pubblicazioni il cui contenuto è molto simile ad altri lavori selezionati.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Date le informazioni di cui sopra, resta inteso che lo Statuto del Bambino e dell’Adolescente mira a fornire un trattamento differenziato ai giovani che hanno commesso un atto illegale, a causa del fatto che la loro personalità è ancora in fase di sviluppo e questo soffre di una grande influenza dall’ambiente in cui vivono.

In questo senso, esiste anche una posizione differenziata per l’identificazione penale, se questo individuo ha documenti che dimostrano la sua identità, avrà sostegno per non passare attraverso altri metodi. È importante identificarlo correttamente e l’identificazione obbligatoria avverrà solo in base alle eccezioni consentite, soprattutto quando il minore responsabile dell’infrazione ha utilizzato documenti falsi.

Tuttavia, è da notare che l’ECA presenta una certa omissione in relazione alle procedure per effettuare l’identificazione di questo minore in caso di dubbio fondato. È necessario coprire e determinare le azioni di identificazione criminale per il minore, in cui vengono imposte tutte le situazioni che richiedono l’identificazione ei metodi utilizzati per ciascun caso, rispettando le determinazioni di ECA.

Il presente lavoro ha raggiunto l’obiettivo proposto di dimostrare il modo in cui avviene l’identificazione penale di un minore in conformità con la legislazione, quindi questi saranno sottoposti al processo solo in alcuni casi. Tuttavia, è ancora di fondamentale importanza condurre ulteriori ricerche nel settore, in particolare per determinare quali processi di identificazione vengono utilizzati e se vi è il rispetto delle norme attuali.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ARAÚJO, Marcos Elias Claudio de PASQUALI, Luis. Datiloscopia: a determinação dos dedos. Brasília- DF. LabPam, 2006.

BOCATO, Vinícius. Quatro razões a favor da não redução da maioridade penal. Pragmatismo Político, Porto Alegre, abr. 2013. Disponível em: https://ww w.pragmatismopolitico.com.br/2013/04/pela-naoreducao-da-maioridade-penal.h tml  Acesso em: 15 de agosto de 2020.

BRASIL. Decreto-Lei nº 3.689, de 3 de outubro de 1941. Código de Processo Penal.

BRASIL. Lei nº 10.054, de 7 de dezembro de 2000. Dispõe sobre a identificação criminal e dá outras providências.

BRASIL. Lei nº 12.037, de 1° de outubro de 2009. Dispõe sobre a identificação criminal do civilmente identificado, regulamentando o art. 5º, inciso LVIII, da Constituição Federal.

BRASIL. Lei nº 8.069, de 13 de julho de 1990. Dispõe sobre o Estatuto da Criança e do Adolescente e dá outras providências.

BRASIL. Lei nº 9.034/95, de 3 de maio de 1995. Dispõe sobre a utilização de meios operacionais para a prevenção e repressão de ações praticadas por organizações criminosas

CURY, Munir (Org.). Estatuto da criança e do adolescente comentado, comentários jurídicos e sociais. 11 ed., atualizada de acordo com a Lei 12.010, de 3.8.2009. São Paulo: Malheiros Editores, 2010.

DIGIÁCOMO, Murillo José; DIGIÁCOMO, Ildeara de Amorim. Estatuto da criança e do adolescente anotado e interpretado. Curitiba: Ministério Público de do Estado do Paraná. Centro de Apoio Operacional das Promotorias da Criança e do Adolescente, 2010.

ELIAS, Roberto João. Comentários ao Estatuto da Criança e do Adolescente: Lei n. 8.069/1990, de 13 de julho de 1990. São Paulo: Saraiva, 1994.

GONSALVES, E. P. Iniciação à pesquisa científica. 3. ed. Campinas: Alínea, 2003.

ISHIDA, Válter Kenji. Estatuto da criança e do adolescente: doutrina e jurisprudência. 12 ed. São Paulo: Atlas, 2010.

LOPES, Jr. Direito Processual Penal e sua Conformidade Constitucional. V. 1. Rio de Janeiro: Lumen JurisAury. 2007. MINAYO, M. C. S. O desafio do conhecimento. Pesquisa qualitativa em saúde. São Paulo: HUCITEC, 2007.

MIRABETE, Júlio Fabrini. Código de Processo Penal Interpretado. 5ª ed. São Paulo: Atlas. 2000.

NICOLITT, André. Banco de dados de perfis genéticos (DNA): As inconstitucionalidades da Lei 12.654/2012. Boletim IBCCRIM , v. 245, p. 15, 2013.

QUEIJO, Maria Elizabeth. O direito de não produzir prova contra si mesmo: o princípio nemo tenetur se detegere e sua decorrências no processo penal. São Paulo: Saraiva, 2012.

QUEIJO, Maria Elizabeth. O princípio nemo tenetur se detegere e a coleta de material genético: identificação criminal ou colaboração na produção da prova? Boletim IBCCRIM, ano 21, n 250, Setembro/2013.

RABELLO, ERALDO. Curso de Criminalista. Porto Alegre: Sagra : DC Luzzatto. 1996. pag. 71 a 101.

ROBLES, Paulo Roberto. Das Impressões digitais nos locais de crime. 1ª edição. São Paulo: Editora Paulistajur, 2004.

ROSSATO, Luciano Alves. LÉPORE, Paulo Eduardo. CUNHA, Rogério Sanches. Estatuto da Criança e do Adolescente Comentado. 2 ed. rev., atual. e ampl. São Paulo: Editora Revista dos Tribunais, 2011.

SAAB, Nadia Maria. A eficácia das medidas socioeducativas. Jus Navigandi, Teresina, jan. 2017. Disponível em: http://www.conteudojuridico.com.br/artigo,a-eficacia-das-medidassocioeducativas,57957.html . Acesso em: 15 de agosto de 2020.

SHECAIRA, Sérgio Salomão. Criminologia. 2ed.revista, atualizada e ampliada. São Paulo: Editora Revista dos Tribunais,2008

SOBRINHO, Marcos Sérgio. Identificação Criminal. São Paulo – SP: Revista dos Tribunais, 2003.

TOURINHO FILHO, Fernando da Costa. Processo Penal, 1º volume, 22ª edição. São Paulo: Editora Saraiva, 1999.

VELHO, Jesus Antonio; GEISER, Gustavo Caminoto; ESPÍNDULA, Alberi. Ciências Forenses, 3. ed. São Paulo: Millenium, 2017.

VENOSA, Silvio de Salvo. Direito Civil, 1º volume. 3ª edição, São Paulo, editora Atlas, 2003

VERGARA, S. C. Projetos e relatórios de pesquisa em Administração. 7. ed. São Paulo: Atlas, 2006.

VERONESE, Josiane Rose Petry. Direito da Criança e do Adolescente. Florianópolis: Editora OAB/SC, 2006.

[1] Laureato in Lettere Amministrazione presso UFG – Università Federale di Goiás, e Accademico del 10° Periodo del Corso di Giurisprudenza presso UNIRG – Università di Gurupi.

[2] Advisor. Laurea in Giurisprudenza; Specializzazione in Diritto Processuale Civile, Specializzazione in Tribunale della Giuria Processuale.

Inviato: settembre, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here