Valutazione ambientale e sociale della comunità di Tamatateua, costa dell’Amazzonia brasiliana

0
499
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI [ SOLICITAR AGORA! ]
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

OLIVEIRA, Euzébio de [1]

OLIVEIRA, Euzébio de. Valutazione ambientale e sociale della comunità di Tamatateua, costa dell'Amazzonia brasiliana. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1, vol. 5, pp. 37-57, ISSN: 0959-2448

RIEPILOGO

Gli indirizzi di studio presenti gli aspetti sociali, economici e ambientali della Tamatateua, una comunità agro-pesqueira, situato sulla costa nord-orientale dello stato del Pará, Brasile. Questa comunità si trova nella zona che comprende la riserva estrattiva Marine Caeté-Taperaçu. Questo studio è stato condotto attraverso interviste, uso di questionari, osservazione diretta e misurazione dei principali problemi ambientali, seguendo metodologie specifiche. I risultati hanno mostrato che questa comunità ha una precaria situazione socio-economica ed è caratterizzata da una popolazione giovane, con basso livello di istruzione, che sopravvive in meno di un salario minimo al mese. La Comunità presenta problemi legati alla mancanza di infrastrutture e servizi e l'uso improprio delle risorse naturali. Mancanza di interesse del governo di investire nei servizi pubblici e di sovrintendere/penalizzare lo sfruttamento delle risorse naturali nella zona dell'AREA protetta. Proposte di misure di gestione partecipativa costiere sono state lanciate in questo lavoro volto a migliorare la qualità della vita e l'ambiente nell'area di studio.

Parole chiave: degrado sociale e ambientale, l'uso e occupazione territoriale, la zona costiera.

  1. INTRODUZIONE

Negli ultimi anni, gli ecosistemi costieri hanno subito gravi cambiamenti, soprattutto in risposta alla crescita della popolazione umana grande e attività economiche sviluppate in queste regioni (Jiang et al., 2001; Billé & Mermet, 2002). Processi di carattere naturale e antropico in ambito regionale e globale, ad esempio di innalzamento del livello del mare, cambiamento climatico, urbanizzazione disordinata, deforestazione, l'inquinamento dei mari, estuari e fiumi, tra gli altri sono stati responsabili di impegno (quali-quantitativa) delle risorse naturali esistenti in questi ecosistemi (REID; TREXLER, 1992; WEAVER; VERDE, 1998; Souza; NEUMANN, 2000).

Il Brasile ha circa 7.408 km di costa, e che circa il 70% della popolazione brasiliana abita i principali centri urbani della Costa (CNIO, 1998). La costa brasiliana amazzonica rappresenta circa il 35% della costa, nel paese ed è formata dagli Stati di Amapá, Pará e Maranhão che insieme compongono più di 2.500 km (Isaac & Barthem, 1995). Questa regione ha un naturalmente Rico e molto produttiva, biologicamente, con ampie aree di mangrovie, estuari, fiumi e foreste tropicali, con fauna e flora molto unico e vario, che entrambi gli ambienti terrestri di interconnessione come (CH; RIZZO, 1994; GLASER, 2003).

Nel nordest dello stato del Pará, gli studi dimostrano che la crescente pressione sugli ecosistemi, esistono là, ha generato vari problemi ambientali, a causa di deforestazione, occupazione disordinata, mancanza di servizi e infrastrutture, contaminazione del suolo e dell'acqua sistema, predatori estrazione degli stock ittici, tra gli altri (SILVA et al., 2006; PARKER et al., 2006A; PARKER et al., 2007).

Tra i comuni nello stato, NE Portogallo si distingue per avere uno del maggiore potenziale di sfruttamento delle risorse della pesca della regione (KRAUSE; GLASER, 2003), dopo aver stato considerato, negli anni 90, il terzo più grande centro per atterraggio stato pesce (ESPÍRITO SANTO et al., 2005), così come uno dei maggiori produttori agricoli della regione.  Tra le varie comunità rurali esistenti nel comune di Bragança, comunità agro-pesqueira di Tamatateua si distingue per essere inserita nella riserva estrattiva del Marine Caeté-Taperaçu (MMA, 2005).

In questo contesto, l'obiettivo di questo lavoro era di studiare gli aspetti sociali e ambientali del Tamatateua, nonché a proporre misure di gestione per la Taperaçu-rurale Caeté RESEX, utilizzando la comunità di Tamatateua come caso di studio, dato che presenta una densità di popolazione rappresentativa e un'organizzazione sociale relativamente strutturata, rispetto agli altri membri di questa comunità marine PROTECTED AREA. Per raggiungere questo obiettivo era necessario a soddisfare il profilo socio-economico dei residenti, determinare i tipi di impiego e occupazione territoriale locale, come pure caratterizzano i principali problemi ambientali rilevati. Infine, sono state lanciate proposte di misure di gestione delle zone costiere partecipativa, volti a migliorare la qualità della vita e dell'ambiente delle comunità rurali situati in questa zona di conservazione.

  1. METODOLOGIA

area di studio 2.1

La comunità di Tamatateua si trova a nord del centro della città di Bragança, costa nord-orientale dello stato del Pará, una delle comunità agro-pesqueiras inserito la riserva estrattiva Marine Caeté-Taperaçu (MMA, 2005). (Figura 1).

Posizione dell'area di studio. (A) Brasile, (B) Costa, brasiliano Amazon (C) luogo della comunità di Tamatateua.
Figura 1. Posizione dell'area di studio. (A) Brasile, (B) Costa, brasiliano Amazon (C) luogo della comunità di Tamatateua.

Il clima della regione è caldo e umido, con una stagione delle piogge durante i mesi di dicembre a maggio e una stagione secca, o meno pioggia, nei restanti mesi dell'anno. Media annuale delle precipitazioni varia da 2.500 a 3.000 mm. La temperatura si trova tra 20,4 ° C e 32,8 ° C, con una media di 26,6 ° c. L'umidità relativa è tra 80% e 91% (Imet, 1992; MARTORANO et al., 1993).

La pianura litoranea di Bragantina è caratterizzata dalla comparsa di mangrovie che occupano il 95% di tutta l'area costiera, e le foreste di mangrovie composta fondamentalmente da specie di Rhizophora mangle, Avicennia germinans e Laguncularia racemosa e mangle r. la specie dominante (MARQUES et al., 1997; PROISY et al., 2003).

Tamatateua campi naturali sono coperti principalmente da canneti (sp Aleucharis) e macrófilas acquatica, che durante la stagione delle piogge diventano campi allagati che servono come fonte di acqua e pascoli per il bestiame (manzo e bubalino), così come Habitat per diverse specie di pesci, che sono usati come alimento integratore (pesca di sussistenza) per alcune famiglie locali (OLIVEIRA 2005).

2.2 Metodologicos procedure

Per valutare in maniera integrata i diversi aspetti sociali, economici e ambientali della comunità oggetto di studio, sono stati utilizzati diversi strumenti metodologici: questionari, interviste, diretta osservazione e misurazione di alcuni fattori di degrado ambientale.

Primo semi-sistemáticos questionari sono stati applicati, composta da tre blocchi di domande (profilo socio-economico, condizione di vita, involucro e parere e percezione dei residenti sui problemi ambientali). Questo lavoro è stato effettuato sul 100% delle residenze.

Per la caratterizzazione del profilo socio-economico di tutti i residenti sono stati sollevati informazioni su età, sesso, stato civile, istruzione, professione e reddito.

La condizione di alloggiamento e viva degli abitanti di ogni residenza è stata determinata attraverso indagine degli aspetti fisici del domicilio (tipo di tetto, costruzione e pavimento e bagno), servizi pubblici disponibili (destinazione dei rifiuti sanitari, fornitura di acqua, elettricità, trasporti e garbage collection) e la situazione della proprietà (possedere, affittata, della famiglia e/o sovraccarico). Per determinare le condizioni di vita e minimo accettabile alloggiamento è stato utilizzato l'indice di condizioni di vita e di alloggio (ICV-MO) che è stata calcolata secondo la metodologia descritta da Costa (2004), seguendo il modello utilizzato dall'indice di sviluppo socio-economico sviluppato dalla Fondazione di economia e statistica (IDESE/FEE) attraverso la formula (ICV-MO = (p1 x IAF) + (p2 x ISP) + (p3 x IP)) e IAF gli aspetti fisici della custodia, ISP servizi pubblici disponibili per la Comunità e il pi la situazione della proprietà.

Per quanto riguarda l'opinione e la percezione dei residenti sui problemi ambientali, i questionari sono stati elaborati in conformità con il lavoro di Morgan et al. (1995) e LEATHERMAN (1997) e applicato a un membro di ogni residenza.

I tipi di infrastrutture e servizi a disposizione della Comunità (es. salute, igiene, istruzione, trasporti, ecc.) sono state sollevate al tempo stesso l'applicazione dei questionari semi-sistemáticos, dall'osservazione diretta, seguendo la metodologia di check list, amministrato da JUNYENT (1999) e PEREIRA et al. (2003), adattato alla realtà locale, nonché attraverso interviste.

Basata sull'opinione e la percezione dei residenti, nonché sull'osservazione diretta effettuate in relazione alle infrastrutture e servizi a disposizione e la condizione ambientale della Comunità, metodologie specifiche sono state adottate per misura/analizzare alcuni problemi ambientali puntato/rilevato, come: l'accumulo di rifiuti domestici, la qualità dell'acqua, deforestazione e uso del suolo per l'agricoltura.

Qui sotto segue la metodologia applicata:

(i) produzione di rifiuti domestici: la prima volta analizzato il destino dato a garbage collection (dalla città, bruciati, sepolti, dumping in lotti liberi, campi, ecc.) Quindi, il processo di misurazione che l'immondizia è stato effettuato per mezzo di due campioni, uno alla fine di settembre e l'altro all'inizio del novembre 2006, ogni campione rappresentata da rifiuti prodotti durante i due giorni in 30% del numero totale di case nella Comunità. Sulla base della media dei due campioni era la produzione stimata di immondizia mensile al 100% delle residenze nella Comunità. Ogni campione raccolto i rifiuti organici (non riciclati) era pesanti separatamente dai rifiuti inorganici (riciclabile), quindi sono state effettuate analisi della varianza (inizio e fine del mese). Per determinare la normalità e l'omogeneità dei dati è stato eseguito il test di Lilliefors (CONOVER, 1971) e Bartlett (SOKAL; ROHLF, 1969), rispettivamente, con l'aiuto del programma STATISTICA 6.0 (STATSOFT, 2001). Quando i dati non hanno mostrato una distribuzione normale, sono state utilizzate trasformazioni log (x + 1). Per dati normali è stati applicati all'analisi della varianza (ANOVA-one-way), seguito da test post-hoc Fisher LSD. Ma quando le varianze erano eterogenee è stato applicato il test non parametrici test di Mann-Whitney (U). I lavori sono stati eseguiti basato sul manuale "impegno aziendale al riciclaggio" (1995) e nel manuale "integrato di gestione dei rifiuti solidi in Amazzonia" (IBAM, 2005), essendo entrambe le metodologie adattate alla realtà locale.

(ii) qualità delle acque: la raccolta dei campioni è stata effettuata durante la stagione secca (da novembre) e la stagione delle piogge (da marzo) in due pozzi di comunità. Il pozzetto 1 si trova nel porto di Atalaia (46 ' 44 '' W 42.123 – 1 ° 3 ' 6,73 '' S) e ben 2 presso la scuola dei quattro bruciatori (46,47 ' 16.237 '' W-0 ° 56 ' 9.037 ' S). Questi pozzi sono stati scelti per avere grande importanza, in vista di un gran numero di residenti della Comunità. Tutte le analisi fisico-chimiche sono state eseguite nel laboratorio di Estuarine e oceanografia costiera della UFPA, studiato seguendo metodologie e/o utilizzando apparecchiature specifiche per ciascuna variabile. Il colore reale e apparente è stato analizzato dal colore dell'acqua attrezzature HI 93727 Hannna strumento, la torbidità di torbidità metro HI Hanna 93703 microprocessore strumento, il pH di Labmeter modello pH2-pHs-3B, la salinità da Multianalizador Corning Checkmate II, la temperatura dal termometro Incoterm L-168/04, il ferro disciolto da durezza & ferro HI 93741 Hanna Instrument, e i coliformi fecali e totali dalla tecnica chiamati tubi multipli seguendo le procedure dell'associazione americana di salute pubblica (2004). Per la classificazione della qualità delle acque, le procedure sono state effettuate utilizzando i parametri stabiliti dalle specifiche risoluzioni, secondo ANVISA (2004) e CONAMA (1986; 2000; 2005).

(iii) deforestazione (registrazione): deforestazione è stata misurata in base alle risposte ottenute da interviste e questionari ai residenti della Comunità, che affrontate questioni relative all'impianto di estrazione (taglio o mangue), come pure attraverso osservazioni dirette, basato sul metodo di Greenwood (1973).

(iv) uso i terreni per l'agricoltura: attraverso questionari e diretto le osservazioni sono state identificate le aree di coltivazione, tipi di pratiche agricole e tecniche di gestione del suolo più impiegati nella comunità oggetto di studio, come forma di arare la terra, uso di pesticidi e fertilizzanti; tagliato di capoeira e bruciato. Seguendo il metodo di Greenwood (1973).

  1. RISULTATI E DISCUSSIONI

3.1 profilo socio-economico

La popolazione di Tamatateua è di 966 persone, per un totale di 207 famiglie, con un valore medio di 4,66 persone per casa. Maggior parte dei residenti sono giovane (20 anni – 52%) <, uomo (55%), singolo (62%) e con formazione incompleta di base (60%). Tra le attività della professione svolto dalla popolazione totale, famiglia agricoltura rappresenta 48%, seguita da 35%, pesca studente 9%, 3%, ed ex funzionario 2% altri 3%. È importante sottolineare che l'attività della pesca viene visualizzato con solo il 9%, dovuto il autodenominação dell'occupazione (agricoltore) dato dai dipendenti di quella comunità, tuttavia pesca è condotta come un'attività parallela e complementare per virtualmente tutti coloro che praticano l'agricoltura, chiamando questa comunità di agro-pesqueira. D'altra parte, 64% delle famiglie sopravvivono con meno di un salario minimo al mese.

Il basso reddito pro capito, forse, è la conseguenza del basso livello di scolarizzazione che hanno gli abitanti del villaggio di Tamatateua, così come la mancanza di opzioni per attività economiche (GRASSO, 2000). Questi risultati sono simili a quelli che Krause; Glaser (2003), Silva et al. (2006), Pereira et al. (2006a) e Pereira et al. (2006b) trovato in studi simili condotti in altre comunità della regione di bragantina, un fatto che dimostra la dura realtà sociale ed economica delle popolazioni incluse nella costa dell'Amazzonia.

D'altra parte, questa comunità offre una buona struttura in termini di associazioni comunitarie ad esempio residents' Association, associazione di produttori di miele, associazione femminile, tra gli altri. Tra le principali realizzazioni delle associazioni includono il finanziamento rurale, che hanno assistito l'agricoltura familiare e altre attività che provengono da contribuire allo sviluppo sostenibile, ad esempio posizione, estrazione/produzione di miele. Questi eventi sono collegati direttamente alla creazione di capitale sociale (BERKES; FOLKE, 1998) e la guida locale, che male sono necessari i prerequisiti, collaborazioni e/o cooperazione degli organismi nazionali e/o internazionali (KLOSE et al., 2005), finalizzato allo sviluppo delle azioni comunitarie per migliorare la qualità della vita delle popolazioni rurali.

3.2 condizioni di vita e alloggiamento/infrastrutture e servizi

Per quanto riguarda l'indice delle condizioni di vita e housing ICV-MO, Tamatateua comunità, la mediana era più bassa della condizione di accettabile minimo valore 0.548 che è 0,707, secondo sviluppo socio-economico indice creato dalla Fondazione di economia e statistica (IDESE/a pagamento). Questo fatto è dovuto alla precarietà degli aspetti fisici e di salute delle abitazioni e infrastrutture e servizi pubblici disponibili alla popolazione. La maggior parte delle case sono di fango, con lo sporco piano colpito, alcuni ricoperti di paglia (foglie di palma essiccate), non avendo un bagno o in esecuzione il sistema di acqua e/o trattata, l'acqua utilizzata per il consumo della popolazione proviene da pozzi scavati giardini sono comuni delle case, spesso vicino ai box neri che non ricevono alcun tipo di trattamento. Secondo Sanchez-Gil et al. (2004), l'assenza di sviluppo sociale ed economico, derivanti principalmente da poche opzioni delle attività economiche nelle comunità di pescatori, è senza dubbio la causa principale dei problemi della struttura fisica di queste residenze.

La Comunità ha nessun sistema di trattamento delle acque reflue, nonché la procedura di garbage collection. Tamatateua ha anche centri di salute, e nelle situazioni più gravi, il servizio si svolge presso la salute di comunità Bacuriteua o negli ospedali e/o post comune di Bragança. Le malattie più frequenti sono: malaria, influenza, diarrea, infezioni virali e malattie della pelle. Secondo i residenti, la malaria è una malattia che arriva a raggiungere la Comunità negli ultimi anni e secondo Rodrigues; Moreira (2006), questo fatto è associato principalmente alla mancanza di servizi sanitari di base e la deforestazione aumentata nella regione.

Per quanto riguarda la formazione, la Comunità è servita solo tre delle scuole pubbliche, che offre istruzione primaria incompleta. Quelli interessati a continuare i loro studi, l'unica opzione è le scuole nel comune di Bragança, che nonostante il trasporto pubblico comunale essere offerto gratuitamente, gli altri costi di formazione, alleata di poche opzioni degli orari del bus della scuola, sono fattori che impedire o ostacolano la continuità di studi tra la maggior parte della gente del posto, che giustifica il basso livello di istruzione della popolazione locale. Risultati simili sono stati trovati in altri studi effettuati nelle comunità rurali della costa di Amazon (KRAUSE et al., 2000; GLASER, 2003; KRAUSE; GLASER, 2003).

ICV-MO studi eseguiti da Costa (2004), nelle comunità costiere nel sud del Brasile, dimostrano che i bassi valori degli indici trovati in queste comunità, sia il Nord e il sud del paese, non sono considerati ideali, e che questi tassi bassi sono dovuti, principalmente, dei problemi di accesso ai servizi pubblici e infrastrutture, così come gradualmente o inefficaci investimenti sociali e/o mancanza di incentivi statali applicata in queste aree.

3,3 percezione sociale e ambientale e l'opinione

Secondo il parere e la consapevolezza sociale e ambientale dei residenti (tabella 1), i problemi principali riguardano la precarietà dei servizi pubblici, principalmente per la mancanza di servizi sanitari di base (garbage collection, approvvigionamento idrico e rete sanitaria e trattamento delle acque reflue), nonché la degradazione e/o uso improprio delle risorse naturali (riduzione degli stock di pesce e foreste, pesca eccessiva deforestazione delle mangrovie e fertilità del suolo ridotta).

Tabella 1. Principali problemi ambientali a cui punta la popolazione di Tamatateua-PA.

-Problemi ambientali Frequenza delle risposte * %
1-derivanti dalla mancanza di servizi igienico-sanitari
Presenza di immondizia in zona residenziale di comunità 128 62
Presenza di spazzatura nella zona delle mangrovie e fiumi 74 36
Malattie a causa di acqua contaminata e la mancanza di sistema fognario 62 30
Degrado del suolo da accumulo di rifiuti e liquami 37 18
2-derivanti dalla degradazione delle risorse naturali
Riduzione delle risorse di pesca e silvicoltura 125 60
Predatorio/indiscriminata pesca (pesci, granchi, ecc.) 56 27
Deforestazione delle mangrovie 50 24
Produttività/riduzione della fertilità del suolo 48 23
3-altri
Non so come rispondere alle domande 09 04
Non ci sono problemi ambientali nella zona della Comunità 27 13

* Risposta in frequenza per N = 207 (numero di famiglie).

La tabella 1 Mostra che solo il 4% degli intervistati non sapeva come rispondere alle domande, ma 13% ha risposto che non ci sono problemi ambientali nella zona della Comunità.

Secondo le altre risposte, è possibile notare che la popolazione ha una buona opinione e la percezione circa i principali problemi sociali e ambientali che si svolgono nella zona. Tuttavia, lo stesso, pur essendo presente una struttura buona comunità, sono piuttosto negativo su aspettative future in materia di tutela ambientale, anche consapevole del fatto che essi sono in una zona di conservazione e che le risorse naturali sono la principale fonte di sopravvivenza locale (OLIVEIRA, 2004).

3.4 produzione di rifiuti domestici

L'area di studio non ha nessun sistema pubblico di raccolta rifiuti, e di conseguenza, il 30% delle case ha studiate gettare loro immondizia in lotti liberi, campi, estuari, fiumi, ecc.; Mentre 70% bruciare o seppellire l'immondizia. Tuttavia, durante la stagione delle piogge, la combustione non viene eseguita nei giorni di precipitazioni più grandi e le scorie prodotte ora sono giocata intorno alla comunità ad es. strade, scuole, fiumi, mangrovie, cortile delle case, ecc.

Considerando 100% delle residenze della Comunità, la produzione media mensile di spazzatura è di circa 2.680,750 kg, mostrando una produzione pro capita mensile di 2,775 kg, vale a dire una media di ± 0,093 kg/giorno, essendo molto di sotto la produzione media nazionale, che secondo la (2005), IBAM in città con meno di 200.000 residenti alla produzione è il 0,700 0,450 kg/giorno per rifiuti pro capite. Questa media giornaliera così basso può essere direttamente correlata alla questione del basso reddito della maggior parte dei suoi abitanti, che solleva gravi difficoltà di accesso ai beni di consumo, così come la questione della sua posizione geografica, perché Tamatateua si trova in campagna, non vengono immessi nel ciclo di"alto" di rifiuti che si verifica nell'ambiente urbano.

Con la ripetizione del campionamento, è stato possibile dimostrare che c'è un aumento della produzione di rifiuti domestici all'inizio del mese (collezione 2), tendente a diminuire alla fine dello stesso (1 insieme), questo è dovuto al fatto che all'inizio di questo mese le famiglie ricevono stipendi, pensioni, sussidi statali, ecc. Anche se le variazioni si sono verificati nella produzione di rifiuti nel corso del mese, queste differenze non erano statisticamente significative (U = 1695; p = 0.8086).

Tra i componenti dei rifiuti inorganici, plastica ha prevalso con il 41% del valore totale, seguito da carta e cartone con 20%, tra gli altri (Figura 2A). Confronto tra la produzione di rifiuti organici con l'inorganico non ha potuto registrare differenze significative (F = 3,62; p = 0,0595; F = 2,67; p = 0.1045, rispettivamente) tra campioni 1 e 2, anche se le percentuali di rifiuti inorganici sono stati leggermente superiori visivamente (figura 2B), che differisce da nazionale "standard", in cui circa il 65% dei rifiuti domestici, prodotto composto da rifiuti organici.

I)
produzione
(B))

campionamento
Nella figura 2. Composizione (%) di rifiuti inorganici (A) e produzione (kg) dei rifiuti organici e inorganici, in entrambi i campioni (B).

In Tamatateua, così come in altre comunità costiere in Amazzonia, il commestibile dei rifiuti organico serve come cibo per molti animali di piccole taglia, come anatra, pollo, cane, ecc. Anche se si verificano involontariamente, la Comunità sotto studio arriva a seguito delle raccomandazioni di Parsi (1996), in materia di trattamento e/o Disabilita organico dei rifiuti (cibo per animali), riducendo così i problemi ambientali e la salute connessi con l'accumulo dello stesso.

Tuttavia, il volume dei rifiuti solidi prodotti in questa zona, accoppiato con la mancanza della stessa collezione sono una grave minaccia per tutti gli ecosistemi presenti (fiumi, mangrovie, estuari, ecc.), così come per la salute umana. Tra i problemi principali sociambientais, possono essere evidenziate derivanti dall'accumulo di luogo dell'immondizia: la presenza del vettore (zanzare, mosche, ratti, scarafaggi, ecc.) che possono causare malattie come febbre dengue, malaria, infezioni fungine, parassiti, ecc.; la contaminazione del suolo e risorse idriche; la produzione di gas che causano il cattivo odore; Oltre l'impatto estetico ed economico (GRIMBERG; BANERJEE, 1998). Risultati simili sono stati trovati in altre comunità della regione nord e nord-est del paese (SOUZA-FILHO, 2001; AGUILAR; COSTA, 2003; PEREIRA et al., 2003; SILVA et al., 2006).

3.5 qualità delle acque destinate al consumo

La mancanza di forniture di acqua potabile è uno dei principali problemi presentati nella comunità di Tamatateua. Per questo motivo, varie comunità e pozzi privati sono stati costruiti in tutta la Comunità, tuttavia durante il periodo asciutto prolungato, molti di questi pozzi prosciugati. D'altra parte, la superficialità e/o diversi, in relazione alle fognature, che si verifica in alcuni casi, possono contribuire alla qualità delle acque sotterranee è compromessa (AZEVEDO, 2006).

I risultati dell'analisi fisico-chimiche eseguite in due pozzi mostrano alcune variazioni nella concentrazione dei suoi costituenti in soluzione, che può essere dannoso per la salute umana (tabella 2).

Il colore reale e apparente valori molto alti durante il periodo secco in entrambi i pozzetti analizzati, essendo molto di sopra dei parametri stabiliti dalle risoluzioni in vigore (tabella 2). In generale, la variazione di colore di torbidità dell'acqua e/o correlati alla concentrazione di ferro dissolto (nascita; BARBOSA, 2005). Nell'area in studio, queste variabili non sembrano influenzare direttamente il colore apparente e reale dell'acqua, perché solo nel pozzo 2, durante la stagione delle piogge, il ferro appare ad alto valore, periodo in cui l'acqua ha mostrato nessuna variazione di colore. Tuttavia, secondo ANVISA (2004) acqua potabile non deve presentare alcuna colorazione.

Parametri Valori

ideale *

Beh 1 Pozzo 2
Periodo di secco Stagione delle piogge Periodo di secco Stagione delle piogge
Colore reale (mg Pt/L e UH) < 20 70 0 120 0
Colore apparente (mg Pt/L e UH) < 75 330 0 430 0
Torbidità (UNT) < 40 2.24 0 12.85 0,27
PH -9,0 6.0 4.85 5,35 4,49 4.72
Salinità 0 0 0 0 0
Temperatura (º c) 26-29 28 C 28,9 ° C 29 C 29 C
Ferro disciolto (mg/L Fe) 0.300 0,150 0,59 0.191 0,328
Coliformi totali (UFC/100 mL) 100100mL100100100mL) < 1,0></ 1,0> 0 0 9.2 240
Coliformi fecali (UFC/100 mL)  0 0 0 9.2 43

* Ideali valori di variabili fisico-chimiche e microbiologiche, per acqua potabile, secondo risoluzioni specifiche ANVISA (2004) e il CONAMA (1986, 2000, 2005).

Secondo il pH, l'acido e caratteristiche analizzate acqua inadatta al consumo umano (CONAMA, 1989; ANVISA, 2004). Zero salinità possono influenzare i valori bassi di pH, tuttavia la presenza di suoli acidi, a causa della concentrazione della sostanza organica in decomposizione esiste in questa posizione, può essere uno dei principali fattori che influenzano direttamente il pH dei campioni analizzati. Questi dati sono coerenti con i risultati trovati da Santos et al. (1981), in uno studio condotto nella regione dell'Amazzonia Centrale, in cui ha dimostrato che il basso pH sono stati assegnati valori a escreti metabolici di microrganismi e gli essudati di decadere vegetazione stessa, molto presente nell'area di studio.

Come riportato in precedenza, il ferro disciolto presenta un valori leggermente elevati nel pozzo 2, durante la stagione delle piogge, e non standard ammessa tolleranza (< 0,3 mg / L). Oltre l'ingiallimento dell'acqua e il gusto sgradevole, l'alta concentrazione di ferro nell'acqua può causare il cancro, morbo di Parkinson, tra altri (DISSANAYAKE; ULDERICO, 1999; SMITH; HUYCK, 1999). D'altra parte, la presenza di ferro in acqua inoltre è principalmente responsabile per la perdita di capacità specifica di pozzi profondi (DREVER, 1997).

La presenza di coliformi fecali e totali in acqua è anche un altro grave problema localmente. Secondo i risultati, si noti che il bene 2 (scuola), in entrambi i periodi la concentrazione di questi microrganismi è alta, oltre i tassi consentiti, soprattutto durante la stagione delle piogge, quando la concentrazione di questi agenti patogeni aumenta di 9,2 unità formanti colonie (CFU) a 240. Questo è probabilmente perché la discarica (fossa) di rifiuti e la cucina e articoli sanitari, prodotti in high school, si trova a meno di approvvigionamento di acqua di 10 m bene, essendo totalmente fuori tecnicamente standard stabiliti. Secondo Macintyre (1990) e Creder (1999), i pozzi devono trovarsi su un livello inferiore del terreno e lontano da pozzi o altra fonte di acqua, rispettando una distanza minima di 30 m, per evitare la contaminazione da agenti patogeni che possono presentare un rischio per la salute umana.

Simile a questi studi sono stati effettuati da Glaser (2003), in alcune comunità del Pará nord-est, ed i risultati indicano elevata presenza di coliforme fecali in quasi tutte le abitazioni e scuole monitorate. Studi di Amaral et al. (2003) ha dimostrato che nelle comunità povere, il rischio di contrarre malattie da acqua contaminata è molto più alto, poiché la conoscenza da parte della popolazione, riferendosi a questi fattori è minima o inesistente.

Confronto tra la stagione secca e la pioggia era possibile osservare che l'acqua è inadatto al consumo, in periodi e pozzi.

3.6 deforestazione

Nella tabella 1 si può vedere che la domanda riguardo all'avvenimento della deforestazione delle mangrovie nell'area della Comunità, appare con una frequenza di risposte positive del 24% della popolazione. Tuttavia, alla domanda circa le proprie pratiche di deforestazione, 85% degli intervistati ha dichiarato che eseguire il taglio, ma "essere solo alberi di capoeira" e 15% non ha eseguito alcun taglio, vale a dire, la deforestazione delle mangrovie appare con 0%. Tra coloro che eseguire il taglio, 94% usano il legno per il consumo interno, viene utilizzato come combustibile (legna), per la costruzione delle case e per circondare residenziali e aree della creazione di piccoli animali, mentre utilizzare 4% il consumo di legna da ardere e territoriali per la produzione e la vendita del carbone e del 2% solo per la produzione e la vendita di carbone (Figura 3A).

La produzione del carbone è una fonte di reddito per gli abitanti più poveri delle zone adiacenti di mangrovie e si basa in parte su legno proveniente da aree di capoeira che sono sceso per colture agricole e in mangrovie aree registrato legname (DAHDOU-GUEBAS et al., 2000).

I metodi più utilizzati per ottenere il legno nell'area di studio sono i rami soli parziale-taglio di alberi (57%), l'abbattimento totale del taglio-albero (36%) e altri metodi-come raccolta di rami secchi e/o alberi caduti (7%) (Figura 3B). Coloro che effettua il taglio di alberi, 37.28% sapere o mai sentito parlare di metodi di rimboschimento e di questi, solo 3,38% partecipa o ha partecipato a tale attività.

Scopo della estrazione/taglio e metodi utilizzati (B). Cons. (Consumo), metodo di Maki. (Metodi).
Nella figura 3. Scopo della estrazione/taglio e metodi utilizzati (B). Cons. (Consumo), metodo di Maki. (Metodi).

Con il metodo dell'osservazione diretta, è stato possibile rilevare alcune aree di mangrovie che circondano la Comunità, che soffrono il problema di tagliare gli alberi di mangrovie (Figure 4A e 4B). Questo fattore di degradazione di mangrovie è dovuto, principalmente, a pressioni commerciali, come la richiesta del potteries e panifici, che si trovano all'esterno dell'area di ricerca, avendo poca relazione con strategie locali volte a uso sostenibile dell'ecosistema (GLASER et al., 2003). Secondo questi autori, almeno la metà del consumo annuo di legno tenute da potteries e i panifici di regione bragantina è originario di mangrovie, con preferenza per le specie r. Mangano, per la sua qualità di ritenzione di calore e buone ustioni.

Si può dire che, la pratica del taglio di alberi di mangrovie, non necessariamente è eseguito dalla comunità di Tamatateua e Glaser et al. Commento di (2003) che questa pratica è effettuata da boscaioli da fuori della Comunità. Questi risultati mostrano un lato di sensibilizzazione della popolazione locale non a degradare l'area di mangrovie e da altro che non c'è nessun controllo né della popolazione né di IBAMA per impedire il taglio eseguito da boscaioli da altre comunità.

Figura 4-A e b. degradate mangrovie aree di taglio degli alberi per scopi commerciali. Foto: REDEMA (2005).
Figura 4-A e b. degradate mangrovie aree di taglio degli alberi per scopi commerciali. Foto: REDEMA (2005).

La consapevolezza della popolazione non a degradare l'area di mangrovie locali, può essere collegato al fatto che la comunità hanno associazioni di comunità strutturate, oltre il contato direttamente con progetti nazionali ed internazionali che hanno la tacchetta, progettato tra gli altri preservazionista all'educazione ambientale.

uso del suolo 3,7 per l'agricoltura

Circa il 94% delle famiglie Tamatateua pratica agricola di famiglia e questa pratica della base di manutenzione delle famiglie che compongono la Comunità. Il sistema di allevamento predominante è basato su metodi tradizionali, noto come l'agricoltura itinerante, in cui è costituito da suggerimenti e la masterizzazione di capoeira e quindi la terra ruotava, con l'utilizzo di solo zappe, per la preparazione delle zone da coltivare. In generale, le colture che durano in media due anni e poi di nuovo entrare in aree aratura (resto) per la crescita di capoeira (KATO et al., 1999).

Dell'output totale generato in questi nuclei familiari, 52.03% sono destinati esclusivamente al consumo familiare, 46.40% per il consumo e la vendita e 2,57% solo per la vendita. I prodotti agricoli principali sono manioca/manioca (Manihot esculenta), fagiolo dall'occhio (Vigna unguiculata), tabacco (Nicotiana tabacum) e mais (Zea mays). Ma quelle culture generalmente soffrono di una tendenza di aumento o diminuiscono della produzione, in base alla pressione del mercato dei consumatori e anche con diminuita la qualità del suolo. Per il 35% degli agricoltori, della fertilità del suolo è diminuito considerevolmente negli ultimi cinque anni, caduta di produzione agricola, che ha costretto l'uso dei fertilizzanti/concimi. Di conseguenza, 53.60% degli agricoltori hanno dichiarato che essi hanno praticato la concimazione e di questi % 82.70 utilizzare concime organico prodotto nella propria comunità (sterco di bestiame).

L'agricoltura itinerante è sempre più sostituiti da agricoltura. Così, ci può essere raccolto due volte l'anno, riducendo il periodo di riposo. Questa riduzione nel tempo libero terra era realizzata dovuto l'uso di letame come fertilizzante, un'innovazione a livello locale (KLOSE et al., 2005); già in relazione all'uso dei pesticidi, 31.44% dicono che usano o hanno usato questo metodo sulle loro colture per il controllo dei parassiti come le formiche e "afide di fagiolo" (Aphis Acronicta), ma la maggior parte non dire quale prodotto usato. Si noti che l'uso di sostanze chimiche come fertilizzanti e pesticidi sono solubili che si verificano nello spazio comunitario.

Fertilizzanti solubili in un determinato punto di vista sono buone, essendo facile da applicare, perché le piante esibiscono una risposta rapida e producono di più e la superficie può essere ridotta. D'altra parte, ci sono molti più svantaggi, perché questo tipo di input può portare alla perdita di fertilità del suolo; causano l'acidificazione, mobilizzazione di elementi tossici, immobilizzazione di nutrienti, mineralizzazione e rapida riduzione della sostanza organica; bioestrutura di distruggere e aumentare l'erosione (gruppo dell'agricoltura biologica Amaranthus-ESALQ-USP-PVL, 2006).

In generale, possiamo realizzare ciò che sta accadendo, anche se utilizza piccoli cambiamenti, sotto forma di terra per l'agricoltura nella Comunità, in particolare in relazione alla sostituzione del viaggio dalla perenne di allevamento, che secondo Brinkmann; Nascita (1973) e Cerri et al. (1985), è un fattore molto positivo, perché l'agricoltura itinerante, causare numerosi cambiamenti nocivi alle proprietà fisiche, chimiche e biologiche del suolo, dal momento che il sistema naturale è modificato dal fuoco.

  1. 4. Conclusioni e raccomandazioni

Secondo i risultati di questo studio si è concluso che i principali problemi ambientali della Comunità Tamatateua sono correlati direttamente con due assi principali: la mancanza di infrastrutture e servizi (servizi igienico-sanitari, raccolta rifiuti, acqua trattata) e il degrado delle risorse naturali (riduzione delle risorse ittiche e forestali, deforestazione delle mangrovie, ridotto la produttività del suolo).

Per ridurre e/o attenuare questi problemi, ti suggeriamo di misure che possono contribuire all'attuazione dei piani o programmi di gestione integrata delle coste per l'area di studio. In primo luogo, si raccomanda la definizione di priorità che guideranno le azioni del settore pubblico del governo (municipale, statale e federale agenzie), così come quelli di ordine non governative (associazioni, ONG e la popolazione locale), competenze secondo legale.

Così, tra le priorità suggerite per la gestione delle zone costiere partecipativa in Caeté-Taperaçu rural AREA Marina protetta, sono:

(i) investire in infrastrutture e servizi: sistema di garbage collection; fornitura di acqua trattata (potabile); attuazione del trattamento delle acque reflue; miglioramento dell'assistenza sanitaria attraverso la distribuzione di messaggi e altri servizi sanitari pubblici; migliorare la qualità dell'insegnamento, come espansione nell'istruzione offerto alla comunità, nonché nella costruzione di nuove scuole.

(ii) investimenti e incoraggiare la formazione di associazioni che possono rafforzare e/o sviluppare nuove fonti di reddito per esempio di implementazione di sistemi di riciclaggio dei rifiuti solidi, come pure la creazione di composteras per i rifiuti organici. Queste alternative, oltre a contribuire all'eliminazione del rilascio di questi residui nell'ambiente, possono collaborare con l'aumento del reddito dei residenti, migliorando così la loro condizione economica.

(iii) attuare procedure di sorveglianza (organi competenti e residenti locali) per evitare uno sfruttamento eccessivo delle risorse biologiche locali, cercando la protezione degli ecosistemi costieri che esistono, soprattutto delle mangrovie.

(iv) promuovere programmi di educazione ambientale, coinvolgendo la Comunità e le autorità di governo come agenti di questo processo, facendo riferimento all'importanza sociale e ambientale dell'area studiata.

(v) sviluppare studi e/o programmi per promuovere la gestione alternativa e l'uso sostenibile delle risorse naturali (pesci, granchi, foresta di mangrovie, uso del suolo), che sono di fondamentale importanza per la sopravvivenza di questa popolazione.

Infine, vale la pena notare che queste misure proposte sono di fondamentale importanza non solo per l'area di studio, così come per altre zone costiere rurali delle zone costiere, a parte il fatto che i risultati presentati in questo studio, può essere utilizzato come riferimento sia nella zona costiera di direttori comunali piani para, come nei passaggi di implementazione di GERCO-PA.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

AMARAL, L. A.; FIGLIO DI NADER, A.; ROSSI JUNIOR, D.; FERREIRA, F. L. A.; BARROS, l. s. s. acqua potabile come un fattore di rischio per la salute in proprietà rurali. Giornale di salute pubblica. São Paulo, v. 37, n. 4, p. 510-514, 2003.

AMERICAN PUBLIC HEALTH ASSOCIATION. Metodi standard per l'esame dell'acqua e delle acque reflue. Washington, D.C. 2004. Disponibile a: <http: www.satndard.methods.org/articles.cfm="">.</http:> Accesso a: 15 Apr. 2005.

AGUILAR, M. C. B.; COSTA, m. f. cucciolata in ambiente marino. Ciência Hoje, v. 32, n. 191, p. 64-67, 2003.

AZEVEDO, r. p. uso di acque sotterranee nel sistema di approvvigionamento idrico pubblico delle comunità su pianure alluvionali dell'Amazzonia Centrale. ACTA amazonica, v. 36, n. 3, p. 313-320, 2006.

BERGER, U.; GLASER, M.; KOCH, B.; KRAUSE, G.; LARA, R.; SAINT-PAUL, U.; SCHORIES, D.; WOLFF, M. Un approccio integrato alla dinamica di mangrovie e gestione. Giornale di conservazione costiera, v. 5, p. 125-134, 1999.

BERKES, f. & FOLKE, c. Linking sociale ed ecologico sistema: gestione pratiche e meccanismi sociali per la costruzione di resilienza. Cambridge: Cambridge University Press, 1998. 495 p.

BILLÉ, r. & MERMET, gestione costiera integrata di l. a livello regionale: lezioni da Toliary, Madagascar. Ocean & Coastal Management, v. 45, n. 1, p. 41-58, 2002.

Brasile. Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria-ANVISA. Ordinanza n. 518, del 25 marzo 2004. San Paolo, 2004. Disponibile a: <http: e-legis.bvs.br/leisref/public/showact.php.="">letta: 02 apr</http:> 2006

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 20 del 18 giugno 1986. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 274 del 29 novembre 2000. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 357 del 17 marzo 2005. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Istituto brasiliano di Municipal Administration-IBAM. Gestione integrata dei rifiuti solidi in Amazzonia. La metodologia e i risultati della sua applicazione. Ministero dell'ambiente. 2005. 73 p.

Brasile. Istituto nazionale di meteorologia-INMET. Valori climatologiche normali 1961-1990. Brasilia, 1992. 84 p.

Brasile. Ministero dell'ambiente-MMA. ARPA ha creato 9.000.000 ettari in piena protezione: arrestare wins sei estrazione si riserva, sulla costa, sull'isola di Marajó e il sud dello stato. Brasilia, 2005. Disponibile a: <http: www.mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 14 Feb. 2006.

BRINKMANN, W. L. F. & NASCITA, C. J. L'effetto dell'agricoltura taglia e brucia su elementi nutritivi nella regione terziario dell'Amazzonia Centrale. ACTA amazonica, v. 3, p. 55-61, 1973.

CARVALHO, C. V. & RIZZO, G. H. La costa brasiliana: sovvenzioni per una valutazione ambientale. 1a ed. Brasilia: MMA. Stampa nazionale, v. 1, 1994, 221 p.

CERRI, C. C.; VOLKOFF, B.; Edward, b. p. effect della deforestazione sulla biomassa microbica in Amazon giallo Latosol. Campinas. Giornale brasiliano di suolo scienza. v. 9, p. 1-4, 1985.

CNIO – COMMISSIONE NAZIONALE INDIPENDENTE PER GLI OCEANI. Il Brasile e il mare nel XXI secolo: relazione ai decision maker nel paese. Rio de Janeiro-indipendente dalla Commissione nazionale per gli oceani. 1998. 408 p.

Conover, w. j. pratiche statistiche non parametriche. New York: John Wiley, 1971. 302 p.

IMPEGNO AZIENDALE AL RICICLAGGIO. Riciclo dei prodotti. Rio de Janeiro, n. 4, p. 1-8, 1995.

COSTA, r. a. alla ricerca di una strategia di transizione verso la sostenibilità nel sistema ambientale della pesca artigianale. 2004. 310 f. Master tesi-Fundação Universidade Federal do Rio Grande, Rio Grande, 2004.

CREDER, idraulica e H. installazioni sanitarie. Rio de Janeiro: LTC, 5a ed. 1999, 465 p.

DAHDOU-GUEBAS, F.; MEGHI, J.; KOEDAM, n. utilizzazione dei prodotti di legno di mangrovia nei dintorni di Mida Creek (Kenya) tra sussistenza e gli utenti commerciali. Economico botanica, S, v. 54, n. 4, p. 513-527, 2000.

C. b. DISSANAYAKE & Ulderico r. medica geochimica degli ambienti tropicali. Earth-Science Review, v. 47, p. 219-258, 1999.

DREVER, j. i. geochimica delle acque naturali: ambienti di acque superficiali e sotterranee. Prentice-Hall: New Jersy, 1997. 436 p.

SPIRITO SANTO, R. V.; ISACCO, V. J.; SILVA, L. M.; MARTINELLI, J. M.; HIGUCHI, H.; SAINT PAUL, Stati Uniti i pesci e gamberetti estuario costiero bragantino, smettere di Brasile. Betlemme: Signora, 2005. 268 p.

GLASER, m. interrelazioni tra ecosistema delle mangrovie, economia locale e sostenibilità sociale nell'estuario Caeté, Brasile settentrionale. Zone umide ecologia e gestione, v. 11, p. 265-272, 2003.

GLASER, M.; U. BERGER; MACEDO, r. vulnerabilità del sito come un vantaggio: gestione delle foreste di mangrovie nello stato di Pará, Brasile nord, in condizioni di illegalità. Cambiamento ambientale regionale, v. 3, n. 4, p. 162-172, 2003.

GRASSO, m. Understandingm modellazione e valorizzare i legami tra le comunità locali e le mangrovie del fiume Caeté Bay, PA, Brasile. 2000. 554 f. Dottorato di ricerca dal titolo tesi di laurea-Facoltà della Graduate School dell'Università del Maryland, Maryland, noi, 2000.

GREENWOOD e de la Investigación metodologia sociale... Piados editore. Buenos Aires, 1973. 126p.

GRIMBERG, E.; BANERJEE, p. riciclaggio: riciclaggio, riciclaggio valori materiali. São Paulo: UNICEF/Polis, n. 31, 1998. 104 p.

GRUPPO DI AGRICOLTURA ORGANICA AMARANTO-ESALQ-USP-PVL. 2006. Disponibile a: <http: www.amaranthus.esalq.usp.br/prob_agrotox.htm="">.</http:> Accesso a: 26 mar. 2007.

IDESE, INDICE DI SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO. Disponibile a: <http: www.fee.tche.br="">.</http:> Accesso a: 16 mar. 2006.

Isacco, v. j. & BARTHEM, b. r. ittici dell'Amazzonia brasiliana. PR-MCT/CNPQ. Il Bollettino del Museo Paraense Emilio Goeldi. Serie di antropologia, v. 11, n. 2, p. 295-339, 1995.

JIANG, Y.; KIRKMAN H.; HUA, a. sviluppo di Megacity: gestione degli impatti su ambienti marini. Ocean & Coastal Management, v. 44, n. 5-6, p. 293-318, 2001.

JUNYENT, v. m. Percepció dels estétics ho mediambientals impatti de la regeneració de platges. 1999. 465 f. Tesi-Universitat de Barcelona. Espanya. 1999.

KATO, M. S. A.; KATO, R.; DENICH, M.; VLEK, p. l. g. fuoco-libero delle alternative a taglio-e-bruci per spostare la coltura nella regione amazzonica orientale: il ruolo dei fertilizzanti. Field Crops Research. v. 62, p. 225-237, 1999.

KLOSE, F.; KRAUSE, G.; GLASER, M.; OLIVEIRA, S. R.; BOCK, M.; HANATSCHEK, r. di mangrovie come una zona economica di Cap: dinamiche spaziali e socio-economico in un estuario nel Brasile del Nord. In: GLAZER, M.; CABRAL, N.; RIBEIRO, r., (org.). Persone, ambiente e ricerca: transdisciplinare in gestione di mangrovie. Betlemme: a/UFPA, 2005, p. 87-113.

KRAUSE, g. & GLASER, m. co-evoluzione dinamiche socio-economiche e geomorphical nel villaggio di pescatori costieri della regione Braganza (Pará, Brasile del Nord). Ocean & Coastal Management, v. 46, p. 859-874, 2003.

LEATHERMAN, p. s. spiaggia Voto: l'approccio metodologico. Giornale di ricerca costiera, v. 13, p. 253-258, 1997.

MACINTYRE, a. j. manuale di idraulica e impianti sanitari. Rio de Janeiro: LTC-tecnico scientifico libri S.A., 1990. 78 p.

MARQUES, S. N.; CARVALHO, E. A.; MELLO, C. S. preliminare indagine di angiosperme di mangrovia Ajuruteua road, nel comune di Bragança (PA). In: III Workshop internazionale sulle dinamiche e raccomandazioni alla gestione nelle aree di mangrovie Bragança-PA. Riassunti, p. 3-4, 1997.

MARTORANO, G. L.; FERNANDEZ, L. C.; CESAR, E. G. M.; PARKER, i. c. b. studi climatologici in stato di Pará, classificazione climatica e la carenza di acqua. Betlemme: SUDAM/EMBRAPA, SNLCS, 1993. 53 p.

MORGAN, R.; BURSALIOGLU, B.; HAPOGLU-PROIETTILI, L.; JONES, C. T.; OZHAN, E.; WILLIAMS, a. t. spiaggia utente opinioni e voti di spiaggia: studio pilota sulla costa turca dell'Egeo. MEDCOAST ' 95. Spagna, p. 373-383, 1995.

NASCITA, s. m. a. & BARBOSA, j. n. f. acqua qualità acquifero acqua tabella nella parte superiore del cristallino Salvador, Lucaia bacino, Salvador, Bahia. Brazilian Journal of Earth Sciences, v. 35, n. 4, p. 543-550, 2005.

OLIVEIRA, f. p. smbientais di valutazione di impatto socio-economico dei progetti di estensione sulla costa bragantino-Bragança-fermata. 2004. 83 f. Master tesi-Federal University di Pará, Campus de Bragança, 2004.

OLIVEIRA, conoscenza locale s. r. dell'uso dello spazio: un tour etnografico in Tamatateua. In: GLAZER, M.; CABRAL, N.; RIBEIRO, r., (org.). Persone, ambiente e ricerca: transdisciplinare in gestione di mangrovie. Betlemme: a/UFPA, 2005, p. 105-118.

PARSI, j. t. manuale di compostaggio: processo di basso costo. Belo Horizonte-MG: UNICEF-editore, 1996, p 56.

PEREIRA, L. C. C.; GUIMARÃES, D.; RIBEIRO, M. J. S.; COSTA, R. M.; SOUZA FILHO, p. w. m. uso e occupazione nel litorale di Bragança, Amazzonia brasiliana. Giornale di Coastal Research, SI, v. 50. In press, 2007.

PEREIRA, L. C. C.; JIMÉNEZ, J. A.; MEDEIROS, C.; COSTA, R. M. L'influenza di stato ambientale di Casa Caiada nelle spiagge di Rio Doce (NE, Brasile) su spiagge utenti. Ocean & Coastal Management, v. 46, p. 1011-1030, 2003.

PEREIRA, L. C. C.; RIBEIRO, M. J. S.; GUIMARÃES, D.; SOUZA FILHO, P. W. M.; COSTA, R. M… Forme di impiego e occupazione in Ajuruteua spiagge spiaggia-Pará (Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. Stampa, 2006a.

PEREIRA, L. C. C.; SOUZA FILHO, P. W. M.; RIBEIRO, M. J. S.; PATEL, S. C. C.; Nunes, z. m. p. & COSTA, r. m. dinamiche socio-ambientali a Vila dos Pescadores (Amazon orientale, Pará, Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. Stampa, 2006b.

PROISY, C.; -FIGLIOLO, P. W. M.; FROMARD, F.; PROST, M. T. R. C.; Mendes, Bc la dinamica della costa di Amazon (Pará, Brasile e Guyana Frech) di monitoraggio utilizzando il cammon metodologia basata su un'analisi speciale accoppiato per simulare lo strumento. In: MANGROVE 2003, Salvador. Libro degli abstracts. 2003. v. 1, p. 459-459.

REID, w. v. & TREXLER, c. m. rispondere ai potenziali impatti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità costiera US. Ocean & Coastal Management, v. 20, n. 2, p. 117-142, 1992.

RAO, g. f. & MOREIRA, l. a. zanzare transgeniche. Possibile arma contro la malaria. Revista Ciência Hoje, v. 39, n. 232, p. 34-39, 2006.

SANCHEZ-GIL, P; ARANCIBIA, A. Y; GORDILLO, J. R; GIORNO, W. J.; PER SAGOME, H. P. Alcuni indicatori socio-economici negli Stati messicani del Golfo del Messico. Ocean & Coastal Management, v. 47, p. 581-596, 2004.

SANTOS, A.; GANE, M. N.; RIBEIRO, J. S. B.; BASAVANNA, s. r. b. Hydrochemistry dell'Amazzonia centrale III. Lavare la chimica dell'acqua della foresta nell'ecosistema del prato di Amazon (Stemflow). ACTA amazonica, v. 11, n. 2 p. 335-346, 1981.

SILVA, I. R.; PEREIRA L. C. C.; COSTA, r. m. uso e occupazione in una comunità di pescatori sulle rive dell'estuario del rio Caeté (Pará, Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. In press, 2006.

SMITH, S. K. & HUYCK, L. H.. Cenni preliminari l'abbondanza, mobilità relativa, biodisponibilità e tossicità umana dei metalli. In: G.S. PLUMBEE & LOGSON, G.S. (eds.) recensione Volume 6: la geochimica ambientale di giacimenti minerari; Parte a: Processi, tecniche e problemi di salute. Soc. Econ. Geol, 1999, pp. 29-70.

R. SOKAL, R.; F. J. ROHLF, biometria. I principi e la pratica della classificazione numerica nella ricerca biologica. San Francisco, California: w. h. Freemann, 1969. 776 p.

Souza, m. r. m. & NEUMANN LEITÃO, s. conseguenze socio-economiche degli impatti indotti dall'uomo sull'estuario del fiume San Francisco Brejo Grande, Sergipe-Brasile. Trab. Oceanog. Università federale di Pernambuco. Recife, v. 28, n. 1, p. 97-116, 2000.

STATSOFT, i n. c. STATISTICA (sistema di software di analisi di dati), versione 6. 2001.

WEAVER, a. j. GREEN, c. & climatici globali: lezioni dal passato-politica per il futuro. Ocean & Coastal Management, v. 39, n. 1-2, p. 73-86, 1998.

[1] Biologo, laurea magistrale in biologia. Dottore in medicina tropicale/malattie. Professore e ricercatore presso l'Università federale del Pará – UFPA. E ricercatore nel nucleo di medicina tropicale dello sviluppatore della UFPA. E-mail: [email protected]

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here