La scuola di musica per non vedenti

0
1395
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ROCHA, Artur Batista de Oliveira [1]

ROCHA, Artur Batista de Oliveira. La Scuola di Musica per non vedenti. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 8. Anno 02, Vol. 05. pp 105-120, novembre 2017. ISSN:2448-0959 

SOMMARIO

Lo scopo di questo lavoro è quello di discutere l'educazione musicale per i non vedenti. Educazione musicale per visivamente deteriorate lavorare con problemi di udito con l'esperienza musicale dall'esplorazione movimento del corpo, lateralità, coordinazione, ritmo e stimolazione tattile; nel caso di riconoscimento degli strumenti musicali nella posizione corretta per tenere loro e toccarle per la loro attuazione. Il signografia musicale Braille è rappresentato nello stesso modo che il testo letterario è scritto, cioè, combinando i sei punti di cella Braille, generando un totale di 63 caratteri, la cella vuota, che sono distribuiti linearmente, senza possibilità di aggiungere più di un display Braille per rappresentare uno staff musicale. Braille educazione musicale notazione fornisce autonomia e l'indipendenza a leggere la musica, non è dipendente solo la memoria o l'aiuto degli altri. Si ritiene che questo modo gli studenti saranno in grado di partecipare in modo efficace a corsi gratuiti di musica nelle scuole e nelle università, perché avranno campo della scrittura musicale, seguendo i temi proposti da queste scuole.

Parole chiave: difficoltà visive, educazione musicale, il sistema Braille.

1. introduzione

Formazione per le persone con disabilità o disturbi e competenze elevate presenta una storica principi parziali e discriminatori strutturati. La fine del XIX secolo ha visto la creazione di istituzioni pionieristiche su disegno biologico che la priorità di cure mediche a spese di didattica e di distacco dalla vita nella società (JR, 2012).

Secondo Mittler (2003), che è stata una fonte di vergogna, il disprezzo e la cancellazione dei caratteri in certe società hanno guadagnato terreno nella cultura all'inizio del XX secolo in una natura sociale, ma ancora segregati dagli altri gruppi e con grande tendenza alla pietà e, a tal fine, hanno sviluppato servizi di riabilitazione medica e di cure focalizzati sull'educazione, chi più, chi meno.

Secondo Rogalski (2010) fino al 1950, l'educazione speciale in Brasile aveva una piccola espressione, con il benessere o di enti di beneficenza. Dal 1960, il tipo di educazione è stato istituito e ufficialmente chiamato "educazione di eccezionale."

Nel 1970, l'educazione speciale del Brasile ha guadagnato più spazio nel Piano di Governo, che ha stimolato la creazione di istituzioni. Secondo Mantoan (2002), alla guida di istituzioni e associazioni di beneficenza perpetuava la concezione del benessere, con forte carattere protezionistico.

Nel 1980, la scena mondiale è stato diretto al movimento di integrazione sociale. Il nuovo ordine concepito come un processo dovrebbe fornire meiosadequados in materia di istruzione per soddisfare le esigenze degli studenti. In Brasile, questa nuova politica ha avuto un impulso a partire dalla seconda metà degli anni 1980.

Secondo Silva (2009), fino al 1980, la società ha utilizzato termini come eccezionale, storpi, difettoso, storpi, non valida, sordo, muto, cieco. Questi termini peggiorativi sono stati sostituiti da una cattiva influenza dopo le discussioni alla Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha istituito il Decennio delle Persone Disabili.

Per le ragioni storiche di cui sopra, Rogalski (2010) osserva che il concetto di integrazione scolastica sembra aver preso il senso di mero collocamento dei disabili nella stessa scuola, non necessariamente nella stessa classe, confermando così il carattere sociale, protezionista, persistendo la segregazione nelle relazioni e atteggiamenti.

Secondo Mantoan (1993), notevolmente migliorato nel 1990, il movimento di integrazione scolastica era legata al concetto di promuovere l'accesso di scuola per le persone in condizioni sfavorevoli, vale a dire, i bambini con disabilità, disturbi e elevate competenze si inseriscono negli spazi della scuola , condividere gli stessi spazi e cercare di adattarsi per ottenere resilienza, e per quanto possibile, alla normalità. Così, la proposta solo vincere l'accesso scuola è diventata ridotto e integrazione scolastica ha preso un'altra linea guida. In linea con il movimento di integrazione nelle scuole, nel 1990, le espressioni di riferimento e la terminologia sono state modificate per una disabilità e gli studenti con bisogni educativi speciali.

Attualmente, con il concetto di educazione inclusiva, la terminologia utilizzata e consigliata dalla legge di linee guida e le basi sono le persone con disabilità. Altri riferimenti consigliati dalle associazioni pro-inclusivi sottolineano alcune espressioni di differenziare l'identità della comunità dei non udenti e sordi, così come le persone non vedenti e le persone con problemi di vista. Va notato che il concetto pedagogico che supporta gran parte della educazione musicale ha, in generale, un carattere esclusivo (Brasile, 2013).

L'insegnamento della musica è fatta da un modello in cui l'insegnante trasmette un insieme di concetti teorici non collegati alla musica, e la tecnica è spesso sopravvalutato, il potenziale degli studenti. In generale, la conoscenza viene insegnata in modo gerarchico, e sono incorniciate in discipline, in modo che gli studenti hanno difficoltà a stabilire interrelazioni tra conoscenze diverse. Per rendere concreta questa idea può essere preso, ad esempio, i contenuti appresi nei settori della storia della musica e armonia. Nella storia, lo studente è in contatto con le caratteristiche di un dato periodo, e Armonia, lui ha la possibilità di approfondire gli aspetti armoniosi contenuti nei pezzi prodotti in quel momento. Tuttavia, la separazione o la frammentazione di questa conoscenza incoraggiano lo studente non è in grado di integrarli in un tutto coerente (SILVA, 2009).

Educazione musicale per visivamente deteriorate lavorare con problemi di udito con l'esperienza musicale dall'esplorazione movimento del corpo, lateralità, coordinazione, ritmo e stimolazione tattile; nel caso di riconoscimento degli strumenti musicali nella posizione corretta per tenere loro e toccarle per la loro attuazione. L'insegnante accompagna il suo alunno insegna le mani nella posizione corretta a suonare uno strumento e, ad esempio, ottenere un certo suono. Soprattutto, è necessario utilizzare la vostra consapevolezza innata e incoraggiare gli altri attraverso questa esperienza musicale. Fare musica i non vedenti partecipare più attivamente l'ambiente in cui appare, guadagna fiducia in se stessi, l'indipendenza e espandere il loro universo culturale (McCann, 2009).

Secondo Giesteira (2009) educatori esperti di musica in materia di istruzione per le persone non vedenti di tutto il mondo sono il Braille musicografia come un modo efficace di produrre un apprendimento musicale più completa ed efficiente per i non vedenti. Ancora, in Brasile, non è stato utilizzato correttamente. Pochi insegnanti di musica brasiliana che lo usano, che ostacola notevolmente l'apprendimento della lettura di musica di questi studenti (Silva, 2010).

2. metodologia

Questo studio è stato caratterizzato come bibliografica, sviluppato da materiali preparati e pubblicati da diversi autori scelti per aiutare nella preparazione di questo lavoro di lasciare la domanda che mirava a raccogliere i pensieri sull'argomento. bliográfica per cercare i seguenti database è stato effettuato: Portale delle riviste di istruzione superiore del personale Miglioramento Coordinamento – CAPES (http://www.periodicos.capes.gov.br/), Bank of tesi e dissertazioni State University Campinas – Campinas (http://www.bibliotecadigital.unicamp.br/document/list.php?tid=7), scientifico Biblioteca elettronica – SciELO (http://www.scielo.org/php/index.php) e il database di MusiBraille progetto (http://intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm.). Che mirava a trovare le risposte e le soluzioni ai problemi nel processo di inclusione della musica nell'insegnamento ipovedenti.

"L'attività scientifica è un attributo di tutti coloro che vogliono impegnarsi realmente nell'attività di nuove conoscenze scoperto, cercare nuove relazioni dove sono apparentemente impossibile, scoprire i pensieri e le teorie e metterle al servizio di ciò che è da capire" ( DEMO, 1987, pag. 39).

Così, è di grande importanza per ottenere una lettura teorica e metodologica per il tema scelto può essere contestualizzato, rendendo il docente / ricercatore imparare a contestualizzare il vostro modello di ricerca in un modello teorico di grande ampiezza e può sostenere le analisi acquisite attraverso la ricerca.

educazione 2.1 musica e disabilità visiva

Ray (2004) ha studiato il fenomeno di "orecchio assoluto" tra le persone con disabilità visiva e ha concluso che tra gli individui ciechi di una maggiore prevalenza di persone con orecchio assoluto, rispetto agli individui con problemi di vista. Tuttavia, Figueira (2002) sottolinea che, nel corso della storia, si possono trovare numerosi esempi di persone non vedenti che si sono dedicati alla musica e hanno ricevuto il riconoscimento in questo settore.

Oliveira (1995) utilizza la memoria di quattro musicisti ciechi e quindi ricostruire le loro storie di vita, alla luce del pensiero di Deleuze e utilizza i quattro segni proposti da questo filosofo: segni mondani, emotivo, amoroso e artistico. Nella sua analisi circa le dichiarazioni raccolte, Oliveira (1995) ritiene che la musica appare come un filo conduttore della vita delle relazioni soggetti, e così dice il ruolo dell'arte nella costruzione di questi individui.

Secondo Bonilha (2010) ci sono istituzioni il cui approccio per quanto riguarda l'inclusione di musica per i non vedenti nei loro programmi è più completo. A titolo di esempio, può essere citato il Benjamin Constant Institute (RJ), dove ci sono corsi progettati per migliorare le capacità musicali in modalità specifiche, come ad esempio: strumento a corde, tastiera, soffiando, canto, coro, ecc

2.2 Il sistema Braille

educatore francese e inventore della lettura tattile e scrittura del sistema per i non vedenti che porta il suo nome, sulla base di un metodo di rappresentazione che usa sei punti nelle cellule di soccorso. Il metodo Braille è attualmente il sistema di lettura e scrittura universalmente promulgato nei programmi educativi di ciechi. Braille applicato il suo metodo di romanticismo per l'alfabeto, i numeri e la notazione musicale (Cerqueira, 2009).

Braille diventato un insegnante e ha vinto l'ammirazione di tutti i suoi studenti. Purtroppo è morto a 43 anni, e ha avuto il pensiero che la sua invenzione rivoluzionaria sarebbe probabilmente scomparirà con lui, ma questo non è accaduto, perché molte persone conoscono il suo metodo. Nel 1860, il sistema Braille è stato introdotto nella scuola per ciechi a Saint Louis negli Stati Uniti (Lemos et al, 1999).

Nel 1868, un gruppo di quattro ricercatori, guidati dal dottor Thomas Armitage, ha fondato una società nel Regno Unito per promuovere il miglioramento e la diffusione di sollievo in letteratura per i non vedenti. Questo piccolo gruppo di ricercatori è cresciuto fino a diventare l'Istituto Nazionale dei Ciechi, il più grande editore di testi in Braille in Europa e la più grande organizzazione del Regno Unito per le persone con disabilità visiva. Nel XX secolo, il metodo Braille era stato attuato in quasi tutti i paesi del mondo (Cerqueira, 2009).

Il sistema Braille consiste di 63 caratteri, risultante dalla combinazione di sei punti, disposti in due colonne verticali e numerati dall'alto in basso e da sinistra a destra. Il gruppo a matrice di punti totali dà origine al segnale fondamentale, da cui deriva i caratteri rimanenti. Lo spazio occupato da ogni personaggio si chiama cella Braille. I segnali occupano una sola cellula sono chiamati segni semplici, mentre quelli che occupano un numero maggiore di cellule sono chiamati segnali compositi (Bonilha, 2010).

Il set di caratteri è presentato convenzionalmente in una sequenza denominata Braille ordine, e questi caratteri sono distribuiti in 7 serie, logicamente costituita. La figura 1 mostra l'ordine braille, in cui ciascun gruppo comprende una linea di caratteri (Mosquera 2010).

La prima serie è formata dai segnali superiori, che sono costituiti solo dai punti 1,2,4 e 5. La serie 4 seguente derivati ​​da tali segnali. Pertanto, la seconda serie è costituita da segnali maggiori inclusa punto 3. Terzo, questi segnali vengono aggiunti ai punti 3 e 6. E il Mercoledì, si è aggiunto a loro punto 6 (SILVA, 2010).

Secondo Silva (2010) quinta elementare è costituito da segnali inferiori (costituiti da 2, 3, 5 e 6) e riproduce il primo formalmente. serie sesto contiene segnali formate da punti 3, 4, 5 e 6. Infine, la settima serie è costituita da segnali dalla colonna di destra (formata da punti 4, 5 e 6).

Per quanto riguarda l'applicazione di questo sistema, i personaggi sono realizzati polivalente, in modo che gli stessi segnali si prestano a rappresentare simboli letterali, chimica matematica, computer e la musica (MOSQUERA, 2010).

Figura 1 - Ordine Braille. Fonte: http: //proavirtualg28.pbworks.com/w/page/18670734/ler
Figura 1 – Ordine Braille. Fonte: http: //proavirtualg28.pbworks.com/w/page/18670734/ler

2.3 musicografia Braille

Il signografia musicale Braille è rappresentato nello stesso modo che il testo letterario è scritto, cioè, combinando i sei punti di cella Braille, generando un totale di 63 caratteri, la cella vuota, che sono distribuiti linearmente, senza possibilità di aggiungere più di un display Braille per rappresentare uno staff musicale. I quattro punti superiori della cella Braille rappresenta l'altezza della nota e due punti inferiori rappresentano la durata. A causa del numero limitato di combinazioni, il musicale signografia Braille è prodotto dalla combinazione di uno o più caratteri in Braille. Di solito, un carattere Braille può avere più di un significato, l'interpretazione di alcuni personaggi dipende dal contesto in cui è inserito. Tuttavia, il musicografia dispone di strumenti per ridurre la lunghezza del punteggio e facilitare la lettura (Bortolazzi et al., 2008). Uno degli svantaggi della musica scritta in Braille è il fatto che non siamo in grado di leggere ed eseguire simultaneamente. Lo studente deve memorizzare un brano musicale prima di giocare, che richiede un grande sforzo mentale il lettore per memorizzare tutte le informazioni in un breve periodo di tempo. Un'altra caratteristica particolare di scrivere musica in Braille, secondo Nicotra e Quatraro (2008), è legata al conteggio totale vista, un musicista veggente in grado di leggere la musica utilizzando diversi criteri come ad esempio ignorare certi simboli, solo leggere le note, la lettura una parte di un sistema, etc. Nella musica lettura Braille, ciò non è possibile, perché la lettura avviene in sequenza e linearmente. Imparare a musicografia Braille richiede un più ampio studio degli elementi musicali, a causa di numerose norme necessarie per sviluppare le prime fasi della formazione musicale. "Questo sistema richiede agli studenti di musica non vedenti di avere una certa conoscenza teorica musicale in anticipo rispetto agli studenti senza disabilità visiva" (Fernández-Álvarez, Aller-Pérez, 1999, p.35)

Il punteggio Braille propone una struttura diversa per rappresentare le informazioni contenute in note musicali (Figure 2). "La musica è come una scorciatoia Braille che deve essere decifrato, a poco a poco come un puzzle" (Nicotra e Quatraro, 2008, p. 10). Bertevelli (2010) sottolinea che l'insegnamento della musica ai non vedenti è molto diversa da insegnamento per visionari persone, l'unica differenza è data in relazione alla scrittura musicale, che è prodotto attraverso il sistema Braille (Figura 3). Un metodo di insegnamento della musica letteralmente trascritto al sistema Braille, non presenta un ordine logico della teoria dell'apprendimento musicale in Braille. Bonilha (2009) sottolinea che le differenze di base tra i due codici rendono necessario per i mezzi di apprendimento sono diversi. Dedican (2007) afferma che i metodi di insegnamento dei veggenti nelle prime fasi di apprendimento, la gamma di concetti sono difficilmente introdotti, che è fondamentale nella scrittura delle crome in Braille. Le caratteristiche musicali di scrittura Braille si riflettono nella apprendimento strumentale e come il materiale didattico è organizzato (Giesteira, 2011).

Figura 2 - Struttura della musica in Braille. Fonte: http://adriartessempre.blogspot.com.br/2017/03/
Figura 2 – Struttura della musica in Braille. Fonte: http://adriartessempre.blogspot.com.br/2017/03/
Figura 3 - Esempio di Foglio Braille. Fonte: http://www.ibc.gov.br/?catid=4&itemid=10061#conteudo
Figura 3 – Esempio di Foglio Braille. Fonte: http://www.ibc.gov.br/?catid=4&itemid=10061#conteudo

2.4 Software MusiBraille

Il software brasiliano MusiBraille (Figura 4) è stato sviluppato da Dolores Thomas, José Antonio Borges e Moacyr de Paula attraverso il diritto di incentivazione della cultura promosso da Petrobras nel 2009. Si tratta di un software gratuito che può essere fatto scaricando sito: http://intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm. (MUSIBRAILLE, 2017)

Secondo MusiBraille (2017) La MusiBraile progetto mira a creare le condizioni favorevoli per l'apprendimento musicale in modo che uno studente non vedente ha la stessa condizione di accesso gli strumenti di apprendimento che una persona psichica.

Per MusiBraille (2017) i corsi musicografia e funzionamento MusiBraille vengono applicati a livello regionale.   Sono stati coperti dal progetto delle cinque regioni del Brasile, essendo le città scelte: Brasilia, Recife, Belém a Rio de Janeiro e Porto Alegre. Durante la formazione di un kit viene distribuito ad ogni studente. Ogni kit è composto da:

  • Un CD-ROM con software musicográfica trascrizione per Braille.
  • Tutorial film su Braille musicografia e il programma Musibraille.
  • istruzioni del software manuale.
  • Una copia del libro "Introduzione alla Braille musicografia" Dolores Thomas.
  • Una copia del quaderno "Braille Music Theory".
  • il testo disponibile.
Figura 4 - Software MusiBraille. Fonte: http: //intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm
Figura 4 – Software MusiBraille. Fonte: http: //intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm

Come Borges et al. (2017) il software MusiBraille consente le seguenti operazioni:

  • Specificare molti dettagli circa l'attuale nome del brano, il compositore, il tono, ritmo, tempo e strumento.
  • Durante la digitazione possono sentire le note musicali creati o anche il nome di figure create nel punteggio Braille.
  • Tagliare e incollare brani musicali.
  • Programmi di utilità come ad esempio digitando inchiostro, dizionario e la formazione di dettatura.
  • Giocare il punteggio: Durante questa mostra sarà presentata in braille segnare le note suonate.  Nell'area di visualizzazione dell'inchiostro punteggio, la riga braille contenente la nota riprodotto viene anche generato in modo sincrono (Figura 5).
Figura 5 - Esempio di funzionamento del software MusiBraille. Fonte: http: //intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm
Figura 5 – Esempio di funzionamento del software MusiBraille. Fonte: http: //intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm

Pensieri finali

L'educazione musicale di ipovedenti non differisce dalla veggente, copre la percezione uditiva e la pratica musicale.  Alcuni adattamenti sono necessari, come la metodologia, la formazione degli insegnanti e la produzione di specifici trascrizione materiale e musica e libri di musica a prezzi accessibili, che sono le risorse per l'educazione musicale.

Allied a questo processo, l'insegnamento della musicografia Braille con le sue regole e le combinazioni, ha facilitato la possibilità di conoscenza e l'uso di un sistema, ancora funzionante oggi, e cerchiamo di salvare. La conoscenza di questo sistema è necessario per la produzione di materiale specifico e accessibile con la trascrizione di spartiti e libri di musica, così come la formazione del trascrittore e insegnante di musica, che oggi più che mai, è necessario imparare le vie di comunicazione musicale, le sue forme di espressione e la registrazione del codice musicale diverso come una caratteristica di educazione musicale delle persone non vedenti e la loro possibile l'accesso a tutte le canzoni.

Braille educazione musicale notazione fornisce autonomia e l'indipendenza a leggere la musica, non è dipendente solo la memoria o l'aiuto degli altri. Si ritiene che questo modo gli studenti saranno in grado di partecipare in modo efficace a corsi gratuiti di musica nelle scuole e nelle università, perché avranno campo della scrittura musicale, seguendo i temi proposti da queste scuole.

Ecco perché abbiamo bisogno di maggiori investimenti a due fattori di questo processo sono data la dovuta attenzione. Il primo è la questione della produzione di materiali specifici e conveniente con la trascrizione di spartiti e libri di musica in modo che più gli studenti hanno un contatto con questa pratica. Il secondo fattore è la formazione specifica del insegnante di musica che sarà in grado di promuovere l'accesso alla musica, assicurando l'acquisizione di una competenza necessaria per la formazione del musicista, professionista o no, ma che è un diritto di tutti.

riferimenti

BERTEVELLI, I.C. D. La Educación personaggi musicali compromesse con visivamente Braille y la musicografia: de la musicalización alla lectura y la scrittura suo punteggio en Braille. In: Reunion de la Sociedad Argentina for Cognitive las Ciencias de la Música, 9, 2010, Buenos Aires. Anais … Buenos Aires: SACCoM 2010. p. 58-64.

Bonilha, F.G.; CARRASCO, C.R. reading musicale a portata di mano: riflessioni sull'insegnamento e l'apprendimento del Braille musicografia. In: SIMPOSIO cognizione e arti musicali, 5. 2009 Campinas. Minuti … Campinas: UNICAMP, 2009. p. 85-9

Bonilha, F. G. Dal tocco al suono: L'insegnamento del Braille musicografia come un percorso di educazione musicale inclusiva. 2010. 280F.  Tesi (Doctor of Music) – Institute of Arts, Università di Campinas, São Paulo. 2010.

Borges, A.; Paula, M., TOME, D. Musibraille: operativo versione manuale – 1.4. Disponibile all'indirizzo: <http://www.musibraille.com.br/textos/>. Consultato il: 30 giugno 2017.

Bortolazzi, E.; Baptiste-Jessel, N.; Bertoni G .. BMML: Il Mark-Up Language per Braille Music. In: Conferenza Internazionale sulla Computer aiutare le persone con bisogni speciali ,, 11, 2008 Linz, in Austria. Anais … Linz: Springer-Verlag, 2008. p. 310-317.

BRASILE. Legge 12.796, del 4 aprile 2013. Modifiche alla Legge 9,394, del 20 dicembre 1996, che stabilisce le linee guida e le basi di istruzione nazionale, per fornire per la formazione di professionisti di istruzione e ad altre misure. Gazzetta Ufficiale della Repubblica federativa del Brasile. Brasilia, 4 apr. 2013.

CERQUEIRA, J.B. Legacy Louis Braille. Magazine Benjamin Constant, Rio de Janeiro, n. esp., nel 2009.

DEDICON. Contrapunctus: Conservazione e l'unificazione dei nuovi ed esistenti sorgenti digitali di musica Braille per una nuova metodologia di accesso. Sesto. (Tell No IST 2005- 034.226). Sesto programma quadro. Lombardia: Tecnologie della società dell'informazione, 2007.

DEMO, P. Introduzione alla metodologia della scienza. 2a ed. Sao Paulo: Atlas, 1987.

Albero di fico, E. La presenza della persona con disabilità visiva nelle arti. Saci Network 2002. Disponibile all'indirizzo: <http://www.saci.org.br/index.php?modulo=akemi& parametro = 4574>. Data di accesso: 2 giugno 2017.

Giesteira, in corrente alternata Scrittura musicale invidentes: Louis Braille y la música. Rivista di musica y Educación, V.85, n1, pag. 48-62, 2011.

JR, E. M. 50 anni delle politiche di istruzione speciale in Brasile: movimenti, i progressi e battute d'arresto. 2012. Disponibile a <http://www.ucs.br/etc/conferencias/index.php/anpedsul/9anpedsul/paper/viewFile/1464/670>. L'accesso del 2 luglio 2017.

Leggiamo, e.r; Venturini, J. L.; Christopher, J.B.; ROSSI, T. F. O. Louis Braille: la sua vita e il suo sistema. Sao Paulo: Dorina Nowill per i ciechi, 1999.

Mantoan, E. M. T. Integrazione x Inclusione: School (qualità) per tutti. 1993. Disponibile all'indirizzo: <http://styx.nied.unicamp.br/todosnos/acessibilidade / testi / riviste / Integ EscolaParaTodos di inclusione. rtf / view>. Consultato il 2 luglio 2017.

McCann, W.R.  Braille, El Hombre y su codice musicale. Magazine EL educatore, V21, n.2, p.27-30 2009.

Mittler, P. Inclusive Education: contesti sociali. Sao Paulo: ArtMed 2003.

MUSIBRAILLE. Disponibile all'indirizzo: <. Http://intervox.nce.ufrj.br/musibraille/textos.htm> Consultato il: 24 giugno. 2017.

NICOTRA, G.; Quatraro, A. Contrapunctus del progetto: una nuova soluzione per Computer Braille Music Fruizione. In: Miesenberger, K; KLAUS, J.; Zagler, W.; KARSHMER, A; (Eds.), Computer aiutare le persone con bisogni speciali.  Austria: Springer Berlin Heidelberg, 2008. p. 303-309.

Rogalski, S. M. storia della nascita di Educazione Speciale. Journal of Educational Development Istituto di Alta Uruguay – IDEAU, v. 5, n. 12, p. 2-12, 2010.

SILVA, A. M. Educazione speciale e scuola di inclusione: storia e fondamenti. Curitiba: Ibpex 2010.

SILVA, M. I. Perché la terminologia "disabile"?. Nucleo Acessibilidadee Inclusione, Fluminense Federal University, 2009. Disponibile all'indirizzo: <carenza http://www.prograd.uff.br/sensibiliza/por-que-terminologia-pessoas-com>. Consultato il 2 luglio 2017.

[1] Laurea in pedagogia ed esperto: l'alfabetizzazione e l'alfabetizzazione e la psicologia dell'educazione istituzionale.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here