César Lattes: Una vita da raccontare

0
69
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Rate this post
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

LIMA, Gabriel Augusto Câmara Paiva [1] SAPUNARU, Raquel Anna [2]

LIMA, Gabriel Augusto Câmara Paiva. SAPUNARU, Raquel Anna. César Lattes: Una vita da raccontare. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 05, pp. 181-196. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/filosofia-it/vita

Questo articolo riporta un po ‘della vita e del lavoro di uno dei più grandi fisici brasiliani, César Lattes. Molti nomi importanti attraversarono il percorso dei lattes e insieme a lui costruirono la fisica brasiliana. Si può affermare che senza la dedizione e il carisma di questo straordinario scienziato, l’insegnamento della fisica in Brasile non sarebbe lo stesso. La sua dedizione alla ricerca ha avuto un effetto mondiale, aprendo le porte per il miglioramento dell’insegnamento della fisica. Lattes possedeva una personalità unica, accattivante ed esuberante, ma a volte travagliata. Per questi e molti altri motivi, la sua vita e il suo lavoro ha ispirato ancora oggi altri fisici, così come insegnanti, giornalisti e storici provenienti da tutto il mondo. Questo articolo è un rapporto storico che può servire come supporto nell’insegnamento della fisica o delle scienze in generale. Questa è una ricerca bibliografica.

Parole chiave: Lattes, fisica, vita.

INTRODUZIONE

Chi era César Lattes? Secondo se stesso (2001), il cognome Lattes, ereditato dal nonno del padre è di origine ebraica. Suo padre venne a Curitiba dall’Italia all’età di 19 anni, nel 1912, per lavorare presso la banca italo-francese. Nel 1914 salpò su nave per combattere nel primo. grande guerra al fianco degli austriaci e tedeschi. Fu durante questo periodo che suo padre incontrò sua madre, un’insegnante di francese. Al suo ritorno nel 1921, creò il Banco Brasul, in cui prese il controllo della direzione generale. Suo padre morì nel 1975 e sua madre nel 1986. Lattes dice che lo hanno aiutato molto, perché gli hanno dato un appartamento quando era padre per la quarta volta, oltre a costare i trattamenti medici delle sue depressioni.

Lattes è nato nel 1924 a Curitiba e all’età di due anni si è trasferito a Caxias do Sul. Poi si recò a Porto Alegre, durante la Rivoluzione del 1930. Da Porto Alegre è andato con la famiglia in Italia, dove ha soggiornato per sei mesi e ha studiato in una scuola pubblica di Torino. Tornato dall’Italia a Curitiba, vi rimase fino al 1933, quando all’età di nove anni si recò a São Paulo per studiare nel collegio Dante Alighieri. Si sposò, ebbe quattro figlie e nove nipoti, ma nessuno di loro seguì il percorso della fisica.

Vale la pena esplorare un po ‘più la motivazione di Lattes per lo studio della Fisica. Ciò è dovuto a due fatti: in primo luogo, quando ha finito la palestra, ha imparato che un insegnante aveva tre mesi di vacanza all’anno, invece di un mese, come è accaduto con la maggior parte delle altre professioni, che lo ha reso molto interessato e secondo, che la maggior parte dei soggetti erano del tipo “decoreba”, ad eccezione di Fisica e Matematica, che gli piaceva e aveva facilità. Così, Lattes si appoggiò allo studio della Fisica (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

Secondo Let’cia Oliveira (2013), curiosamente scoperta dai professori José Leite Lopes[3] e Gleb Vassielievich Wataghin[4] e possedeva i migliori voti dell’esame vestibolare presso l’Università di São Paulo, nessuno poteva immaginare la grandezza di questa impresa quando Lattes all’età di 22 anni, suggerì a Cecil Frank Powell[5] di aggiungere boro alle sue lastre fotografiche, utilizzate nello studio delle emulsioni nucleari. Questo lo ha portato a essere nominato più volte per il Premio Nobel per la fisica, un titolo che non ha ricevuto solo perché all’epoca era una tradizione che il premio è stato assegnato ai capi dei gruppi di ricerca, in questo caso, Powell.

Questi eventi hanno cambiato il quadro della fisica brasiliana, perché il lavoro di Lattes ha dimostrato che anche in un paese meno sviluppato dove il materiale di ricerca non era così abbondante, è stato possibile per un giovane fare una scoperta importante per il mondo. Da questo, gli scienziati si sono emozionati e hanno creato numerosi istituti di ricerca anche prima del ritorno di Lattes nel paese. Lattes divenne così notevole che ricevette diversi premi e onorificenze nazionali e internazionali. Il più grande di loro nel 1999, quando CNPq lo abbelliva dando il sistema di curricula accademici il suo nome.

Detto questo, questo articolo è oggetto di un breve studio biografico che ha permesso di sollevare e lodare alcuni aspetti della vita di uno dei più brillanti scienziati brasiliani, forse nel mondo, il grande fisico César Lattes. Così, è stata eseguita una procedura riflessiva e sistematica, in cui i dati sono stati ottenuti da documentazione indiretta, vale a dire la ricerca di una bibliografia esistente, dal momento che cerca di spiegare e raccontare la vita di questo pensatore sulla base di contributi teorici pubblicati in libri, articoli e siti istituzionali. Si tratta, quindi, di una compilation, ricordando che questo tipo di studio consiste nel raccogliere ordinatamente la bibliografia selezionata, combinandola ed estraendo da esso ciò che è interessante per il compimento dell’obiettivo. In generale, è stata condotta una ricerca bibliografica combinata con una ricerca storica che copre la lettura, l’analisi e l’interpretazione di libri, articoli e siti istituzionali affermati. Questo perché questo tipo di ricerca mira a conoscere i diversi contributi disponibili su un determinato argomento.

VITA E LAVORO

César Lattes non si considerava un fisico, ma un insegnante, così disse che “il fisico crede in una realtà oggettiva e l’insegnante lo insegna”. (LATTES, 2001, p.18). Inoltre, in relazione alla fisica recente, ha dichiarato che i fisici hanno dichiarato solo che stavano arrivando alla fine della scienza e che non siamo nemmeno all’inizio di tutto ciò che deve essere scoperto.

Per Lattes (2001), il più grande fisico brasiliano fino ad allora era stato Marcelo Damy[6], perché non solo avrebbe scoperto cose importanti, ma anche prodotto l’attrezzatura, misurato e pubblicato i suoi risultati, insieme a Gleb Wataghin e Paulus “Pompei” Aulus[7]. In particolare su Wataghin, vale la pena ricordare che è stato il pioniere della fisica moderna in Brasile. È venuto in missione dal governo italiano quando Teodoro Ramos è andato a cercare insegnanti in Europa per trovare la Facoltà di Filosofia, Scienze e Lettere. La sua famiglia era di origine russa ed era collegata alla famiglia reale. Stava finendo la fisica a Kiev quando fu costretto a trasferirsi a Torino a causa della rivoluzione del 1917. Quindi, anche se la maggior parte dei fisici non lo sa, sono eredi di Wataghin.

Altre tre personalità molto importanti a suo parere sono state Giuseppe Occhialini[8], coinvolto nella scoperta dell’antimateria di nuove particelle, punto di partenza cruciale per l’esplorazione dell’universo attraverso raggi X e raggi gamma e Joaquim Costa Ribeiro[9], scopritore della formazione di dipolpe di carica elettrica nei cambiamenti di fase di solidi e liquidi. Ha continuato il suo racconto affermando che il fatto che ci sono pochi nomi rilevanti in fisica non era dovuto al fatto che egli era esigente su di esso, ma piuttosto che le opere avevano più nomi che risultati. Ciò ha reso difficile dire chi fosse buono, poiché anche con l’aumento del numero di scienziati in questo settore non sono sorti grandi trionfi.

Durante il suo corso di laurea, Lattes ha studiato Matematica e Fisica, così come altre materie. Erano circa sei ore di lezioni al giorno, con lezioni di laboratorio che hanno preso quasi tutta la loro giornata, con gli studenti stessi mettendo insieme gli esperimenti. Nel 1943, all’età di 19 anni, si laureò in fisica e da lì tutte le conoscenze che ottenne fu attraverso gli studi, sia da solo che con i suoi colleghi, oltre a leggere riviste scientifiche. La biblioteca dove si è laureato era bellissima ed era stata data dal governo italiano. Questo è stato il lavoro di Wataghin, che ha negoziato con il governo italiano la donazione di collezioni complete di libri di fisica e matematica aggiornati. Gli stipendi erano molto migliori di quelli attuali. Quando si è laureato, Dice Lattes, “dovrei fare circa 900 al mese, che dovrebbe dare, oggi, circa quattromila dollari.” (LATTES, 2001, p.28).

All’inizio della sua carriera, Lattes fu invitato ad essere il terzo assistente alla cattedra di Fisica Teorica e Matematica, diretta da Wataghin. Lavorò insieme a Wathaghin sull’abbondanza di elementi nell’universo. Per questo, ha usato la termodinamica statistica di alte densità e temperature. Poco dopo, fu invitato da Mário Schenberg[10] a calcolare il campo di un dipolo puntiforme con slancio angolare. Dopo questo secondo lavoro, rinunciò alla fisica teorica e andò alla camera di Wilson[11].

È importante sapere che Occhialini e Wataghin non hanno lavorato insieme. Wataghin era direttore del Dipartimento di Fisica e dava sempre maggiore credito ai suoi assistenti. Durante la Grande Guerra, lui e sua moglie rimasero qui. Considerato un nemico, non poteva rimanere a capo del dipartimento e vinse una stanza con un altro ingresso, perché il dipartimento produceva traversine e altre attrezzature, tutte focalizzate sulla guerra. Ora Occhialini ha inventato un controllo automatico e lo ha messo nella camera di Wilson. Fu con lui che nel 1933 fotografarono i pàsitrons. Tuttavia, Wilson vinse il Premio Nobel nel 1948. Nel 1950, Powell vinse il Premio Nobel, ma quando Lattes, Powell e Occhialini scoprirono il méson-π, gli Occhialini erano meglio conosciuti per il suo lavoro di produzione di pàsitrons. Eppure, hanno dato il premio solo a Powell. Secondo Lattes, Occhialini avrebbe potuto vincere un premio Nobel, ma gli hanno fatto del male due volte. Dopo di che, è andato a Bruxelles, poi Genova, e alla fine è andato a Milano per coordinare la fisica spaziale italiana.

Anche se Occhialini divenne amministratore alla fine della sua carriera, Lattes lo considerava un fisico e non un insegnante; e altro ancora: era un fisico sperimentale, perché Lattes non lo vide mai scrivere una sola formula. Nelle sue opere, Occhialini non è entrato nei dettagli teorici. Mentre il mondo attraversava guerre successive, c’erano troppi materiali rimasti che sono facilmente accessibili, come motori e altre cose di interesse scientifico. Occhialini acquistò molte di queste parti per costruire i suoi dispositivi e persino automatizzato un microscopio. Lattes afferma che Occhialini “era estremamente abile. C’era un microscopio che ha fatto, con motori a pedale, quindi non avrebbe dovuto usare le mani per muovere le lame.” (LATTES, 2001, p.36). Inoltre, aveva una macchina fotografica Wilson, ma non riusciva a farlo funzionare. È stato Lattes. Tuttavia, è stato lui a insegnare a Lattes come far funzionare questa camera e ha anche inventato un sistema automatico di fissaggio delle emulsioni. Tuttavia, ben presto si imbarcò per Bristol dove avrebbe lavorare con Powell.

Lattes, Ugo Camerini[12] e André Wataghin, figlio di Wataghin, costruirono la loro macchina fotografica Wilson, da cui scattarono fotografie che furono inviate a Occhialini. Così Occhialini inviò un fotomicrografo che usava una nuova emulsione sei volte più concentrata, creata da lui. L’emulsione utilizzata da Powell era comune, in cui i rischi dei protoni dovrebbero essere guardati con molta attenzione, in quanto c’era troppa interferenza sullo sfondo. Poiché Occhialini aveva difficoltà a vedere questi rischi, con la nuova emulsione il problema è stato risolto. Attraverso la fotomicrografia, Lattes si rese conto che con la macchina fotografica di Wilson, avrebbe avuto bisogno di 2.000 volte più tempo per fare la stessa cosa. Per questo motivo, scrisse ad Occhialini e gli chiese un posto a Bristol. Powell e Occhialini gli hanno ottenuto una borsa di studio da Wills, una compagnia di sigarette, e la Getulio Vargas Foundation ha pagato il suo biglietto di sola andata per Bristol.

Lattes riferisce che Powell non aveva alcuna iniziativa e che era difficile farlo uscire da vent’anni di lavoro con emulsioni fotografiche che potevano essere acquistate nei negozi ordinari. Era l’unico allievo di Charles Thomson Rees Wilson[13], la camera di Wilson, a fare il dottorato con lui. L’emulsione fotografica era economica, quasi gratuita, perché il laboratorio stava collaborando con Ilford, l’azienda che produceva le emulsioni. Powell stava esponendo le piastre e vi rimase, vale a caso, lavorando con la dispersione di neutroni su più bersagli e la dispersione neutrone-protone. Dopo la riformulazione delle piastre, il lavoro ha cominciato a presentare i risultati.

È interessante notare che queste piastre sono sensibili alla luce visibile, ma come la pellicola è concentrata e molto spessa, luce visibile coperto solo la superficie e non poteva penetrare. Anche se esposti a un po ‘di luce, con l’alcol è stato possibile rimuovere questo strato e il resto erano i grani sensibilizzati dai protoni, oltre ad alcuni altri sullo sfondo. Con le piastre comuni di Ilford, il tempo di esposizione era di due o tre giorni. D’altra parte, queste piastre caricate con borax potrebbero raggiungere fino a quindici. Nel corso del tempo, l’imaging scompare. Un protone oggi e un protone di prima di ieri avevano una densità di grano diversa e il borax teneva l’imaging. In questo modo, Bristol batté Cambridge, poiché solo Bristol possedeva il borax inventato da Lattes.

La scoperta del borax avvenne quando Lattes voleva vedere la disintegrazione del boro in due particelle alfa e un H3 e chiese a Ilford di fare una piastra contenente il borax stesso. Poi, si è scoperto che le piastre contenenti borax non avevano indebolimento dell’imaging. Come già detto, i film sono stati commissionati da Ilford e Bristol discusso come migliorare la piastra, al punto che è stato possibile vedere i protoni molto bene; e poi, nel 1948, l’elettrone. Le piastre erano di una sola emulsione, lunghe da due a tre pollici e coperte di carta nera; confezionati in luce rossa e aperti solo dopo l’esposizione finita, quando sono stati esaminati al microscopio.

Mentre Occhialini e Powell stavano finendo i lavori con le vecchie tavole, fu a Lattes seguire il nuovo progetto. Quando Occhialini andò in vacanza nei Pirenei, Lattes, che era interessato al boro, gli chiese di prendere i piatti vecchi e nuovi, di esporli nelle altezze. Quelli con boro hanno avuto i migliori risultati. Così, in una piastra esposta nei Pirenei, è stato possibile rilevare il primo decadimento. Poi Lattes andò al dipartimento di geografia e scoprì che in Bolivia, a 20 km da La Paz, c’era un picco con un Club andino alto 5.500 m e accessibile tutto l’anno. Sapeva che a 5.500 m avrebbe ottenuto molti più fenomeni che nei Pirenei, a 2.800 m. Con questa scoperta ha deciso: “Mi paghi per il viaggio in Brasile e io mi giro”. (LATTES, 2001, p.46).

Lattes ha preso un aereo per il Brasile e poi un aereo per La Paz. Arrivato in Bolivia, si recò al Dipartimento di Fisica dell’Università di La Paz dove incontrò il professor Vicente Burgaleta, che lo riferì al direttore dell’Istituto di Meteorologia, Ismael Escobar. Lattes gli spiegò che voleva esporre le tavole il più forte possibile per un mese e poi andò al Club Andino. Lassù c’è un picco a Chacaltaya. Lattes credeva che quando Escobar costruì l’osservatorio, non sapeva che c’era una seconda cresta. Così lo costruì a 5.500 m, al primo picco a Chacaltaya. Hanno messo quattro lastre di legno formando una piramide e altre due sopra. Lattes tornò in Brasile, lasciando le tavole lì per un mese e poi tornò a prenderli.

Analizzando la prima targa insieme a Guido Beck[14] a Rio, è stato possibile vedere il terzo méson-π. La prima targa era stata svelata a casa di Escobar. L’acqua non era molto buona e si è sporcato un po’, ma era ancora possibile vedere la terza π. Ne aveva già trovati due sulle tavole esposte nei Pirenei, ma a Chacaltaya ne aveva ottenuti molti di più, una trentina. Da lì Lattes fu in grado di stimare la massa di due mesmi. Quando ha pubblicato il lavoro con la valutazione della massa, ha mostrato che la disintegrazione del mesone pesante è venuto fuori un méson leggero, oggi chiamato muone e qualcosa di leggero e neutro che è ora conosciuto, è il neutrino muonico.

Dopo di che, Niels Bohr[15] inviò assistenti a Bristol per rimanere in alto per la situazione. Questi assistenti, hanno detto Bohr che era Lattes che stava facendo le misurazioni. Lattes era a Bristol e gli assistenti di Bohr potevano vederlo al lavoro. Poco dopo, è arrivato l’invito a dare seminari presso la Società danese di fisica, così come inviti a parlare a Stoccolma e Lund. Bohr era molto gentile con Lattes. Dopo aver presentato due seminari, lo invitò a parlare nel giardino interno della sua casa. Lattes gli raccontò di Chacaltaya e del motivo per cui lasciò Bristol in un momento così fruttuoso. Bohr poi acconsentì e gli disse: “Mettiti la faccia”. (LATTES, 2001, p.50). Dopo suo padre, Bohr fu l’uomo che impressionò e ispirò più Lattes, dalla fiducia che ispirò. Dopo di che, non c’era più contatto tra di loro.

È importante contestualizzare ciò che stava accadendo in Brasile in questo momento in termini di strutturazione per lo sviluppo della scienza. Secondo Souza Barros (2013), nel 1937, con l’estinzione dell’Università del Distretto Federale (UDF), è stata creata l’Università del Brasile (UB), dove sono stati raggruppati college isolati e scuole professionali dell’ex Università di Rio de Janeiro e dell’Università del Distretto Federale. La Facoltà Nazionale di Filosofia (FNFi) è stata fondata nel 1939. Negli anni ’40, quando fu creato il Centro Brasiliano per la Ricerca Fisica (CBPF), un insieme significativo dei suoi fondatori, tra cui Lattes e Leite Lopes, erano professori del FNFi di UB. Nel 1945, un decreto federale riformato la struttura operativa di ub. La costruzione del campus dell’Isola Universitaria iniziò nel 1945 sotto la base di Getolio Vargas. Al tempo di Vargas, il governo centrale ha stanziato entrate straordinarie per coprire le spese di trasferimento di college e scuole professionali nell’isola universitaria. Il trasferimento dell’Università del Brasile all’Isola di Fundo, un atto del governo di Getúlio Vargas, aveva lo scopo di favorire la crescita di un centro universitario per contribuire allo sviluppo del paese.

Tornando agli eventi fisici nel 1935, Hideki Yukawa predis[16]se l’esistenza del méson, ma Lattes e la squadra non lo stavano cercando. Nel 1938, Carl David Anderson[17] e Seth Neddermeyer r[18]ilevano il mesotron, che era il μ (màon), originato da π, senza una forte interazione. C’erano molti gruppi dietro questi mesmi al momento, ma l’unico metodo di rilevamento era attraverso la piastra fotografica e quindi c’era una classe di dieci persone accanto a Powell. Quando era stato a Bristol per circa un anno e mezzo, Lattes si recò a Berkeley per monitorare da vicino la produzione artificiale di mesmi, in quanto questo lo avrebbe aiutato nella sua ricerca, in quanto sarebbe stato possibile studiarli in modo molto più dettagliato. Secondo Vieira e Videira:

[…] c’è un consenso tra gli autori analizzati in questo studio che il risultato di una maggiore ripercussione per la fisica brasiliana è stato quello ottenuto da César Lattes a Bristol (Inghilterra) e Berkeley (Stati Uniti). Nel 1947, il team di laboratorio H. H. Wills, dell’Università di Bristol, a cui ha partecipato Lattes, ha rilevato tra le particelle generate dallo shock dei raggi cosmici contro le molecole atmosferiche il cosiddetto mesone π (o pitone), utilizzando la tecnica delle emulsioni nucleari (tipi speciali di fotografie utilizzate nella fisica nucleare). (2007, p.16).

Dietro la produzione artificiale del méson c’era Milton Eugene Gardner[19], che insieme al suo team, cercò il méson-μ. Tuttavia, questo méson non può essere prodotto artificialmente, ma π può e questo decade in μ. Probabilmente non erano a conoscenza di questo fatto. C’era un elettromagnete da quattro ton che veniva usato con il calutron per separare gli isotopi di uranio da Hiroshima. Nel 1946, alla fine della guerra, fu portato al laboratorio di Berkeley da dove uscì il primo fascio contenente mesmi, ma non riuscivano a rilevarli. Lattes e Gardner furono in grado di produrre entrambi i mesone solo nel 1948, grazie alla conoscenza del decadimento e alla diminuzione della carta nera intorno alle emulsioni.

EVENTI FINALI

1948 – La produzione artificiale di mesmi causò molto più allarme della loro osservazione nei raggi cosmici, in quanto avrebbe permesso di lavorare con loro in condizioni controllate, stabilendo l’apertura di un nuovo percorso per la Fisica Nucleare. Per i risultati, Lattes ha vinto una medaglia Einstein dall’Accademia brasiliana delle scienze, che ha dato a sua moglie. Lattes rimase a Berkeley per un anno, tenendo diversi seminari in tutto il Nord America prima del suo ritorno in Brasile. C’è stata l’opportunità di rimanere negli Stati Uniti quando ha ricevuto una proposta importante da Harvard, che ha rifiutato. Il fatto è che ho sempre voluto tornare in Brasile per contribuire a migliorare il paese. “A quel tempo c’era una cosa strana chiamata patriottismo.” (LATTES, 2001, p.56).

1949 – Quando tornò nel paese, Lattes incontrò il generale Dutra, che gli disse che non sarebbe stata una buona idea rimanere in giro, perché non c’era modo di sviluppare questo tipo di ricerca. “Mi sembrava una persona onesta e ben intenzionata.” (LATTES, 2001, p.58). Il problema era che a causa di tutti i costi della guerra, eppure Lattes era l’assistente di Wataghin, la possibilità di ottenere fondi era remota. Al suo ritorno, si dimise dall’USP e un mese dopo la sua nomina a professore ad interim di Fisica Nucleare e si i quali si i quali si i quali si imista all’Università Federale di Rio de Janeiro. Nel 1951 fondarono cbpf e Lattes fu eletto direttore scientifico, carica che deteneva fino al 1955.

Fondazione CBPF – Quando era a Berkeley Lattes incontrò l’assistente del consolato brasiliano a San Francisco, Nélson Lins de Barros, fratello di João Alberto de Lins Barros, che all’epoca era ministro degli esteri di prima classe. A quel tempo, Lattes chiese a Nélson di aiutarlo a costruire un centro di ricerca fisica e quando Nélson tornò in Brasile, portò Lattes a incontrare suo fratello, che era estremamente proattivo per la costruzione. Lattes era già tornato negli Stati Uniti quando João Alberto convocherà un’assemblea per la fondazione del centro, in cui sono stati fatti un minuto e tutto è iniziato in un ufficio di João Alberto stesso a Rio. Quando Lattes tornò, affittarono un piano in Álvaro Alvim e qualche tempo dopo costruirono un edificio e un capannone con l’aiuto di Mário de Almeida, proprietario del Banco do Comércio, a cui si trasferirono. Più tardi, Getúlio Vargas andò a Lattes e gli chiese come funzionava il centro e di cosa aveva bisogno e Lattes gli disse la difficile situazione in cui si trovava il centro. Fu da questa conversazione che il denaro venne per il centro per funzionare con tranquillità. Circa le attività del centro, alcuni corsi universitari sono stati dati dalla comprensione verbale e ci sono stati seminari.

1954 e 1955 – Quando morì Enrico Fermi[20], Lattes ereditò il suo gruppo a Chicago, di cui fu in carica per due anni. Andò lì quando ricevette un invito a lavorare presso l’Università di Chicago come ricercatore associato. Non li guidò, con l’eccezione di Jerome Isaac Friedman, che in seguito vinse il Premio Nobel per la dispersione inelastica di elettroni sui protoni e sui legami di neutroni che erano essenziali per lo sviluppo del modello di quark in Fisica delle particelle. Lattes incontrò Fermi quando visitò Berkeley al momento della π. Dopo di che, si recò a Minneapolis dove lavorò di nuovo con i raggi cosmici, ma era già sotto depressione, che iniziò nel 1955.

1956 – Quando tornò da Chicago, fu invitato a prendere la presidenza della Fisica Superiore a São Paulo, l’unico posto ben strutturato con fondi al momento. Lattes non era in buona salute, ma l’unico modo per mantenere le sue figlie era con lo stipendio di San Paolo. Nel 1960, Marcelo Schein dell’Università di Chicago aveva inviato emulsioni Di Lattes che aveva gonfiato a 30 km di altezza. Da lì ha attivato il gruppo di emulsione usp, lavorando con loro e, in una conferenza internazionale dei raggi cosmici in Giappone nel 1962, ha iniziato la collaborazione Brasile-Giappone sui raggi cosmici che dura fino ad oggi.

Nel 1964 si recò a Pisa, dove c’è un laboratorio di Geologia Nucleare con molti metodi di datazione, interessato a studiare se le costanti della fisica cambiano in relazione al tempo. Mentre eri lì, hai messo in atto un metodo di datazione per la fissione spontanea dell’uranio. Nel 1965, quando tornò in Brasile, lo stato della sua depressione era peggiorato. Così Lattes decise che non poteva più stare tra Rio e San Paolo. Damy, che era a capo dell’Istituto di Fisica di Unicamp, scrisse una lettera all’USP e Lattes fu trasferito a Rio nel settembre 1967. In Unicamp, ha lavorato fino al 1986 quando si è ritirato. Lì, il suo lavoro principale è stata la collaborazione Brasile-Giappone e datazione da fissione spontanea di uranio. Si ritirò poi dall’UFRJ nel 1989 e nel 1994 prese l’obbligo da cbpf.

Dopo il ritiro organizzò un gruppo a Cuiabà insieme a Takao Tati, che normalizzò l’elettrodinamica quantistica, ma il gruppo non restò attivo a lungo. Lattes non era soddisfatto del sistema educativo brasiliano, poiché apprezzava l’insegnamento delle scienze pure. Considerava il sistema troppo statico e di conseguenza ha rimosso la creatività dei giovani. Lattes come insegnante ha sempre cercato di insegnare attraverso le domande che ha fatto alle persone.

CONCLUSIONE

Attraverso articoli dettagliati e metodologicamente ben fatti su spedizioni e osservazioni astronomiche, si nota che la Storia della Fisica era molto vicina all’astronomia durante il periodo coloniale. Le prime istituzioni scientifiche sono state fondate dal 1808, con l’arrivo della famiglia reale. Fu in una di queste istituzioni che iniziarono le prime lezioni di fisica pratica a Rio de Janeiro, con l’obiettivo di addestrare medici e personale militare, con l’obiettivo di risolvere il problema della formazione del lavoro specializzato nella colonia. Già nel 1830, seguendo uno standard esistente nei paesi europei, la fisica avrebbe ottenuto la sua autonomia come disciplina nei corsi di medicina di Rio de Janeiro e anche, in seguito, come disciplina da insegnare nelle accademie militari e nelle scuole professionali. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

Nel 1842, la Scuola Militare di Rio de Janeiro iniziò il corso di ingegneria civile e da lì cominciò a richiedere la difesa della tesi per la laurea del medico. Nel 1848, Joaquim Gomes de Souza[21], conosciuto come Souzinha, sarebbe stato il primo a incollare una laurea in un istituto brasiliano. Per Costa Ribeiro, Souzinha fu il primo fisico-matematico brasiliano. Anche con l’insegnamento della Fisica già stabilito alla fine del XIX secolo, l’uso di attrezzature di laboratorio per la ricerca era piccolo. L’eccezione sono stati i pochi insegnanti, provenienti da scuole politecniche, che hanno iniziato a praticare la prima ricerca attraverso la propria iniziativa. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

Luiz de Barros Freire[22], PhD in Scienze Fisiche e Matematica, era un professore che si occupava della formazione delle istituzioni scientifiche, essendo responsabile di incoraggiare fisici e matematici che avrebbero eccelleto nella scienza brasiliana: Schenberg, Samuel MacDowell[23], Fernando de Souza Barros e Leite Lopes[24]. Freire è stato direttore dell’UDF e negli anni ’50 ha contribuito alla creazione dell’Istituto di Fisica e Matematica dell’attuale Università Federale di Pernambuco. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

L’inizio della ricerca sistematica in Fisica in Brasile avvenne nel 1934 con la creazione della Facoltà di Filosofia, Scienze e Lettere (FFCL) dell’Università di São Paulo, dove gli insegnanti europei furono portati a insegnare presso l’istituto. A quel tempo, Wataghin italo-russo si ò al Dipartimento di Fisica. All’istituzione, Wataghin iniziò con giovani brasiliani, ricercando aree di raggi cosmici e fisica nucleare, sia teorici che sperimentali. In relazione ad altri college brasiliani dell’epoca, FFCL aveva alcune differenze, tra cui gli stipendi in lutto, la piena dedizione alla ricerca e ai laboratori attrezzati, che facilitavano gli studi di Wataghin e dei suoi studenti. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

I primi importanti risultati hanno cominciato ad essere ottenuti dopo cinque anni dall’inizio della ricerca in Fisica in modo sistematizzato in Brasile. Il primo lavoro fu quello di Wataghin con i suoi studenti Damy e Pompéia. Hanno sottolineato che le interazioni con particelle estremamente veloci e altamente energetiche sotto forma di raggi cosmici, quando si scontrano con gli atomi presenti nell’atmosfera terrestre, avrebbero originato molte altre particelle più piccole in una formazione doccia. I loro risultati sono stati pubblicati, citati da diversi fisici che sono stati dedicati, sia teoricamente che sperimentalmente, allo studio dei raggi cosmici. Tuttavia, la maggiore ripercussione generata per la fisica brasiliana è stata attraverso i risultati ottenuti da Lattes a Bristol e Berkeley, con la scoperta del cosiddetto mesone-π, generato dallo shock dei raggi cosmici contro le molecole atmosferiche. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

La notizia è stata ampiamente riportata in Brasile giorni dopo, influenzata da Leite Lopes, che ha usato il risultato al fine di promuovere un progetto per creare un centro di ricerca in Fisica in Brasile. Questo fu un evento cruciale per suggellare un’alleanza tra la piccola comunità di fisici dell’epoca insieme ai militari e ai politici, tutti nazionalisti. Poiché all’epoca non esisteva un’istituzione con una solida base per la pratica scientifica, fu creato un centro privato: il CBPF nel 1949. Negli anni successivi, anche CNPq e l’Istituto di Matematica Pura e Applicata (IMPA) emergeranno. Con CNPq è stato creato un nuovo scenario, che consolida la stabilità per la ricerca in Brasile. C’è stata la concessione di borse di studio per il miglioramento e il dottorato, borse di studio per l’assunzione di personale tecnico e l’acquisto di attrezzature e per l’organizzazione dei corsi. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

Da questo, la nuova tendenza è stata quella di fare Fisica delle Particelle da acceleratori, un’idea che ha guadagnato forza dalla seconda metà degli anni ’50 negli Stati Uniti, guidata dai risultati ottenuti da Lattes e Gardner; e anche nel ciclotrone di Berkeley. Così, praticamente tutti i dati sulle particelle elementari sono stati forniti dagli acceleratori. (VIEIRA; VIDEIRA, 2007).

Dopo il panorama della Fisica Brasiliana, ecco alcune curiosità e informazioni rilevanti per tracciare il profilo di Lattes. Questo brillante fisico è stato membro di diverse associazioni tra cui l’Accademia Brasiliana delle Scienze, l’Unione Internazionale di Fisica Pura e Applicata, il Consiglio Latinoamericano di Raggi Cosmici e le Società di Fisica Brasiliana, Americana, Tedesca, Italiana e Giapponese.

Lattes era particolarmente orgoglioso delle decine di comuni brasiliani che hanno avuto l’iniziativa di dare il nome alle loro scuole comunali, biblioteche, piazze e strade. Lattes è stato insignito del titolo di cittadino onorario della Bolivia nel 1972, un riconoscimento per la sua performance in Sud America e dal governo venezuelano, è stato premiato nel 1977. Dall’Organizzazione degli Stati Americani, è stato insignito del Premio Bernardo Houssay nel 1978. (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

Durante tutti i suoi anni coinvolti nel lavoro di ricerca, Lattes si è anche preoccupato della formazione altamente qualificata dei suoi studenti, un fatto dimostrato dalla serie di Master e Dottorato tesi che ha guidato sia in Brasile, Stati Uniti e Italia; sia nell’area delle emulsioni nucleari che nell’area della geochronologia. Questo profilo ha reso Lattes il fisico brasiliano più conosciuto in Brasile e ci mostra ancora perché ha ricevuto i più grandi onori del nostro paese e del mondo durante la sua vita. Fino al 1986, spicca il titolo di Doctor Honoris Causa concesso dall’USP nel 1948 e ricevuto solo nel 1964; il titolo di “Cavaliere di Gran Croce” nel 1948; Premio Einstein, accademia brasiliana delle scienze, nel 1951; la Medaglia d’Oro “Honor on Merit”, da Radio Nacional/ESSO, nel 1951; il Premio scientifico dell’Istituto brasiliano di istruzione, scienza e cultura nel 1953; il Premio Ernesto Fonseca Costa del Consiglio Nazionale delle Ricerche nel 1953; il titolo di Citizen carioca, nel 1957; il titolo di Cittadino Paulista Emerito, nel 1958; il titolo di Personaggio dell’Anno, della Gilda Culturale Rui Barbosa, nel 1961; l’Ordine al Merito Culturale dell’Unione Brasiliana degli Scrittori nel 1969; il titolo di Cittadino Onorario di La Paz, Bolivia, nel 1972; medaglia Carneiro Felipe del Consiglio Nazionale dell’Energia Nucleare nel 1973; il Premio Moinho Santista per la Fisica nel 1975; Il Commendare Andrés Bello, concesso dal Governatore del Venezuela nel 1977; il Premio Bernardo Houssay dell’Organizzazione degli Stati Americani nel 1978; i titoli di Doctor Honoris Causa e Professor Emerito, assegnati da Unicamp nel 1987, ma non ancora ricevuti e, nel 1987, il Award in Physics of Third World Academy of Scienciess, a Trieste, Italia. (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

In conclusione, una caratteristica di Lattes che era certamente molto sorprendente, riguarda la sua libertà. Era un fisico sperimentale che ha plasmato il mondo delle interazioni, sperando che si potesse immaginare come portare queste particelle in presenza rivelata. Sempre coerente, con enorme dedizione al lavoro, Lattes era un mobilitante di pensiero con idee non sempre accettate o comprese. Per esempio, “Le macchine hanno anche la volontà”, ha detto in un’intervista televisiva. (HAMBURGER, 2005).

Lattes era un brasiliano brillante che ha sempre saputo cercare conoscenza, mezzi e compagni. Ha affrontato percorsi ancora oscuri della fisica, scoprendo nuovi fenomeni che ci rivelano la verità sulle configurazioni dell’universo. Seguì un percorso lodevole, continuando le opere di Wataghin, Occhialini, Damy e Schenberg.

RIFERIMENTI

ACADEMIA BRASILEIRA DE CIÊNCIAS. Samuel Wallace MacDowell. Disponível em: <http://www.abc.org.br/~smacdowell>. Acesso: 18 de dezembro de 2018.

BASSALO, J. M. F. César Lattes: Um dos Descobridores do Então Méson Pi. Cad. Cat. Ens. Fís., Florianópolis, 7(2): 133-148: ago. 1990.

FAPESP. Pioneiro da física ganha mostra. 23 de agosto de 2010. Disponível em: <http://agencia.fapesp.br/pioneiro_da_fisica_ganha_mostra/12667/>. Acesso: 5 de dezembro de 2018.

GIFALLI, M. INSTITUTO DE ESTUDOS AVANÇADOS DA UNIVERSIDADE DE SÃO PAULO. 12/09/2014. Disponível em: <http://www.iea.usp.br/pessoas/pasta-pessoaf/fernando-de-souza-barros>. Acesso: 18 de dezembro de 2018.

HAMBURGER, A. I. LATTES, Físico Brasileiro. REVISTA USP, São Paulo, n.66, p. 132-138, junho/agosto 2005.

LATTES, C. César Lattes: Descobrindo a Estrutura do Universo. Entrevistado por Jesus de Paula Assis. São Paulo UNESP, 2001.

MARCH. R. H. Ugo Camerini. Physics Today. 68, 7, 55 (2015). Disponível em: <http://physicstoday.scitation.org/doi/full/10.1063/PT.3.2853>. Acesso: 12 de dezembro de 2018.

MARQUES, A. Reminiscências de César Lattes (Recollection from Cesar Lattes). Revista Brasileira de Ensino de Física, v. 27, n. 3, p. 467 – 482, (2005).

OLIVEIRA, L. Perfil ­ César Lattes. IPEA. 2013. Ano 10 . Edição 78 ­ 16/01/2014.

RODITI, I. Dicionário Houaiss de Física. Rio de Janeiro: Objetiva, 2005.

SÓ BIOGRAFIAS. Guido Beck. Disponível em: <http://www.dec.ufcg.edu.br/biografias/GuidBeck.html>. Acesso: 19 de dezembro de 2018.

SOUZA BARROS, F. As passagens de Cesar Lattes e de Leite Lopes pela Ilha do Fundão: Notas e Discussões. Revista Brasileira de Ensino de Física, v. 35, n. 4, 4701 (2013).

THE WASHINGTON POST. SETH NEDDERMEYER, 80, DIES. February 2, 1988. Disponível em: <https://www.washingtonpost.com/archive/local/1988/02/02/seth-neddermeyer-80-dies/95e11307-e574-487d-bebc-6e6bbc2dfb7e/?utm_term=.7618ca66d69e>. Acesso: 21 de dezembro de 2018.

UNIVERSITY OF CALIFORNIA (SYSTEM) ACADEMIC SENATE. Milton E. Gardner, Physics: Davis. 1986, In Memoriam. Disponível em: <http://texts.cdlib.org/view?docId=hb767nb3z6&chunk.id=div00040&brand=calisphere&doc.view=entire_text>. Acesso: 21 de dezembro de 2018.

VIEIRA, C. L.; VIDEIRA, A. A. P. História e Historiografia da Física no Brasil. Revista de História e Estudos Culturais. Julho/Agosto/Setembro de 2007. Vol. 4. Ano IV. No. 13.

_________________. Luiz Freire: Semeador de vocações científicas. Revista Brasileira de Ensino de Física. v. 35, n. 2, 2602 (2013).

APPENDIX – RIFERIMENTI FOOTNOTE

3. “José Leite Lopes era un fisico brasiliano. Nacque a Recife nel 1918.” (RODITI, 2005, p.139). Ha lavorato in diversi campi della fisica, tra cui la meccanica quantistica e la teoria dell’unificazione delle forze.

4. Wataghin era un fisico russo naturalizzato italiano. Come fisico ha lavorato altrettanto bene in Fisica Teorica come in Fisica Sperimentale. In suo onore, l’Istituto di Fisica di UNICAMP è stato nominato Gleb Wataghin Institute of Physics. (RODITI, 2005).

5. Powell era un fisico britannico, vincitore del Premio Nobel per la Fisica 1950 per lo sviluppo del metodo fotografico per lo studio dei processi nucleari e per la scoperta del méson-p. (RODITI, 2005).

6. Marcello Damy de Sousa Santos è stato lo sviluppatore di una tecnica che ha permesso la scoperta delle docce di raggi cosmici penetranti, che ha lavorato nella produzione del sonar brasiliano, sviluppato Betraton, la prima macchina nucleare in Brasile e ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo della ricerca in fisica nel paese. (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

7. Paulus Aulus Pompeii era un fisico e ingegnere brasiliano che ha partecipato a molti esperimenti di rilevamento dei raggi cosmici. Ha creato l’Electron Microscopy Laboratory, una tecnica di analisi pionieristica ed estremamente potente. Ha fatto parte del Comitato Organizzatore del Centro Tecnico Aeronautico (COCTA). Si ritirò dall’ITA nel 1966, quando prese la presidenza di Fisica Applicata presso la Facoltà di Architettura e Urbanistica dell’USP (FAU-USP). (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

8. Occhialini è stato un fisico italiano che è stato responsabile delle principali attività pionieristiche di ricerca fisica nel paese presso l’USP nel 1930, formando il primo gruppo di studenti presso la Facoltà di Filosofia e Lettere, dove è stato uno dei fondatori del Dipartimento di Fisica, ora l’Istituto di Fisica. In Brasile, ha contribuito a formare i primi gruppi di fisici brasiliani, avendo tra i suoi studenti, Mario Schenberg e Cesar Lattes. Lattes lo accompagnò nel trasferimento a Bristol, dove incontrarono il gruppo di Cecil Frank Powell per scoprire la particella subatomica mesone-π. <http: agencia.fapesp.br/pioneiro_da_fisica_ganha_mostra/12667/=””>.</http:>

9. Joaquim Costa Ribeiro era un fisico brasiliano e ingegnere civile ed elettricista meccanico, condusse ricerche sperimentali sul comportamento della dielettrica associata alle transizioni di fase, avendo scoperto l’effetto elettrico termico quando studiava queste proprietà nel passaggio allo stato solido della cera di carnauba. Questo effetto divenne noto come effetto Costa-Ribeiro e consiste nella comparsa di cariche elettriche quando alcuni dielettrici si solidificano. Per la sua ricerca, ricevette nel 1946 l’Einstein Award dall’Accademia brasiliana delle scienze. (RODITI, 2005, p.54).

10. Mário Schenberg era un fisico brasiliano che si è distinto principalmente per la pionieristica fisica teorica e matematica. È stato invitato da Occhialini a lavorare come fisico teorico nel gruppo dei raggi cosmici dell’Università di Bruxelles, in Belgio. In Brasile, ha assunto la carica di direttore del Dipartimento di Fisica presso la Facoltà di Filosofia dell’USP. La sua gestione è stata caratterizzata dalla creazione di diversi laboratori, tra i quali il Solid State and Low Temperature Research Laboratory, oggi situato nella città universitaria del campus di San Paolo, nell’edificio che porta il suo nome. (BASSALO, 1990; MARQUES, 2005).

11. Camera di condensazione in cui la supersaturazione del vapore si ottiene attraverso una rapida espansione che produce raffreddamento adiabatico e che serve a rendere visibile la traiettoria delle particelle che, quando passano attraverso la fotocamera, formano goccioline. (RODITI, 2005, p.35).

12. Camerini era un fisico italiano che si unì al gruppo di Powell in cui i messon-π caricati scoprirono, così come varie modalità di decadimento dei K-meson. <http://physicstoday.scitation.org/doi/full/10.1063/PT.3.2853>.

13. Wilson era un fisico britannico che vinse il Premio Nobel nel 1927 per aver inventato la camera, che dimostrò le previsioni dell’effetto Compton e divenne nota come la macchina fotografica di Wilson. La sua motivazione originale era lo sviluppo di esperimenti che riproducevano la formazione delle nuvole in laboratorio. (RODITI, 2005, p.239).

14. Guido Beck era un fisico teorico austriaco, che condusse studi che contribuirono a definire il modello del nucleo atomico. Ha pubblicato ricerche sull’effetto Compton, la relatività generale, le onde elettromagnetiche, l’effetto fotoelettrico, le conseguenze dell’analogia tra il quantum della luce e l’elettrone, il problema dell’attrito nella meccanica quantistica e la classificazione degli isotopi, il cui lavoro su quest’ultimo tema, hanno contribuito efficacemente all’accettazione da parte della comunità scientifica dei concetti che hanno portato al modello degli strati del nucleo atomico. <http://www.dec.ufcg.edu.br/biografias/GuidBeck.html>.

15. Bohr era un fisico danese che nel 1913 propose un modello quantistico dell’atomo in cui presumeva che l’elettrone sarebbe stato posizionato in orbite circolari ben definite intorno al nucleo e che il passaggio da un’orbita all’altra sarebbe stato discontinuamente e con emissione o assorbimento di una quantità di energia. Nel 1922 vinse il Premio Nobel per la fisica per la sua ricerca sulla struttura degli atomi, così come le radiazioni che emettevano. (RODITI, 2005, p.27).

16. Yukawa era un fisico giapponese, vinse il Premio Nobel per la fisica nel 1949 per la sua teoria delle particelle elementari, in cui suggerì l’esistenza di una forza che teneva protoni e neutroni uniti nel nucleo atomico. Nel 1947, nel suo lavoro con Cesar Lattes, viene descritta la scoperta di una particella che rientra nelle caratteristiche previste da Yukawa. (RODITI, 2005, p.242).

17. Anderson è stato un fisico americano che nel 1977 ha ricevuto il Premio Nobel per la fisica per la sua ricerca sulla struttura elettronica dei sistemi magnetici e disordinati. I suoi vari lavori in Fisica della materia condensata, come le proprietà delle impurità nei solidi, l’accoppiamento dello spin, la superfluidità e la superconduttività hanno permesso progressi nell’elettronica, principalmente nella produzione di computer. (RODITI, 2005, p.11).

18. Neddermeyer era un fisico statunitense, co-scopritore del màon. Per aver partecipato alla scoperta del pàsitron, per la sua partecipazione alla scoperta del màon, la prima delle particelle subatomiche e per la sua invenzione della tecnica di implosione per l’assemblaggio di esplosivi nucleari, ha ricevuto nel 1982 il Premio Enrico Fermi. <https://www.washingtonpost.com/archive/local/1988/02/02/seth-neddermeyer-80-dies/95e11307-e574-487d-bebc-6e6bbc2dfb7e/?utm_term=.7618ca66d69e>.

19. Gardner era un fisico americano che durante la Seconda Guerra Mondiale si unì al MIT Radiation Laboratory di Cambridge, Massachusetts, dove aiutò in questo gigantesco sforzo per sviluppare e migliorare i sistemi radar. Era un insegnante eccellente e passava innumerevoli ore a perfezionare i voti e gli esami di classe, consigliando gli studenti e preparando e costruendo dimostrazioni di conferenze. <http://texts.cdlib.org/view?docId=hb767nb3z6&chunk.id=div00040&brand=calisphere&doc.view=entire_text>.

20. Enrico Fermi era un fisico di origine italiana, un americano naturalizzato che ha vinto il Premio Nobel per la fisica per la scoperta di nuovi elementi radioattivi prodotti dall’irradiazione di neutroni e l’induzione di reazioni nucleari da neutroni lenti. Scoprì anche le leggi statistiche che regolano le particelle soggette al principio di esclusione di Pauli; tali particelle sono venute ad essere chiamate Férmions. (RODITI, 2005, p.92).

21. Joaquim Gomes de Sousa era un matematico, astronomo, filosofo e parlamentare brasiliano. È stato pioniere degli studi matematici in Brasile. A soli diciannove anni, ottenne un dottorato di ricerca in Matematica e un dottorato in Scienze Fisiche e Naturali per i laureati dell’istituto con la tesi intitolata The Way to Indagar New Stars without the Aid of Direct Observations nel 1848, dai disturbi osservati nel comportamento delle orbite delle stelle conosciute, senza l’uso dell’osservazione diretta. <http://www.dec.ufcg.edu.br/biografias/JoaGSouz.html>.

22. Luís de Barros Freire era un fisico brasiliano, entrato come professore alla Scuola di Ingegneria di Pernambuco nel 1921, dove si distinse per aver scoperto talenti tra i giovani che vivevano a Recife. Nel 1933, su indicazione del neuroscienziato Miguel Ozório de Almeida, divenne membro corrispondente dell’Accademia brasiliana delle scienze (ABC). <http://www.scielo.br/pdf/rbef/v35n2/29.pdf>.

23. Samuel Wallace MacDowell è un fisico brasiliano specializzato in Fisica delle Particelle che conduce ricerche nei settori delle interazioni deboli e forti, delle teorie del campo di Gauge, della supersimmetria e della supergravità. <http://www.abc.org.br/~smacdowell>.

24. Fernando de Sousa Barros era un fisico e ingegnere brasiliano. Nato a Recife nel 1929, si laureò in Ingegneria Civile presso l’Università Federale di Pernambuco (UFPE) nel 1952. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Fisica Nucleare presso l’Università di Manchester (1960), Inghilterra. Nel 1964 fu assunto come ricercatore e poco dopo come professore alla Carnegie-Mellon University di Pittsburgh, Stati Uniti. Tornò in Brasile negli anni ’70 per implementare il Corso di Fisica presso l’Università Federale di Rio de Janeiro (UFRJ). È stato professore ordinario di UFRJ per 26 anni, ritirandosi nel 1999, ed è stato presidente della Società Brasiliana di Fisica dal 1983 al 1985. < http://www.iea.usp.br/pessoas/pasta-pessoaf/fernando-de-souza-barros>. Faleceu em 8 de novembro de 2017.

[1] Laurea in Scienza e Tecnologia.

[2] Consulente di orientamento. Dottorato in Filosofia. Laurea magistrale in Filosofia. Laurea in Fisica.

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

Rate this post

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here