L’importanza dell’etica professionale dell’estetista nel rapporto con il cliente

0
211
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

RECENSIONE ARTICOLO

GOES, Patrícia de Campos [1], BARRETO, Larissa Cerqueira Cardoso [2]

GOES, Patrícia de Campos. BARRETO, Larissa Cerqueira Cardoso. L’importanza dell’etica professionale dell’estetista nel rapporto con il cliente. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 07, Vol. 13, pp. 153-172. luglio 2019. ISSN: 2448-0959

Il lavoro attuale si propone di dimostrare l’importanza dell’etica professionale dell’estetista nel rapporto con il cliente. Per dimostrare l’importanza di agire eticamente, discutiamo dei concetti di etica e morale, dell’eccellenza della condotta etica nei principali contesti che guidano il posto di lavoro del tecnologo nell’estetica e nei cosmetici, e di quanto sia importante l’esistenza Del Codice Etico per questa categoria Professionale, in quanto si tratta di un documento che specifica, oltre ai diritti e ai doveri, che è eticamente virato alla pratica della professione e alle possibili punizioni in caso di disobbedienza a ciò che è determinato in essa. La metodologia utilizzata è stata suddivisa in due fasi, la prima è una ricerca bibliografica, in cui le opere scientifiche e letterarie hanno solidificato la base teorica, e la seconda, un’indagine quantitativa attraverso un questionario applicato agli studenti di Corso estetico e cosmetico presso la Tiradentes University, lavorando nella zona. Le risposte ottenute nel questionario hanno indicato che, sebbene la maggior parte ammetta l’importanza del codice etico, alcuni intervistati, per scelta, hanno ancora atteggiamenti non etici. D’altra parte, la maggior parte di loro hanno assistito ad atti praticati da professionisti che non si conformano all’etica.

Parole chiave: etica, etica professionale, etica estetica.

1. INTRODUZIONE

Durante il corso accademico dello studente di estetica, vengono presentate diverse discipline teoriche e pratiche al fine di renderlo intellettualmente e tecnicamente addestrato per esercitare con la proprietà e la sicurezza la professione. Tuttavia, una buona evita professionale, oltre alla conoscenza delle innumerevoli procedure che la professione permette loro di svolgere, di possedere consapevolezza e riflessione sui valori etici sia a contatto diretto con il cliente, come in Ambiente di lavoro, biosicurezza, contesto commerciale e segretezza professionale (BATAGLIA e BORTOLAN, 2012).

In Brasile, il Ministero dell’Istruzione – MEC, ha formalmente suggerito, nel 1992, l’inclusione della disciplina etica nei programmi di alcuni corsi universitari, evidenziando l’importanza dello sviluppo di una posizione etica nei futuri professionisti di Diverse aree di conoscenza (ARRUDA, RAMOS, 2003, Apud, OLIVEIRA et al. 2010).

L’etica è indispensabile per il professionista in quanto “farlo”, che si riferisce alla competenza per la pratica della professione e “l’azione”, che si riferisce alla condotta professionale, sono interconnessi. Poiché si basa su una filosofia di valori compatibili con la natura e alla fine di ogni essere umano, l'”azione” della persona umana è condizionata ai presupposti di base “ciò che è” l’Uomo e “per il quale vive”. Pertanto, la formazione tecnica o scientifica deve essere in comunione con i principi etici essenziali (MOTTA, 1984).

Ogni essere etico pensa prima di agire, e agisce sapendo che dovrà prendere i risultati (CHAUI, 2000). Così, il professionista estetico è responsabile delle conseguenze degli atteggiamenti che possono venire a confrontarsi con i valori imposti dalla società o a danneggiare il cliente. L’etica è intrinsecamente legata alla nozione di autonomia individuale (MAY apud SOU’U-A, ARA-JO, 2015). Agendo eticamente, il professionista intellettualmente qualificato può fornire al cliente una sicurezza tecnica ed emotiva nell’esecuzione delle procedure.

Per rispondere al problema di questo lavoro attuale, vale a dire, il motivo per cui l’etica professionale dell’estetista è importante nel rapporto con il cliente, abbiamo come ipotesi la necessità dell’estetista di possedere, oltre alla conoscenza Tecnico e intellettuale, etica nell’esercizio della professione al fine di svolgere con professionalità le sue attività, la cui rilevanza sono i vari casi di procedure che, a causa della mancanza di rispetto per le condotte etiche, ha provocato danni materiali e fisici a cliente. Questa ricerca ha come obiettivo generale, quello di identificare con gli studenti del corso estetico recitazione nel settore, la percezione dell’etica nella pratica della professione. Per servirla, è necessario descrivere i concetti di etica e morale, dimostrare l’etica nella condotta professionale, nell’anamnesi e nell’informazione al cliente, nella biosicurezza, nel contesto commerciale, nel segreto professionale e nel codice etico, nonché Per analizzare le risposte ottenute dalla popolazione selezionata.

2. FONDAMENTO TEORICO

Questo capitolo si concentra sulla dimostrazione del quadro teorico che sostiene l’obiettivo dello studio. La definizione concettuale di etica, il suo rapporto con la morale, le sue applicazioni nel contesto estetico, così come l’importanza della creazione di un codice etico per i beautisti saranno portati nella baila.

2.1 ETICA X MORALE

I termini etici e morali sono spesso usati come sinonimi causando confusione e ostacolare la comunicazione e l’elaborazione del pensiero di coloro che hanno bisogno di usarli (PEDRO, 2014). Nonostante la confusione, i termini sono molto diversi. L’etica, che deriva dall’ethos greco, significa il carattere dell’individuo nella società, e morale, che deriva dal morale latino, significa consuetudine o insieme di regole acquisite nel tempo (BARROS, 2010).

Mentre l’etica si fonde in tre prerequisiti: percezione dei conflitti (coscienza); Autonomia (condizione di posizionamento stesso in modo attivo e autonomo entra nella ragione e nell’emozione); e la coerenza, la morale presuppone tre caratteristiche: i loro valori non sono in discussione; I loro valori sono imposti; e la disobbedienza alle regole presuppone la punizione (COHEN, SEGRE, 1995). In breve, l’etica sono le buone azioni liberamente e spontaneamente della persona, e morale è un insieme obbligatorio di norme che governano la condotta umana (RICOEUR, 1990).

2.2 ETICA NELLA CONDOTTA PROFESSIONALE

Un buon professionista deve, oltre ad avere conoscenze tecniche e giuridiche sulle procedure che possono essere eseguite ed essere rigorosamente conformi alla cura in materia di biosicurezza, vestirsi in modo appropriato, evitando costumi incompatibili con il Ambiente di lavoro e possedere un comportamento educato e gentile con il cliente e altre persone che, continuamente o sporadico, frequentano il sito.

Per quanto riguarda l’accoglienza e il trattamento del cliente, è di fondamentale importanza che lo zelo e il rispetto siano presenti in tutti gli atteggiamenti. L’Assocemsp (Associazione di Cosmetologia Professionisti estetica e trucco dello stato di San Paolo), nel suo codice etico, enumera nelle sezioni I a III d’arte. 7, capitolo III, che si occupa del rispetto per il cliente, dei doveri e degli obblighi che l’estetista deve possedere in relazione al cliente per quanto riguarda il comportamento abituale nella gestione quotidiana della cura, data la diversità della clientela, poiché, identità, religione, Le convinzioni politiche e filosofiche non sono fattori che dovrebbero influenzare la cura.

Art. 7 o – L’estetista in relazione ai clienti ha i seguenti compiti e obblighi:

I – Rispettare l’individualità, la dignità e i diritti fondamentali della persona umana;

II – Sapere come ascoltare il tuo cliente e mostrare empatia;

III – Rispetto delle convinzioni religiose, politiche e filosofiche del cliente.

2.3 ETICA IN ANAMNESIS E INFORMAZIONI del CLIENTE

È nel completamento della cartella di anamnesi che il professionista ha il primo contatto con i dati informativi e i desideri del cliente. È quando, sotto forma di colloquio, dovrebbe essere fatto senza fretta, il professionista raccoglie le informazioni necessarie che, analizzate, determineranno la migliore procedura da eseguire (STT, 2015; D’EPÈSE, 1879; BICKLEY, 2015). Uno dei fattori che influenzano maggiormente la portata di un’adeguata anamnesi è il tempo che gli è dedicato. Se il professionista accelera il colloquio, ci possono essere difetti rilevanti che possono compromettere l’obiettivo da raggiungere (BALDUINO, 2012).

La Federazione Brasiliana dei Professionisti Estetici (FEBRAPE, 2003), informa nella sezione V dell’articolo 3 del Codice Etico dei Beautici, che è loro dovere, fare l’anamnesi estetica preventiva del cliente, di sottoporsi alla sua procedura.

Art. 3-I doveri dell’estetista:

[…]

V – Fare l’anamnesi estetica preventiva del cliente, che si sottostano alla sua procedura.

ASSOCEMSP (Associazione di Cosmetologia Professionisti estetici e trucco dello stato di San Paolo), nella sezione IV dell’articolo 7 del suo Codice etico, informa che l’estetista deve informare il cliente della sua condizione alle procedure che gli verranno applicate.

Art. 7 o – L’estetista in relazione ai clienti ha i seguenti compiti e obblighi:

[…]

IV – Informare il cliente in anticipo, le sue condizioni, le procedure e le tecniche da applicare, secondo le possibilità professionali e i limiti dell’estetista.

Una volta definita la procedura, il suo processo, i rischi, la cura e i risultati attesi dovrebbero essere chiaramente valutati al cliente e i suoi possibili dubbi, rimediati. In questo modo, il rapporto tra di loro richiederà solide basi di fiducia.

2.4 ETICA IN BIOSAFETY

Quando si parla di estetica, si apre una vasta gamma, e in esso abbiamo diverse attività, dove in alcuni sono utilizzati solo cosmetici, altri, prodotti chimici, e anche perforare oggetti e attrezzature.

Considerando che un gran numero di professionisti che lavorano in estetica non ha ricevuto formazione, si deduce che la biosicurezza è un argomento poco noto, favorendo così la trasmissione silenziosa di microrganismi a causa di un ambiente non protetto ( JOHNSON et al., 2001; (WA-IR et al.,2008).

Nel contesto dell’estetica, la biosicurezza mira a controllare e ridurre al minimo i rischi chimici e biologici. A tal fine, si sottolinea l’importanza dell’uso di dispositivi di protezione personale (PPE), l’igiene delle mani, lo smaltimento di materiali perforanti taglienti, la copertura vaccinale e la lavorazione dei dispositivi utilizzati in pratica (NEVES et al., 2007). La biosicurezza comprende anche le cure che comprendono attrezzature di protezione collettiva (EPC), disinfezione e sterilizzazione di tutti gli strumenti non usa e getta, sia piercing che meno (TONETA, AGOSTINI, 2017), oltre a rispettare le regole Definito dalla National Health Surveillance Agency (ANVISA), per quanto riguarda lo stoccaggio, il controllo del prodotto e la manutenzione delle apparecchiature.

2.5 ETICA NEL CONTESTO COMMERCIALE

Con la globalizzazione e la competitività del mercato, e puntando alla soddisfazione del cliente, così come i dipendenti, fornitori e la società in generale, è aumentata la ricerca di professionisti che soddisfino i principi etici (BASTOS; Yamamoto RODRIGUES, 2015). Così, il professionista, al fine di preservare la sua integrità individuale e di classe, deve contestare qualsiasi consenso o coinvolgimento in opere e affari dubbie (DOTTO, 2002).

È chiaro che la pratica dell’attività mira, oltre al riconoscimento, al profitto. Tuttavia, ciò dovrebbe essere ottenuto a causa di una concorrenza leale e non dell’uso di artifici che denigrano l’immagine e la competenza dei colleghi della professione. Gli articoli III e VI dell’articolo 4 del Codice estetico delle estetiste, informano il divieto della pratica di atti sleali con i colleghi della professione, nonché la pratica di qualsiasi tipo di imbarazzo per il collega della professione che mira al suo lavoro, posizione o funzione . Come esempio di atto ingiusto, possiamo citare la diffamazione del lavoro altrui e l’uso dell’idea di un altro, al fine di ottenere profitto e una maggiore posizione nell’ambiente di lavoro (FEBRAPE, 2003).

Art. 4 – dai divieti alle estetiste:

[…]

III-praticare atti di slealtà con i colleghi di professione;

[…]

VI-it è considerato una mancanza di etica della moralità professionale, causando qualsiasi tipo di imbarazzo ad un altro estetista, che mira, quindi, a raggiungere il suo lavoro, posizione o funzione.

È interessante notare che una buona azienda, oltre a presentare un profitto, deve offrire un ambiente moralmente gratificante, permettendo alle persone di sviluppare le proprie conoscenze specialistiche (ARRUDA, WHITAKER e RAMOS, 2003).

2.6 ETICA NEL SEGRETO PROFESSIONALE

Nel dizionario Aurélio (FERREIRA, 2006), “Segreto” è registrato come sinonimo di segretezza. Il “segreto professionale” è indicato come il “dovere etico che ostacola l’evoluzione delle questioni riservate legate alla professione”.

Quando è centrato sulla necessità e sul diritto del cittadino all’intimità, il segreto professionale è diventato più rigoroso, diventando inteso come riservatezza, trasformandosi in un dovere giusto, cioè il diritto di una parte genera dovere L’altro. Così, essendo la riservatezza un diritto del cliente, il professionista viene generato un obbligo specifico (LOCH, 2003; GRACIA, 1998).

Affinché il trattamento sia efficace e il raggiungimento dell’obiettivo migliore, il professionista ha bisogno che il cliente gli dia determinate informazioni (KOTTOW apud PERES et al., 2008). Queste informazioni non devono essere rese pubbliche, poiché “tutte le informazioni condivise devono essere rispettate e utilizzate esclusivamente per lo scopo in cui sono state rivelate” (STYFFE, 1997, p. 21-8). La riservatezza è dovuta a tutti coloro che, a causa della loro attività professionale, hanno accesso ai dati personali del cliente (GRACIA apud D’espindula, 2017). Il dovere di mantenere la segretezza non è solo etico, ma legale. La Costituzione brasiliana del 1988, nel titolo relativo ai Principi fondamentali, garantisce:

Art. 5 o Tutti sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di alcun tipo, garantendo ai brasiliani e agli stranieri che risiedono nel paese l’inviolabilità del diritto alla vita, alla libertà, all’uguaglianza, alla sicurezza e alla proprietà, nei seguenti termini:

[…]

X – L’intimità, la vita privata, l’onore e l’immagine delle persone sono inviolabili, garantendo il diritto all’indennizzo, per il danno materiale o morale derivante dalla loro violazione;

Al fine di tutelare il carattere di fiducia nei rapporti professionali, la riservatezza delle informazioni è garantita dal codice penale brasiliano (DECREE LAW N. 2.848 del 07 dicembre 1940), che descrive nel suo articolo 154, il reato di violazione del segreto professionale:

Art. 154 – Rivelare qualcuno, senza giusta causa, segreto, di cui ha la scienza sulla base della funzione, del ministero, dell’artigianato o della professione, e la cui rivelazione può produrre danni agli altri:

Pena – detenzione, da tre mesi a un anno, o multa.

2.7 CODICE ETICO

L’obiettivo principale di un codice etico è sintetizzato da quattro elementi: competenza, segretezza, integrità e obiettività. La competenza riguarda il livello di preparazione tecnico-professionale e l’adesione alle norme e ai precetti giuridici, nonché la capacità di preparare relazioni chiare e complete. La riservatezza mostra il grado di prenotazione che il professionista ha con le informazioni affidategli dai clienti. L’integrità dimostra la condotta dei professionisti di fronte alla loro classe, clienti e concorrenti, e può essere smembrato in fattori che vanno dal loro comportamento sociale ai loro atteggiamenti individuali. L’obiettività dimostra il grado di chiarezza che i professionisti hanno nel trattare e trasmettere informazioni ai clienti, nonché la divulgazione di dati pertinenti che possono influenzare le decisioni da parte loro (LISBOA, 1997).

Sebbene alcuni elementi dell’etica professionale siano applicabili a qualsiasi professione perché sono universali, come l’onestà, la competenza e la responsabilità, ogni professione deve avere un proprio codice etico, contemplando diritti, obblighi, Attività, responsabilità, divieti e impedimenti, in considerazione della loro area di competenza, perché oltre a valorizzare la professione, dà sostegno al cliente in possibili dubbi. Per le regole da applicare ai professionisti estetici, la Federazione Brasiliana di Professionisti Estetici (FEBRAPE) è stata fondata il 08 luglio 2003, che, oltre a cercare di unificare le associazioni di atesisti, ha sul regolamento Di questi professionisti e li rappresenta davanti a governi, istituzioni ed enti (SOU-A, ARAUJO, 2015).

3. METODOLOGIA

Sono state eseguite due fasi per lo sviluppo del presente studio. Inizialmente, attraverso consultazioni in letteratura scientifica legate al tema, utilizzando la combinazione di parole chiave: professionale, etico, morale, etica professionale, Codice Etico, estetista, estetica, biosicurezza, riservatezza Professionale, cliente, comportamento professionale, nella Costituzione federale, Codice penale, ANVISA, ASSOCEMSP, FEBRAPE e MEC, è stata effettuata una revisione bibliografica. Gli articoli selezionati sono stati pubblicati tra il 2001 e il 2017.

Poi, è stata effettuata un’indagine quantitativa, il cui strumento di raccolta era un questionario composto da quattro domande chiuse, applicato a 50 studenti del corso estetico e cosmetico dell’Università Tiradentes, lavorando nel settore, che hanno risposto in Le dipendenze dell’università tra ottobre e novembre 2018.

I dati ottenuti sono stati tabulati nel programma Microsoft Excel 2016 e hanno composto i risultati. Tenendo conto del fatto che i volontari lavorano già nel campo dell’estetica, e al fine di ottenere risposte reali, è stato garantito l’anonimato e la riservatezza di tutte le informazioni. Pertanto, non vi era alcun rischio di imbarazzo o disagio nel rispondere al questionario, né di comprometterli professionalmente. È interessante notare che l’identità dei volontari non è rilevante nell’obiettivo di questo studio.

4. RISULTATI E DISCUSSIONI

Per conoscere la percezione della pratica etica, così come quanto sia importante comprendere l’esistenza di un codice etico, 50 studenti del corso estetico e estetico dell’università Tiradentes, lavorando sul posto, hanno risposto a un questionario composto da Quattro domande dirette si sono concentrate sul tema di questa ricerca. Di conseguenza, abbiamo ottenuto:

Figura I-Induzione del cliente per condurre procedure inadeguate

Fonte: L’autore (2018).

Alla luce della questione dell’introduzione di una procedura inadeguata al problema presentato dal cliente, l’88% della popolazione interrogata ha affermato che non avrebbe indotto il cliente a un trattamento insoddisfacente, mentre il 12% ha affermato che avrebbe indotto.

Agire con etica nell’informazione al cliente consiste nel discernimento per trovare il criterio della scelta eleba (SO-UA, ARA-JO, 2015). I risultati ottenuti indicano che la maggior parte dei professionisti estetici offrono al cliente la procedura che fornisce un effetto migliore alle loro esigenze.

Figura II-atti etici tra i professionisti estetici

Fonte: L’autore (2018)

Alla domanda se avessero già assistito a un atto non etico tra i colleghi della loro professione, l’80% ha detto di sì, mentre il 20% non ha assistito a una situazione del genere. Trascurare il lavoro degli altri o causare qualsiasi tipo di imbarazzo a un collega di professione, al fine di raggiungere il suo lavoro, posizione o funzione, consiste in un atto ingiusto e non etico (FEBRAPE, 2003, art. 4 o VI). Nonostante l’esistenza di norme che governano la professione, è stato osservato che la maggior parte dei professionisti non li mette in pratica come dovrebbero, causando così una postura non etica (SO-A, ARA-JO, 2015).

Figura III – Divulgazione di informazioni riservate

Fonte: L’autore (2018)

Interrogato sulla divulgazione di informazioni riservate, il 94% degli accademici che lavorano nella zona ha dichiarato di aver sentito informazioni da professionisti sui loro clienti, mentre il 6% ha negato di aver sentito informazioni di questa specie.

La riservatezza presuppone che l’individuo, quando condivide le informazioni, debba essere rispettato e utilizzato solo per lo scopo per cui è stato rivelato (STYFFE, 1997). È stato osservato che la grande maggioranza dei professionisti ha un atteggiamento non etico verso il non mantenere la riservatezza delle informazioni che ricevono nella riservatezza del cliente.

Figura IV – Importanza dell’esistenza di un codice etico per la professione di Estetista

Fonte: L’autore (2018)

Tra la popolazione intervistata, il 92% ritiene importante l’esistenza di un codice etico nella professione di tecnologo nell’estetica, mentre l’8% non ne considerava importanza. In base a questo risultato, si osserva che la grande maggioranza dei professionisti è preoccupata di lavorare secondo il documento che raccoglie i valori che la cultura di una data società ritiene necessari per i suoi membri di interagire (MAY Apud SOU-A, ARA-JO, 2015, p. 11).

5. CONSIDERAZIONI FINALI

I risultati ottenuti dimostrano chiaramente che, la stragrande maggioranza dei futuri professionisti dell’area estetica dell’Università di Tiradentes, già attiva sul posto, hanno la scienza dell’importanza dell’esistenza del Codice etico, e sviluppare le loro attività di Secondo quello che presunga. Purtroppo, 06 degli intervistati indurrebbero i loro clienti a eseguire procedure senza riluttanza, e 04 credono che il codice etico sia sacrificabile.

Poiché questi dati provenivano da domande indirizzate agli atteggiamenti morali ed educativi dello studente, si percepisce che, per quanto l’università di Tiradentes trasmetta e discuta nel corso dei modi corretti di agire, forme che sono note per Qualsiasi essere umano, alcuni ancora optano per essere immorale. D’altra parte, interrogati sugli atteggiamenti di terzi, i risultati sono stati disastrosi. Occorre combattere gli atti non etici tra colleghi di professione volti al profitto e alla mancanza di rispetto del segreto professionale.

L’obiettivo di questa ricerca è stato raggiunto, in quanto identificato con gli studenti del corso estetico e cosmetico dell’università Tiradentes lavorando sul settore, la percezione dell’etica nella pratica della professione. Ciò che ci si aspetta è che, con l’inserimento di tecnologi in estetica sempre più qualificati e specializzati nel mercato del lavoro, vi sia una graduale crescita della consapevolezza morale di coloro che forniscono il loro servizio in modo non etico, sia nell’Anamnesi, in La biosicurezza, nel contesto commerciale, il segreto professionale e la condotta professionale, nonché la ricerca della conoscenza in modo che la professione sia sempre più rispettata.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ARRUDA, M. C. C. de; WHITAKER, M. C.; RAMOS, J. M. R. Fundamentos de ética empresarial e econômica. 3. ed. São Paulo: Atlas, 2003.

ARRUDA, M. C. C. de; WHITAKER, M. C.; RAMOS, J. M. R, 2003. ANVISA. Agência Nacional de Vigilância Sanitária, São Paulo, Lista de medicamentos sujeitos a notificação simplificada. Disponível em: http://www.anvisa.gov.br/servicosaude/manuais/manual_seg_hosp.htm Acesso em 21 de agosto de 2018.

ASSOCEMSP. Associação dos profissionais de cosmetologia, estética e maquilagem do Estado de São Paulo, Código de Ética dos Profissionais de Estética, São Paulo, Disponível em: http://www.sindestetica.org.br/wp-content/uploads/2018/01/C%C3%93DIGO-DE-ETICA-DA-PROFISS%C3%83O.pdf Acesso em 21 de agosto de 2018.

BALDUINO, P. M.; PALIS, F. P.; PARANAÍBA, V. F.; ALMEIDA, H. O.; TRINDADE, E. M. V. A perspectiva do paciente no roteiro de anamnese: o olhar do estudante. Rev. Bras. Educ. Med. 2012;36(3):335-342. Disponível em: http://www.scielo.br/pdf/rbem/v36n3/07.pdf . Acesso em 28 de julho 2018.

BARROS, M. F. R. A ética no exercício da profissão contábil. 2010. Monografia (Bacharelado em Ciências Contábeis) – Instituto de Ciências Econômicas e Gerenciais, Pontifícia Universidade Católica de Minas Gerais, Belo horizonte, 2010. Disponível em: http://sinescontabil.com.br/monografias/trab_profissionais/rosiane.pdf Acesso em 22/10/2018.

BASTOS, A. V. B.; YAMAMOTO, O. H.; RODRIGUES, A. C. A. Compromisso social e ético: desafios para a atuação em psicologia organizacional e do trabalho. Borges & Mourão (orgs.). 2015. Disponível em: http://www.larpsi.com.br/media/mconnect_uploadfiles/c/a/cap_01ccc.pdf . Acesso em 21 de agosto de 2018.

BATAGLIA, P. U. R.; BORTOLANZA, M. R. Formação profissional e conceitos de moral e ética em estudantes de psicologia. Revista Psicologia: teoria e prática, São Paulo, v. 14, n. 2, p. 126-140, 2012. Disponível em: http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1516-36872012000200011 . Acesso em: 01 de agosto de 2018.

BICKLEY, L. S. B. Propedêutica Médica / Lynn S. Bickley; Peter G. Szilagyi; tradução Maria de Fátima Azevedo. – 11. ed. – Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2015, p.85. Disponível em: file:///C:/Users/trici/Downloads/Bates,%20Proped%C3%AAutica%20M%C3%A9dica%20(Bickley)%2011.%20ed.%20-%20www.meulivro.mobi.pdf

BRASIL. Constituição Federal. Brasília: Senado Federal, 1988.

BRASIL. Código Penal. Decreto-lei n. 2.848, de 7 de dezembro de 1940. In Vade mecum penal e processual penal. 3ª ed. Niterói, RJ: Impetus, 2012.

CHAUI, M. Convite à Filosofia. Ed. Ática, São Paulo, 2000, p.89. Disponível em: http://home.ufam.edu.br/andersonlfc/Economia_Etica/Convite%20%20Filosofia%20-%20Marilena%20Chaui.pdf

COHEN C.; SEGRE M. Definição de valores, moral, eticidade e ética. In: Segre M, Cohen C, organizadores. Bioética. São Paulo: EDUSP; 1995. p.13-22

D’EPHÈSE R. De L’intérrogatoire Des Malades. In: Oeuvres De Rufus D’ephè se. Paris: Imprimerie Nationale,1879:196–218.

D’ESPINDULA, T. C. A. S. Privilégio terapêutico e os códigos de ética médica brasileiros: uma reflexão bioética. 2017, p.9. Dissertação (Pós-Graduação em Bioética) – Escola de Ciências da Pontifícia Universidade Católica do Paraná. Disponível em: http://www.biblioteca.pucpr.br/pergamum/biblioteca/img.php?arquivo=/000061/0000615e.pdf

DOTTO, M. L. G. Comportamento Ético do Profissional de Contabilidade: Pesquisa no setor hoteleiro de Cascavel – PR. 2002. 152f. Dissertação (Mestrado Engenharia de Produção) – Universidade Federal de Santa Catarina, Florianópolis. Disponível em: https://repositorio.ufsc.br/xmlui/bitstream/handle/123456789/82763/189498.pdf?sequence=1&isAllowed=y

FEBRAPE. Federação Brasileira dos Profissionais Esteticistas, 2003. Disponível em: http://febrapeestetica.blogspot.com/p/codigo-de-etica-profissional-do.html Acesso em 21 de agosto de 2018.

FERREIRA, A.B.H. Novo dicionário Aurelio, versão 5.0; 2006.

GRACIA, D. Fundamentos de bioética. Madrid: Editorial Triacastela, 2007.

GRACIA, D. La confidencialidad de los datos genéticos. In: Gracia D. Ética y vida: ética de los confines de la vida. Santa Fé de Bogotá: Buho; 1998. p. 137-50.

JOHNSON, I. L.; DWYER, J. J. M.; RUSEN, I. D.; SHAHIN, R.; YAFFE, B. Survey of Infection Control Procedures at manicure and Pedicure Establishments in North York. Rev Canad de Saint Pub, v. 92, n. 2, p. 134-137, 2001.

KOTTOW, M. H. Stringent and predictable medical confidenciality. In: Gillon R. Principles of health care ethics. Chichester: John Wiley and Sons; 1994. p. 471-8

LISBOA, 1997, apud, DANTAS, B. E. ÉTICA NA CONTABILIDADE: proposta de adoção de princípios de conduta em empresa pública de administração indireta. Belo Horizonte, 2013. Disponível em: http://www.sinescontabil.com.br/monografias/trab_profissionais/etica-nacontabilidade-proposta-adocao.pdf . Acesso em 29 de julho de 2018.

LOCH, J. A. Confidencialidade: natureza, características e limitações no contexto da relação clínica. Rev. Bioética. 2003;11(1):51-64.

MAIO, M. Tratado de medicina estética, 2.ed. São Paulo: Roca, 2011.

MEC. Introdução aos parâmetros curriculares nacionais. Brasília: MEC/SEF, 1998.

MOTTA, N. S. Ética e vida profissional. Rio de Janeiro: Âmbito Cultural, 1984, p.69.

NEVES, T. P.; PORTO, M. F. S.; MARINHO, C. L. C.; BRAGA, A. M. C. B. O conceito de biossegurança à luz da ciência pós-normal: avanços e perspectivas para a saúde coletiva. Saúde Soc., São Paulo, v. 16, n. 3, p. 158-168, 2007.

OLIVEIRA, M. C. S. M. de et al. A importância e o conhecimento sobre ética: o olhar de discentes do curso de Ciências Contábeis. Belo Horizonte, 2010, p.1. Disponível em: https://anaiscbc.emnuvens.com.br/anais/article/download/837/837

PEDRO, A. P. Ética, moral, axiologia e valores: confusões e ambiguidades em torno de um conceito comum. Kriterion: Revista de Filosofia, Belo Horizonte, v. 55, n. 130, p. 483-498, dez. 2014. Disponível em: http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0100-512X2014000200002 Acesso em 22/10/2018.

PERES, S. H. C. S. Sigilo profissional e valores éticos. Revista RFO, v.13, n.1, p.7-13, janeiro/abril 2008. Disponível em: http://seer.upf.br/index.php/rfo/article/view/583 . Acesso em 28 de julho de 2018.

RICOEUR, P. Éthique et Morale. Revista Portuguesa de Filosofia, tomo XLVI, fasc. 1, Janeiro-Março 1990, pp. 5-17 [Publicado também em Lectures 1, Autour du politique. Paris: Seuil, 1991, pp.258-270]. Disponível em: http://www.scielo.mec.pt/scielo.php?script=sci_nlinks&ref=000108&pid=S0807-8967201200020002700004&lng=pt

SOUZA, L. R. M; ARAÚJO, F. Q. Ética profissional no contexto da estética e beleza. 2015. p.19. Curso de tecnologia em estética e imagem pessoal. Universidade Tuiuti do Paraná, Curitiba, 2015.

STYFFE, E. J. Privacy, confidenciality, and security in clinical information systems: dilemmas and opportunities for the nurse executive. Nurs Admin Q. 1997; 21: 21-8.

SWARTZ, M. H. Tratado de semiologia médica: História e exame clínico, 7 ed. Elsevier, 2015. Cap.1: As Questões da anamnese, p.5-6.

TONETA, P.; AGOSTINI, V. W. A preocupação com a biossegurança em clínicas de estética e salões de beleza. Anuário de Pesquisa e Extensão da Unoesc Videira, v.2, p. 1-14, 2017.

WAZIR, M. S.; MEHMOOD, S.; AHMED, A.; JADOON, H. R. Awareness among barbers about health hazards associates with their profession. J Ayub Med Coll Abbottabad, v. 20, n. 2, p. 35-8, 2008.

appendice

QUESTIONARIO APPLICATO

questionario

Università tiratori

Siete invitati a rispondere a questo questionario, composto da quattro domande oggettive, che faranno parte della raccolta dei dati della ricerca il cui titolo è “L’importanza dell’etica professionale dell’estetista nel rapporto con il cliente”, sotto la responsabilità di Accademico del corso estetico e estetico presso l’Università tiradentes, Patrizia de Campos Va.

Non dovrai identificarti.

Domande:

  1. Induceresti il cliente a eseguire una procedura, anche se non è l’ideale per la situazione che presenta?

() NO () NO

  1. Avete mai assistito a un atto non etico (che causa imbarazzo a un collega della professione) al fine di ottenere profitto e/o posizione sul posto di lavoro?

() NO () NO

  1. Avete sentito da un altro professionista, informazioni sui clienti che dovrebbero essere confidenziali?

() NO () NO

  1. Ritiene importante l’esistenza di un codice etico nella professione di tecnologo nell’estetica?

() NO () NO

[1] Laureato in Economia (1994); Laureato in Giurisprudenza (2008); Studente universitario in estetica e cosmetici.

[2] Laurea in fisioterapia presso Faculdade Estècio de Sergipe (2012). Post-laureato in fisioterapia Dermatofunzionale presso l’Universidade Estìcio de Sà-RJ. Specialista in Fisioterapia Dermatofunzionale da parte dell’Associazione Brasiliana di Fisioterapia Dermatofuncionale/Consiglio Federale di Fisioterapia e Terapia Occupazionale (ABRAFIDEF/COFFITO). Pilates Training di qualificazione. Formazione in terapia bioortomolecolare dell’Instituto Isa Prudome. Ministro di diversi corsi nell’area della fisioterapia/estetica/abbellimento di Dermatofuncional.

Inviato: Maggio, 2019.

Approvato: luglio 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here