Il ruolo dell'assistente sociale presso l'Oncologia Paziente casa

0
807
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

SILVA, Dulciléia Martins da [1], DENDASCK, Carla Viana [2], OLIVEIRA, Euzébio de [3]

SILVA, Dulciléia Martins da; et.al. Il ruolo dell'assistente sociale presso l'Oncologia Paziente casa. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 8. Anno 02, Vol. 05. pp 39-51, novembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

Obiettivo: analizzare l'intervento professionale dei Servizi Sociali per il paziente l'area Oncology, visti i problemi relativi al soggetto, vale a dire, le difficoltà incontrate dai pazienti affetti da cancro ad adattarsi al ricovero e il trattamento della malattia, se si considera che il cancro è ancora considerata una malattia stigmatizzante. Metodi: Abbiamo eseguito una rassegna bibliografica tra gli anni 2010-2015. Risultati: il cancro è una malattia stigmatizzante, che dà luogo a un processo di significazione generato dalla percezione che la malattia permette la riformulazione di preconcetti e lo sviluppo di nuovi concetti di avere una malattia incurabile; prendersi cura del malato di cancro implica avere le conoscenze sulla malattia e imparare a trattare con i sentimenti di questi pazienti e le proprie emozioni prima che la malattia e le loro famiglie; l'intervento del Servizio Sociale mira a fornire accoglienza, assistenza e sostegno sociale e quindi vengono identificati i problemi che potrebbero compromettere il trattamento della malattia, così come influenzare la vita dei pazienti e delle loro famiglie. Conclusioni: L'attenzione dei servizi sociali permette di migliorare la qualità della vita dei malati di cancro, come la cura del paziente da una malattia che causa cambiamenti significativi nel comportamento degli individui genera bisogni da soddisfare, e quindi l'assistente sociale svolge un intervento chiave nella collaborazione per migliorare la qualità della vita della persona colpita dalla malattia dalla comprensione delle esperienze della persona con il cancro e la cura appropriata e sostegno alle persone e alle loro famiglie.

Parole chiave: Paziente Oncologia, assistente sociale, la casa.

INTRODUZIONE

La questione della salute nella società brasiliana ha subito un processo di cambiamento nella sua dimensione politica e sociale, l'introduzione di una serie di misure e procedure che hanno contribuito a modificare il rapporto tra l'ente ospedaliero con il paziente. Così, l'attenzione al singolo oggetto di trattamento e / o ospedaliere o ambulatoriali ammissioni hanno richiesto l'attenzione professionali necessarie per il bene della qualità di vita del paziente (INCA, 2016).

Tra i professionisti inclusi in questo processo di cambiamento nella dimensione sociale e politica è l'assistente sociale che prevede la complementarietà della cura del paziente nella zona di oncologia (INCA, 2016). E in questo contesto il ruolo del lavoro sociale è focalizzata sul servizio dell'utente nei loro bisogni psicosociali ed emotive in situazioni di malattia, guidato dal l'impegno a promuovere la dignità della persona umana, tra cui il malato, così come la sua malattia, per curare -la come completo che appartiene ad una famiglia e di una comunità, in una prospettiva di accoglienza del paziente e della sua famiglia (Brentani, 2013).

Malato di cancro, il malato di cancro ha una vasta gamma di esigenze colpite, in particolare la natura emotiva e gli aspetti emozionali della malattia, e dovrebbe essere data la giusta accoglienza e assistere nel miglior modo possibile, guidando i rinvii necessari così come di fornire supporto sia fisico e psicologico, dal momento che la salute è un equilibrio di interazione tra corpo e mente, che interferisce in modo significativo in risposta al trattamento del cancro (BERLINGUER, 2008).

Il cancro, dopo le malattie cardiovascolari, è attualmente la seconda causa di morte nel mondo occidentale, soprattutto nei paesi sviluppati. forti investimenti in ricerca e il volume dei lavori pubblicati in oncologia confermano, in questi ultimi anni, l'importanza attribuita alla malattia. In un tale scenario, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2014) prevede che undici milioni di persone con diagnosi di cancro ogni anno e la malattia è del 12,5% dei decessi in tutto il mondo. Secondo l'OMS, oltre 16 milioni di casi saranno controllati entro il 2020.

Il National Cancer Institute (INCA), Ministero della Salute, descrive che, analizzando i tassi di mortalità in Brasile, il cancro è sempre inclusa tra le principali cause di morte (INCA, 2016).

Così, sempre più, si sperimenta, il significativo incremento dei tumori maligni. Nella situazione sanitaria del Brasile, questa realtà ha ampliato la discussione sul controllo di queste malattie, la loro inclusione come una delle priorità sanitarie. Anche se ci sono ancora zone grigie della comprensione della eziologia cancro, ha già conoscenze sufficienti per sostenere le azioni di controllo che possono ridurre l'incidenza e la mortalità (INCA, 2016).

Così, ha giustificato la scelta del tema di essere il cancro una malattia che spesso il primo atteggiamento del paziente a ricevere la notizia è smentita, la seconda volta è l'ansia, il vuoto, l'abbandono e la paura della morte prima cui il paziente ha bisogno di sostegno di tutta la squadra di salute, in cui include l'assistente sociale e, soprattutto, il sostegno della famiglia, questo è anche fortemente influenzato dalla notizia della malattia.

Tutto ciò premesso, l'obiettivo di questo studio è stato quello di analizzare l'intervento del servizio sociale professionale al paziente di oncologia, visti i problemi relativi al soggetto, vale a dire, le difficoltà incontrate dai pazienti affetti da cancro ad adattarsi alla ricovero e cura la malattia, se si considera che il cancro, anche la malattia stigmatizzante.

METODOLOGIA

Per raggiungere l'obiettivo, abbiamo sviluppato la procedura metodologica della letteratura che, secondo Richardson (2010), è importante essere un metodo che coinvolge la selezione, la lettura e l'analisi dei testi inerenti lo studio e si basa sui fondamentali che determinano le fasi e il modo di andare in cerca, e richiede una riflessione costante e variabili di controllo, il controllo-informazione in merito alle conoscenze già acquisito. Secondo l'autore, nello svolgimento della letteratura, è importante che il ricercatore fare un sondaggio dei temi e tipi di approcci hanno lavorato per altri teorici, assimilando i concetti ed esplorare gli aspetti già pubblicati.

Così, abbiamo condotto una rassegna bibliografica e per la ricerca, sono stati utilizzati libri, articoli scientifici disponibili sui siti di ricerca pubblicati tra gli anni 2010-2016, come i lillà e Scielo, utilizzando come termini descrittori : cancro, assistente sociale e di cura.

RISULTATI E DISCUSSIONE

Il cancro come una malattia multifattoriale

Secondo Borges et al. (2006), il cancro è il nome generico per un gruppo di più di 200 diverse malattie, con la molteplicità delle cause, il trattamento e la prognosi. Vari cambiamenti possono verificarsi nella stessa cella, facendolo proliferare rapidamente e si trasformano in una massa tumorale. Pertanto, il cancro non è altro che la moltiplicazione incontrollata delle cellule difettose o atipiche, che sfuggono al controllo del sistema immunitario per qualche motivo sconosciuto fino ad oggi.

Neiva (2014) afferma che il cancro è una malattia che è sempre più vicino alla realtà brasiliana e afferma che il National Cancer Institute (INCA) dimostra che sono attesi 576 000 nuovi casi di cancro in Brasile per i prossimi due anni, E 'a soli 8.603 casi nello stato di Pará.

Per Berlinguer (2008), molte delle cause del cancro sono legati allo stile di vita di una persona, perché il cancro è una malattia che si sviluppa spesso senza dare chiari segni della loro esistenza al di là di quanto molti pensano che se lei nessun sintomo, non sono malati o non malato e, di conseguenza, la maggior parte non capiscono il concetto che il cancro in generale, può richiedere diversi anni per svilupparsi.

Secondo Berlinguer (2008), si possono trovare nell'ambiente fisico, essere ereditata o rappresentare le abitudini o le proprie usanze di un particolare ambiente sociale e culturale. L'emergere di un cancro in una persona non dipende da un solo fattore di rischio nella maggior parte del tempo. La ricerca condotta da scienziati sono riusciti a dimostrare che un certo numero di fattori che agiscono per certa persona per la malattia oncologica può apparire (BERLINGUER, 2008).

Il cancro come malattia stigmatizzante

Almeida et al. (2010) sostengono che il cancro è una malattia stigmatizzante, che dà luogo a un processo di significazione generato dalla percezione che la malattia permette la riformulazione di preconcetti e lo sviluppo di nuovi concetti hanno una malattia incurabile.

Secondo gli autori, l'interpretazione l'esperienza di vivere con la malattia del cancro e il suo trattamento genera sentimenti e atteggiamenti che riflettono un certo grado di incertezza dalla divulgazione di diagnosi e le loro concezioni circa la malattia, le sue possibilità di ricorrenza e la causalità, che rappresenta "una visione spaventosa e timoroso e che suscita paura", perché l'occultamento dei segni fisici e sintomi ostacola la diagnosi precoce, che è percepito come il lato oscuro della malattia e la possibilità della sua recidiva, in quanto è imprevedibile (Almeida et al., 2010, p. 64).

Il dolore integrato nell'esperienza di ciascuno è anche descritta come qualcosa di profondamente segnato la loro vita, come dimostra la possibilità di recidiva che è integrato come parte del processo della malattia (Almeida et al., 2010, p. 65).

In questo senso, le persone colpite da cancro cercare di identificare i sentimenti e per farlo cercare di capire la propria responsabilità nel processo di ammalarsi, e andare a vivere con una nuova concezione di se stessi, che non è sempre facilmente accettata e quindi tendono a comportarsi come le persone con un particolare stigma tendono a sperimentare simili esperienze di apprendimento relativi alla loro condizione e sottoposti a modifiche simili nella progettazione del sé, che non è solo interessato, ma anche compromettere l'effetto con una simile sequenza di regolazioni personali in cui a confrontarsi con la malattia acquisire un senso di vivere con sentimenti negativi attraverso il senso di colpa e di rimorso, realizzando con cambiamenti corporei (Figueiredo, 2009).

Per l'autore, ha vissuto sulla situazione, molte persone iniziano a riflettere circa le azioni intraprese per quanto riguarda la loro salute e realizzare l'abbandono che avevano con il proprio corpo. Coloro che sono in una fase avanzata della vita subiscono un radicale riorganizzazione della sua visione passato, tenendo Figueiredo (2009, p. 68), che il malato di cancro "viene a riflettere su tutti gli errori del passato."

Secondo Laplantine (2008), il cancro, simbolicamente rappresentato nell'immaginario popolare da credenze tradizionali circa la natura morale della salute, della malattia e la sofferenza umana porta le persone colpite difficoltà a lavorare fuori un'immagine soddisfacente della malattia, dal momento che è percepito da tutti come il male in sé; così come la malattia è costantemente associata la perdita di forza fisica o la dignità umana, un fatto che si riflette nella arroganza della disuguaglianza sociale sano e accentuando, che accentua l'imbarazzo come chi soffre di una malattia intriso di pregiudizi.

L'imbarazzo di avere una malattia stigmatizzante porta alcuni pazienti di evitare di persone nella vostra vita sociale. Questo atteggiamento sembra il risultato di un processo interpretativo, in base alle loro concetti e gli altri circa la malattia, che deliberatamente nascondono informazioni sulla loro vera identità sociale, né ricevere o accettare un trattamento a base di falsi presupposti su di te. La manipolazione delle informazioni nascoste che scredita il sé, vale a dire, il cover-up della malattia è evidente nella lotta contro la difficile situazione dei malati (Gualda, 2008, p. 98).

Per Simonetti (2008), che riceve la diagnosi di una malattia grave come il cancro ha le seguenti fasi:

– Fase 1 – Reazione: la malattia è un evento in cui tutto il resto perde importanza o passare a girare intorno ad esso, con conseguente negazione, rabbia, depressione e di coping (senza ordine fisso);

– Fase 2 – La negazione: la prima reazione sulla malattia è diverso mancanza di varia forma e che si verificano a causa della mancanza di condizioni psicologiche della persona malata;

– Fase 3 – Uprising: è la reazione diretta contro la malattia, il medico, le infermiere, la famiglia come per il paziente la situazione della malattia non è giusto, è caratterizzata da frustrazione, rabbia e depressione a causa delle limitazioni imposte dal la malattia. Ha stretta connessione con la reazione sotto agitazione (pianto, grida e aggressività), a causa ingiustizia della malattia che è visto come una punizione. Tuttavia, è anche caratterizzata da uno stato di stress, che è uno stato di preparazione per la lotta.

– Fase 4 – Depressione: la consegna passiva alla malattia, in segno di rinunciare, disperazione e tristezza nella guarigione, dove il silenzio è più comune. È possibile raggiungere il livello patologico in vista di malinconia e senso di dolore e di impotenza, in particolare di fronte a una grave malattia.

– Fase 5 – Coping: E ​​'una reazione ad altre posizioni, un mix di lotta e di dolore, una polarità e una strategia umana per affrontare i cambiamenti, a causa della malattia e la ricerca di soluzioni di tipo realistico, il potere e l'impotenza di miscelazione sulla malattia e quindi non negare la malattia. Si tratta di una posizione condivisa fluidità emotiva con la famiglia.

Per Almeida et al. (2010), tuttavia, il pregiudizio identificato da persone con malattie oncologiche precisa, inoltre, la possibilità di recidiva della malattia, quando portano nel suo discorso la mancanza di credibilità nella guarigione. L'interpretazione di questa possibilità si basa sulla costruzione sociale della malattia, la realtà vissuta, cioè, il cancro è ancora una malattia incurabile fondamentalmente; per cui il suo futuro è ora incerto.

Così, si può dire che vivere con una malattia stigmatizzante, vivere con sentimenti negativi e pregiudizi faccia significa venire attraverso costantemente con le incertezze e le possibilità di recidiva della malattia, momento in cui si scopre l'importanza non solo di professionisti della salute, ma anche la famiglia del paziente, significano capire come la gente percepisce il significato di cancro e di modi di affrontare, al fine di aiutarli ad esplorare i loro sentimenti, le aspettative e le strategie di regolazione e supporto continuo, al fine di equilibrare le complesse connessioni tra malattia, sentimenti di incertezza dall'esperienza di malattia (SIMONETTI, 2008).

Si è osservato che il trattamento del cancro è finita e con grande usura emotivo e fisico e richiede la persistenza e la speranza che il paziente e la famiglia. Ogni malattia è una situazione traumatica e il cancro non è diverso. Si tratta di una malattia che porta con sé lo stigma della morte e il rapporto personale-paziente si presenta con diverse caratteristiche delle situazioni meno gravi. Pertanto, una squadra che ha compassione e le competenze per affrontare le varie fasi di malattie oncologiche è critica (Almeida et al., 2010).

impatto psico-sociale del paziente con il cancro e l'importanza del professionista della salute

Per Simonetti (2008) tali fasi si verificano in vista del tumore essendo caratterizzato come una malattia associata a dolore, la sofferenza e la morte, la disperazione, la paura, l'ansia e la perdita di controllo. Il dolore è un'esperienza emotiva e sensoriale spiacevole associata a danno tissutale reale quando è associato con il cancro. L'esacerbazione della percezione del dolore è una delle complicanze più temute per coloro che soffrono o hanno sofferto di questa malattia. La sofferenza dolorosa può innescare cambiamenti emotivi, culturali e psicologici.

L'autore cita anche che gli elementi sensoriali, affettive, culturali ed emotivi costituiscono il doloroso fenomeno, che implica non solo la collocazione di informazioni sensibili attraverso vie nervose al loro trattamento nel sistema nervoso centrale. Attualmente, v'è interazione tra le diverse qualità organolettiche e dolorosa e tra questa ei sistemi responsabili degli aspetti cognitivi e affettivi dell'individuo.

In un tale scenario, Rodrigues (2009) sottolinea che la cura per il paziente con il cancro implica avere le conoscenze sulla malattia e imparare a trattare con i sentimenti di questi pazienti e le proprie emozioni prima che la malattia.

Per l'autore, il processo di cura ammorbidisce e allevia il dolore. Aspetti come la comunicazione tra la famiglia, il paziente e soprattutto il team di salute (che spesso si sentono impotenti e finiscono per allontanarsi per evitare di dover rispondere alle domande della famiglia o il paziente in quanto è molto difficile da segnalare la gravità del caso e dire che sta solo aspettando di morire) sono molto importanti. E 'quindi essenziale per mantenere il controllo dei sintomi come dolore, questioni bioetiche, in particolare l'autonomia, la veridicità, la gentilezza e l'accettazione.

Oltre ai problemi portati dalla malattia stessa, il paziente è ancora esposto al ricovero in ospedale, che diventa in una situazione nuova per essere uno spazio sconosciuto, è importante che la posizione e il trattamento sono degni, umana e accogliente, rendendo possibile ridurre le ansie e le paure del paziente e le loro famiglie.

La famiglia di un paziente con cancro richiede attenzione a causa di malattie croniche e patologie, in combinazione con il tempo che è esposto a questa situazione di estrema sofferenza (KOVÁCS, 2008). Il più avanzato della malattia, il maggior livello di dipendenza dalla famiglia del paziente, rendendo necessario per identificare la cura, in considerazione delle difficoltà che saranno affrontate dalla famiglia in questo processo; sostenere le situazioni di stress fisico ed emotivo che il problema impone il momento di affrontare le molte situazioni estreme che si presentano in questa cura quotidiana dei pazienti in cure palliative.

Il ruolo dell'assistente sociale nel paese ospitante per i malati di cancro

Il lavoro sociale, secondo Martinelli (2012), è una professione eminentemente interventistica della natura che opera nel campo delle relazioni umane e sociali. Si tratta di una forma di specializzazione del lavoro collettivo, costruita socialmente. Partecipa al processo di lavoro complessivo e quindi ha una dimensione storico-sociale e politico ad esso costitutiva e costituente.

Secondo l'autore, l'assistente sociale è un professionista che, preferibilmente, è chiamato ad attuare politiche di assistenza sociale all'interno delle organizzazioni governative e non governative pubbliche, organizzazioni private, che operano da due prospettive: la fornitura di servizi ed attività didattiche .

Nel settore sanitario, lavoro sociale si estende attraverso il nuovo concetto di salute sviluppato nel 1948 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), concentrandosi sugli aspetti biopsicosociali di cui promuovono l'assistente sociale un compito educativo con un intervento normativo nel modo della vita del "cliente" per quanto riguarda le abitudini di igiene e salute, agendo così sui programmi prioritari stabiliti dalle norme di politica sanitaria (BRAVO; MATOS, 2011).

Gli autori fanno notare che la formazione professionale influenza la qualità dei servizi, la pratica della qualità del lavoro sociale, quindi dovrebbe sempre essere aggiornate e impegnati a loro al professionista, incorporato in corsi, lezioni, workshop nella ricerca di nuove conoscenze per servire meglio utenti. Pertanto, è chiaro che il nuovo profilo del lavoratore sociale, aderisce ai requisiti di una formazione teorica e metodologica, etico-politico e tecnico-operative.

L'assistente sociale, inserita nel campo della salute, deve contribuire verso l'oggettivazione dei diritti sociali e la costruzione di nuovi soggetti collettivi per realizzare i propri diritti. Così, si è visto che l'atto professionale dell'assistente sociale che lavora nel settore sanitario non è solo limitato alle esigenze in materia di salute dell'utente, ma in termini di temi sociali, soprattutto per quanto riguarda utente host del paziente.

Intervento di lavoro sociale si propone di fornire accoglienza, cura e sostegno sociale, per esempio, ai pazienti ricoverati e dei loro familiari e / o operatori sanitari, all'interno di una prospettiva critica, attraverso la clinica svolgersi della questione sociale messo a servizi sociali durante il ricovero.

L'assistente sociale è pronto ad aggiungere il rapporto con il paziente, gli elementi che permettono alle prese con la loro condizione di malato, il suo rapporto con la continuità della famig[…]lia delle condizioni di cura e di altre chiamate "sociale" di vitale importanza per il SUS e per sopravvivere che sono loro dominio professionale (BERTANI, 2013, p. 43).

Secondo Martinelli (2012), l'assistente sociale aiuta molto, ad esempio, il paziente malato di cancro e le loro famiglie, tra le seguenti:

– Cliente / cura personale ai pazienti;

– Servizio / ospiterà la compagni / famiglia;

– Intervento al momento del ricovero (ingresso sociale);

– Procedura di collegamento con il team di assistenza sanitaria;

– intervento interprofessionale (articolazioni interne);

– Inter-istituzionale;

– Routing ai servizi di rete – interna ed esterna;

– clienti e visite a domicilio;

– Guida alla trattamento al di fuori di Indirizzo (PDT).

L'autore riferisce anche la ricezione e l'orientamento causa di morte; orientamento relativo alla scorta; linee guida sulla cura e l'identificazione di beneficio netto famiglia perché il campo Servizio Sociale d'azione prevede il contatto diretto con il paziente e la sua famiglia, dalle indagini di situazioni culturali, ambientali,, il paziente personale, psicologica e finanziaria sociale. Così, essi identificare i problemi che potrebbero compromettere il trattamento della malattia, così come influenzare la vita dei pazienti e delle loro famiglie.

Professionale lavoro sociale, secondo Gualda (2008), con l'obiettivo di minimizzare l'impatto psicologico ed emotivo che coinvolgono il paziente con il cancro, possono impostare le seguenti azioni:

a) di orientamento e di informazioni sul l'ospedale e le sue risorse;
b) di orientamento e rinvio ai servizi e ai fondi di previdenza sociale;
c) Realizzazione di contatto con il paziente e la sua famiglia;
d) Interpretazione dei fattori sociali, politici ed economici che permeano la realtà dei pazienti e delle loro famiglie;
e) l'orientamento trattamento complessivo sugli aspetti biopsicosociali;
f) operare piena realizzazione, multidisciplinare, con i membri del team sanitario.

Il ruolo dell'assistente sociale nel monitoraggio dei pazienti in oncologia avviene sollevando il profilo biopsicosociale del paziente e le linee guida sul trattamento delle malattie e la promozione di attività educative finalizzate a "innescare un processo riflessivo nei pazienti e le famiglie, in modo che possano partecipare al processo di trattamento e / o la cura "(Gualda, 2008, p. 7).

Allo stesso modo, il sostegno fornito dai Servizi Sociali fornisce supporto psicosociale dalle informazioni che aiuta a demistificare la malattia (cancro); contributi in modo che il paziente è in grado di affrontare la malattia, nonché le azioni sociali sul trattamento e la riabilitazione del paziente oncologico.

Gualda (2008) conferma che la necessità di un intervento sociale per il paziente cerca l'umanizzazione delle procedure per il singolo paziente reelabore il vostro stato emotivo e trattare con la malattia meno aggressiva possibile. In questo senso, l'assistente sociale, come un professionista della salute, ha il potere di intervenire con i fenomeni socio-culturali (emotivo e comportamentale) che contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da cancro. Pertanto, tutti i professionisti coinvolti nella cura della salute dovrebbero essere preoccupati per l'essere umano così come essi devono sviluppare modi per offrire l'opportunità di una vita più dignitosa, più completo e meno solo al momento della malattia.

E 'molto importante che i professionisti che lavorano nel settore sanitario (medici, infermieri e assistenti sociali) sono consapevoli del fatto che l'uomo è molto più di un'entità biologica, in quanto ha un mondo interiore che non può essere ignorato, e il rapporto tra la mente, il corpo e sentimenti, dinamico e interdipendenti e possono influenzare e incidere l'un l'altro. Oltre alla consapevolezza, che sarebbe il punto di partenza, v'è la necessità per i professionisti per riflettere e cambiare il loro modo di pensare malato di cancro, valorizzando le loro esperienze e le preoccupazioni per la malattia e il suo contesto socio-culturale, al fine di fornire assistenza volto a migliorare la loro qualità di vita.

CONCLUSIONE

Questa ricerca ha affrontato la pratica professionale di assistente sociale nel settore della salute, in particolare intervento professionale dei Servizi Sociali per il paziente di area di oncologia e l'analisi presenta le prestazioni di questa figura professionale è guidato nell'interesse degli utenti, che cercano soprattutto di garanzia diritti sociali, in modo che questi professionisti devono avere una vasta conoscenza al fine di garantire l'accesso ai servizi di rete (consulenze, interventi chirurgici, di trattamento ambulatoriale, tra gli altri servizi) al popolazione di utenti.

Su tutto quanto sopra, si conclude che l'assistente sociale professionale deve avere le competenze e le capacità necessarie per agire con il paziente oncologico, considerando anche collaborare con un team multidisciplinare nell'elaborazione dei piani per la cura e l'attenzione per il paziente a livello individuale o familiare.

Così, l'attenzione dei Servizi Sociali consente di migliorare la qualità della vita dei malati di cancro, come la cura del paziente da una malattia che causa cambiamenti significativi nel comportamento degli individui genera bisogni da soddisfare, e quindi l'assistente sociale svolge un intervento chiave nel collaborazione per migliorare la qualità della vita della persona colpita dalla malattia dalla comprensione delle esperienze della persona con il cancro e la cura appropriata e sostegno alle persone e alle loro famiglie.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, Ana Maria; MAMEDE, Marli Villela; PANOBIANCO, Marislei Sanches; PRADO, Maria Antonieta Spinoso; Clapis, Maria José. Costruire il significato della ricorrenza della malattia: l'esperienza delle donne con cancro al seno. Ribeirão Preto School of Nursing, Università di San Paolo, nel 2010.

malattie G. BERLINGUER. Sao Paulo (SP): Hucitec 2008, 151 p ..

Borges, D. A. V. S. et al. La percezione di morte per i malati di cancro in tutto lo sviluppo. Studi di psicologia, Maringá, v. 11, n. 2, maggio / agosto 2006.

BRAVO, Maria Inês Souza; MATOS, Maurilio Castro de Matos. Etico-politico del progetto di lavoro sociale e la sua relazione con la riforma sanitaria: elementi per il dibattito. Sao Paulo: Cortez, 2011.

Brentani, Marcelo M.; CONIGLIO, Fernando R. G.; KOWALSKI. Basi di Oncologia. Sao Paulo: Lemar Bookstore; Editore Marina e TECMED Publisher 2013.

Figueiredo, A. M. E. malattie oncologiche. Rio de Janeiro: REVINTER 2009.

Gualda, Judith. La comprensione della malattia e il paziente. Porto Alegre: arti mediche, 2008.

ISTITUTO NAZIONALE DI CANCRO – INCA. Cause e trattamento del cancro. Il 2016. http://www2.inca.gov.br/wps/wcm/connect/tiposdecancer/site/home/estomago/prevencao. Consultato il 9 aprile 2016.

Laplantine F. malattie antropologia. Sao Paulo (SP): Martins Fontes, 2008.

Martinelli, Maria Lucia. Servizi sociali: Identità e alienazione. Sao Paulo: Cortez 2012.

Neiva, Cristina Barros. Cancro e il cambiamento abitudine. Belém: Ofir Loyola 2014.

RICHARDSON, RJ bibliografici di ricerca: metodi e tecniche. Santos: Atlas 2010.

RODRIGUES, I. G. Cure palliative: analisi concettuale. Ribeirao Preto: Università di San Paolo Ribeirao Preto College of Nursing, 2009.

SIMONETTI, Alfredo. Handbook of Health Psychology: la mappa della malattia. Sao Paulo: Casa di Psicologo, 2008.

[1] Assistente sociale. Specialista multidisciplinare Oncologia presso l'Università di Jales – Unijales

[2] Dottorato di Ricerca in Ricercatore Psicanálise- presso il Centro di Ricerche e Studi Avançados- CEPA

[3] Biologo. Dottore in Medicina / Malattie Tropicali. Docente e Ricercatore presso l'Università Federale del Pará – UFPA. Ricercatore presso il Laboratorio Umano e Tossicologia ambientale e il Laboratorio per Stress Ossidativo di Medicina Tropicale Centro di UFPA (NMT-UFPA)

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here