Discussioni sulla violenza di genere in Brasile

0
556
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI [ SOLICITAR AGORA! ]
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

DIAS, Denise Oliveira [1], MARINHO, Thaynara Santana [2]

DIAS, Denise Oliveira; MARINHO, Thaynara Santana. Discussioni sulla violenza di genere in Brasile. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 07, vol. 01, pp. 102-126, luglio 2018. ISSN: 2448-0959

L'articolo si tratta di una revisione della letteratura sulla violenza in Brasile di genere. Il principio si occupa la concettualizzazione della violenza contro le donne, che spiega i vari tipi di violenza: fisica, morale, psicologico e finanziario. In un secondo momento, è esposta la legge Maria da Penha e cosa ti ha spinto a essere promulgato nel Brasile. In un terzo argomento è approfondito che cosa è la violenza di genere, perché è più completo e più velata di violenza domestica, è da esso che è la violenza domestica. Infine, prima di presentare le considerazioni finali del lavoro, è avvolto in un argomento che è stato notato nel sondaggio che richiede più attenzione da parte del governo, che deve ancora migliorare. È vero che la legge Maria da Penha ha contribuito notevolmente alla lotta contro la violenza di genere, ma c'è ancora cosa fare e quel lavoro è quello di presentare una riflessione sull'importanza della discussione della violenza di genere al fine di proporre percorsi di giustizia soc diritti umani e IAL diventano più efficaci di quanto sia stato.

Parole chiave: violenza domestica, violenza di genere, dei diritti umani.

Introduzione

Questo lavoro analizza la violenza di genere che colpisce le donne in tutto il mondo ed è radicata nella tradizione culturale, nell'organizzazione sociale, strutture economiche e rapporti di potere. Questo tipo di violenza è praticato contro la persona di sesso femminile, basta semplicemente dalla tua condizione, che rivela le disuguaglianze sociali e culturale che esistono tra uomini e donne costruite nel corso della storia, creando un rapporto basato sulla disuguaglianza, discriminazione, nella subordinazione e abuso di potere.

Violenza domestica e famiglia contro le donne è un problema serio e ricorrente in Brasile. La ricerca condotta da istituti data popolare e Patricia Galvão (01/07/2015) ha rivelato che il 70% delle donne vittime di violenza sono assaliti nelle loro case e, in generale, dai loro partner. violenza domestica e familiare, commit da uomini contro le donne è la violenza di genere, perché si presenta come la tradizione di fondazione del Patriarcato, che ripercorre la storia e il pensiero del presunto dovere discriminatorio di sottomissione delle donne agli uomini come se fosse in una posizione gerarchica inferiore a lui nella società.

La legge Maria da Penha (legge n. 11.340, 7 agosto 2006) è costituito da uno strumento di grande importanza nella lotta contro la violenza domestica e famiglia contro le donne. Così, per una più efficace risoluzione del problema in questione, è essenziale che essi siano resi profonda analisi dell'applicazione di tale norma per essere identificato e, quindi, risolto che le difficoltà presentano nell'applicazione. Violenza di genere si caratterizza per l'incidenza di atti di violenza in base al genere a cui appartengono le persone coinvolte, in altre parole, la violenza perché qualcuno è un uomo o una donna. La violenza di genere di espressione è quasi un sinonimo di violenza contro le donne, perché le donne sono le vittime principali della violenza.

Così, questo articolo è l'attuazione della legge 11.340/06, la legge Maria da Penha, che definisce la violenza domestica o membro della famiglia contro le donne come qualsiasi azione od omissione, basate sul genere, che causa la morte, sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche e danno morale e patrimoniale, all'interno dell'unità domestica, la famiglia e in ogni relazione intima di affetto, in cui l'aggressore o agito con conviva aggredito.

1. Violenza contro le donne in Brasile

Anche se viviamo secondo i dettami di una costituzione democratica e sociale, preoccupato per i diritti umani e lo sviluppo della cittadinanza nella tua pienezza, è possibile identificare un forte problema sociale che colpisce il paese, vale a dire, la violenza contro le donne .

La famiglia è sacra istituzione difeso dalle religioni più importanti, come l'ebraismo, cristianesimo e Islam, è preso come base della società nel suo complesso, ragion per cui la Costituzione federale viene fornito con speciale cura, nel tuo articolo 226:

La famiglia, la base della società, hanno una protezione speciale da parte dello stato.

  • 1 ° matrimonio è conclusione libera e civile.
  • 2 il matrimonio religioso ha effetti civili, in conformità con la legge.
  • 3 ai fini della tutela dello stato, l'Unione stabile tra uomo e donna come un'entità familiare e legge facilitare la conversione nel matrimonio.
  • 4 significa, anche, come il familiare la comunità formata da padre e da loro discendenti.
  • 5 i diritti e obblighi in materia di società civile esercitati ugualmente l'uomo e la donna.
  • 6 civile matrimonio può essere sciolto dal divorzio. (Formulazione di emendamento costituzionale 66, 2010)
  • 7 fondata sui principi della dignità umana e paternità responsabile, pianificazione familiare è una decisione libera della coppia, corse allo stato per fornire risorse educative e scientifiche per l'esercizio di quel diritto, in ogni caso vietata coercitive da istituzioni ufficiali o privati.
  • 8. lo stato garantisce assistenza alla famiglia nella persona di ciascuno di integrazione, creazione di meccanismi per sopprimere la violenza all'interno del loro rapporto. (il corsivo è mio)

Si può osservare che la costituzione richiede il dovere dello stato di garantire la protezione contro la violenza in famiglia, in qualsiasi parte del vostro rapporto, violenza contro le donne è intesa come una conservazione dell'istituzione familiare.

Vale la pena notare che la violenza contro le donne in Brasile, accade senza scegliere la classe sociale, razza o qualsiasi altro elemento di distinzione, lei sottilmente si verifica all'interno della casa, dove nessuno può prevedere, la violenza può essere accadendo.

Secondo vice Martha Marquez da Rocha:

C'è un carattere endemico sulla violenza di genere. Lei è inconsapevole di limiti o confini: classe sociale, cultura, tipi di grado di sviluppo economico. Può verificarsi ovunque, nello spazio pubblico o privato ed essere praticato in qualsiasi fase della vita delle donne, da sconosciuti o parenti, soprattutto quest'ultimi.

Sulla dipendenza finanziaria, o anche emotivo, molte donne subiscono una vita di pessima qualità, essendo liberato gli schiavi. Mettere su di loro il velo sociale che violenza contro di loro, è no big deal, è comune e pertanto totalmente accettabile.

Il design del pensiero di violenza domestica come qualcosa di naturale, è culturale. Perché la donna è considerata come possesso come oggetto di desiderio sessuale, la tratta di soggetto a oggetto a lui, in questo modo, l'uomo che commette violenza contro le donne, non reati, ma solo spostato da un'emozione violenta in molti casi, essere assolutamente così quell'atteggiamento danneggia chiaramente non scusabile solo la vittima, ma l'intera società a raccogliere i frutti amari di una casa danneggiata dalla violenza.

Violenza contro le donne è così grave, perché non solo la donna raggiunge nel tuo cuore, ma i vostri figli, i figli dei loro figli che impareranno con i loro genitori che la violenza dire donna è la non violenza, è tollerabile, è giustificabile. Mentre nella tua verità, non è mai stato.

. Secondo vicolo (1997 apud Azevedo, 1985 pag. 19)

«La violenza è qualsiasi iniziativa che cerca di esercitare la coercizione sulla libertà di qualcuno che cerca di fermare la sua libertà di riflessione, giudizio, dedizione e che finisce per qualcuno sul livello di mezzo o strumento in un progetto, che assorbe e comprende, senza abbassare di livello trattarlo come partner di liberi ed uguali. La violenza è un tentativo di ridurre qualcuno per imbarazzare qualcuno rinnegare se stesso, rassegnarsi alla situazione in cui si propone di rinunciare a tutti i combattimenti, rinuncia a se stessi. Ci sono diversi motivi come: povertà, miseria, disuguaglianza, disoccupazione, discriminazione, tra gli altri, che possa contribuire allo sviluppo di atti aggressivi tra persone. Tuttavia, la violenza non è collegata alla classe minore, emarginata, come molti pensano, ma appare in tutti gli strati sociali, età, sessi, razze, etnie, religioni, ecc.

Se abbiamo basato sulla famiglia, è plausibile che lo stato si preoccupi notevolmente con la tua protezione. Per questa protezione dello stato deve agire in modo efficace per frenare la violenza contro le donne, perché lei solleva, si preoccupa per ed educa nella grande maggioranza dei casi. Se l'autorizzazione è una madre, insegnante, lavoratore è sottoposto a una violenza gratuita come risultato il vostro genere, permette che l'intera società è contaminata da una condotta criminale e ingrata nei confronti delle donne.

Non è solo un discorso femminista in base al genere, ma un riferimento al testo costituzionale che afferma che la famiglia dovrebbe essere considerata la base, il fondamento di una società sana e per la costruzione di un tale progetto è necessario eliminare dal nostro legale violenza contro il genere, così come primitivo è assolutamente dannoso per la società nel suo complesso.

Tale violenza contro le donne può manifestarsi in vari modi, che nella maggior parte dei casi si presenta in una sequenza di azioni, che sono secondo 11.340/06:

  • Violenza fisica: si verifica quando una persona è in relazione di potere rispetto a altro, cause o tenta di provocare danni non accidentali, attraverso l'uso di forza fisica o qualche tipo di arma che può causare o no lesioni esterne, o entrambi. Secondo i più recenti disegni, pena ripetuto, non severa, considera anche violenza fisica. Questa violenza può manifestarsi in vari modi come: schiaffi, spintoni, pugni, calci, morsi, bruciature, tagli, ferite da armi o oggetti, strangolamento e altri.
  • Violenza psicologica: qualsiasi azione che ha l'intenzione di causare danni emotivi ed ha fatto diminuire l'autostima, gestire i comportamenti e le decisioni della vittima per mezzo di minaccia, umiliazione, manipolazione, isolamento, costante sorveglianza, insulto, ricatto , ridicolo, o qualsiasi altro mezzo che sia causa di pregiudizio per la salute psicologica e all'autodeterminazione.
  • Violenza sessuale: è qualsiasi comportamento che costringe la vittima a testimoniare, mantenere o partecipare in rapporti sessuali indesiderati, impedisce che la vittima utilizzando qualsiasi metodo contraccettivo o la forza di matrimonio, gravidanza, aborto o prostituzione di minaccia , ricatto, corruzione o manomissioni; o per limitare o revocare l'esercizio dei loro diritti sessuali e riproduttivi. Tra questi possiamo citare: stupro all'interno del matrimonio o datazione, stupro commessi da sconosciuti, abuso sessuale delle persone mentalmente o fisicamente incapace, tra gli altri.
  • Patrimonial violenza: è quando l'aggressore assume o distrugge oggetti, i loro strumenti di lavoro, documenti personali, merci, valori e diritti o risorse economiche, tra cui il destinato a soddisfare le vostre esigenze.
  • Violenza morale: calunnie, diffamare o commettere calunniare.

Nella dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne, adottata dalla Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel 1993, è stato descritto nel seguente concetto di violenza di genere:

"Ogni atto di violenza di genere che si traduce in, possibili o danno reale, fisica, psicologica o sessuale, compreso le minacce, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, se che accade nella vita pubblica o privata. Copertine, senza limitare il carattere, la violenza fisica, sessuale e psicologica in famiglia, tra cui percosse, sessuale abuso le ragazze, stupro legate all'eredità, lo stupro del marito, le mutilazioni genitali e altre pratiche tradizionali che violano donna, violenza da parte di altre persone – non il marito- e violenza legata all'esplorazione fisica, sessuale e psicologica e al lavoro, nelle istituzioni educative e in altre zone, la tratta delle donne e la prostituzione forzata e la violenza fisico, sessuale e psicologica perpetrata o tollerata dallo stato, ovunque esso si verifica. (Who, 1998, pag. 7)"

Tuttavia, anche se la violenza contro le donne non è limitata alla violenza fisica, la maggior parte della popolazione è capita come se fosse. È assolutamente plausibile che comprensione popolare, considerando la grande difficoltà di diagnosticare la violenza nelle sue altre forme, tuttavia è possibile affermare che la violenza psicologica è in grado di influenzare più che fisica.

Secondo Azevedo & guerra (2001, pag. 25):

"La violenza domestica psicologico di termine è stata coniata all'interno della letteratura femminista come parte della lotta delle donne di rendere pubbliche le violenze quotidiane da essi subita nella vita privata di famiglia. Il movimento socio-politico che per la prima volta, ha richiamato l'attenzione il fenomeno della violenza contro le donne praticata dal vostro partner, iniziato nel 1971 in Inghilterra, essendo stato il tuo milestone chiave la creazione della prima "casa rifugio per donne battuto, questa iniziativa che si è diffusa in tutta Europa e Stati Uniti (mid-1970), raggiungendo il Brasile nella Decade del 1980 ".

Violenza contro le donne, se in qualsiasi manifestazione è dannoso sia per la vittima, come l'attaccante che è anche una vittima del sistema patriarcale parziale e discriminatorio, come tutta la società che coesiste con questo problema che colpisce chiunque, in qualsiasi momento.

1.1 legge Maria da Penha (11340/06)

La legge Maria da Penha è nato uno dei più famosi in Brasile di violenza domestica, un'immagine classica di ciò che molte donne spendono durante la loro vita. Fortunatamente, Maria da Penha non era una vittima facile, perché lui ha tirato fuori lo scenario di violenza e riferire quello che stava succedendo, ma che non è come la maggior parte delle vittime atto, perché a causa del timore di esposizione e soprattutto dell'assalitore, preferiscono tacere per relazione e quindi subire il destino infelice di vittimismo.

Secondo il pubblico ministero, nello stato di Goiás, alla diffusione e alla comprensione della legge Maria da Penha (2011, pag. 10):

Maria da Penha Maia Fernandes è nato nel 1945, a Fortaleza, Ceará. Si è laureato in farmacia e biochimica Università federale del Ceará, nel 1966. Presto dopo, era andato a São Paulo per completare un Master in parassitologia. Fu lì che incontrò il suo secondo marito, un professore di economia colombiana.

Le aggressioni del marito ha cominciato intorno al quarto anno di matrimonio. In primo luogo, è la violenza psicologica e verbale svalutazione del tipo persona, dice Maria da Penha. Gli assalti stavano progredendo, e nel 1983, il marito ha cercato di uccidere Maria da Penha con colpo nella parte posteriore, che la lasciò in una sedia a rotelle. Al momento del reato, ha detto che la coppia erano la vittima di aggressione, è venuto a farsi del male con un coltello per simulare un colpo di pistola ferita e ha creduto nella sua versione.

Dopo cinque mesi negli ospedali di Fortaleza e Brasilia, Maria da Penha tornò a casa. Presto dopo, suo marito ha cercato di ucciderla nuovamente. Questa volta, provato fulminare lei sotto la doccia, quando Maria da Penha presero coraggio a dividere e denunciare la violenza.

Il caso di Maria da Penha strisciato sulla giustizia per estesi 15 anni e non c'era nessuna condanna per l'aggressore, che è il motivo per cui il centro per la giustizia e diritto internazionale (CEJIL Brasile) e il Latin American Caribbean Comitato per la difesa dei diritti delle donne (CLADEM-Brasile), e la vittima ritornò la Commissione Inter-americana sui diritti umani (OAS) applicazione contro lo stato brasiliano.

La denuncia ha rivelato la negligenza del Brasile con la violenza domestica, perché è chiaro che Maria da Penha era solo uno di migliaia di donne affette da tali un male sociale. Dato questo, la Commissione Inter-americana sui diritti umani nel report n. 54 del 2001, incolpato il Brasile per negligenza, omissione e tolleranza alla violenza domestica contro le donne.

Il 7 agosto 2006 è stato sanzionato la legge Maria da Penha, una costruzione comune di CEPIA (Cidadania, studi, ricerche, informazioni e azione); CFEMEA (Centro Feminista de Estudos e Assessoria); PIANIFICAZIONE (azioni sul genere, cittadinanza e sviluppo); ADVOCACI (Citizen Advocacy per i diritti umani); CLADEM/IPÊ (America Latina e Caraibi Comitato per la difesa dei diritti delle donne e Istituto per la promozione del patrimonio netto); THEMIS (studi di consulenza legale e di genere).

Questa legge ha aumentato la severità della punizione ai casi di violenza contro le donne, fornendo per le politiche pubbliche di prevenire (come campagne informative, programmi e progetti);  punire e in ultima analisi, sradicare la violenza contro le donne.

Non si applica ai reati contro la legge di donne 9099/95, che si occupa di infrazioni sotto pena di fino a due anni come meno potenziale offensivo. Vale a dire quando crimini contro le donne non è operazione criminale, bene o cestino come penalità. Possiamo riferire una violenza domestica contro le donne, che ha provocato la creazione della legge Maria da Penha.

Ogni tipo di violenza genera, secondo Kashani e Allan (1998), le perdite nelle sfere del fisico, cognitivo, sociale, morale, affettivo o emotivo. Le manifestazioni fisiche della violenza possono essere acuta, come l'infiammazione, lividi, ematomi, o cronica, lasciando seguiti per tutta la vita, come le limitazioni sul movimento del motore, trauma, disabilità, tra gli altri.
I sintomi psicologici che spesso si trovano in vittime di violenza domestica sono: insonnia, incubi, difficoltà di concentrazione, irritabilità, mancanza di appetito e anche l'insorgenza di gravi problemi mentali come la depressione, sindrome di ansia panico, PTSD, così come i comportamenti autodistruttivi, quali l'uso di alcool e droghe o tentativi di suicidio (KASHANI; anche ALLAN, 1998).

2. Violenza di genere

È importante notare che la violenza di genere non ha alcuna distinzione di classe sociale, razza o anche la stessa religione, accade nella disapprovazione di una donna, per il semplice motivo che lei è una donna. Vale a dire, quando l'uomo, essere un uomo, pensi che sei superiore dovuta ad essere economicamente più forti, o usando la forza fisica, aggressioni, se fisico, violenza sessuale, morale, simbolica o anche psicologica. Il genere è una costruzione sociale e cultura di maschile e femminile, con contaminazioni culturale ed economiche di ogni stagione. Secondo Eva Faleiros (2007, p. 62):

Violenza di genere è strutturata – sociale, culturale, economica e politica-dalla vista che gli esseri umani sono divisi tra maschi e femmine, corrispondenti a ciascun sesso, posti, ruoli, stato e disuguale potenze nella vita privata e in pubblica, nella famiglia, nel lavoro e nella politica.

La violenza di genere non sceglie classe sociale, razza, colore, niente. Ogni donna può essere una vittima di violenza di genere, in ogni stagione della tua vita. Fernanda de Oliveira (2010, p. 13) rapporti:

Abbiamo bisogno di cambiare il punto di partenza, ottenere la percezione della donna vittima di violenza domestica, di intraprendere un processo di comprensione le radici socio-culturali di questo discorso, costruire un percorso che attraversa l'identità di ogni singolo edificio. Non è inteso per linee di sovrapposizione, costruire altri ethos discorsiva di queste persone, ma inserirla in un contesto collettivo, poiché il problema nasce dal seno di un gruppo. Di conseguenza, la ricerca per la soluzione possibile deve anche essere collettivizzata.

Le radici della violenza nelle relazioni di genere sono le relazioni tra uomini e donne, dal momento che un uomo pensa lui è superiore di genere e Annulla questo modo o denigra altri genere, attraverso gli sguardi, parole, insulti o atteggiamenti imparziale, si verifica la manifestazione della violenza di genere.

Quando si verifica la violenza di genere, è una porta aperta per violenza domestica in vostro più visibile che è violenza fisica, che lascia segni visibili alla società, tuttavia vale la pena notare che la violenza di genere non è solo questo, ma è un qualsiasi tipo di condizionamento sottomissione forzata del genere femminile dal maschio.

Questo patrimonio culturale patriarcale deve essere ripensata dalla società brasiliana, come un commento apparentemente innocuo sull'inferiorità delle donne è una dimostrazione di violenza di genere, che potrebbe venire a qualche atto di violenza justiçar nazionali più severe.

La consapevolezza della violenza di genere è un modo di combattere la violenza domestica, violenza in tutte le sue forme, come è in casa, si impara cosa fare durante tutta la vita. La violenza di genere contribuisce alla diseguaglianza sociale, la formazione di potenziali vittime e peggio, di futuri potenziali aggressori.

In questo scenario, non c'è nessun specifici attaccanti, o vittime del sistema malvagio che denigra l'immagine della donna di fronte l'uomo, consentendo la violenza essere assunto come divertente o ammissibile in diversi ambiti sociali, non devono essere presi come violenza fino al diventa visibile, tangibile, feltro.

3. Politiche pubbliche per il completamento della legge 11340/2006 e la lotta contro la violenza di genere.

Capire come comuni azioni politiche che un governo esegue di esecuzione o di esecuzione di un progetto specifico. Per quanto riguarda la violenza di genere ci sono politiche pubbliche sviluppato dallo stato al fine di attrarre le donne alla magistratura, per rafforzare la vostra fiducia che giustizia sara ' fatta e ha ricevuto in tutto ciò che occorre.

La legge Maria da Penha stabilisce che il governo dovrebbe svolgere politiche pubbliche per prevenire e arginare la violenza domestica e famiglia contro le donne e, quindi, proteggere i diritti umani delle donne, nell'ambito delle relazioni domestiche e familiari, con il al fine di proteggerli da ogni forma di negligenza, i pregiudizi, abuso, oppressione, violenza e crudeltà. Esempi di questi programmi sono: piano nazionale delle politiche per le donne 2013-2015; Politica nazionale per contrastare la violenza contro le donne; Campi della violenza domestica contro le donne.

Ci sono stazioni di polizia femminile, al fine di garantire alle vittime un accesso maggiore a questi luoghi, favorendo rapporti di crimini, ci sono anche i tribunali di giustizia di donna, con lo stesso scopo.

Al fine di accelerare il servizio della vittima a rischio, ci sono misure di protezione d'emergenza che possono essere richiesto prima della prova del caso al fine di proteggere la vittima dall'autore del reato. Di cui all'articolo 22 della legge 11340/06:

Art. 22.  Stabilita la pratica domestica e familiare violenza contro le donne, in conformità con questa legge, il giudice può applicare immediatamente all'aggressore, insieme o separatamente, le seguenti misure protettive, tra gli altri: (I) sospensione del possesso o limitazione di armi, con comunicazione all'organismo competente, in conformità con la legge n. 10.826, del 22 dicembre 2003; II-rimozione della casa, il domicilio o il luogo di convivenza con l'offeso; III-prohibition di taluni condotta, tra cui: un) approssimazione del offeso, delle loro famiglie e dei testimoni, impostando la distanza minima tra loro e l'aggressore; b) contatto con l'offeso, le loro famiglie e testimoni con qualsiasi mezzo di comunicazione; c) la frequentazione di alcuni luoghi al fine di preservare l'integrità fisica e psicologica del offeso; IV-restrizione o sospensione delle visite al minore dipendente, sentito il team multidisciplinare care o servizio simile; Manutenzione V provvisoria o provvisoria. (1) le misure di cui al presente articolo non ostano all'applicazione di altre normative in vigore, ogni volta che la sicurezza del offeso o le circostanze lo richiedano e la Provvidenza essere riferito ai pubblici ministeri. (2) in caso di applicazione dell'elemento (I), se l'autore del reato sotto le condizioni menzionati nella caput e oggetti d'arte. 6 della legge n. 10.826, del 22 dicembre 2003, il giudice ne informa l'organo rispettivo, Corporation o istituzione protettivo emergenza misura concessa e determina la limitazione delle armi, ottenendo il superiore gerarchico dell'aggressore responsabile conformità con la decisione giudiziaria, sotto pena di incorrere in reati di prevaricazione o di disobbedienza, come può essere il caso. (3) per garantire l'efficacia delle misure di protezione di emergenza, può l'ordine del giudice, in qualsiasi momento, le forze di polizia. paragrafo 4 si applica agli eventi contemplati nell'articolo, quello che si adatta, caput e nel § § 5 e 6 dell'art. 461 di legge a 5.869, dell'11 gennaio 1973 (codice di procedura civile).

Secondo Maria Berenice Dias (2010):

Inoltrati nella domanda di autorità di polizia di ordine restrittivo di urgenza – se criminale in natura, tratti di carattere civile o familiare – il giorno prenotato come un ordine restrittivo di urgenza, o simile espressione che identifica il tuo origine. (…) Se non siete di fronte penale e del codice di procedura civile ha applicazione sussidiaria (art. 13). Anche se la richiesta è stata formulata prima l'autorità di polizia, deve essere minimamente soddisfatto le condizioni dei provvedimenti cautelari della procedura civile, cioè può essere trasmessa 'ex parte' o do[49]po aver sentito della giustificazione e non richiedono prova degli fumusboni juris "e" periculum in mora.

In questo senso è possibile dire che la legge Maria da Penha è venuto garantire metodi di lotta alla violenza di genere e così collaborare nella lotta sociale per questo cambiamento nella valutazione del genere femminile in Brasile.

4. Ciò che deve cambiare

Il Maria da Penha legge nonostante il legale avanza che ha portato, non è possibile modificare qualcosa che è radicato nella cultura del paese.

La vera lotta contro la violenza domestica verrà da un'educazione al rispetto della diversità.

Lotta contro il pregiudizio e l'identificazione del soggetto come soggetto di diritto e non soggetti a proprietà degli oggetti.

Quando la cultura del paese viene trasformata da piccoli gesti individuali di intolleranza alla violenza, il paese cambierà senza la necessità di nuove leggi, perché solo l'educazione è sufficiente per la costruzione di una società più giusta e più equa.

Il problema di genere nelle scuole e nelle case di lavoro è che in realtà si può combattere la violenza domestica.

Conclusione

In base all'esterno esposti e gli argomenti presentati, sembra che la donna era ed è ancora inferiorizada prima dell'uomo. Violenza domestica e famiglia contro le donne è un fenomeno che ha iniziato ad essere costruita fin dai primi giorni, e che per questo giorno, anche con il trade-off tra i sessi, rimane un fatto di vita quotidiana nella vita di molte donne.                                                                                                            La necessità di emanare la legge 11.340/2006, ha rivelato solo il livello della cultura brasiliana per quanto riguarda la questione della violenza contro le donne. Bisogno di avere una legge per dire che una donna non può colpire, quali l'integrità fisica, morale e intellettuale deve essere conservato. Il fatto che queste garanzie sono inclusi nel testo costituzionale, dal 1988, non era sufficiente; era necessario portare il problema all'ambito infra. La legge Maria da Penha è venuto a combattere questo tipo di violenza, basato sulla storia di Maria da Penha Maia Fernandes Ceará, aggredito più volte dal marito e che insieme ai movimenti femministi e delle convenzioni internazionali, ensejaram l'iniziativa la creazione di una legge specifica che regolano e punire gli aggressori.

Infine, è deplorevole per riconoscere che la mancanza di sensibilizzazione e diffusione di una nuova cultura: la cultura della pace (per iniziare con i bambini nelle scuole. Le modifiche non accadono se le generazioni future non sono educate sotto questo paradigma). Mancanza di coinvolgimento della società con la causa (per combattere la violenza è il dovere di tutta l'arte. 3, paragrafo 2, della legge 11.340/2006). Perdere una maggiore impegno da parte di coloro che sono coinvolti con il problema. C'è una mancanza di consapevolezza e formazione di quell'atto più direttamente nella zona (le vittime siano trattate con indifferenza, spesso scoraggiato per segnalare i loro aggressori, contribuendo per il revitimização). 

Riferimenti

 11340/06 legge. disponibile a: <http: www.planalto.gov.br/ccivil_03/_ato2004-2006/2006/lei/l11340.htm="">accesso 03/09/2015 al 18:01 h.</http:>

ADESSE, Leila. Souza, Cecília de Mello. Violenza sessuale in Brasile: sfide e prospettive. Editore Ipas Brasile, Rio de Janeiro-RJ, 2005.

SANDEL, Michael j. giustizia, cosa sta facendo la cosa giusta. Editore brasiliano civiltà, Rio de Janeiro-RJ, 2012.

OTSUKA, Walter TiyozoLinzmayer. La natura giuridica dell'azione penale sul reato di lesioni personali praticata contro le donne all'interno della relazione domestica e familiare. (a).  La procura della stato di Goiás, Goiânia, n ° 20, p. 47-57, gennaio/dicembre. 2010.

BRIAN, Fernanda. Un approccio interdisciplinare a destra: il contributo dell'antropologia. (a) Ufficio dei procuratori di stato di Goiás, Goiânia, n. 19, p. 135-143, ottobre/dez. 2009.

AVILA, Thiago André Pierobom. MACHADO, Bruno Amaral. SUXBERGER, Antony Henry Graciano. TÁVORA, Mariana Fernandes. Modelli europei per la lotta contro esperienze di violenza di genere e rappresentazioni sociali. Più alta scuola del pubblico ministero dell'Unione, Brasília-DF, 2014.

Rajput di Fernanda Oliveira. Broken Saints, violenza contro le donne dalla voce delle vittime. Editora da Puc Goiás, Goiânia, 2010.

Smith, Barbara Musumeci. Combattere la violenza contro le donne: sfide e dilemmi. (a) Violenza contro adolescente/giovane, UERJ, Rio de Janeiro-RJ, p. 73-80, 2007.

SAMUEL, Alvine Augusto. SHECARIA, Solomon. Criminologia e nei guai. Editore Atlas s.a. Sao Paulo-SP, 2008.

Politiche pubbliche sulla violenza contro le donne. Disponibile a: <http: www.compromissoeatitude.org.br/politicas-publicas-sobre-violencia-contra-as-mulheres/="">letta: 03/09/2015 alle ore 18:39 h.</http:>

FALEIROS, Eva. Violenza di genere. (a) Violenza contro adolescente/giovane, UERJ, Rio de Janeiro-RJ, p. 61-72, 2007.

GROSSI, Patricia Krieger. Violenza contro le donne: implicazioni per gli operatori sanitari. In: LEE, Meyer di Waldow. Sesso e salute. Porto Alegre: arti mediche, 1996. p. 133-149.

KASHANI, Javad H.; ALLAN, Wesley D. L'impatto della violenza familiare su bambini e adolescenti. Thousand Oaks, Ca: Salvia.1998.

L'efficacia delle misure di protezione. Disponibile presso: < http: jus.com.br/artigos/25018/in-eficacia-das-medidas-protetivas-de-urgencia-da-lei-n-11-340-2006/3#ixzz3dxdu5zlz="">accesso 18/06/2015 alle 17:34</ http:>

Roccia. Martha Marquez. Violenza contro le donne. (a) Violenza contro adolescente/giovane, UERJ, Rio de Janeiro-RJ, p. 73-80, 2007

Primer per la diffusione e la comprensione della legge Maria da Penha (legge 11340/06). Maria da Penha legge: un collettivo resilienza/José Carlos Miranda Nery junior. Edizione riveduta e aggiornata. Goiânia, procuratori, 2011.

GIORNI. Maria Berenice. La legge Maria da Penha sulla giustizia: l'efficacia della legge 11.340/2006 per combattere la violenza contro le donne/Maria Berenice Dias domestica e familiare. 2a ed. Riveduta, aggiornata e ampliata – São Paulo: Editora Revista tribunali dos, 2010.

[1] Laurea Magistrale in ambiente e la società di stato Università di Goiás (UEG-Morrinhos), avvocato.

[2] Laureato in giurisprudenza presso l'Universidade Salgado de Oliveira (universo-Goiânia)

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here