Chikungunya: Aspetti generali dell’Arbovirus

0
700
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

DENDASCK, Carla Viana [1]

OLIVEIRA, Euzébio de [2]

LOPES, Gileade Ferreira [3]

DENDASCK, Carla Viana; OLIVEIRA, Euzébio e LOPES, Gileade Ferreira – Chikungunya: aspetti generali della conoscenza scientifica di Arbovirus – Multidisciplinare Core Magazine – Vol. 2. Anno. 1. Maggio. 2016, pp. 23-32- ISSN: 0959-2448

RIEPILOGO

Questo studio, è una revisione sistematica di articoli scientifici pubblicati negli ultimi 5 anni il arbovirus Chikungunya. L'indagine su questi materiali durante il mese di aprile si tenne nei database di PROMONTORI e Scielo, con interesse di portare gli aspetti generali dell'arbovirus Chikungunya, nonché a indagare se articoli recenti portano nuovi aspetti e scoperte su questo da arbovirus. È stato osservato che l'interesse per il soggetto ha avuto un aumento significativo soprattutto negli ultimi due anni, quali caratteristiche per essere strettamente imparentato con l'aumento dei casi nel contesto brasiliano e anche l'ignoranza da parte di professionisti e studiosi in materia. Si prevede che questo articolo può ottenere sovvenzioni di conoscenza non solo per professionisti e ricercato, ma per la società nel suo complesso come informazioni pubbliche.

Parole chiave: Arbovirus. Chikungunya. Febbre di chikungunya.

INTRODUZIONE

Il rischio di epidemie su vasta scala come le pandemie sono diventati sempre più comuni nell'umanità a causa di resoconti storici.  Nei primi decenni del XXI secolo, sono stati identificati alcuni eventi che certamente richiesto l'attenzione dei ricercatori, circa i rischi e gli impatti delle epidemie virali ad alto potenziale come: agripe aviaria, influenza suina, Influenza A (H1N1), Ebola e più recentemente dell'arbovirus come virus di Zika e Chikungunya (VIASUS; DE LA HOZ, 2015).

Secondo Lee, Nozawa e Linhares (2014), dell'arbovirus sono trasmesse da artropodi di animali come insetti, il più noto oggi è l'Aedes Aegypti, tuttavia, si stima che ci sono circa 545 di specie da arbovirus diviso in 5 famiglie, e più di 150 sono associati con malattie trasmesse agli esseri umani. Da malattie da arbovirus sono trasmissibili all'uomo attraverso punture, insetti ematofagi.

C'è da osservare che il rischio di epidemie da diventare pandemie si verifica principalmente attraverso intenso flusso intercontinental dove gli agenti trasmissivi la migrazione con un molto più intensa, inoltre, gli individui infetti. Tuttavia, altre aggravanti, come il cambiamento climatico causato da entrambi fattori antropogenici quali fattori naturali dovrebbe anche essere considerato (VALENCIA, 2015). Questi fattori aumentano l'incidenza di agenti patogeni correlati ai climi tropicali, come ad esempio l'arbovirus (MANIGAT, portafoglio, ANDRÉ, 2011).

Secondo Lee, Nozawa e Linhares (2014), fino al momento in cui possiamo dire che l'unico continente dove l'arbovirus non sono endemiche minacce agli esseri umani, è il continente antartico. Questo accade perché per la riproduzione del virus sono necessarie climatiche condizioni adatto loro vettori, amplificatori di padroni di casa e conchiglie. Gli arbovirus sono una grande facilità di dispersione, essendo in grado di mantenere il vostro ciclo verticalmente, dove gli adulti trasmettono il virus ai loro proles, o anche per altre zanzare del genere durante l'accoppiamento o infettare attraverso Ematofagia. Questo gruppo di virus è composto principalmente da genoma RNA (FERREIRA, 2015).

Virus del RNA hanno una profonda capacità di causare la malattia agli esseri umani, principalmente a causa della facilità che questi virus devono adattarsi rapidamente all'ambiente in cui si trovano, come pure la sua capacità di esplorare nuovi contatti, ciò che rende possibile avere nuovi host, amplificando i suoi vettori, che li rende grandi pandemici rinforzatori (TSETSARKIN et. Al., 2011).

Secondo Tsetsarkin et. Al. (2011) dovrebbe prendere in considerazione anche l'elevata capacità di mutazione da arbovirus, perché hanno un RNA di base debole costantemente RNA di questi virus è modificato, queste mutazioni possono avvenire per mezzo di selezione naturale o a seguito di contatto con altre specie, i due modi per evolvere il virus, che rende più resistenti e difficili da affrontare.

Concentrandosi sugli aspetti della Chikungunya Arbovirus, è importante notare che questo appartiene alla famiglia che Togaviridae è del genere Alfavirus, essendo noto all'umanità per secoli. Dal 18 secolo ci sono record di focolai di questo virus in esseri umani, la Chikungunya tornò a preoccupare l'umanità quando parecchi casi sono stati registrati in vari paesi del mondo, come paesi di Africa, Asia sud-orientale e Oceano Indiano Isole, Italia e Francia, nei primi anni dopo l'anno 2000 (COFFEY, 2011).

Seguirebbe la parola che Chikungunya deriva dal Makonde della Tanzania, e letteralmente significa "ciò che si piega su", questo nome è stato adottato perché il dolore dell'artrite causata dal virus che ha infettato gli individui prua verso l'alto (WANG, et. Al., 2011).

La Chikungunya è generalmente trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti, lo stesso trasmettitore di malattie come la Dengue, virus di Zika, e il Oropouche febbre. Questa zanzara si adatta meglio ai climi caldi, tropicali e subtropicali (COFFEY, 2011). La persona di infetti da virus Chikungunya soffre di una malattia paralizzante altamente infettiva, che causa febbre, affaticamento, eruzioni cutanee e polyarthralgia questi sintomi invalidanti Ultima per circa 10-12 giorni. Il virus è anche associato con meningoencefalite, mielopatia, neuropatia periferica, miopatia e polineuropatia. E ci sono ancora casi che il virus è stato associato con le malattie cardiovascolari, oculari e persino le complicazioni renali. Uno delle aggravanti che questo virus è in realtà la persona infetta può continuare con il sequel dopo questo periodo (RHAIM; Mathew, 2011).

Secondo Onorio et. Al. (2015), in Brasile il primo caso di Chikungunya è stato registrato nel settembre 2014, presso la città di Oiapoque in stato di Amapá, in Brasile. Durante tutto l'anno sono stati registrati casi di 2.772 a livello nazionale in sei diversi Stati, Amapá, Bahia, Distrito Federal, Mato Grosso do Sul, Roraima e Goiás.

Chikungunya: trasmissione

Secondo Albuquerque et. Al. (2012), uno dei fattori che ostacolano la diagnosi di Chikungunya è che malattie da arbovirus, come Dengue, Zika, possono essere eseguite contemporaneamente nello stesso individuo. In questi casi che cosa dovrebbe osservare sintomi particolari di ogni virus, come l'emorragia il dengue e profondo dolore alle articolazioni nel caso di Chilungunya.

Questa volta, secondo Hall et. Al. (2012), è essenziale che c'è una stima o un rilevamento accurato dell'infezione del virus per una popolazione di vettori, e anche la diagnosi di infezioni in esseri umani ed in animali da quello che tiene il ricevimento e follow-up, nonché un trattamento farmacologico efficace sono fattori essenziali per la sopravvivenza degli infetti e anche per cercare di prevenire la diffusione di infezioni.

Varie forme di trasmissione di Chikungunya sono stati trovati nella letteratura studiata, tra i quali è stato nominato la trasmissione attraverso le trasfusioni di sangue. Per questo motivo, i paesi che hanno un alto numero di persone infette, dovrebbe esercitare una maggiore cura nelle procedure di trasfusione di sangue, così che le probabilità del sangue essere infettati dal virus (ridurre PIMENTEL; SKEWES-RAMM e MOYA, 2014). Lo studio di Rolón et. Al. (2015) ha dimostrato la trasmissione di Chikungunya può verificarsi attraverso la gravidanza, tuttavia, non ha ancora identificato la trasmissione attraverso l'allattamento al seno.

Secondo Forbes e Forbes (2014), non sono state ancora identificate risultati degli studi su vaccini che potrebbero essere considerati con alta efficienza contro l'arbovirus, la lotta contro le zanzare vettori Aedes Aegypti e Aedes Albopictus, dovrà ancora essere considerata la prevenzione più efficace nei confronti di coloro che sono in grado di produrre una pandemia.

La malattia

Gli studi già effettuati affrontare il virus Chikungunya, hanno dimostrato che la malattia ha due fasi, acute e croniche. La fase acuta è la fase iniziale della malattia, di solito dura da 3 a 10 giorni, i sintomi di questo periodo sono: febbre alta, mal di testa, stanchezza, dolori, congiuntivite, fotofobia, edema facciale, nausea, vomito, del muscolo e può presentare lesioni cutanee ed eruzioni cutanee su piedi, mani e regioni del corpo mucoso (MOYA, PIMENTEL e PUELLO, 2014).

Già la cronica fase è di durata più lunga, esso può avere fino a una durata di 12 settimane, lei non presenta sintomi quali febbre alta, congiuntivite, mal di testa, tuttavia, il dolore di muscolo nelle articolazioni, portando l'artrite, possa anche presentare anoressia, depressione e desquamazione di pelle. A causa di questi sintomi gravi questa fase rende le attività di semplice infetti. Il quadro clinico di persone contagiate da questi arobovirus è il Ckikungunya, virus di Zika o Dengue, fa male la qualità della vita dell'individuo, così come la gravità di questi disturbi, può ancora rimanere con il sequel in tutto il resto della sua vita.

Onorio et. Al. (2015) alludono alla possibilità, anche se si raggiunge una morte remota e sequele permanenti. Le conseguenze permanenti più comuni sono associate con l'artrite del virus peggiorare in modo significativo la qualità della vita del soggetto. A causa della forte artrite causata dal virus Chikungunya, l'individuo infetto è in grado di eseguire diverse mosse, lo rende impossibile lavorare e fare le faccende domestiche e personali. L'artrite profonda che si verificano nel periodo sintomatico è una delle caratteristiche che contraddistinguono la Chikugunya, questi artrite potrebbe rimanere come sequele permanenti nella persona infetta (HORCADA, DIÁZ-CALDERÓN e GARRIDO, 2015).

Trattamento

Trattamenti per quelli infettati da virus Chikungunya o virus di Zika si basano principalmente sulla somministrazione di droga, cioè l'uso di farmaci come antidolorifici e farmaci anti-infiammatori. Secondo Montero (2014), come non ho ancora un vaccino per questo virus, è il modo principale per evitare l'infezione cercando di non frequentare luoghi dove ci sono casi registrati, utilizzando repellenti per insetti sul corpo in modo che le zanzare trasmettente non si avvicini, e raccomanda di stare attenti con coraggio di profumi perché possono attirare gli insetti e cercare di essere in posti con aria condizionata perché l'unità inibisce il movimento degli insetti in questo ambiente.

Considerazioni finali

Oltre a tutti questi correlati con la salute perdite della persona infetta, queste malattie portano anche perdite economiche, a causa delle varie malattie persone diventare inabili al lavoro, che conduce a perdite economiche agli imprenditori che hanno loro lavorazione tosati. E anche con l'aumento delle infezioni in tutti i governi a tutti i livelli hanno una maggiore necessità di investire nella sanità pubblica, che trasporta la spesa più pubblica (Onorio et. Al. 2015).

Tuttavia, si può considerare che ci sono ancora qualche ricerca accademica e scientifica che affrontano questo da arbovirus, soprattutto in Brasile. Gli studi analizzati si può osservare che il piccolo sta ricercando il modo che il virus si sviluppa nel corpo umano, essendo uno dei principali motivi responsabili per la mancanza di creazione di vaccini efficaci (Jaramillo, 2014).

Trasmettente zanzare come la Aedes aegypti sparsi in tutti gli Stati brasiliani e si disperde da tutte le regioni urbane del paese. Già l'Aedes albopictus è trovato nei comuni di quasi tutti gli Stati brasiliani, tranne gli Stati di Sergipe, Acre, Amapá e Roraima (AZEVEDO, OLIVEIRA e VASCONCELOS, 2015).

D'accordo con le affermazioni di Van Den Hurk et. Al. (2012) e la necessità di misure da adottare mediante l'implementazione di strategie di controllo per da arbovirus che causano malattie esotiche ed endemiche. Una strategia globale di sorveglianza è essenziale al fine di diminuire il numero di casi di infezioni che aumentano sempre più non solo in Brasile, ma anche in altri paesi del mondo.

Riferimenti

ABBOTT, Isabella Garcia Chandra; et al. L'infezione del virus di chikungunya: rapporto del primo caso diagnosticato in adulti in Rio de Janeiro, Brasile. Giornale della società brasiliana di medicina tropicale, v. 45, n. 1, p. 128-129, 2012.

AZEVEDO, Raimunda Denise da Silva; OLIVEIRA, Consuelo Silva; Vasconcelos, Pedro Fernando da Costa. Rischio di chikungunya per il Brasile. Sanità pubblica rivista, v. 49, n. 58, pagg. 1-6, 2015.

COFFEY, Lark l. Arbovirus alta fedeltà perde la variante di fitness in topi e zanzare. PNAS, v. 108, n. 38, p. 16038-16043, 2011.

FERREIRA, Jorge Garcia Goulart. Analisi dei cambiamenti nell'espressione di geni correlati all'immunità innata in cellule umane infettate con virus Guarino. 2015. 94 f. Tesi (laurea magistrale)-Fundação Oswaldo Cruz, Belo Horizonte, 2015.

FIGUEIREDO, Mario Luis Garcia; FONSECA, Luiz Tadeu Moraes. Emergenti Alphaviruses nelle Americhe: Chikungunya e Mayaro. Giornale della società brasiliana di medicina tropicale, v. 47, n. 6, p. 677-683, 2014.

HALL, Roy A.; et al. Avanzamenti nella sorveglianza dell'arbovirus, rilevazione e diagnosi. Giornale di biomedicina e biotecnologia, 2012.

HORCADA, M. Loreto; DIÁZ-CALDERÓN, Carlos; GARRIDO, Laura. Febbre di chikungunya. Reumatiche Manifestaciones de una infezione emergente in Europa. Clinica di reumatologia, v. 11, n. 3, p. 161-164, 2015.

Onorio, Nildimar Alves; et al. Chikungunya: un arbovirose nella creazione e l'espansione in Brasile. Pública Cadernos de Saúde, v. 31, n. 5, p. 906-908, 2015.

JARAMILLO, Berta Nelly Restrepo. Infezione por el virus del Chikungunya. Revista Ces Medicina, v. 28, n. 2, p. 313-323, 2014.

LEE, Noris; NOZAWA, Carlos; LINHARES, Quenel Oak. Caratteristiche generali ed epidemiologia dell'arbovirus emergenti in Brasile. Pan-18 salute rivista, v. 5, n. 3, p. 55-64, 2014.

MANIGAT, Roberte; PORTAFOGLIO, Francia; ANDRÉ, Jean-Claude. Dal passato al programma di sanità pubblica migliore pianificazione per possibili future minacce globali: casi di studio applicati al controllo delle infezioni. Ann Ist Super Sanitá, v. 46, n. 3, p. 228-235, 2011.

MONTERO, Antonio. Fiebre Chikungunya-una nueva minaccia globale. Medicina clinica, v. 145, n. 3, p. 118-123, 2014.

MOYA, José; PIMENTEL, Raquel; PUELLO, José. Chikungunya: un dritto a los servizi de salud de la Repubblica Dominicana. Pan Am Rev. Salud Publica, v. 36, n. 5, p. 331-335, 2014.

PIMENTEL, Raquel; SKEWES-RAMM; Ronald; MOYA, José. Chikungunya in Repubblica Dominicana: lecciones imparato nei primi sei mesi. Pan Am Rev. Salud Publica, v. 36, n. 5, p. 336-341, 2014.

RAHIM, A; Mathew, a. j. perenne impressione di un arbovirus emergente dell'epidemiologia delle malattie reumatiche in India del Sud: comprensioni dallo studio COPCORD. Giornale di medicina postuniversitaria, v. 57, n. 3, p. 226-228, 2011.

ROLÓN, Patricia; et al. Chikungunya acquisito en Recíen Nato. Rapporto di caso. Pediatria, v. 42, n. 1, p. 42-47, 2015.

TSETSARKIN, Konstantin A.; et al. Chikungunya Virus emergenza è vincolato in Asia dai paesaggi adattivi lineage-specifici. PNAS, v. 108, n. 19, p. 7872-7877, 2011.

VAN DEN HURK, Andrew F.; et al. Evoluzione dei sistemi di sorveglianza basati su zanzara da arbovirus in Australia. Giornale di biomedicina e biotecnologia, 2012.

Vasconcelos, Pedro Fernando da Costa. Malattia di virus di Zika: un nuovo problema emergente in America? Rivista, Pan-18 v. 6, n. 2, p. 9-10, 2015.

 

VIASUS, Diego; DE LA HOZ, Juan m. Qué tiene la infezione impatto sia per el Chikungunya virus? Salud, avvistamento segnala giornalmente, v. 31, n. 1, p. 7-9, 2015.

WANG, Danher; et al. Vaccino contro il virus chikungunya complesso dell'adenovirus fornisce protezione completa contro la viremia e artrite. National Institutes of Health, v. 29, n. 15, p. 2803-2809, 2011.

[1] Post dottorando in psicoanalisi clinica, regista e ricercatore del centro di ricerca e studi CEPA avanzati, e-mail: [email protected]

[2] Biologo. Master in biologia. Dottore in medicina tropicale/malattie. Professore a livello di laurea e gli studi universitari e ricercatore presso l'Università federale del Pará – UFPA. Ricercatore del programma del centro di medicina tropicale della UFPA laureato. E-mail: [email protected]

[3] Laureando in scienze sociali – PUC-Campinas, un ricercatore presso il centro di ricerca e studi avanzati-e-mail: [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here