Profilo epidemiologico del siero dei casi di Dengue segnalati nella città di Belém, Pará

0
893
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

SILVA, Francilene Amorim da [1]

ROCHA, Bianca Malheiros Ferreira [2]

GESTA, Silvia Sidney Maia [3]

FECURY, Amanda Alves [4]

DIAS, Cláudio Alberto Gellis de Mattos [5]

OLIVEIRA, Euzébio de [6]

SILVA, Francilene Amorim da; et. al. – Profilo epidemiologico del siero dei casi di Dengue segnalati nella città di Belém, Pará – Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Anno 1, vol. 4, pp. 75-85, luglio 2016. ISSN: 0959-2448

RIEPILOGO

Dengue è una delle malattie infettive più frequenti in Brasile e uno dei problemi maggiori di salute pubblica nel mondo. Questo studio ha mirato a caratterizzare il profilo epidemiologico del siero di febbre dengue nel periodo 2007-2011. I dati sono stati ottenuti dal reparto di sorveglianza epidemiologica, il segretariato comunale di salute nel città di Belém-PA. È stato osservato che gli individui colpiti dalla malattia, erano femmine, con 57%, rispetto al 43% uomo. I gruppi di età più colpiti sono state quelle osservate tra privati da 20 a 39 anni (39%) dei casi, seguiti da 40 a 59 anni (23%). Per quanto riguarda il sierotipo dengue 1, 2, 3 e 4, ha mostrato che nel periodo e regione oggetto di studio, il più grande era per il sierotipo 4 con il 56% dei casi; sierotipo 1, con il 25%; seguita dal sierotipo 2, con 19%. Si ritiene che la distribuzione dei casi segnalati della malattia punti all'influenza dei fattori climatici, come precipitazioni, temperatura e umidità, che sono favorevoli per la proliferazione e lo sviluppo di Aedes aegypti; Anche così, come la mancanza di politiche pubbliche e la consapevolezza della popolazione.

Parole chiave: febbre di febbre rompiossa. Epidemiologia. Belém-Pará.

1 INTRODUZIONE

Dengue è una delle malattie infettive più frequenti in Brasile e uno dei problemi maggiori di salute pubblica nel mondo, soprattutto nelle regioni tropicali e subtropicali. Si tratta di una malattia endemica ed epidemia, che presenta il quadro clinico dell'inizio improvviso e grande, variando le forme di espressione clinica, come forma di febbre indifferenziato (classica dengue) e forma severa (Dengue emorragica febbre-FHD), shock (Dengue shock sindrome-SCD) (Brasile, 2008b; TORRES, 2008). La febbre dengue, nella sua forma classica ("rottura dell'osso" febbre) è una malattia con febbre (39 C a 40º C), a partire quasi sempre simili all'influenza, con generalizzato malessere e tosse seguita da mal di testa. Anche se sgradevole, questa forma di febbre dengue, raramente è inevitabile e lasciare che qualche sequel (LEVINSON, 2005).

Etiologicamente, suo agente eziologico è un virus appartenente alla famiglia dei Flaviviridae e ha quattro sierotipi noti come dengue 1, 2, 3 e 4 (Brasile, 2008 c; TAUIL, 2002). La trasmissione avviene tramite la zanzara Aedes aegypti, vettore, che, in generale, utilizza contenitori artificiali per la proliferazione di vettore, rendendo questa specie prevalentemente urbane (Rizzi et al., 1999; BARRETO; TAMIL, 2008).

Questo arbovirose raggiunge la popolazione di tutti gli Stati brasiliani, indipendente di classe sociale. Nel 2001, i comuni di 3.567 27 Stati brasiliani erano infestati e trasmissione si sono verificati in 24 città 2.262 di questi Stati. Durante l'anno 2007, solo dello stato di Santa Catarina non ha presentato la trasmissione indigena (TAUIL, 2002).

Secondo stime dell'organizzazione mondiale della sanità (OMS), 80,000,000 persone infettate ogni anno, con circa 550.000 ricoveri e decessi di 20000 (Brasile, 2008a).

Di questi, circa 50.000.000 sono trovati nelle regioni tropicali e subtropicali, tenendo in considerazione che, attualmente, 2.5 a 3.000.000 persone vivono esposti al rischio di essere infettati da questo arbovirose, dove le condizioni ambientali quali temperatura e presenza di allevamento favoriscono lo sviluppo e la proliferazione del vettore di zanzara Aedes aegypti della malattia, primaria (Brasile, 2008b; TORRES, 2008; MYAZAKI et al. 2009.

Il Brasile ha presentato la prima epidemia nei primi anni ' 80, essendo il primo riferimento a Rio de Janeiro nel XIX secolo, nel nordest e nel sud (FOCCACIA, 2005).

Ci sono segnalazioni di epidemie in Rio de Janeiro nel 1946, Niterói nel 1923, Curitiba nel 1896, Rio Grande do Sul, nel 1917, Betlemme nel 1967, e la campagna contro la Aedes aegypti la malattia ha tenuto fuori fino al 1981 (DONALISIO; GLASSER, 2002). Tuttavia, la zanzara è stata rilevata in diverse regioni, e, nella città di Boa Vista, nel 1981, 11000 casi sono stati segnalati, corrispondente a 1/5 della popolazione di questo comune, essere coinvolto in questi casi i sierotipi di febbre rompiossa 1 e 4 (DONALISIO; GLASSER, 2002; SETUBAL; OLIVEIRA, 2006).

La città di Rio de Janeiro è stato colpito nel 1980, 1986 e 1987 per dengue sierotipo 1. Il secondo focolaio si è verificato nel 1991, con l'introduzione di dengue sierotipo 2. La popolazione di questa città nel 2002, ha affrontato la peggiore epidemia di dengue nella storia del paese, con 188.073 casi, con la maggior parte di dengue 3. Aumentando il rischio di infezione sequenziale morti e anche da una maggiore virulenza di questo nuovo ceppo (DONALISIO; GLASSER, 2002; FOCACCIA, 2005; VITA et al..2008.

Nel nord, con l'eccezione dello stato di Roraima, i casi sono stati isolati, dal 1995 nelle città di redenzione e Rondon, sia in stato di Pará (EVANDRO CHAGAS INSTITUTE, 1997). La città di Betlemme ha oggi circa 1.400.000 abitanti e la sua regione metropolitana di 2.300.000 abitanti (IBGE, 2011).

La città di Betlemme ha un clima caldo e umido con temperatura media annuale di 26° C nei mesi caldi. La temperatura media massima raggiunge i 32° C e la media minima raggiunge 22 C. L'umidità dell'aria è circa l'85%, dove le piogge non sono ugualmente durante tutto l'anno e offre una più alta incidenza nei mesi di gennaio-giugno (SHARMA et al., 2003). Queste caratteristiche sono tropicale, caldo e umido che contribuiscono significativamente all'occorrenza maggiore di casi di dengue nella regione (COSTA, 2005).

METODOLOGIA

La metodologia rappresenta il percorso e l'approccio strumentale della realtà cm compreso i concetti teorici e l'insieme delle tecniche che consentono l'apprensione della realtà e anche il potenziale creativo del ricercatore "(MINAYO, 2000).

In questo senso, il presente studio è stato effettuato per mezzo di ricerca bibliografica, attraverso libri, riviste e articoli scientifici relativi al tema, che cercano di descrivere gli aspetti generali che coinvolgono anche il virus della dengue, potrebbe fare un'indagine bibliografica sul profilo epidemiologico siero di dengue, i dati confermato notifica virus sierotipo 1, 2, 3 e 4 e la caratterizzazione per età e sesso, le persone affette da malattia nella città di Belém-PA attraverso l'analisi dei dati ottenuti in organi associati all'assistenza sanitaria.

Ottenere i dati di ricerca si è verificato nei mesi di luglio-settembre 2012. I dati sono stati raccolti attraverso il sistema di informazioni di malattie segnalabile notificato (SINAN) e Ministero della salute (MS) nella città di Belém, nel periodo dal 2007 al 2011, nonché attraverso i dati forniti dal dipartimento della sorveglianza sanitaria della municipale Segretariato salute di Betlemme-SESMA nello stesso periodo.

Successivamente, i dati ottenuti dall'indagine sono stati raggruppati nelle tabelle, analizzati statisticamente e successivamente trasformati in grafica per una migliore visualizzazione, presentazione e discussione dello stesso.

RISULTATI

Nella figura 1 la città di Betlemme ha contribuito il 21% dei casi che si verificano in stato di Pará durante l'anno 2007, circa 13.955 casi; Già nel 2008 ha osservato una riduzione dell'incidenza di casi, in calo solo il 9% durante tutto l'anno; Tuttavia, si è notato che durante i seguenti anni 2009 e 2010 c'è stata una crescita in questo indice.

-Percentuale di febbre rompiossa casi
Figura 1-percentuale di casi che si sono verificati nella città di Betlemme in relazione che si è verificato in stato di Pará.

Vale la pena ricordare che, nell'anno 2010, Betlemme era responsabile per la più alta percentuale in quei periodi, con circa un quarto di tutte le casse dello stato. Mentre nell'anno 2011 c'era ancora una diminuzione, ottenendo una percentuale del 16% rispetto i registrati alla fermata (Figura 1).

Per quanto riguarda la prevalenza di febbre dengue, stratificato per anno e legate alla forma clinica di dengue, che sono stati trovati durante il periodo di studio, c' non è stato nessun caso notificato di sindrome da shock Dengue (SCD) (Figura 2).

Forma clinica di febbre rompiossa
Figura 2-prevalenza di febbre dengue, stratificato per anno e relative alla dengue, forma clinica di 2007-2011.

Lo stesso è stato osservato con Dengue con complicanze (DCC) negli anni 2009, 2010 e 2011. Tuttavia, vale la pena ricordare che, nel caso di Dengue classica (DC) c'era un numero notevole di insorgenza della malattia, e c'è una costante nella loro notifica per ogni anno di intervistati. Nel caso di Dengue emorragica (DHF) scoperto che c'erano record per gli anni 2007-2011, con una diminuzione in quest'ultimo anno.

Per verificare che i dati per fascia di età (Figura 3) si rende conto che nel periodo dal 2007 al 2011, il maggior numero di casi di febbre dengue si è verificato in individui dal gruppo d'età tra i 20-39 anni, che erano i più colpiti dal virus, che rappresenta un totale di 39% dei casi, seguiti dal 23% al gruppo d'età di 40-59 anni.

febbre dengue 2007-2011
Figura 3-età dei casi segnalati di febbre di febbre rompiossa, nel periodo dal 2007 al 2011.

Quanto riguarda la prevalenza di dengue come il sesso (sex), (Figura 4), stratificata nel periodo in studio, 2007-2011, è rimasto invarianti nei dati segnalati di dengue, dove il maschio era tra 43 a 46% e la femmina tra 54 al 57%. Di conseguenza, troviamo che la donna rappresenta una percentuale superiore rispetto ai maschi, per tutto il periodo in esame.

febbre di febbre rompiossa in base al genere, stratificato per anno dal 2007 al 2011.
Figura 4-prevalenza della febbre di dengue in base al genere, stratificato per anno dal 2007 al 2011.

L'analisi delle informazioni sui casi segnalati di sierotipo dengue 1, 2, 3 e 4, come mostrato nella figura 5. Nel periodo dal 2007 al 2011 la maggiore frequenza di casi di febbre dengue, nella regione metropolitana di Belém, era di sierotipo 4 con il 56% dei casi; poi il sierotipo 1 con 25%; e il sierotipo 2, con 19%; non avendo alcuna occorrenza per il sierotipo 3.

introduzione di DEN-4.
Figura 5-sierotipi isolati lo sviluppo nella regione metropolitana di Belém-Paré 2007-2011 con introduzione di DEN-4.

DISCUSSIONE

La febbre rompiossa è uno dei problemi principali di salute pubblica in tutto il paese, e questo è a causa della sua facilità di espansione e il potenziale di gravi e anche mortali (PAHO, 1991; TORRES, 2008). I risultati ottenuti con l'attuazione della presente ricerca sottolineano la necessità di una prevenzione più efficace nella città di Betlemme, soprattutto in relazione al vettore della malattia, dal momento che è già noto che l'indice del registro di sistema di dengue nel corso degli anni intervistati segnalato considerevole in termini di salute pubblica. Questo è dimostrato dal criterio di conferma più utilizzato in comune, che è la conferma mediante dati epidemiologici clinici, con il supporto di isolamento virale test effettuati nei laboratori, addestrati per rilevare sierotipo circolo in questa regione.

Il confronto del coinvolgimento della malattia rispetto al sesso richiede anche attenzione, poiché le donne sono più colpite, perché essi sono più soggetti al vettore di attacco. In questo senso anche programmi di sanità pubblica devono esistere per questo genere, come migliore orientamento sulla cura dell'ambiente che deve essere adottato in casa.

Questo è, probabilmente, che le due classi sono più soggetti a infezioni dal vettore e per essere più attivi professionalmente, in grado di fornire un maggior rischio di contrarre la malattia. Questi dati sono, secondo il sondaggio, condotto a Paudex, Monteiro et al (2006), dove i dati mostrano equivalenti di contaminazione per questo stesso gruppo di età. Secondo i dati della letteratura, questo è a causa di abbigliamento femminile, perché il vettore zanzara è preferito da zucchero principalmente a piedi, o nelle parti inferiori delle gambe; Tuttavia, ciò non significa che questi insetti non possono aspirare di altre parti del corpo umano e agli animali (NAIR, 2003). Vale la pena ricordare che questi stessi dati sono simili a quelli trovati da Varga e Oke attraverso ricerche simili condotte in Dourados-MS (2009), ciò che può caratterizzare aprioristicamente un profilo di malattia.

L'inclusione di stock di sierotipo 4 nella regione è un altro fattore che merita evidenziare diventando un dato preoccupante, perché dimostra la versatilità dei sierotipi, causando una maggiore attenzione a tutti i sierotipi e tipi non più specifici.

Per capire la situazione epidemiologica che è preoccupante, è necessario essere un collegamento tra i tre livelli di governo (municipale, statale e federale), insieme alla comunità stessa, con controllo permanente di questa malattia. Poiché l'avanzamento di dengue è generata da una società statica, è che noi dovremmo sensibilizzare la popolazione affinché ci sia un combattimento collettivo, soprattutto con maggiore efficacia.

Nella città di Belém, la difficoltà nel controllare la proliferazione del vettore si verifica a causa di condizioni di servizi sanitari di base e l'alta concentrazione della popolazione nella zona periferica. È necessario mantenere continuamente didattica per chiarire la popolazione circa la malattia e la lotta al vettore (GONÇALVES NETO et al., 2004).

I risultati trovati qui meritano una particolare attenzione, poiché, secondo i dati del Ministero della salute, il sierotipo 4 aveva un notevole movimento con aumento del numero dei casi segnalati in Brasile negli ultimi due anni (2010-2011) (Brasile, 2011), che conferma i dati trovati in questa ricerca. Si ritiene che il verificarsi di casi nel punto regione segnalati all'influenza dei fattori climatici, che ha fornito adeguate condizioni per lo sviluppo di Aedes aegypti, e altri fattori ambientali e localizzazione. Si noti, inoltre, che la concentrazione della maggior parte dei casi, si verifica in estate, quando le condizioni meteo, precipitazioni, temperatura e umidità sono favorevoli alla loro proliferazione.

È interessante nota che, durante l'anno 2010, Betlemme era responsabile per la più alta percentuale in quei periodi, con circa un quarto di tutte le casse dello stato. Mentre nell'anno 2011 c'era ancora una diminuzione, ottenendo una percentuale del 16% in relazione alla sede in Pará, che potrebbe essere stato motivato a causa di mancanza o inefficacia delle campagne come la lotta soprattutto il terreno fertile della zanzara Aedes aegypti, responsabile della trasmissione della malattia.

CONCLUSIONE

Possiamo dire che la maggior parte del numero di casi si verifica solitamente quando la temperatura e le precipitazioni sono più alti, che provoca un aumento nella popolazione del vettore zanzara. È affermato che acqua accumulata in pozzanghere o contenitori diversi favori la proliferazione delle larve di Aedes aegypti.

Quindi, è essenziale per l'esistenza di azioni più forte da parte della popolazione per il controllo dei vettori può essere realizzato in modo più efficiente; in caso contrario, le epidemie rimangono una costante della regione.

Notare che il modo migliore per controllare l'aumento di casi di dengue sta combattendo le zone di riproduzione delle zanzare, attraverso campagne per l'eliminazione delle zone di riproduzione e la consapevolezza della popolazione delle zone colpite e, poiché non ci è finora nessun vaccino o farmaco specifico per la malattia.

RIFERIMENTI

AGUIAR, Adriana Chan. Sorveglianza epidemiologica di testo di sostegno. Rio de Janeiro: Fiocruz, 1998.

BARRETO, M. L.; Teixeira, g. m. situazione epidemiologica e contributi a un programma di ricerca. Studi avanzati, v. 22, n. 64, 2008.

BRAGA, I. A.; VALLE, a. Aedes aegypti: controllo di storia del Brasile, epidemiologia e salute servizio, Brasilia, v. 16, n. 2, aprile/giugno. 2007.

Brasile. Ministero della salute. Segretariato per l'assistenza sanitaria. Dipartimento di base attenzione. Sorveglianza sanitaria: sorveglianza epidemiologica dipartimento. Malattie infettive e parassitarie: Guida tascabile: 7.ed.rev. Brasilia: Ministero della salute, 2008a.

Brasile. Segretariato per l'assistenza sanitaria. Dipartimento di base attenzione. Sorveglianza sanitaria: febbre Dengue, schistosomiasi, lebbra, malaria, tracoma e tubercolosi. 2. Rev a cura. Brasilia: Ministero della salute, 2008b.

Brasile. Ministero della salute. Fondamento nazionale di salute. Dengue: aspetti epidemiologici, diagnosi e trattamento. Brasilia: Ministero della salute, 2011.

Brasile. Ministero della salute. Dengue: infermieristica manuale-adulto e bambino. Brasilia: Ministero della salute, 2008 c.

Borges, Sonia m. a. epidemiologici importanza di Aedes aegypti Albopictus nelle Americhe. São Paulo:[S.n.], 2001.

COSTA, Benedetto a. classificazione, tipi e trattamento di febbre dengue. [S.l.:S.n.], 2005.

Dantas, Vincent S.; PASSONI, Louis f. c. Dengue: rinascita di una vecchia malattia, giornale medico, Rio de Janeiro, v. 37, n. 2, 2003.

FEBBRE DENGUE. Notifiche: registrata nel sistema d'informazione di malattie segnalabile SINAM-NET 2007 al 2011.

DONALÍSIO, M. R.; GLASSER, C m. entomologica sorveglianza e vettore di controllo della dengue, giornale brasiliano di epidemiologia. v. 5, n. 3, 2002.

FIGUEIREDO, Louis t. m. patogenesi di Dengue infezioni da virus. Ribeirão Preto:[S.n.], 1999.

FIGUEIREDO, Louis t. m. virus febbre hemorrhagic in Brasile. Giornale medico, v. 39, p. 203-210, mare, / ABR., 2006.

FOCACCIA, Roberto. Trattato delle malattie infettive: v. 3. São Paulo: Atheneu, 2005.

GAUTAM NAIK, V. S.; Rebelo, j. m. m. aspetti epidemiologici di dengue febbre nella città di São Luís, Maranhão, Brasile, 1997-2002. CAD. Saúde pública, Rio de Janeiro, 2004.

EVANDRO CHAGAS INSTITUTE. Malattie infettive e parassitarie: approccio di Amazon. Betlemme: Cejup/Università del Pará; 1997.

LEVINSON, Warren; JANETZ, Ernest. Microbiologia. 7. Ed. Porto Alegre: New Haven, 2005.

LÍPI, Osmar; AGNELLO, Charles G.; CONIGLIO, Ivo c. b. imunocutâneas manifestazioni di dengue. [S.l.: S.n.], 2007.

MINAYO, C. S. la sfida della conoscenza: ricerca qualitativa in salute. 7. Ed. São Paulo-Rio de Janeiro: Hucitec-Abraseo, 2000.

Monteiro, e. c. s. et al. Aspetti epidemiologici e vettore di dengue nella città di Teresina, Piauí-Brasile, 2002 e 2006. [S.l.: S.n.], 2006.

MYAZAKI, rosa Djunto et al. Monitoraggio della zanzara Aedes aegypti. Giornale brasiliano di medicina tropicale. Uberaba, v. 42, n. 4, luglio, / fa., 2009.

NEVE, David Parker. Parassitologia umana. 10. Ed. São Paulo: Atheneu, 2003.

PAHO. PAN AMERICAN HEALTH ORGANIZATION. Linee guida relative alla prevenzione e al controllo della dengue e febbre emorragica di dengue nelle Americhe. Washington, 1991. Report meeting sugli orientamenti per la febbre dengue, 1991.

Rebelo, j. et al. Distribuzione di Aedes aegypti e la febbre dengue, nello stato del libro del Maranhão, in Brasile, della sanità pubblica, Rio de Janeiro, v. 15, n. 3, lug/set. 1999.

SÁNCHEZ, l. et al. Strategia di formazione per promuovere la partecipazione della Comunità nella prevenzione della febbre dengue. Rivista di Panama. Sanità pubblica, v. 24, n. 1, p. 61-69, 2008.

SERUFO, j. c. et al. Febbre dengue: un nuovo approccio. Giornale della società brasiliana di medicina tropicale, v. 33, n. 5, p. 465-476, sett / out., 2000.

SETÚBAL, Sergio; OLIVEIRA, Solange de a.. Malattie infettive e parassitarie: Dipartimento di medicina clinica, Apr. 2006.

SHARMA, Marcia. Infermieristica in infettivologia. São Paulo: Atheneu, 2006.

SHARMA, s. et al. Studio comparativo tra le precipitazioni mensili e il numero di casi di febbre rompiossa segnalata. Rev. Bethlehem, 2003.

TAUIL, aspetto critico di l. Pedro del controllo della febbre di dengue in Brasile, sanità pubblica, Rio de Janeiro, v. 18, n. 3, maggio / giugno. 2002.

TEIXEIRA, G. M.; BARRETO, M. L.; GUERRA, Z. epidemiologia e prevenzione della febbre dengue. v. 8, n. 4, Brasilia, Dec. 1999.

TORRES, Eric M. Dengue Fever. Studi, v. 22, n. 64, p. 35-52, avanzati 10, 2008.

VERONESSI, Richard. Malattie infettive. V. 3. Rio de Janeiro: Guanabara koogan, 2004-.

VIEGAS, S.; OLIVEIRA, r. epidemiologia di dengue negli anni 2009 e 2010 nella città di DOURADOS/MS, dorato:[S.n.], 2009.

VITA, w. p. et al. Dengue: clinica e laboratorio avvisi di evoluzione della malattia severa. [S.l.:S.n.], 2008.

 

[1] Studen di PARWIZ Amazon Metropolitan College

[2] Studen di PARWIZ Amazon Metropolitan College

[3] Studen di PARWIZ Amazon Metropolitan College

[4] Biomedica. Dottorato in malattie tropicali. Docente e ricercatore presso l'Università federale di Amapá, AP. E docente del programma laureato del centro per la medicina tropicale presso l'Università di Pará – UFPA.

[5] Biologo. Medico nella teoria e nella ricerca. Docente e ricercatore presso l'Istituto di Amapá-IFAP federale.

[6] Biologo. Dottore in medicina tropicale/malattie. Docente e ricercatore presso l'Università federale del Pará; Ricercatore presso il programma di laurea del Core di medicina tropicale presso l'Università di Pará – UFPA.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here