Infezione in terapia intensiva: l’audit di ospedale sulla prevenzione e il controllo

0
643
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

SILVA, Elieth Cruz Magno [1]

OLIVEIRA, Euzébio de [2]

SILVA, Elieth Cruz Magno; OLIVEIRA, Euzébio de. Infezione in terapia intensiva: l'audit di ospedale sulla prevenzione e il controllo. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1, vol. 5, pp. 58-74, ISSN: 0959-2448

RIEPILOGO

L'audit di ospedale che si tratta di un ramo della contabilità, che è stato utilizzato da varie professioni, anche per la salute, infermieristica, in particolare nelle organizzazioni sanitarie. Il controllo appare come uno strumento importante nella trasformazione dei processi di lavoro che ha avuto luogo negli ospedali, come la prevenzione delle infezioni e il controllo, questo controllo è effettuato tramite il controllo delle infezioni Ospedale Comitato (CCIH) che ha da svolgere audit interni, valutare le prestazioni del programma di controllo delle infezioni ospedale e minimizzazione dell'incidenza e la severità delle infezioni nosocomiali. Verifiche ispettive interne dovrebbero essere effettuati periodicamente dalle unità ospedale per osservare il grado di infezione presente. Obiettivo: Per analizzare la funzionalità di un controllo nella prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere in unità di cure intensive. Metodi: i dati saranno raccolti attraverso studio bibliografico nel periodo 2005-2014 nei seguenti database: SCIELO (Biblioteca scientifica elettronica) e lillà (letteratura latinoamericana e caraibica su Scienze della salute), la biblioteca universitaria da Amazon. Questa ricerca è quantitativa nel carattere. Conclusione: alla fine di questo conluiu lavoro che solo attraverso un team di sanitari ampiamente formati e suggerimenti di cura universale è che sarà possibile la prevenzione delle infezioni nosocomiali, che richiedono che tutti i professionisti coinvolti a rispettare e a svolgere tutte le norme stabilite dalla CCIH. È importante notare che le infezioni ospedaliere sono acquisiti dopo l'ammissione del paziente in un ospedale, che potrebbe essere visualizzati durante il ricovero del paziente o dopo la sua alta e possono essere generate perché alcune procedure ospedaliere o anche l'ospedalizzazione.

Parole chiave: Audit di ospedale. Prevenzione. Infezione.

INTRODUZIONE

Secondo Motta (2005), Riollino (2007) l'audit parola deriva dal latino audire, che significa ascoltare. Tuttavia, il termine può essere meglio chiarito dalla parola del controllo, lingua inglese, che ha il significato di scansione, fix e assicurati. Di conseguenza, l'audit si concentra sulla valutazione sistematica e formale di un'attività per stabilire se lei è essere raggiunti in base ai tuoi obiettivi. È un ramo della contabilità, che è stato utilizzato da varie professioni, anche per la salute, cura più specifico, a causa della globalizzazione e considerata la necessità delle aziende di guadagnare il processo di professione d'infermiera al revisore Revisore medico, considerando la sua funzione generale. Secondo Rossi attualmente (2009), l'audit in salute ha in alcune suddivisioni che vanno dalla classificazione alla sua esecuzione.

Delle aziende sanitarie, il controllo viene visualizzato come una chiave importante nella trasformazione dei processi di lavoro che ha avuto luogo negli ospedali, come il controllo e la prevenzione delle infezioni (SCARPARO, 2007). L'audit che è coerenza in questo senso è il medico che consiste in una valutazione degli aspetti qualitativi e quantitativi basato sull'assistenza sanitaria. Copre anche gli aspetti organizzativi, operativi e finanziari, con l'obiettivo di cercare la qualità delle cure fornite ai pazienti (SCARPARO, 2005). Egli è attualmente un gran numero di professionisti che fanno salute e audit, cosicché viene eseguita correttamente, è necessario che i revisori (interni) sono consapevoli delle attività sottoposto a controllo, così come controllo e costano flusso di materiali e medicinali (KINGS, 2008).

Secondo il manuale standard di Audit (1998) il national audit System-SNA, istituito dall'art. 6 della legge 8.689, 27 luglio 1993 e regolamentato dal decreto 1651, del 28 settembre 1995, copre i tre livelli di gestione che compongono livello SUS-federale, statale e comunale. Attività di auditing, che integra altre istanze di controllo è sovvenzionare il processo di pianificazione delle azioni di salute, esecuzione, gestione tecnica e valutazione qualitativa dei risultati ottenuti.

In questa visione, è la preparazione del documento orientativo, guidato alla conti del SNA, con aspetti generali e concettuali del controllo, così come l'insieme di azioni tecniche ed amministrative che compongono questa attività. Mira all'acquisizione della qualità delle azioni e dei servizi forniti nel campo della salute, l'audit ha osservato azione analitica e attività di indagine operativa, concentrandosi su un esame sistematico e indipendente di un elemento di attività o il sistema, per definire se le azioni di salute e dei loro risultati, sono del concordato con le disposizioni dirette e con norme e legislazione in vigore (manuale di AUDIT standard 1998).

L'infezione è acquisita o trasmesso l'infezione nello spazio tutto l'ospedale. Attualmente, 15,5% dei pazienti ospedalizzati hanno una sorta di infezione. Questa condizione allude costi elevati per il sistema sanitario a seguito dell'aumento della durata del soggiorno e cure aggiuntive diagnostiche e terapeutiche (MARTINEZ; Campi; NOGUEIRA, 2008). Secondo Gastmeier (2009) questa situazione è associata a causa del lungo ricovero in ospedale, sia in ospedale che in unità di cure intensive.

Con l'avvento degli antibiotici, i medici attendibili che infezioni scomparirebbero; Tuttavia, l'abuso tramite il loro uso, germi resistenti, aumentando il problema. L'unico modo per diminuire questo male è per controllo e la prevenzione, coordinato da un controllo di infezione ospedale Comitato, che, anche se si tratta di un requisito, solo la metà della Commissione brasiliana, ha questo ospedali e ancora una minoranza svolge attività di base del controllo, secondo un sondaggio condotto dal Ministero della salute (CALVALLINI; BISSON, 2005). La Commissione di controllo delle infezioni nei servizi sanitari è un organismo che offre consulenza alla direzione clinica dell'unità, con il controllo del programma di fitness di infezioni acquisite in ospedale, con lo scopo di promuovere la comunità consigliato e protegge il personale clinico e l'ospedale (EVORA, 2008).

Così il 6 gennaio 1997 6.431 legge federale, che richiede tutti gli ospedali per costituire il controllo delle infezioni Ospedale brasiliano Comitato (CCIH) che dovranno agire in conformità con il programma sviluppato dall'ente stesso. La legge ha anche stabilito l'obbligo di istituire un programma di controllo delle infezioni Ospedale (PCIH), definito come un insieme di azioni sviluppate deliberatamente e sistematicamente con l'obiettivo di minimizzare la massima incidenza e la severità delle infezioni nosocomiali (luce; Martins, 2007).

Il controllo delle infezioni Ospedale Comitato è composto da 2 livelli di prestazioni, consulenti e interpreti. I consulenti saranno rappresentati dai servizi: medici, infermieri, farmacia e microbiologia, i carnefici saranno membri, almeno 2 tecnici del settore della sanità o al primo livello per ogni 200 posti letto o frazione di questo numero con il tempo di carico di 6 ore per l'infermiera e 4 ore per altri professionisti, e 1 dei membri deve essere esecutori, un'infermiera (ARAÚJO 2009)

Pertanto, il presente lavoro ha avuto come obiettivo di analizzare la funzionalità di un controllo nella prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere in unità di cure intensive.

METODOLOGIA

I dati sono stati raccolti per mezzo di studio bibliografico, essere cercato 35 articoli nel periodo dal 2005 al 2014 nei seguenti database: SCIELO (Biblioteca scientifica elettronica) e lillà (letteratura latinoamericana e caraibica su Scienze della salute), biblioteca dell'Università dell'Amazzonia, per la ricerca è stata utilizzata per controllare la parola chiave, CCIH e infezioni. e odio, utilizzato 22 informazioni più rilevanti, questa ricerca è quantitativa nel carattere.

RISULTATI E DISCUSSIONE

CONCETTO DI AUDIT CLINICO

L'internal audit Institute del Brasile (AUDIBRA regole, 2011) afferma che l'internal audit è una valutazione indipendente, fondata all'interno dell'organizzazione di ricerca e a giudicare la sua attività come un servizio a questa organizzazione. Lo stesso Istituto Mostra, chiaramente, che da un punto di vista giuridico è privato funzione audit della contabilità. Una società di revisione che è disposta, nel contratto sociale, rendere chiaro tale imputazione sull'oggetto della società, saranno costretti ad avere un partner-commercialista e record in Consiglio di contabilità regionale (CRC).

L'audit clinico è definito come l'insieme di attività e azioni di monitoraggio, valutazione e controllo dei processi e delle procedure adottate, come pure il servizio fornito, mirando al loro migliore forma fisica e qualità, rilevazione e saneando loro alcuna distorsione e proponendo misure per le migliori prestazioni e ad alta risoluzione. (CIAMPONE; KURCGANT, 2004). La definizione di audit di salute, secondo 64,3% degli autori, è relativo per l'analisi qualitativa dell'assistenza, che confermano con la premessa del lavoro del professionista, che è quello di offrire alla vostra assistenza clienti di buona qualità (SCARPARO, 2008).

Per misurare l'efficacia e l'efficienza dei processi amministrativi e di assistenza, procedure per il controllo possono essere utilizzato. L'audit è esposto, discusso e dato come uno gli elementi efficaci di gestione della qualità. Attraverso di essa, è possibile rilevare problemi, analizzarli e trovare le cause che operano sul stesso (Motta; LEAO; ZAGATTO, 2005).

Buona auditor deve essere un negoziatore d'onore in varie situazioni, esprimendo il dominio della sua attività. Infine, dovrebbe essere etico, rispettando il loro codice professionale e imparziale applicazioni normative, esecuzione giudiziosamente, onestamente e obiettivamente il loro lavoro, mantenere assoluta riservatezza delle informazioni riservate che vengono a conoscenza (CHEBLI, 2007).

Controllo medico può essere realizzato in modi diversi, essi sono: audit clinico che è realizzato in modo che le procedure vengono controllate prima che si verifichino. Solitamente è collegato alle procedure o rilascia guide di piano di salute ed è eseguita da medici (greco, 2005; CIAMPONE, 2004). Nel settore della salute, i professionisti che sviluppano devono essere addestrati in modo specifico per questa funzione (BRITO, 2006).

Il controllo operativo medical è il tempo in cui sono controllati le procedure durante e dopo il Auditore atti con il servizio, con lo scopo di monitorare la condizione del paziente in ospedale, dando origine e gestione della delocalizzazione, aiutando il rilascio di procedure o materiali e medicinali di alto costo e anche il controllo della qualità dell'assistenza fornita. È in questo periodo che il revisore può suggerire, con l'accordo del medico curante, altra alternativa medica per l'utente, ad esempio la gestione dei casi cronica (greco, 2005; GAIDZINSKI, 2004).

Controllo analitico medica copre le attività di esame dei dati raccolti da prevenzione e controllo operativo e conferendo con gestione e indicatori da altre organizzazioni. In questo processo, i revisori dovrebbero avere conoscenza rilevante per la salute e indicatori amministrativi, e che fa male l'uso di tabelle, grafici e database. In questo modo, sono bravi a raccogliere informazioni relative al piano di salute, così come circa i problemi rilevati in ogni provider di servizi di salute. Di conseguenza, tali analisi sostanzialmente cooperano per la gestione delle risorse dell'organizzazione o imprese pubbliche (bianco, 2001; ATTIÊ, 2005).

Ci sono vari modi e metodi di controllo in materia di salute, che dirigono il lavoro su un carattere specifico, ma in generale, tutti affermano che il revisore è responsabile nelle sue attività (MELO, 2008).

Attività di audit clinico è menzionata nell'elenco delle funzioni mediche, attraverso la risoluzione n º 1.627 CFM/2001: "attività di coordinamento, direzione, leadership, competenza, controllo, supervisione e insegnamento delle procedure mediche private comprendono atti sanitari e deve essere utilizzati esclusivamente dal medico".

Anche le risoluzioni che definiscono le specialità mediche, come ad esempio CFM risoluzione n. 1.763/2005, lasciano la questione del controllo a un'altra istanza, secondo il testo: "audit sarà designato zona speciale e riceverà un'altra specifica di tipo 3".

L'audit ha compreso il funzionamento audit clinico di visita in ospedale alta conti-etichettato – cosa succede dopo la dimissione del paziente. Tuttavia, ancora nell'ambiente ospedaliero, tale processo viene prima questo account essere inviati all'origine di pagatore, avendo il revisore dei conti il diritto di record medico completa per la revisione. In questo caso, eventuali carenze o difformità può essere negoziato prima della presentazione della fonte ospedale bill pagatore, con accordo reciproco e formale. Un'altra possibilità è la revisione dei conti essere colpiti presso la sede dell'organizzazione pagante. Sulla revisione dei conti sono gli standard di controllo delle infezioni Ospedale comitati (CCIH) (KOTLER, 2005; FALK, 2001).

Audit, tuttavia, è una funzione nell'applicazione principale in tutta la sistematica/mechanical gear/comporre con la pianificazione aziendale, implementazione, ciclo amministrativo dominio, espansione di qualità per essere praticato da tutti i professionisti/partecipanti di organizzazioni (SANTOS, 2008; BERE, 2003).

Nel settore della salute, eventualmente emergenti audit di ospedale che viene fornito con nuove dimensioni, manifestando la sua importanza all'interno degli ospedali. È una valutazione sistematica e formale di un'attività che è sviluppata da un professionista, sovvenzionare qualità cura presentato da incoraggiare i clienti, famiglie e professionisti. Quando si applica la tecnica di controllo, individuare e risolvere i problemi, possiamo garantire amministrazione sanitaria di qualità (ALMEIDA, Santi 2008).

Quando il servizio di revisione viene implementato in ospedale, lei si unirà gli altri reparti, e tale interconnessione consentirà il successo di questo lavoro (RAM, 2009; SANTOS, 2008).

COMITATO DI CONTROLLO INFEZIONI OSPEDALE

La storia dell'ospedale infezione viene distribuita nella storia medica che ha iniziato con la lotta per la sopravvivenza e anche un mondo chiaramente governato da forze potenti e nascosti. Per secoli l'umanità ha usato medicina arcaica, tuttavia, con la dimostrazione e l'osservazione, soprattutto in Grecia, India e Cina la conoscenza era carta scientifica esponendo alla medicina a stabilirsi come una scienza (OLIVEIRA, 2005; CORREA, 2008).

Solo nel 460 AC. che Ippocrate registrato i fenomeni biologici, ha collaborati al fine di prendersi cura dei feriti, ha sottolineato l'importanza di lavarsi le mani prima di chirurgia, l'uso di acqua bollita e vino per la pulizia di ferite. A seguito di Ippocrate, Galeno, medico greco, ha riferito la cura senza la formazione di secrezioni nelle ferite dei gladiatori dopo il lavaggio con vino e con filati di lino (FONTANA, 2006).

Dalla prima metà del XIX secolo che l'infezione ha iniziato ad essere concentrati da professionisti della salute. Rapporti che mostrano nel 1847, il medico Ignaz Semmelweis, Phiipp a Vienna, raccomandato lavamani con acqua clorata esaminatore tutti, prima di toccare la madre. Con questa misura può ridurre drasticamente il tasso di mortalità materna di febbre puerperale (FONTANA, 2006; TURRINI, 2004).

Tuttavia, l'inizio delle preoccupazioni con le infezioni acquisite in ospedale in Brasile ha seguito il processo di rapida industrializzazione che ha iniziato nel governo di Juscelino Kubischek e con l'evento di focolai di stafilococco resistente alla penicillina, di rapporti da altri paesi con medicina tecnologicamente avanzata (ANVISA, 2000).

L'80 è stato il più rispettabile per l'occasione per lo sviluppo del controllo delle infezioni ospedale in Brasile. Iniziato una consapevolezza di salute per l'importanza del soggetto e formano diversi comitati di controllo negli ospedali. In questo contesto, la sorveglianza sanitaria nazionale Agenzia (ANVISA) è responsabile del coordinamento del programma nazionale di controllo delle infezioni Ospedale (PNCIH). Il PNCIH comanda le azioni nazionali per la prevenzione e il controllo delle infezioni nosocomiali, che stabilisce criteri, parametri e metodi per lo sviluppo delle attività (AGU, 2009; GIUNTA, 2006).

La Fondazione di questi programmi è molto importante perché le infezioni Ospedale comunemente collaborano per aumentare la durata dell'ospedale paziente e costose risorse per il relativo trattamento, consentire azioni legali contro il professionista e l'ospedale e che circonda l'immagine dell'organizzazione di fronte ai consumatori (GEORGE, 2006; GIUNTA, 2006).

Per un controllo delle infezioni Ospedale efficace devi stare in ospedale

i professionisti motivati, lavorando in un team, ciascuno nell'ambito dei loro doveri, rispettando l'aggiornamento frequente e con capacità di auto valutano (BRITO, 2006).

Il 6 gennaio 1997, fondata 6.431 legge federale, che stabilisce l'obbligo dell'esistenza di un controllo di infezione ospedale Comitato (CCIH) e un programma di controllo di infezione ospedale (PCIH), dato come un insieme di azioni, sviluppato, deliberatamente e sistematicamente, con l'obiettivo di ridurre, per quanto possibile, l'incidenza e la severità delle infezioni (FERRAZ , 2010; PATEL, 2008).

CCIH dovrebbe essere composto di professionisti della salute, al livello superiore, designato; sarà diviso in due tipi: consulenti e gli esecutori, essendo i consulenti emissari dei seguenti servizi: medica, infermieristica, farmacia e microbiologia; e i membri dei rappresentanti SCIH esecutori, CCIH e, pertanto, sono responsabili dell'attuazione delle azioni pianificate per il controllo (SEQUEIRA, 2005; PEREIRA, 2005).

Secondo il Segretario di stato del Goias Cup (2010) fini CCIH sono: controfirmare un sistema di sorveglianza epidemiologica; valutare gli standard tecnici, secondo le particolari esigenze della maternità, per la prevenzione delle infezioni, in particolare nel regolamento degli obblighi e misure di isolamento e il monitoraggio della vostra attenzione; raccomandare misure per procedere nella prevenzione o riduzione delle infezioni ospedaliere; distribuzione tramite SCIH, controllo dell'uso degli antimicrobici; riferire sulle norme interne, la sua missione, obiettivi e obiettivi, per la comprensione e la cooperazione di tutti i server.

Altri scopi sono: inserire un sistema di informazione e prevenzione delle malattie endemiche che contribuiscono per appianare i tassi di infezione ospedale; notifica aggiornamento programmi per lo scambio di informazioni ed esperienze, con altre istituzioni, sotto i livelli locali, statali, nazionali e internazionali; incoraggiare e contribuire, nell'ambito delle sue competenze, per la ricerca e la diffusione di metodologie razionali che possono contribuire alla promozione di comandi di infezione dell'ospedale; standardizzazione e le routine per l'uso dei prodotti e metodi di controllo di qualità di germicida, insetticidi, antisettici e disinfettanti (Segretario di stato del GOIAS CUP, 2010).

Il controllo di infezione nosocomiale (CIH) è un organo esecutivo, collegato alla presidenza Vice responsabile della conformità medica con le azioni previste di prevenzione e di infezioni acquisite in ospedale ha ammesse di CCIH (HCPA, 2010).

Come descrive, 1998 2.616 ordinanza, è la competenza di condurre verifiche ispettive interne, valutazione di conformità CCIH con programma di controllo delle infezioni ospedale e registrarli. Audit interni dovrebbero essere effettuati periodicamente dalle unità di ospedale, attraverso specifici protocolli per verificare la conformità con la legislazione specifica che si occupa di controllo delle infezioni ospedale.

La funzione di audit in CCIH consiste nell'identificare i problemi nella struttura, nel processo e nella conseguenza, dando informazioni di approvare azioni che migliorano la qualità delle cure. L'audit di ospedale unità amministrativa che ha la capacità di assistere i gestori nell'attuazione della missione e nella continuità dell'entità, di conseguenza, capacità di innovare, fare di più e meglio con meno risorse, raggiungendo predefiniti obiettivi e aggregazione di persone sempre più soddisfatti con lo standard dei servizi presentati (BRITO; FERREIRA, 2006)

La mancanza di standardizzazione e socializzazione delle varie pratiche sono osservati comunemente e causare l'inefficienza del servizio di organizzare le regole e routine (procedure operative standard-POP) per il suo funzionamento, che dovrebbe essere adottato in modo uniforme da tutti i professionisti.  La preparazione può essere eseguita in collaborazione con la formazione continua di servizio e il controllo delle infezioni Ospedale Comitato, seguita da addestramento per la socializzazione di informazioni imposte in servizio agli operatori sanitari (Pinto, 2005; Fernandes, 2000).

L'inattività o inefficienza di controllo delle infezioni Ospedale Comitato (CCIH) è un altro molto comune trovato in ospedali e causando danni all'istituzione, da mancanza di capacità o profilo dei professionisti di giocare nella zona o dalla mancanza di consapevolezza del Manager come suggerito da CCIH ha bisogno non sono sempre soddisfatte. Spesso si verifica che la CCIH non dispone di un ospedale infezione controllo programma (PCIH) distribuito e implementato, lavorando senza una direzione per le loro azioni (SILVA, 2005; ADAMS, 2002).

Molti ospedali ancora non rendersi conto dell'importanza del contributo di amministrativo CCIH dell'ente consulenza, diagnosi e considerando la presenza e la distribuzione dell'infezione ospedale tra i pazienti ricoverati e laureati, interferendo attraverso la distribuzione e/o implementazione delle misure di controllo di infezione per garantire la qualità e la sicurezza dell'assistenza (SCARPARO, 2005; Brito, 2006).

CCIH NELL'UNITÀ DI CURE INTENSIVE

La preoccupazione nel sostenere il controllo delle infezioni nosocomiali in Brasile è apparso nel decennio del 60, arrivando al primo pubblicazioni e rapporti elencati dal tema (roccia; TIMONE, 2010).

Ci sono diversi fattori che aumentano il numero dei casi di infezione in terapia intensiva. Possiamo citare quelle relative al paziente: trapianti, immunodepressione, ustioni, procedure e tecniche a cui i pazienti sono visualizzati (LICHY; MARQUES, 2007).

Infezioni ospedaliere sono gli indicatori più evidenti della non conformità del sistema di assistenza sanitaria, anche se la responsabilità è, in generale, conferita al professionista sanitario o istituzione fornire assistenza (OLIVEIRA, 2005).

Il controllo delle infezioni in terapia intensiva è un difficile e di grande importanza per il corretto funzionamento dell'unità, mostrando così la precisione di individuo sia e protezione dei pazienti, nonché l'attuazione di tecniche appropriate e procedure al fine di prevenire eventuali danni al paziente, un altro fattore, non meno importante è la pulizia l'ambiente ospedaliero (pino; NICOLETTI, 2008). Di conseguenza, igiene delle mani nell'ambiente ospedaliero, diventa una priorità, valutazione pratica per essere il più importante in isolamento per ridurre i tassi di queste infezioni in ambiente ospedaliero, riducendo la trasmissione di microrganismi da mani (LIRA, 2008)

È estremamente importante sottolineare la necessità di un ospedale all'interno dell'unità e HICC principalmente all'interno di unità di cure intensive. Così anche si supponga quanto importante è la partecipazione di infermieri, di avere un appropriato prestazioni sulle difficoltà presentato derivanti dall'incoscienza, inettitudine e anche mancanza di informazioni da alcuni professionisti in questo ambiente (PEREIRA; SHARMA, 2005).

Il lavoro di un team multidisciplinare di revisori tendono ad ottenere un maggiore successo nei risultati del lavoro svolto solo da una categoria professionale, perché ognuna di queste verifiche e valuta meglio le procedure della vostra area di formazione specifica (re, 2007).

CCIH porta l'obiettivo non solo per prevenire e combattere l'infezione, favorendo in questo modo tutta la Comunità, ma anche per proteggere l'ospedale e il personale clinico. In un'unità di salute, CCIH è una base per tutti i professionisti che operano direttamente con i pazienti allo scopo di prevenire e controllare l'infezione ospedaliera e le sue conseguenze probabili (CHI, 2008; CAVALLINI, 2005).

Il CCIHs delle istituzioni hanno un ruolo importante per analizzare e determinare la causa o il colpevole in caso di IH (ANTONY, 2000).

L'annientamento del compito e la sua eziologia e installazione condizioni impossibili di IH Man in squilibrio nel processo di malattia. Pertanto, la prevenzione e la riduzione sono stati indicati per essere praticabile in vari casi e situazioni, come già dimostrati in pratica ospedale (CHI, 2008; CAVALLINI, 2005). Il CCIHs funziona con una politica di sorveglianza epidemiologica del set IH, legati alla salute e la prevenzione dei rischi professionali (MOSCOVICI, 2007).

L'istituzione e il funzionamento della CCIH concepire un progresso nell'organizzazione della struttura ospedaliera per la riduzione di problemi multipli, come la necessità di ridurre e controllare i tassi di infezioni, che hanno determinato l'applicazione di controllo preventivo, educativo ed epidemiologico, che, attraverso un processo di consapevolezza collettiva, per portare l'infezione i tassi ai limiti accettabili (ZAVASCKI; Cross, 2005).

Pertanto, è necessario studiare e determinare la CCIH, forma collettiva e istituzionale, attività di monitoraggio, misure di formazione e burocratici (controllo e routing) che coprono gli operatori sanitari e tutti coloro che fanno assistenza ospedaliera (ODELET, 2007).

Per quanto riguarda la forte evidenza dell'efficacia ed efficienza delle attività di monitoraggio e controllo dell'infezione, non c'è nessuno studio che mostra esattamente quali metodi e programmi dovrebbero essere scattate nell'attuazione, il monitoraggio e il controllo delle infezioni nosocomiali. La modifica di comportamento, così necessario in questo contesto si concentra sul doppio. Ci vuole la prova teorica e pratica e l'assorbimento e l'applicazione di misure preventive, l'assistenza adeguata imperativo. La formazione delle abitudini da professionisti e non solo la teoria della conoscenza, nell'obiettivo da raggiungere entro il CCIH (PITET, 2005; PUCCINI, 2008).

Così, il problema delle infezioni acquisite in ospedale richiede anche modifiche all'ordine governativo, come la progettazione di una politica per la massima efficacia del controllo delle infezioni, che va oltre l'istituzione di meccanismi giuridici e normativi per il regolamento, che abbraccia la popolazione di utenti dei servizi, rendendolo un partecipante nel processo (TURRINI, 2002; PUCCINI, 2008).

Abbiamo bisogno di riflettere su tutte le accettabili possono collaborare nel cambiamento strategico del panorama attuale che è esposto, come: l'introduzione del soggetto nei curricula dei corsi di laurea nel settore della salute; l'investimento nella fornitura di corsi post-laurea in controllo delle infezioni per gli operatori sanitari, soprattutto fuori dalle grandi città; garanzie giuridiche sul riconoscimento e autonomia professionale controller di infezione; Revisione dell'attuale legislazione che mira a conformità con efficace misure di prevenzione e controllo per gli enti pubblici e privati; investimenti in ricerca, seminari e aggiornamenti (COUTO, 2003; LENTZ, 2003).

Pure, la zona di controllo in salute del Brasile è un campo aperto a nuovi studi, ricerche e record che può aumentare la pratica dell'attività, che sta guadagnando sempre più importanza a fronte di aumento dei costi nel settore sanitario (re, 2007).

CONCLUSIONE

Alla fine di questo studio ha concluso che solo attraverso un team di salute ampiamente addestrati come suggerimenti di cura universale è probabilmente la prevenzione delle infezioni nosocomiali, che richiedono che tutti i professional rispetto ed esercitare tutte le norme stabilite dalla CCIH.

Il controllo delle infezioni Ospedale Comitato (CCIH) è costituito da un gruppo di professionisti che hanno funzioni di prevenzione delle infezioni nosocomiali, sostenere e valutare il programma di controllo delle infezioni di ospedale (PCIH), tra le altre funzioni.

È importante notare che le infezioni ospedaliere sono acquisiti dopo l'ammissione del paziente in un ospedale che possa comparire durante l'ospedalizzazione del paziente o dopo la sua alta e possono essere causate a causa di alcune procedure ospedaliere o anche l'ospedalizzazione.

La realtà sociale dello sviluppo della produzione dominante della sanità viene esigente nuovi processi di lavoro non legati alla cura paziente diretta, con molti di loro effettuati dagli infermieri come: CIH, controllo di qualità di ospedale, così come la gestione dell'igiene ospedaliera.

RIFERIMENTI

ADELINO F.O.  Internal audit e controllo governativo. Da de Contas di Tribunal União. Brasilia: 2011.

AGENZIA NAZIONALE DI VIGILANZA SANITARIA (ANVISA). Corso base

Infezione ospedaliera. 2000.

ALMEIDA e d. r. ospedale di Audit: audit interno in salute. Campinas, 2008.

ADAM, AD I; EVORA, Comitato per il controllo Y.D.M. questioni etiche coinvolte nella pratica professionale delle infermiere dell'infezione ospedale. Latino-Am Rev infermieri, 265-75, 2002.

ANTONIO, L.A.C aspetti giuridici in infezione nosocomial controllano. In: Fernandes AT, Fernandes MOV, Rajput, n. Hospital Infection e relative interfacce nel settore della sanità. 1a ed. São Paulo: Atheneu; 2000.

AGUILAR, R.Q. partecipazione di farmacia ospedaliera nel controllo delle infezioni acquisite in ospedale. Revista Racine. Rio de Janeiro: 2009. P50-59.

ATTIÊ, w. controllo: concetti e applicazioni. São Paulo: Atlante, 2005

Informazioni di salute m.a.f. bianche, come un elemento strategico per la gestione. in: MS, sanitari comunali gestione, testi di base. Rio de Janeiro: Brasile, Ministero della salute, 2001, p. 163-169

BRITO M, L.N. FERREIRA L'importanza dell'ospedale internal audit sulla gestione strategica dei costi ospedalieri. Contabilità dell'Università Cattolica di Brasilia. Progetto definitivo. 2006

CARNEIRO, R. M.; OLIVEIRA, S. M. D.; NAKAMURA e k. la formazione continua per professione d'infermiera. Disponibile a: www.uniandrade.edu.br/links/menu3/publica ções/revista-nursing/eighth-tomorrow/artigo14.pdf. Acceduto a: 7 settembre 2015.

CAVALLINI, M.; BISSON, farmacia ospedaliera di sua beatitudine. Un focus sui sistemi sanitari. Barueri: Manole, 2005. p170.

CIAMPONE, M. T. H.; KURCGANT, insegnamento di p. dell'amministrazione di professione d'infermiera in Brasile: il processo di costruzione delle competenze manageriali. Giornale brasiliano di professione d'infermiera. Brasília (DF): p. 401-407, 2004.

COUTO, R. C.; PEDROSA, T. M.; NOGUEIRA, j. m.: epidemiologia, trattamento e controllo delle infezioni ospedale. 3. Ed. Rio de Janeiro: medico e scientifico, 2003.

COUTO, C. R. PEDROSO, E.R. P; T.M.G. PEDROSA storia del controllo delle infezioni ospedale in Brasile e nel mondo. In: Couto, Pedrosa TMG, noce JM. Infezione ospedaliera e altre complicazioni non-infettiva della malattia. 3 ° edizione. Rio de Janeiro: Medsi; 2003.

CORRÊA l. impatto della prevenzione delle infezioni correlate all'assistenza sanitaria: sicurezza e riduzione dei costi. Einstein: Contin Educ salute 2008, p. 194-196.

CHEBLI, T. F; MACDONALD, J. R; PAES, Audit p.p.v. manuale di fatture mediche. Ministero della difesa, l'esercito brasiliano, regione militare 4°, 4° divisione dell'esercito, Juiz de Fora-MG, 2007.

ÉVORA, Y.D. M; Alves. D.c.i. questioni etiche coinvolte nella pratica professionale delle infermiere dell'infezione ospedale Comitato di controllo. Latin American Journal di professione d'infermiera, 265-275, 2008.

FALK, j. a. costi di gestione per gli ospedali. São Paulo: Atlas, 2001.

FERNANDES, R. T; Programma di Fernandes, organizzazione di M.O.V. e controllo delle infezioni ospedaliere. In: FERNANDES, infezione nosocomial A.T. e le sue interfacce nel settore della sanità. São Paulo: Atheneu; 2000.

FERNANDEZ, e. M, et al. Controllo delle infezioni in generale chirurgia-risultati di uno studio prospettivo di 23 anni e 42274 ambulatori. Gazzetta del brasiliano College of Surgeons: 2010.

FONTANA, R.T. L'ospedale ha acquistato le infezioni e l'evoluzione storica delle infezioni. Giornale brasiliano di professione d'infermiera. 2006, 703-6 p.

GASTMEIER, P; SOHR, D; GEFFERS, C; RUDEN, H; VONBERG, R. P; WELTE, t. presto- e tardo-on Sep polmonite: questa è ancora un'utile classificazione. Antimicrob Agents Chemother, 2714-8, 2009.

GAIDZINSKI, R. R.; PERES, H. H. C.; FERNANDES, M. Direzione di p. F.: apprendimento continuo in gestione infermieristica. Giornale brasiliano di professione d'infermiera. Brasília (DF): p. 464-466, 2004.

GIUNTA, N. P.; L., r. a. ispezione di igiene ospedaliera infezione controllo programmi servizi dipartimento della salute: diagnosi della situazione. Giornale della scuola di professione d'infermiera. São Paulo. 2006. p. 64-70.

Greco, R.M. insegnamento amministrazione in infermieristica attraverso l'educazione alla salute. Brasília (DF). Giornale brasiliano di professione d'infermiera. 2005: p. 504-507,.

GEORGE SON, problemi P.P. di sorveglianza epidemiologica dell'ospedale ha acquisito infezioni senza l'uso di criteri microbiologici in Brasile. Giornale delle scienze farmaceutiche di base e applicata. 2006.

OSPEDALE DE CLÍNICAS DE PORTO ALEGRE. Controllo delle infezioni Ospedale Comitato. Porto Alegre: Portale Web di HCPA, 2010. Disponibile a: htpp://www.hcpa.ufrgs.br/content/view/1123/1068. accesso 18 giugno 2014.

Audit interno Istituto del Brasile. Ruolo dell'audit interno. Disponibile a: <http :="" http://www.iiabrasil.org.br/new/="">acceduto a sopra 17 giugno 2014.</http>

JODELET, impatto d., apparire tra intervento e rappresentazioni sociali. In: MOREIRA, a.s.p. M; CAMARGO, B.V. contributi per la teoria e il metodo di studio delle rappresentazioni sociali. João Pessoa (PB): Ed. Ragazza del College. 2007.

KOTLER, p. di gestione del Marketing. Prentice-Hall, 13a edizione, São Paulo: 2005.

LENTZ, A.; NASCITA, C. K. KLOCK, p. infezioni ospedaliere: una sfida per gli operatori sanitari. In: ERDMANN, r. L; LENTZ, A.; organizzatori. Ancora imparando sul posto di lavoro: possibilità di nuove pratiche di controllo infezioni ospedale. San José: SOCEPRO; 2003

LICHY; R. F., MARQUES; Fattori di rischio di IRS per infezione nosocomial in unità di terapia intensiva: aggiornamento e implicazioni per la professione d'infermiera. Infermieri di Rev. UNISA 2007; p 43.

LIRA, M. C; HINRICHSEN, S. L; ANGELI, B; BORGES, M.G.; PEREIRA, M.G. (B); DANDA, G.J.N sanificazione delle mani. In: HINRICHSEN, S.L. biosicurezza e infezione controllo-ospedale rischio per la salute. Rio de Janeiro (RJ): MDSI; 2008

LUCE, MALIK AP, DYNEWICZ AM. Caratteristiche di note trovati nel controllo di professione d'infermiera. Rev. elettronica infermieri. Disponibile a: http://www.fen.ufg.

BR/Revista/V9/N2/v9n2a05.htm.

Manuale standard di audit. Audit clinico. Direttore, Deildes de Oliveira Prado et tutti. Brasilia: Ministero della sanità, 1998.

MARTINEZ, M.R.; CAMPI DI L.A.A.F.; NOGUEIRA C.P.K. aderenza a portata di mano la tecnica di lavaggio in unità di Cure Intensive neonatale. Revista Paulista de Pediatria.  2008, p179-85.

MELO, M. B; VAITSMAN, j. audit e valutazione del sistema sanitario. Rev São Paulo Persp.-62.2008 152

J.R. ZAGATTO MOTTA A.L. C, LEAO, nel privato medica Auditing di sistema: approccio pratico per le organizzazioni di salute. Sao Paulo: Iatria Anno, 2005.

MOSCOVICI, S. Relatività ha 100 anni. In: MOREIRA, A.S. P; CAMARGO, B.V. contributi per la teoria e il metodo di studio delle rappresentazioni sociali. João Pessoa (PB): Ed. Università, 2007.

OLIVEIRA, BC et al. Infezioni ospedaliere: epidemiologia, prevenzione e controllo. Rio de Janeiro: Guanabara, 2005.

PARKER M. S, SOUZA a.c.s. Tipple AFV, MA di Prado. L'infezione dell'ospedale e le sue implicazioni per l'assistenza infermieristica. Testo di contesto di professione d'infermiera: 2005. p 250-257.

PITTET, d. cura di infezione controllo e qualità heath nel nuovo millennio. American Journal Infection Control, St. Louis, v. 33, p. 258-267, 2005.

PATEL, M.S., NICOLETTI, C.; BOSZCZOWSK, I.; PUCCINI, D.M. RAMOS, S.R.: ospedale infezione in unità di Cure Intensive neonatale: influenza del luogo di nascita. Pediatria di Paul Rev.  2008; P6-14.

RAHMAN, A.; SILVA, S. L. La storia della contabilità in Brasile. Rev UNIFACS, 25-9, 2007.

RIBEIRO, salute l. Audit. In: specializzazione in controllo e gestione in sanità. Curitiba: Tuiuti Università, scuola, 2009.

RIOLINO N, KLIUKAS esperienza di professione d'infermiera relazione G.B.V nel campo di controllo di Judge'il vacci piano con lui – un'azione innovativa. Sao Paulo: Infermieristica, 2003. p. 35-38.

Roccia; L.F., N.A. HELM; BRASILE; M.e.: le prestazioni del controllo infezione Comitato sui servizi sanitari in unità di cure intensive: cosa fare?. Giornale di fondo elettronico di professione d'infermiera del centro per lo studio della cura e nutrizione. [Serial online] Gen-lug-2010 1 (1) 1-16. Disponibile da: http://www.ceen.com.br/revistaeletr ônica.

SANTOS, C. E D. T. La rilevanza dell'infermiere nell'audit delle spese mediche. [Trabalho de Conclusão do Curso de Pós-Graduação]. Campinas SP; 2008.

SEGRETARIO DELLA SALUTE DELLO STATO DI GOIÁS. Commissioni. Disponibile a:<http: www.saude.go.gov.br/index.php?ideditoria="4395">acceduto a sopra: 18 giugno 2014.</http:>

SEQUEIRA, E. J.D. biosicurezza. Rio de Janeiro: Medsi, 2005.

SILVA, Z.; Corona, M.L. sorveglianza sanitaria: una storia discorsiva. RECENSIONI. 2005.

SCARPARO A.F. infermieristica Audit – indicante concezione e metodi. [dissertacao]. Ribeirao Preto (SP): nursing school di Ribeirao Preto, Università di Sao Paulo; 2007.

SCARPARO AF. Di audit in infermieristica: Revisione della letteratura. Professione d'infermiera. Sao Paulo: p46-50.2005.

SCARPARO, A. F.; FERRAZ, C.A. Audit di professione d'infermiera: identificare il tuo disegno e metodi. Rev Bras infermieri. 34-40.2008.

TIPPLE, A.F. V; PEREIRA, M.; HAYASHIDA, M; MORIYA, T. M; Souza, a.c.s. l'insegnamento del controllo delle infezioni: un saggio teóricoprático. Latino-Am Rev infermieri. 245-50, 2003.

TURRINI, R.N.; SANTO, A.H. e molteplici cause di morte per infezione ospedaliera. J Pediatr. (Rio de Janeiro). 2002

Programma di controllo delle infezioni Ospedale Turrini R.N.T.: problemi di attuazione nel hopsitais del comune di São Paulo. Paul di Acta. ENF. 2004; p. 316-324.

VAGHETTI, h. et al. Percezioni degli infermieri di azioni amministrative nel vostro flusso di lavoro. Brasília (DF). Giornale brasiliano di professione d'infermiera. 2006, p. 316-320.

ZAVASCKI, A.P.; CRUZ, P.R.; GOLDANI, L. Z. fattori di rischio per imipenem-resistente Pseudomonas aeruginosa: un'analisi comparativa dei due studi caso-controllo in pazienti ospedalizzati. Controllo e ospedale di epidemiologia di infezione, Thorofare, 2005. pag. 96-101.

[1] Laureato in fisioterapia, Università federale del Pará. E-mail: [email protected]

[2] Biologo, laurea magistrale in biologia. Dottore in medicina tropicale/malattie. Professore e ricercatore presso l'Università federale del Pará – UFPA. E ricercatore nel nucleo di medicina tropicale dello sviluppatore della UFPA. E-mail: [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here