Dislessia e difficoltà di apprendimento

0
733
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

SILVA, Nilza Sebastiana da [1]

SILVA, Fabio José Antônio da [2]

SILVA, Nilza Sebastiana da; SILVA, Fábio José Antônio da. Dislessia e difficoltà di apprendimento. Rivista scientifica multidisciplinare, anno 1, vol. 5, pp. 75-87 luglio 2016, ISSN:0959-2448

RIEPILOGO

La presente ricerca mira a bibliografico discutere dislessia come uno dei gravi problemi del sistema di insegnamento-apprendimento che interferisce con la capacità di lettura, comprensione delle parole, scrittura, ortografia, così come la comprensione e l'interpretazione dei testi e attività che coinvolgono il ragionamento logico. Lo studio presente è giustificato al fine di divulgare la elucidações che sono presenti nel settore educativo e, come un obiettivo centrale per descrivere la dislessia, sintomi, cause, diagnosi e le possibilità di intervento di professionisti dell'educazione. La scuola come responsabile dello sviluppo delle potenzialità educative dei bambini deve avere nel loro insegnanti e team di professionisti per dislessia e difficoltà di apprendimento sono diagnosticati più presto essere diretto ad un trattamento su professionisti specializzati e prendere iniziative che propiziano attività pedagogiche che vanno per lo studente dislessico. Ogni processo e ogni procedura di scuola è quello di condurre lo studente con dislessia per superare le barriere, dove il professore deve avere un atteggiamento di accoglienza, di pazienza, tolleranza, perseveranza e programmi educativi per sostenere e facilitare lo sviluppo di questo bambino. Il presente lavoro è stato per l'impronta con ricerca bibliografica in opere accademiche e autori con profonda conoscenza sul tema.

Parole chiavi: dislessia. Difficoltà di apprendimento. Dispersioni. Lettura. Scrittura.

1. INTRODUZIONE

La scelta del tema è basata sulla percezione che è molto poco diffuso lo studio di dislessia nella formazione degli insegnanti in generale.

Il presente lavoro si propone come l'obiettivo centrale cercano informazioni e contributi che sono correlati con le difficoltà di scrittura e lettura in sviluppo personale ed educativo dei bambini credevano di essere affetti da dislessia.

Si propone inoltre di studiare concetti, definizioni, caratteristiche, sintomi principali, identificazione delle componenti fisiche e intellettuali, il riconoscimento alla famiglia ed educatori, ad osservare quali sono le possibili azioni e strategie degli insegnanti, il suo ruolo di educatore e facilitatore del processo di apprendimento e i mezzi per lavorare pedagogicamente con un bambino con dislessia.

Si presume che la discussione sul problema della dislessia è uno degli ostacoli più importanti in Aula tutti i giorni, ha espresso l'impegno delle capacità del bambino di leggere, capire le parole scritte a mano o stampate, scrittura e ortografia delle parole, nonché la comprensione dei testi e ragionamento logico.

In parole rapidi, dislessia è considerata come un disturbo o difficoltà nell'apprendimento e nel linguaggio, non essendo, tuttavia, le diagnosi relative a questo fattore, considerare e rilevato come la dislessia, perché altri fattori possono influenzare l'apprendimento del bambino.

Come si vedrà nel corso di questa studio la dislessia è un disturbo di apprendimento che colpisce i bambini, adolescenti e adulti a diversi livelli formativi, che ostacolano l'acquisizione di lettura e scrittura.

Resta inteso che non esiste una definizione di strategie e di intervento da parte del docente, è di estrema importanza per la diagnosi e la valutazione della dislessia e dai dati specifici dell'educatore darà un'attività più specifiche di inoltro supportato con l'accento sulla lettura e la scrittura.

Per ci essere un confronto di questo problema nel contesto scolastico è necessario che la scuola sia consapevole e cosciente della sua responsabilità nell'analisi e nella nota agli studenti che presentano difficoltà e/o disturbi in termini di lettura e scrittura, e, essendo che si noti casi di dislessia come la difficoltà di lingua elementare, devono essere trattati anche , da professionisti specializzati quali medici, audiologi, psicologi, psicologi scolastici e allo stesso tempo, è la scuola prendere iniziative che denota la costruzione di metodologie per lo studente con dislessia, collaborando con questo studente a superare gli ostacoli attraverso efficaci strategie in linea con il contributo collettivo dell'istituzione scolastica.

Quindi c'è una cosa positiva, efficiente e cure appropriate che favorisce la sensazione di studente in grado, regolato per l'ambiente scolastico, il coinvolgimento della famiglia è della massima importanza, dal momento che è lei, la famiglia, che ha il più grande contatto con l'individuo, assumendo una posizione di fornire informazioni utili per la preparazione del processo di entrambi medical come carattere pedagogico dell'impresa.

Tali misure e prevenzioni, misure preparatorie e una postura di scontro, permetterà la scuola accoglie studenti con dislessia, senza necessariamente modificare i suoi progetti di curriculum formativo.

È inteso che questo studio sulla difficoltà di apprendimento e dislessia nel contesto, contribuiscono a docenti universitari e professionisti che lavorano nel campo dell'istruzione e ha la responsabilità di relazione alla società l'importanza di questa sindrome nel contesto culturale produce direttamente e/o indirettamente a tutti coinvolti nel mezzo.

Lo studio presente è stato atti d'indagine, che ha cercato di capire un po' di più circa il disordine di dislessia. Risorse di ricerca bibliografica usato basata su riferimenti teorici come libri, articoli scientifici, testi accademici e Internet che ha permesso un supporto nella costruzione della proposta.

2. UNA BREVE PANORAMICA SULLA DISLESSIA

Sono diverse il modo di capire cosa è la dislessia, principalmente nella scuola media.

Sono registrate a seguito di scarsa alfabetizzazione, moda metodologico utilizzato nelle scuole di educazione della prima infanzia, la preparazione di professionisti dell'educazione, studente distratto, etichettatura di "stupido", "pigro" e altre varianti.

Figueira (2012) analizza è comune per ascoltare quando si tratta di dislessia di tema, correlata con la parola malattia. Attualmente è un termine sbagliato, perché in realtà è una difficoltà, un disordine congenito ereditario ordine. Come ci sono diversi livelli di dislessia (lieve, moderata e forte), la durata della sorveglianza professionale non è necessità e può raggiungere fino a quattro in media.

Complementi Figueira (2012) che vale la pena ricordare che tale controllo non è una cura, perché non esiste una cura. Si tratta di fornire che un mezzo per il dislessico può camminare con le loro gambe.

Cândido (2013, pag. 13) dice:

[…] La dislessia è un disturbo di apprendimento caratterizzato da difficoltà nella lettura, interpretazione e scrittura. È stata studiata la loro causa e parecchie teorie tentano di spiegare il perché della dislessia. C'è una forte tendenza che riguarda l'origine genetica e neurobiologia.

Secondo Fonseca (2011) il concetto di base della dislessia espresso "difficoltà di discorso o la dizione". Dal punto di vista comportamentale, la dislessia è caratterizzata da difficoltà nel corretto riconoscimento di parole e capacità di decodificarli.

Fonseca (2011) sottolinea inoltre che nella maggior parte delle definizioni, la mancanza di abilità a livello fonologico è costante, come pure la difficoltà nel riconoscere le parole. E, in tutti gli studi registrati da Fonseca (2011), si è verificato l'eliminazione di fattori socio-economici e il fattore di intelligenza. Alcuni addirittura dicono che i dislessici sono persone effettivamente molto talento, con competenze di base comuni se essi non vengono eliminate dalla società si tradurrà in straordinaria creatività.

Secondo Moura (2013):

Il dislessico ricevono informazioni in un'area diversa del cervello, il cervello dei dislessici è normale. Purtroppo queste informazioni in diverse aree sono il risultato di difetti in connessioni cerebrali. Il risultato è che a causa di questi fallimenti nel processo di lettura, che hanno lottato per imparare a leggere, scrivere, incantesimo, come è difficile assimilare le parole.

Moura (2013) continua a spiegare che rilevare che il disturbo della dislessia non è un compito facile. Ci sono alcuni segni e sintomi che possono indicare la presenza di dislessia presto nella vita, ma una diagnosi precisa è solo possibile dal momento che la scrittura e la lettura sono presentati formalmente al bambino. […] Come la malattia è genetica, gli esperti dicono che i bambini possano essere valutati da cinque anni […]

A partire da principi, in quanto la dislessia non è una malattia, è una difficoltà e viene da collegamenti genetici, è interessante osservare altri aspetti che correlano la dislessia per quanto riguarda l'apprendimento.

In questo contesto è l'albero di fico (2012) che identifica che la dislessia non significa solo guai con le parole, ma significa che una disfunzione di lingua. Così sostiene che la dislessia non è semplicemente una difficoltà ad imparare le lettere, ha difficoltà di identificare e organizza i simboli, vale a dire, come egli leggerà quei simboli non ti dicono assolutamente nulla?

Figueira (2012) espone ancora a quelle affrontate con uno studente dislessico, non può perdere di vista il fatto che la sua difficoltà ha nulla a con motivazione, mancanza di impegno, volontà o interesse, non abbiamo nemmeno le relazioni con qualsiasi danno sensitivo. Il dislessico è una mente che a volte supera il cosiddetto "normale" e richiede un trattamento diverso, perché le loro menti funzionano in modo diverso. Correttamente, il dislessico lavoro perfettamente funzionante, troppo.

Ancora, quando si tratta, su come trattare lo studente dislessico, purtroppo non i genitori e la stragrande maggioranza dei professionisti nel campo dell'educazione non sono attrezzati per rispondere con bambini creduti di essere dislessico. Ci sono molte cause che devono essere corretti, tuttavia ci sono pochi professionisti che conoscono e comprendono i problemi e possibili correzioni e soluzioni.

Moura (2012) spiega che la maggior parte dei trattamenti sottolinea assimilazione del fonema, sviluppo del vocabolario, il miglioramento della fluidità di lettura e comprensione. Aiutare il dislessico a migliorare la loro lettura è molto laboriosa e richiede molta attenzione, ma ogni bambino dislessico ha bisogno di supporto e la pazienza, perché questi bambini soffrono da mancanza di bassa autostima e fiducia in se stessi perché si sentono meno intelligente che i loro amici.

CITA Moura (2012, pag. 17):

Spetta innanzitutto il consulente pedagogico offrire questi bambini informazioni (genitori e insegnanti) che la dislessia è una disabilità di apprendimento e che dovrebbero dare opportunità per lo studente imparare a usare strategie di facile e semplice.

Fonseca (2011) coerenza con il sistema educativo, citando che la difficoltà non viene rilevata e affrontate in modo adeguato, il portatore della dislessia, innesca un processo di conflitto che l'ambiente non solo riflessa nella scuola, così come in famiglia e sociale. Uno dovrebbe, tuttavia, creare strategie al fine di rendere a superare le difficoltà, adattando metodi e materiali, come parte di un processo di sviluppo linguistico che contribuirà in modo significativo alla crescita di altre conoscenze varie.

Infine, resta inteso che ha richiesto se fa camminare insieme, insegnanti, scuola e i genitori/tutori al dislessico di bambino cura ricerca e principalmente proposta pedagogica contempla attività significative, con dinamica e continua per una costante interazione tra condizioni cognitive dell'allievo e interventi pedagogici professionali nel campo dell'istruzione.

2.1 identificazione delle componenti fisiche e intellettuali

I segni di dislessia possono sorgere in misura maggiore o minore a seconda di diversi fattori quali età, stimolazione, ecc. E può anche peggiorare durante il processo di crescita del bambino. Alcuni di questi segnali secondo l'autore sono: una storia di famiglia; mancanza di attenzione e memoria; ritardo nell'acquisizione di lingua e di discorso; oggetti di denominazione di difficoltà; immaturità, timidezza eccessiva; cambiamenti di umore; ritardo o mancanza di coordinamento (per disegnare, scrivere, ecc); Difficoltà nell'alfabetizzazione e matematica apprendimento; Difficoltà nel passaggio della lingua scritta e parlata; incapacità di imparare a ricordare parole hanno visto; scritto in riflessione (specchio); Difficoltà di ortografia; mancanza di piacere nella lettura; movimento irregolare dell'occhio nella lettura; confusione tra vocali o sostituzione della consonante (MARSILI, 2010, pag. 15).

Quando si applica per un bambino con dislessia per rendere un testo, piccolo visibilmente notato la difficoltà di organizzazione del pensiero per svolgere l'attività. Molto scambiate lettere, scrivere la maggior parte del tempo che è illeggibile, da anche problemi di difficoltà di coordinazione motoria.

Selikowitz (2001, pag. 50) apud Moura (2013, pag. 15) ricordare che ci sono molti segni che identificano la dislessia. I bambini dislessici hanno difficoltà nell'individuare fonemi e si lamentano che la lettura è molto difficile, deve ortografia guai, lettura ad alta voce e memorizza le parole, che confondono anche parole. Loro competenze aritmetiche sono interessati, lei sembra confusa quando richiesto per eseguire calcoli che è previsto di un bambino del vostro livello di istruzione. Il bambino ha grandi difficoltà a imparare il significato di operazioni aritmetiche quali l'addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione.

Le manifestazioni più comuni sono l'aritmia pronunciata, sincopato, silabada con tono inappropriato; male parole raggruppate con tagli e punteggio non rispettato; interpretazione ostacolato o impedito; sintesi e analisi ostacolato o impedito; riepiloghi o rapporti ostacolato (FONSECA, 2011, pag. 36).

2.2 la procedura per l'apprendimento dislessico

Importante record mai all'inizio di questo argomento che il trattamento di un bambino con dislessia non hanno totale cura, tuttavia, aiuterà il paziente in relazione alle loro limitazioni, fornendo una progressione significativa del suo miglioramento nel processo di apprendimento e assiste nella prospettiva dei problemi che può portare al bambino su autostima e la socializzazione.

Cândido (2013, pag. 17) afferma che:

[…] un bambino con dislessia non è disabili né mentale, fisico, visivo, o non udenti. Il dislessico, troppo, non è un bambino ad alto rischio. Un bambino non è dislessico perché ha avuto il suo sviluppo compromessa a causa di fattori quali la gestazione di alimentazione inadeguata, impropria o parto prematuro. La dislessia è una componente genetica, tranne in caso di incidente vascolare cerebrale (CVA).

 

Quindi un bambino dislessico non considerato come "malati", ma ancora più importante per l'educatore è capire, conoscere, diagnosticare e promuovere azioni che portano lo stimolo per lo sviluppo di scritti e orali discente.

Brandão (2015, pag. 12) dice: "l'apprendimento è un processo mentale, con una vista, acquisizioni, attraverso il quale la memoria del contenuto e l'uso di questa conoscenza interiorizzata causare il ragazzo possono dominarlo e manipolarla, quando necessario."

I bambini con dislessia presentano tipicamente un quadro dove è presente difficoltà nell'apprendimento, tuttavia, d'altra parte, sviluppare altre abilità. Può risolvere semplici problemi e, in altre situazioni, presenta difficoltà per eseguire risoluzioni abbastanza ovvi.

Vygostsky (1992) apud che Brandão (2015, p 16) dice che non è possibile pensare alla costruzione della scrittura come un processo lineare e costante. Durante l'acquisizione della lingua orale, il bambino introduce anche instabilità: la pratica rende perfetti, cercando, manipolare e colpire. Dobbiamo accettare che l'intero processo di appropriazione di nuove conoscenze richiede riflessioni e confronti avanti e indietro, che, lontani dalla stabilità, conduce a domande, richieste e perplessità.

Resta inteso che c'è una necessità di stimolazione e la partecipazione attiva e la creatività dell'immaginazione, al fine di fare spazio per i bambini ad agire per conto proprio.

In relazione all'adozione di alcuni metodi, Moura (2013, pag. 14) cita che dalla diagnosi (o professionisti) che tratterà lei. Tra i vari metodi adottati, l'associazione brasiliana di dislessia consiglia terapia multisensoriale, sistematica e cumulativo funziona in tutte le direzioni allo stesso tempo (come dislessico assimila facilmente tutto ciò che è sperimentato concretamente, può essere addestrato per leggere e ascoltare, mentre si digita, ad esempio), il trattamento è fatto solitamente di psicologi scolastici, logopedisti e psicologi specializzati nel soggetto.

Moura (2013) rende un'importante analisi. L'autore cita che il consulente pedagogico deve aiutare l'insegnante a pianificare regolarmente attività che forniscono la libertà di azione per i bambini, promuovendo un ambiente relazionale, offrendo loro le condizioni per superare le difficoltà e soprattutto conoscendo l'importanza dei giochi nello sviluppo del bambino.

Dice Moura (2013) che si inserisce il consulente pedagogico insieme alla squadra, ricerca, studiare, riflettere e prendere ad istruire il processo di conoscenza, osservando che le competenze e gli interessi degli studenti, suggerendo strategie e risorse per quanto riguarda le difficoltà che lo studente può presentare in relazione alla dislessia.

Marsili (2010, p. 33) cita che è compito della scuola per fornire i genitori degli studenti e gli studenti stessi, metodi interessante ed efficace nella progettazione pedagogica, per incontrare studenti speciali, quelli con difficoltà nella lettura, scrittura e ortografia. È dovere della scuola e soprattutto degli insegnanti, recupero di offerta a coloro che hanno un utilizzo ridotto.

In relazione alla postura e alcune azioni del professore su dislessia, Marsili (2010) in primo piano l'insegnante devono essere addestrati ed avere conoscenza su cosa è la dislessia e le relative cause.

Un altro modo per aiutare questo studente sta spiegando a lui che sua difficoltà nell'apprendimento in lettura e scrittura è denominata dislessia, e l'insegnante può solo aiutare a superare questo problema, se egli stesso non rinuncia al primo ostacolo. Andando avanti, ditta, con coraggio e perseveranza. L'insegnante deve prendersela comoda con questo studente, come sarà più lento rispetto agli altri, bisogno di più tempo per effettuare questa operazione, copiare la foto, risolvere un problema. Pertanto è necessario utilizzare diverse strategie per questo studente in modo che capisce il contenuto: usando stimolanti e interessanti materiali, quali giochi, racconti, ecc., cercando di insegnargli a capire meglio i contenuti proposti (MARSILI, 2010).

Marsili (2010, p. 35) informiamo che:

[…] i bambini hanno bisogno di essere insegnato a parole di essere a conoscenza dei suoni che sentono. Insegnare loro a ripetere parole a se stessi, mentre ascoltando i suoni. […] Insegnamento deve essere pratico e studente dovrà essere attivamente coinvolti nell'attività.

Molti sono i modi per promuovere strategie per l'educatore, per l'insegnante e per il massiccio sostegno della famiglia.

Giroto (2001, pag. 50) apud Moura (2013, pag. 41) con l'orientamento corretto, lo studente sarà in grado di avere successo in classe. L'insegnante può aiutare con alcune strategie per aiutare lo studente dislessico selezionato di seguito:

-Il bambino dislessico dovrebbe sedersi vicino l'insegnante, in modo che potrebbe incoraggiare lui per chiedere aiuto;

-Ogni punto dovrebbe essere rivisto più volte;

-Mai confrontare il vostro lavoro scritto con i colleghi;

-La loro conoscenza dovrebbe essere giudicato più dalle risposte orali rispetto scrivendo il significato che deve essere valutato su una base quotidiana;

-Se possibile, chiedere al bambino di ripetere più volte nelle vostre proprie parole, ciò che l'insegnante ha chiesto di fare, come questo aiuta nell'apprendimento;

-Insegnare ai bambini a "sentire" i testi attraverso diverse texture dei materiali;

-Non forzare lo studente a prendere la lezione del giorno;

-Evitare di sottoporre lo studente a pressione di tempo o di concorrenza con gli altri bambini;

-Per incoraggiare la scrittura a righe alternate, perché vi aiuterà l'insegnante a leggere una calligrafia imprecisa e spesso affollata;

-Imitare e riprodurre suoni e parole;

-Non richiede grandi redazioni;

-Mai costringerlo a scrivere sulla lavagna /

-Mai chiedergli di rispondere alle domande senza avere si offrì di farlo;

-Eseguire le classi di revisione per consentire tempo sufficiente per domande e risposte;

-Consentire l'uso della calcolatrice durante le lezioni di matematica;

-Dargli una possibilita ' di rispondere alle domande per via orale, prove e riprove quando necessario, assegnazione nota extra per compensare le note basse;

-Per valutare le conoscenze degli studenti sempre con dislessia utilizzando metodi alternativi, compreso le valutazioni orali, i lavori fatti in casa e presentazioni individuali.

Uno degli eventi che più incontrare il bambino sta lavorando sulla riproduzione. Così, apud Fonseca (1999) (Marsili (2010) cita che le attività ludiche sono benefiche, in quanto possibile il coinvolgimento di studenti e garantire che gli elementi fonologici dovevano essere stipulato il lavoro che sarà sviluppato con ogni bambino, come: invenzione di rime e parole, attività di riconoscimento e uso delle parole che rimano, fusione e segmentazione di sillabe, fonemi e identificazione iniziale dei suoni simboli giochi, discriminazione delle vocali, canzoni, tra le altre attività in rima.

Ancora gli stessi autori citano sopra che c'è anche approcci di supporto che possono essere improvvisati in Aula dal docente sono: l'uso del portfolio, ortografia orale simultaneo, software specifico, sviluppo di abilità di studio, attività di intensità visiva e giochi di parole.

Così, non finiscono qui le numerose azioni educative ad essere insegnata in classe, accompagnati dai genitori, ma è importante che l'educatore che ha la coscienza che la stimolo, creatività, Costanza, dedizione, cura e amore, in grado di fornire le situazioni dislessico essere sormontato permettendo così la portata dei diversi gradi di competenza.

Per ci essere un confronto di questo problema nel contesto scolastico è necessario che la scuola sia consapevole e cosciente della sua responsabilità nell'analisi e nella nota agli studenti che presentano difficoltà e/o disturbi in termini di lettura e scrittura, e, essendo che si noti casi di dislessia come la difficoltà di lingua elementare, devono essere trattati anche , da professionisti specializzati quali medici, audiologi, psicologi, psicologi scolastici e allo stesso tempo, spetta a scuola a prendere iniziative che denota la costruzione di metodologie per lo studente con dislessia, collaborando con questo studente a superare gli ostacoli attraverso efficaci strategie in linea con il contributo collettivo dell'istituzione scolastica.

3. CONSIDERAZIONI FINALI

È concluso che la dislessia è un disturbo che provoca difficoltà di apprendimento di lettura e scrittura in basi neurologiche, oltre a fattori genetici o acquistati. Non caratterizzato come una malattia nel mondo scientifico.

È fattore di scientifica che studia prima è diagnosticata la dislessia, più alto i risultati efficaci dei trattamenti e strategie di azioni dirette a questo individuo. Stessa cosa con difficoltà di lettura e scrittura di apprendimento, i dislessici presentano un grado di intelligenza normale o anche sopra la media.

Quindi c'è un'opera pedagogica che si avvicina il massimo delle esigenze degli studenti dislessici, è importante che l'educatore possiede le conoscenze essenziali per la diagnosi, così che i diversi tipi di disturbi di apprendimento possono essere lavorati strategicamente e che la costruzione della conoscenza è anche motivato presto, sovvenzionare il progresso effusiva educare e sulle loro famiglie.

È chiaro che è la responsabilità dell'educatore e squadra pedagogica presenti interventi che creano situazioni impegnative, causando l'interesse nell'apprendimento, che delinea l'opportunità di sviluppo dell'autonomia dello studente, indipendenza e incoraggiamento per il perseguimento di problem solving e chi sa come trattare con le possibilità di frustrazione.

Il giocoso, gioco, giochi educativi possono essere uno strumento di valore aggiunto per il dislessico un approccio più bello in cerca di sforamenti, nel migliorare il rendimento scolastico, lo sviluppo di astrazione, di creatività e immaginazione, mettendo in evidenza lo sviluppo di autostima e di equilibrio emotivo e di socialità.

Un altro fattore è la necessità di rapporto affettivo, dell'impegno, della cura, dell'avviamento del professore per risultato di pratiche educative in effetti positivi, prendendo come punto di sostegno, il rispetto e l'accettazione del bambino come un essere umano in costruzione e che da fattori inerenti alla natura del bambino, ha bisogno di una più acuta di educatore.

RIFERIMENTI

BARROW, Leticia Pandey. Dislessia: Caratteristiche e interventi. Specializzazione in educazione speciale e inclusiva. Universidade Cândido Mendes. Rio de Janeiro: RJ. 2015. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/R201671.pdf. Acceduto a: 02/04/2016.

Candide, Edilde da Conceição. Psicologia dell'educazione per la dislessia della serie iniziale della scuola elementare. Specializzazione in pedagogia. Universidade Cândido Mendes. Rio de Janeiro: RJ. 2013. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/T208833.pdf. Accesso a: 01/04/2016.

FIGUEIRA, Luiz Mascarenhas Guilherme. Uno sguardo alla psicologia sulla dislessia. Specializzazione in pedagogia. Universidade Cândido Mendes. Niterói: RJ. 2012. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/N204682.pdf. Accesso in 02/04/2016.

FONSECA, Vitor. Introduzione ai disturbi dell'apprendimento.  2A. Ed. Porto Alegre: Artes M ´ suggerimenti, 1999.

Rosamaria Maria Reboredo Martins da FONSECA. Lo sviluppo delle competenze linguistiche nella dislessia. Specializzazione in pedagogia. Universidade Cândido Mendes. Rio de Janeiro: RJ. 2011. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/G200735.pdf. Accesso a: 01/04/2016.

GIROTO, C.R.M. (Org.). Attuali prospettive di logopedia presso scuola inglese a Londra: plesso, 2001. Disponibile a: https://books.google.com.br/books?hl=en&lr=&id=fxPKQ-VVGH8C & Hi = DNF pg = PA7 && dq = info: 3kwj7wE114wJ: scholar.google.com & Kf19kKuS6A & sig = ots = 3eW1UzC3-nixYmr7H3zrntFlOxY & redir_esc = y # v = onepage & q & f = false. Accesso a: 01/04/2016.

MARSILI, Mira Allil. Dislessia nel contesto di apprendimento. Specializzazione in contabilità e finanza. Universidade Cândido Mendes. Rio de Janeiro: RJ. 2010. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/c205242.pdf. Accesso a: 01/04/2016.

MOURA, Suzana Paula cava Tagalog. Dislessia e insegnamento sfide. Specializzazione in didattica e pedagogica di orientamento. Universidade Cândido Mendes. Niterói: RJ. 2013. Disponibile a: http://www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/N205864.pdf. Accesso a: 01/04/2016.

[1] Si è laureato in pedagogia da UNOPAR-Universidade a nord di Paraná. Studente del corso di specializzazione (Lato Sensu) in Neuropedagogia educativo dalla RHEMA-FATEC-Faculdade de Tecnologia do Vale do Ivaí-Arapongas-Paraná. E-mail: autor@nucleodoconhecimento.com.br

[2] Maestro in do di formazione RHEMA-FATEC-Faculdade de Tecnologia dell'Istituto Vale do Ivaí-Arapongas-Paraná. Email: autor@nucleodoconhecimento.com.br

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here