Le fistole arterovenose di cure infermieristiche: Revisione della letteratura

0
1651
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

ANDRADE, Nívea Cristiane de Sousa de [1]

ANDRADE, Nívea Cristiane de Sousa de. Le fistole arterovenose di cure infermieristiche: rassegna di letteratura. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 9. pp. 88-106, ottobre/novembre 2016. ISSN. 2448-0959

RIEPILOGO

L'emodialisi per fistola arterovenosa è una modalità terapeutica di una scelta più ampia, perché si tratta di un accesso vascolare che offre una maggiore durata nel trattamento e che offre meno rischi di complicazioni. L'infermiera svolge un ruolo importante nell'identificazione precoce di quelle complicazioni e nel mantenimento della fistola arterovenosa (AVF), attraverso l'eccellenza nella cura del paziente con AVF. Questo studio ha avuto come scopo principale di incontrare infermieristiche di fistole artero-venose nei pazienti con insufficienza renale cronica. La metodologia adottata è stata la revisione di letteratura in libri, rivista elettronica e articoli scientifici che ha affrontato il tema sulla malattia renale cronica, fistola arterovenosa, emodialisi, infermieristica in FAV. Erano accessibili nel database csielo, lillà, biblioteca virtuale salute, tesi pubblicata negli ultimi nove anni (2005-2014). Per quanto riguarda la discussione dei risultati, gli autori sono stati unanimi per quanto riguarda la formazione degli infermieri nella cura del paziente con AVF. Lo studio ha permesso di incontrare l'assistenza infermieristica alla fistola arterovenosa e conclude che il servizio di terapia renale Substititiva infermiera deve essere uno specialista in nefrologia, dotato di conoscenze tecniche e scientifiche in relazione alla preparazione e manutenzione di fistola arterovenosa, garantire la durata della FAV e il prolungamento della vita del paziente.

Parole chiave: emodialisi; Cure infermieristiche; Fistola arterovenosa.

1. INTRODUZIONE

Secondo la società brasiliana di Nefrologia nel 2008: nel mondo circa 1 milione e 200.000 persone sono sotto sotto trattamento di emodialisi. In Brasile, ci sono circa 87.044 pazienti all'anno, di cui 89,4% sono nel programma di terapia sostitutiva renale (COSTA, 2011).

Il diario Online dopo rapporto con Sespa, in cui si informa che nel 2011 in Pará ci sono circa di 1.674 pazienti in trattamento dialitico. Già nell'anno 2013 il numero di pazienti con patologie renali croniche raggiunge 2000 persone in trattamento di dialisi in Pará come presidente dell'avviso società brasiliana di Nefrologia-Stop regionale, Luis Claudio Pinto.

Secondo Prezotto (2014) insufficienza renale cronica è considerata un problema importante di sanità pubblica, con notevole aumento del numero dei pazienti renali croniche nella popolazione brasiliana, questi dati confermati tramite la dialisi di censimento 2011 società brasiliana di Nefrologia, dove il numero di pazienti con IRC corrisponde a un totale approssimativo di 50.128.

Et del latte. Al, (2013) e Delhi (2014) confermano che l'insufficienza renale cronica viene raggiungendo proporzioni rilevanti all'interno di sanità pubblica, a causa del numero crescente di persone colpite da malattie che richiedono l'emodialisi.

Dato che ogni anno cresce il numero di casi di pazienti con insufficienza renale cronica su emodialisi per la fistola arterovenosa, essendo questa la più alta scelta di modalità. (Latte, 2013).

L'emodialisi per la fistola arterovenosa è una modalità terapeutica di una maggiore scelta, essendo un accesso sicuro e duraturo, LATTE (2013). Sharma, (2011) aggiunge che la fistola arterovenosa (AVF) presenta una sopravvivenza adeguata e ha basso tasso di complicanze.

Per Daugirdas (2010), emodialisi viene eseguita dopo la realizzazione di una fistola arterovenosa, che è formata da un'anastomosi sottocutanea di un'arteria da una nativo della vena adiacente, consentendo il flusso diretto dell'arteria alla vena.

Le fistole sono realizzate nell'impugnatura braccio (radiocefálica), nel braccio inferiore (ulnare-Basilica), gomito (brachiocefalico) (DAUGIRDAS, 2010).

Pur essendo una procedura semplice, corretta pianificazione del sito dell'anastomosi, che dovrebbe essere nel preoperatoria e postoperatoria e impostazione del tempo per l'inizio della clip sono fondamentali per il successo dell'intervento chirurgico (TOREGLANI, 2008).

Per questo è necessario anche ridurre i problemi evidenziati con la fistola arterovenosa: trombosi, bassa pressione sanguigna, stringimento del vaso, diminuzione del flusso perché ripetute punture, contusioni, emorragie e ischemia nel membro con fistola, questi problemi che rendono i pazienti perdono le fistole prima di cinque anni, questa volta stabilito da Anvisa. (ANVISA, 2014); (POLIMANTI, 2012).

Come descritto in Barros (apud bianco, 2005) "la cura FAV deve essere seguita al fine di aumentare la sopravvivenza e prevenire le complicanze derivanti dall'uso.

Pazienti con insufficienza renale cronica è necessario aumentare la sopravvivenza delle fistole, perché si basano su dialisi per sopravvivere. Considerando che un paio di manuali e protocolli per quanto riguarda le cure infermieristiche ai pazienti con i pazienti CRF con fistola arterovenosa è quello di formulare la seguente domanda: che cosa è l'assistenza infermieristica fornita a pazienti con fistola arterovenosa pazienti con IRC?

La ricerca è giustificata dall'alto tasso di individui con insufficienza renale cronica in trattamento di emodialisi in stato di Pará, studiare ciò che diventa importante al miglioramento della qualità delle cure in fistole arterovenose in pazienti con insufficienza renale cronica, stabilire e mantenere un accesso durevole e affidabile, che offre alti tassi di flusso di sangue associata con bassi tassi di complicanze è essenziale. Considerando che l'infermiera svolge un ruolo importante nell'identificazione precoce di tali complicazioni in fistola arterovenosa (AVF), attraverso l'assistenza fornita al cliente con indebolimento renale cronico (CRF) con AVF. Questo studio ha avuto come scopo principale di incontrare infermieristiche di fistole artero-venose nei pazienti con insufficienza renale cronica. La metodologia adottata è stato uno studio esplorativo, per mezzo di ricerca bibliografica in libri, rivista elettronica e articoli scientifici che ha affrontato il tema sulla malattia renale cronica, fistola arterovenosa, emodialisi, infermieristica in FAV. Erano accessibili nel database csielo, lillà, biblioteca virtuale salute, tesi pubblicata negli ultimi nove anni (2005-2014).

2. REVISIONE DELLA LETTERATURA

2.1 questo studio su professione d'infermiera cura per il paziente con fistola arterovenosa di insufficienza renale cronica.

Secondo Smeltzer, (2009); Daugirdas, insufficienza renale (2010) si verifica quando i reni non possono eliminare gli sprechi metabolici dal corpo o svolgere le loro funzioni di regolamentazione. Le sostanze solitamente eliminate con le urine si accumulano fluidi organici come risultato l'escrezione renale alterata, che conduce a rottura in funzioni endocrine e metaboliche, come pure dell'acqua e dell'elettrolito acido disturbi-basic a causa di questo disturbo che rende l'uso di emodialisi per rimuovere liquidi e residui urêmicos del corpo quando i reni non sono in grado di farlo.

Per Brunner Suddarth &, (2009) la dialisi è il processo di filtraggio e depurazione del sangue che mira a estrarre sostanze azotate tossiche dal sangue e rimuovere l'acqua in eccesso sostituendo le funzioni del rene danneggiato, prolungando così la vita dei pazienti con insufficienza renale cronica.

La fistola arterovenosa è l'accesso vascolare permanente più sicuro e più duratura, utilizzato in pazienti con funzionalità renale e si compone di un'anastomosi sottocutanea di un'arteria con una vena che dura circa 30 giorni per maturare ed è fatta solitamente del braccio non dominante per non limitare l'ala di attività del paziente (ANVISA, 2014; Fermi, 2011; DAUGIRDAS, 2010; Latte, 2013).

fistola di arteiovenosa nella regione radiale.
FIGURA 1: fistola arteiovenosa nella regione radiale. Fonte: www.institutoendovascular.com.br

2.1 TIPI di fistole artero-VENOSE e POSIZIONE

Le fistole sono date titolo secondo i vasi collegati: Radiocefálica fatto nel pugno è la prima scelta come mezzo di accesso, perché è semplice da essere creato, hanno bassa morbilità e preseva un grande seguito della vena per essere perforato e consente la creazione di altri successi sullo stesso membro (FERMI, 2011).

Brachiocefalica fatta nel gomito è la seconda scelta, perché il suo vantaggio è l'alto flusso rispetto al manico e il fatto della vena cefalica più facile da forare, questo presenta alcuni fistola di difficoltà nel suo abbigliamento, dato che ha una limitazione sul gomito e l'edema dell'arto superiore può accadere e furto nofenômeno (ischemia del membro di fistola causata da sifonamento fuori circolazione) (DAS NEVES JÚNIOR , 2011; Fermi, 2011).

Per Daurgirdas, (2010); DAS Neves Júnior, (2011) ci sono altre fistole meno utilizzate sono: ulnare fistola-Basilica è anastomosi tra la basilica vena con l'arteria ulnare si trova nell'avambraccio; braquiobasílica la anastomosa di vena Basilic-se l'arteria brachiale; radiobasílica che anastomosa-se l'arteria radiale con la Basilica della vena. Meno opzioni di utilizzati di frequente sono la fistola Gracz (che utilizza la vena arterializa di quella puntura vene Basilica e il braccio cefalico) e la fistola cefalica brachiale bidirezionale (che arterializa le vene cefaliche del braccio e dell'avambraccio). Quando sono state esaurite tutte le posizioni del braccio non dominante, può essere utilizzato il braccio dominante.

SHAH, (2009) la professione d'infermiera ha il ruolo chiave nella cura del paziente con fistola arterovenosa in entrambi pre- e post-operatorio, come si comporta con il cliente guardando così umano e capace, con l'obiettivo di rendere il cliente a tornare loro normali attività.

2.2 assistenza infermieristica nel PERIODO preoperatorio dei PAZIENTI con FISTOLA ARTEROVENOSA.

Normalmente la FAV è costruito sulla dominante membro identifica un bracciale con questo braccio, l'infermiera deve guidare il paziente e il personale infermieristico affinché essi non sarà possibile per cateterismo, forature, controllare la pressione per rendere la fistola (SHAH, 2009) di sangue. Bianco, (2005) afferma la necessità di indirizzare i clienti pre-dialíticos circa l'importanza dei suoi vasi, valutare la prima indicazione di accesso al sito, rispetto la maturazione periodo, evitare di fare la dialisi il giorno dell'intervento e suggerisce che le infermiere devono avere conoscenza e formazione continua sull'accesso, so come funziona, come puntura come usura e diagnosi precoce delle complicanze.

2.3 assistenza infermieristica nel periodo postoperatorio di FISTOLA ARTEROVENOSA.

La cura adottata nel periodo pós-confecção fistola chirurgica sono fondamentale per l'adeguatezza di accesso di emodialisi e coinvolgono: l'elevazione del membro nei primi giorni, scambio periodico di medicazioni per l'infermiera ed eseguire esercizi di compressione manuale con palla di gomma per promuovere la maturazione di un accesso venoso (MANIVA, 2009).

2.4 FAV cura dei PAZIENTI

Il paziente deve essere guidato da infermieristica e bisogno per implementare una certa cura con la fistola, tra i quali includono: eseguire esercizio quotidiano con compressione di palla di gomma per quindici minuti tre volte al giorno aiuta a mantiene la fistola; osservare qualsiasi cambiamento nella posizione della fistola, calore, dolore, eritema e gonfiore, palpazione e percezione del brivido (vibrazione evidente a causa del mix di sangue arterioso con sangue deossigenato), qualsiasi anomalia deve essere segnalata medica e infermieristica squadre; evitare la puntura venosa e controllare la pressione del sangue nel braccio della fistola; evitare il controllo di pressione sanguigna in questo membro, dormire sul braccio di accesso e qualsiasi compressione, non deve rimuovere o consentire la rimozione dei capelli e croste formate nella regione della fistola. (MANIOCA, 2009; Fermi, 2011).

2.5 CURA PRIMA SESSIONE HEMODIÁLIÁLISE

Nell'unità di dialisi, prima della puntura, i pazienti dovrebbero lavare il membro che cosa sono la fistola con acqua saponata o un'altra soluzione antisettica, svuotare la vescica, controllare il peso, calcolare il peso finale e iniziale per stabilire se i segnali andando a ultrafiltrazione (pressione, temperatura, polso e respirazione), principalmente perché il sangue pressione ipotensione grave possono portare alla totale cessazione della fistola dice Fermi, (2011); osservare concentrazioni e temperatura di dialisadora la soluzione; verificare il funzionamento della macchina e preparare tutto il materiale necessario per il paziente di eseguire emodialisi;  (Bianco, 2005).

2.5.1 fistola di asepsi

Come descritto da Fermi, (2011) l'asepsi della fistola devono essere pulita con soluzione antisettica, secondo la standardizzazione di prevenzione delle infezioni di controllo programma dede e gli effetti negativi (PCPIEA), dopo asepsi sono la puntura arteriosa dovrebbero stare lontano 3 cm dell'anastomosi per prevenire la trombosi della fistola, prelievo venoso dovrebbe stare lontano dal sangue di due pollici da altro al fine di evitare il ricircolo del sangue. Secondo il manuale di dialisi, (2012) la soluzione antisettica prima della puntura è l'alcool al 70% con batuffoli di cotone.

2.5.2 scegliendo l'ago

Scegliere l'ago adeguato per ogni tipo di fistola è di estrema importanza che il calibro è usato in conformità con il flusso di sangue prescritta. Per un flusso di sangue meno di ago 250 ml graduata (18 g, rosa); tra 250 e 300 ml (17g, arancione); tra 300 e 350 ml (16 g, verde); tra 350 e 400 ml (15 g, giallo); più di 400 ml/min (14g, viola). Gli aghi devono essere ben fissati per evitare traumi, sanguinamento o anche l'output dell'ago (FERMI, 2011). Per Daurgirdas, (2010) durante l'uso iniziale di aghi sono consigliato (paragrafo 16 e 17) e flusso sanguigno basso, in accesso maturo sono necessari ferri più grandi (15 gauge) tollerare sangue flusso richiesto (> 350 ml / min) per la dialisi ad alta efficienza.

2.5.3 puntura tipo

Il tipo di puntura più scelta tra gli autori come Daurgirdas, (2010) è stata la tecnica di asola (che consiste di punture ripetute nella stessa posizione, ad esempio un pulsante che usi la stessa casa più volte) che consente la creazione di un tunnel stabile tra la pelle del paziente e la fistola nativa (nuova o matura) deve essere effettuato nei primi 10 pugni e dallo stesso professionista qualificato e le ordinanze del tribunale stesse l'angolo della puntura è controindicato in pazienti con pelle flaccida, per essere difficile da svolgere le punture ripetute, secondo Paiva, (2008) punçao accesso arterovenoso, solo addestrato professionale dovrebbe eseguire questa procedura, e la responsabilità di ogni infermiera prima punzoni e le fistole più delicate. Il paziente deve essere istruito per consentire la gestione della vostra fistola solo da professionisti qualificati.

2.6 assistenza INFERMIERISTICA cura DURANTE L'EMODIALISI SESSIONE

Secondo Santa et. Al, 2013 durante la seduta di emodialisi, il team deve essere attento al monitoraggio dei segni vitali, anticoagulazione, corretto funzionamento delle macchine per la dialisi (temperatura, passacavo del rullo, flusso sanguigno, il flusso di droga), comfort per il paziente, complicazioni, denunce e delle domande poste da pazienti, richiesta del medico quando necessario, l'infermiera deve svolgere di supervisione degli assistenti e tecnici della squadra

Per quanto riguarda la macchina e dei suoi componenti di emodialisi osservare il primo, che è la quantità di liquido all'interno del dializzatore; Se i livelli sono elevati, in caso si prevede di eliminare parzialmente o totalmente a filo; Bolo-continuo, frazionario; Il sangue fluisce – 150-200 ml/min e dopo la revisione dopo aver collegato le linee arteriose e venose nel paziente, il flusso di sangue dialisi, pressione transmembrana, flusso arterioso e rivelatori. Tenere traccia dei segni vitali ogni 30 minuti, soprattutto la pressione, perché l'ipotensione può predisporre la coagulazione; monitorare la pressione del seno venoso, perché l'aumento significa che l'accesso è con problemi quali ricircolo di fistola che peggiora la qualità della dialisi e aumenta il rischio di trombosi; Restate sintonizzati per quanto riguarda il funzionamento della macchina e dialisadora temperatura soluzione; fornire un ambiente tranquillo e confortevole lasciando il cliente da solo; somministrare i farmaci come prescrizione; Non somministrare farmaci IM dovuto eparinizzazione (bianco, 2005).

Silva e complemento Nunes (2011), se lo stravaso di sangue, o ematoma si verifica al momento della puntura, durante la sessione, l'ago deve essere rimosso, la posizione deve essere compresso in emostasi ed eseguire impacchi freddi in loco. Più presto l'afflusso (pressione del sangue) che è caratterizzato da insufficiente di sangue fonecimento alla pompa, che può essere causato da ipotensione a causa del prelievo di acqua e prodotti in eccesso attraverso il processo di osmosi, generando flusso cadono; vasospasmo; ago o coagulato accesso; linea arteriosa e l'uso di aghi con sangue incompatibile di piegamento di flusso, è necessario riposizionare l'ago o eseguire un nuovo LP, perché l'ago deve essere inserito nella parete del vaso.

2.7 assistenza infermieristica nel post PROCESSO EMODIALISI:

Secondo Fermi, (2011) dopo aver tolto gli aghi, è necessario esercitare la compressione fino a coagulazione totale, uno spurgo per più di venti minuti deve essere consapevoli della quantità di anticoagulante e antipertensivi, la medicazione deve essere ritirata solo dopo 6 ore di terminazione di dialisi, guida per essere mantenuto asciutto e pulito. Ribeiro già (2009) segnala che la medicazione dovrebbe essere fatto con una leggera compressione e non circolare con una garza per circa cinque minuti, con del nastro adesivo e garza dopo completa emostasi. Questa cura è fondamentale per evitare il sanguinamento pesanti dopo emodialisi.            Emostasi della fistola deve essere effettuato per mezzo di pressione diretta, seguita da rimozione dell'ago per evitare la formazione di ematoma sul sito, nonché a controllare lo spurgo nella pelle (P, 2008).

Come Santa et. Al, (2013) alla fine della sessione, quando si rimuove il paziente dalla cura della macchina devono essere prese in modo che vi sia una maggiore ritorno del sangue al paziente con una quantità inferiore di siero e prevenire l'embolia gassosa attraverso l'ago per tornare.

Bianco (2005) che descrive se si rimuove il transmembrana di pressione, reinfundir il sangue lentamente; verificare eventuali segni di eliminazione dell'edema, condizioni locali di accesso, lo stato generale del paziente, controllando i suoi segni vitali e peso (notando segni di perdita); Condizioni a piedi e avete bisogno di riposo; Guida circa l'importanza della dieta e farmaci, eseguire la macchina pulizia e sterilizzazione del dializzatore con il loro sangue e linee venose e mantenere l'unità in ordine. Ribeiro, (2009) aggiunge, nel caso di lividi si applica impacchi freddi frequenti durante le 24 ore che hanno successo emodialisi, dopo guida il paziente a caldo impacchi e pomata antitrombótica sul sito.

Customer care in emodialisi dovrebbe essere fatto da un infermiere con specialità e deve ricevere costante formazione in questo settore, perché è un'alterata con bassa resistenza immunitaria e suscettibile di diverse complicanze delle fistole arterovenose (bianco, 2005).

Per Santana et. Al, (2013); Il ruolo dell'infermiere non è limitato nell'esecuzione di tecniche o procedure in modo efficiente, ma anche per pianificare e implementare le cure infermieristiche, supportata dalla conoscenza scientifica, utilizzare il suo ruolo come educatore per istruire i pazienti, stimolando il cambiamento di comportamento, evitando così le complicazioni potenziali.

2.8 le COMPLICAZIONI in FISTOLE ARTEROVENOSE

2.8.1 basso flusso

Secondo Fermi (2011), Furtado, (2006) quando c'è un'ostruzione parziale del ramo venoso a causa la fibrosi secondaria a punture multiple, essendo questa la causa più comune. Per gli angeli e Oselame, (2013) è solitamente causata da mancanza di flusso sanguigno, solitamente funzioni di ostruzione, la fibrosi e la resistenza venosa. Queste situazioni anche aumentano l'incidenza della circolazione sanguigna e, in questo caso, l'infusione di un contrasto angiografico che rileva dove è la lesione per essere fatto per prevenire la perdita dell'accesso venoso.

2.8.2 trombosi.

Secondo (Fermi, 2011), si verifica per basso flusso nella fistola, disidratazione, grave ipotensione o ipercoagulabilità. In caso di ostruzione da un coagulo di sangue, la fistola può essere chirurgicamente chiaro con un catetere di Fogarty quando è presto identificato l'ostruzione.

2.8.3 mano Ischemia

È più comune nei pazienti con circolazione precedentemente compromessa, ad esempio persone diabetici e anziani con aterosclerosi. Si manifesta con dolori in ufficio, o anche a riposo e la sensazione di sudore freddo, questo accade a causa della deviazione della circolazione (FERMI, 2011).

2.8.3 pseudoaneurisma.

il pseudoaneurisma del ramo venoso è causato dallo stravaso di sangue costante dopo aghi di dialisi, pseudoaneurismi richiedono solo osservazione e che fare molta attenzione per perforare il ramo venoso della fistola all'esterno del sito della ferita. Quando un intenso assottigliamento della pelle dietro la lesione deve essere riparato chirurgicamente (RIBEIRO, 2009)

2.8.4 infezioni.

Sono rari, ma quando si verificano origine stafilococcica e segni di infiammazione nel sito, come calore e iperemia e dovrebbe essere trattate con antibiotici, secondo Paiva, 2008 Stati che la diagnosi è basata sui segni locali di infiammazione.

Per il bianco, (2005) dovrebbe essere la collaborazione di un team multidisciplinare per ridurre il numero di infezioni ed è anche di fondamentale importanza per indirizzare i clienti e le loro famiglie come cura a casa e anche l'infezione è collegato strettamente a quei professionisti che forniscono assistenza diretta al cliente, lavarsi le mani dovrebbero essere eseguita in pratica quotidiana.

Un altro aspetto rilevante come complicazioni di AVF aggiunge P, (2008) è l'emozione e la presenza di vene collaterali. Entrambi contribuiscono alla fermata della fistola, se è forata vena collaterale può portare a ristagno di accesso, perché il flusso di sangue pompato da AVF e valutati dall'intensità del tasto, sia nella regione prossimale come l'anastomosi distale.

L'infermiera deve eseguire un esame fisico del AVF per essere sicuro che sia in buone condizioni di lavoro attraverso l'osservazione dello sviluppo del deflusso venoso, nessun aree irregolare/dilatato o aneurismaticas. Vena dritta, con diverse aree che possono essere usati per perforare. Crollo parziale della vena quando l'elevazione dell'arto. Alla palpazione fermenti nell'anastomosi arteriosa, diminuendo lungo la vena arterializada. Facile da comprimere. Morbido e facile rilevamento degli impulsi nel suono con lo stetoscopio colpo basso (tono basso) sistolica e diastolica continuo (SHAH, 2009).

Dato queste complicazioni Furtado, (2006) conferma l'importanza della prevenzione delle complicazioni di FAVS e può essere evitato se la cura adeguata è correttamente la loro somministrazione.

3 METODOLOGIA

L'indagine è stata condotta attraverso la revisione di letteratura, dall'analisi delle opere pubblicate tra il 2005 al 2014, in lingua portoghese. Sono stati utilizzati materiali disponibili nelle banche dati bibliografiche, LILLÀ, Scielo e VHL, utilizzando parole chiave: emodialisi, cura, malattia renale cronica, fistola arterovenosa di professione d'infermiera.

I dati sono stati raccolti e raggruppati secondo la pertinenza con il tema proposto, successivamente analizzato da lettura individuali.

Il risultato del processo di ricerca con i database sono stati selezionati 17 (diciassette) articoli pubblicati, 03 (tre) libri collezione personale, 01 (a) tesi di laurea e 04 (quattro) articoli elettronici dei giornali impiegati nella preparazione di questo studio, abbiamo cercato di identificare l'assistenza infermieristica in pazienti con le fistole di trattamento di emodialisi.

Abbiamo incluso opere che erano direttamente legati al tema dello studio. Sono stati esclusi dai lavori che non presentavano rilevanti sovvenzioni per la ricerca e coloro che sono stati pubblicati fuori della portata di questa data di revisione.

Per l'analisi e la discussione del quadro risultati è stati sviluppati con i principali autori che meglio ha affrontato il tema proposto, successivamente analizzato secondo la rilevanza per lo studio.

4. RISULTATI E DISCUSSIONE

TELAIO CON I MIGLIORI AUTORI CHE HANNO CONTRIBUITO A QUESTO STUDIO

AUTORE TITOLO DELL'ARTICOLO OBIETTIVO METODOLOGIA LINGUA
Santana.2013 et.al Cure infermieristiche fornite ai pazienti in emodialisi trattamento in unità di Nefrologia  Identificare il ruolo dell'infermiere, juntoao paziente in emodialisi nell'unità di Nefrologia. Il tipo descrittivo bibliografico referenziale, in cui sono stati trovati nella letteratura esistente su basi virtuali come Scielo, LILLÀ e GoogleAcadêmico. Portoghese
Fermi.2011 Dialisi per professione d'infermiera: guiaprático Scopo principale di questo libro è quello di collaborare alla formazione professionale del personale infermieristico delle unità di dialisi. Seconda edizione, che consiste di 18 capitoli, 220 págnas totalmente riscritto e profondamente rivisto, è un nuovo libro, con almeno due volte come molte illustrazioni realizzati appositamente per lui. Portoghese
Shah, 2009 Prendersi cura della fistola artero-venosa: persona di presupposti teorici sono i contesti pratici. Sapere quali cure infermieristiche che infermieri eseguano la persona con la fistola arterovenosa. Studio descrittivo ed esplorativa per soddisfare cura pratiche che gli infermieri diretta alla persona con insufficienza renale cronica, terminale con fistola arterovenosa. Il campione è composto da 98 infermieri da 15 centri di emodialisi, utilizzando un questionario per raccogliere dati. Portoghese
P et.al.2008 Manutenzione delle fistole arterovenose sono realizzati nel centro di Nefrologia di Caucaia-CE Analizzare i fattori che hanno portato i pazienti che effettuano emodialisi perdendo FAV.  

Studio descrittivo con un approccio qualitativo, effettuato in una clinica di emodialisi situata a Caucaia-CE, con la partecipazione di 25pessoas (11mulheres e 14homens) che aveva un funzionamento FAV e perso almeno una volta l'accesso permanente. Raccolta dei dati si è verificato attraverso un'intervista, utilizzando uno script semistrutturato, contenente i dati di identificazione e la cura FAV correlate, al fine di soddisfare gli obiettivi proposti.

Portoghese
Maniva et al.2009 Il paziente in emodialisi: cura di sé con la fistola arterovenosa Soddisfare la cura di sé dei pazienti di emodialisi con fistola arterovenosa (AVF). Si tratta di studio descrittivo con un approccio qualitativo, intrapreso nella clinica di emodialisi nella città di Fortaleza-CE. Per studiare 15 pazienti per mezzo di un'intervista semi-strutturata, condotta con un registratore a nastro durante le sessioni di emodialisi, usato anche grafici. Portoghese
Ribeiro et al.2009 Esigenze di infermieri professionisti nell'assistere i pazienti con fistola arterovenosa di apprendimento Identificare i bisogni di apprendimento di infermieri professionisti nella fornitura di assistenza ai pazienti con fistola arterovenosa in emodialisi, al fine di migliorare l'assistenza prestata a questi pazienti. Si tratta di uno studio rappresentativo, con raccolta dati realizzato attraverso questionario semi-strutturato dato a professionisti che operano nell'unità di emodialisi di una Base di ospedale dell'interno dei professionisti dello stato di São Paulo. 36, ha risposto a questo questionario di professione d'infermiera. Portoghese
 

Bianco et al., 2005

 

Assistenza infermieristica nella cura del cliente renale cronica con l'infezione di fistola arterovenosa della vena

 

Identificare come sono stati condotti la professione d'infermiera cura su fistola arterovenosa e analizzare le cause più frequenti di infezione di fistola.

 

Approccio qualitativo, descrittivo, utilizzando la ABNT, infermieri da nefrologia clinica del sud zona di Rio de Janeiro sono stati intervistati con un registratore a nastro e le linee le parole trascritte successivamente.

 

Portoghese

Fonte: autori essi stessi 2015

Venti-cinque processi utilizzati in questo studio, sette hanno affrontato in modo più soddisfacente di cure infermieristiche fav. Tra cui ha sottolineato l'importanza della qualificazione della squadra vivaio Fermi, (2011) e dovrebbe essere scientificamente basato, addestrati e qualificati per fornire al paziente un'assistenza sicura.

Questa qualifica non trovata nella ricerca di Shah, (2009) che hanno mostrato i deficit di conoscenza degli infermieri in alcune aree specifiche di cura per la persona con AVF perché il nefrologo infermiere con competenze scientifiche rilevanti per l'importanza di conservazione della FAV e la prevenzione delle complicanze da interventi infermieristici specifici nel paziente con AVF.

Dato che le cure infermieristiche come Santana et. Al, (2013) coinvolge sistematico dall'ingresso del paziente fuori di questa sessione di emodialisi. L'infermiera deve utilizzare il ruolo dell'educatore per istruire i pazienti relativamente AVF, non rilevati in manioca et di ricerca. Al., (2012) ha mostrato pazienti con conoscenza circa la produzione e la cura con la FAV. Già P et. Altri, (2008) ha trovato che anche se i pazienti hanno conoscenza circa la cura del AVF, il team di professionisti della salute fornisce informazioni oggettive e consisas per quanto riguarda la conservazione della FAV.

Ribeiro et ancora si distingue. Al, (2009) nel suo studio che si è constatato che i professionisti di professione d'infermiera ha mostrati difficoltà nell'assistenza fornita al paziente con AVF, propagandato come il più prevalente la puntura della Fav, seguita dalle linee guida nel fornire l'emostasi dell'assistenza ai pazienti con AVF. Una volta il primo LP dopo la maturazione della FAV di allattare, da qui l'importanza di avere un infermiere addestrato e con esperienza in nefrologia, nonché gli investimenti nell'addestramento in servizio nei vari centri di dialisi, perché è un client di sistema immunitario soppresso suscettibile di parecchie complicazioni. (SHAH, 2009; BIANCO et. Al., 2005).

Le complicazioni e la cura con il AVF erano ben descritto da Fermi, (2011) nel suo sorteggio interessato libro un appropriato strumento di apprendimento e contribuire alla cura professionisti effettuare in un modo determinato il suo lavoro e soprattutto migliorare la qualità della cura del paziente.

Bianco et al (2005) sono stati scelti anche nella preparazione di questo lavoro, anche se non ammiriamo le regole di selezione di articoli per la confezione di revisione di letteratura, un'indagine in relazione alla data di questa recensione, indirizzata a modo eccellente infermieristica con fistola arterovenosa, pre cura, trans e pós-hemodiálise. Gli autori hanno evidenziato che per raggiungere l'eccellenza delle cure per pazienti in emodialisi infermiera di trattamento dovrà essere dotato di ampia competenza scientifica, d'intesa con gli altri autori utilizzati in questa ricerca.

4. CONCLUSIONE

Lo studio ha permesso di incontrare l'assistenza infermieristica alla fistola arterovenosa, che deve essere al fine di migliorare la qualità della vita dei pazienti con insufficienza renale cronica, utilizzando la terapia renale servizio sostituzione attraverso la FAV.

Ci rendiamo conto che la FAV è la modalità terapeutica di una scelta più ampia, perché è un accesso più duraturo e sicuro di avere un più alto tasso di sopravvivenza e bassi tassi di complicanze locali. Abbiamo anche notato che anche se si tratta di una procedura semplice, deve essere molto ben pianificato sito per anastomosi e pre cura con linee guida di auto-cura del paziente nella gestione del vostro nuovo accesso, l'infermiera dovranno sviluppare strategie di apprendimento che promuovono la migliore adesione da parte del paziente al trattamento e team infermieristico post-operatorio che impiegano una fistola di tando adatto tecnica di puntura e il ritiro dell'ago per ottenere successo nella procedura.

Siamo stati in grado di vedere però è una sfida per infermieristica a pazienti con IRC e l'infermiera deve essere uno specialista in nefrologia ha una conoscenza scientifica pertinente in relazione alla procedura di creazione, conservazione della FAV. Necessario identificare precocemente i problemi evidenziati con il AVF e atto di loro competenza tecnica, garantendo la durata della FAV e il prolungamento della vita del paziente.

È suggerito che ci sono altre opere che descrivono le cure infermieristiche per il portatore di IRC in trattamento di emodialisi per AVF in Brasile, che sono scarse, principalmente pubblicazioni in Pará, perché durante il nostro studio pochi studi sono stati trovati che descrivono l'assistenza del servizio di emodialisi o correlati a arterovenosa della fistola di professione d'infermiera. Sono anche sviluppati protocolli per il servizio renale Substititiva, per un'assistenza infermieristica standardizzata che mira al miglioramento delle cure per questi pazienti.

RIFERIMENTI

Bianco, Joyce Malik Arimatea; RANCIARO, Deborah. Infermieristica in cliente cronica renale con infezione di fistola Artériovenosa. V magazine, di professione d'infermiera. 27, n. 3, p. 12-30, 2005.

COSTA, Romanniny Hévillyn Silva et al. Produzione scientifica di Nursing in nefrologia in Brasile. Giornale di UFPE infermieristica onlin[JNUOL/DOI: 10.5205/01012007]e, v. 5, n. 9, pp. 2276-2281, 2011.

DAS NEVES JUNIOR, Milton Adams et al. Valutazione della pervietà precoce delle fistole arterovenose per emodialisi. Jornal vascolare Brasileiro, v. 10, n. 2, p. 105-109, 2011.

DAUGIRDAS, John, BLAKE, Peter, TODD, s. manuale di dialisi. Koogan di Guanabara, 2010.

DOS ANJOS, Marcela Dalosto; OSELAME, Barrios di nzino. Assistenza infermieristica per pazienti anziani con fistola arterovenosa in terapia di emodialisi. UNIANDRADE rivista, v. 14, n. 3, p. 251-262, 2013.

DUTRA, Marina. et. Al. Valutazione della funzione renale negli anziani: uno studio basato sulla popolazione. J. bras. Nefrologia 2014; 36 (3). 297-303.

FERMI, Márcia Regina Brave. Dialisi per professione d'infermiera: Guida pratica. Rio de Janeiro Guanabara Koogan, 2011. 220 p.

FURTADO, Angelina Masuku; LIMA, Francisca Elisângela Teixeira. Auto-cura dei pazienti con insufficienza renale cronica con fistola artero-venosa. Gaucho infermieristica rivista, v. 27, n. 4, p. 532, 2006.

Latte, Douglas squizatto, et. Al. Le conseguenze vascolari dell'utilizzo del CDL in pazienti in emodialisi: analisi ecografica di inserimento siti nel 2013. Società brasiliana di nefrologia (2014; 36 (3): 320-324).

MANIVA, Samia Jardelle Costa de Freitas; FREITAS, Consuelo Elena Aires di. Il paziente in emodialisi: cura di sé con la fistola arterovenosa. Giornale di nord-est di professione d'infermiera Rene rete-Rev, v. 11, n. 1, 2012.

Paiva, Jermaine Regina Silva; LIMA, Francisca Elisângela Teixeira. Manutenzione delle fistole arterovenose sono realizzati nel centro di Nefrologia di Caucaia-CE. Rev di RIGA. infermieri di min., v. 12, n. 3, p. 313-320, 2008.
POLIMANTI, Alfonso Cézar, et. Al. Trattamento di furto di fistola arterovenosa mediante la tecnica di rivascolarizzazione distale e legatura arteriosa: rapporto di tre casi. J. Vasc. Reggiseni. 2012, vol. 11, n. 2. 158-161.

Portal.ANVISA.gov.br/WPS/WCM/Connect/…/manual_tecnovigilancia.pdf? Data di accesso: 9 marzo 2015 alle ore 13:00.

PREZOTTO, Kelly Holland; ABREU, Izabella chroeder. La cronica renale e l'aderenza del paziente al trattamento che sono sottoposti a emodialisi. Rev infermieri UFPE online. Recife, 8 (3): 600-5, marzo, 2014.

ROSSI, r. c. h. m., et al. "Esigenze di infermieri professionisti nell'assistere i pazienti con fistola arterovenosa di apprendimento". Paul Nurse Act 22 (2009): 515-8.

SANCHO, Leyla Garcia; DAIN, Sulamis. Analisi costo-efficacia per quanto riguarda terapie renali invece: come pensare a questi studi di interventi in Brasile? CAD. Saúde pública, Rio de janeiro, 24 (6): 1279-1290, giugno 2008.

SANTANA, Suellen Silva; FONTENELLE, Taynnkelle; MAGALHÃES, Larissa Maciel. Professione d'infermiera di cure fornite ai pazienti sotto trattamento di emodialisi in unità di Nefrologia. Giornale di ITPAC, v. 6, n. 3, pagg. 1-11, 2013.

SESSO, Ricardo Cintra, et. Al. Rapporto di dialisi brasiliano censimento 2010. J. bras. Nefro. (2011; 33 (4): 442-447.

SILVA, Kleber Aparecido; Nunes, Zigmar Brovedani. Interventi infermieristici più prevalenti in un servizio di emodialisi alle complicazioni con la fistola arterovenosa durante la seduta di emodialisi. J salute Sci inst., v. 29, n. 2, p. 110-3, 2011.

SMELTZER SC, BG nuda. Brunner & suddarth, et al. Trattato di infermieristica medico-chirurgica. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2009. 4V.

SHAH, Clemente Nair. Prendersi cura della persona con la fistola arterovenosa: dal teorico ai contesti pratici. 2009. 209F. Tesi (laurea magistrale in scienze infermieristiche)-Abel Salazar Istituto di Scienze Biomediche dell'Università di Oporto, Portogallo, 2009.

Souza, Ahmad Regina; et. Al. Valutazione di accesso vascolare per emodialisi nei bambini e negli adolescenti: uno studio di coorte retrospettivo di 10 anni. J reggiseni italiana di Nefrologia 2011; 33 (4): 422-430.

TOREGEANI, Jeferson Freitas, et. Al. Valutazione della maturazione delle fistole arterovenose per emodialisi da eco-Doppler colore. J. Vasc. Reggiseni. 2008, vol. 7, n. 3.

www.diarioonline.com.br/noticia-165839-.html. SESPA e SESMA chiarire circa cronica renale. Venerdì, 09/09/2011.

www.HGV.pi.gov.br/download/201204/HGV25_43447dbcff.pdf. 20 marzo 2015 Data di accesso alle 20:00 manuale di dialisi/Nefrologia 2012 HGV-PI.

www.Saude.PA.gov.br. SESPA Portal. Data di accesso: 10 marzo 2015 alle ore 02:00.

[1] Paper presentato al Graduate Center (CPO ´) di Amazon (ESAMAZ). Lato Sensu studi Laurea in infermieristica in Nefrologia e urologia/infermiera: e-mail: [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here