Ripristino della funzionalità degli anziani con Gonartrose e Coxoartrose, da Hidrocinesioterapia: uno studio retrospettivo

0
2777
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/saude/idoso-com-gonartrose-e-coxoartrose
PDF

RODRIGUES, Wanda Carla Conde [1]

ALMEIDA, Flábia Regina Da Conceição de [2]

CUSTÓDIO, Thales Odilon Marques Pena [3]

FARIAS, Luci Selma Ferreira de Freitas [4]

CARVALHO, Aline de Lima [5]

OLIVEIRA, Euzébio de [6]

RODRIGUES, Wanda Carla Conde; et. al. – Ripristino della funzionalità degli anziani con Gonartrose e Coxoartrose, da Hidrocinesioterapia: uno studio retrospettivo – Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center, anno 1, vol. 4, pp. 5-20 – luglio 2016 – ISSN:0959-2448

RIEPILOGO

L'osteoartrite (AO) è un processo degenerativo che colpisce le articolazioni, soprattutto nei giunti del peso-cuscinetto. Con l'aumento della popolazione aumenta la longevità delle malattie croniche che interferisce con il benessere. Uno dei modi per trattare questa disfunzione è attraverso hidrocinesioterapia, in grado di offrire agli anziani, la loro qualità della vita attraverso la fisioterapia acquatica. Lo scopo di questo studio era di condurre una revisione della letteratura sull'applicabilità dei hidrocinesioterapia e i suoi effetti sulla funzionalità e qualità della vita degli anziani con gonartrose e coxoartrose. Le visite sono state effettuate quattro librerie di primo livello delle istituzioni dello stato del Pará: ESAMAZ, UEPA, UFPA, UNAMA, come bene come usati quattro database elettronici: MEDLINE, PUBMED, lillà, SciELO. Abbiamo usato i descrittori: artrosi, hidrocinesioterapia, coxoartrose, gonartrose, funzionalità degli anziani, insieme e apart. Riviste nazionali ed internazionali selezionati pubblicato in portoghese e inglese. Criteri di inclusione sono stati la pubblicazione di articoli e riferimenti nel periodo del 1998 fino al 2012. OA occupa il terzo posto nella lista delle persone assicurate lontano dal lavoro che ricevono la malattia. E secondo i risultati ottenuti, si conclude che le prestazioni attraverso l'applicabilità di fisioterapia di hidrocinesioterapia tecnica sono estremamente importante e utile nella funzionalità degli anziani. Fornendo meno dolore, meno instabilità del dolore, miglioramento nella forza muscolare, migliorare la flessibilità e migliora la gamma di movimento, rendendo così le attività della vita quotidiana e migliorare la qualità della loro vita.

Parole chiavi: osteoartrite. Idroterapia. Recupero funzionale. Qualità della vita.

INTRODUZIONE

L'osteoartrite (OA) è il risultato di vari modelli di disfunzione del giunto, essendo caratterizzata da degenerazione di proliferazione del tessuto articolare della cartilagine e dell'osso e simultanea del tessuto connettivo. È la forma più comune di artrite ed è spesso associata a significativa restrizione e riduzione della qualità della vita (QOL) (FALOPPA; ALBERTONI, 2008).

Una delle forme cliniche di OA, OA dell'anca e del ginocchio di essere particolarmente più disattivazione, poiché queste sono le articolazioni che ricevono il peso di tutto il corpo. OA dell'anca raggiunge il 20% della gente sopra l'età di 55 anni e, pur essendo meno comuni di OA del ginocchio, i sintomi sono spesso più gravi (RICCI; CHEN, 2006).

La sua prevalenza aumenta con l'età, del 7% tra le persone di 65-70 anni l'11,2% tra quelli con 80 anni o più, piccoli che vanno dagli studi esistenti.  Un recente studio della organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che l'OA sarebbe la quarta più importante causa di disfunzione tra le donne e l'ottavo tra gli uomini. Gli studi radiografici mostrano alcune modifiche nel 30% degli uomini e delle donne oltre i 65 anni, ma solo un terzo di questi sono sintomatici (RICCI; CHEN, 2006; DOI et al., 2008).

Come qualcuno invecchia, c'è una riduzione delle funzioni corporee. Ad esempio, riducendo la potenza respiratoria e cardiaca massima capacità. La diminuisce massa muscolare e ossea, mentre aumenta la quantità di grassi, principalmente a causa di fattori endocrini. Questa fragilità di vecchia età è caratterizzato da forza muscolare in diminuzione, riflessi, ridotta mobilità ed equilibrio lentificados e ridotta resistenza. Il risultato di questo sono cadute, fratture, ridotta attività fisica e perdita di indipendenza. La debolezza muscolare non è causata solo da processi fisiologici di invecchiamento e usura dovuta a utilizzare come lesioni articolari, ma anche a causa di una mancanza di unità, che conduce ad un circolo vizioso (SILBERNAGL; LANG, 2006).

Con la crescita della popolazione, le malattie degeneranti diventano più frequenti, portando con sé le disfunzioni causate dai sintomi di OA (RICCI; CHEN, 2006; DOI et al., 2008).

Preservazione della capacità funzionale è uno dei requisiti per un sano invecchiamento. La funzione fisica è un universalmente accettato indicatore dello stato di salute e una componente importante della QOL. Punto di vista dell'individuo, la funzione fisica è necessario per mantenere il partecipante individuale e indipendente nella Comunità. Così, la disfunzione è un problema sociale, che porta maggior rischio di istituzionalizzazione e alti costi per i servizi sanitari (TAMEGUSH et al., 2008).

Uno dei modi per trattare è attraverso hidrocinesioterapia, che è in grado di coprire le esigenze di trattamento riabilitativo, oltre ad offrire gli anziani QV attraverso la fisioterapia acquatica (FACCI, MARQUETTI, coniglio, 2007).

Il hidrocinesioterapia può essere considerato come uno dei principali interventi terapeutici nel trattamento di OA, tuttavia ci sono pochi lavori che verifica i vantaggi. Le proprietà fisiche e fisiologiche dell'acqua consentono l'esercizio difficilmente eseguita sul terreno, che è associato con la maggiore gamma di movimento (ADM) e ad alta temperatura dell'acqua aumenta la mobilità articolare, controllo muscolare e forza, alleviando il dolore e accelerare il processo di recupero funzionale. Allo stesso tempo, il programma terapeutico eseguito sull'acqua è una forma più sicura di potenziamento muscolare, come non aumenta l'attrito del giunto, come nel caso degli esercizi eseguiti in assolo (FACCI, MARQUETTI, coniglio, 2007).

A quanto precede, la presente ricerca finalizzata a valutare la funzionalità degli anziani con gonartrose e coxoartrose, attraverso la pratica della hidrocinesioterapia.

METODOLOGIA

La presente ricerca si riferisce a un'analisi retrospettiva effettuata attraverso una revisione della letteratura nel periodo del 1998 al 2012, sul tema "persone più anziane con gonartrose e coxoartrose e il recupero del corpo attraverso la funzionalità hidrocinesioterapia. Le visite sono state effettuate quattro librerie di primo livello delle istituzioni dello stato del Pará: ESAMAZ, UEPA, UFPA, UNAMA, come bene come usati quattro database elettronici: MEDLINE, PUBMED, lillà, SciELO. È stato usato per i descrittori di ricerca più raffinata: artrosi, hidrocinesioterapia, coxoartrose, gonartrose, vecchia funzionalità, descritte insieme e a pezzi. Selezionato periodici pubblicati in riviste nazionali ed internazionali nelle lingue portoghese e inglese. I criteri di inclusione sono stati gli articoli pubblicati all'interno del periodo studiato e che rispettate il tema e i criteri dell'oggetto di ricerca. Sono stati eliminati gli articoli che non soddisfano requisiti predeterminati.

79 articoli correlati alla ricerca sono stati selezionati e analizzati, di cui 34 sono stati scelti per guidare la ricerca, tra cui solo coloro che hanno maggiore rilevanza.

Questo metodo di ricerca ha permesso di trovare diversi articoli e m, ais per quanto riguarda le ricerche specifiche rispetto all'oggetto di studio determinato.

RISULTATI E DISCUSSIONE

CONCETTO:

Osteoartrosi:

Sinonimi

  • Artrosi;
  • Malattia degenerativa delle articolazioni;
  • Osteoartrite;
  •  Osteoartrite.

OA o malattia degenerativa delle articolazioni (DJD) è caratterizzata da deterioramento progressivo e rottura della cartilagine articolare, soprattutto nel peso cuscinetti sferici; Ciò conduce ad osso subcondrale ispessimento ed escrescenze ossee, osso Spurs (speroni), intorno alle rive delle articolazioni. La causa è sconosciuta, ma molto probabilmente correlate a cambiamenti metabolici e biochimici (MITCHELL et al., 2006).

OA è un processo degenerativo che colpisce le articolazioni. I cambiamenti iniziano nella cartilagine articolare, che subisce un processo di addolcimento e decadimento, addirittura scomparire nelle fasi avanzate. L'osso subcondrale subisce anche dei cambiamenti che si traducono in un aumento di densità o sclerosi e occasionale formazione di cisti o cavità. Sulle rive, comune appaiono ossute estensioni dell'osso subcondrale, irregolari forme e dimensioni variabili chiamate osteofiti, che costituiscono il più caratteristico di segnale di OA (SACHETTI et al., 2010).

OA è una malattia degenerativa cronica caratterizzata da dolore e la perdita progressiva della cartilagine articolare. OA presenta un'origine multifattoriale e maggio presente in diverse articolazioni dove si verificano cambiamenti biochimici, metabolico e morfologica, le sue caratteristiche includono la perdita della normale configurazione del segmento interessato, crepitio, deformità ossee, formazione di osteofiti, presenza di processi infiammatori e accumulo di liquido sinoviale (SILVA et al., 2011).

Epidemiologia

In relazione ad aspetti epidemiologici si ritiene che circa l'85% della popolazione mondiale presenta evidenza radiografica di OA dall'età di 65 anni di età. OA è distribuito equamente tra uomini e donne in tutte le epoche sono analizzati, tuttavia quando analizziamo gruppi sopra le donne di 55 anni di età sono le più colpite e sembrano sviluppare una malattia più grave, probabilmente connessa con abitudini corporali o predisposizione genetica anche. OA può variare anche in relazione al gruppo etnico, comunque questa variazione può essere più legata alle differenze sul lavoro e anche tra diverse razze culturale. Predisposizione genetica coinvolge principalmente la nodale delle presentazioni di OA da mani e pochi di OA (FREITAS; PY, 2011).

Eziologia

Per rovere e Papaléo (2006) OA non è definita e possa essere classificato in diversi modi:

  • Primaria (idiopatica): c'è una degenerazione della cartilagine in un'articolazione apparentemente normale senza causa evidente.
  • Forma secondaria: la degenerazione della cartilagine è il risultato di cambiamenti comuni preesistenti.

Numerosi fattori possono essere coinvolti nell'eziologia dell'OA, quali età, predisposizione genetica, traumi, stress ripetitivo, alcune occupazioni, obesità, cambiamenti nella morfologia dell'instabilità congiunta, congiunta e cambiamenti nella biochimica della cartilagine articolare (rovere; PAPALÉO, 2006).

Secondo Paradiso (1998) l'OA può avere influenze meccaniche ed ereditaria e può accadere secondariamente ad un'altra malattia comune, come ad esempio il danno traumatico o sport. OA comunemente colpisce l'anca e ginocchia, sono le forme più ampiamente d'avvenimento della malattia unita.

Patofisiologia

Nei cambiamenti di cartilagine articolare in condrociti e cartilagine matrice comporta la perdita della normale struttura. Con la progressione della malattia, alcune parti della superficie articolare diventano più irregolari e FIB si estende negli strati più profondi della cartilagine, la zona intermedia e poi raggiungere l'osso subcondrale. Quando le crepe stanno avanzando più profondamente, il termina poco profonde di usura della cartilagine fibrilada fuori, diminuendo lo spessore della cartilagine e frammenti sciolti nel liberare dello spazio articolare. Allo stesso tempo, la degradazione enzimatica della matrice potrebbe ulteriormente diminuire il volume della cartilagine. Nelle fasi successive, può diventare l'osso subcondrale esposto (Figura 1) (REBELATTO; MORELLI, 2007).

Fisiopatologia dell'osteoartrite
Figura 1: Fisiopatologia dell'osteoartrite
. Fonte: REBELATTO; MORELLI, 2007.

Come risultato la caratteristica del processo patologico di OA, la degradazione della cartilagine, accompagnata da alterazioni dell'osso rappresentate da eburnificação o sclerosi dell'osso subcondrale e del rimodellamento articolare con la partecipazione, spesso di reazione infiammatoria sinoviale (REBELATTO; MORELLI, 2007).

Classificazione

La classificazione proposta da Kellgren-Lawrence (1979), è stato il più ampiamente usato nella letteratura fino ad oggi, anche se nuove tecnologie di diagnostica per immagini tali come raggi x microfocal, la formazione immagine a risonanza magnetica (MRI) e ad ultrasuoni, sono più preciso (NATALIO congiunta; OLIVEIRA; MACHADO, 2010).

I criteri stabiliti dal Kellgren-Lawrence andare da I a IV e sono classificati come:

  • Grado i: probabilmente diminuito spazio articolare, con possibili osteófitose;
  • Grado II: osteophytes ben definiti e possibili in diminuzione dello spazio articolare;
  • III grado: più osteofiti, clara è diminuito dello spazio articolare e deformità delle ossa dell'estremità possibili;
  • Grado IV: grandi osteophytes, intenso in diminuzione dello spazio articolare, sclerosi severa e deformità ossee con bordi definiti (VALENCIA; GIORNI; GIORNI, 2006).

Segni e sintomi

L'OA è manifestato clinicamente da dolore che vanno da lievi a molto intenso, che peggiora con i movimenti e a sollevare un peso, rigidità articolare che peggiora a casa, limitazione dei movimenti e Crackle (2008).

Per Merklee (2007) i segni e sintomi dell'aumento con poveri postura, l'obesità e lo stress sul lavoro e può includere:

  • Profondo dolore causata dal deterioramento dello stress della cartilagine, dell'osso e l'infiammazione, in particolare dopo gli esercizi o sostenere il peso, è il sintomo più comune, più spesso, è alleviato dal riposo.
  • Rigidità al mattino e dopo la pratica di esercizi (alleviato dal riposo), le cause sono date dalla degenerazione dello stress della cartilagine, dell'osso e l'infiammazione.
  • Crepitus o ' barba ' la cartilagine durante lo spostamento a causa di danni della cartilagine.
  • Heberden nodi (distali interphalangeal congiunti ossuti ingrandimenti), causati da infiammazione ripetuta (Figura 2).
Noduli di Heberden e Bouchard
Figura 2: Fonte nodi di Heberden e Bouchard: www.portalsaofrancisco.com.br/alfa/reumatismo/
  • Andatura cambiare a causa di contratture dei muscoli che sostengono l'articolazione del ginocchio.
  • È diminuito grazie alla rigidità di dolore e giunto ADM.
  • L'allargamento del giunto, indotta dallo sforzo sull'osso e disordinata crescita ossea.

IDROTERAPIA

L'idroterapia è tutte le applicazione esterna dell'acqua, in uno qualsiasi dei suoi stati fisici, con scopo terapeutico (DEGANI, 1998).

L'idroterapia è una funzionalità utilizzata nella riabilitazione dei pazienti con OA che hanno manifestazioni articolari ed extra-articolare a causa di proprietà fisiche e gli effetti fisiologici dell'acqua (FERREIRA et al., 2008).

Con questa terapia fisica fa uso di questa risorsa ottenendo un gruppo delle possibilità di interventi clinici attraverso l'esercizio in piscine riscaldate, come risorsa ausiliario riabilitazione o prevenzione dei cambiamenti funzionali. Le proprietà fisiche e il riscaldamento dell'acqua gioca un ruolo importante nel miglioramento, mantenendo l'ADM delle articolazioni, la tensione muscolare ridotta e rilassamento (CANDELORO; CAROMANO, 2007).

Essendo una delle più antiche risorse di fisioterapia, idroterapia è impostato per l'uso esterno dell'acqua con fini terapeutici. È una caratteristica utilizzata nel processo di riabilitazione soprattutto nei pazienti con OA, avendo alcuni vantaggi a causa di proprietà fisiche ed effetti fisiologici, forniti dall'ambiente acquatico (RUOTI; MORRIS; COLE, 2000).

Idroterapia è spesso raccomandata per pazienti con OA, in quanto fornisce una serie di vantaggi tra cui la riduzione dell'edema, dolore e sovraccarico sulle articolazioni gia ' ferito (FOLEY ET al., 2003).

Idroterapia promuove reazioni diverse da quelle sperimentate nel terreno, migliorando la circolazione periferica, beneficiando il ritorno venoso, oltre a fornire un effetto di massaggio rilassante, comportando in questo modo in principali lamentele dei pazienti con OA. Gli esercizi in acqua sono molto ben tollerati, soprattutto in acqua calda, perché l'ambiente caldo aiuta a ridurre i dolore e spasmi muscolari (REILLY; UCCELLO, 2001).

L'acqua fornisce la resistenza per movimenti regolari e anche la possibilità di formazione in varie velocità. Questi componenti sono che l'esercizio acquatico è un metodo eccellente per una maggiore resistenza e forza muscolare (CAMPION, 2000).

Proprietà dell'acqua

La comprensione dei principi fisici e la termodinamica di acqua fornisce il suo uso razionale (BIAZUS; P; LOUREIRO, 2010).

Galleggianti permette al paziente di camminare con un overhead minimo di articolare a causa di ridurre gli effetti della gravità e il conseguente aumento di articolare (KISNER ADM; COLBY, 2005).

Pressione idrostatica esercita un effetto positivo durante l'immersione (la stessa pressione è esercitata in tutte le direzioni del corpo e aumenta con la profondità), riduzione dell'edema, perché il sistema ridistribuisce il sangue venoso dalle estremità al torace (KISNER; COLBY, 2005).

Resistenza all'acqua può essere usato passivamente e attivamente, movimenti passivi attraverso l'acqua facilita il rilassamento e allungamento dei tessuti molli, attivamente resistenza all'acqua aumenta il dispendio di energia necessario per muovere le estremità, promuovendo (BUENO et al., 2007) di rafforzamento muscolare.

La termodinamica deve anche tenere in considerazione ed è relativo alla capacità di energia di scambio del corpo sommerso (calore) con acqua per mezzo di conduzione e convezione, avendo effetti positivi sui tessuti molli che possono essere facilmente implementati, aumentando il grado di movimento e riducendo dolori articolari (SACCHELLI; ACCACIO; RADL, 2007).

I benefici dell'acqua sono: rilassamento muscolare, aumentare il flusso di sangue e flessibilità, potenziamento muscolare, rieducazione di andatura, migliora l'equilibrio e la coordinazione e, infine, è un'attività ludica e ricreazione (BUENO et al., 2007).

Effetti fisiologici

Gli effetti fisiologici dell'idroterapia derivanti da una combinazione di effetti fisici dell'acqua (termica e meccanica) e gli effetti dell'esercizio. Gli effetti variano con la durata del trattamento, esercizio, tipo, progressione, esercizio intensità, temperatura dell'acqua, postura, movimenti associati delle membra superiori e la patologia del paziente (IDE et al., 2004).

Con gli effetti dell'immersione in acqua calda sono anche l'elevazione della temperatura corporea anche in casa, purché la temperatura dell'acqua è superiore rispetto alla pelle, 35,5 ° c circa. L'aumento della temperatura corporea si verifica anche dalla conversione di energia durante l'esercizio. Dipende dall'intensità dell'esercizio e la quantità di grasso corporeo (RUOTI; MORRIS; COLE, 2000).

Hidrocinesioterapia

Il hidrocinesioterapia incorporato gli avanzamenti recenti la conoscenza della valutazione fisica e funzionale, i principi dell'idrostatica, idrodinamica di esperienza pratica evidence-based, clinica e fisiologia, al trattamento dei pazienti traccia e supporto piani nella piscina terapeutica (GOMES, giorni, CISNEROS, 2007).

Gli esercizi acquatici sono stati ampiamente utilizzati in programmi di terapia fisica, soprattutto quando gli esercizi solista generano dolore. La diminuzione nell'impatto articolare durante l'attività fisica indotta dal galleggiamento, riducendo la sensibilità al dolore, diminuzione della compressione giunti Achy, una maggiore libertà di movimento e di ridurre lo spasmo doloroso. L'effetto flottante assiste il movimento delle articolazioni irrigidite nei più grandi ampiezze con un minimo di dolore, consentendo che la realizzazione di esercizi a terra potrebbe essere considerata molto difficile (CANDELORO; CAROMANO, 2007), (HINMAN; HEYWOOD; ANTHONY, 2006), (SILVA et al., 2011).

Gli esercizi di rafforzamento con paziente sommerso si basano su principi fisici dell'idrostatica, che consentono di generare movimento costante resistenza multidimensionale. Questa resistenza aumenta proporzionalmente la forza viene esercitata contro di esso, generando un overhead minimo delle articolazioni (CANDELORO; CAROMANO, 2007).

Un programma completo di hidrocinesioterapia soddisfa le esigenze di condizionamento fisico e riabilitazione del paziente, prendendo in considerazione i componenti di fisiológicos psicologici e sociologici di QOL. In questo contesto, la promozione e la cura della salute degli anziani comprendono misure preventive, ristoratore e reabilitativas, dando la priorità per preservare, mantenere, ripristinare o sviluppare la funzione per i pazienti con coxoartrose e gonartrose (KOURY, 2000).

Indicazioni

Secondo Koury (2000) idroterapia è indicato quando si desidera poco o nessun peso-cuscinetto, o quando non esiste un processo infiammatorio acuto, dolore, ritrazione e lo spasmo muscolare e limitazione di ADM, che può alcun modo singolarmente o congiuntamente riducono la funzione normale. L'idroterapia è anche un'opzione per i pazienti che sono in grado di eseguire esercizi a terra a causa del recente intervento chirurgico, lesioni o malattie acute, disabilità neuromuscolare e ortopedici o neurologici rheumatological.

Il hidrocinesioterapia in pazienti con OA punta a mantenere la mobilità articolare, allungamento muscolare e aumento ADM, migliorare la stabilità dell'articolazione. Inoltre, mira a ottimizzare la biomeccanica articolare per mantenere il corretto allineamento del segmento commovente e ridurre qualsiasi eccesso di carico anormale dell'articolazione coinvolta. Il sollievo del dolore, rigidità e altri sintomi associati è anche parte degli obiettivi della riabilitazione fisica (IZOLA; BIASOLIO, 2003).

Controindicazioni

Secondo Kisner e Kolby (2005) sono controindicazioni:

  • Insufficienza cardiaca incipiente e angina instabile.
  • Disfunzione respiratoria, capacità vitale inferiore a 1 litro.
  • Malattia vascolare periferica severa.
  • Rischio di sanguinamento o emorragia.
  • Grave malattia renale: i pazienti saranno in grado di registrare la perdita di liquido durante l'immersione.
  • Ferite aperte, infezioni di pelle e colostomia.
  • Incontinenza urinaria e fecale.
  • Infezioni o malattie trasmesse da acqua e da aria: gli esempi includono le infezioni gastrointestinali, influenza, tifo, colera e polio.
  • I grippaggi incontrollati: creano un problema di sicurezza, sia per il professionista ed il paziente, se necessario la rimozione immediata della piscina.

Gli stessi autori segnalano che lo scopo specifico di esercizio acquatico è quello di facilitare il recupero funzionale, fornendo un ambiente che aumenta la capacità del paziente e/o professionale per eseguire vari interventi fisioterapici, che mirano a:

  • Facilitare gli esercizi WMD;
  • Iniziare l'allenamento di resistenza;
  • Facilitare le attività di scarico di peso;
  • Promuovere l'applicazione di tecniche manuali;
  • Promuovere l'accesso tridimensionale al paziente;
  • Facilitare gli esercizi cardiovascolari;
  • Avviare la simulazione delle attività funzionali;
  • Minimizzano i danni e ridurre il rischio di lesioni di ricaduta durante la riabilitazione;
  • Favorire il rilassamento del paziente.

CONSIDERAZIONI FINALI

Secondo gli articoli analizzati in questa ricerca, è possibile osservare che la recitazione attraverso la tecnica del hidrocinesioterapia fisioterapia è di estrema importanza e nel recupero e/o funzionalità e QOL del invecchiato con gonartrose e coxoartrose. Essendo oggi una delle più importanti tecniche terapeutiche per il trattamento dei sintomi di queste malattie.

In questo modo, con questo studio di rivedere il contributo alla letteratura e alla società in generale incoraggiando i ricercatori e professionisti che operano nell'area, a cercare prove scientifiche sul tema del miglioramento della sua applicabilità ad essere meglio sviluppato accanto a loro pazienti.

Così, alla fine di questo studio, si può concludere che l'applicabilità della hidrocinesioterapia è utile e molto efficace nel trattamento di pazienti anziani con gonartrose e coxoartrose, purché la tecnica è applicata correttamente e/o con l'ausilio di altre tecniche e metodi di trattamento. Suoi effetti offrono significativi miglioramenti nella funzionalità del vecchio così, maggiore QOL. Tuttavia speriamo che questo metodo terapeutico dà anziani una condizione dove si potrà sentire più sicuro e fiducioso di avere l'indipendenza e l'autonomia in dato giorno per giorno per informano la loro attività di daily living (ADL).

RIFERIMENTI

BIAZUS J, F; P J, F; LENA L, f. terapia acquatica nell'artrite reumatoide giovanile: rapporto di caso. Promozione della salute in età contemporanea: sfide di ricerca, insegnamento ed estensione Santa Maria, RS, 08 al 11 giugno 2010. Disponibili in <http: www.unifra.br/eventos/jis2010/trabalhos/301.pdf="">.</http:> Accesso a 04/10/2012.

BUENO, V.C.; JUNIOR DI LOMBARDI, I.; MEDEIROS, W.M.; AZEVEDO, M.M.A.; LEN, C.A.; TERRERI, M.T.R.A.; NATOUR, J.; ESILARANTE, M.O.E. riabilitazione nell'artrite idiopatica giovanile artrite idiopatica giovanile in riabilitazione. Giornale brasiliano di reumatologia, v. 47, n. 3, p. 197-203, maggio / giugno, 2007. Disponibile in < http://www.scielo.br/pdf/rbr/v47n3/09.pdf=""> </>. Accesso in 08/08/2012.

CAMPION, M.R. idroterapia: principi e pratica. São Paulo: Manole, 2000.

CANDELORO, J.M.; CAROMANO, effetto di F.A. di un'idroterapia programmare la flessibilità e la forza muscolare nelle persone anziane. Giornale brasiliano di terapia fisica, San Carlos, v. 11, n. 4, p. 303-309, / fa… 2007.

CARVALHO FILHO, E.T.; PAPALÉO NETTO, H.b. geriatria, basi cliniche e terapeutiche. 2a edizione. São Paulo: Atheneu, 2006.

DEGANI, idroterapia A.M.: gli effetti fisici, fisiologici e terapeutici dell'acqua. Fisioterapia in movimento. Curitiba: Champagnat, v. XI, n. 1, Apr/set. 1998.

DOI T, AKAI M, FUJINO K, IWAYA T, KUROSAWA H, HAYASHI K, et al. Effetto di esercizi a casa dei quadricipiti sulle droghe antinfiammatorie nonsteroidal di osteoartrite del ginocchio: confrontato con uno studio randomizzato controllato. Am J Phys Med Rehabil. 2008; 87 (4): 258-69. DOI: 10.1097 / PHM. 0b013e318168c02d.

FACCI, L.M.; MARQUETTI, R.; Coniglio, K.C. fisioterapia acquatica nel trattamento dell'osteoartrite del ginocchio: serie di caso. Fisioterapia in movimento, Curitiba, v. 20, n. 1, p. 17-27, gennaio/marzo, 2007.

FALOPPA, F.; ALBERTONI, w. m. guide di medicina ambulatoriale e ospedale da UNIFESP-EPM. 1a edizione. São Paulo: Manole: 2008.

FERREIRA, L.R.F.; PESTANA, P.R.; OLIVEIRA, J.; FERRARI, R.A.M. di riabilitazione acquatica effetti sui sintomi e qualità della vita delle donne con l'artrite reumatoide. Terapia fisica e ricerca, São Paulo, v. 15, n. 2, p. 136-41, aprile/giugno. 2008.

FOLEY, A.; HALBERT, J.; HEWITT, T.; VISTO, SIGNOR CROTTY, M. Idroterapia migliorare la forza e la funzione fisica in pazienti con osteoartrite-una prova controllata randomizzata confrontando la palestra basato e l'idroterapia basato su programma di rafforzamento. Ann Rheumathology malattia, 2003; 62:1162-1167. DOI: 10.1136 / ard. 2002.005272. Disponibili in <http: ard.bmj.com/content/62/12/1162.full.pdf+html="">.</http:> Accesso in 13/08/2012.

FREITAS, E.V.; PY, l. trattato di geriatria e Gerontologia. 3 ° edizione. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2011.

GARCIA, W.F.; GIORNI, J.M.D.; CISNEROS, impatto di L. L. di un programma strutturato di fisioterapia acquatica negli anziani con osteoartrite del ginocchio. 2007. Tesi di laurea (master in fisioterapia)-Università federale di Minas Gerais, Belo Horizonte, 2007.

HINMAN, R.S.; HEYWOOD, N. E.; ANTHONY, R.  Giorno osteoartrite: Risultati di un singolo-cieco randomizzato acquatico terapia fisica per anca e ginocchio prova controllata doi: 10.2522 / ptj. 20060006 originariamente pubblicato online 1° gennaio 2006. -FISICO-TERAPIA. 2007; 87:32-4. Disponibile presso http://physther.org/content/87/1/32.full.pdf+html. Accesso in 14/08/2012.

IDE, M.R.; YNOUE, A.T.; FARIAS, N.C.F.; TERRA, DC; ROSA, A.R. fisioterapia acquatica nei disturbi del sistema locomotore. Procedimento di estensione 2 ° Conferenza dell'università brasiliana Belo Horizonte – 12 al 15 settembre 2004.

IZOLA, L.N.T.; BIASOLIO, M.C. generale aspetti della riabilitazione fisica in pazienti con osteoartrite. RBMBrazilian Journal of Medicine, vol. 60 n. 3 marzo 2003.

KELLGREN, J.H. Osteoarthrisis nei pazienti e nelle popolazioni. BR Med Journal, 1979; 2:1-6.

KISNER, C.; COLBY, L.A. esercizio terapeutico fondamenti e tecniche. 4 ° edizione. São Paulo: Manole, 2005.

KOURY, J. fisioterapia programma acquatica. São Paulo: Manole, 2000.

MERKLEE, C.J. manuale della patofisiologia. 2a edizione. São Paulo: Rooca, 2007.

MITCHELL, R. N, KUMAR, V; ABBAS, A. K.; FAUSTO, n. Fondamenti di base patologica della patologia delle malattie. Oxford: Elsevier, 2006.

NATALIO, M.A.; OLIVEIRA, RBC; MACHADO, L.V.H. osteoartrite: una rassegna di letteratura. Digital Magazine, Buenos Aires, año 15-n. 146 – luglio 2010.

PARADISO, c. serie di patofisiologia di studi in scienze infermieristiche. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 1998.

Esame clinico di PORT, DC per la pratica medica. 6 ° edizione. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2008.

REBELATTO, J.R.; MORELLI, J.G.S. geriatrica. 2a edizione. São Paulo: Manole, 2007.

REILLY, K.A.; UCCELLO, idroterapia H.A. profilattico. Brasiliano società reumatologia. 2001; 40: 4-6. Disponibile in < http://www.scielo.br/scielo.php?pid="S1809-2950200800020" 0005&script="sci_arttext"> </>. Accesso in 10/08/2012.

RICCI, R.; CHEN, l'esercizio fisico i. come trattamento sull'osteoartrite dell'anca: una revisione di studi clinici randomizzati controllati, 2006. Disponibili in <http: www.scielo.br/pdf/rbr/v46n4/31823.pdf="">.</http:> Accesso in 02/02/2012.

RUOTI, R.G.; MORRIS, D.M.; COLE, A.J. riabilitazione acquatica. 1a edizione. São Paulo: Manole, 2000.

SACCHELLI, T.; ACCACIO, L.M.P.; RADI, A.L.M. manuale di fisioterapia acquatica. 1a edizione. São Paulo: Manole, 2007.

SACHETTI, A.; VIDMAR, M.F.; VENANCIO, G.; TANI, D.K.; SORDI, S.; PILLA, S.; SILVEIRA, M.M.; WIBELINGER, L.M. profilo epidemiologico delle persone anziane con l'osteoartrite. Giornale delle scienze mediche e biologiche, vol. 9, n. 3, 2010.

SILBERNAGL, S.; LANG, f. patofisiologia testo e Atlante. 1a edizione. Porto Alegre: New Haven, 2006.

SILVA, A.; SERRÃO, P.R.M.S.; DRIUSSO, P.; MATTIELLO, S.M. effetti di esercizio terapeutico sull'equilibrio delle donne con il ginocchio l'osteoartrite: una rassegna sistematica. Giornale brasiliano di terapia fisic[online]a. davanti a stampa, pp. 0-0.  EPUB 22 dicembre 2011. ISSN 1413-3555. Disponibile in<http://dx.doi.org/10.1590/S1413-35552011005000035.></http://dx.doi.org/10.1590/S1413-35552011005000035.> 2011 &gt;. Accesso in 02/08/2012.

TAMEGUSH, A.; TRELHA, C.; DELLAROZA, M.; CABRERA, M.; RIBEIRO, t. capacità funzionale degli anziani con artrosi delle ginocchia e fianchi. Spazio per la salute rivista, Londra, v. 9, n. 2, p. 08-16, giugno 2008.

VASCONCELOS, K.S.S.; GIORNI, J.M.D.; GIORNI, r.c.r. rapporto tra l'intensità di dolore e capacità funzionale nei soggetti obesi con osteoartrite del ginocchio. Giornale brasiliano di terapia fisica, Belo Horizonte, v. 10, n. 2, p. 213-218, 2006.

[1] Laurea Magistrale in cinetica umana, specialista in Ortopedia e Traumatologia, docente presso la facoltà di Amazon Metropolitan: E-mail: [email protected]m;

[2] Terapia fisica accademica di ESAMAZ-national College superiore del Rio delle Amazzoni. E-mail: [email protected];

[3] Fisioterapia di accademico ESAMAZ-national College superiore del Rio delle Amazzoni. E-mail: [email protected]

[4] Studen di PARWIZ-Metropolitan College di Amazon. E-mail: [email protected];

[5] Studen di PARWIZ-Metropolitan College di Amazon. E-mail: [email protected];

[6] Biologo. Medico di medicina tropicale/malattie, docente e ricercatore per UFPa, ricercatore del programma laureato del Center for Tropical Medicine UFPA: e-mail: eu[email protected] (autore corrispondente).

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here