Psicopatologia in Carl g. Jung: contributi di psicopatologia simbolico

0
624
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

SANTOS, Alan Ferreira dos [1]

SANTOS, Alan Ferreira dos – Psicopatologia a Carl. G. Jung: contributi di psicopatologia. Multidisciplinare nucleo scientifico conoscenza rivista, anno 1, vol. 7, p. 77-90. Agosto 2016. ISSN:2448-0959

RIEPILOGO

4 psicologia analitica, fondata da Carl g. Jung (1875-1961) è una grande conquista scientifica, entrambi presso i monumentale scoperte sulla sfera dell'inconscio, come pure le sue opinioni sul patologico, tuttavia, il lavoro che noi abbiamo stato lasciato in eredità era inconcludente, con alcuni miglioramenti da parte di studenti di Jung, qui in Brasile il più grande esponente della psicologia analitica , apportato alcune correzioni sui concetti teorici e metodologici, inoltre, Carlos Byington (1933-presente) oggi con 83 anni, prodotta dalle concezioni Junguianas, una psicopatologia simbolico, che aggiunge nuove scoperte, che consentono una migliore articolazione dei concetti analitici, e di conseguenza, aiuta la comunità scientifica a pensare una diagnosi migliore. Metodo: Questo studio è stato prodotto da materiale bibliografico, dopo aver fatto un'analisi qualitativa dei dati raccolti. Obiettivi: definire e analizzare le riformulazioni di psicopatologia. Comprendere i principali contributi e le continuità prodotte al pensiero di Carl g. Jung. Conclusione: si può concludere che le riformulazioni fatta da psicopatologia simbolico se hanno dato nel senso di una decostruzione del patologizzante della psiche, queste condizioni, che il corso della storia sono stati impostati come essendo inerente nella costituzione umana. Le spoglie di conclusione, può essere detto che la psicologia analitica ha il suo nucleo in, un peculiare aspetto sulla condizione umana, lasciando una struttura verticale e in calo nel corso del tempo, stare in una linea orizzontale, che mira a una dinamica Guarda circa il biopsychosocial soggetto.

Parole chiave: psicopatologia in Carl G Jung. Psicologia analitica e psicopatologia. Psicopatologia.

INTRODUZIONE

Quando si lavora con il patologico nella dimensione della psiche, Carl g. Jung (1875-1961) si trova, la psicopatologia come essendo una variante del normale sviluppo dell'archetipo, secondo malattie psichiatriche sono disturbi dei processi normali e mai un'entità di per sé con un autonomo psicologia (JUNG, 1935). Tuttavia, c'erano alcune deformazioni nel corso della storia, che sarebbe normale o patologico. Ci sono diversi autori hanno proposto dibattiti, uno di loro dice, che la malattia sarebbe quello che disturba il normale esercizio della vita quotidiana per le occupazioni del soggetto, facendolo soffrire (CANGUILHEM, 1978).  Altri dicono, che la diagnosi è sempre un po ' più connotazioni, che variano da società a società (HORNEY, 1966).

Lo scopo di questo articolo, sta lavorando il pathos in termini di psicologia analitica, se utilizza le riformulazioni che sono state fatte dal più grande esponente dell'approccio in Brasile Carlos Byington, secondo la ricercatrice, ci sono state alcune deformazioni storico patologizaram la dimensione psichica normale (BYINGTON, 2006).

In questo senso, ci sarà un percorso tramite il lavoro dell'autore, con l'obiettivo di circoscrivere le caratteristiche di psicopatologia simbolico, con l'obiettivo di estrarre le scoperte nella zona e le novità teoriche concettuale.

Senza la minima ombra di dubbio, Byington ci ha fornito importanti contributi nel campo della psicologia analitica, con il suo rigore metodologico ha aperto una vasta area del sapere, Deconstructing revisionando concetti e incongruenze storiche lasciandoli aggiornato.

IL CORSO DELLA STORIA.

Nel corso della storia ci sono stati parecchi deformazione con rispetto, sarebbe stato normale o patologico, però questo può essere evidenziato, come una sorta di archetipo, che si sono verificati storicamente, secondo Byington "quattro storici deformazioni dimensione psichica indebitamente patologizaram normale" (BYINGTON, 2006, p. 5).

Secondo l'autore "il primo, mitico, ha origine nella Genesi. L'espansione della coscienza di Adamo ed Eva è considerato così male che giustifica la loro cacciata dal paradiso "(BYINGTON, 2006, p. 5).

Nel corso degli anni e l'avvento della rivoluzione francese (1789) in linea con l'epoca dell'Illuminismo, se si installa una nuova concezione del mondo, che vietano la religione stessa e qualsiasi tipo di "misticismo", fino ad allora, noi stavamo riscattare il peccato originale, ora vietare la sfera sacra:

Per picchiarla ed espellere l'Inquisizione, alla fine del XVIII secolo, scienza dedicata all'obiettività e bandito il soggettivo e religione. Si stabilì la dissociazione soggettivo-oggettivo nella cultura occidentale, origine del materialismo ottocentesco. La soggettiva ha preso con lui i ruoli di sensazione (etica), di intuizione, introversione e rapporto emotivo con l'universo, pejoratively associato di superstizione, fanatismo, fanatismo, ciarlataneria e l'errore di metodo scientifico (ibid., p. 6).

Allora ritrovare il soggettivo, per mezzo di medicina "la scoperta dell'ordinario attraverso la malattia fino ad oggi lo rende difficile da realizzare la transizione da normale a patologia (ibid., p. 6). Questo modo Pinel e magnetismo animale di Mesmer salvataggi soggettività, questo a sua volta avviato lo studio di standard soggettivo, che si è sviluppato più successivamente con l'ipnosi nel trattamento di una crisi isterica, e:

Questo porta Liebault e Bernheim era quello di ottenere in normale e patologica inconscia dimensione soggettiva, chiudendo di nuovo per l'inconscio soggettivo normale, quando Charcot ignorato il loro lavoro e dichiarato presso l'Accademia delle scienze di Parigi che solo i pazienti isterici erano ipnotizzabili (ibid., p. 6).

E infine, l'ultimo si verifica quando "Freud descritto la formazione dell'Ego attraverso l'Id e ridotto le relazioni primarie per il complesso di Edipo, inconscio all'inconscio represso e il bambino e il perverso-polimorfo" (ibid., p. 7).

Fino a qui decorremos su patologizzante normale nel corso della storia, avendo il suo picco a Freud, come la deformazione archetipica storica Ultima. Passiamo ora, patologizzante normale dalla psicoanalisi, come questo fatto una rivoluzione nella percezione umana e il modo in che cui percepiamo, ma inoltre ha prodotto conseguenze negative per lo sviluppo del proprio sapere se influenzato positivamente, l'assertivo antipode è anche corretto, vediamo:

Le grandi scoperte di Freud di formazione di identità fin dall'infanzia, sessualità infantile, represso inconscio, complesso di Edipo, Ego meccanismi di difesa, coazione, complesso di castrazione, forza e trasferimento difensivo sarebbe stato un balzo in avanti per descrivere la psiche normale e proteggerlo da deformazione patologica. Tuttavia, per credere che la patologia scoperta era normale caratteristiche dei bambini, avrebbero bisogno di repressione per sublimare e compatibile con la convivialità sociale, psicoanalisi divennero fonte esuberante di deformazione psicologica di patologizzante. Per denunciare la repressione sessuale vittoriana puritana e "scoprire" il "perverso-patologizou, polimorfo della psiche, giustificato la loro repressione e negata ogni possibilità di sviluppo libero e creativo per realizzare il potenziale genetico. L'essere umano era considerato istintuale e "scientificamente" omicida e perverso e richiesto l'accusa di civilizzare (ibid., p. 7).

Come facciamo a sapere Carl g. Jung rompe con Freud a causa di qualche dissenso concettuale, per non accettare alcune forme di riduzionismo, con questo inizia un movimento di liberazione psicologica che si verifica quando la scoperta dell'inconscio collettivo e il processo di individuazione. Il solo fallo commesso da Jung, non è stato progettato per formazione archetipica dell'Ego, che è stato scoperto, ma patologizada da Freud. Più tardi il pós-junguianos sarà descrivere la formazione e l'evoluzione dell'Ego archetipica, tuttavia, non riescono a descrivere come e quando il processo di sviluppo diventa patologico (BYINGTON, 2006).

Simbolico della psicologia junghiana Byington, sta sviluppando una formulazione teorica, che mira a dare continuità al lavoro di Jung ed Erich Neumann (1905-1960), ma facendo una delimitazione di quello che sarebbe il normale e il patologico, decostruendo le incongruenze storiche e costruire nuovi ponti a pensare il pathos, all'interno di una prospettiva della psicologia analitica, quello che lui chiamava simbolica archetipica.

Per questo, ha dovuto creare alcuni concetti, uno dei quali è il simbolo, che quando formulata da Jung, ha consistito di unificazione di conscio e inconscio, a Byington il simbolo diventa:

Compreso le rappresentazioni soggettive ed oggettive e il collettivo e personale. Pertanto, i simboli devono includere, insieme al numero di immagine, anche la parola, suono, idea, emozione, comportamento, natura, corpo e società. Credo che assimilazione fatta da Jung della libido con energia psichica può essere davvero implementate solo quando diamo per scontato che tutto in simbolo di Psiche, cui significati girare a parte con il tutto (ibid., p. 10).

Lo sé è il totale cosciente e incosciente e psichico il principale archetipo di Jung, è nominato da Byington, come conscio e inconscio psichico a tutti i livelli e l'archetipo centrale diventa il capo degli archetipi, c'è una pausa nel concetto, come era una volta il concetto di sé lo styling, ma per avere una complicazione teorica (in particolare un imbroglio) , questa modifica per una migliore articolazione concettuale (BYINGTON, 2006).

Coscienza o l'Ego, è costituito dalle funzioni, che è qualsiasi forza operativa nella psiche, questo, a sua volta, possiede una forza trainante, elaborazioni, l'archetipo simbolico centrale (archetipi) trasforma il processo di inquadratura simbolico sull'attività psichica principale, formando la coscienza (BYINGTON, 2002).

Tutti i processi di elaborazione simbolica emerge dall'archetipo centrale, il desfilamentos dal tuo cuore, che rende tutti i simboli e strutturante funzioni permanenti espressioni. Le polarità sono integrate attraverso l'archetipo centrale, al fine di raccogliere loro Antipodes: cosciente e incosciente, normale e patologica, individuale e collettiva, maschile e femmina, vita e morte.

Dobbiamo capire che ci sono gli archetipi primari, come la madre padre e (patriarcale) (Matriarchal) (BYINGTON, 2004). Entrambi esistono in uomini e donne, il nome dato, è la patriarcale è relativo l'organizzativa funzioni (logica) mentre il matriarcale, sensualità e desiderio e può essere associata con:

[…] l'emisfero cerebrale destro, sistema limbico e il sistema neuroendocrina-vegetazione, mentre l'archetipo patriarcale, come archetipo dominante dell'organizzazione, di potere e di astrazione, è collegabile al emisfero cerebrale di sinistra e volitivo sistemi-sensorimotoria e associative corticali (BYINGTON, 2006, pag. 13).

Le relazioni tra lo sé e l'altro, si sviluppa da polarità, il primo è chiamato posizione indifferenziato (archetipo), questo simbolo è rappresentato da cerchi, come Ouroboros (drago che si morde la coda), che significa la continuità tra l'inizio e la fine.

Le cause di posizione insulare (matriarcale archetipo) l'Ego si riferisce a altro, che sono mediati dal desiderio, di fertilità e sensualità. Tale rapporto dà binario, l'individuo può produrre proiezioni di positivo, ma anche effetti negativi sullo stesso oggetto. Il movimento psicologico degli aggiornamenti delle isole sulla mia coscienza, è attraverso, la soddisfazione (piacere) o frustrazione (dispiacere), relativi sempre con un solo Polo, positivo o negativo e mai con entrambi.

I movimenti di ternario caratteristiche posizione polarizzata (archetipo patriarcale), perché l'ego mantiene i contatti con il positivo e il negativo, vale a dire, bello e brutto, vita e morte, giusto e sbagliato, la sua caratteristica centrale è la riflessione.

La posizione dialettica (archetipo dell'alterità) contiene un movimento quaternario, la complessità di tale posizione è completa, che coinvolge non solo gli aspetti emotivi (matriarcali) e razionale (patriarcale), ma anche l'imprevedibilità della vita (sincronicità), vale a dire l'individuo diventa in grado di relazionarsi con l'altro, al fine di prendere in considerazione il desiderio di entrambi, considerando gli aspetti di tutti i giorni come un fattore da tenere in considerazione pertanto una relazione simmetrica dei pesi.

La posizione contemplativa è l'archetipo di tutti, dove è l'integrazione tra lo sé e l'altro, diventando unità:

Le cinque posizioni di archetipo relazione Ego-altri descrivono la strutturale evolutivo mandala-l'alchimista leggendario Maria Profetissa, famoso per "bagnomaria", formulato: "uno diventa due, due su tre, tre in quattro e questo ancora una volta su un" (BYINGTON, 2006, pag. 19).

Psicopatologia in Carl g. Jung, è diventato insoddisfacente, perché l'autore hanno prodotto il concetto di ombra ambiguamente, e concomitante lo spazio di normale e patologica. Più tardi vi introdurrà la categoria dell'archetipo all'ombra, fornendo una terza funzione. Per questo motivo, il concetto finito rendendo difficile da applicare, come nell'opera dell'autore, lo stesso è variato significati, dover essere interpretata secondo il contesto.

Supportato nella concettualizzazione freudiana, Byington rimodellerà la categoria di ombra, se utilizza due scoperte: i meccanismi di creazione e di difesa. Il primo sarà una disfunzione nell'elaborazione simbolica, generando il represso inconscio "i cui simboli sono espressi dalle difese" (BYINGTON, 2006, pag. 21).

Le difese in Freud, sono stati utilizzati per esprimere lo sviluppo normale e l'inconscio represso, che a sua volta era dichiaratamente patologico. C'è una separazione tra normale e patologico, la seconda essendo gli ancoraggi e i meccanismi di difesa, in modo che possiamo capire lo sviluppo nei livelli positivi e negativi.

Prima di Jung è stato il "male" come archetipo, Byington, porterà tale fenomeno come provenienti degli ancoraggi e della difesa, che è ombretto

Quando parliamo di etica come una funzione struttura presente in ogni inquadratura simbolico, ci rendiamo conto che l'impostazione che crea le difese e l'ombra è anche un concetto particolarmente adatto per descrivere l'origine del male, perché la ética funzione è impostata, in grado maggiore o minore, con i simboli, funzioni complesse e sistemi strutturali. Così, la coscienza è l'espressione regolare, mentre l'ombra è l'espressione difettosa di inquadratura simbolico, entrambi coordinati dall'archetipo centrale. Quando normale, l'inquadratura simbolico esprimere il modo del bene; Quando sulla difensiva, sulla via del male. In questo modo, possiamo considerare l'origine archetipica, come Jung che bene e il male sono sempre sentito, senza, tuttavia, metterli con strutture primarie, come ha fatto Freud con l'istinto corretta di unità Eros e Tanatos (BYINGTON, 2006, pag. 27).

Qui i termini per l'istituzione di una psicopatologia analitica, con centrale caratteristica la dinamica dei quadri clinici, a seconda della sua natura e gravità, sia funzionali che organici. Ma per questo, è necessario aver definito il concetto di difesa, che vanno dai casi più delicati, anche le più gravi, il concetto di personalità patologica, che è estremamente grave. La difesa psicopatica, potrebbe essere definita come apparecchi di alte e luminosa, è leggero e alto margine tra "" sarebbe una difesa psicopatica, esempi, poteva essere nel primo caso, l'atto di mentire costantemente "sulla seconda"racket", l'ultimo una"personalità psicopatica", in cui la difesa copre parte del sé dominante psicopatico. In questo modo, mostrano lo sviluppo di rotta, normale al patologico e oligoelementi "segni o sintomi" per facilitare la diagnosi e profilassi possibile, sì, compreso lo sviluppo precoce, quindi possiamo attivare i dispositivi necessari per il trattamento che sappiamo in anticipo che cosa porterà a prova di tali segni:

La diagnosi di schizofrenia stabilito da Kraepelin, ad esempio, include l'incurabilità, che contraddice anche i progressi della medicina. Guggenbühl (1980) fa la stessa cosa con psicopatia. Che è un peccato, perché impedisce la percezione dei casi meno gravi, che sono molto più numerose e consentono di studiare il suo sviluppo dal normale, essenziale per la prevenzione ed il trattamento iniziale. Immaginate se la diagnosi di cancro essendo descritta esclusivamente in pazienti con le metastasi, come farebbe male il suo trattamento precoce (BYINGTON, 2006, pag. 28).

In questo momento, lavoreremo alcune forme di difesa poiché sappiamo che il normale e il patologico, può essere posizionato, secondo le risultanze degli ancoraggi e dei meccanismi di resistenza, che non è altro che un'ombra della sua concettualizzazione originale disinnestata fondata da Jung, ma che segregati consente l'articolazione e la posizione delle fasi concettuale di sviluppo di pathos. Abbiamo quattro tipologie fondamentali delle difese che saranno correlate a determinati disordini psichici: difesa nevrotico, difesa, difesa e difesa psicopatica borderline psicotico. Tale un collegio elettorale, concepisce caratteristiche peculiari, essendo generale cornici e avendo sua sotto-classificazioni, che possono essere chiamate tramite i sintomi risultanti, è importante notare, che le Costituzioni di etiopatogenicas perché sono dinamici, derivanti da aspetti biologici, sociali e psicologici, possono essere unione con i sintomi, non come definito, ma che varia da caso a caso, i telai patologici sono la bussola del psicopatólogo modo che può guidare e allo stesso tempo, non tensing o progettazione griglie nell'individuo, perché sappiamo che ogni costituzione è una costituzione e ogni essere umano è un essere umano, avendo caratteristiche uniche e particolari e modalità di trattamento di conseguenza specifico, che può essere verificata dalle reazioni del soggetto.

Cominciamo con una difesa nevrotica. L'ombra qui è espresso in modo inconscio, generalmente gli individui che sono intorno al soggetto una prestazione difensiva che ha colpito aziende sono quelli che realizzano le prime tracce e la sofferenza, anche davanti al soggetto. Il processo di sublimazione si verifica perché le funzioni strutturali, nonché le normali funzioni strutturali stabiliti, che stesso difensiva possibile canale per il lavoro creativo (BYINGTON, 2006).

La difesa psicopatica, ha origine in contesti di abbandono, abusi, eccessivo permissivismo e mancanza di limiti, che si trova principalmente in bambini di strada e giovani provenienti da famiglie benestanti con genitori mancanti o che il bottino di frequentemente. Le dinamiche di una tale difesa, nel senso seguente:

La polarità Ego-fissazioni altro includono forte ombra grado sia funzione volitiva strutturante dell'etica. Quindi, ciò che rende la difesa del nevrotico è intenzione psicopatico. La difesa è caratterizzata da prestazioni psicopatica intenzionale, volontario, l'ombra. A seconda della dimensione simbolica che lei si comporta, trovato le difese delinquenciais mentalmente malato, perverso, disturbi alimentari, tossicodipendenza e altri (BYINGTON, 2006, pag. 30).

Di conseguenza, una tale difesa ha come caratteristica centrale, l'intenzionalità dell'attuazione della legge. Una relazione tra psicoterapeuta e paziente, è possibile notare il senso etico, per mezzo di empatia, tuttavia, dovuto le fissazioni e loro sviluppo esacerbato, aumenti il grado volitivo, causando l'individuo a sé autorizzazione alla pratica della aggressione, trasgressione e perversione. In questo modo, prevenzione è consigliato soprattutto ai cambiamenti ambientali nel rapporto del soggetto e il mondo, dell'individuo e della famiglia.

Il paziente borderline difesa, ha profonde relazioni con lo stato psicotico, non arrivando ad essere. Infatti la difesa borderline è una reazione a questo, cioè il soggetto difende il disturbo psicotico. La creatività che emana da queste persone, spesso di alta qualità, a causa della intensa produzione di meccanismi di difesa che creano, come reazione ad un disturbo secondario.

Trattamento con farmaci antipsicotici riducono l'intensità dei sintomi e può essere uno strumento fondamentale nel trattamento di psicoterapia, permettendo l'inquadratura simbolico.

La difesa ha lo sfogo psicotico caratteristico di Ego-altre polarità dell'ombra, dominando in grado maggiore o minore le funzioni di strutturazione sono normali. Nello stato acuto e cronico, si manifesta come schizofrenia, il trattamento può essere fatto con farmaci psichiatrici, per lo più farmaci anti-ansia, ma è indispensabile ricevimento ed empatia, perché questi forniscono le sovvenzioni necessarie per lo sviluppo della capacità di relazionarsi con gli altri:

Empatia è insostituibile per tentativo simbolico di capire il mondo straordinario individuale costruito dal paziente e arriva a tenerlo minimamente humane medicati per evitare impregnazioni eccessivo della droga. Come dimostrato Dott. NISE da Silveira, l'uso di tecniche espressive come parte della terapia occupazionale ha valore simbolico per continuare l'inquadratura simbolico del processo di individuazione, anche se è all'interno di un parallelo universo (BYINGTON, 2006, pag. 32).

Noi tenere premuto, le caratteristiche individuali e trattamenti specifici di ogni soggetto. Segnaliamo in questo momento il processo terapeutico delle difese. La prima tappa è il confronto dell'individuo con le loro resistenze:

Una difesa è caratterizzata dalla difficoltà del paziente rendersi conto che i loro sintomi, i loro complessi di malattia, a cui lui e il terapeuta si riferiscono, lavorano sulla tua vita psichica, dominando inconsciamente la sua coscienza contro la propria volontà in caso di difese nevrotiche, borderline e psicotiche (BYINGTON, 2006, pag. 33).

Dal momento in cui si verifica il complesso patologico e identificazione delle resistenze, il processo dialettico, tra la coscienza e l'ombra, aventi lo scopo di integrare la funzione ética paralizzato dalla fissazione, cioè, il soggetto deve sviluppare la capacità di assumersi la responsabilità per loro consapevole ed essere consapevoli delle loro dipendenze psicologiche "stabilito alcuni scissione tra le due polarità Ego-altro inizia la seconda fase della preparazione della difesa: il confronto dialettico tra la coscienza e l'ombra e il salvataggio della ética funzione paralizzato da fissaggio (BYINGTON, 2006, pag. 33).

L'ultimo passo, attraverso il processo di integrazione, delle funzioni prima di strutture fisse, come normale, dato che è andato attraverso il processo di inquadratura simbolico. Tuttavia, la regressione può verificarsi, ma se il soggetto è consapevole di tale fenomeno, potrebbe ri-forma del sintomo, avendo una remissione, in meno tempo, siete stati esposti allo stimolo precedente:

Nel corso del tempo, nei momenti di stress, che attivi i simboli che sono stati corretti e regressione difensiva condizionato può verificarsi e la prestazione difensiva dell'ombra. La conoscenza di questo fenomeno, tuttavia, evita l'Onnipotente di cura e si presta al nuovo sviluppo del sintomo, di solito molto più veloce e produttivo rispetto al precedente uno (BYINGTON, 2006, pag. 33).

L'inquadratura simbolico coinvolge regressione in fissazioni, poiché alcuni fotogrammi patologici, psicopatologici celano le difese gravi ma che attivano solo dal momento che si lavora la prima resistenza, con un corollario: telai laterali

Tutte le difese di inquadratura simbolico comporta, in misura maggiore o minore, una regressione. Per ci sono difese meno patologiche, per coprire altre più gravi, un fissaggio all'interno la regressione può innescare un peggioramento del quadro clinico, consentendo insieme complesso che non erano sulla valutazione diagnostica (BYINGTON, 2006, pag. 34).

L'aspetto patologico dell'archetipo della reggenza matriarcale, è strettamente legata alla sfera dell'istinto, delle emozioni, sua è principalmente modalità, al fine di stabilire una connessione con un altro affettivo:

La dominanza matriarcale nella relazione terapeutica ti dà un privato colorato, perché l'intuizione e psichico empatica, che è caratteristica, guess e riproduce drammaticamente la cliniche immagine che è di moda e che garantirà la paziente attenzione, recupero, tossicodipendenze, assistenza permanente e ricezione emotiva, esprimere se stessi in difesa per la seduzione nascondere la mancanza nuclei emotivo, esperienze di abbandono, bassa autostima e sessualità repressa anche (BYINGTON 2006, pag. 38).

In questi casi, ci deve essere un modo in cui il terapeuta dovrebbe affrontare tale paziente, se la Guida di sensazione e intuizione funzioni:

Empatia per la sofferenza umana è la condizione principale per ristabilire un rapporto produttivo (rapport) e catturare il sentimento e pensieri per i sistemi di difesa di questi quadri clinici. Senza questo, la dimensione della ferita matriarcale di incomprensione, rifiuto, bullismo e abbandono continua ad agire socio-sintônica forma, assorbire e neutralizzare in difesa, complementarità, le varie forme di terapia, soprattutto oggi, la terapia psicofarmacologica e terapia cognitivo-comportamentale (BYINGTON, 2006, pag. 41).

Interessante notare che il processo manca di empatia, un "Mettetevi al posto di un altro" diventa encobridor dei sintomi, causando l'individuo a immettere soluzioni inefficaci e spesso, più dannoso, perché, invece di chiarire gli ancoraggi alle intensifica. Nell'archetipo patriarcale, sua principale della difesa di razionalizzazione:

Uno degli estremi della disfunzione organizzazione patriarcale è il disturbo ossessivo compulsivo, in cui il quadro clinico si caratterizza per la strutturazione di un sistema di difese per controllare un'idea fissa. Si tratta di un telaio di Kafka-esque di polizia-come, in cui il pensiero difensivo è incaricati di monitorare l'ombra, compulsivamente senza mai ottenerlo, come ben illustra la situazione di Sisifo, punizione, ossessivo e inutilmente, alla morte di controllo. Questa esacerbazione del controllo di comportamento può verificarsi in indebolimento organico di impegno del ganglia basale del cervello, o essere un risultato della repressione psicodinamico con condizioni difensive intense caratteristiche dell'autoritarismo (Byington, 1996 apud BYINGTON, 2006, pag. 42).

CONSIDERAZIONI FINALI

Con questo, possiamo concludere che la psicopatologia simbolica junghiana concepisce il pathos a differenza di Freud, in cui l'aggressione è sempre distruttivo e di fronte l'Eros, essendo un ramo della pulsione di morte (FREUD, 1920). In questo senso la psicoanalisi capisce la natura umana, avendo una tendenza alla distruzione, e grazia e creatività viene dalla sua repressione e sublimazione (FREUD, 1923). Nella teoria simbolica, affetto o aggressione, come pure la coppia, vita e morte costellata di archetipi, può essere creativo o pesticidi, così il funzionamento per conto di coscienza o dell'ombra (BYINGTON, 1996).

Tali concezioni rielaborate da Byington, del quale Carl g. Jung ci ha lasciato, ci fa pensare che i concetti della psicologia analitica, su un ambito di antirreducionista, riduce il soggetto a istinti primordiali, molto meno ogni bambino come essendo, trasformare o addirittura perverso, avendo di sé un complesso edipico fin dalla nascita. Si è pensato alla patologico da normali processi, provate questo via delimitare normalità dalle osservazioni, trovando successivamente alla legge generale e non le eccezioni, per posizionare il psicopatológico. È anche considerato in questa prospettiva gli aspetti biologici, poiché la struttura del sistema nervoso, da relazioni sociali ed è naturale di relazionarsi dell'essere umano tali edifici hanno impatti biologici, sia nel corso della storia come, nel corretto rapporto tra paziente e terapeuta, in cui la trasformazione dalle elaborazioni simboliche produce una moltitudine di reazioni nel corpo umano. Le influenze ricevute da diverse dimensioni di sé, si riferiscono in modo dinamico con a vicenda, in modo tale, che tutto è immagazzinato nella memoria (ricordi, emozioni, esperienze) giocare nel comportamento, essendo così il sistema nervoso è mai esclusivamente biologico, ma anche simbolico, dal inondato di simboli, significati e rappresentazioni (BYINGTON, 2003).

Alla base di tale ragionamento si basa totalmente su archetipi, funzioni strutturali, nelle posizioni di Ego-archetipo altri e la sua condizione attiva o passiva, ma anche gli atteggiamenti di introversione ed estroversione, funzioni della coscienza e dimensioni simboliche, quindi avremo un diagramma per esempi di strutturazione della psiche e come tale, può meglio guidarci analisi paziente, diagnosi e prognosi , segue il diagramma:

Struttura e dinamica di auto
Fonte: BYINGTON, b. c. (2006).

Infine, concludiamo che i contributi da Carlos Byington (1933-presente) oggi con 83 anni e alcuni dei fondatori della società brasiliana della psicologia analitica, grande studioso delle opere di Carl g. Jung, in lega da quest'ultimo, riformulazioni sono necessari, soprattutto quando riguardante la sua ricerca su aspetti storici di patologizzante, che ci fa avere un panorama inestimabile , il corso della storia di come gli archetipi Regents, interagire con i soggetti, produrre e riprodurre rappresentazioni sociali e modi di vivere il mondo, è inconcepibile per l'analista, non avendo almeno tale visione, che offre non solo uno sguardo socio-storiche di macro, nonché comprendere il normale e il patologico.

RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO.

BYINGTON, C. A. B. Il concetto di simbolico per studiare neurologia droga-aggiunta. Prefazione al libro di Nassif, Suely e Rosa, Jose Tolentino. Psiconeurologia sulla dipendenza chimica: alcol e droghe, 2003.

BYINGTON, C. A. B. L'amore della Fondazione scopo della pedagogia simbolica junghiana e costruzione della conoscenza. W11 Ed, 2004.

BYINGTON, c. a. b. invidia Creative-il salvataggio di un potere trasformante della civiltà. W11 Ed, 2002.

BYINGTON, c. a. b. l'archetipo della vita e della morte. Giornale della società brasiliana della psicologia analitica, São Paulo, 1996, n. 14, pp. 92-115.

BYINGTON, C. a. B. simbolico junghiano psicopatologia. Montevideo, Latin American Medical, 2006.

CANGUILHEM, g. il normale e il patologico. Rio de janeiro, Ed. Forensics

Universitaria, 1978.

FREUD, s. di là del principio del piacere. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1920/1996).

FREUD, s. l'Ego e l'ID. Edizione standard brasiliano dei completi psicologico opere di Sigmund Freud, Rio de Janeiro: Imago, (1923/1996).

HORNEY, K. La personalità nevrotica del nostro tempo. Rio de Janeiro, brasiliano civiltà, 1966.

JUNG, C. G. Le lezioni di Tavistock. Princeton: Princeton University Press, 1935.

[1] Laurea in psicologia presso l'Università di São Paulo. Email-Autor@nucleodoconhecimento.com.br

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here