Informatizzazione del processo giudiziario davanti alcuni principi costituzionali: burocrazia o disumanizzazione?

0
680
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI [ SOLICITAR AGORA! ]
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

SANTOS, Martha Aghajani [1]

PITTMAN, Michele Cristina Barbosa Teixeira [2]

SANTOS, Martha Aghajani; PITTMAN, Michele Cristina Barbosa Teixeira. Processo di informatizzazione del giudiziaria davanti alcuni principi costituzionali. Conoscenza base scientifica multidisciplinare Magazine-Vol. 1. Anno. 1. Marzo. 2016, pp: 120-131-ISSN: 0959-2448

Premessa: questo articolo si propone di studiare l'impatto causato dall'informatizzazione del processo giudiziario avanti le diverse realtà in cui operiamo, fare una rapida analisi sulla legge 11.419/06, che propone molti cambiamenti nella giustizia sistema, riducendo costi, tempo e lavoro e come che interesserà l'accesso alla giustizia, come pure l'attuazione del principio di uguaglianza e rispetto per la dignità della persona umana , quali sono alcuni dei principi fondamentali sanciti dalla Costituzione. Diamo un'occhiata in avanti a questi principi, se la magistratura con questo processo di informatizzazione dovrà lavorare per la burocrazia o la disumanizzazione sulla vostra macchina.

Parole chiave: Informatizzazione; Accesso alla giustizia; Economia processuale; Dignità della persona umana; Burocrazia o disumanizzazione.

Premessa: Questo articolo mira a studiare l'impatto dell'informatizzazione della magistratura le diverse realtà in cui operiamo, la revisione veloce circa la legge 11.419/06, che propone molti cambiamenti nel sistema giudiziario, riducendo le azioni, tempi, costi e manodopera di lavoro e di come questo influenzerà l'accesso alla giustizia e l'attuazione del principio della dignità umana , che è uno dei principi fondamentali tutelati dalla Costituzione federale. Guardiamo avanti a questi principi, la magistratura con questo processo di informatizzazione sarà al lavoro per ridurre la burocrazia o la disumanizzazione nella loro macchina amministrativa.

Parole chiave: Informatizzazione; Accesso alla giustizia; Economia processuale; Dignità della persona umana; Realizzassero o disumanizzazione.

INTRODUZIONE

Questo articolo mira a sollevare alcune domande importanti che non sono state analizzate modificando la legge 11.419/06 che tratta di informatizzare il processo.  Occupato molto di economia processuale, riducendo o abolendo anche alcuni atti minori di processo procedurale, per ottenere un processo più veloce, senza preoccuparsi delle conseguenze di questi cambiamenti.

In un primo momento si effettuerà una breve dichiarazione circa gli aspetti positivi che la legge 11.419/06, porta al sistema giudiziario. Punti che sarebbero molto positivi in un'altra realtà, che è non quello che abbiamo trovato al momento in cui stiamo vivendo.

Questo sarà un altro momento da analizzare, che è la realtà brasiliana, dove Internet non è comune a tutti e il potere giudiziario è annegato metà come molti processi, un sistema precario e con poche risorse.  Let's guardare a questo punto, accesso alla giustizia e all'attuazione del principio di uguaglianza e rispetto per la dignità della persona umana, che è nel caso di informatizzazione dei procedimenti giudiziari legati strettamente con accesso a Internet, che dovrebbe essere un diritto per tutti.

In un altro momento sarà discusso se siamo di fronte ad una burocrazia o disumanizzazione della magistratura, poiché con la riduzione di determinati atti il processo diventa più veloce, sempre più processi ai nostri giudici prendere decisioni, che spesso non possono essere decisioni umanizzate. Aumento ancora, la questione dell'inclusione digitale.

A questo punto, stiamo andando a sollevare questioni circa tali decisioni, se essi diventano disumanizzati e decisioni superficiali, il risultato di una prova, perché rendendo la macchina con molti processi più da determinarsi, i giudici non avrà tempo da dedicare al processo, che può umanamente le decisioni non sono come fiera come ci si aspetta.

E alla fine sarà presentata per il completamento di questo lavoro, alzando le questioni positive e negative che sistema di informatizzazione, soprattutto di fronte a realtà brasiliana, in questione sociale e giuridico in cui viviamo e ancora analizzando l'efficacia nel rispetto di alcuni principi.  Concluderemo ancora, se tale diritto è buono o no, o non le condizioni da applicare in modo efficace, se la risposta è negativa, quale sarebbe il modo per ottenere tale efficacia o almeno per tentare di arrivare ad essa.

LEGGE di 11.419/2006 – informatizzazione del processo giudiziario

11.419 legge/06 arriva nel nostro sistema giuridico per assistere la magistratura nella burocrazia del processo, creando modi per lasciare il processo procedurale più rapide, privo di molte azioni burocratiche che rendono il processo lungo e costoso. Per Charles Henry Abraham (2009), la legge di 11.419/06 crea una nuova mentalità nel processo e sfida i giuristi alla modernità, essendo un modello costruttivo e inseparabile della tecnologia visse in realtà. E ancora, dicendo: la vera rivoluzione applicata al mondo legale ha sua nascita attraverso atto di 11.419/06, cui scopo è quello di materializzare l'intento di disciplinare il processo telematico (ABRAHAM, 2009:19).

Come questa comprensione che dobbiamo la legge/06 11.419, prende gli operatori di destro sulla via della modernità, che è la realtà del mondo globalizzato in cui viviamo, lasciando l'intero processo computerizzato per ridurre tempi e costi. Il fulcro dell'informatizzazione del processo giudiziario è nella ricerca per semplificare e anche abolire agisce con minore lascia la lentezza dei processi, così lo spostamento verso un processo più veloce, con meno costi e una maggiore qualità nella decisione.

Volti all'attuazione del principio di economia processuale, poiché con l'informatizzazione vari atti saranno abolite e i deputati più tempo a disposizione per coinvolgere gli atti più importanti e che richiedono maggiore attenzione. Questo disegno di legge si presenta con una buona proposta, rimane essere visto se lei si adatterà la realtà in cui viviamo oggi, perché gli ostacoli da superare sono molti, come vedremo nella scrittura di questo articolo.

PRINCIPIO DI ECONOMIA PROCESSUALE

Come Ada Grinover Pellegrini comprensione (2009:79), il cosiddetto principio di economia processuale chiama per ottenere i massimi risultati nell'adempimento del dovere con possibili attività procedurali minimo lavoro.  Con l'informatizzazione della magistratura, atti come le richieste di protocollo sono non esiste, così come i processi che devono guadagnare mantelle e clip, quelli sarebbero alcuni degli atti che sarebbero essere aboliti dal processo procedurale, conseguente a una riduzione significativa del tempo al servizio dei deputati e trascorso sulla macchina amministrativa.

Questa riduzione del tempo e le spese, è di fondamentale importanza per la magistratura, poiché lo stesso, non ha come spazio fisico per memorizzare i processi o le risorse per mantenere questo sistema, avvolto in carta, graffette, punti metallici, ecc.

La diminuzione di determinati atti, avrebbe preso il processo per diventare più veloce e portare alla effettuazione del principio di economia processuale. Ci sarebbe una devoluzione di atti nei segretariati, lasciando i deputati impegnati in atti di particolare rilevanza.  Le aste sarebbero spazio più fisico, poiché non avrebbero pile e pile di casi in attesa di qualche movimento. L'assunzione anche potrebbe essere contenuta, come ci sarebbe stata una diminuzione nel lavoro. I guadagni sarebbero molti, con costi inferiori e meno dipendenti, lo stato sarebbe spendere troppo per mantenere l'apparato giudiziario. E i giudici avrebbe ancora più tempo da dedicare al processo. Questa legge mira a semplificare taluni atti, ridurre i costi del processo fisico, nonché portare a una procedura rapida, in quanto con meno burocratici atti il processo tende a muoversi più velocemente.

Atti come perseguire casi, numero fogli per fogli, stamp, aggiungere documenti, tra gli altri che rendono il processo esterno di una tabella a altra, così che i movimenti siano soddisfatte lentamente, poiché il sistema giudiziario manca manodopera, essere dimenticato.

Così, con l'avvento del processo elettronico, teoricamente molti ritardi e problemi potrebbero essere evitati facendo il processo di rispettare il loro ruolo, dando efficacia ai principi elencati nella costituzione, soprattutto articolo 5°, LXXX, che dà garanzia di singola il diritto di ragionevole durata del processo.

INFORMATIZZAZIONE DEL PROCESSO GIUDIZIARIO E ALLA REALTÀ BRASILIANA

In teoria la legge 11.419/06, che arriva al nostro sistema giuridico per informatizzare il processo giudiziario avrebbe funzionato bene, portando la velocità al processo, riducendo tempi, costi e manodopera. Basta modificare questa legge che molti punti non sono stati analizzati, quello più importante sarebbe la realtà in cui operiamo. È una realtà nel nostro paese, che molte città e cittadini ancora non hanno accesso a Internet, che sarebbe stato un ostacolo all'accesso alla giustizia attraverso il processo giudiziario, dal momento che Internet è il punto cruciale di questo processo e non può essere trascurato.

Si parla che l'infrastruttura di Internet è carente nel nostro paese, causando una difficoltà di accessibilità. Altri problemi per essere generato sarebbe che non tutti sanno Internet accedere o anche toccare un computer, abbiamo oggi molti giuristi che non conoscono, che sono di fuori della realtà dell'informatizzazione e del mondo globalizzato.

Nel gennaio 2013 le valutazioni pubblicate statistiche sul numero di utenti Internet in Brasile, dicendo che sarebbe stato un totale di 105 milioni di brasiliani. Anche se un numero elevato di utenti, ci sono ancora molti brasiliani fuori dalla realtà, dal momento che, secondo i dati dell'IBGE pubblicato anche nel gennaio 2013, Brasile avrebbe una popolazione che a quel tempo ruotava intorno 201 milioni persone.

Sulla base di questi dati possiamo vedere che abbiamo ancora una lunga strada da percorrere, fino a quando Internet diventa una realtà comune a tutti. Così, abbiamo incontrato un altro ostacolo all'accesso alla giustizia si avvera, attraverso il processo giudiziario.  Sappiamo che ogni cambiamento richiede un periodo di adattamento, in questo caso forse anche un paradigma, poiché ci sono persone che rifiutano di modernità.

Altri rilevanti punti sarebbe che, con informatizzazione della magistratura che già manca di molte caratteristiche, avrebbe dovuto spendere di più per soddisfare questa informatizzazione e distribuire sistemi e formare i loro dipendenti, che costa soldi e tempo. Queste questioni sollevate qui, sono solo alcuni dei tanti che possono e stanno già emergendo con l'informatizzazione del processo che è già una realtà in vari forum, come si tratta di un sistema è incline al fallimento.

Così, come può l'implementazione dell'accesso alla giustizia dinanzi ai tanti problemi?

Forse con le politiche pubbliche più orientate al cittadino, per rendere media pubblici di internet, per cui ognuno ha accesso.  Investire di più nelle informazioni, a dare ogni opportunità di incontrare e capire il sistema di internet, così come il processo giudiziario elettronico, attraverso corsi, o libretti.

PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA-RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA UMANA

Principio di uguaglianza è sancito dall'articolo 5, della Costituzione, che si occupa di diritti fondamentali e garanzie. Questo principio è considerato inalienabile e imprescrittibile, che ogni essere umano ha il diritto.  Il suo scopo è che tutte le persone hanno pari diritti, senza distinzione alcuna.   È una relazione tra stato e popolo, dove lo stato deve fornire tutti i diritti e le pari opportunità.

Così, l'analisi di questo principio a fronte di informatizzazione del sistema giudiziario è della massima importanza, perché può essere compromessa, poiché, come visto sopra, l'accesso alla giustizia attraverso il processo telematico, passa attraverso alcune difficoltà. Come garantire a tutte le persone uguali diritti, quando viviamo in un paese dove le disuguaglianze sociali sono visibili, soprattutto in questo momento che stiamo vivendo ora, al centro di una crisi economica, dove le persone sono anche in grado di pagare le bollette delle famiglie, quali acqua, luce, che sono spese essenziali per fornire la sua esistenza.

Che cosa diremo dunque, se queste persone devono pagare per internet, principale punto di accesso al processo giudiziario.

Tuttavia, questa crisi non riguarda solo gli individui, o potremmo dire, non collegato direttamente con la legge, gli avvocati, con i loro uffici, dove alcuni, può a malapena a stare davanti a questa crisi, che colpisce sia il paese come la magistratura.

Le persone che sono collegate direttamente a destra, sarà necessario investire in corsi per imparare a gestire il sistema elettronico, vale a dire le spese verranno create.  Forse questo problema non riguarda sia gli operatori di destro che lavorano in grandi poli, sei già abituato a costi elevati e maggiori spese e hanno maggiori incentivi per informazioni perché sanno che il differenziale in questi luoghi, è sempre in fase di aggiornamento.

La difficoltà potrebbe essere in città più grandi all'interno, che finora, molti non hanno ancora adottato la causa in tribunale elettronico, dove c'è una mancanza di informazioni e anche una maggiore resistenza a questo tipo di aggiornamento da parte di avvocati, per non parlare della mancanza di risorse del sistema giudiziario, per finanziare la formazione dei loro sostituti.

Pertanto, al fine di garantire a tutte le persone uguaglianza nello stato democratico di diritto, con tutte le questioni sollevate di sopra, richiedono che ognuno ha accesso al caso giudiziario elettronico attraverso internet, può diventare un ostacolo, ostacolando l'attuazione del principio di uguaglianza.

Ma, per assicurarsi che non accada, abbiamo bisogno di politiche pubbliche efficaci affinché ci sia un'inclusione sociale e digitale, rendendo facile l'accesso al processo giudiziario, per tutte le persone e non solo a coloro che hanno maggiore potere d'acquisto.

In questo modo, il principio della parità verrà effettivamente applicato e rispettato la dignità della persona umana.

Insegna José Ricardo Engel (2003): "dovrebbe essere notato che la condizione umana è il riferimento di base per l'intero assiologia legale, ecco, l'essere umano è il protagonista della vita del diritto. In questo modo, la centrale e strutturazione di principio di tutti gli ordinamenti giuridici contemporanei."

Essendo la condizione umana il bene più grande della vita, dobbiamo quindi rispettare e creare i mezzi per effetto l'attuazione del principio della dignità della persona umana. Per Immanuel Kant (2004:65):

Il Regno delle estremità, tutto ciò che ha o un prezzo o una dignità. Quando una cosa ha un prezzo, può essere sostituito da qualcosa di equivalente; d'altra parte, la cosa che pensi a qualsiasi prezzo e così non ammette alcuna equivalenza, una dignità.

BUROCRAZIA O DISUMANIZZAZIONE DELLA MAGISTRATURA

L'informatizzazione del processo giudiziario di legge/06 primo 11.419 avrebbe portato solo buoni risultati alla magistratura, molti sarebbero gli aspetti positivi, alcuni già dichiarati all'inizio di questo articolo. Questa burocrazia della magistratura, è un obiettivo molto tempo fa ha cercato di rendere più agile la magistratura nella pratica delle loro azioni di avere un processo più veloce, dove la ricerca di giustizia è davvero giusto, avendo come punto di partenza la durata ragionevole del processo. Perché sappiamo che la giustizia ritardata non è giustizia.

Uno di questi modi è rappresentato dal principio dell'accesso alla giustizia a cui hanno diritto tutte le persone e che è già stato affrontato sopra. La domanda quindi è: come avere un ampio accesso alla giustizia e rispetto per la dignità della persona umana attraverso un processo completamente elettronico?

Noi non siamo di fronte una disumanizzazione della magistratura? Come la possibilità di rispondere alle domande di cui sopra, che senza l'ampio accesso a Internet per tutti i brasiliani, accesso alla giustizia e rispetto della dignità umana sarebbe alterata.

Il pregiudizio sarebbe, soprattutto nelle azioni postulate senza la presenza di avvocati, come corpus di habeas, habeas dati, labor reclami e azioni legali nei tribunali speciali. Poiché in questi casi molto interessato può venire con l'azione.  Se questo interesse non dispone di Internet accedere o non so come accedervi, come egli può affermare il suo diritto ad avere un ampio accesso alla giustizia.

Sappiamo che la maggior parte delle persone che cercano il potere giudiziario, sono le parti più deboli del deal, specialmente quelli che cercano la soluzione della controversia senza la presenza di un avvocato, per non avere le risorse per l'assunzione di un trader.

Può essere chiesto a questo punto la presenza dell'ufficio del difensore pubblico è il corpo creato per difendere queste persone considerate carente, poiché non possono avere accesso alla giustizia da soli, o da un avvocato, utilizzare questo organo.

Inutile la magistratura essere computerizzato, pronto ad accelerare le formalità procedurali, perché i difensori sono sempre pieni, con lunghe code.

Non abbiamo abbastanza difensori per soddisfare la domanda, cioè, giustizia continuerà a essere in ritardo e minato l'accesso alla giustizia, perché le parti stanno per essere dipendente da altre persone o di altri organi, in balia della magistratura lunga.  Alla disumanizzazione della magistratura possiamo evidenziare diversi punti, il primo dei quali è già stato citato sopra, sarebbe stato il fatto che l'esclusione di persone la magistratura per mancanza di inclusione digitale. Un altro punto da evidenziare è che, per informatizzare la magistratura, sarebbe meno burocratici atti, un risparmio di tempo, leader più processi del tavolo dei giudici più rapidamente.

Ora i giudici a giudicare una serie di processi, cioè la quantità di processi nella coda di attesa alla prova è gigante, immaginare come questa coda sarà quando processi salire più rapidamente ai giudici. C'è anche una carenza di manodopera in questo settore, ci vorrebbero più giudici disponibili per accelerare tale richiesta.  Ma il problema principale qui è la seguente: con una quantità eccessiva di processi per essere giudicati in tempi brevi, come sarebbe la qualità su quelli giudicati, come farebbe con decisioni che richiedono maggiore studio in casi specifici, non saremmo così superficiale e disumano anteriore di sentenze.

Vincenzo Vigoriti (2011) dice che non ci sono nessun timeout"tecnico" nel processo "sono quelli necessari per la decisione", cioè il tempo necessario per analizzare il caso per giungere a una decisione plausibile. Mi chiedo se noi non voleva andare alle prove di massa, dove la produzione supera la qualità. Il problema non viene presa in considerazione con l'informatizzazione del processo giudiziario, è che prima i giudici erano già oberati di processi per essere giudicati e decisioni erano già discutibile, non essendo così, una soluzione logica per aumentare questi processi, causando incertezza giuridica.

Ci sono già un sacco in decisioni giudiziarie a seguito di prove, rifusione. Immaginate come sarà con questa informatizzazione, ulteriori processi per giudicare, meno tempo e la qualità della vigilanza.

Ciò che potrebbe accadere è che per ottenere la migliore tecnica da applicare per la magistratura attraverso informatizzazione, che cercano la riduzione di atti, costi e tempi, per ottenere un processo più veloce, le decisioni possono diventare disumanizzate.

I processi non prenderà su di sé gli occhi attenti del giudice, per fare una valutazione accurata delle domande sul record.  Il giudice corre il rischio di trasformare una macchina prove di lavoro per produrre decisioni, per soddisfare le esigenze e le statistiche che saranno associate e non avere giustizia è stata fatta nei casi concreti.

Così, l'informatizzazione del processo giudiziario sarà compromessa se non parti interessate per garantire che il vostro caso essere provato come meglio possibile, cercande affatto volte alla realizzazione della giustizia. Se la burocrazia della magistratura attraverso l'uso di processo elettronico diventerà una disumanizzazione, è qualcosa su cui riflettere su tutte le questioni sollevate nel presente lavoro, e che può essere trovata soltanto con l'uso del sistema, che è quando i problemi potrebbero sorgere qui in discussione, e così vedremo come si comporterà la magistratura davanti a ostacoli.

Quello che sappiamo è che il nostro paese sta attraversando un momento difficile, dove quasi tutti i settori sono in crisi, e il potere giudiziario è già fallita, incapace di pagare il suo ruolo, che è di materializzare la giustizia, attraverso il suo processo.

È nell'interesse di tutta la società che il processo telematico è efficiente nel suo utilizzo e di prendere il potere giudiziario questa lentezza e inefficacia nella fornitura di giustizia, e che tutti raccoglieranno i frutti che questo albero può dare, come è bagnata e correttamente fertilizzato, rendendo l'intera piantagione è ristabilita al suo interno.

CONSIDERAZIONI FINALI

Il presente articolo ha avuto come suo punto focale una rapida analisi di 11.419/06 legge nel nostro sistema giuridico e già operative in vari forum, mostrando alcuni punti positivi, partendo dal presupposto di economia processuale.

L'efficacia dell'economia avviene in quanto sistema di informatizzazione, perché diversi atti non sono più esiste, riduzione dei costi alla magistratura. Inoltre crea più tempo affinché i deputati della giustizia a concentrarsi sui più importanti atti al processo.

Ma questa legge in pratica non è così buona e non tanto buono, ha diversi punti negativi nella sua applicazione, soprattutto omettendo di prendere in considerazione la realtà in cui operiamo, compromettendo l'efficacia del principio di uguaglianza, che è legata all'accesso alla giustizia, che attraverso questo processo elettronico non è efficace, dal momento che non tutte le persone che hanno accesso a internet.

Internet è il punto cruciale di questo sistema e che non è disponibile per tutte le persone, perché non abbiamo politiche pubbliche orientate a quel tipo di accesso, rendendo inefficace il principio della parità di ferire la dignità della persona umana, dove ognuno deve avere parità di trattamento o socialmente e ora anche essere inserito digitalmente.

Stiamo attraversando un momento delicato nel nostro paese, viviamo una crisi economica molto grande, dove la gente non può paga loro account di base, come acqua, elettricità, il viaggio al supermercato è diventato più costoso e disoccupazione ha colpito alle nostre porte.

Tutte questa crisi colpisce direttamente sulla società, rendendo più difficile l'inclusione digitale per persone a basso reddito, anche, sono il maggior parte dei resort al potere giudiziario. Possiamo dare la soluzione di questa ricerca almeno favorito la magistratura, che fanno uso dell'ufficio del difensore pubblico, ad esempio, perché lì hanno una persona con ampio accesso al processo telematico, semplicemente non è così semplice.

Sappiamo che gli organi giudiziari sono traboccanti di processi e non hanno abbastanza professionisti di tale domanda. Alla ricerca di una giustizia libera nel nostro paese, sta chiedendo un sacco di pazienza, soprattutto di essere risposto, dal momento che i difensori hanno code espressive ogni giorno. Tutto quello che impediscono la conformità con l'accesso alla giustizia.

Per i difensori davvero potrebbe servire tutti bisogno richiederebbe un investimento maggiore della magistratura su assunzione di nuovo personale.

Tenendo conto di quanto è stato detto sopra, la magistratura che già sta annegando nei processi e delle decisioni adottate dai loro magistrati, che non possono tenere il passo con la domanda di soluzioni delle controversie, pertanto, non riescono a rispettare i principi costituzionali.

L'informatizzazione del processo giudiziario è plausibile, dal momento che è fatta sulla base della realtà del sistema giudiziario, che è già caotica e piena di problemi da risolvere.

Con questa informatizzazione più pietre sulla strada ci saranno e in realtà stanno già emergendo, ma come tutti gli ostacoli devono essere superati per raggiungere l'obiettivo, speriamo che questo sarà superato.

I punti salienti di legge molto disturbati nella riduzione agisce, tempi, costi e manodopera, per ottenere un processo più veloce, ma non ha esaminato che cosa potrebbe rappresentare davanti, dato che essa non ha ritenuto la realtà dei brasiliani e della magistratura che è già precaria e tale informatizzazione deve adattarsi a una varietà di modi.

È necessario che tutte le persone hanno accesso a questo sistema e che la formazione atto di deputati della giustizia, giuristi, in generale, vale a dire un sistema giudiziario che non è comprensivo di molte risorse, sarà necessario spendere di più, con entrambi i programmi, come con le competenze dei suoi dipendenti.

Sembra quindi che lo scopo della legge è plausibile, soprattutto come l'economia processuale e il processo è più veloce, ma ancora non raggiunge l'obiettivo per il quale si propone, dal momento che viviamo in una realtà diversa, che può essere cambiata, ma a lungo termine e con le politiche pubbliche più forte.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ABRAHAM, Charles Henry. Giurisprudenza elettronica 11.419/06. 2a ed. Rev. corrente. e ampl. São Paulo: Revista tribunali di dos, 2009.

ALMEIDA FILHO, José Carlos de Araújo. Processo telematico e teoria generale del processo elettronico – ordine di informatizzazione in Brasile. Rio de Janeiro: forensics, 2007.

ENGEL, Ricardo Joseph. Jus mansioni nel contratto di lavoro. São Paulo: LTR, 2003.

Ada Pellegrini GRINOVER. Teoria generale del processo. 25 ° edizione. São Paulo: Editora Malheiros, 2009, p. 79.

KANT, Immanuel. Giardino della metafisica dei costumi e altri scritti. Trad. Leopoldo Holzbach. São Paulo: Martin Claret, 2004, p. 65.

VIGORITI, Vincenzo. Note sul costo e sulla durata dei procedimenti civili in Italia. Rivista di processo. São Paulo: RT, 2011.

[1]Studente laureato in legge – risoluzione delle controversie alternative Business Solutions, presso Escola Paulista de Direito – EPD, São Paulo, diploma post-laurea in diritto pubblico presso la facoltà di giurisprudenza Sul de Minas-MSDS, laureato in giurisprudenza presso la facoltà di giurisprudenza di sud del Minas Gerais-MSDS, un avvocato specializzato in diritto civile e del lavoro nella stato di Minas Gerais e São Paulo, e-mail: [email protected]

[2] Studente laureato in legge a soluzioni alternative delle controversie da Escola Paulista de Direito – EPD. Post-laurea in diritto pubblico e diritto privato scuola Prof. Damasio de Jesus. Formazione all'istruzione superiore le Università giuridica Anhanguera Uniderp post-laurea degli insegnanti. Gestione della formazione MBA da Universidade Anhanguera Uniderp. Laureato alla facoltà di legge dell'Itu. E-mail: [email protected]

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here