Contestazione del modello astronomico eliocentrico, delle sue affermazioni, dell’incidenza dei raggi del sole, dell’esperimento di Eratostene e dell’orbita eccentrica di Venere [1]

0
106
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

FERNANDES, Ivete dos Santos [2]

FERNANDES, Ivete dos Santos. Contestazione del modello astronomico eliocentrico, delle sue affermazioni, dell’incidenza dei raggi del sole, dell’esperimento di Eratostene e dell’orbita eccentrica di Venere. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 06, Vol. 03, pp. 97-121. giugno 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/geografia-it/astronomico-eliocentrico

Siamo presentati fin dall’infanzia alla conoscenza del modello eliocentrico, ma intuitivamente possiamo avere un’altra percezione per i fenomeni astronomici su come l’interazione Sole, Luna ed eclissi potrebbe essere spiegata. Lo scopo di questo articolo è quello di portare una riflessione sull’attuale modello astronomico, contrastando alcune lucidazioni della teoria del XVII secolo, al fine di presentare incongruenze attraverso la logica, in cui la sua previsione presenta errori in relazione alla realtà. Per eseguire queste controposizioni, furono effettuati esperimenti utilizzando il modello di Eratostene, osservando la perpendicolarità del Sole e la sua non compatibilità con la teoria che si basa su un Sole enorme e distante. Sono state utilizzate anche osservazioni di modelli e programmi come Stellarium e le sue previsioni, secondo le metodologie utilizzate da Nicolau Copérnico, Tycho Brahe e altri, rivedendo i fatti e proponendo una nuova metodologia per verificare la non eccentricità dell’orbita di Venere e la sua orbita più ellittica dopo Mercurio. Così, con l’esperimento di Eratostene e l’osservazione del programma Stellarium, fu proposta una nuova metodologia per questi esperimenti, con l’obiettivo di riformulare nell’astronomia accettata di oggi, una discussione sui metodi e la loro comprensione per i corpi sferici, riformulando concetti e un possibile nuovo modello astronomico.

Parole chiave: Astronomia, Modello cosmologico, Contestazione di modelli astronomici, Esperimento di Eratostene.

1. INTRODUZIONE

Attraverso l’analisi dell’intero modello astronomico istituito da Nicolaus Copérnico  e consolidato da papa Gregório 13 nel XVII secolo (DOGGETT, 1992), l’analisi degli esperimenti e l’osservanza di concetti contraddittori, questo articolo guida l’interrogatorio che un Sole, emettendo raggi considerati paralleli, con un raggio di 696.000 km, non poteva provocare la penumbra, e in questa condizione, le eclissi lunari si verificherebbero più a lungo e le eclissi solari dovrebbero avere un raggio dello stesso diametro della Luna, per i raggi considerati paralleli.

Eratostene e il suo esperimento, che può e deve essere convalidato anche per dimostrare le dimensioni del Sole, traccia un parallelo tra il suo tempo e il fatto del 24,05º (latitudine di Assuã) che oggi non potrebbe più essere perpendicolare.

In questo contesto, partendo dalla Terra come punto di riferimento, poiché siamo sulla sua superficie, ci occuperemo di come il Sole è visto dalla Terra, della ragione della sua nascita e della visualizzazione che abbiamo nel corso delle ore, attraverso spiegazioni logiche per questi fatti, tenendo conto del fatto che i corpi orbitano intorno agli altri per i loro cerchi massimi , anche questi saranno orbitati allo stesso modo. Attraverso una visione logica, comprendiamo che questi eventi si verificano in modo diverso rispetto alle previsioni dell’attuale modello astronomico, come in effetti dovrebbero verificarsi per un Sole enorme e distante che diverge e converge e le sue influenze sulla Terra.

2. ERATOSTENE

Eratostene visse ad Alessandria quando scoprì che il 21 giugno, ad Assuã, il Sole si concentrava direttamente sul centro di un pozzo. Dove, da questa osservanza, avrebbe in seguito calcolato le dimensioni della Terra controllando l’ombra a mezzogiorno solare, per un Sole a 90º.

In questo modo, fece il suo esperimento con l’obiettivo di misurare le dimensioni della Terra, 1/360° della Terra. Ha osservato che l’ombra è stata azzerato su un’asta di 1 metro correttamente pprovided nella città di Assuã, mentre ad Alexandria è stata trovata un’ombra equivalente a 7,2º (DUANE, 2010; SACROBOSCO, 2006) per 800 km di distanza tra le città, trovando una circonferenza, ora calcolata, a 40.075 km dalla Terra (LASKY, 2000; DUNHAM, 1990).

Tuttavia, Eratostene non pensò che sarebbe stato possibile invertire l’esperimento, non solo per conoscere le dimensioni della Terra, ma anche per confermare le dimensioni del Sole. In questo modo, è evidente che un enorme sole dovrebbe essere perpendicolare ad un immenso raggio sulla Terra. Tuttavia, con un sole enorme e lontano come premessa, questo non si verifica entro il raggio di 555 metri osservato (DUANE, 2010; SACROBOSCO, 2006).

L’esperimento ampiamente ripetuto per secoli, può avere un duplice scopo, sapendo che il Sole è azzerato, cioè perpendicolare a 555 metri, che corrisponde a 0,01º sulla Terra, per un Sole di 696.000 km di raggio (BORGES, 2005; DUTKA, 1993).

Per un sole divergente, l’esperimento può essere fatto ogni giorno, poiché la sua orbita avviene dai suoi cerchi massimi. A mezzogiorno solare, dove il Sole è a 89º,50′ (elevazione solare, che l’ombra sarà azzerato, secondo le previsioni dello Stellarium), anche da 1,11 km noterà un’ombra molto piccola, confermando così che un sole immenso non sarebbe compatibile. Sottolineando che la luce si propaga in linea retta (TREVISAN, 1997; KATZ, 1998).

L’attuale modello astronomico ammette una convergenza/divergenza di 0,53º. Quindi, per l’esperimento di Eratostene, il Sole sarebbe perpendicolare a un raggio sostanzialmente più grande, ma stranamente questo non si trova a un raggio di 121,34 km che corrisponde a 0,01° della circonferenza del Sole. Per una divergenza di 0,53°, dove 121,34 km moltiplicati da 53 risulterebbe in 6.431 km, che dovrebbe essere perpendicolare. Tuttavia, ciò non si verifica, essendo perpendicolare solo 1,11 km o un raggio di 555 metri, per una curvatura di 111 km o 0,01º nella Terra (LONGHINI, 2010; CREASE, 2006).

Dimostrando che un raggio di 555 metri è in realtà perpendicolare, il che è incompatibile con un sole immenso. 121,34 km a 0,01º del Sole, sarebbero perpendicolari alla Terra, che ovviamente rappresenterebbe un raggio molto più grande sulla Terra rispetto ai suoi 0,01º. Tuttavia, se non rimane, è dimostrato che il Sole non può essere immenso. Ricordando che il Sole diverge di 0,53º, in un raggio infinitamente più grande dovrebbe coprire questa perpendicolarità, dato che la luce si propaga in linea retta. (MOURÃO, 1987; GULBEKIAN, 1987).

3. RAGGI PARALLELI DEL SOLE

Il modello afferma che il Sole emette raggi considerati paralleli, quindi il 97%-99% sarebbe parallelo. Per giustificare un Sole di 696.000 km di raggio, in questo caso, dovrebbe emettere raggi considerati paralleli che, in termini strettamente scientifici e pratici, non potrebbero provenire da una fonte estesa, né potrebbero produrre penumbra o angoli, né potrebbero essere perpendicolari sulla Terra in un raggio di soli 555 metri al solstizio. È assurdo che un Sole parallelo sia perpendicolare solo a questo raggio che corrisponde a 0,01º della curvatura terrestre, secondo l’esperimento di Eratostene, noto da secoli. Stranamente, Nicolau Copérnico conosceva questo esperimento e non lo prendeva in considerazione, se lo avesse fatto avrebbe osservato che il suo modello non procedeva, perché un sole immenso avrebbe dovuto essere perpendicolare a un raggio di fulmine anche immenso, che la realtà non dimostra. Pertanto, questo dimostra questo errore del modello, ricordando che se il modello fallisce in un punto così importante, diventa nullo. L’esperimento di Eratostene fu effettuato ammettendo che il Sole avrebbe emesso raggi paralleli a Syene e Alexandria, quindi questo concetto di sole che emette raggi paralleli proviene da Aristarco, che ha calcolato la distanza Terra\Sole dalla quarta fase crescente della luna (BOCZKO, 1984).

Un raggio considerato parallelo dovrebbe anche nell’eclissi lunare causare un’ombra delle stesse dimensioni della Terra. Tuttavia, nell’eclissi solare, l’ombra della luna è di 270 km per una Luna di 3.474 km, che un raggio parallelo non farebbe, notando, che il raggio parallelo causerebbe un’ombra delle stesse dimensioni della paratia, che nel modello non corrisponde a ciò che è stato osservato (SAGAN, 1980).

Il problema con i raggi considerati paralleli è che il raggio del sole può essere considerato parallelo solo se in realtà era parallelo al 100%. In caso contrario, non si può accettare che il 97-99 per cento sia considerato parallelo. Detto questo, possiamo analizzare un altro problema: i raggi paralleli non formeranno penumbra, tanto meno formerebbe angoli che solo quelli convergenti e divergenti produrrebbero. Se questi fossero paralleli, cesserebbe così che il Sole sia una fonte estesa per l’ottica che formerebbe la penumbra. Tenendo conto di questo, il crepuscolo che sperimentiamo ogni giorno sarebbe un’opera di fantascienza, ma è reale, dimostrando così che i raggi del sole non sono paralleli, perché un corpo sferico deve emettere raggi convergenti e divergenti in una piccola banda che influisce direttamente. Come il suo 0,01º, si possono ammettere come apparentemente paralleli quelli che influenzano direttamente la Terra, cioè esattamente perpendicolari (GASPAR, 2000; AUJAC, 1980).

Un corpo sferico come il Sole non poteva emettere raggi considerati paralleli, ma piuttosto convergenti/divergenti, ma considerando la dimensione di 109 volte la dimensione della Terra, in questo caso, sarebbero paralleli. In un transito di Venere e Mercurio, la Terra è quasi delle dimensioni di Venere, per l’attuale modello astronomico, ogni giorno ci sarebbe illuminazione ai lati della Terra, poiché la Terra sarebbe un punto al centro del Sole, il che si tradurrebbe in un crepuscolo di 12 ore, che non sarebbe diventato notte assoluta in nessun momento , poiché la Terra orbiterebbe attorno al Sole per il suo cerchio massimo. Quindi, questi raggi dovrebbero passare attraverso i lati della Terra, lasciando l’intera Terra entro questo raggio, che ancora una volta non si verifica nella realtà, poiché la Terra sarebbe di 23 ore e 56 minuti in orbita attorno al Sole in modo continuo ed eterno, dove orbitano 2 corpi sferici e sono orbitati dai rispettivi cerchi massimi. In questo modo, la stessa luminosità solare sarebbe emessa sulla terra in qualsiasi momento, sia di giorno che di notte, il crepuscolo dovrebbe avvenire continuamente nelle più di 12 ore, se notte, e direttamente la luce solare, a un raggio di sole infinitamente più grande che passerebbe attraverso la Terra, ma se la notte avesse un crepuscolo di 12 ore. Nel suo articolo, l’astrofisico Ethan Siegel afferma che i raggi del sole sono paralleli, quindi non formerebbe penumbra. In linea, Carl Sagan riconosce anche, quando parla dell’esperimento di Eratostene, che i raggi del sole sono paralleli.

4. CITAZIONE DA ETHAN SIEGEL

Il motivo per cui i raggi sembrano avere una forma divergente è dovuto alla prospettiva e al fatto che questi raggi di luce veramente paralleli stanno atterrando più vicino a noi del loro punto di origine, proprio in fondo alle nuvole. I raggi del sole sono davvero paralleli, ma a meno che non vengano perpendicolarmente a te, non sembrerà così. Questo è semplicemente come appare quando vedi linee parallele mentre si allontanano da te. (ETHAN SIEGEL)

In realtà, se i raggi del sole sono considerati paralleli non possono formare penumbra o angoli, poiché per questa ipotesi, il Sole sarebbe davvero enorme e distante. Questa contraddizione inosservata fino ad oggi, non può affermare concetti antagonisti come i raggi del Sole essere considerati paralleli e formare angoli concomitanti.

Relativamente per le forme geometriche, essendo sferiche sole e terra, la loro curvatura o superficie, nel caso del Sole, essendo immensa, sarebbe praticamente una linea, senza curvatura. In presenza di una piccola Terra, il Sole si concentrerebbe parallelamente e perpendicolarmente su quasi tutto il raggio della Terra, tuttavia, questo non si verifica. Esemplificante: in un marmo, la sua superficie o curvatura è in realtà una curva acuta, ma rispetto al Sole, sarebbe praticamente una linea, cioè causerebbe raggi considerati paralleli, essendo perpendicolari alla Terra, poiché ruota anche.

La superficie o curvatura del Sole, essendo quasi una linea, di conseguenza tracciando linee perpendicolari, sarebbe praticamente parallela l’una all’altra, dando così un senso all’affermazione che il sole emette raggi considerati paralleli, ma non formerebbe penumbra o angoli, prodotti nel mondo reale. Travisando l’affermazione del modello per i raggi del sole, che in realtà convergono e divergono. Ricordando anche che sulla Terra, non è possibile visualizzarne la curvatura, ma sapendo, indirettamente, che è sferica. (TIPLER, 2009).

I raggi crepuscolari che si osservano, non potrebbero formarsi a raggi assolutamente paralleli o considerati paralleli, se così fosse, sarebbero opere di fantascienza. Non può esistere nel mondo reale, poiché i raggi paralleli non formano angoli o producono penumbra (CREPUSCULAR RAYS, 2012).

Un corpo sferico potrebbe produrre solo raggi convergenti e divergenti, tenendo conto del fatto che la sua origine è circolare e deve convergere e divergere. Non ci sono corpi di grandi proporzioni nell’universo che non siano sferici. (WALKER, 1990; BERRY, 1961).

Esemplificare un posto particolare al mondo: la Torre Eiffel. Il Sole sarebbe perpendicolare solo ad un raggio di 555 metri, dimostrando così un piccolo sole. Se il modello fosse reale, l’immenso Sole sarebbe non solo perpendicolare alla torre, ma anche ad un immenso raggio, che non è coerente con ciò che è stato osservato.

Pertanto, concludiamo che il modello eliocentrico dimentica ancora una volta che un Sole divergente, che ha 0,53º di divergenza, non potrebbe avere questo scopo sulla Terra. Nell’esperimento di Eratostene, essere perpendicolari ad un raggio di soli 555 metri, che corrisponderebbe a 0,01º della curvatura terrestre, è sproporzionato rispetto allo stesso 0,01º della circonferenza del Sole, che sono equivalenti a 121,34 km. E la divergenza, è stata dimenticata? Il sole che divergeva dal modello astronomico attuale, da 111 km a 1º sulla Terra e 0,01º del Sole, corrispondeva a 121,34 km a 0,53º, per un totale di 6.431,02 km. Così, nel mondo reale, essere perpendicolari ad un raggio di 555 metri è totalmente illogico per il modello eliocentrico (BRETONES, 1999).

5. PRECESSIONE

Assuã, si trova a 24,05º nord, che dimostra che il Sole sta diminuendo la sua precessione, o riducendo da 24,05º a 23,5º o 23,27°, cioè c’è una riduzione di 0,78º nella precessione, il che significa che in passato, fino a 24,05º di latitudine, il Sole era in realtà perpendicolare, come evidenziato da Eratostene.

Tuttavia, il programma stellario sottolinea che nell’anno 15020, la stella polaris sarà ad un’altitudine di 44°, dove può essere vista da Porto Alegre / RS. Tuttavia, abbiamo notato un malinteso dello Stellarium, poiché questo fenomeno si sarebbe verificato in contrasto con quanto affermato, dove in futuro avremmo il Sole praticamente sotto l’equatore e due stagioni, primavera e autunno, dal punto di vista della precessione, poiché il Sole sarà sempre di circa 90º con Polaris , al giorno del giorno. Così, in futuro, il Sole tenderà all’equatore, con questa previsione di elevazione polaris di 44º totalmente sbagliata.

Un Sole più piccolo e più vicino che orbita intorno alla Terra e tendente all’equatore, oscillando oggi a 23,27º, sopra o sotto l’equatore, in futuro oscillerà solo all’equatore, come dimostrato da Eratostene 2.200 anni fa. Al giorno d’oggi, questa precessione si sta restringendo. Tuttavia, lo stellario indica l’anno 15020 una precessione di 23,5º + 23,5º, cioè 47º, che comporterebbe, in caso di sfollamento dei tropici, lo scioglimento delle regioni polari, una tragedia imminente in pochi anni; che inoltre non corrisponde all’odierno 24.05º (latitudine) di Assuã. Pertanto, si nota che ciò che era perpendicolare in passato non lo è più. (ASENSI, 1990; GOLDSTEIN, 2002).

Poiché il Sole oscilla di 23,27º al tropico del cancro o al tropico del Capricorno, il calcolo dello Stellario di altitudine di 47º per Polaris per l’anno 15020 non procede. Ad un’altitudine di 90º – 23,27º = 66,73º, cioè quando si riduce di 23,27º, Polaris verrà spostato di 23,27º, non di 44º come affermato, la cui elevazione passerà a 66,73º Nord. Così, abbiamo dimostrato che la previsione dello Stellarium è sbagliata, perché anche il Sole si muoverebbe in proporzione uguale ai tropici (ZEILIK, 2003).

Il Sole, oggi, infatti, si concentra sui tropici a 23,5º o 23,27º sopra o sotto l’equatore. Se in 2.200 fosse a 24,05º, con una riduzione di 0,78º, rispetto alla precessione attualmente esistente, che è già abbastanza significativa, allora in 65.633 anni avremmo una riduzione di 23,27º, contrariamente alle previsioni dello Stellarium. Questo fatto è ampiamente documentato, avendo quindi circa 0,78º per 2.200 anni, per una recessione di 23,27º in 65.633 anni, non compatibile con quanto previsto da Stellarium. Una recessione di 47º è incompatibile con i 2.000 anni di riduzione da 24,05º a 23,27º, che tenderanno a quasi zero.

La prima misura dell’obliquità dell’eclittica è attribuita a Eratostene del valore di 23º 51′ 20″, che è quasi d’accordo con le affermazioni di quest’opera, per quanto riguarda la precessione e concomitante l’oblinetità dell’eclittica.

Al tempo di Eratostene, a 24,05º di latitudine, che è la latitudine di Assuã, il Sole era perfettamente perpendicolare, come dimostrato da numerosi e ripetuti esperimenti da lui condotti, azzerando sempre l’ombra, sotto la giustificazione che la precessione all’epoca era un’altra, riducendo oggi a 23, 27º. Tuttavia, in futuro si stima che, con la precessione prossima allo zero, avremo praticamente due stagioni: primavera e autunno, che porterebbero a cambiamenti nello scenario agricolo del mondo, dove avremo una maggiore abbondanza di alimenti in alcune regioni che oggi sono praticamente improduttive, emergendo nuove aree fertili, perché un’area significativa può trasformarsi in una zona temperata durante l’anno a causa del cambiamento di precessione. (ARAUJO, 2003).

Così, lo Stellarium prevede per l’anno 15020 una precessione di 47º, che non è coerente con l’evoluzione della precessione osservata. Una previsione matematica per l’anno 15020 non può essere in contrasto con 2.200 anni di un esperimento ampiamente ripetuto, che dimostra che la perpendicolarità del Sole ha ridotto la sua precessione da 24,05° a 23,27°, e questo fatto è ampiamente documentato. (LONGHINI, 2010).

6. COME VIENE VISTO IL SOLE DA UN AEREO A GRANDI DISTANZE E PROVE FISICHE

Considerando come il Sole è visto da un aereo a ore 12 e notando che i corpi sferici orbitano attorno ad altri dai rispettivi cerchi massimi, così visti dal piano il Sole dovrebbe essere visto, essendo 150 milioni di km, anche nel cerchio massimo della Terra, poiché come riferimento il Sole sarebbe nel cerchio massimo della Terraequatore , in qualsiasi momento, solo che l’aereo volasse nella parte del giorno, essendo l’aereo che viaggiava attraverso l’equatore avrebbe dovuto essere visto in qualsiasi momento sempre sulla linea dell’orizzonte durante il giorno, non dovrebbe mai essere visto alle 12 a 90º con l’aereo, ammettendo in un giorno di equinozio, come di fatto visto. Poiché il Sole sarebbe a 150 milioni di km di distanza, ed è impossibile per l’aereo andare a 90 gradi con il Sole, sarebbe sempre all’orizzonte, o 150 milioni di km più avanti o contrario all’aereo, mai a 90º dal momento che volemmo sopra l’orbita terrestre, a 11\12 km di altitudine, il riferimento del Sole a 90º sarebbe visto solo dalla Terra , con la sua rotazione, come sostenuto dal modello. Sull’aereo non abbiamo lo stesso riferimento terrestre o rotazione come motivo per vedere il sole che sorge verso est, a 90 gradi a ore 12 e in declino verso ovest. Se il Sole fosse nelle mediazioni della Via Lattea, la Terra orbiterebbe attorno al Sole anche per il suo cerchio massimo, quindi vedendo dalla Terra il Sole dovrebbe anche rimanere nel suo cerchio massimo, sarebbe sempre visto sulla linea dell’orizzonte, un po ‘sotto o sopra se viaggiava ai tropici; Ma questo non si verifica, tuttavia il Sole è visto a 90º con il piano ad altitudine di crociera per l’ora delle 12, quando nel modello attuale il Sole dovrebbe sempre essere visto sulla linea dell’orizzonte in qualsiasi momento, se giorno, quindi il modello fallisce di nuovo (JOHN, 2005).

Se il Sole fosse visto all’orizzonte in qualsiasi momento, di giorno il modello sarebbe corretto, ma vediamo il 90º con il piano, ricordando che il piano è soggetto alla gravità terrestre, ma è esente dalla rotazione di esso, quindi il Sole non può essere visto come dalla Terra, e il modello afferma che la rotazione è responsabile della visione del Sole , ma dall’aereo questo cambierebbe e il Sole dovrebbe essere nel cerchio massimo, poiché saremmo più vicini al cerchio massimo della Terra o a 11 km da esso (in media per i voli). Da un aereo abbiamo costeggiato la Terra a 40,075 km, a 11\12 km di altitudine, mai in nessun momento l’aereo potrebbe essere a 90º con il Sole, quindi il Sole sarebbe sempre stato di 150 milioni di km, mai a 90º, essendo visto sulla linea dell’orizzonte, sia a sinistra che a destra dell’aereo, essendo il Sole della dimensione che il modello rivendica (LANCIANO , 2014).

6.1 IL MOVIMENTO ANNUALE DEL SOLE

L’annuale Movimento del Sole, nell’attuale modello astronomico, è visto come una giostra che ruota a causa del movimento di traduzione della terra sul Sole che, a sua volta, sarebbe stato visto di fronte alle 12 costellazioni equatoriali nel suo apparente movimento annuale del primo giorno. Tuttavia, si osserva che ancora una volta sarebbe incongruente, poiché nella rotazione della Terra di 23 ore e 56 minuti darebbe anche il 1° giorno in relazione alle costellazioni, che annullerebbero o si sommano, dando 2º. Tuttavia, il modello attribuisce questo movimento alla traduzione della Terra, ma che dire del 1° della rotazione? Se annullato non ci sarebbe alcun movimento annuale in relazione alle stelle e se aggiunto si tradurrebbe nel 2°, il che sarebbe anche sbagliato. Stellarium dimostra il 1° in relazione alle costellazioni, un fatto ampiamente pubblicizzato che il Sole ha un movimento giornaliero di 1º in relazione alle stelle / costellazioni. Tuttavia, se è immobile al centro della galassia, non potrebbe presentare questo movimento, poiché il Sole è più vicino delle stelle, e se passare la parte anteriore di queste dimostrerebbe un movimento reale, come dimostrato nell’esperimento di Eratostene, verso un Sole sempre più piccolo, considerando un modello geocentrico (SANTIAGO, 2021).

7. LA ROTAZIONE DELLA TERRA

La rotazione della Terra corrisponde a 23 ore e 56 minuti ed è responsabile della nascita del Sole e della Luna. Tuttavia, con 23 ore e 56 minuti, il sole non è ancora nato, ha bisogno di 3,94 minuti per nascere, in modo da dover “prendere in prestito” 3,94 minuti ogni giorno della rotazione successiva, per un totale di circa 1.440 minuti in 1 anno.

Tuttavia, il sole sorge con circa 24 ore, quindi il primo giorno con 23 ore e 56 minuti non vedremmo ancora il Sole. In 1 mese, il sole avrebbe avuto un ritardo di 2 ore alla nascita e in 6 mesi di 12 ore. Per l’equatore terrestre, il Sole dovrebbe sorgere durante l’alba in un periodo, ma questo non si verifica, perché i 3,94 minuti sono cumulativi ogni giorno, quindi la ragione della nascita del Sole non può essere la rotazione della Terra. Essendo 24 ore corrispondenti alla rotazione giornaliera di 360º della Terra, le 23 ore e i 56 minuti, equivalgono a circa 359º, con 3,94 minuti equivalenti al 1 ° grado. Pertanto, c’è un passo falso tra la rotazione e la nascita del Sole. Tenendo conto della regione sud-orientale, come luglio, quando il Sole sorge quasi ogni giorno con 24 ore, concludiamo che la sua nascita dovrebbe avere un’altra ragione, dovendosi staccare dalla rotazione, il che significherebbe che il Sole avrebbe il suo movimento indipendentemente dalla rotazione, mentre la rotazione sarebbe responsabile dell’apparente movimento delle stelle a 0,985º ogni giorno. I 3,94 minuti al giorno, in 365 giorni, si traducono in 24 ore e, in 1 anno, si tradurrebbero in 1 giorno in meno nel calcolo totale (MÁXIMO, 2011; ALBANESE, 1997).

Con la luna succede qualcosa di interessante, ci ro’ bisogno di 24 ore e 50 minuti per nascere. Pertanto, 50 minuti moltiplicati per 365 giorni si traducono in 18250 minuti, che si sono divisi per 60, e quindi per 24 ore, si traduce in 12,67 giorni. In questo modo, per nascere solo in eccedenza la luna dovrebbe “prendere in prestito” 12,67 giorni di rotazione inesistente? Per spiegare questo fenomeno, il modello deve effettivamente scollegare la nascita del Sole e della Luna dalla rotazione della Terra, ha senso in relazione al movimento apparente delle stelle di 0,985º giorno o circa 1º, completando il ciclo in 365/366 giorni (SPECK, 1997).

Cioè, per 365 giorni, ci sarebbero 12,67 giorni in meno per la Luna. In pochi minuti, per il sole avremmo 365 rotazioni di 23 ore e 56 minuti. Con il 1° corrispondente ai 3,94 minuti moltiplicati per 365 giorni avremmo un giorno in meno per la rotazione, e per la Luna, i 50 minuti moltiplicati per 365 giorni nel calcolo totale comporterebbero 12,67 giorni in meno per la rotazione, ma conoscendo il movimento dei diari a 13º, il ragionamento di cui sopra avrebbe preso in considerazione solo per la rotazione della Terra (CAMINO , 1985).

Pertanto, il Sole dovrebbe sorgere durante le prime ore, proprio mentre la Luna sorge, a causa di un ritardo di 3,94 minuti al giorno, poiché la rotazione della Terra è di 23 ore e 56 minuti in ritardo delle 24 ore (in media) della nascita del Sole. Avere variazioni durante l’anno, a seconda della stagione.

Pertanto, dobbiamo scollegare Sole e Luna dalla rotazione, perché fa solo 0,985º in moto apparente o circa 1° in relazione alle stelle. (MANTECON, 1998).

8. ECLISSE LUNARE

L’eclissi lunare che si verifica attraverso l’ombra terrestre, causata da raggi paralleli, dovrebbe causare un’ombra delle stesse dimensioni della sua massa, ad un diametro di 12.756 km. Tuttavia, la scienza calcola il diametro dell’ombra a 9.200 km, e le informazioni sono contraddittorie, poiché se i raggi del sole possono essere considerati paralleli dal 97% al 99%, il calcolo non potrebbe essere così vario. D’altra parte, il vertice del cono d’ombra della Terra è di 0,53º. Tuttavia, se abbiamo una notte di 180º, cioè 12 ore, tenendo conto del fatto che per 24 ore avremmo 360º all’equatore la cui variazione durante l’anno è di pochissimi minuti, come potrebbe un immenso sole causare un vertice del cono d’ombra di 0,53º per l’eclissi notturna o lunare, che ha lo stesso motivo , l’ombra della Terra? Poiché abbiamo la figura di un cilindro dritto di 180º, un cono d’ombra di 0,53º sarebbe visibile per una chiarezza o una penumbra di 180º – 0,53º = 179,47º. Per visualizzare ciò che il modello afferma che dovremmo avere 179,47° di crepuscolo / penumbra / mezza luce / illuminazione, tuttavia, il modello afferma solo il vertice del cono d’ombra di 0,53º di umbra o notte calcolata, tuttavia, non vediamo questo che si verifica nel cielo, ciò che visualizziamo è 180º di umbra / ombra / notte all’equatore. Pertanto, visualizziamo una cosa e il modello ne afferma un’altra, completamente diversa da ciò che dovrebbe essere visto. In questo caso, le eclissi lunari dovrebbero essere spiegate in un altro modo, perché tenendo conto dell’apice di 0,53º del cono d’ombra, una notte corrisponderebbe a soli 2,12 minuti. Perché il modello sia corretto, dovrebbe avere una notte o un’eclissi lunare che si verifica in 2,12 minuti, perché entrambi avrebbero la stessa causa, l’ombra della Terra (DA SILVEIRA, 2017; BACKRUD, 2007).

9. CONSEGUENZE DI 0,53º

Oltre ad avere un vertice cono d’ombra di 0,53°, di conseguenza dovremmo avere notti più piccole all’equatore, ma non lo facciamo. La differenza tra giorni e notti è minima per l’equatore terrestre, ma nel modello le previsioni dovrebbero avere una differenza significativa nelle notti e nei giorni più grandi, dal momento che l’immenso sole si concentrerebbe su un’area molto più ampia quando il giorno, ma perché non l’hai fatto? Per l’Ecuador, non prendiamo in considerazione i tropici, che come il Sole si concentra obliquamente, ci sarebbero alcuni cambiamenti (LONGHINI, 2010).

La luce che si propaga in linea retta si concentrerebbe e comprenderebbe praticamente l’intera Terra, ottenendo solo 0,53º nell’ombraumbra. Nell’eclissi lunare, che si verifica all’interno dell’ombra terrestre che sarebbe visibile dal cielo a 180º, il vertice del cono d’ombra di 0,53º non poteva essere visto, sarebbe un umbra all’interno di un altro umbra, che ovviamente non sarebbe possibile visualizzare, perché allora entrambi si annulleranno e l’eclissi non si verificherebbe, o dovrebbe verificarsi per qualsiasi notte , cioè un’eclissi totale in ogni notte che dura tutta la notte, poiché la notte corrisponde a 12 ore e non al vertice del cono d’ombra di 0,53º, perché l’eclissi notturna e lunare ha lo stesso motivo: l’ombra umbra della Terra (LIMA, 2013).

Si noti che per l’attuale modello astronomico, il Sole non è rappresentato 109 volte più grande della Terra, molto meno l’angolo del vertice dei disegni illustrativi del modello corrisponde a 0,53º, quindi la penumbra / crepuscolo / mezza luce / illuminazione sarebbe 179,47º per la realtà e questo non è quello che vediamo di notte, cioè non ci sono 12 ore di crepuscolo, poiché 0,53º corrisponderebbero solo a 2,12 minuti di notte. Fare una regola di base 3: 360º è per 24hs o 1440 minuti, così come 0.53º sarebbe per 2.12 minuti, che in questo caso rappresenterebbe una notte lunare / eclissi che ha lo stesso motivo, l’ombra / umbra della Terra, sarebbe 2,12 minuti per correggere il modello. Ricordando che il modello sostiene che a causa della distanza, il Sole sarebbe visto con la sua dimensione angolare ridotta, si osserva che se la luce si diffonde in linea retta, questa penumbra si propagava attraverso i lati della Terra illuminata dal Sole, entro un raggio di 696.000 km e passava attraverso il raggio terrestre di 6.378 km, convergendo la luce a 0,53º, il cielo di 179,47º sarebbe stato penumbra / illuminazione e solo lo 0,53º sarebbe stato umbra, che sarebbe visibile nel cielo. Proprio come vediamo l’ombra durante una giornata di sole, vedremmo anche questa umbra, tuttavia, abbiamo una notte di 180º, cioè 12 ore, all’equatore e non da un vertice del cono 0,53º di umbra, o 2,12 minuti. Quando l’eclissi si è verificata in qualsiasi momento della notte, non abbiamo potuto vedere un umbra di notte all’interno di un altro umbra di 0,53º, essendo quindi necessario rivedere questi concetti, perché in una notte di circa 12 ore, non potrebbe essere un vertice del cono d’ombra di 0,53º (PRINCE JR, 1970).

10. STAGIONI DELL’ANNO

Nel modello, le stagioni si verificano a causa dell’inclinazione dell’asse terrestre di 23,5º. In una sfera c’è un solo asse, quindi in un cerchio massimo l’asse longitudinale o orizzontale sarà sempre bilanciato con il suo asse centrale di gravità. Se dividiamo una sfera in 4 parti, questa divisione longitudinale sarà l’asse inclinato o principale, mentre gli altri cerchi più piccoli saranno paralleli ad essa, che corrisponderebbero ai tropici. Tuttavia, se il Sole è perpendicolare ai tropici, non sarà più perpendicolare a questo asse centrale, essendo 23,5º spostato dall’equatore, spostandosi così da Polaris, che in realtà non accade. Tuttavia, nel modello, questo dovrebbe accadere, cioè nell’equinozio, il Sole sarebbe ai tropici a 89,50′ a mezzogiorno solare, mentre sul solstizio, a 66º. Tuttavia, nel solstizio il Sole dovrebbe essere a 89,50′, e Polaris a 90º (approssimativamente) a nord, tuttavia, l’elevazione solare sarà di 66º rispetto a Polaris, quindi la sua visualizzazione sarebbe sfocata due volte nell’anno (QUEIROZ, 2004).

Se l’asse fosse inclinato, non sarebbe bilanciato con la gravità, e questo è uno dei problemi di questa ipotesi. L’altro è quale sarebbe la ragione dell’inversione della direzione del pendio solare che ora favorisce l’emisfero settentrionale o invertendo il sud? Il modello non fornisce una spiegazione plausibile per questa inversione (ANTUNES, 1996).

La pendenza dell’asse viene utilizzata per spiegare le stagioni, ma per l’equinozio questo stesso asse, non è inclinato. Nelle affermazioni delle stagioni, nell’equinozio, l’asse non è più inclinato, o inclina, il sole sopra o sotto, nell’equinozio direttamente sopra l’equatore, dimenticando così l’asse inclinato. Questa stessa inclinazione corrisponde alla precessione degli equinozio, che al tempo di Eratostene era di 24,05º (PRECESSÃO, 2011).

Poiché le stagioni sono spiegate solo dall’asse di inclinazione della Terra, si osserva che nell’equinozio questo asse non sarebbe inclinato, la precessione passerebbe non a 25.770 anni, ma per 12 mesi, Polaris dovrebbe essere a 90º nord e ora a 44º, tenendo conto dell’elevazione solare a ore 12, per l’anno 15020 ci siamo resi conto che questo non sarebbe successo in realtà , che dimostra un’altra incongruenza nel modello. Infatti, la riduzione di 0,78º della precessione di Eratostene, che attualmente è a 23,27º, e non a 46,54º come sottolinea lo stellario, quindi tra 65.633 anni il Sole tenderà all’equatore e l’elevazione di Polaris sarà di 66,73º.

L’asse terrestre, ipoteticamente, dividerebbe la Terra in 4 parti, verticalmente e orizzontalmente. Questa parte che si divide in 2 metà verticalmente è l’asse di gravità che, guarda caso, immaginando una Terra nello spazio e perpendicolare ad essa in un altro corpo, questa inclinazione a 23,5º, lascerebbe questo asse e la terra barcollerebbe, lasciando il suo asse naturale di gravità. Ancora più inclinato a rotazione, il Sole dovrebbe privilegiare un emisfero rispetto all’altro, ma quale forza gli farebbe cambiare direzione? Se così fosse, tutti i pianeti farebbero lo stesso, orbitando attorno al Sole, ma sono sullo stesso piano dell’eclittica. Dal punto di vista di un enorme Sole e di una piccola Terra, dove la Terra sarebbe un punto relativo ad essa e orbiterebbe per il suo cerchio massimo, il Sole dovrebbe illuminare simultaneamente i 2 poli della Terra, indipendentemente dalla stagione, mentre i corpi sferici orbitano attraverso i loro cerchi massimi. Pertanto, l’illuminazione sarebbe stata distribuita equamente su entrambi i poli, indipendentemente dal fatto che l’albero fosse inclinato o meno. In realtà, un polo viene illuminato quando il Sole viene spostato di 23,5º sopra o sotto l’equatore, tuttavia anche il polo opposto dovrebbe essere illuminato, poiché la Terra orbiterebbe dal suo cerchio massimo. Pertanto, l’illuminazione dovrebbe avvenire in entrambi i poli sui solstizi, cioè quando il Sole viene spostato a 23,5º nord o sud, essendo nei poli sollevati a 23,5º, indipendentemente dall’asse, tuttavia, questo fatto non si verifica di nuovo. Pertanto, concludiamo che questa ipotesi del modello è nulla (GONÇALVES, 2011).

11. DEFINIZIONE DEL PUNTO

Una goccia d’acqua, essendo quasi non rilevabile quando raggruppata forma oceani. Nonostante la loro forma curva nella più piccola espressione, insieme diventerebbe apparentemente piatta nella sua estensione, ma che in realtà ha una leggera curvatura nel complesso. Quando si utilizza la luce, essa rifletterà anche le divergenze (MACHADO, 1986; CLARKE, 1985).

12. ECCENTRICITÀ DELLE ORBITE DEI PIANETI

Il metodo scientifico per calcolare l’eccentricità dei pianeti è determinato dalle loro distanze dal Sole, trovando un valore vicino allo zero, dove più vicino allo zero, meno ellittica è la sua orbita. Questi calcoli sono fatti per tutti i pianeti. Prendendo Mercurio come esempio, abbiamo che: 69.816.900 -46.001.200 = 23.815.700, ora sommando 69.816.900 + 46.001.200 = 115.818.100, facendo la divisione: 23.815.700 / 115.818.100 = 0.2056302 , arrivando alla conclusione che Mercurio è il più ellittico dei pianeti. E per Venere: 108.942.000 – 107.476.000 = 1.466.000 ora aggiungendo 108.942.000 + 107.476.000 = 216.418.000, facendo la divisione: 1.466.000 \ 216.418.000 = 0,0067739, concludendo che per la scienza questa è la più piccola eccentricità.

Dall’osservazione diretta del cielo, sappiamo che i pianeti hanno orbite distinte dai loro periodi e che possiamo osservarli separatamente, confrontandoli con altri che hanno anch’essi orbite molto ellittiche. Come Venere e Mercurio, si nota che entrambi sono molto ellittici, per osservazione diretta quando passano per il punto zero, cioè sulla linea dell’orizzonte, in un periodo totalmente irregolare, a dimostrazione della loro orbita ellittica. Tuttavia, per la scienza, Venere sarebbe la più vicina allo zero per eccentricità. Uno studio a Stellarium, per le città di Macapá, Mercurio, Venere, Nettuno e la loro elevazione a 0º, dimostra che: sempre alle 18:00, quando il pianeta passa attraverso la linea dell’orizzonte a 0º di elevazione, visto dalla Terra, seguito dall’ordine da dal più ellittico al minimo: sempre a 0º di quota dove punta verso l’orizzonte o declina, controllando i periodi di tempo trascorsi, che sarebbero analoghi alla distanza dal Sole, dovrebbe dare lo stesso andamento, comunque dal periodo osservato a 0º, arriviamo a numeri vicini a 0,100356 per 04\06\2028 o 0,14625 per 13\01\202, notando che la sua orbita è abbastanza ellittica per Venere, così come quella di Mercurio. Questo fu il fattore determinante per Nicolau Copérnico, quando notò questa stessa irregolarità nei periodi in cui i pianeti visibili erano visti sulla linea dell’orizzonte, deducendo, così, che le loro orbite erano ellittiche. Tuttavia, il modello attribuisce a Venere un’incredibile eccentricità che non può essere confermata nella sua osservazione. (LANGHI, 2009)

Se il periodo è così irregolare, Venere non può avere l’eccentricità più vicina a zero. Calcolando la distanza da Venere al Sole, sarebbe ellittica come Marte, Giove e Saturno. Così, dimostriamo che Venere è la seconda più ellittica osservando lo stellario a 0º all’orizzonte, per la latitudine di Macapá. Detto questo, i dati mostrati di seguito sono reali e presi da Stellarium, quindi questa stessa verifica può essere eseguita in altri periodi di 8 anni, che ripeteranno il modello osservato di seguito (CANALLE, 2003).

Mercurio visto da Macapá alle 18:00. Gradi di elevazione – tempo trascorso; intervallo di tempo più breve/più ampio.

11/12/2020 – 18hs – 0º

12/02/2021 – 18hs – 0º – 63

11/04/2021 – 18hs – 0º – 58 – 63-58=63+58=5/121=0,04132

14/06/2021 – 18hs – 0º – 64 – 58-64=58+64= 6/122=0,04918

10/10/2021 – 18hs – 0º – 118 – 64-118=64+118=54/182=0,29670

23/11/2021 – 18hs – 0º – 44 –

26/01/2022 – 18hs – 0º – 64 – 44-64=44+64=0,18518

23/03/2022 – 18hs – 0º – 56

25/05/2022 – 18hs – 0º – 63 – 56-63=56+63=7/119=0,0588

05/07 /2022 – 18hs – 0º – 41

24/09/2022 – 18hs – 0º – 81 – 41-81=41+81=40/122=0,32786

Venere vista da Macapá alle 18. Gradi di elevazione – tempo trascorso; intervallo di tempo più breve/più ampio.

06/02/2020 – 18hs – 0º

12/02/2021 – 18hs – 0º – 251

13/01/2022 – 18hs – 0º – 337 – 251-337=251+337=0,14625

05/10/2022 – 18hs – 0º – 265

16/08/2023 – 18hs – 0º – 315 – 265-315=254+315=50/580=0,08620

14/05/2024 – 18hs – 0º – 271

25/03/2025 – 18hs – 0º – 315 – 271-315=271+315=44/586=0,07508

16/12/2025 – 18hs – 0º – 266

23/10/2026 – 18hs – 0º – 311 – 266-311=266+311=45/577=0,07798

14/07/2027 – 18hs – 0º – 264

04/06/2028 – 18hs – 0º – 325 – 264-325=264+325=61/589=0,100356

Nettuno visto da Macapá alle 18:00. Gradi di elevazione – tempo trascorso:
intervallo di tempo più breve/più ampio.

16/09/2020 – 18hs – 0º

20/03/2021 – 18hs – 0º – 185

19/09/2021 – 18hs – 0º – 183 – 185-183=185+183=2/368=0,0054347

22/03/2022 – 18hs – 0º – 184

14/06/2060 – 18hs – 0º –

14/12/2060 – 18hs – 0º – 183 -184-183=184+183=1/367=0,0027247

17/03/2100 – 18hs – 0º –

17/09/2100 – 18hs – 0º – 184 – 184-183=184+183=1/367=0,0027247

02/07/2150 – 18hs – 0º –

03/01/2151 – 18hs – 0º – 185 – 185-184=185+184=1/369=0,00271

Poiché per la scienza Venere è il pianeta più eccentrico dovrebbe seguire l’esempio di Nettuno con un periodo totalmente prevedibile in ripetizioni sistematicamente simmetriche. Tuttavia, dati i periodi irregolari indicati a 0º, sembra che Nettuno sia in effetti il ​​più eccentrico a causa del suo periodo simmetrico, seguito da Venere e Mercurio. Tuttavia, il modello calcola l’eccentricità di Venere dalle sue distanze, che non corrispondono al periodo che è a 0º sull’orizzonte dato da Stellarium, notando la discrepanza riguardo ai periodi di tempo e alle loro distanze, dove si troverebbe lo stesso risultato per Nettuno, ma per Venere, sarebbe antagonista, come dimostrato (CANTARINO, 2007; DREYER, 1906).

Copernico, tra i vari attributi, era un astronomo che, osservando le orbite e i loro aspetti percepibili, si accorse che Venere, Marte e Nettuno erano e sono i pianeti più ellittici, più facili da osservare ad occhio nudo, dimostrando così che gli epicicli perfetti di Tolomeo e la sua teoria geocentrica, basata su pianeti che corrono su orbite perfettamente circolari, erano sbagliate. Pertanto, questa stessa osservazione è valida, poiché Venere non può avere l’orbita più eccentrica di 0,006772. Successivamente ciò è stato verificato anche da Tycho Brahe e Johannes Kepler, così, proprio in virtù di questa osservazione, si è consolidato il modello eliocentrico (DAMASIO, 2011; MATTHEWS, 1994).

Più un’orbita si avvicina a 0,00…, più circolare o eccentrica sarà quell’orbita, e se l’eccentricità è 0,10 o 0,20 più ellittica sarà quell’orbita. Quindi, è ragionevole capire che l’orbita di Venere, in questo periodo osservato, è 0,14625, essendo la seconda più ellittica del Sistema Solare (BELTRAME, 1995).

Così, notando che Venere non è la più eccentrica e che la sua eccentricità non può essere 0,006772, un fatto dimostrato da Stellarium, concomitante per la seconda volta, la stessa osservazione sarà la base per il cambiamento del modello astronomico, considerando che se c’è un difetto in una sola osservazione questo diventa nullo (GROTZINGER, 2013; HAND, 1998).

13. CONSIDERAZIONI FINALI

Abbiamo osservato non solo uno, ma diversi punti di incongruenza nel modello eliocentrico, essendo opportuna la sua riformulazione basata su logica e sperimentazione, puntando su un’altra prospettiva, proponendo metodologie per confermare o meno questa nuova ipotesi, osservando l’esperimento di 2.200 anni che inverte il suo obiettivo , alla verifica delle dimensioni del Sole, altro modello cosmologico da discutere, che aggrega punti da modelli già discussi molto, da osservazioni pertinenti, ma sotto un nuovo aspetto riallineato, confrontando dati, osservazioni e riformulando concetti. Finora molto è stato avanzato da Tolomeo. Per quanto sopra, ci rendiamo conto che Copernico non osservò l’esperimento di Eratostene, la perpendicolarità del Sole ai solstizi e agli equinozi. Pertanto, l’osservazione dell’esperimento determinerà un nuovo modello che, sebbene conosciuto, è stato poco compreso e applicato non per determinare le dimensioni della Terra, ma per confermare le dimensioni del Sole. Riaffermando che la scienza riguarda un’eterna evoluzione della conoscenza che tenga conto dell’importanza vitale dei predecessori in questa evoluzione.

RIFERIMENTI

ALBANESE, A. et. al.  Models in science and in education. 1997.

ANTUNES, C. Geografia e Participação – Introdução aos Estudos Geográficos, Vol.1  Ed. Scipione. Livro 6, 1996.

ARAUJO, M. S. T.; ABIB, M. L. V. S. Atividades Experimentais no Ensino de Física, Diferentes Enfoques, Diferentes Finalidade. Revista Brasileira de Ensino de Física, junho, 2003.

ASENSI, F. I. (1990). Geometría Descriptiva. Madrid: Editorial Dossat, S.A. p. 597.

BACKRUD, M. Evoluation of the Spede instrumento n Smart-1. 2007.

BELTRAME, Z. V. Geografia Ativa – Investigando o Ambiente do Homem. Vol.1, 45ª Edição, Ed. Ática. Livro 3, 1995.

BERRY, A. A short history of Astronomy. New York: Dover Publications Inc, 1961.

BOCZKO, R. Conceitos de Astronomia. São Paulo: Blucher, 1984.

BORGES, A. T. et. al. Os planos dos estudantes para resolver problemas práticos. In: Revista Brasileira de Ensino de Física.  2005.

BRETONES, P. S. Disciplinas introdutórias de Astronomia nos cursos superiores do Brasil. Dissertação (Mestrado), Instituto de Geociências, UNICAMP, 1999.

CAMINO, N. Ideas previas y cambio conceptual en astronomía. Un estudio con maestros de primaria sobre el día y la noche, las estaciones y las fases de la luna. Enseñanza de las ciencias, v.13, n.1.

CANALLE, J. B. G. O Problema do Ensino da Órbita da Terra. Física na Escola. V.4, n.2, 2003.

CANTARINO, C. Profissionais e amadores no universo da astronomia. Com Ciência, 10 de agosto de 2007.

CLARKE, B. Individuals and Points. Notre Dame Journal of Formal Logic 26: 61-75. 1985.

CREASE R. P. The Prism and the Pendulum: the ten Most Beautiful Experiments in Science. 2006.

CREPUSCULAR RAYS. Weather Photography lightning, clouds, atmospheric optics & astronomy. Harald. 2012.

COWLEY. Formation & Perspective. 2012.

DAMASIO, F. O início da revolução científica: questão acerca de Copérnico e os epiciclos, Kepler e órbitas elípticas. Revista Brasileira de Ensino de Física v.33, n.3. 3602, 2011.

DOGGETT, LE (1992), “Calendars”, in Seidelmann, P.Kenneth, Explanatory Supplent to the Astronomical Almanac, University Science Books, IBSN O-93502-68-7.

DREYER, J. L. E. History of the Planetary Systems from Thales to Kepler. Cambridge, 1906.

DUANE, W. Roller. Eratosthenes’ Geography. Fragments collected and translated. Princeton: Princeton University Press, 2010, pp. 18.

DUNHAM, W. Journey Through Genius. New York:  Penguin Books, 1990.

DUTKA, J. Eratosthenes’ Measurement of the Earth Reconsidered. Archive for History of Exact Sciences 46, 1993.

GASPAR, A. Física 2 São Paulo: Ática, 2000.

GÉMINOS. Introduction aux phénomènes by Germaine Aujac; Autolycos de Pitane. La sphère en mouvement, Levers et couchers héliaques, Testimonia. (Collection des Universités de France) by, 1980.

GOLDSTEIN H et. al. Classical Mechanics – 3a. ed., Prentice Hall, 2002. Disponível em: https://docs.google.com/file/d/0B5nvP_eIBydjYWMwMDhhY2QtNzBmOS00NGM5LWE3NWQtZjFiN2NlNTk3ZTNj/edit.

GONÇALVES FILHO, A. TOSCANO, C. Física e Realidade. v.2. São Paulo: Scipione, 2011.

GROTZINGER, John; JORDAN, Tom. Para Entender a Terra – 6.ed., Bookman Editora, 2013, ISBN 8-565-83782-3.

GULBEKIAN, E. The Origin and Value of the Stadion Unit used by Eratosthenes in the Third Century B.C. Archive for History of Exact Sciences 37, 1987.

HAND, L. N.; FINCH, J. D. Analytical Mechanics. 1a. ed., Cambridge University Press, 1998.

JOHN, A. The Book of Clouds, Sterling Publishing Company, Inc., ISBN 9781402728136, 2005.

KATZ, V. J. A History of Mathematics. 2nd ed. New York:  Addison Wesley Longman, 1998.

LANCIANO, N. Ensino de Astronomia na Escola: Concepções, Ideias e Práticas. editado por LONGHINI, Marcos Daniel (org.). Capítulo 9. Campinas: Átomo, 2014.

LANGHI, R. NARDI, R. Ensino de Astronomia no Brasil: Educação formal, informal, não formal e Divulgação Científica. Revista Brasileira de ensino de Física, 2009.

LASKY K. O Bibliotecário que mediu a Terra. Rio de Janeiro. Salamandra, 2000.

LIMA, L. S. Lei de Lambert–Beer, Rev. Ciência Elem., 2013 V1(1):047. Disponível em: DOI http://doi.org/10.24927/rce2013.047.

LONGHINI, M. D. Átomo. Campinas, 2014, p. 169.

LONGHINI, M. D. e MORA, I. M. em: Educação em Astronomia na Escola: Experiências e Contribuições para a Prática Pedagógica, editado por M.D. Longhini. Átomo, Campinas, 2010.

MACHADO, A. Geometria Descritiva. São Paulo: Projeto Editores Associados, 26° ed. p. 306, 1986.

MANTECON, M. C. V. Estudios de Historia Moderna y Contemporánea de México. vol.16, 1998.

MATTHEWS, M. R. Science teaching: the role of history and philosophy of Science. Nova York Routledge, 1994.

MÁXIMO, A.; ALVARENGA, B. Curso de Física – Volume 1. Editora Scipione, 1 Edição. São Paulo, 2011, ISBN: 978-85-262-7700-7-AL.

MOURÃO, R. R. F. Dicionário Enciclopédico de Astronomia e Astronáutica. Rio de Janeiro: Nova Fronteira, 1987.

PRECESSÃO. Universidade Federal do Rio Grande do Sul. Consultado em 14 de janeiro de 2011.

PRÍNCIPE Jr. Alfredo dos Reis. Geometria Descritiva. V. 1 e 2, 1970.

QUEIROZ, G. P.; LIMA, M. da C. B.; VASCONCELLOS, M. das M. N. Física E Arte Nas Estações Do Ano. Revista Latino-Americana De Educação Em Astronomia, 2004.

SACROBOSCO, J. de. Tractatus de sphæra / Tratado da esfera [1478]. Editado e traduzido por Roberto de Andrade Martins. [Edition and Portuguese translation of Johannes de Sacrobosco’s Treatise on the sphere]. Campinas: Universidade Estadual de Campinas, 2006.

SAGAN, C. [1980]. Cap.1 – As fronteiras do oceano cósmico. Cosmos. Rio de Janeiro: Francisco Alves, 1982.

SANTIAGO, Basílio. Movimento Anual do Sol. encontrado em: https://www.if.ufrgs.br/oei/santiago/fis2005/textos/SC0.htm, acesso: Abril, 2021

SILVEIRA, F. L. da.  Sobre a forma da terra. A Física na Escola (Online), 2017.

SPECK, J. H. e PEIXOTO, V. V. Manual Básico de Desenho Técnico. Florianópolis Editora da UFSC, 1997.

TREVISAN, R. H. et al. Assessoria na Avaliação do Conteúdo de Astronomia dos Livros de Ciências do Primeiro Grau. Caderno Catarinense de Ensino de Física. 1987.

TIPLER, P.; MOSCA, G. Física. Volume 1 a 3, 2009.

WALKER, J. O Grande Circo da Física. Lisboa: Gradiva, 1990.

ZEILIK, M. Astronomy: the evolving universe 9 ed. USA: Cambridge University Press, 2003.

[1]  APPENDICE – NOTA A PIÈ DI PAGINA

La Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento, per il suo carattere rispettabile, che valorizza l’imparzialità e la trasparenza del lavoro che svolge, si presenta al pubblico per chiarire che le sue pubblicazioni sono revisionate tra pari, non identificate tra loro, così come con l’autore dell’articolo. Tutti i nostri revisori ed editori partner hanno come principio il rispetto per la scienza e il suo carattere in continua evoluzione. Crediamo che mettere in discussione e contestare sia parte del processo di crescita della scienza, poiché nulla è statico su questo globo.

Apprezziamo l’imparzialità nella diffusione delle conoscenze scientifiche, pertanto, non leghiamo l’accettazione dell’articolo al titolo accademico del ricercatore, al fine di rendere l’ambiente accademico scientifico un luogo democratico e accessibile a tutti!

Per quanto riguarda il materiale intitolato: “Contestazione del modello astronomico eliocentrico, delle sue affermazioni, dell’incidenza dei raggi del sole, dell’esperimento di Eratostene e dell’orbita eccentrica di Venere”, pubblicato dall’autore: Ivete dos Santos Fernandes, pur presentando alcuni punti sensibili, suscettibili di essere argomentato attraverso la produzione di altro materiale scientifico, e il suo linguaggio non accademico, porta considerazioni e interrogativi che meritano di essere considerati, confutati o provati, e perfino messi alla prova dall’intera comunità scientifica accademica.

Siamo a vostra disposizione per ricevere qualsiasi materiale che possa contribuire alle discussioni sollevate dall’autore.
Ricordiamo inoltre che, indipendentemente dalla coerenza dell’articolo e dalla sua validità scientifica o meno, in ambito accademico deve prevalere il rispetto reciproco e le obiezioni devono essere rivolte alle argomentazioni portate dagli autori. I commenti non dovrebbero essere basati su semplici dimostrazioni di odio gratuito. Eventuali controversie presentate dall’opera devono essere risolte punto per punto senza aggredire l’autore.

Saluti

Revisore capo

[2] Laurea in Scienze esatte.

Inviato: Ottobre 2020.

Approvato: Febbraio 2021.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here