Educazione fisica e attività di svago: il ruolo di giocosità nello sviluppo del bambino

0
1165
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

FARIA, Bruna Barcelos [1]

Costa, Célia Regina Bernardes [2]

FARIA, Bruna Barcelos; COSTA, Costa, Célia Regina Bernardes. Attività di educazione fisica e per il tempo libero: il ruolo della giocosità nello sviluppo del bambino. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 9. pp. 136-155, ottobre/novembre 2016. ISSN. 2448-0959

RIEPILOGO

È attraverso esperienze ludico il bambino conosce e riconosce la propria identità e può essere visto come unica, complessa e individuale. Secondo Garanhani (2002), sulla prima infanzia costituisce il corpo in movimento il Basic matrice di apprendimento dal fatto gestazione i significati dell'apprendimento, cioè il bambino in quale simbolo possa sperimentare corporalmente, e il tuo pensiero è costruito, principalmente sotto forma di azione, rotolare, strisciare, camminare, correre, guardare, imitare, creare, saltare, girare e giocare finzione , il bambino sarà edificio sensi circa il mondo, assegnando nuovi significati agli elementi della realtà e, inoltre, impostando l'identità personale e collettiva, in un processo di produzione culturale. Per essere un programma di studi obbligatorio di componente, educazione fisica è un'area che organizza, sintetizza, costruisce e produce conoscenza, basata su obiettivi e principi pedagogici. Questa ricerca è parte di come un lavoro finalizzato alla comprensione del ruolo di giocosità nello sviluppo del bambino attraverso la pratica di educazione fisica. La metodologia utilizzata in questo studio è stato attraverso la ricerca in articoli scientifici, libri e siti Internet. Dopo gli studi, è stato possibile realizzare attività ludiche sono ingredienti essenziali nel processo di crescita, di sviluppo e di apprendimento dei bambini in questa fase della vita.

Parole chiavi: bambino. Educazione fisica. Giocosità. Psicomotricità.

INTRODUZIONE

La giocosità è un tema che viene conquistato spazio nel panorama nazionale. La giocosità un'attività focalizzata sulla ricreazione e tempo libero, offre grande contributo all'educazione della prima infanzia, favorendo l'apprendimento, la produzione di conoscenza e il miglioramento del corpo, sviluppare aspetti di emozione, per piacere, di affettività, salute e benessere dei bambini in questa fase di sviluppo.
Secondo Pires (2001) la parte giocosa del mondo dei bambini, attraverso il gioco bambino si appropria del mondo in modo semplice e gioioso. La giocosità è vista come un'azione di formazione integrata e radicata nella comunicazione, lingua e movimenti naturali del bambino. Essa mira a standardizzare ed esperienze di perfezionamento condotta globale degli esseri umani, attraverso il senso-motorio, affettivo, cognitivo, emotivo e sociale. Per praticare attività ricreative, i bambini svilupperanno loro abilità motorie e la capacità a beneficio della sua crescita e sviluppo.
In questo contesto lo sviluppo di esperienze ludico nella prima infanzia educazione offre un divertimento e apprendimento educativo, così un fattore positivo nella vita di un bambino, permettendo di conoscere, vivere e sognare. Il giocoso contribuisce in modo significativo alla pratica del movimento del corpo, compreso nel affettivo aspetti-sociale, cognitivo e fisico da sviluppare interventi pedagogici.
Così, questa ricerca è come un lavoro che cerca di comprendere l'importanza di giocosità in educazione della prima infanzia e le sue interfacce con l'educazione fisica. Ha un carattere qualitativo, perché essa mira a comprendere il ruolo della giocosità in motore bambini pratica, allo scopo di migliorare le prestazioni nell'apprendimento e riconosce gli elementi di base del movimento, ad esempio: corpo schema, manualità nel complesso e occhio-mano, coordinazione motoria, struttura spaziale, strutturazione temporale, tra gli altri aspetti funzionali di sviluppo motorio, evidenziando il ruolo dell'educatore nella giocosità e sviluppo del bambino.

Così l'aspetto ludico è strettamente legato alla pratica dell'educazione fisica, perché mentre giocando i bambini esprimono i loro sentimenti, le loro emozioni, le loro interazioni, migliorano la memoria e il ragionamento, così allegro e piacevole, permettendo l'insegnante un'analisi completa del discente, che mira allo sviluppo globale del bambino in questa fase di sviluppo.

METODOLOGIA

La metodologia utilizzata in questo studio sarà la revisione di letteratura, per la ricerca di articoli pubblicati nei dati scientifici online, come Google Scholar.

Dati raccolta web-saggio, svolge tra febbraio e ottobre 2016, sarà guidato da articoli pubblicati tra il 2006 e il 2016; con l'uso delle parole chiave: giocosità, sviluppo del bambino, attività ricreative ed educazione fisica. Selezione delle fonti sarà prese in considerazione come criterio le bibliografie che si occupano di educazione fisica, soprattutto l'attività ludica.

Per raggiungere i risultati previsti nel presente attraverso la ricerca saranno analizzati e discussi, affrontando tutti i vantaggi di attività ludica, inserito nel contesto della formazione di fisica della scuola di studi.

1 storia e l'evoluzione di trascorrere il tempo LIBERO

La giocosità di parola deriva dal latino ludus, significato gioco. Così, il gioco è caratterizzato come movimento spontaneo, raggiunto attraverso l'azione di gioco. Lo studio di psicomotrocidade ha portato il giocoso come tratto essenziale del comportamento umano, essendo un bisogno fondamentale di corpo, mente e personalità. "In attività ludica, ciò che conta non è solo il prodotto dell'attività, i suoi risultati, ma l'azione stessa, il movimento ha vissuto". (ALMEIDA, 2009)

Fin dai tempi più remoti l'essere umano produce cultura, ovvero l'insieme di codici simbolici riconoscibili all'interno di una comunità. Il gioco, sport, danza e le lotte hanno come rappresentazione di corpo di origine comune, con caratteristiche di giocosi, che sono stati incorporati per l'educazione fisica moderna adatta.  (PARAMETRI DI CURRICULUM NAZIONALE, 1997)

I greci e i latini ha portato le prime discussioni sull'associazione del giocattolo al bambino, sia nel design antico o moderno, il giocattolo è caratterizzato come la rappresentazione simbolica del mondo reale. Attualmente, la pratica di insegnamento che concepisce la giocosità come proposta didattica mira a prendere lo studente all'ambiente sociale, conoscere il mondo attraverso l'immaginazione e assimilare le regole attraverso i giochi. (CINTRA, PROENÇA JESUINO, 2010)

Esercizi giocosi di fornire uno sviluppo armonioso del bambino, per il gioco e giocattolo coinvolgono una convivialità sociale, oltre a sviluppare l'affettività e la salute mentale. Il giocoso contribuisce allo sviluppo complessivo dell'individuo, rendendo nel processo di costruzione e di espressione del pensiero. (CEBALOS et al., 2011).

Le situazioni giocose, competitive o non, sono favorevoli contesti di apprendimento, perché consentono l'esercizio di una vasta gamma di movimenti che richiedono l'attenzione dello studente nel tentativo di farli funzionare in modo soddisfacente e del caso. Essi comprendono la possibilità di ripetizione per manutenzione e piacere funzionale e la possibilità di avere diversi problemi da risolvere. Inoltre, il fatto che il gioco sia un momento di interazione sociale molto significativa, le questioni sociali sono motivazione sufficiente per l'interesse per l'attività viene mantenuto. (PARAMETRI DI CURRICULUM NAZIONALE, 1997)

La giocosità ha ruolo vitale nello sviluppo del bambino. Il sembiante, di giochi, Giocattoli e giochi, è importante nella formazione del bambino, i valori etici e fiducia nel proprio ambiente di apprendimento. Per superare le barriere che giochi propongono forma giocoso, bambini riconoscono più tardi come meglio agire in determinate situazioni di vita quotidiana.  Il divertimento e i giochi sono presenti in tutte le fasi dello sviluppo umano, essendo il mezzo essenziale attività ludica di competenze interpersonali, stimolare la creatività. (IAVORSKI; VENDITTI JUNIOR, 2008)

1.1 infanzia concetto

La parola deriva dal latino "nell'infanzia", che significa che non e "Francia", che significa capacità di discorso. Così, l'infanzia è caratterizzata dall'assenza di discorso e la presenza di comportamenti irrazionali. Infanzia contrasta fino all'età adulta, perché questi comportamenti irrazionali sviluppano nell'adulto individuo, con la ragione. (LIMA, 2009)

Secondo il dizionario Michaelis (2016), l'infanzia è il periodo della vita, l'essere umano, dalla nascita fino all'inizio dell'adolescenza; bambini in generale."  Lo statuto del bambino e adolescente, nella sua arte. In secondo luogo, afferma che il bambino, per fini legali, è "la persona fino a dodici anni di età" e "incompleto uno tra i dodici e i diciotto anni. ”

Al giorno d'oggi, è evidente la differenza tra il bambino e le altre persone perché con lo sviluppo del sistema educativo, c'era una separazione dal gruppo di età. Attraverso le determinazioni naturali, persone mettere significati in ogni fase della vita, determinando i loro ruoli sociali. (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011). Complementi (2007) Kramer:

I bambini sono soggetti sociali e storici, contrassegnate, pertanto, le contraddizioni delle società in cui sono inseriti. Il bambino non è di essere qualcuno che non sei, ma che diventerà (adulto, il giorno si smette di essere un bambino). Riconosciamo che ciò che è specifico dell'infanzia: suo potere dell'immaginazione, la fantasia, la creazione, lo scherzo è inteso come esperienza culturale. (KRAMER, 2007 apud RODRIGUES, 2009)

L'infanzia è il periodo in cui il bambino gioca, soddisfare le loro esigenze e interessi attraverso l'immaginazione. La giocosità dei giochi dà al bambino una riflessione e riordino del suo mondo privato. Lo scherzo è il modo di lavorare del bambino, di studiare l'ambiente che lo circonda. (DALLABONA; Mendes, 2008)

L'idea di infanzia in realtà non può essere disgiunta dalla storia di diversi punti di vista attorno al bambino che hanno contribuito alla sua attuale condizione. In altre parole, il concetto di infanzia è stato costruito storicamente e riflette i valori presenti nella società in diversi periodi. (BERNARTT, 2009)

La definizione di infanzia è strettamente legata al suo contesto storico e a guardare l'adulto ha vis-à-vis il bambino. La società è in costante trasformazione, ogni periodo in cui il bambino è entrato nella comunità evidenzia la loro condizione sociale, non solo un essere vivente e biologico. (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011)

1.2 il bambino in momenti storici diversi

I bambini sono sempre esistiti, ovviamente, in tutti i periodi dell'umanità. Tuttavia, è il trattamento sociale/famiglia destinato a loro che induce il concetto di infanzia in ogni periodo. (BERNARTT, 2009)

Nell'antichità, la struttura economica provocata dalla formazione delle prime città, sorsero le prime scuole. Secondo Platone, i bambini dovrebbero iniziare ad essere sollevato a sette anni di età, partecipando giochi sotto sorveglianza e in posizione adatta. Lo sport ha avuto alto valore educativo, che formano il carattere e la personalità infantile. In questo periodo anche i primi giocattoli, assimilati come facilitatori del movimento; erano bambole, cavalli, ossa e archi. (CINTRA, PROENÇA JESUINO, 2010). Tuttavia, è cambiato questo ideale dell'infanzia:

Dalle invasioni barbariche del v secolo, giocattoli lasciano completamente per essere evocato. Solo alcuni rari testi che parlano di bambini educati nelle istituzioni religiose evocano archi e bastoni così piuttosto imprecisi. (CINTRA, PROENÇA JESUINO, 2010)

Il concetto di infanzia e il suo record storico tardivamente sono state fatte, perché il bambino nei secoli passati non era visto come un individuo diverso da quello dell'adulto. Si è verificato l'esistenza dell'infanzia come una categoria autonoma solo tra i secoli 16 ° e 18 °.  (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011)

Nelle prime fasi della civiltà, le condizioni dei bambini erano molto povere, essendo la morte dei bambini qualcosa di molto comune. I bambini sono stati sopportati solo se il capo della famiglia così determinare, l'aborto e la enjeitamento delle pratiche legali e bambini comuni. (BERNARTT, 2009)

Durante il Medioevo, il bambino era visto come un "piccolo adulto", svolgono le stesse attività degli anziani. Infanzia è stato inteso come uno stato di transizione della vita, in assenza di qualsiasi trattamento speciale significato per loro, che hanno favorito l'elevata mortalità. Quando il bambino completato sette anni è stata presa a casa di una famiglia strana, con l'obiettivo di imparare interno servizi, indipendentemente dalla classe sociale in cui è stato inserito. Il bambino stava imparando in pratica. Ariès (2006) afferma che: "era attraverso il servizio che Maestro trasmessa a un bambino, non suo figlio, ma il figlio di un altro uomo, il bagaglio di conoscenze che potessi avere." (AIRÈS, apud 2006 RODRIGUES, 2009)

Durante il Medioevo, prima che i bambini di scuola, questi e gli adulti condiviso gli stessi luoghi e situazioni, siano esse nazionali o partito. Nella società medievale non c'era nessuna divisione territoriale e le attività in base all'età degli individui, non c'era alcun senso di infanzia o in una rappresentazione elaborata di questa fase della vita. (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011)

Famiglie in questo periodo erano numerose, quasi non esistente legami di affinità tra le sue componenti. La gente viveva per strada, al lavoro o alle feste e preghiere. Il bambino è stato visto come sostituibile, essendo allarmanti i tassi alti di infanticidio al momento. (2006)

Durante l'età moderna, il periodo di transizione dal feudalesimo al capitalismo, non c'erano cambiamenti significativi nella società europea, che riflette il concetto di organizzazione di infanzia, famiglia e scuola. Il bambino è diventato la famiglia centro, essendo una fonte di gioia e di soggetto che erano dispensato cura e attenzione.  (RAO, 2009)

Il Rinascimento ha portato questa proposta della centralità del bambino, come soggetto importante all'interno del contesto sociale, che sarà addestrato e istruito per essere un buon cittadino, protagonista del suo destino. "Riconosciuto la specificità dell'infanzia, poi crack e comprenderla al fine di educare voi. "(BERNARTT, 2009)

Durante la rivoluzione industriale, i bambini delle classi inferiori sono stati educati in un hotel molto essenziale, solo per loro di essere preparando come lavorazione delle tante fabbriche del tempo. Per la borghesia ha esistito scuola secondaria, formatori di "teste", vale a dire, per insegnare a coloro che sostituirebbe i proprietari delle fabbriche. Per questi aveva istruzione superiore, in università o in grandi scuole. (RAO, 2009)

Oggi, i bambini sono istruiti dalla tenera età, come la maggior parte delle madri è necessario lasciarle in asili o istituzioni educative a lavorare. (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011). La Costituzione federale del Brasile del 1988 proclama come diritto sociale la scolarità dei bambini, a titolo gratuito. Il cambiamento di questo orientato al benessere una priorità la cura da adottare con i bambini, come pure la preparazione dei professionisti che si prenderà cura di questi bambini. (BERNARTT, 2009)

Gli esperti figli dicono che attualmente non esiste una linea molto sottile che separa l'età adulta dell'infanzia. Cambiamenti sociali che collaborano principalmente al vasto mondo delle informazioni che i bambini hanno accesso attraverso le nuove tecnologie. (Nascita; BRANCHER; OLIVEIRA, 2011)

Società moderna sta vivendo un paradosso. Infanzia è ben determinato in teoria, ma in pratica c'è una difficoltà di rapporto con le popolazioni infantili. Sua infanzia sarebbe, in questo contesto, scomparendo, tutto a causa di violenza, povertà e figlio del lavoro, che rimuovere il mondo giocoso di piccolo; così come la tecnologia che consente il contatto del bambino con adulti informazioni, facendo vivere in un'epoca che ancora non è tua. (RAO, 2009). Levin (2015) ritiene che infanzia non è finita, ma i bambini hanno oggi delle preoccupazioni adulte come il successo e buone prestazioni. Si tratta di un cambiamento radicale, rinnovando i concetti di Jean Piaget e altri scienziati educatori/teorico.

2 il corpo, il movimento e le PRATICHE PEDAGOGICHE dell'EDUCAZIONE FISICA

La psicomotricità è la scienza che ha come oggetto di studio "l'uomo attraverso il suo corpo, specialmente il movimento". (Angolo; BARBOSA, 2010). Le Boulch (1982) concettualizza la psicomotricità è una scienza che "studia la relazione tra il movimento umano e l'intenzione di portarlo fuori, che si verifica tra di loro, unendo l'azione sui muscoli del sistema nervoso con le sensazioni e le emozioni dell'individuo". (BARBOSA; SILVEIRA; OLIVEIRA, 2014)

I movimenti del corpo umano sono presenti anche prima della nascita, essendo parte dell'individuo anche involontariamente. Sopravvivenza del movimento, allo stesso modo che il corpo ha bisogno di acqua e cibo, il corpo deve muoversi come rimanere vivi. In questo modo, da quando ero un ragazzino, l'essere umano utilizza movimenti per soddisfare le loro esigenze di base. (PORTALE DI EDUCAZIONE FISICA, 2012)

Il corpo e il gesto sono essenziali per la costruzione dell'uomo, essendo i movimenti "conoscenze che abbiamo acquisito senza sapere". Il bambino, essere costretti a essere ripetutamente con il corpo statico, possa sviluppare disturbi come iperattività, depressione bambino o anche anoressia e bulimia. È importante sottolineare che è diventato infanzia nel corso del tempo, essendo il bambino preso responsabilità e maturazione precoce. Il movimento favorisce un sano rapporto con il proprio corpo, oltre a sviluppare un apprendimento piacevole. (LEVIN, 2015)

Si può anche presumere che la psicomotricità è l'educazione del/dal movimento, che agiscono per il cognitivo attraverso il rapporto tra pensiero e azione. Il psicomotorio si distingue anche come uno strumento o metodo pedagogico di insegnamento, soprattutto dei bambini, vale a dire in bambini in età prescolare, al fine di stimolare il corpo e la mente. (Angolo; BARBOSA, 2010)

Lo sviluppo del motore è relativo alle esperienze interne ed esterne della persona umana, dalla nascita alla morte. Così, lo sviluppo del motore è unico e individuale, che accade tutto il tempo. Avanzamento lavoro sull'aspetto psicomotorio durante la serie iniziale può influenzare positivamente nelle azioni della persona stessa e con gli altri componenti del gruppo sociale, attraverso il campo delle capacità psico-fisico, che agisce consapevolmente, pianificata e critica logica, secondo le proprie esigenze particolari. (BARBOSA; SILVEIRA; OLIVEIRA, 2014)

2,1 elementi di base del movimento

2.1.1 corpo dello Schema

Schema corporeo è la capacità del tuo bambino a riconoscere la loro esistenza e il suo corpo, in grado di separare la propria individualità. Il movimento è legato alla combinazione di corpo, perché stimola la conoscenza di ogni parte del corpo umano, compreso il sistema nervoso, responsabile per la parte sensoriale. (Angolo; BARBOSA, 2010).

Per Wallon (1974) lo schema di corpo "è la rappresentazione globale relativamente scientifica e differenziata, che il bambino ha il suo proprio corpo." Lo schema del corpo è indispensabile per la formazione della personalità del bambino, derivanti da esperienze e sensazioni vissute. Come il bambino usa il suo corpo, lei costruisce il suo bagaglio mentale. (PORTAL DI FORMAZIONE, 2013)

Le Boulch (1986) afferma che l'organizzazione degli aspetti sensoriali del corpo è fondamentale per lo sviluppo del bambino e l'iniziazione delle sue possibilità di azione. Con corpo statico o in movimento, con altre persone o con strumenti che sono nell'ambiente, il bambino stabilisce relazioni affettive ed emotive. (HAWK, 2010)

La nozione di corpo in Psicomotricità non valuta la sua forma o relativi successi, Cerca un altro percorso di analisi che si concentra maggiormente sullo studio della sua rappresentazione psicologica e linguistica nelle sue relazioni e inseparabile con il potenziale di apprendimento. La nozione del corpo come una nozione costruito dal bambino acquisisce un significato cui integrazione è alla base delle funzioni psichiche superiori. (FONSECA, 2012)

Lo schema del corpo è diviso in tre fasi: corpo vissuto (fino a tre anni) sono i primi movimenti del neonato, in virtù dell'imitazione di un'altra mossa, dove il bambino ha vissuto esperienza attraverso la ricerca dell'ambiente che lo circonda; corpo realizzato o scoperto (tre a sette anni) è caratterizzata, secondo le parole di Le Boulch (1986) come "funzione di riflessione", nel quale il bambino passa loro attenzione dell'ambiente che lo circonda per il proprio corpo, perfezionando i loro movimenti; Infine, il corpo rappresentato (sette a dodici anni) capisce la nozione di struttura del corpo, dove il bambino prende coscienza delle parti che compongono il vostro corpo, essendo la rappresentazione mentale dell'immagine del corpo, l'aspetto cognitivo. (HAWK, 2010)

2.1.2 coordinamento ampia

"Il coordinamento generale o ampia motricità è l'azione simultanea di diversi gruppi muscolari nell'attuazione dei movimenti volontari, grandi e relativamente complessi." (BARBOSA; SILVEIRA; OLIVEIRA, 2014)

Questo coordinamento è dipenda sul controllo posturale e la manipolazione e la sperimentazione la persona cerca suo asse del corpo, coordinare i movimenti in cerca di equilibrio. Attraverso la motricità globale, il bambino acquisisce vari movimenti contemporaneamente, soprattutto quelli di tutti i giorni più come correre, saltare, rotolare e saltare. (HAWK, 2010)

2.1.3 capacità motorie

Capacità motorie è "l'abilità manuale e manualità che costituiscono un particolare aspetto del coordinamento globale." Attraverso le competenze acquisite nella raffinatezza del movimento del dito, il bambino indaga gli oggetti che compongono l'ambiente, l'acquisizione di nuove conoscenze. (HAWK, 2010)

 

La mano, considerata più complesso mondo animale, l'unità di potenza è in gran parte l'architetto della civiltà e, naturalmente, l'architetto dell'intelligenza nei bambini e negli uomini. La mano è diventato, in termini antropologici, un migliore e più efficace mezzo di sfruttamento dal mondo esterno e anche del proprio corpo, che permette il riconoscimento degli oggetti di consistenza, forma, temperatura, ecc. Allo stesso tempo, fatto suo strumento di hold, forti e precisi, consentire la manipolazione di piccoli oggetti con cui creati strumenti e utensili. (FONSECA, 2012)

Attraverso le capacità motorie è possibile gestire piccoli oggetti, disegno e pittura. Attraverso lo sviluppo di movimenti precisi e delicato bambino, c'è anche la raffinatezza delle competenze che l'accompagnano per tutta la vita. (LOUREDO, 2016)

2.1.4 equilibrio

"L'equilibratura riunisce un insieme di abilità statiche e dinamiche, che copre il controllo posturale e lo sviluppo delle acquisizioni." (FONSECA, 2012)

L'intero coordinamento del movimento è sostenuto dall'equilibrio del corpo, che permette la regolazione dell'uomo con il suo ambiente. Il centro di gravità dovrebbe essere sull'asse delle azioni muscolari, sostenere il corpo. Il saldo può essere statico (con proprio stand o sollevare i talloni, mantenendo la maggior parte della suola nel suolo); dinamico (come andare in normali condizioni di guida su un percorso predeterminato); e recuperati (è la posizione di equilibrio dopo una oscillazione). (HAWK, 2010)

2.1.5 lateralità

"È la capacità di sperimentare i movimenti utilizzando, per questo, entrambi i lati del corpo." (BARBOSA; SILVEIRA; OLIVEIRA, 2014).

Possibilità di avere nozioni di sinistra e destra, dove c'è una predominanza, uditiva e sensoriale-motoria degli arti superiori e inferiori. I due poli dell'organismo sono complementari. La lateralità della persona che possiede la predominanza del lato destro (cioè, esegue le sue funzioni più comuni con la mano, piede e occhio destro) viene chiamato destrorso o omogenea; Se la prevalenza è sul lato sinistro, l'individuo è lasciato mano o sinistri omogeneo; Se la persona ha spontanea dominanza su entrambi i lati è ambidestro; Se si utilizza la mano sinistra, l'occhio e il piede destro (o qualsiasi altra combinazione) è una croce-lateralità. (HAWK, 2010)

2.1.6 organizzazione spazio-temporali

"L'organizzazione spazio-temporale è la capacità dell'individuo dovrà essere situata e messa a fuoco in relazione a oggetti, persone e il suo corpo in un dato spazio." (JANSSEN, 2015)

La percezione del mondo, dal corpo dell'individuo, sviluppando le loro percezioni dello spazio e del tempo. Lo sviluppo di queste abilità motorie è molto importante durante la serie iniziale di scuola elementare, in modo da formare una solida base per poi leggere e comprendere la lingua scritta. (MEDINA; Rosa; MARQUES, 2006)

La costruzione della nozione di spazio – tempo psicomotorio è fondamentale per la vita quotidiana. Attraverso gli stimoli psicomotori, il bambino comincia il processo di alfabetizzazione, oltre a trovare ciò che è rimasto e destra, sopra o sotto di voi, come pure in relazione a altra persona. (JANSSEN, 2015)

3 IMPORTANZA di PRATICHE LUDICHE in EDUCAZIONE FISICA

La giocosità è un tema attuale, che è l'epicentro delle discussioni pedagogiche. Il giocattolo è l'essenza dell'infanzia, che consente un lavoro pedagogico ampio. Il gioco e il gioco promuovere la salute fisica, emotiva e mentale, intrinseca all'uomo essendo da tempo immemorabile. (Mauritius, 2008)

Vygotsky (2007) afferma che gioca "è un'attività umana creativa, in cui l'immaginazione, la fantasia e la realtà interagiscono nella produzione di nuove possibilità di interpretazione, di espressione e di azione per i bambini. "(RAO, 2009)

Il gioco deve essere visto non solo come un hobby, ma come un processo di sviluppo del bambino nel contesto scolastico. In questo modo, il bambino esprime la sua creatività per costruire il proprio. (Mauritius, 2008)

Nel gioco il bambino ha la possibilità di strutturare il tuo schema corporeo il tuo rapporto con lo spazio, espandere l'uso del movimento e stimolare il loro affetto. Inoltre, il gioco e il gioco hanno il vantaggio di lavorare le sue frustrazioni in quanto perde o VINCE, il bambino deve condividere momenti collettivi per soddisfare il desiderio di giocare e imparare a vivere in un gruppo. (Angolo; BARBOSA, 2010)

Educazione fisica è un argomento abbastanza accettato dagli studenti, soprattutto quando si tratta di bambini. Modest & Rubio (2014) sostengono che l'aspetto ludico è uno strumento importante nel processo di apprendimento. Il metodo è ancora più efficace nei bambini, poiché i sogni dei bambini si mescolano con la realtà, che facilita l'uso del pensiero, concentrazione, sviluppo sociale, personale e cultura, rendendo il processo di costruzione del pensiero.

In generale, il giocoso sviluppa aspetti cognitivi, sociale e affettivo motore. (CEBALOS et al., 2011). Bambini che giocano con partite che coinvolgono disputa di squadre, scoprire i partecipanti di un ambiente sociale. (MODESTO; RUBIO, 2014). Smettere di pensare individualmente, il più piccolo legame affettivo, avvicinando quelli identificati, creazione di collegamenti, che spesso sarà per la vita.

Oltre a queste aree, gli esercizi giocosi sono attivi nello sviluppo cognitivo e motorio diretto. Il bambino si muove, salta, si trasforma, striscia, imita, salta… Utilizza il tuo corpo una forma completa. E anche, per la risoluzione dei dilemmi offerti da esercizi, la piccola forza di espansione mentale, sviluppando il tuo cognitivity. "È per tutti questi motivi che la giocosità è una necessità dell'essere umano a qualsiasi età e può essere visto non solo come intrattenimento, ma anche come apprendimento." (IAVORSKI; VENDITTI JUNIOR, 2008)

3.1 il ruolo della scuola, l'insegnante e la famiglia nel giocoso

Secondo il National Curriculum per educazione della prima infanzia, cura umana è capire come si aiutano a vicenda a svilupparsi come un essere umano. Attraverso il gioco, le famiglie e gli educatori scuola possono aiutare i bambini a sviluppare le loro capacità e potenziale, che coinvolgono dimensioni affettive, sociali, di bambini cognitivo e motorio. (RIFERIMENTO CURRICULARI per educazione della prima infanzia, 1998)

La giocosità, come sopra, prevede momenti di divertimento, ma è accuratamente legate alla salute sia fisica che psicologica. All'interno della scuola, nella disciplina di educazione fisica deve essere giocose proposte per sviluppare il corpo nel suo complesso. (IAVORSKI; VENDITTI JUNIOR, 2008)

Tutti i bambini sanno almeno un gioco o un gioco che coinvolge il movimento. Questo repertorio di eventi culturali possa provenire da fonti come la famiglia, gli amici, televisione, tra gli altri ed è qualcosa che può e deve essere condiviso a scuola. È essenziale che lo studente si sente apprezzato e sostenuto a tutti i momenti della loro scolarizzazione e, nel ciclo iniziale, in cui stanno stabilendo i loro legami con tale istituzione, il fatto di essere in grado di portare qualcosa della loro vita quotidiana, da esperienza personale, favorisce il suo adattamento alla nuova situazione. (PARAMETRI DI CURRICULUM NAZIONALE, 1997)

L'insegnante funge da mediatore.  L'attività ludica e lo studente devono connettersi. Gli studenti quando completamente capire l'intento dello scherzo e l'uso del giocattolo, godere di risultati di maggiore impattanti. Secondo il national curriculum parametri, l'insegnante deve avere un carattere di multi-purpose, lavorando sempre contenuti di varia natura, in dialogo con le famiglie e la Comunità a sviluppare un buon lavoro. Pratica diretta con il bambino richiede osservazione, registrazione, pianificazione e valutazione. (RIFERIMENTO CURRICULARI per educazione della prima infanzia, 1998)

L'istituzione educativa, nel momento in cui che la funzione del motore diventa un'attività del bambino, deve essere attento allo spazio dato al movimento quotidiano, che incorpora vari significati. Gli studenti disciplinati non sono chi rimane silenzioso e immobile, ma piuttosto coloro che si sono mobilitati per partecipare alle attività proposte. Il carattere ludico espressivo dovrebbe essere intesa come una manifestazione naturale del bambino, che dovrebbe essere diretto dal professor, sempre in cerca di soddisfare le esigenze dei bambini. (RIFERIMENTO CURRICOLARE NAZIONALI PER EDUCAZIONE DELLA PRIMA INFANZIA. V. 3, 1998)

L'insegnante di educazione fisica può avvalersi dell'interdisciplinarietà nell'apprendimento, la comprensione di ciò che viene insegnato in classe e prendendo questo problema alla Corte, attraverso danze culturali, sport e azioni dinamiche e del bambino. I progressi degli studenti nella ricerca di conoscenza quando attivamente partecipare al processo pedagogico. (IAVORSKI; VENDITTI JUNIOR, 2008)

Attività ludiche sono uno strumento importante per avviare dei cambiamenti dei valori sociali prevalenti. Dal punto di vista di giocoso, Rico per lo sviluppo personale e per la coesistenza può essere adatto a tutti gli insegnanti che desiderano intervenire nella realtà dei loro studenti, che li rende soggetti in grado di adottare la cooperazione come una pratica necessaria per l'interazione umana. (MATHEW; MOLINA, 2008 apud SANTANA, 2014)

In ambito scolastico, è necessario che gli educatori e famiglie agiscano insieme, nel rispetto delle differenze, evitando conflitti e integrare idee nella ricerca di soluzioni positive. All'interno l'educazione della prima infanzia sono molti bambini piccoli, che è essenziale per avere una forte componente emotiva. Lo sviluppo del bambino è accoppiato ad un ambiente istituzionale della sicurezza, la felicità e la pace della mente.  (RIFERIMENTO CURRICULARI per educazione della prima infanzia, 1998)

Legge brasiliana garantisce e unità partecipazione della famiglia la partecipazione delle famiglie nel processo di apprendimento dei loro figli. È parte della famiglia del bambino in un ambiente sano e affettiva. (Latte; GARCIA, 2008)

La scuola ancora giocosa nella griglia è fragile e richiede intenso miglioramento. La ricerca e la formazione continua della facoltà di aggiungere a quella giocosità è visto come collaboratore degli attuali metodi di insegnamento.

8 CONSIDERAZIONI FINALI

Dopo gli studi, è stato possibile riconoscere che il giocoso questo strettamente legato alla pratica dell'educazione fisica, perché mentre giocando i bambini esprimono i loro sentimenti, le loro emozioni, loro interazioni, migliorando le sue capacità di memoria e di ragionamento, così allegro e piacevole, permettendo l'insegnante un'analisi globale del discente, finalizzato allo sviluppo globale del bambino in questa fase di sviluppo.

È importante sottolineare anche il ruolo della scuola, i genitori, gli insegnanti in attività ludiche, fornito il piccolo volte chiave di crescita e sviluppo che consenta loro di far valere come esseri umani, risvegliare il potere di autonomia, ma imparare a convivere con regole e limiti.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, Anne. Attività ricreative: giocosità come strumento pedagogico. Fitness a cooperativa, jan. 2009. Disponibile a: <http: www.cdof.com.br/recrea22.htm="">.</http:> Accesso a: set 5. 2016.

BARBOSA, Caroline Barreto Brunelli; SILVEIRA, Silvia Helena Piantino; OLIVEIRA, José Eduardo Costa. Sviluppo psicomotorio e umano. Efdeportes, 19, paragrafo 192, Buenos Aires, mai. 2014. Disponibile a: <http: www.efdeportes.com/efd192/psicomotricidade-e-desenvolvimento-humano.htm="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

BERNARTT, Madhura Mendes. Infanzia da uno sguardo storico-sociale. In: IX Istruzione nazionale Congresso-26 a 29, EDUCERE fuori. 2009. Anais… PUCPR. Disponibile a: <http: www.pucpr.br/eventos/educere/educere2009/anais/pdf/2601_1685.pdf="">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

Brasile. Legge 8.069 del 13 luglio 1990. Statuto del bambino e adolescente. Brasília, 2016. Disponibile in: < http://www.planalto.gov.br/ccivil_03/leis/l8069.htm=""> </>. Accesso a: insieme di 12. 2016.

______. Ministero dell'istruzione e dello sport. Educazione fondamentale Segretariato. Il curriculum nazionale punto di riferimento per l'educazione della prima infanzia: introduzione. v. 1. Ministero dell'istruzione e dello sport, Ministero dell'istruzione di base. Brasilia: MEC/SEF, 1998. Disponibile a: <http: portal.mec.gov.br/seb/arquivos/pdf/rcnei_vol1.pdf="">.</http:> Accesso a: insieme di 12. 2016.

______. Ministero dell'istruzione e dello sport. Educazione fondamentale Segretariato. Curriculum nazionale di riferimento per l'educazione della prima infanzia. v. 3. Ministero dell'istruzione e dello sport, Ministero dell'istruzione di base. Brasilia: MEC/SEF, 1998. Disponibile a: <http: portal.mec.gov.br/seb/arquivos/pdf/volume3.pdf="">.</http:> Accesso a: insieme di 12. 2016.

______. Educazione fondamentale Segretariato. Parametri di curricolo nazionale: educazione fisica. Educazione fondamentale Segretariato. Brasilia: MEC/SEF, 1997. 96 p. disponibile a: <http: portal.mec.gov.br/seb/arquivos/pdf/livro07.pdf="">.</http:> Accesso a: insieme di 12. 2016.

ANGOLO, Tony Rodrigues; BARBOSA, Fernando Sérgio Silva. Psicomotricità applicata allo sviluppo di schema corporeo. Settimana di scienza e tecnologia di Ariquemes, v. 1, n. 1, 2010. Disponibile a: <http: www.periodicos.unir.br/index.php/secta/article/view/63="">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

CEBALOS et al. Attività di svago come mezzo di sviluppo del bambino. Efdeportes.com, Buenos Aires, 2011. Disponibile in: < http://www.efdeportes.com/efd162/atividade-ludica-como-meio-de-desenvolvimento.htm=""> </>.  accesso al mare 28. 2016.

CINTRA, Rosana Carla Gonçalves Gomes; PROENÇA, Michelle Alves Muller; JESUINO, decano di Kenrick. Il historidade del giocoso approccio storico-culturale di Vygotsky. Rivista culturale del progetto, v. 1, n. 2, p. 225-238, cuscino/MS, / dez… 2010. Disponibile a: <http: www.academia.edu/15662178/a_historidade_do_l%c3%badico_na_abordagem_hist%c3%b3rico-cultural_de_vigotski="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

DALLABONA, Sandra Regina; Mendes, Franel Samson. Il giocoso in educazione della prima infanzia: giocare, giocare, un modo per educare. Instituto Catarinense de post laurea, fuori. 2008. Disponibile a: <http: www.posuniasselvi.com.br/artigos/rev04-16.pdf="">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

HAWK, Hilda torres. Psicomotricità in età prescolare: apprendimento del movimento. 96 p. 2010. Tesi di laurea. (Master of science in salute e l'ambiente. UNIFOA, Volta Redonda, 2010.  Disponibile a: <http: web.unifoa.edu.br/portal_ensino/mestrado/mecsma/arquivos/30.pdf="">.</http:> Accesso a: set di 6. 2016.

FONSECA, Vitor. Psicomotorio osservazione manuale: psiconeurológica significato dei fattori psicomotori. 2. Ed. Rio de Janeiro: editora Wak, 2012.

GARANHANI, Marynelma Camargo. Educazione fisica nell'educazione prima infanzia. Pensando la pratica: infanzia ed educazione fisica. Gazzetta del laureato della facoltà di educazione fisica – Università federale di Goiás. Goiás: UFG, vol5, p. 106-122, / giu… 2001-2002.

IAVORSKI, Joyce; VENDITTI, Rubens JUNIOR. La giocosità nello sviluppo e nell'apprendimento del bambino a scuola: riflessioni sull'educazione fisica, gioco e intelligenze multiple. Efdeportes.com, Buenos Aires, Apr. 2008. Disponibile a: <http: www.efdeportes.com/efd119/a-ludicidade-no-desenvolvimento-e-aprendizado-da-crianca-na-escola.htm="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

JANSSEN, Daniela. Psicomotorio: organizzando timeline. 27 ago. 2015. Disponibile in: < http://danielajanssen.com.br/?p="164"> </>. Accesso a: 7 set. 2016.

Latte, Akhil; GARCIA, Haydê Morgana Gonzaga. Il ruolo della famiglia e la scuola di apprendimento a scuola: un'analisi su Escola Municipal José Theobald de Azevedo in Limoeiro-PE. Anais… Secondo incontro tra didattica, ricerca ed estensione della Faculdade Senac. Disponibile in: < http://www.pe.senac.br/ascom/faculdade/edital/iiencontro/cd/o_papel_da_familia.pdf=""> </>. Accesso a: insieme di 12. 2016.

LEVIN, Esteban. Il corpo aiuta lo studente ad imparare. Intervista di Paola Gentile. Nuova scuola, 2015. Disponibile a: <http: acervo.novaescola.org.br/formacao/esteban-levin-corpo-ajuda-aluno-aprender-423993.shtml="">.</http:> Accesso a: insieme di 12. 2016.

LIMA, Sandra Valenzuela. Concetto di infanzia. Fondamenti di educazione della prima infanzia, 2006. Disponibile a: <http: fundamentoseducacaoinfantil.blogspot.com.br/p/conceito-de-infancia.html="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

MALACHIA, Monika Santos; RIBEIRO, Suely de Souza. L'importanza di giocosità nell'insegnamento e nell'apprendimento processo nello sviluppo di infanzia. Psicologado, 2013. Disponibile a: <http: psicologado.com/atuacao/psicologia-escolar/a-importancia-do-ludico-no-processo-de-ensino-aprendizagem-no-desenvolvimento-da-infancia="">.</http:> Accesso a: 28 mar. 2016.

MAURITIUS, Juliana Tavares. Imparare a suonare: l'apprendimento giocoso. Psicologia dell'educazione, 2008. Disponibile a: <http: www.psicopedagogia.com.br/new1_opiniao.asp?entrid="678#.V9KZAlsrI2x">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

MEDINA, Josiane; ROSA, Greisy Kelli Broio; MARQUES, Inara. Sviluppo dell'organizzazione temporale dei bambini con difficoltà di apprendimento. Educazione fisica rivista EMU, v. 17, n. 1, 2006. Disponibile a: <http: eduem.uem.br/ojs/index.php/reveducfis/article/view/3377/2404="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

Dizionario MICHAELIS lingua portoghese brasiliana:. 2016. Disponibile in: < http://michaelis.uol.com.br/busca?id="Ykw97"> </>. Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

MODESTO, Monica Cristina; RUBIO, Juliana de Alcântara Silveira. L'importanza di giocosità nella costruzione della conoscenza. Giornale di fondo elettronico di formazione di conoscenza, 2014. Disponibile a: <http: www.uninove.br/marketing/fac/publicacoes_pdf/educacao/v5_n1_2014/monica.pdf="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

MATTHEWS, Paula Louredo. Coordinazione motoria. Scuola di Brasile, 2016. Disponibili in <http: brasilescola.uol.com.br/biologia/coordenacao-motora.htm="">.</http:> Accesso a: set di 9. 2016.

NASCITA, Claudia Earth; BRANCHER, Roberto Vantoir; OLIVEIRA, Valeska forti. La costruzione sociale del concetto di infanzia: qualche dialogo storico e sociologico. UFSM, 2011. Disponibile a: <http: coral.ufsm.br/gepeis/wp-content/uploads/2011/08/infancias.pdf="">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

Pires, Santa Marli. La giocosità come scienza. Petrópolis, RJ: Vozes, 2001.

Sito Web della palestra, 6 mar. 2012. Disponibile a: <http: www.educacaofisica.com.br/escolas/educacao-fisica-escolar2/educacao-fisica-os-movimentos-e-seus-beneficios/="">.</http:> Accesso a: set di 6. 2016.

Formazione PORTALE. Schema corporeo e psicomotricità, 4 Apr. 2013. Disponibile a: <http: www.portaleducacao.com.br/pedagogia/artigos/42204/esquema-corporale="">.</http:> Accesso a: set di 6. 2016.

RAO, Sonia. I bambini e giocare. 2009. Monografia (post-laurea), dieci anni di ricerca e gli studi, rurale di Universidade Federal Rio de Janeiro, Mesquita, 2009. Disponibile a: <http: www.ufrrj.br/graduacao/prodocencia/publicacoes/desafios-cotidianos/arquivos/integra/integra_rodrigues.pdf="">.</http:> Accesso a: 7 set. 2016.

SANTANA, Rafael Francia. Attività a lezioni di educazione fisica. 2014. Lavoro della conclusione del corso (laurea in educazione fisica)-College di Scienze della formazione e della salute, Centro Universitário de Brasília, Brasília, 2014. 22 p. disponibile a: <http: repositorio.uniceub.br/bitstream/235/5892/1/21273857.pdf="">.</http:> Acceduto a sopra: 8 ott. 2016.

SILVA, Luciana de Araújo, M.; Lima, Nagesh Jaslene. Manuale di metodologia scientifica per la preparazione di opere accademiche. 2. ed. Collegio di Patos de Minas-FPM. Corsi di laurea e specializzazione. Patos de Minas, 2015.

[1] Studente del corso di educazione fisica di laureato College Patos de Minas (FPM) durante l'anno 2016.

[2] Docente del corso di educazione fisica della facoltà di Patos de Minas. Master in promozione della salute della Università di Francia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here