Caratterizzazione ambientale e socio-economico in una comunità costiera nella regione amazzonica, Pará-Brasile

0
770
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

OLIVEIRA, Euzébio de [1]

OLIVEIRA, Euzébio de – Caratterizzazione ambientale e socio-economico in una comunità costiera nella regione amazzonica, Pará-Brasile – Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center, anno 1, vol. 4, pp. 21-34 – luglio 2016 – ISSN:0959-2448

Riepilogo

Questo studio è stato effettuato in Acarajó, una comunità di agro-pesqueira AREA Marina protetta Caeté-Taperaçu, situato alla Bragantina pianura costiera, Northeastern stato di Pará (Brasile). L'obiettivo di questo studio era di valutare gli aspetti sociali, economici e i fattori di degrado ambientale di quella comunità. Per questo studio abbiamo utilizzato metodologie basate su interviste, questionari, osservazione diretta e misurazione dei potenziali fattori di degrado ambientale. In relazione agli aspetti socio-economici è stato osservato che la Acarajó è una delle Comunità con il maggior numero di abitanti, situato nella zona dell'AREA protetta, con per lo più giovani con basso livello di istruzione e basso reddito medio mensile. Nella comunità ci sono ora migliori opportunità di lavoro e i servizi disponibili alla popolazione sono scarse o inesistenti. Questi fattori contribuiscono all'indice delle condizioni di vita e alloggiamento per raggiungere valori molto bassi, se confrontato con il minimo accettabile. In relazione agli aspetti ambientali, questa Comunità presenta gravi problemi derivanti dalla mancanza di servizi sanitari di base (presenza di troppa spazzatura), la mancanza di acqua trattata, problemi di salute, ecc., nonché in relazione al degrado delle risorse naturali (deforestazione accelerata della vegetazione di mangrovie), riduzione degli stock ittici e degrado del suolo. Infine, proposte di misure di gestione integrata delle coste sono state presentate, al fine di contribuire al miglioramento della qualità sociale e ambientale dell'area studiata.

Parole chiave: caratterizzazione. Socio-economico.  Ambiente. Comunità costiere.

INTRODUZIONE

Le zone costiere sono sempre state luoghi di grande attrazione per popolazioni umane, principalmente a causa della disponibilità e abbondanza di risorse naturali e le località turistiche di grandi dimensioni, immobiliare, industriale, tra gli altri. A causa di questo fatto, circa il 60% dei centri urbani più importanti si trovano in questa regione, un fatto che colpisce da gravi conflitti di carattere sociale e ambientale (CHI et al., 2001; LIAO et al., 2003; KULLENBERG, 2001; BILLÉ; MERMET, 2002).

In Brasile, negli ultimi decenni, la rapida crescita della popolazione in queste regioni vengono parecchi problemi dovuti a carattere sociale e ambientale (Alheiros, 1995; Diegues, 1999). In questo contesto, il nord-est dello stato del Pará è una delle regioni più densamente popolate del litorale del nord del paese e conseguenza, uno dei più degradati della regione (SHAN-figlio, 2001; SILVA et al., 2006; PARKER et al., 2006b; ROSE et al., 2006; PARKER et al., 2007).

Al fine di preservare l'ambiente attraverso l'uso sostenibile delle risorse naturali, nonché proteggere i mezzi di sussistenza e la cultura dei popoli tradizionali ci esistono, durante l'anno 2005, circa il decreto legge del governo federale, quattro riserve estrattive Marine sono state create in questo paragrafo di settore (MMA, 2005). Tra questi RESEX la riserva estrattiva Marine Caeté-Taperaçu, in cui è inserita la comunità agro-pesqueira di Acarajó (Henry 2005).

Con l'obiettivo di contribuire alla preparazione di un piano di gestione per questa AREA protetta, ha cercato di soddisfare le dinamiche socio-economiche e ambientali di una delle comunità più densamente popolate, incluso in questa zona di conservazione. Per raggiungere questo obiettivo, è stato effettuato uno studio sul profilo socio-economico dei residenti della Comunità, i tipi di impiego e occupazione territoriale locale, così come la caratterizzazione e/o la misurazione dei potenziali fattori di degrado ambientale che si verificano in questa zona al fine di contribuire alle misure di gestione integrata, alla ricerca di uno sviluppo socioeconomico sostenibile delle comunità urbane, situato nella riserva estrattiva Marine Caeté-Taperaçu.

MATERIALE E METODO

Area di studio

Acarajó si trova a, circa, 7 km dalla città di Braganza e ha una superficie di circa 100.55 ettari. I suoi confini geografici sono: a nord con la comunità di Bacuriteua, a sud con la comunità di Avocado, a est dal fiume Caeté (che sfocia nell'Oceano Atlantico) e ad ovest con le comunità dei campi torcia e Taperaçu (ADAMS; MACEDO, 2001) (Figura 1).

Caeté-Taperaçu-la posizione della comunità di Acarajó.
Figura 1. Posizione dell'area di studio. (A) Brasile, zona (B) costiera, Amazon (C) AREA Marina protetta Caeté-Taperaçu-posizione del brasiliano della comunità di Acarajó.

La pianura litoranea di Bragantina è caratterizzata dalla comparsa di mangrovie che occupano il 95% di tutta l'area costiera, e le foreste di mangrovie composta fondamentalmente da specie di Rhizophora mangle, Avicennia germinans e Laguncularia racemosa e mangle r. la specie dominante (BERGER et al., 1999; KRAUSE et al. 2001; PROISY et al., 2003).

Il clima della regione è caldo e umido, con una variazione ben definita dalla presenza di un periodo secco e l'altro delle piogge. Temperature medie annuali oscillano tra 20,4 32,8 ° C e umidità relativa tra il 77 e 91% (Imet, 1992; MARTORANO et al., 1993).

Acarajó è uno del comunità più densamente popolate agro-pesqueiras l'industria estrattiva Marine riserva Caeté-Taperaçu, essendo composto da diversi ecosistemi locali, come le mangrovie, la terra e la foresta pluviale. L'occupazione territoriale del Acarajó è un altro fattore che lo distingue in relazione alle altre comunità agro-pesqueiras della regione, dato che l'occupazione si è verificato sulle rive del PA-458, formando due cluster locali, chiamati Acarajózinho e Acarajó-grande; e un altro nella zona della Comunità, verso la foce del fiume Caeté, conosciuto come Acarajó (Santi, 1996).

Metodologia

Semi-strutturati questionari, interviste, diretta osservazione e misurazione dei principali fattori di degrado ambientale sono stati condotti tra i mesi di maggio / 2006 al febbraio 2007, per caratterizzare le condizioni socio-ambientali della Comunità sotto studio.

Questionari semi-strutturati sono costituiti di tre blocchi di domande (profilo socio-economico, condizione di vita, involucro e parere e percezione dei residenti sui problemi ambientali) sono state applicate nel 100% delle residenze, durante i mesi di luglio e agosto 2006. Il profilo socio-economico dei residenti generato informazioni su sesso, età, professione, reddito, stato civile e livello di istruzione.

Per determinare la condizione della vita e delle abitazioni degli abitanti di ogni residenza è stato necessario calcolare l'indice di condizioni di vita e di alloggio (ICV-MO) secondo la metodologia descritta da Costa (2004), seguendo il modello utilizzato dall'indice di sviluppo socio-economico, sviluppato dalla Fondazione di economia e statistica (IDESE/FEE) attraverso la formula (ICV-MO = (p1 x IAF) + (p2 x ISP) + (p3 x IP)) , la IAF, l'indice degli aspetti fisici del corpo; l'ISP, l'indice dei servizi pubblici disponibili per la Comunità; e il PI, la situazione della proprietà index.

I tipi di infrastrutture e servizi a disposizione della Comunità (salute, igiene, istruzione, trasporti, ecc.) sono stati identificati attraverso l'osservazione diretta, seguendo la metodologia di lista di controllo applicata da Junyent (1999) e Pereira et al. (2003), anche attraverso interviste.

I questionari destinati all'opinione e la percezione dei residenti sui problemi ambientali sono stati redatti in conformità con il lavoro di Morgan et al. (1993), Morgan et al. (1995) e Leatherman (1997) e adattate alla realtà locale. Questi questionari sono stati applicati a un membro di ogni residenza.

Dopo l'opinione e la percezione dei residenti sui problemi ambientali, nonché l'osservazione diretta per quanto riguarda l'infrastruttura e servizi disponibili e la condizione ambientale della Comunità, sono state adottate metodologie specifiche per misura/analizzare alcuni problemi ambientali puntato/rilevato, come l'accumulo di rifiuti domestici, qualità dell'acqua, deforestazione e uso del suolo per l'agricoltura. La metodologia utilizzata qui di seguito:

(i) produzione di rifiuti domestici: la prima volta analizzato il destino dato a garbage collection (dalla città, bruciati, sepolti, dumping in lotti liberi, campi, ecc.) Quindi, il processo di misurazione l'immondizia è stato effettuato per mezzo di due campioni, uno alla fine di settembre e l'altro all'inizio del mese di novembre/2006, ogni campione rappresentata da rifiuti prodotti durante i due giorni in 30% del numero totale di case nella Comunità. Sulla base della media dei due campioni era la produzione stimata di immondizia mensile al 100% delle residenze nella Comunità. Ogni campione raccolto i rifiuti organici (non riciclati) era pesanti separatamente dai rifiuti inorganici (riciclabile), quindi sono state effettuate analisi della varianza (inizio e fine del mese). Per determinare la normalità e l'omogeneità dei dati è stato eseguito il test di Lilliefors (CONOVER, 1971) e Bartlett (SOKAL; ROHLF, 1969), rispettivamente, con l'aiuto del programma STATISTICA 6.0 (STATSOFT, 2001). Quando i dati non sono normali, sono state utilizzate trasformazioni log (x + 1). Per dati normali è stati applicati all'analisi della varianza (ANOVA-one-way), seguito da test post-hoc Fisher LSD. Ma quando le varianze erano eterogenee è stato applicato il test non parametrici test di Mann-Whitney (U). In entrambi i casi, le famiglie studiate sono state raggruppate in base al numero di abitanti. I lavori sono stati eseguiti basato sull'impegno aziendale al riciclaggio manuale (1995), e il manuale di gestione integrata di rifiuti solidi in Amazzonia (IBAM, 2005), essendo entrambe le metodologie adattate alla realtà locale.

(ii) qualità delle acque: la raccolta dei campioni è stata effettuata durante il periodo secco (novembre 2006) e la stagione delle piogge (marzo/2007) in due pozzi di comunità (acque sotterranee estratte da albero tubolare) Comunità, essendo ben situato 1 46 46 ' 7. 416 '' W-1 0 ' 23.519 '' S e 2 bene nella 458 46 46 Highway '26.852 '' W-0' 1 ' S 21.359. questi pozzi sono stati scelti perché sono tra i pozzi della rete idrica, che serve un gran numero di residenti della Comunità. Tutte le analisi fisico-chimiche sono state eseguite nel laboratorio di Estuarine e oceanografia costiera di UFPA, seguendo metodologie e/o attrezzature specifiche per ogni componente in fase di studio: il colore reale e apparente analizzati dal colore dell'acqua attrezzature HI 93727 Hanna Instruments, la torbidità torbidità metro HI 93703 microprocessore da Hanna Instruments, il materiale in sospensione, la Strickland e Parsons (1972) il pH di Labmeter modello pH2-pHs-3B, la salinità da Multianalizador Corning Checkmate II, il ferro dissolto dalla durezza & ferro HI 93741 Hanna Instruments, coliformi fecali e totali analizzati dalla tecnica chiamato tubi multipli, seguendo la metodologia adottata in American Public Health Association (2004) e la temperatura di termometro Incoterm L-168/04. Per la classificazione della qualità delle acque, le procedure sono state effettuate utilizzando i parametri stabiliti dalle specifiche risoluzioni, secondo ANVISA (2004); CONAMA (1986, 2000, 2005) e SSC (2006).

(iii) deforestazione (registrazione): è stata misurata in base alle risposte ottenute da interviste e questionari con residenti della Comunità, in cui sono state discusse questioni relative all'impianto di estrazione (taglio o mangue), così come attraverso l'osservazione diretta tenuto durante il mese di agosto 2006. Questo lavoro è stato basato sul metodo di Greenwood (1973), che consiste nell'analisi intensiva e varie unità/oggetto di studio.

(iv) uso i terreni per l'agricoltura: attraverso questionari e diretto le osservazioni sono state identificate le aree di coltivazione, tipi di pratiche agricole e tecniche di gestione del suolo più impiegati nella comunità oggetto di studio, come forma di arare la terra, uso di pesticidi e fertilizzanti; tagliato di capoeira e bruciato. Questo lavoro è stato condotto durante il mese di agosto 2006, seguendo il metodo di Greenwood (1973).

RISULTATI E DISCUSSIONE

Caratteristiche socio-economiche

Il censimento in Acarajó ha mostrato che 358 famiglie (un totale di 1696 individui, cioè le 4,74 persone per casa) abitano una delle comunità più grande del numero di abitanti, la RESEX Caeté-Taperaçu. Maggior parte dei residenti sono di sesso maschile (52%), di età compresa tra 0 e 20 anni (55%), che consiste di singoli (62%) e studenti (36%), con un basso grado di istruzione, e 55% riceve meno di uno stipendio minimo al mese (R$ 380,00 *)

Tra le attività dell'occupazione, l'agricoltura familiare appare in primo luogo, essendo destinato per il sostentamento del nucleo familiare. Tuttavia, pesca, granchio Ucides cordatus principalmente, è considerata una delle principali fonti di reddito dei residenti locali (Henry 2005).

Bassa scolarizzazione, posti di lavoro alternativi, basso reddito e il predominio delle grandi famiglie sono fattori che contribuiscono ad uno sviluppo socio-economico basso in questa comunità. Questi aspetti sono simili a quelli osservati da Krause e Glaser (2003), Guimarães (2005), Silva et al., (2006), Pereira et al. (2006a) e Pereira et al. (2006b), che ha effettuato studi simili in altre comunità agro-pesqueiras della regione, un fatto che dimostra una generalità in relazione alle condizioni socio-economiche nella regione costiera.

Condizioni di vita e alloggiamento/infrastrutture e servizi

In relazione all'indice di condizioni di vita e alloggiamento ICV-MO, la comunità di Acarajó presenta una media indice 0.638, essendo sotto le condizioni minime accettabili per le comunità costiere, che è 0,707, in base all'indice di sviluppo socio-economico creato dalla Fondazione di economia e statistica (IDESE/a pagamento). Delle famiglie intervistate, solo il 29% è sopra l'indice minimo accettabile, mostrando una media di 0,759.

Questo indice riflette le condizioni della costruzione delle case della Comunità (aspetti fisici e salute) e la mancanza di servizi e infrastrutture disponibili. Questa comunità dispone anche di un numero considerevole di case di argilla, coperto con foglie di palma essiccate, con pavimento in terra battuta, senza bagno che possiede o sistema fognario, in cui alcuni hanno problemi relativi alla rete idrica.

Per quanto riguarda servizi pubblici disponibili è stato osservato che la Comunità non dispone di un sistema pubblico di approvvigionamento di acqua potabile, la fornitura viene compiuta attraverso pozzi di comunità. L'acqua è distribuita attraverso i tubi alle famiglie, con ogni casa che aderisce a questo sistema paga una quota di 10,00 R$ reais al mese (per l'associazione) per l'uso dell'acqua. D'altra parte, alcuni abitanti del luogo sostengono che questo "sistema" di approvvigionamento idrico non funziona regolarmente.

Riguardo a formazione, Acarajó ha tre scuole elementari meno, così gli studenti che hanno bisogno di proseguire i tuoi studi necessario spostare fino a scuola nel comune di Bragança.

La Comunità non ha alcun centro di sanità pubblica, e nei casi lievi, la cura dei funzionari della comunità ricevono comunità che visitano regolarmente le case. In caso di incidenti o malattie più gravi, residenti cercano cure mediche in ambulatorio situato nella vicina comunità di Bacuriteua, o visitare i centri di salute e/o ospedali nel comune di Bragança e Betlemme. Secondo la Comunità, sono la più alta incidenza di malattie: malaria, influenza, febbre, diarrea, malattie della pelle, tra gli altri, alla malattia di malaria che più interessano i residenti.

Parere e consapevolezza sociale e ambientale

Per quanto riguarda il parere e la percezione dei residenti per quanto riguarda i principali problemi ambientali che si svolgono nella zona della Comunità, i dati ottenuti mostrano che Acarajó affronta problemi relative ai problemi dei servizi igienico-sanitari (mancanza di un sistema di garbage collection), la mancanza di acqua trattata e fognature, il degrado delle risorse naturali (sovrasfruttamento, deforestazione delle mangrovie ridotta fertilità del suolo, ecc.), tra gli altri (tabella 1).

Tabella 1. Principali problemi ambientali a cui punta la comunità di Acarajó.

Principali problemi ambientali a cui punta la comunità di Acarajó.
* Risposta in frequenza per N = 358 (numero di famiglie).

Problemi derivanti dall'aumento del turismo nella regione bragantina sono stati anche individuati dalla Comunità, dal momento che si trova sulla strada di accesso alla spiaggia Ajuruteua (BP-458), e tra il giugno e il luglio periodo aumento di immondizia lungo l'autostrada è uno dei problemi preoccupanti i residenti locali. Questi problemi stanno peggiorando a causa della negligenza delle autorità locali di incoraggiare il turismo nella regione, senza aver precedentemente effettuato una pianificazione razionale sull'utilizzo e l'occupazione territoriale (GUIMARÃES, 2005).

Un altro problema relativo per la spazzatura, secondo i residenti, sono prodotti di scarto rilasciati dalle fabbriche di pesca lungo la Caeté e zone circostanti. Secondo il lavoro svolto da Krause e Glaser (2003) e Silva et al. (2006), il problema in relazione alla produzione di immondizia, tanto come l'industriale agro-pesqueiras residenziale la pianura litoranea di Bragantina è un problema serio e deve essere trattata con serietà, come pure danni ambientali, può causare problemi relazionati alla salute umana.

Secondo i residenti, alcune malattie come infezioni fungine, febbre dengue, leptospirosi, ecc. sono legati all'accumulo di immondizia nella zona della Comunità. Altre malattie che si verificano in località e che sono correlati alla mancanza di un sistema di servizi sanitari di base, come pure la deforestazione, sono considerati di preoccupazione da parte della popolazione, come la malaria.

D'altra parte, degrado delle risorse naturali per esempio pesca eccessiva e l'abbattimento della foresta di mangrovie, sono anche stati identificati come i problemi ambientali, secondo la percezione dei residenti. Secondo questi, sovrasfruttamento e deforestazione accadere come conseguenza della scarsa supervisione dagli organi competenti, un fatto che deriva dall'impegno di pesca di sussistenza di molte famiglie locali.

Produzione di rifiuti domestici

Basato su dati ottenuti dall'osservazione diretta, così come delle informazioni comunicate dai residenti è possibile dire che la comunità Acarajó ha dovuto affrontare un problema grave in relazione alla produzione di rifiuti. I dati mostrano che il sistema di garbage collection eseguite dal Municipio del comune di Bragança è carente perché non soddisfa tutte le comunità si verifica solo tre volte a settimana e appena fuori spiagge autostrada Bragança-Ajuruteua. Di conseguenza, molti residenti gettare i loro rifiuti nei cortili delle loro case, strade, Caeté, insenature estuario, foresta di mangrovie, arbusteti, ecc., causando gravi carattere sociale e ambientale, come la contaminazione del suolo, risorse idriche, salute, estetica, ecc.

Per quanto riguarda l'attività di misura, i risultati hanno mostrato che la produzione media mensile dei rifiuti domestici dalla comunità di circa 5.029,375 kg, con una produzione pro capite mensile di circa 2,965 kg, essendo ± 0,099 kg/giorno per persona. Secondo l'IBAM, (2005), questi valori sono di sotto della media nazionale, in cui la produzione pro capite è il 0,700 0,450 kg/giorno. La produzione di rifiuti organici non varia molto durante il mese, rimanendo praticamente invariato in entrambe le raccolte, d'altra parte la spazzatura inorganica ha subito variazioni significative (F = 6,59; p = 0.0090) nella sua produzione nello stesso periodo, dimostrando i valori più alti all'inizio del mese ha studiato.

Tuttavia, rifiuti organici sono stati i principali componenti dei rifiuti analizzati, che rappresentano il 53% del totale, essendo composto pricipalmente di avanzi di cibo e bucce di frutta (Figura 3A). Questi dati sono simili ai dati nazionali, quale la materia organica è una componente importante dei rifiuti urbani prodotti nel paese, che rappresenta in media, circa il 65% del totale (, PARSI, 1996; IBAM/MMA, 2005). Questo è probabilmente dovuto al fatto che questa comunità essere più "urbanizzata" essendo più vicini alla città di Bragança e riutilizza i rifiuti organici prodotti come fonte di cibo per animali di piccole taglia (anatra, pollo, ecc.), che si verifica nelle comunità rurali della regione. D'altra parte, dell'immondizia inorganico totale analizzato, plastica rappresenta il 43 per cento, seguita da carta e cartone con 27% e 8% stagno, tra gli altri (figura 3B).

Sopra l'itinerario di 25 km dalla Bragantina pianura costiera, non c'era nessun sistema di garbage collection, che è depositato in ambiente costiero, così da costituire una seria minaccia per gli ecosistemi presenti (SOUZA-FILHO, 2001). Non si tratta di un fatto che si è verificato solo nella regione bragantina come Silva (2006), uno dei più grandi problemi di oggi, che ha riguardato sia gli studiosi del problema ambientale, come progettisti e amministratori pubblici provenienti da varie parti del mondo, riguarda il problema della spazzatura prodotta nelle aree urbane o località alle città, così come per il destino della stessa nelle vicinanze.

Secondo Valente e Grossi (1999), nel Brasile, il problema dei rifiuti è molto complesso, perché in molte città la maggior parte dei rifiuti solidi urbani è depositata all'aperto, in fiumi, estuari, laghi, ecc., che può causare la contaminazione del suolo, risorse idriche e generare problemi estetici e per la salute umana.

Rifiuti organici ed inorganici di produzione (kg) a campionamento e la composizione della media di rifiuti inorganici delle due raccolte
Nella figura 3. Rifiuti organici ed inorganici di produzione (kg) a campionamento e la composizione dei residui inorganici (media delle due raccolte) (B).

Qualità delle acque destinate al consumo

Le acque sotterranee sono di grande importanza in termini economici e socio-sanitari per le popolazioni urbane in tutto il mondo. Non esistono statistiche esatte per quanto riguarda il volume di acqua utilizzata per l'approvvigionamento idrico pubblico dall'acquisizione della metropolitana, anche se qualcosa circa il 50% di tutta l'acqua consumata nel mondo urbano viene catturato in pozzi e/o fonti (CLARKE et al., 1995).

Tuttavia, la preoccupazione per la qualità dell'acqua è un dato di fatto, come la maggior parte delle ricerche sviluppate in precedenza, solo aspetto quantitativo ha puntato. Tuttavia, con la crescita della popolazione, con utilizzo di risorse acqua e lo sviluppo industriale del super, il fattore di qualità è diventato molto importante (MOTA, 1995). Quindi, è essenziale che le risorse idriche presentano condizioni appropriate al fisico e chimico utilizzare degli esseri viventi e contengono sostanze che sono essenziali per la vita ed essere liberi di altre sostanze che possono produrre effetti nocivi per gli organismi (BARNES et al., 2003).

I risultati ottenuti per l'analisi dei parametri fisici e chimici dell'acqua in due pozzi della comunità di Acarajó sono riportati nella tabella 2.

Tabella 2. Analisi fisico-chimica dell'acqua in due pozzi nella comunità di Acarajó, asciutto e bagnato periodi.

Analisi fisico-chimica dell'acqua in due pozzi nella comunità di Acarajó, asciutto e bagnato periodi.
* I valori dei parametri fisico-chimici e microbiologici secondo specifiche risoluzioni del ANVISA (2004) di CONAMA (1986, 2000, 2005) e SSC (2006).

Secondo la tabella 2, si può osservare che i valori del reale colore e colore apparente sono sopra i valori massimi consentiti dalla legge, in entrambi i punti esaminati durante il periodo asciutto. Ciò è probabilmente dovuto aumentato torbidità, la concentrazione di materiale organico in sospensione e l'aumento della concentrazione di ferro dissolto nell'acqua durante questo periodo. Tuttavia, questo aumento di materiale organico in sospensione, ferro dissolto così come torbidità, anche segnalazione superiore nel periodo asciutto, sono ancora entro i parametri stabiliti dalle specifiche risoluzioni.

Il pH osservato è apparso leggermente acido, in entrambi i punti e analizzati i periodi, non soffrendo grandi cambiamenti da un periodo a altro e secondo i dati ottenuti da Walker (1995), in altre regioni dell'Amazzonia, dove ci viene verificata la prova che variazioni del pH dell'acqua sono indipendenti del regime pluviometrico.

Tuttavia, è interessante nota che la salinità è uno dei parametri responsabili per l'acidità di un corpo di acqua, ma che in questo studio questo parametro ottenuto valori 0 (zero) in tutte le analisi mostrano che l'acidità di quest'acqua deve essere correlata ad altri fattori. Secondo Souza e Tundisi (2000), la composizione chimica dell'acqua varia notevolmente ed è controllata da una serie di fattori quali il clima, vegetazione, topografia e caratteristiche geologiche, nonché dalle attività umane. L'area di studio, l'acidità del terreno può essere uno dei fattori che acidifica l'acqua analizzato (Vedi punto 4.5.7)

I coliformi totali e fecali hanno mostrati valori elevati, compromettere la qualità di quella comunità acqua ´ d, perché in entrambi i punti e periodi analizzati, gli importi riportati erano di sopra di quelli tollerabili secondo specifiche risoluzioni (ANVISA, 2004 e di CONAMA, 1986, 2000 e 2005). Secondo CETESB/SP (1992), la presenza di coliformi totali in acqua indica la possibilità di inquinamento fecale di questo, poiché tali microrganismi possono essere trovati liberamente sull'ambiente. Tuttavia, la presenza di coliformi fecali determina l'origine della contaminazione fecale, che indica il rischio di presenza di altri micro-organismi patogeni, rendendo l'acqua inadatta al consumo umano (PELCZAR JUNIOR; CHAN; KRIEG, 1996; BASTOS; ADAMS, 2000). Questi risultati sono in accordo con studi di Glaser (2003), in altre comunità della pianura litoranea, dove hanno trovato la presenza di Bragantina di coliformi fecali in acqua in un gran numero di famiglie e scuole di queste comunità.

Deforestazione

Secondo i risultati ottenuti, extractivism vegetale (uso legno di mangrovia e pollame) è una pratica coerenza nella zona della comunità di Acarajó. In particolare, le tre specie di mangrovie nella zona sono Rhizophora mangle l., Laguncularia racemosa e Avicennia germinans e sono soggetti a incontrollata applicazione delle tecniche di estrazione.

Almeno 68% delle famiglie (case) intervistate ha dichiarato che tirano fuori legno di mangrovia e/o capoeira e di questi, 55% eseguire l'albero tagliato, totale 27% taglio parziale (solo rami) e 18% utilizzare altri metodi, come la collezione di rami e tronchi. Secondo i residenti, tra i molteplici utilizzi che fanno di legno raccolto comprendono: consumo domestico (85%), consumo domestico e la produzione e vendita di carbone (12%) e la produzione e vendita di carbone (3%).

Tuttavia, dovuto al fatto che la maggior parte delle abitazioni in questa comunità ha le stufe a legna, si stima che la percentuale di case che utilizzano legno di mangrovia e/o capoeira come combustibile, è ancora maggiore. Studi condotti in Messico, da Maseral et al. (1997) e in El Salvador da Gammage et al. (2002) mostrano che il consumo di legna da ardere per uso domestico in un contesto socio-economico simile a quello esistente nello studio dimostra che almeno il 90% di queste abitazioni dipendono dal legno che è il ritiro delle foreste, per essere usato come combustibile per la casa (legna da ardere).

Secondo gli abitanti del villaggio di Acarajó, pratiche di ritiro del legno di mangrovia e/o capoeira, così come la produzione di carbone è preferibilmente realizzata durante la stagione secca. Il raccolto legna e del carbone (quando prodotto) vengono memorizzati per essere utilizzati e/o venduto (carbone quando appropriato), soprattutto durante la stagione delle piogge, una volta durante questo periodo, la pratica di rimozione la produzione di legno e carbone di legna, diventano più difficili da svolgere. Per Dahdou-Guebas et al. (2000), la pratica di produzione e vendita di carbone è un'attività molto comune nelle popolazioni che vivono in aree di mangrovie, come questo diventa un'importante fonte di reddito per gli abitanti più poveri di queste aree.

La pratica del taglio degli alberi di mangrovie per scopi commerciali è un altro fattore di degrado che ha avuto luogo nella zona della Comunità. Tuttavia, questo tipo di taglio non è esplicitamente da chi pratica ed è facile da essere percepito, perché quando i legnami sono esposte sull'autostrada PA-458, non è generalmente responsabile per il ritiro, e questo fatto si verifica per paura di denunce e sanzioni. D'altra parte, le aree che vengono rimosse sono difficilmente accessibili.

Secondo il lavoro svolto da Glaser et al. (2003) molti boscaioli sono anche raccoglitori di granchio e dipendono la conservazione di aree a mangrovie. Questo fatto viene favorendo che molti boscaioli locali lavorando nel taglio di mangrovie in altre comunità la Bragantina pianura costiera. La strategia utilizzata per il taglio è abbastanza previsto essendo la pratica tenuta durante la serata, soprattutto nei fine settimana e le festività per ridurre il rischio di essere intercettati dalle autorità pubbliche. La gamma di vegetazione ubicata vicino alle rive del fiume sono tenute, per ritardare il rilevamento di attività. La velocità è anche considerata essenziale, per diminuire il rischio di conflitti tra il team e i residenti locali.

Il rovesciamento del mangue funziona all'interno di una relazione classica del datore di lavoro-client (KATON et al., 1998; FOELL et al., 1999; TÊVES, 2000). Dopo il taglio, il legname è trasportato alla città, solitamente avendo vostra destinazione (client) giusto. Questo è mescolato con altri legno tagliato "legalmente", con lo scopo di ostacolare l'identificazione e così sono venduti per uso in costruzione, o preferibilmente in forma di legna da ardere per potteries e pasticcerie della zona.

Si noti tuttavia che, in generale, la popolazione residente nell'area di studio, è consapevole dell'importanza dell'ecosistema delle mangrovie lì, perché loro sostentamento dipende anche l'estrazione locale e la vendita di prodotti di mangrovie su piccola scala, come per esempio, il granchio, e il carbone prodotto dal legno ricavato da mangrovie. Queste tecniche sono chiaramente correlate e complesse strategie di sostentamento dei più poveri (GLASER, 2003). D'altra parte, vedere deforestazione della comunità di mangrovie, su scala commerciale, come un serio problema ambientale perché questa degradazione può causare gravi impatti per l'ambiente e, di conseguenza, nel loro modo di vita, compromettere anche la propria sopravvivenza.

Infine, è degno di nota che l'illegalità si rende impossibile scientifica ricerca e l'applicazione di tecniche comprovate di gestione forestale sostenibile, ad esempio il rovesciamento direzionale, utilizzando più complesse di alberi tagliati, collezioni di rotazione e programmato e il reimpianto. Questi sono metodi di gestione forestale e può essere applicati, che potrebbe notevolmente contribuire ad aumentare la sostenibilità di taglio nell'area di studio.

Uso del suolo per l'agricoltura

Storicamente, i residenti della Comunità Acarajó sempre hanno sviluppato due tipi di uso del suolo per l'agricoltura, essendo la coltivazione su terreni per la semina di prodotti manioca/manioca (Manihot esculenta), mais (Zea mays), fagiolo dall'occhio (Vigna unguiculata), ecc.; e in aree di mangrovie per la coltivazione del riso (Horyza Sativa). È interessante nota che l'attività di produzione di riso ha svolto un ruolo centrale tra le attività economiche della comunità di Acarajó, dove oltre ad essere la base di potere, era anche la principale fonte di reddito degli abitanti di questa comunità (CANELLES, 2001). Attualmente, riso inizia ad essere coltivati per la sussistenza, rifornire i fabbisogni di potere familiare, oltre che per il mantenimento della tradizione locale per l'annuale Festival di riso (CANELLES, 2001).

D'altra parte, dryland agricoltura è molto fino ai giorni nostri, che coprono diverse aree della terra che vengono utilizzati per la coltivazione, diventando una delle principali forme di subsistências almeno il 52% delle persone che vi abitano.

Per la coltivazione del terreno, i residenti della Comunità Acarajó svolgono l'agricoltura itinerante, cioè una gestione basata su metodi tradizionali, che consiste nel rovesciamento e la masterizzazione di capoeira alla preparazione della terra (SANCHEZ, 1979; SMITH; BASTOS, 1984; KATO, 1988). Per la distribuzione delle colture nella zona della Comunità, le attività vengono tutte effettuate manualmente, con l'uso di solo terçados e zappe e sono membri della famiglia, la principale fonte di manodopera. In queste aree, in genere, sono coltivati fagioli, manioca, mais, tra le altre colture.

In questo sistema dopo pochi anni di coltivazione, il terreno è abbandonato per la rigenerazione di una foresta secondaria (capoeira), successivamente utilizzata dopo diversi anni di aratura (resto del solo) (Sánchez, 1976). Nel presente studio che è stato trovato che l'aratura, dura in media 5 anni e dopo questo periodo, il terreno è utilizzato. Secondo Smith e Bastos (1984), il sistema di messa a riposo, per la rigenerazione della foresta, permette accumuli di sostanze nutritive della biomassa del terreno, aiutando nel suo recupero della fertilità. Tuttavia, questo richiede un grande periodo di tempo, che, secondo camere e Folster (1976), può prendere fino a 16 anni per il terreno nuovo nutrienti equivalente alla foresta primaria.

Secondo oltre il 50% degli agricoltori, la produttività del suolo estrattive è diminuito negli ultimi anni, indipendente del rullo utilizzo viene fatta tra le zone coltivate. Ciò ha contribuito all'aumentato utilizzo di fertilizzanti e pesticidi in zone agricole, dove circa il 30% degli agricoltori fa già uso continuato di questi prodotti. Questo fatto è preoccupante perché un uso eccessivo e graduale di fertilizzanti e altre sostanze chimiche contribuiscono al degrado del suolo e l'acqua. Tra 70 e 90, l'uso globale di fertilizzanti è aumentato ad una media annua del 3,5%, cioè più di 4.000.000 tonnellate all'anno (FAO, 2001).

La tabella 3 presenta i risultati ottenuti a seguito dell'analisi chimiche eseguite su un giallo Latosol, Acarajó comunità.

Uso del suolo PH H2O KCl pH (C) MO P
—g/kg di terreno– terreno di mg/dm3
Prof. 0.00-0.05 m
Uso 1

Uso 2

4.4 il

4.8 il

3.9 il

3.8 il

19,5 b

28,8 il

b 33,6

il 49,7

8.6 il

4.3 il

Prof. 0.05-0.10 m
Uso 1

Uso 2

4.4 il

4.7 il

3.9 il

3.7 la

20.2 il

26.3 il

34,8 il

45.3 i

8.3 il

3.0 b

Prof. 0,10-0,20 m
Uso 1

Uso 2

4.5 il

4.7 il

3.9 il

3.8 il

21,9 il

21.5 il

37,8 la

37.1 il

8.4 il

2.4 b

Uso del suolo K CA Mg Al H + Al
————————————- cmolc/dm3 solo ——————————–
Prof. 0.00-0.05 m
Uso 1

Uso 2

0.09 il

0,08 il

0,82 a

0.83 un

0.49 a

il 0,53

1.64 la

1.62 la

9,51 il

11,18 il

Prof. 0.05-0.10 m
Uso 1

Uso 2

0,07 il

0,05 a

0,81 per

0,38 b

0.51 a

0.49 a

l'1,63

l'1,91

9.60 il

il 10,93

Prof. 0,10-0,20 m
Uso 1

Uso 2

0,07 il

0,04 il

1.12 la

0.46 b

0.36 a

0,33 per

1.58 la

1,71 il

9.13 il

9,26 il

Uso del suolo SB CTC CTC efficace V m
—cmolc/dm3 assolo– —————- % ————–
Prof. 0.00-0.05 m
Uso 1

Uso 2

1.40 il

1.42 la

il 10,91

12,62 il

3.04 il

3.05 il

14.3 il

11.5 il

51 la

53 la

Prof. 0.05-0.10 m
Uso 1

Uso 2

1.39 il

il 0.92

il 10.99

11,85 a

3.02 il

2.82 il

14,0 il

7.9 b

53 la

68 il

Prof. 0,10-0,20 m
Uso 1

Uso 2

1.35 il

0.83 un

il 10,68

10.09 la

3.13 il

2,54 il

15.7 il

7,8 b

51 la

70 la

 

Analizzando la tabella 3, si osserva che entrambi il pH in H2O, come il pH in KCL, varia da 3,7 a 4,8 in entrambi gli usi e che vi è troppa variazione tra le profondità. Questi dati confermano il carattere estremamente acido di questo tipo di terreno presente nella regione amazzonica (EMBRAPA, 1999).

Tanti livelli di carbonio (C) come la materia organica (MO), appaiono in alta concentrazione, con uso di profondità 1 (fattoria) e riducendo con profondità utilizzando 2 (capoeira) (tabella 3). Questo contenuto più elevato di questi componenti, presenti sulla superficie (uso 2) è dovuto l'incorporazione di residui vegetali dal sistema agroforestale lì. Il mantenimento di livelli di sostanza organica del terreno è un fattore essenziale per la conservazione della fisica, chimica e produzione di piante in terreni tropicali (TISDALL; OMICIDE, 1982; ZECH et al., 1997).

I valori più alti di fosforo (P) (tabella 3) e la somma delle basi (SB) (tabella 3), sulla superficie stradale in entrambi gli utilizzi, può essere attribuita ai livelli elevati della sostanza organica in superficie a causa del naturale fertilizzazione (uso 2) o fertilizzazione successiva, che riflette l'effetto cumulativo dell'applicazione di fertilizzanti (uso 1). Questi risultati sono simili a quelli che Marques et al. (2004) osservati in studi simili effettuati nella regione di Manaus (Amazzonia).

I livelli di potassio (K) erano bassi in entrambi gli usi e con alcune variazioni in diminuzione di tutte le profondità. Tuttavia che il cambiamento non è considerato significativo. Risultati simili sono stati trovati anche per calcio (Ca). Magnesio (Mg) ha mostrato i livelli mediani in entrambi gli usi e in due strati più superficiali (0-5 e 5-10 cm), risultati bassi livelli nell'ultimo strato. Secondo Demattê (1988), dopo la cottura e l'introduzione di pratiche agricole, K i livelli aumentano, come può essere notato in questo studio (1), tuttavia, questo un aumento duraturo.

Alluminio (Al) offre elevati livelli di concentrazione in entrambi gli usi e a tutte le profondità. Solitamente di terreni con pH troppo basso, come è il caso di questo studio, suolo tossicità di alluminio e di conseguenza alta saturazione di alluminio (% m), alta somma di basi intercambiabili (% V), nonché basso efficace CTC. Entrambi utilizzano 1 solo, come utilizzare 2 valori moderati di CTC caratteristica. I valori di H + Al rivelano alcune differenze tra le forme e le profondità studiato. I livelli elevati sono stati osservati in terreni d'uso 2 (capoeira), che indica ancora una volta che questi sono molto acidi e caratteristica tossicità di Al, mostrando in questo modo, una grande restrizione sulla fertilità. Questi risultati sono in accordo con le osservazioni di Smith (1996) ha studiato la fertilità dei terreni nella regione amazzonica utilizzato per una produzione sostenibile.

In generale, è possibile affermare che l'utilizzo era più disponibilità di nutrienti 2 terreno per assorbimento della pianta. La gestione del suolo con copertura vegetale (capoeira) di cui alcuni cambiamenti nel terreno proprietà chimiche: ad esempio l'aumento del pH in H2O, la somma delle basi e fosforo disponibile, così come aumento dei livelli di materia organica e carbonio. È inoltre possibile controllare che cambiamenti nella vegetazione coprire, cioè la rimozione di capoeira di uso del suolo per l'agricoltura ha causato diminuzione nei livelli di C e MO, in cui queste variabili erano abbastanza vulnerabile alla coltivazione, principalmente, perché in genere sono più concentrati sullo strato più superficiale del suolo. Secondo Primavesi (1987), queste concentrazioni più basse di sostanze nutritive, ha presentati nei terreni utilizzati per coltivazioni agricole, sotto gli ecosistemi tropicali, sono dovuti a lisciviazione intensivo che si verifica in questi ambienti, così come il tipo di gestione dei dipendenti.

CONCLUSIONE

Secondo i risultati presentati nel corso di questo studio, si può concludere che i principali problemi esistenti nella zona ambientale della Comunità si concentrano su due aspetti principali: la mancanza di servizi e infrastrutture (soprattutto, la mancanza di servizi sanitari di base) e il degrado delle risorse naturali (riduzione delle risorse ittiche e forestali, deforestazione delle mangrovie, la produttività del suolo ridotta, ecc.).

In tale contesto, per contribuire alla riduzione e/o la mitigazione di tali problemi, si consiglia l'attuazione della gestione integrata di programmi/progetti, da provvedimenti mirati alla soluzione di questi problemi attraverso l'educazione, consapevolezza e pianificazione di molteplici interessi economici esistenti in quella zona. D'altra parte, questi consigli possono anche aiutare con il programma di gestione di Zone costiere dello stato, perché presenta alcune difficoltà nella sua attuazione. Tra le misure da adottare possono essere evidenziate:

  • Migliorare i servizi e le infrastrutture (acqua trattata, procedura di garbage collection, sistemi di trattamento delle acque reflue, miglioramenti nei servizi sanitari).
  • Generare nuove forme di lavoro e/o programmi nel contesto di sostenibilità socio-economica, come (i) stabilimento di raccolta spazzatura selettiva, puntato su riciclaggio e organico fertilizzante da compostaggio; (ii) sostenibile uso delle risorse naturali: pesci, granchi, foresta di mangrovie.
  • Incoraggiare e investire nella creazione di associazioni di comunità per rafforzare i settori economici locali, nonché a rafforzare la partecipazione politica nelle decisioni governative di interesse per la Comunità.
  • Sviluppare programmi educativi, orientati alla salute ambiente e famiglia, sottolineando l'importanza della preservazione e conservazione degli ecosistemi ci.
  • Stabilire una strategia di integrazione tra istituti di ricerca e la comunità locale, lo sviluppo di azioni per conseguire soluzioni ai conflitti e/o problemi derivanti dall'uso e la proprietà delle risorse naturali.

Sta a sottolineare che tali misure dovrebbero essere preso con urgenza, poiché gli impatti più umani, che si svolgono nella zona, ancora possono essere invertiti. Secondo figlio (2001), per ridurre la vulnerabilità e impatti nelle zone costiere, sui processi artificiali, è necessario il processo decisionale e azioni efficaci per porre rimedio o mitigare i problemi derivanti da questo processo, in cui le assegnazioni sono pubbliche sector (municipale, statale e federale), e d'altra parte deve esserci collaborazione consapevolezza e comunità lavorando insieme per realizzare queste azioni.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ADAMS, m. & MACEDO, r. studio delle impostazioni internazionali del Acarajó. Rapporto parziale. Betlemme: Signora, 2001.  86 p.

ALHEIROS, m. m. alcuni problemi ambientali costieri nella regione metropolitana di Recife. In: Simposio su processi sedimentari e problemi ambientali nella zona costiera a nord-est del Brasile, v. 1, 1995, Recife. Bollettino di sintesi. Recife: SBG NE core e BA/SE, 1995. p. 24-26.

AMERICAN PUBLIC HEALTH ASSOCIATION. Metodi standard per l'esame dell'acqua e delle acque reflue. Washington, D.C. 2004. Disponibile a: <http: www.satndard.methods.org/articles.cfm="">.</http:> Accesso a: 15 Apr. 2005.

BASTOS, d. g. & ALVES, Valutazione batteriologica b. d. t. dell'acqua utilizzato in apparecchiature odontoiatriche das clínicas UEFS. 2000. 62 f. Monografia-odontoiatria-Universidade Estadual de Feira de Santana, Feira de Santana. 2000.

BERGER, U.; GLASER, M.; KOCH, B.; KRAUSE, G.; LARA, R.; SAINT-PAUL, U.; SCHORIES, D.; WOLFF, M. Un approccio integrato alla dinamica di mangrovie e gestione. Giornale di conservazione costiera, v. 5, p. 125-134, 1999.

BILLÉ, r. & MERMET, gestione costiera integrata di l. a livello regionale: lezioni da Toliary, Madagascar. Ocean & Coastal Management, v. 45, n. 1, p. 41-58, 2002.

BOVOLATO, l. e. studio della vulnerabilità all'inquinamento delle acque sotterranee utilizzando la metodologia "Dio" per l'area urbana di Williams Lake. In: Brasiliano Simposio sulle risorse idriche. João Pessoa, v. 1, p. 393-393, 2005.

BARNES, B.; ROBERTO, MI.; CONEJO, J. L. G.; BARROS, M. T. L.; VERAS JÚNIOR, S. M.; PORTO, M. F. A.; NUCCI, N. L. R.; JAIN, N. M.; EIGER, s. Introduzione all'ingegneria ambientale. 2a ed. São Paulo: Prentice Hall, 2003. 305 p.

Brasile. Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria-ANVISA. Ordinanza n. 518, del 25 marzo 2004. San Paolo, 2004. Disponibile a: <http: e-legis.bvs.br/leisref/public/showact.php.="">letta: 02 apr</http:> 2006.

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 20 del 18 giugno 1986. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 274 del 29 novembre 2000. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Consiglio nazionale ambientale-CONAMA. Delibera n. 357 del 17 marzo 2005. Disponibile a: <http: mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 02 Apr. 2006.

Brasile. Brasiliano Agricultural Research Corporation-EMBRAPA. Centro di ricerca nazionale dei suoli. Manuale dei metodi di analisi del suolo. 2a edizione corrente. Rio de Janeiro, 1997. 212 p.

Brasile. Brasiliano Agricultural Research Corporation-EMBRAPA. Centro di ricerca nazionale dei suoli. Sistema brasiliano del suolo classificazione. Rio de Janeiro, 1999. 412 p.

Brasile. Istituto brasiliano di Municipal Administration-IBAM. Gestione integrata dei rifiuti solidi in Amazzonia. La metodologia e i risultati della sua applicazione. Ministero dell'ambiente. 2005. 73 p.

Brasile. Istituto nazionale di meteorologia-INMET. Valori climatologiche normali 1961-1990. Brasilia, 1992. 84 p.

Brasile. Ministero dell'ambiente-MMA. ARPA ha creato 9.000.000 ettari in piena protezione: Stop vince sei estrazione riserve, sulla costa, sull'isola di Marajó e nello stato del sud, 2005. Disponibile a: <http: www.mma.gov.br="">.</http:> Accesso a: 14 Feb. 2006.

Brasile. Ministero della salute. Sorveglianza sanitaria segreteria – SVS. Ispezione sanitaria in acqua/Ministero della salute. Sorveglianza sanitaria segreteria – Brasília, 2006. 84p. (Serie A-standards e manuali tecnici).

CANELLES, c. b. studio sulla coltura del riso in aree di mangrovie: il caso della comunità di Acarajó nel comune di Bragança. 2001. 41 f. Progetto finale-Federal University di Pará/NEISAF – Campus de Altamira, 2001.

CHAUVEL, A.; GRIMALDI, D.; TESSIER, d. cambiamenti nella distribuzione di spazio dei pori del suolo seguendo la deforestazione e rivegetazione: un esempio dal bacino centrale di Amazon, Brasile. Ecologia forestale e gestione, v. 38, p. 259-271, 1991.

CHI, C.; HUTCHINSON, N. M.; YU, L.; XU, n ° verso una costa sostenibile: un quadro di gestione integrata delle zone costiere per Shanghai, Repubblica popolare di Cina. Ocean & Coastal Management, v. 412 n. 44, p. 411-427, 2001.

CLARKE, R.; LAWRENCE, A. R.; FOSTER, s. s. d. acque sotterranee – minacciato il ricorso. Biblioteca di UNEP-ambientale, 1995. 15P.

IMPEGNO AZIENDALE AL RICICLAGGIO. Riciclo dei prodotti. Rio de Janeiro, n. 4, p. 1-8, 1995.

Conover, w. j. pratiche statistiche non parametriche. New York: John Wiley, 1971. 302 p.

COSTA, r. a. alla ricerca di una strategia di transizione verso la sostenibilità nel sistema ambientale della pesca artigianale. 2004. 310 f. Master tesi-Fundação Universidade Federal do Rio Grande, Rio Grande, 2004.

DAHDOU-GUEBAS, F.; MEGHI, J.; KOEDAM, n. utilizzazione dei prodotti di legno di mangrovia nei dintorni di Mida Creek (Kenya) tra sussistenza e gli utenti commerciali. Economico botanica, S.C., v. 54, n. 4, p. 513-527, 2000.

DEMATTÊ, j. l. i. dirigenti suoli acidi dei tropici umidi della regione amazzonica. Cargill Foundation, Campinas, 1988. 215 p.

DIEGUES, popolazioni umane a. c. e zone umide costiere: conservazione e gestione in Brasile. Ocean & Coastal Management, v. 42, n. 2-4, p. 187-210, 1999.

FAO. Agricoltura: verso il 2015/30. Relazione tecnica intermedia aprile 2000. Roma, Food and Agriculture Organization. 2001. Disponibile a: <http: www.fao.org/es/esd/at2015/="" chapter1.pdf="">.</ht[Geo-2-167]tp:> Accesso a: 14 giu. 2006.

FOELL, J.; HARRISON, E.; STIRRAT, r. l. partecipativo approcci alla gestione delle risorse naturali: il caso di gestione delle zone costiere nel quartiere di Puttalan. Sussex: Scuola di cucina africana e studi asiatici, Università di Sessex, 1999. (Riepilogo individuazione del DFID ha finanziato la ricerca progetto R6977).

GAMMAGE, S.; BENÍTEZ, M.; MACHADO, M. Un approccio di diritto per le sfide di mangrovie Mau in El Salvador. AMBIO, S, v. 31, n. 4, p. 285-294, 2002.

GLASER, m. interrelazioni tra ecosistema delle mangrovie, economia locale e sostenibilità sociale nell'estuario Caeté, Brasile settentrionale. Zone umide ecologia e gestione, v. 11, p. 265-272, 2003.

GLASER, M.; U. BERGER; MACEDO, r. vulnerabilità del sito come un vantaggio: gestione delle foreste di mangrovie nello stato di Pará, Brasile nord, in condizioni di illegalità. Cambiamento ambientale regionale, v. 3, n. 4, p. 162-172, 2003.

GREENWOOD, e. de la investigación metodologia sociale. Buenos Aires: Piados casa editrice, 1973. 126p.

GUIMARÃES, d. o. aspetti socio-ambientali della spiaggia Ajuruteua, Bragança-PA (Brasile): sussidi per la gestione integrata delle coste. 2005. 71 f.  Master tesi-Federal University di Pará, Campus de Bragança, 2005.

HENRY R. Le donne e le relazioni delle Comunità di pescatori di genere: il caso di Acarajó (Bragança, Pará). In: GLAZER, M.; CABRAL, N.; RIBEIRO, r., (org.). Persone, ambiente e ricerca: transdisciplinare in gestione di mangrovie. Betlemme: a/UFPA, 2005. p. 139-154.

IDESE, INDICE DI SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO. Disponibile a: <http: www.fee.tche.br="">.</http:> Accesso a: 16 mar. 2006.

JUNYENT, v. m. Percepció dels estétics ho mediambientals impatti de la regeneració de platges. 1999. 465 f. Tesi-Universitat de Barcelona. Espanya. 1999.

KATO, preparazione del terreno di m. r. s. Fire-free come un'alternativa all'agricoltura taglia e brucia nella regione bragantina, Amazon orientale: ritagliare fosforo e prestazioni dinamiche. 1988. 144 f. Tesi di dottorato dal titolo. Università Göttingen, 1988.

KATON, B. M.; POMEROY, S. R.; ANELLO, M.; GARCES, l. mangrovie riabilitazione e gestione delle risorse costiere progetto: Mabini-Candijay: uno studio finalizzato di accordi di co-gestione della pesca a Cogtong Bay, nelle Filippine. Progetto di co-gestione della pesca. ICLARM, Manila, Filippine. 1998. (Pesca Co-Management Research Project Working Paper 33).

KRAUSE, g. & GLASER, m. co-evoluzione dinamiche socio-economiche e geomorphical nel villaggio di pescatori costieri della regione Braganza (Pará, Brasile del Nord). Ocean & Coastal Management, v. 46, p. 859-874, 2003.

KRAUSE, G.; SCHORIES, D.; GLASER, m. e SHEKHAR, il pattern spaziali k. degli ecosistemi di mangrovie: mangrovie Bragantinian del Brasile settentrionale (Bragança, Pará). Ecotropica, v. 7, n. 1-2, p. 93-107, 2001.

KULLENBERG, G. contributi del settore marino e costiero ricerca e osservazioni verso lo sviluppo sostenibile delle grandi città costiere. Ocean & Coastal Management, v. 44, p. 283-291, 2001.

LEATHERMAN, p. s. spiaggia Voto: l'approccio metodologico. Giornale di ricerca costiera, v. 13, p. 253-258, 1997.

LIAO, I. C.; SU, S. M.; LEAÑO, m. e. stato della ricerca in valorizzazione magazzino e mare ranching. Recensioni in biologia dei pesci e la pesca, v. 13, p. 151-163, 2003.

MALAVOLTA e prodotto chimico agricolo:. manuale della fertilità di nutrizione e del suolo pianta. São Paulo, Ceres, 1976. 528 p.

MARQUES, J. D.; LANA, L. P.; TEIXEIRA, G. W.; RAHMAN, a. m. studio dei parametri fisici, chimici e acqua di un giallo Latosol, nella regione amazzonica. ACTA amazonica, v. 34, n. 2, p. 145-154. 2004.

MARTORANO, G. L.; FERNANDEZ, L. C.; CESAR, E. G. M.; PARKER, i. c. b. studi climatologici in stato di Pará, classificazione climatica e la carenza di acqua. Betlemme: SUDAM/EMBRAPA, SNLCS, 1993. 53 p.

MASERAL, O.; NAVIA, J.; ARIE, t. Linking analisi e intervento nei sistemi di fuelwood delle tre micro-regioni del Messico. Nel Congresso forestale mondiale, 11., 1997, Antalya, Turchia. Procedimento. V. 3, n. 16. Disponibile in:<http:// www.fao.org/montes/foda/wforcon/public/v3/t16e/8-5.htm#top.></http:// www.fao.org/montes/foda/wforcon/public/v3/t16e/8-5.htm#top.> >. Letta il 15 settembre. 2006.

MORGAN, R.; BURSALIOGLU, B.; HAPOGLU-PROIETTILI, L.; JONES, C. T.; OZHAN, E.; WILLIAMS, a. t. spiaggia utente opinioni e voti di spiaggia: studio pilota sulla costa turca dell'Egeo. MEDCOAST ' 95. Spagna, p. 373-383, 1995.

MORGAN, R.; JONES, C. T.; WILLIAMS, a. t. opinioni e percezione dell'Inghilterra e del Galles patrimonio Coasrt, Galles. Giornale di ricerca costiera, v. 9, p. 1083-1093, 1993.

Mota, s. preservazione e conservazione delle risorse idriche. 2. Ed. Rio de Janeiro: ABES, 1995. 200 p. disponibile a: <http: www.limeira.sp.gov.br="">.</http:> Accesso a: 22 maggio 2006.

PELCZAR JUNIOR, J. M.; CHAN E S. C.; KRIEG, r. n. Microbiologia delle acque naturali, acqua potabile e fognature. In: Microbiologia: concetti e applicazioni. 2. Ed. São Paulo: Makron Books, 1996. Cap. 29, p. 327-370.

PARSI, j. t. manuale di compostaggio: processo di basso costo. Belo Horizonte-MG: UNICEF-editore, 1996, p 56.

PEREIRA, L. C. C.; GUIMARÃES, D.; RIBEIRO, M. J. S.; COSTA, R. M.; SOUZA FILHO, p. w. m. uso e occupazione nel litorale di Bragança, Amazzonia brasiliana. Giornale di Coastal Research, SI, v. 50, 2007.

PEREIRA, L. C. C.; JIMÉNEZ, J. A.; MEDEIROS, C.; COSTA, R. M. L'influenza di stato ambientale di Casa Caiada nelle spiagge di Rio Doce (NE, Brasile) su spiagge utenti. Gestione delle zone costiere dell'oceano & v. 46, p. 1011-1030, 2003.

PEREIRA, L. C. C.; RIBEIRO, M. J. S.; GUIMARÃES, D.; SOUZA FILHO, P. W. M.; COSTA, R.M. forme di impiego e occupazione in Ajuruteua spiagge spiaggia-Pará (Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. Stampa, 2006a.

PEREIRA, L. C. C.; SOUZA FILHO, P. W. M., RIBEIRO, M. J. S.; PATEL, S. C. C.; NUNES, Z. M. P.; COSTA, r. m. dinamiche socio-ambientali a Vila dos Pescadores (Amazon orientale, Pará, Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. Stampa, 2006b.

PRIMAVESI, gestione del suolo ecologico a.. São Paulo: Nobel, 1987. 541 p.

PROISY, C.; -FIGLIOLO, P. W. M.; FROMARD, F.; Prost, m. t. r. c. e MENDES, a. c. monitoraggio la dinamica del Rio delle Amazzoni Costa (Pará, Brasile e Guyana Frech) mediante la metodologia cammon basata su un'analisi speciale accoppiato per simulare lo strumento. In: MANGROVE 2003, Salvador. Libro degli abstracts. v. 1, p. 459-459. 2003.

ROSA, L. N.; POMPEO, G. S. S.; BONAVENTURA, A. B.; AHMAD, S. L. F.; S. MODESTI, R.; RAO, A.F. caratterizzazione degli agricoltori che hanno distribuito agroforestali nel comune di Bragança. In: Annali del VI Congresso brasiliano di sistemi agroforestali. Dos Campos Goytacazes, RIO DE JANEIRO, 2006.  Abstract. (CD-ROM).

Salas, g. & FOLSTER, h. Bioelement perdita sulla cancellazione della foresta pluviale tropicale. Turrialba, Costa Rica, v. 26, p. 179-186, 1976.

SANCHEZ, p. a. proprietà e gestione dei suoli nei tropici. New York, John Wiley, 1976. p. 346-412.

SANCHEZ, p. a. fertilità del suolo e conservazione considerazioni per sistemi agro-forestali nelle zone tropicali dell'America Latina, In: MONGI, o. h. & HUXLEY, a. p., (eds). Ricerca di terreni in Agro-florestry. Nairobi, Kenya, Consiglio internazionale per la ricerca in Agro-Forestali, 1979. p. 79-124.

SANTOS, c. n. granchio: una questione di sopravvivenza nella comunità di Acarajó, Bragança-Stop. Bragança: a/UFPA, 1996, 57 p.

SÃO PAULO (stato). Società di tecnologia di sanificazione ambientale-CETESB. Coliformi totali e fecali. Determinazione in campioni di acqua da tecniche di filtro a membrana. NT. L5. 214. São Paulo, 1992.

SILVA JR, L. M.; MELO, V. S.; SCOTT, terreno di r. g. campionamento manuale per scopi di fertilità. Belém: Universidade federale rurale da Amazônia, 2006. 61 p.

SILVA, I. R.; PEREIRA L. C. C.; COSTA, r. m. uso e occupazione in una comunità di pescatori sulle rive dell'estuario del rio Caeté (Pará, Brasile). Ambiente e sviluppo, SI, v. 11. In press, 2006.

SILVA, t. e m. 2006. Crescita urbana e il problema dei rifiuti: sfide e dilemmi. Disponibile a: <http: www.posgrap.ufs.br/periodicos/pdf/art_soc_6_1.pdf="">.</http:> Letta il 20 giugno. 2006.

SMITH, fertilità del suolo t. j. gestione della produzione sostenibile di colture in Amazzonia. In: il terreno in vaste aree del Brasile e morfoclimáticos sviluppo sostenibile. Viçosa. Società brasiliana di suolo Scienze, p. 71-93, 1996.

SMITH, j. t. & BASTOS, j. b. cambiamenti nella fertilità di un álico giallo Latosol dalla combustione di vegetazione. Giornale brasiliano di scienza del suolo, v. 8, p. 127-132, 1984.

R. SOKAL, R.; F. J. ROHLF, biometria. I principi e la pratica della classificazione numerica nella ricerca biologica. San Francisco, California: w. h. Freemann, 1969. 776 p.

SHARMA, a. d. & TUNDISI, j. g. Hidrogeochemical studio comparativo del Jau e alligatore-Guaçu fiume bacini idrografici, São Paulo, Brasile. Giornale brasiliano di biologia, San Carlos, v. 60, n. 4, p. 563-570, 2000.

-Figliolo, p. w. m., naturali e artificiali influisce sulla pianura costiera di Braganza (NE), In: PROST, m. t. & MENDES, ecosistemi costieri a. c.: impatti e gestione ambientale. Bollettino del Museu Paraense Emílio Goeldi. Belém, 2001. p. 133-144.

STATSOFT, i n. c. STATISTICA (sistema di software di analisi di dati), versione 6. 2001.

STRICKLAND, J. D. H. & PARSONS, R. T. Il manuale pratico di analisi dell'acqua di mare. Fisheries Research Board del Canada. 2a ed. Ottawa; Bollettino, 167. 1972. 311 p.

TÊVES L. B. La dimensione socio-culturale della partecipazione di popoli in via di sviluppo comunitario: il ruolo del sistema del patrono-cliente nelle Filippine.  Entwicklungsethnologie, v. 9, n. 1, p. 43-59, 2000.

TISDALL, m. & omicide, materia organica m. j. e aggregati di acqua-stabile in terreni. Giornale di scienza del suolo, v. 33, p. 141-163, 1982.

Educazione ambientale di VALENTE, J. P. S. & GROSSI, g. m. l.: "casa nel Cestino". Brasilia, DF: Ministero del lavoro. FUNDACENTRO e UNESP, 1999. 86 p.

WALKER, i. amazzonica torrenti e piccoli fiumi. In: TUNDISI, J.G.; WEEVIL, C.E. M e MATSUMURA TUNDISI, t. (eds) limnologia in Brasile. Rio de Janeiro. Brasiliano Accademia delle scienze, p. 167-193, 1995.

ZC, W.; SENESI, N.; GUGGENBERGER, G.; KAISER, K.; LEHMAN, J.; QUESTA CANZONE, T. M.; MILTNER, A.; SCHROTH, G.. Fattori che controllano umificazione e mineralizzazione della sostanza organica del suolo nei tropici. Geoderma, v. 79, p. 117-161, 1997.

* 1 dollaro equivale a circa il real 2 (10/06/2007).

[1] Biologo. Dottore in medicina tropicale/malattie. Docente e ricercatore presso l'Università federale del Pará – UFPA. Ricercatore del programma laureato del Center for e-mail UFPA medicina tropicale: euzebio21@yahoo.com.br (autore corrispondente).

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here